I funzionari del NIH hanno permesso all’EcoHealth Alliance di auto-gestire i controlli degli esperimenti sul guadagno di funzione a Wuhan

Una serie di comunicazioni appena rilasciate rivela che il National Institutes of Health (NIH) ha permesso alla società di ingegneria genetica senza scopo di lucro EcoHealth Alliance di gestire i controlli delle rischiose ricerche sui pipistrelli a Wuhan, in Cina.

Secondo i documenti FOIA ottenuti da WhiteCoatWaste, The Intercept e House Energy & Commerce Committee, i funzionari del NIH erano preoccupati per la rischiosa ricerca condotta presso l’Istituto di virologia di Wuhan su sovvenzione degli Stati Uniti.

Come osserva The Intercept:

Note dettagliate sulle comunicazioni NIH ottenute da The Intercept mostrano che a partire da maggio 2016, il personale dell’agenzia ha avuto uno scambio insolito con Peter Daszak, il capo di EcoHealth Alliance, sugli esperimenti che il suo gruppo stava pianificando di condurre sui coronavirus nell’ambito di una sovvenzione NIH chiamata “Understanding the Risk of Bat Coronavirus Emergence.”. Gli appunti sono stati presi dal personale del Congresso che ha trascritto le e-mail.

EcoHealth stava entrando nel terzo anno della sovvenzione quinquennale di 3,1 milioni di dollari che includeva la ricerca con l’Istituto di virologia di Wuhan e altri partner. In un rapporto sui progressi del 2016, il gruppo ha descritto al NIH i suoi piani per condurre due esperimenti pianificati per infettare topi umanizzati con virus ibridi, noti come “chimere”.

I membri dello staff del NIH Jenny Greer – uno specialista di gestione delle sovvenzioni, ed Erik Stemmy – un responsabile del programma sulla ricerca COVID, hanno entrambi espresso preoccupazione per gli esperimenti rischiosi – dicendo a EcoHealth che i loro esperimenti “sembrano coinvolgere una ricerca vietata”, riferendosi a una moratoria dell’era Obama sulla ricerca sul guadagno di funzione che si potrebbe ragionevolmente presumere per rendere i virus MERS e SARS più trasmissibili nei mammiferi.

Uno degli esperimenti di EcoHealth prevedeva l’utilizzo dell’ingegneria genetica per creare virus MERS chimerici, mentre un altro esperimento utilizzava chimere derivate ​​da virus dei pipistrelli correlati alla SARS. Secondo il rapporto, i ricercatori hanno infettato topi umanizzati con i virus alterati.

In modo preoccupante, dopo che i due membri dello staff NIH hanno espresso preoccupazione per la ricerca sul guadagno di funzione, l’agenzia ha permesso a EcoHealth di formulare la propria definizione di GoF, esonerandosi dal fare ricerche “rischiose”. Il NIH ha inserito diversi requisiti oscuri suggeriti da EcoHealth che hanno spostato i pali di ciò che costituisce la ricerca sul guadagno di funzione.

Degno di nota, The Intercept scrive che mentre gli esperimenti dimostrano una mancanza di supervisione e presentano pericoli per la salute pubblica, “nessuno dei virus coinvolti nel lavoro è correlato abbastanza da vicino a SARS-CoV-2 da aver scatenato la pandemia”, secondo diversi scienziati contattati dall’outlet.

Nel dicembre 2017, la ricerca sul guadagno di funzione è ripresa, a condizione che aderisca alla nuova “Cura e supervisione dei patogeni pandemici potenziali” o P3CO. Detto questo, il linguaggio creato dal CEO di EcoHealth Peter Daszak ha aiutato l’organizzazione non profit a eludere ancora una volta la supervisione.

Nel luglio 2018, i funzionari del programma NIAID hanno deciso che gli esperimenti sui topi umanizzati – che erano stati condotti alcuni mesi prima – avrebbero ottenuto il via libera a condizione che l’EcoHealth Alliance avesse immediatamente informato i funzionari dell’agenzia appropriata in base alle circostanze che il gruppo aveva stabilito.

Sebbene non sia insolito per i beneficiari comunicare con i loro funzionari del programma federale, la negoziazione di questa questione non rifletteva adeguatamente la gravità della situazione, secondo Jesse Bloom, virologo presso il Fred Hutchinson Cancer Research Center. “Le discussioni rivelano che nessuna delle parti sta prendendo i rischi sufficientemente sul serio”, ha affermato Bloom. “MERS-CoV ha ucciso centinaia di persone e si pensa che rappresenti un rischio di pandemia, quindi è difficile vedere come anche le chimere di MERS-CoV con altri coronavirus di pipistrello ad alto rischio non dovrebbero essere considerate un rischio di pandemia”. –The Intercept

“È assolutamente scandaloso”, ha detto il virologo del Pasteur Institute, Simon Wain-Hobson. “Il NIH si sta facendo in quattro per aiutare le persone che ha finanziato. Non è chiaro che il NIH dovrebbe proteggere i contribuenti statunitensi”.

Semantica

In una risposta dell’8 giugno 2016 alle preoccupazioni del NIH, Daszak ha scritto che poiché i virus chimerici proposti da EcoHealth erano “significativamente diversi” dalla SARS, gli esperimenti non erano considerati guadagno di funzione e non dovevano essere limitati.

Ha scritto che WIV1, il genitore del proposto virus chimerico basato sulla SARS, “non ha mai dimostrato di infettare gli esseri umani o causare malattie umane”, aggiungendo che la ricerca precedente “suggerisce fortemente che i virus chimerici di pipistrello non avrebbero dovuto essere potenziati”.

Inoltre, Daszak “ha dato al suo gruppo una via d’uscita”, secondo il rapporto.

Se i virus ricombinanti crescessero più rapidamente dei virus originali su cui si basavano, ha suggerito, EcoHealth Alliance e i suoi collaboratori avrebbero immediatamente interrotto la sua ricerca e informato il loro responsabile del programma NIAID. Nello specifico, ha suggerito una soglia oltre la quale i suoi ricercatori non sarebbero andati: se le nuove chimere SARS o MERS mostrassero prove di una crescita del virus maggiore di 1 log (o 10 volte) rispetto ai virus originali e crescessero in modo più efficiente nelle cellule polmonari umane, lo scienziato interromperebbe immediatamente i loro esperimenti con i virus mutanti e informerebbe il suo responsabile del programma NIAID. –The Intercept

Il NIH l’ha accettato a prima vista – con Greer e Stemmy che l’hanno formalmente accettato in una lettera del 7 luglio in cui si osservava che “non era ragionevolmente previsto” che i virus chimerici “avessero una maggiore patogenicità e/o trasmissibilità nei mammiferi attraverso la via respiratoria”.

Secondo il virologo Jesse Bloom, l’argomento di EcoHealth secondo cui la loro ricerca non rappresentava un rischio di infezione è in contraddizione con la loro giustificazione per il lavoro.

“L’intera logica del rinnovo della sovvenzione di EcoHealth sui CoV correlati alla SARS è che i virus con picchi sostanzialmente (10-25%) divergenti da SARS-CoV-1 rappresentano un rischio di pandemia”, ha affermato Bloom. “Dato che questa è l’intera logica del lavoro, come possono sostenere contemporaneamente che questi virus non dovrebbero essere regolati come potenziali patogeni pandemici?”

Interessato anche all’ultima versione è l’House Committee on Energy and Commerce, che ha scritto una lettera al direttore del NIH Francis Collins in cerca di risposte.

Riassumendo i punti chiave è l’utente Twitter @gdemaneuf, con l’intera lettera incorporata di seguito.

Fonte

daszak-2_0

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 5 novembre 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: