Il Metaverso è il Grande Fratello travestito

Il termine metaverso, come il termine meritocrazia, è stato coniato in un romanzo distopico di fantascienza scritto come racconto ammonitore. Poi i tecnici hanno preso il metaverso e i tecnocrati hanno preso la meritocrazia e hanno adottato con entusiasmo ciò che doveva ispirare l’orrore”.

  • Antonio García Martínez

Benvenuti in Matrix (ovvero il metaverso), dove la realtà è virtuale, la libertà è tale entro i limiti imposti dai tecnocrati e l’intelligenza artificiale sta lentamente rendendo l’umanità non necessaria, inferiore e obsoleta.

Mark Zuckerberg, CEO di Facebook, vede questo universo digitale, il metaverso, come il prossimo passo nella nostra trasformazione evolutiva da una società guidata dall’uomo a una tecnologica.

Eppure, mentre la visione di Zuckerberg per questa frontiera digitale è stata accolta con un certo grado di scetticismo, la verità, come conclude il giornalista Antonio García Martínez, è che stiamo già vivendo nel metaverso.

Il metaverso è, a sua volta, una meritocrazia distopica, in cui la libertà è un costrutto condizionale basato sulla propria dignità e conformità.

In una meritocrazia, i diritti sono privilegi, concessi a chi li ha guadagnati. Non ci può essere tolleranza per l’indipendenza o l’individualità in una meritocrazia, dove il politicamente corretto è formalizzato, legalizzato e istituzionalizzato. Allo stesso modo, non può esserci vera libertà quando la capacità di esprimersi, muoversi, impegnarsi nel commercio e funzionare nella società è basata sulla misura in cui si è disposti ad “adattarsi”.

Siamo quasi a quella fase ora.

Considera che nel nostro attuale mondo di virtù, dove il fascismo si traveste da tolleranza, l’unico modo per godere anche solo di una parvenza di libertà è scegliere di censurarsi volontariamente, conformarsi e marciare di pari passo con qualsiasi punto di vista prevalente domini.

Se non lo fai – osando sposare idee “pericolose” o sostenere movimenti politici impopolari – ti ritroverai escluso dal commercio, dal lavoro e dalla società: Facebook ti bandirà, Twitter ti chiuderà l’account, Instagram ti deplatformera’ e il tuo datore di lavoro ti dara’ un ultimatum che ti costringera` a scegliere tra le tue cosiddette libertà e la sopravvivenza economica.

Questo è esattamente il modo in cui l’America corporativa intende prepararci per un mondo in cui “noi il popolo” siamo automi sconsiderati, privi di spina dorsale e servilmente obbedienti, schiavi di un Deep State controllato da algoritmi informatici.

La fantascienza è diventata realtà.

Vent’anni dopo che l’iconico film dei Wachowski, The Matrix, ci ha introdotto in un mondo futuristico in cui gli esseri umani esistono in una non-realtà simulata al computer alimentata da macchine autoritarie, un mondo in cui la scelta tra esistere in una negazione virtuale stato da sogno o affrontare le dure e difficili realtà della vita si riduce a una pillola blu o una pillola rossa: ci troviamo sul precipizio di una matrice tecnologicamente dominata da noi stessi.

Stiamo vivendo il prequel di Matrix ogni giorno che passa, cadendo sempre più sotto l’incantesimo di comunità virtuali guidate dalla tecnologia, realtà virtuali e comodità virtuali gestite da macchine artificialmente intelligenti che sono sulla buona strada per sostituire gli esseri umani e alla fine dominare ogni aspetto delle nostre vite.

In Matrix, il programmatore di computer Thomas Anderson a.k.a. l’hacker Neo viene svegliato dal sonno virtuale da Morpheus, un combattente per la libertà che cerca di liberare l’umanità da uno stato di ibernazione permanente imposto da macchine iper-avanzate che si affidano agli umani come fonte di energia organica. Con le loro menti collegate a una realtà virtuale perfettamente realizzata, pochi umani si rendono conto di vivere in un mondo di sogni artificiali.

A Neo viene data una scelta: prendere la pillola rossa, svegliarsi e unirsi alla resistenza, o prendere la pillola blu, rimanere addormentato e servire da foraggio per i poteri forti.

La maggior parte delle persone opta per la pillola blu.

Nel nostro caso, la pillola blu – un biglietto di sola andata per l’ergastolo in un campo di concentramento elettronico – è stata rivestita di miele per nascondere il retrogusto amaro, venduta in nome dell’espediente e consegnata tramite Internet, i telefoni cellulari che non interrompono mai una chiamata, termostati che ci mantengono alla temperatura perfetta senza che dobbiamo alzare un dito e intrattenimento che può essere trasmesso in streaming contemporaneamente su TV, tablet e telefoni cellulari.

Eppure non siamo semplicemente schiavi di queste tecnologie che avevano lo scopo di semplificarci la vita. Siamo stati schiavizzati da loro.

Guardati intorno. Ovunque ti giri, le persone sono così dipendenti dai loro dispositivi con schermo connesso a Internet (smartphone, tablet, computer, televisori) che possono passare ore intere sommerse in un mondo virtuale in cui l’interazione umana è filtrata attraverso il mezzo della tecnologia.

Questa non è libertà. Questo non è nemmeno progresso.

Questa è tirannia tecnologica e controllo forniti dallo stato di sorveglianza, dei giganti aziendali come Google e Facebook e agenzie di spionaggio governative come la National Security Agency.

Siamo così consumati dall’usare tutte le ultime tecnologie che abbiamo risparmiato a malapena un pensiero per le ramificazioni del nostro incurante, inciampare a capofitto verso un mondo in cui la nostra misera dipendenza da gadget e aggeggi connessi a Internet ci sta preparando per un futuro in cui la libertà è un’illusione.

Eppure non è solo la libertà a essere in bilico. L’umanità stessa è in gioco.

Se mai l’Occidente cadra’ completamente schiavo di tiranni tecnologici, dovremo biasimare solo noi stessi a causa della nostra stessa stanchezza, pigrizia e abietto affidamento a gadget e aggeggi connessi a Internet che ci rendono del tutto irrilevanti.

In effetti, ci stiamo rapidamente avvicinando alla visione del futuro di Philip K. Dick rappresentata nel film Minority Report. Lì, le agenzie di polizia arrestano i criminali prima che possano commettere un crimine, le auto senza conducente popolano le autostrade e i dati biometrici di una persona vengono costantemente scansionati e utilizzati per tracciare i loro movimenti, indirizzarli alla pubblicità e tenerli sotto sorveglianza perpetua.

Indica l’alba dell’era dell’Internet of Things (IoT), in cui le “cose” connesse a Internet monitorano la tua casa, la tua salute e le tue abitudini per mantenere la tua dispensa rifornita, le tue utenze regolamentate e la tua vita sotto controllo e relativamente senza preoccupazioni.

La parola chiave qui, tuttavia, è controllo.

In un futuro non troppo lontano, “quasi tutti i dispositivi che possiedi, e anche prodotti come le sedie, in cui normalmente non ti aspetti di vedere la tecnologia, saranno collegati e parleranno tra loro”.

Entro la fine del 2018, “si stima che in tutto il mondo fossero in uso 22 miliardi di dispositivi connessi tra loro nell’Internet delle cose… Le previsioni suggeriscono che entro il 2030 circa 50 miliardi di questi dispositivi IoT saranno in uso in tutto il mondo, creando un’enorme rete di dispositivi che spaziano dagli smartphone agli elettrodomestici da cucina”.

Poiché le tecnologie che alimentano questi dispositivi sono diventate sempre più sofisticate, sono diventate anche sempre più diffuse, comprendendo di tutto, da spazzolini da denti e lampadine a automobili, contatori intelligenti e apparecchiature mediche.

Si stima che ogni secondo siano connessi al web 127 nuovi dispositivi IoT.

Questa industria “connessa” è diventata la prossima grande trasformazione della società, proprio come fu la rivoluzione industriale, un momento spartiacque nella tecnologia e nella cultura.

Tra auto senza conducente completamente prive di volante, acceleratore o pedale del freno e pillole intelligenti integrate con chip di computer, sensori, telecamere e robot, siamo pronti a superare l’immaginazione di scrittori di fantascienza come Philip K. Dick e Isaac Asimov . (A proposito, non esiste un’auto senza conducente. Qualcuno o qualcosa ti guiderà, ma non sarai tu.)

Questi gadget tecnologici connessi a Internet includono lampadine intelligenti che scoraggiano i ladri facendo sembrare la tua casa occupata, termostati intelligenti che regolano la temperatura della tua casa in base alle tue attività e campanelli intelligenti che ti consentono di vedere chi è alla porta di casa senza lasciare la comodità del tuo divano.

Nest, la suite di prodotti per la casa intelligente di Google, è stata in prima linea nel settore “connesso”, con comodità tecnologicamente avanzate come una serratura intelligente che dice al tuo termostato chi è a casa, quali temperature sono considerate gradevoli e quando la tua casa non è occupata; un sistema di servizi telefonici di casa che interagisce con i tuoi dispositivi connessi per “imparare quando vai e vieni” e avvisarti se i tuoi figli non tornano a casa; e un sistema per il sonno che monitorerà quando ti addormenti, quando ti svegli e manterrà i rumori e la temperatura della casa in uno stato favorevole al sonno.

L’obiettivo di questi dispositivi connessi a Internet, come proclama Nest, è rendere “la tua casa una casa più premurosa e consapevole”. Ad esempio, la tua auto può segnalare in anticipo che stai tornando a casa, mentre le luci Hue possono lampeggiare per attirare la tua attenzione se Nest Protect rileva che qualcosa non va. La tua caffettiera, basandosi sui dati dei sensori di fitness e sonno, ti preparerà un caffè più forte se hai avuto una notte agitata.

Tuttavia, data la velocità e la traiettoria con cui queste tecnologie si stanno sviluppando, non passerà molto tempo prima che questi dispositivi funzionino in modo completamente indipendente dai loro creatori umani, il che pone tutta una nuova serie di preoccupazioni. Come osserva l’esperto di tecnologia Nicholas Carr, “Non appena si consentirà ai robot, o ai programmi software, di agire liberamente nel mondo, si troveranno a dover affrontare situazioni eticamente difficili e ad affrontare scelte difficili che non possono essere risolte attraverso modelli statistici. . Questo sarà vero per le auto a guida autonoma, i droni e i robot sul campo di battaglia, proprio come è già vero, su scala minore, con aspirapolvere e tosaerba automatizzati”.

Ad esempio, proprio come il robot aspirapolvere, Roomba, “non fa distinzione tra un cumulo di polvere e un insetto”, i droni armati non saranno in grado di distinguere tra un criminale in fuga e qualcuno che si limita a fare jogging per strada. Del resto, come ti difendi da un poliziotto robotico, come l’androide Atlas sviluppato dal Pentagono, che è stato programmato per rispondere a qualsiasi minaccia percepita con la violenza?

Inoltre, non sono solo le nostre case e i nostri dispositivi personali che vengono riordinati e reinventati in quest’era connessa: sono i nostri luoghi di lavoro, i nostri sistemi sanitari, il nostro governo, i nostri corpi e i nostri pensieri più intimi che vengono inseriti in una matrice su cui non abbiamo controllo reale.

Si prevede che entro il 2030 tutti sperimenteremo l’Internet dei Sensi (IdS), grazie all’Intelligenza Artificiale (AI), alla Realtà Virtuale (VR), alla Realtà Aumentata (AR), al 5G e all’automazione. L’Internet dei sensi si basa sulla tecnologia connessa che interagisce con i nostri sensi di vista, udito, gusto, olfatto e tatto tramite il cervello come interfaccia utente. Come spiega la giornalista Susan Fourtane:

Molti prevedono che entro il 2030 i confini tra pensare e fare si sfuocheranno. Il 59% dei consumatori crede che saremo in grado di vedere i percorsi delle mappe sugli occhiali VR semplicemente pensando a una destinazione… Entro il 2030, la tecnologia è destinata a rispondere ai nostri pensieri e persino a condividerli con gli altri… Usando il cervello come strumento potrebbe significare la fine di tastiere, mouse, controller di gioco e, in definitiva, interfacce utente per qualsiasi dispositivo digitale. L’utente deve pensare solo ai comandi. Gli smartphone potrebbero funzionare anche senza touch screen.

In altre parole, l’IdS farà affidamento sulla tecnologia in grado di accedere e agire in base ai tuoi pensieri.

Fourtane delinea diverse tendenze relative all’IdS che dovrebbero diventare una realtà entro il 2030:

1: I pensieri diventano azione: utilizzando il cervello come interfaccia, ad esempio, gli utenti potranno vedere i percorsi delle mappe sugli occhiali VR semplicemente pensando a una destinazione.

2: I suoni diventeranno un’estensione della realtà virtuale ideata: gli utenti potrebbero imitare la voce di chiunque in modo abbastanza realistico da ingannare anche i membri della famiglia.

3: Il cibo vero passerà in secondo piano rispetto ai gusti immaginari. Un dispositivo sensoriale per la tua bocca potrebbe migliorare digitalmente tutto ciò che mangi, in modo che ogni cibo possa avere il sapore della tua prelibatezza preferita.

4: Gli odori diventeranno una proiezione di questa realtà virtuale in modo che le visite virtuali, ad esempio nei boschi o nelle campagne, includano l’esperienza di tutti gli odori naturali di quei luoghi.

5: Total touch: gli smartphone con schermo trasmetteranno la forma e la consistenza delle icone digitali e dei pulsanti che stanno premendo.

6: Realtà unita: i mondi di gioco VR diventeranno indistinguibili dalla realtà fisica entro il 2030.

Questo è il metaverso, avvolto nel canto delle sirene della convenienza e venduto a noi come il segreto del successo, del divertimento e della felicità.

È una falsa promessa, una trappola malvagia, con un unico obiettivo: il controllo totale.

George Orwell lo aveva capito.

Il capolavoro di Orwell, 1984, ritrae una società globale di controllo totale in cui alle persone non è permesso avere pensieri che in qualche modo non sono d’accordo con il monopensiero. Non c’è libertà personale e la tecnologia avanzata è diventata la forza trainante di una società guidata dalla sorveglianza. Spie e telecamere sono ovunque. E le persone sono soggette alla Polizia del Pensiero, che si occupa di chiunque sia colpevole di crimini mentali. Il governo, o “Partito”, è guidato dal Grande Fratello, che appare ovunque sui manifesti con le parole: “Il Grande Fratello ti sta guardando”.

Fonte

big_brother_matrix-500x230-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 15 novembre 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: