Alunno urla “Allahu Akbar” durante il tributo all’insegnante di francese decapitato da un jihadista

Il padre islamista minaccia di bruciare la scuola.

Un alunno di 11 anni ha urlato “Allahu Akbar” durante un tributo scolastico all’insegnante di francese Samuel Paty, che è stato decapitato da un jihadista, mentre suo padre islamista ha minacciato di bruciare la scuola.

La diversità continua ad essere un punto di forza.

Paty è stato ucciso l’anno scorso da un rifugiato ceceno per vendetta per aver mostrato vignette del profeta Maometto agli alunni di una classe sulla libertà di parola.

Durante un tributo a Paty presso la scuola media Jean-Zay nel dipartimento della Drôme, nel sud-est della Francia, lo studente ha urlato “Allahu Akbar”, che è un ritornello usato abitualmente dai jihadisti durante la commissione di attacchi terroristici.

Dopo che la scuola ha avvertito il bambino e informato suo padre, il padre ha iniziato a minacciare i membri dello staff, dicendo che sosteneva fermamente le azioni di suo figlio.

Poi si è presentato di persona alla scuola e ha minacciato di darla alle fiamme.

“La polizia è stata allertata e martedì ha preso in custodia il 43enne, che lavora come guardia di sicurezza”, riferisce Breitbart. “Durante una perquisizione della proprietà dell’uomo, il pubblico ministero ha rivelato che sono state scoperte diverse armi, tra cui una spada, e letteratura radicale salafita islamica”.

Dopo la decapitazione di Paty, l’ambasciatore francese in Svezia Etienne de Gonneville ha dichiarato all’emittente televisiva SVT: “La Francia è un paese musulmano”.

Un sondaggio successivo ha rilevato che il 79% dei francesi credeva che l’islamismo avesse “dichiarato guerra” al paese.

Le elezioni presidenziali francesi si terranno il prossimo aprile, con il critico della migrazione di massa Eric Zemmour che si muove entro 5 punti percentuali da Emmanuel Macron.

Zemmour ha chiesto che le famigerate zone proibite del ghetto islamico della Francia, che sono abitualmente teatro di violenze e rivolte di massa, siano “riconquistate con la forza”.

All’inizio di questo mese, il politico conservatore Gilles Plaret è stato aggredito dai membri del suo stesso partito e denunciato alle autorità dopo aver affermato che i francesi venivano “ripuliti etnicamente” dai migranti.

Anche il candidato alla presidenza conservatore Xavier Bertrand ha recentemente avvertito che il paese corre il rischio di una “guerra civile” a causa dei suoi problemi con la violenza delle bande e l’immigrazione di massa incontrollata.

Fonte

211021paty1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 21 ottobre 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: