Il piano della classe dirigente per cambiare ciò che mangi

Derivato dai menu ambientalmente insostenibili offerti ai miliardari attenti al clima alla COP26, l’ultima tendenza nel senso di “food guilt” – e’ quella di controllare l'”impronta di carbonio alimentare”.
Il cibo non mostrera’ piu’ solo le calorie, secondo The Telegraph, ma la quantita` di carbonio utilizzata per produrre tale cibo.

Presumibilmente ispirato ai menu della conferenza sul clima COP26, in cui tutti i pasti erano accompagnati dalla loro impronta di carbonio sui menu dei partecipanti, il piano sembrerebbe una rivisitazione posh del vecchio detto “sei ciò che mangi”. Tuttavia, per coloro che cercano di farsi strada verso la compatibilità ambientale, diversi attivisti ambientali hanno notato che i pasti “sostenibili” dati in “pasto” ai padroni dell’universo (climatico) comportano l’emissione di più di tre volte l'”impronta alimentare di carbonio” media che residenti del pianeta dovrebbero rispettare per prevenire la catastrofe climatica.

Persino gli organizzatori del menu hanno notato che la persona media dovrebbe ridurre la propria “impronta alimentare” a 0,5 kg di anidride carbonica per raggiungere gli obiettivi dell’accordo sul clima di Parigi del 2015. Forse il loro menu dissoluto in termini di carbonio, che includeva un piatto di haggis che superava di sette volte l’impronta alimentare desiderabilmente media, era un astuto colpo ai governi stessi, la maggior parte dei quali sono considerevolmente indietro riguardo le promesse di ridurre l’impronta di carbonio che hanno fatto sei anni fa .

Tuttavia, un po’ di ipocrisia non ha mai ostacolato una buona truffa, e si potrebbe fare di peggio che puntare sulla “Food Guilt” di un paese dove quasi i due terzi della popolazione adulta è in sovrappeso e più della metà vuole perdere peso . Se il desiderio di entrare in quei vecchi pantaloni non è abbastanza per motivare una persona ad alzarsi dal divano in cui si trova, salvare il pianeta sarebbe una motivazione piu’ forte?

Tuttavia, voler perdere peso e agire per farlo sono notoriamente molto distanti nello spettro della realtà. I fast food americani hanno richiesto per anni che i conteggi delle calorie fossero inseriti nei loro menu, una caratteristica che gli individui attenti al peso presumibilmente desideravano. Potrebbero averlo davvero voluto, ma a parte un breve barlume di novità, i numeri sono passati in secondo piano. Oltre il danno la beffa, il pubblico di destinazione è ingrassato. Dopotutto, chi va da McDonald’s con l’intento di mangiare sano?

In effetti, la pubblicazione dei conteggi di carbonio accanto agli alimenti potrebbe persino ritorcersi contro. Nessuno va consapevolmente da Burger King con l’idea di fare la propria parte per combattere la crisi climatica; di fronte a quella che probabilmente sarà una serie di numeri intimidatori sul menu, cosa fermera` il consumatore medio nell’annegare semplicemente la propria colpa in una bibita super-size o in un altra porzione di patatine fritte?

Incoraggiando lo stesso tipo di senso di colpa che tormenta i contacalorie, The Telegraph ha presentato una serie esauriente di scelte alimentari progettate per far sì che il lettore abbia bisogno di rileggere il paragrafo per assicurarsi di non aver capito male. Pensi di essere virtuoso versando il latte di mandorla nel caffè anziché metà e metà? Ripensaci: coltivare mandorle consuma una quantità ridicola di acqua. Anche un’insalata di frutta è sospetta, sostiene l’outlet, istruendo il lettore a “acquistare localmente se puoi, e in stagione” – un buon consiglio, certamente, ma dove trova la persona media il tempo per ricercare la stagionalità della propria anguria? E la carne è un campo minato morale: sarebbe bene non andare dal macellaio.

Se la Food Police realizza il suo desiderio e rende obbligatorie le etichette di carbonio – un obiettivo che il Telegraph insiste, tutti vogliono raggiungere- le loro attività non si limiteranno nemmeno al monitoraggio delle impronte di carbonio. Il segretario alla salute del Regno Unito, Sajid Javid, ha rivelato una nuova app ambiziosa (e contro la privacy) volta ad “aiutare le persone ad apportare cambiamenti positivi alla loro dieta e attività fisica”.

Attraverso dispositivi indossati al polso simili a Halo di Amazon, i britannici riceveranno consigli sanitari personalizzati da un’azienda con cui il governo sta lavorando. Questi non solo includeranno premi per mangiare più frutta e verdura, ma incoraggeranno a ridurre le dimensioni delle porzioni e persino a fare esercizio.

Come si è visto durante il lancio del vaccino contro il Covid-19, le persone possono essere facilmente incentivate a rinunciare alla propria privacy o integrità fisica per $ 100 o un pass gratuito per la metropolitana.

Fonte

6189441385f5401f2a37ff31

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 9 novembre 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: