La politicizzazione delle competenze dell’era di Covid significa che ora abbiamo medici che ci danno lezioni sul cambiamento climatico

Andresti da un geologo per una diagnosi di cancro? Ovviamente no. Allora perché dovremmo ascoltare 200 redattori di riviste mediche che pontificano sull’emergenza climatica? Il loro intervento nel dibattito è sgradito e inutile.
Quando 200 editori di riviste mediche pubblicano un editoriale congiunto apocalittico e fuorviante sui pericoli dell’aumento della temperatura, che il team editoriale del Wall Street Journal ha giustamente notato “potrebbe essere stato scritto da Greta Thunberg”, rivela che la politicizzazione delle competenze che abbiamo visto durante la pandemia di Covid è ormai senza limiti.

L’intervento degli editori di riviste mediche nel dibattito sul clima e il suo impatto sulla salute pubblica dovrebbe essere accolto con favore. Abbiamo sicuramente bisogno di una discussione più ampia. Ma quando un tale intervento riguarda più la politica che la scienza medica, nelle parole dell’equipaggio dell’Apollo 13, “Houston, abbiamo un problema”.

Il problema principale con queste riviste che si uniscono alla lobby del clima è che non lo fanno per provocare o far avanzare la scienza del cambiamento climatico. Si sono dimostrati tutt’altro che aperti al dibattito durante la crisi del Covid nel loro campo. Molti sono colpevoli di aver soppresso nelle loro pagine discussioni critiche durante la pandemia, dalle origini del virus, attraverso l’efficacia o meno delle mascherine e del distanziamento sociale, al costo dei lockdown.

Sono stati gli esperti medici che hanno mantenuto il monopolio sul concetto di verita’ – verità a cui ci si aspettava semplicemente che ci attenessimo.

Ora, incoraggiati dal loro nuovo status elevato – uno status che è in gran parte il risultato dell’incapacità dei politici di esercitare un giudizio sugli esperti durante la pandemia – sentono che è loro dovere andare oltre le loro competenze per alimentare la paura davanti alla conferenza sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite COP26 a novembre.

Come sottolinea il WSJ, ci sono molte affermazioni dubbie nell’editoriale congiunto, incluso il suggerimento che nessun aumento della temperatura è “sicuro” e che temperature più elevate sono collegate a terribili esiti per la salute. A sostegno di ciò, l’editoriale congiunto cita una recente meta-analisi del British Medical Journal di studi che esaminano i collegamenti tra condizioni meteorologiche estreme e salute. Non mostrano pero’ che la maggior parte di questi risultati non sono stati replicati e molti sono in conflitto. Nella migliore delle ipotesi, fornisce correlazioni che, come sanno anche gli scolari, non provano il nesso di causalità. Come commenta ironicamente il WSJ, “l’obesità è aumentata contemporaneamente alle temperature. Ciò non significa che il caldo faccia ingrassare le persone”.

In realtà, il freddo estremo uccide più persone ogni anno (1,3 milioni) del caldo estremo (356 000), secondo uno studio pubblicato su The Lancet il mese scorso. I decessi dovuti al freddo sono diminuiti con l’aumento dei tassi di popolazione, principalmente perché una parte maggiore della popolazione mondiale ha avuto più accesso al riscaldamento.

Come sottolinea il WSJ, “circa il 10% della popolazione mondiale attualmente non ha nemmeno l’elettricità e un terzo cucina ancora con stufe che utilizzano legna, carbone, scarti delle colture o sterco, che “uccidono milioni di persone ogni anno”. Se gli editori delle riviste mediche fossero sinceramente preoccupati per i risultati sulla salute, chiederebbero un maggiore uso dell’energia nucleare, che darebbe ai paesi più poveri l’accesso all’energia pulita e a buon mercato di cui hanno bisogno per combattere la povertà, che uccide più persone di ogni altra cosa.

Ma non si parla di energia nucleare. Perchè no? Perché questo sarebbe un potente contrappunto all’allarmismo climatico che vede nella limitazione dei consumi e nell’abbassamento delle aspirazioni di sviluppo l’unica soluzione a quella che tutti concordano è una catastrofe climatica provocata dall’uomo.

Ciò evidenzia semplicemente che questo intervento della professione medica ha poco a che fare con la lotta per una migliore salute pubblica. Si può solo supporre che la loro motivazione abbia più a che fare con il mostrare quanto bravi e preoccupati sono e l’opportunismo. Unendosi alla lobby del clima, stanno tentando di inserirsi in un dibattito in cui non hanno il diritto di rivendicare alcuna autorità.

E qui sta il vero pericolo. Sfruttando la politicizzazione delle competenze, la professione medica rischia ora di minare l’autorità della scienza e della conoscenza. Non serve un dottorato in sociologia per capire perché le teorie del complotto che affondano le radici nella diffidenza dei cosiddetti esperti crescono così come sono.

Andando oltre la loro competenza per aggiungere sostegno politico a un dibattito unilaterale e misantropico sui cambiamenti climatici, la professione medica rischia di diventare essa stessa una minaccia per la salute pubblica.

Fonte

614492ab85f54010ac13e493

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 17 settembre 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: