Antidepressivo economico riduce i ricoveri per COVID-19 di oltre il 30%

Secondo uno studio pubblicato su The Lancet Global Health, è stato scoperto che un farmaco antidepressivo poco costoso riduce di oltre il 30% il rischio di ospedalizzazione negli adulti ad alto rischio recentemente diagnosticati con COVID-19.

Lo studio, intitolato “Effect of early treatment with fluvoxamine on risk of emergency care and hospitalisation among patients with COVID-19: the TOGETHER randomised, platform clinical trial”, è stato pubblicato il 27 ottobre.

La fluvoxamina è un farmaco approvato dalla FDA che appartiene a un gruppo di farmaci noti come inibitori della ricaptazione della serotonina (SSRI).

Funziona aumentando l’attività della serotonina, un ormone chiave che stabilizza l’umore e le sensazioni di benessere di un individuo, nel cervello ed è tipicamente usato per trattare il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) e la depressione, secondo il National Institutes of Health (NIH).

Si pensa anche che il farmaco abbia la capacità di ridurre l’infiammazione, sebbene siano necessari ulteriori studi per determinarlo.

I ricercatori brasiliani hanno analizzato 1.497 adulti brasiliani sintomatici ad alto rischio confermati positivi per SARS-CoV-2, inclusi pazienti di 11 centri clinici in tutto il paese con un noto fattore di rischio per la progressione verso la malattia grave.

Dei quasi 1.500 pazienti, a 741 pazienti sono stati prescritti 100 mg di fluvoxamina due volte al giorno per 10 giorni e a 756 è stato somministrato un placebo.

Di quei partecipanti a cui è stato somministrato il farmaco, 79 (11 percento) hanno dovuto essere ricoverati in ospedale per cure mediche rispetto a 119 (16 percento) nel gruppo placebo.

I ricercatori hanno affermato che la loro analisi ha mostrato che il farmaco riduce complessivamente il rischio di ospedalizzazione del 32%. Solo un paziente è morto durante l’assunzione di fluvoxamina, rispetto ai 12 che sono morti durante il placebo.

Un corso di 10 giorni di fluvoxamina costa circa $ 4, hanno detto i ricercatori.

“Il trattamento con fluvoxamina (100 mg due volte al giorno per 10 giorni) tra i pazienti ambulatoriali ad alto rischio con diagnosi precoce di COVID-19 ha ridotto la necessità di ricovero in ospedale definito come permanenza in un contesto di emergenza COVID-19 o trasferimento in un ospedale terziario”, hanno scritto i ricercatori.

Lo studio ha rilevato che 84 partecipanti hanno interrotto l’assunzione di fluvoxamina e 64 partecipanti hanno interrotto l’assunzione del placebo a causa di problemi di tollerabilità. La fluvoxamina può avere effetti collaterali che includono nausea, diarrea, indigestione, insonnia e sonnolenza.

“Data la sicurezza, la tollerabilità, la facilità d’uso, il basso costo e la disponibilità diffusa della fluvoxamina, questi risultati potrebbero influenzare le linee guida nazionali e internazionali sulla gestione clinica di COVID-19”, hanno scritto i ricercatori.

“La fluvoxamina è ampiamente disponibile ma non è nell’elenco dei medicinali essenziali dell’OMS, mentre un SSRI strettamente correlato, la fluoxetina, è nell’elenco. Ora è fondamentale stabilire se esiste un effetto di classe e se questi farmaci possono essere usati in modo intercambiabile per COVID-19”, hanno aggiunto i ricercatori.

I ricercatori hanno anche notato che lo studio si è concentrato principalmente su pazienti non vaccinati e che sono necessari ulteriori studi per stabilire gli effetti del farmaco tra le popolazioni vaccinate.

I ricercatori hanno condiviso i loro risultati con NIH, che pubblica linee guida per il trattamento, e sperano in una raccomandazione dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), secondo quanto riportato da US News & World Report.

Fonte

gettyimages-3123228-700x420-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 29 ottobre 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: