L’ultima “soluzione” di Al Gore per i cambiamenti climatici è la sorveglianza di massa

Nel frattempo, una nuova ricerca rileva che le impronte di carbonio dell’1% più ricco, sono sulla buona strada per essere 30 volte più grandi della dimensione limite per evitare che il riscaldamento globale faccia alzare le temperature di 1,5°C

Parlando dal raduno dei proprietari di jet privati ​​e super yacht, altrimenti noto come il vertice COP 26, Al Gore ha propagandato la sua ultima soluzione per ridurre le emissioni di carbonio, la sorveglianza di massa tramite satelliti, sensori e intelligenza artificiale.

Nell’intervista con Andrea Mitchell di MSNBC, Gore ha dichiarato che la tecnologia creata dalla cosiddetta coalizione Climate TRACE monitorerà le emissioni di gas serra ed eliminerà i colpevoli.

“Otteniamo dati in modo coerente da 300 satelliti esistenti, più di 11.000 sensori terrestri, aerei e marittimi, più flussi di dati Internet e utilizzando l’intelligenza artificiale”, ha spiegato Gore, aggiungendo “Tutte queste informazioni sono combinate e ora possiamo determinare con precisione da dove provengono le emissioni di gas serra”.

Gore, che nel 2008 aveva affermato che non sarebbero rimaste calotte polari entro cinque anni, ha continuato: “E l’anno prossimo potremo vedere le emissioni di ogni singola centrale elettrica, raffineria, ogni grande nave, ogni aereo, ogni discarica e avremo le identità delle persone responsabili di ciascuno di questi flussi di emissioni di gas serra”.

E cosa, accadrà a questi criminali climatici, Al?

“Se investitori o governi o attivisti della società civile vogliono ritenerli responsabili, avranno le informazioni su cui basare la loro azione”, ha proclamato Gore.

Guarda:

Ciò che Gore e i suoi 300 satelliti scopriranno è che è l’élite super ricca a essere la maggior inquinatrice del mondo.

Una nuova ricerca dell’Institute for European Environmental Policy (IEEP) e dello Stockholm Environment Institute (SEI) ha scoperto che entro il 2030, le impronte di carbonio dell’1% più ricco dell’umanità sono sulla buona strada per essere 30 volte più grandi della dimensione compatibile con la limitazione del riscaldamento globale a 1,5°C entro la fine del secolo, l’obiettivo climatico più ambizioso dell’accordo di Parigi.

Il rapporto rileva che se le tendenze attuali dovessero continuare, l’1% più ricco rappresenterà il 16% delle emissioni globali di CO2 nel 2030.

Il documento osserva che “Guidano sempre più l’estensione della disuguaglianza globale e probabilmente hanno un impatto maggiore sull’accettabilità politica e sociale degli sforzi nazionali di riduzione delle emissioni”, aggiungendo “È quindi degno di nota che in tutti i principali paesi emettitori, i più ricchi, a livello nazionale sono destinati ad avere impronte di carbonio sostanzialmente al di sopra del livello globale pro capite di 1,5°C”.

“Le emissioni di un singolo volo spaziale miliardario supererebbero le emissioni totali di qualcuno nel miliardo di persone più povere sulla Terra”, ha affermato Nafkote Dabi, responsabile della politica climatica di Oxfam, in un’ulteriore dichiarazione.

Dabi ha aggiunto che “Una piccola élite sembra avere un pass gratuito per inquinare. Le loro emissioni stanno alimentando condizioni meteorologiche estreme in tutto il mondo e mettendo a repentaglio l’obiettivo internazionale di limitare il riscaldamento globale”.

“Le emissioni del 10% più ricco da sole potrebbero spingerci oltre il limite concordato nei prossimi nove anni”, continua Dabi, esortando che “Questo avrebbe risultati catastrofici per alcune delle persone più vulnerabili sulla Terra che stanno già affrontando tempeste mortali, fame e miseria”.

Come abbiamo notato la scorsa settimana, il vertice sul clima della COP ha attirato dignitari d’élite su oltre 400 jet privati, con stime prudenti che suggeriscono che ciò equivarrà a 13.000 tonnellate di anidride carbonica.

Gente come Jeff Bezos, Bill Gates e il principe Carlo, che vivono la loro vita su jet privati, super yacht e voli spaziali, hanno tenuto conferenze al resto del mondo sulle loro impronte di carbonio.

Sono in giro per il pianeta per incontrarsi, rimpinzarsi di carne di cervo di prima qualità e bistecche di manzo, mentre dicono a tutti gli altri di stare zitti, stare a casa e mangiare insetti

Fonte

al-gore-msnbc-man-bear-pig.png-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 9 novembre 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: