Il nuovo CEO di Twitter Parag Agrawal: “Perché dovrei distinguere tra bianchi e razzisti?”

Il nuovo CEO di Twitter Parag Agrawal, che a breve sostituirà Jack Dorsey come capo della società di social media di estrema sinistra, ha ripetuto acriticamente una citazione nel 2010 suggerendo che non dovrebbe “distinguere tra bianchi e razzisti”.

“Se non fanno una distinzione tra musulmani ed estremisti, allora perché dovrei distinguere tra bianchi e razzisti”, ha twittato Agrawal, tra virgolette. Non è chiaro chi stesse citando.

Mentre il razzismo anti-bianco è diventato comune in molte istituzioni statunitensi, comprese le sue migliori società, Agrawal ha fatto il suo commento nel 2010 – anni prima che arrivasse il movimento Black Lives Matter per spingere le società americane ancora più a sinistra sulle questioni razziali.

Relativamente sconosciuto nella Silicon Valley fino ad ora, Agrawal è stato annunciato come successore di Jack Dorsey poco dopo che il co-fondatore di Twitter ha annunciato che si sarebbe dimesso dal suo ruolo dopo un periodo di sei anni come CEO.

Dorsey, che ha presieduto il passaggio dell’azienda da quella che il suo predecessore chiamava “l’ala della libertà di parola del partito per la libertà di parola” a una piattaforma che censura regolarmente i conservatori, inclusa la messa al bando del presidente Trump, è stata spesso denunciato dai conservatori.

Tuttavia, attenti osservatori della politica interna di Twitter, compresi i suoi ex dipendenti, hanno osservato che il vero motore della censura all’interno dell’azienda non era lo stesso Dorsey, ma il dipartimento “Fiducia e sicurezza”, che stabilisce le politiche di censura per l’azienda.

Il dipartimento “Fiducia e sicurezza” è diventato sempre più influente mentre i media spingevano per una maggiore censura sui social media dei conservatori. Nel 2020, Politico ha pubblicato un profilo travolgente del leader globale di fiducia e sicurezza Vijaya Gadde, ritraendola come la forza trainante dietro le politiche che hanno censurato Donald Trump.

Agrawal sembra avere priorità simili. In un’intervista con il MIT Technology Review lo scorso anno, mentre era CTO dell’azienda, Agrawal ha affermato che la libertà di parola non era più un obiettivo per l’azienda.

“Il nostro ruolo non è quello di essere vincolati dal Primo Emendamento, ma il nostro ruolo è quello di servire una sana conversazione pubblica e le nostre mosse riflettono cose che riteniamo portino a una conversazione pubblica più sana”, ha affermato Agrawal.

“Il tipo di cose che facciamo su questo è, concentrarci meno sul pensare alla libertà di parola, ma pensare a come sono cambiati i tempi”.

Fonte

twitter-ceo-parag-agrawal-640x480-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 30 novembre 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: