Perche’ il movimento Woke e` una religione

INTRODUZIONE ALLA TASSONOMIA DELLA RELIGIONE WOKE
Nell’ultimo anno, un numero crescente di progressisti e liberali ha indicato le uccisioni da parte della polizia di uomini neri disarmati, l’aumento delle emissioni di carbonio e gli eventi meteorologici estremi e l’uccisione di persone trans come prova che gli Stati Uniti non sono riusciti a prendere provvedimenti contro il razzismo, i cambiamenti climatici e la transfobia. Altri hanno indicato la guerra alla droga, la criminalizzazione dei senzatetto e l’incarcerazione di massa come prova che poco è cambiato negli Stati Uniti negli ultimi 30 anni.

Eppure, su ciascuna di queste questioni, gli Stati Uniti hanno compiuto progressi significativi.

Le uccisioni da parte della polizia di afroamericani nelle nostre 58 maggiori città sono diminuite da 217 all’anno negli anni ’70 a 157 all’anno negli anni 2010. Tra il 2011 e il 2020, le emissioni di carbonio sono diminuite del 14% negli Stati Uniti, più che in qualsiasi altra nazione, mentre solo 300 persone sono morte a causa di disastri naturali, un calo di oltre il 90% nell’ultimo secolo. L’accettazione pubblica delle persone trans è più alta che mai. La popolazione carceraria totale degli Stati Uniti ha raggiunto il picco nel 2008 e da allora è diminuita significativamente. Solo il 4% dei prigionieri di stato, che sono l’87% della popolazione carceraria totale, è detenuto per possesso non violento di droga; solo il 14% è coinvolto in qualsiasi reato di droga non violento. E molte grandi città tra cui Los Angeles, San Francisco e Seattle hanno effettivamente depenalizzato il camping pubblico dei senza tetto.

I progressisti rispondono che questi riultati oscurano ampie disuguaglianze. Secondo un’analisi del Washington Post sugli omicidi della polizia tra il 2015 e il 2020, i neri americani vengono uccisi a una velocità da due a tre volte superiore a quella dei bianchi americani. Le emissioni di carbonio stanno aumentando ancora mentre gli USA stanno uscendo dall’epidemia e gli scienziati credono che i cambiamenti climatici influiscano sugli eventi climatici estremi. Nel 2020, Human Rights Campaign ha scoperto che almeno 44 persone transgender e non conformi al genere sono state uccise, il numero massimo da quando ha iniziato a monitorare i decessi nel 2013, e già quel numero ha raggiunto 45 quest’anno. I divieti sulle droghe sono rimasti in vigore, i senzatetto vengono ancora arrestati e gli Stati Uniti continuano ad avere uno dei tassi di incarcerazione più alti al mondo.

Ma anche quei numeri oscurano realtà importanti. Non ci sono differenze razziali negli omicidi della polizia quando si tiene conto del fatto che il sospetto fosse armato o meno o una minaccia (“giustificata” o “ingiustificata”). Mentre le emissioni di carbonio aumenteranno nel 2021, ci sono tutte le ragioni per credere che continueranno a diminuire in futuro, finché il gas naturale continuerà a sostituire il carbone e le centrali nucleari continueranno a funzionare. Sebbene il cambiamento climatico possa contribuire a eventi meteorologici estremi, né il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico né un altro organismo scientifico prevedono che supererà la crescente resilienza per causare un aumento dei decessi dovuti a disastri naturali. I ricercatori non sanno se le persone trans vengono uccise in modo sproporzionato rispetto alle persone di genere cis, se gli omicidi trans sono in aumento o se le persone trans vengono uccise perché trans, piuttosto che per qualche altro motivo. Ventisei stati hanno depenalizzato la marijuana e la California e l’Oregon hanno depenalizzato e legalizzato, rispettivamente, il possesso di tutte le droghe. I procuratori distrettuali progressisti di San Francisco, Los Angeles e di altre grandi città hanno ridimensionato i procedimenti giudiziari contro le persone per aver infranto molte leggi relative ai senzatetto, tra cui il campeggio pubblico, l’uso pubblico di droghe e il furto.

Eppure molti americani sarebbero sorpresi di apprendere una qualsiasi delle informazioni di cui sopra; alcuni le rifiuterebbero apertamente dicendo che sono false. Considera che, nonostante il calo delle uccisioni da parte della polizia di afroamericani, la quota di pubblico che ha affermato che la violenza della polizia è un problema serio o estremamente serio è passata dal 32 al 45 percento tra il 2015 e il 2020. Nonostante il calo delle emissioni di carbonio, il 47 percento del pubblico è d’accordo con l’affermazione: “Le emissioni di carbonio sono aumentate negli Stati Uniti negli ultimi 10 anni” e solo il 16% non è d’accordo. Nel frattempo, il 46% degli americani è d’accordo con l’affermazione “Le morti per disastri naturali aumenteranno in futuro a causa del cambiamento climatico” e solo il 16% non è d’accordo, nonostante l’assenza di uno scenario scientifico a sostegno di tali timori. E nonostante la mancanza di buone prove, i principali mezzi di informazione hanno ampiamente riferito che l’uccisione di persone trans è in aumento.

Il divario tra realtà e percezione è allarmante per ragioni che vanno oltre l’importanza di avere un elettorato informato per una sana democrazia liberale. La sfiducia nei confronti della polizia sembra aver contribuito all’aumento di quasi il 30% degli omicidi dopo le proteste di Black Lives Matter del 2020 lo scorso anno, sia incoraggiando i criminali. Un numero crescente di ricerche rileva che la copertura mediatica del cambiamento climatico sta contribuendo all’aumento dei livelli di ansia e depressione tra i bambini. E ci sono buone ragioni per temere che la disinformazione sull’uccisione di individui trans e non conformi al genere contribuisca all’ansia e alla depressione tra i giovani trans e disforici di genere.

SOCIAL MEDIA, ONG E LA MORTE DI DIO

Perché? Perché esiste un divario così massiccio tra percezione e realtà su così tante questioni importanti?

Parte del motivo sembra derivare dall’ascesa dei social media e dai corrispondenti cambiamenti nei mezzi di informazione nell’ultimo decennio. I social media alimentano la certezza crescente e ingiustificata, il dogmatismo e l’intolleranza nei confronti della diversità dei punti di vista e delle informazioni non confermative. Le piattaforme di social media, tra cui Facebook, Twitter e Instagram, premiano gli utenti per la condivisione di informazioni popolari tra i colleghi, in particolare le opinioni estreme, e puniscono gli utenti per aver espresso opinioni impopolari, più moderate e meno emotive. Questo ciclo è auto-rinforzante. Il pubblico cerca opinioni che rafforzino le proprie. Gli esperti cercano conclusioni e i giornalisti scrivono storie che affermano le predisposizioni del loro pubblico. Potrebbe essere per queste ragioni che gran parte dei media non sono riusciti a informare il loro pubblico che non ci sono differenze razziali negli omicidi della polizia, che le emissioni stanno diminuendo e che le affermazioni sull’aumento delle uccisioni trans non sono scientifiche.

Un’altra ragione potrebbe essere dovuta all’influenza di organizzazioni ben finanziate per modellare le percezioni pubbliche, in particolare in combinazione con i social media. Organizzazioni tra cui l’American Civil Liberties Union, la Human Rights Campaign e la Drug Policy Alliance hanno fuorviato giornalisti, politici e il pubblico sugli omicidi della polizia, sulle droghe e sugli omicidi trans, spesso semplicemente omettendo informazioni contestuali cruciali. Lo stesso è stato vero per gli attivisti del clima, compresi quelli che operano come esperti e giornalisti, che nascondono informazioni sul calo delle morti dovute a disastri naturali, sul costo dei disastri relativo alla crescita del PIL e sul calo delle emissioni degli Stati Uniti.

Ma nessuna di queste spiegazioni cattura pienamente la qualità religiosa di gran parte del discorso progressista su questioni relative a razza, clima, trans, criminalità, droga, senzatetto e la relativa questione della malattia mentale. Un numero crescente di pensatori liberali, eterodossali e conservatori usa allo stesso modo la parola “woke” per descrivere la religiosità di così tante cause progressiste oggi. Nel suo nuovo libro, Woke Racism, il linguista della Columbia University John McWhorter sostiene che il movimento Woke dovrebbe, letteralmente, essere considerato una religione.

Come prova della sua tesi, McWhorter punta a miti comunemente accettati, come l’affermazione sfatata che la guerra d’indipendenza americana sia stata combattuta per mantenere la schiavitù, o che le disparità razziali nelle prestazioni educative siano dovute a insegnanti razzisti. Indica il fervore religioso woke nel tentativo di censurare, licenziare e punire gli eretici per aver sostenuto opinioni tabù. E McWhorter suggerisce che, poiché il movimento Woke soddisfa specifici bisogni psicologici e spirituali di significato, appartenenza e status, è probabile che evidenziare i suoi elementi soprannaturali abbia poco impatto tra i Woke.

Ma solo perché un’ideologia è dogmatica e ipocrita non la rende necessariamente una religione, quindi è giusto chiedersi se il movimento Woke sia qualcosa di più di un nuovo sistema di credenze. Non c’è alcun elemento ovviamente mitologico o soprannaturale nell’ideologia di Woke, e i suoi aderenti raramente, se non mai, giustificano le loro affermazioni con riferimento a un dio o a un potere superiore. Ma uno sguardo più approfondito al movimento woke, in effetti, rivela un’intera serie di credenze mitologiche e soprannaturali, inclusa l’idea che i bianchi di oggi siano responsabili delle azioni razziste dei bianchi in passato; che il cambiamento climatico rischia di estinguere gli esseri umani; e che una persona può cambiare sesso semplicemente identificandosi con il sesso opposto.

LA RELIGIONE WOKE: UNA TASSONOMIA

Durante la lettura del nuovo libro di McWhorter, sono rimasto sorpreso di scoprire molte somiglianze tra il razzismo woke e l’ambientalismo apocalittico, che in Apocalypse Never descrivo come una religione. Ognuna propone un peccato originale come causa dei mali attuali (es. la schiavitù, la rivoluzione industriale). Ognuno ha diavoli colpevoli (ad esempio, i bianchi, i “negazionisti del clima”, ecc.) Sacre vittime (ad esempio, i neri, i poveri isolani, ecc.) (es. attivisti BLM, Greta Thunberg, ecc.). E ognuno ha una serie di tabù (ad esempio, dicendo “Tutte le vite contano”, criticare le energie rinnovabili, ecc.)

Ho anche visto parallelismi tra il razzismo woke, l’ambientalismo apocalittico e la vittimologia, che a San Fransicko descrivo come una religione completa della visione metafisica (essenzialista) secondo cui le persone possono essere classificate come vittime o oppressori, per natura della loro identità o esperienza.

Ho contattato un nuovo amico, Peter Boghossian, un filosofo che si è recentemente dimesso dal suo incarico alla Portland State University in risposta alla repressione wokeista, e altri esperti in diversi movimenti woke, e insieme abbiamo costruito una tassonomia della religione woke (sotto). Comprende sette aree tematiche (razzismo, cambiamento climatico, trans, criminalità, malattie mentali, droga e senzatetto) trattate da Woke Racism, Apocalypse Never, San Fransicko, la ricerca di Peter e gli scritti di altri critici del movimento woke. E attraversa dieci categorie religiose (Peccato originale, Diavoli colpevoli, Miti, Vittime sacre, Gli eletti, Credenze soprannaturali, Fatti tabù, Discorsi tabù, Rituali purificanti, Discorsi purificatori). Siamo rimasti sorpresi da quanto fosse semplice compilare ciascuna categoria e dalle affascinanti somiglianze e differenze tra di esse.

Abbiamo deciso di pubblicare la tassonomia della religione woke perché era utile alla nostra comprensione del wokeismo come religione e sentivamo che avrebbe potuto aiutare gli altri. La tassonomia identifica miti comuni e credenze soprannaturali e aiuta a spiegare perché così tante persone continuano a sostenerli, nonostante le prove schiaccianti che siano false. Non ci illudiamo che la tassonomia ridurrà il potere che il Wokeismo ha sui veri credenti. Ma crediamo anche che aiuterà ad orientare coloro che sono confusi dal suo irrazionalismo e cercano una panoramica accessibile. Infine, lo pubblichiamo perché riconosciamo che potremmo sbagliarci, sia su questioni di fatto che di classificazione, e speriamo che incoraggerà una sana discussione e dibattito. Pertanto, l’abbiamo pubblicato con l’avvertenza che si tratta della “Versione 1.0” con l’aspettativa di modificarlo in futuro.

Sia Peter che io vorremmo sottolineare che abbiamo pubblicato la Tassonomia al servizio del progetto liberale e democratico di progresso sociale e ambientale, che riteniamo sia minacciato dal Wokeismo. Riteniamo che gli Stati Uniti siano ben posizionati per ridurre gli omicidi della polizia, la criminalità e le emissioni di carbonio; proteggere la vita e la salute mentale delle persone trans, non conformi al genere e cis di genere; e una migliore cura dei malati di mente e dei tossicodipendenti. Ma farlo richiederà che il movimento woke indebolisca la sua presa sulla psiche americana.

Come scrive Peter, “il bigottismo e la discriminazione razziale sono reali e non hanno posto nella società. Sì, esiste il razzimo. Sì, esiste l’omofobia. Sì, c’è un odio continuo nei confronti delle persone trans. Questi sono moralmente ripugnanti e abbiamo tutti bisogno di lavorare insieme perche` il fenomeno scompaia. La religione woke, tuttavia, non è il modo per fermare questi orrori morali. Sta rendendo i nostri problemi condivisi più difficili da risolvere”.

Fonte

13d916eb-0db4-476b-aa19-6540243afb60_4500x4171

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 15 novembre 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: