La guerra contro la parola: L’agenda orwelliana per controllare il pensiero limitando il linguaggio

In “1984” di Orwell, il governo totalitario ha reso impossibile il dissenso creando la neolingua, un linguaggio altamente controllato che sopprime idee specifiche. Questo sta accadendo adesso nella nostra realta`. Ecco tre esempi di organizzazioni d’élite che cercano di bandire delle parole dal discorso pubblico.

In questi giorni, la parola “orwelliano” viene utilizzata ovunque perché, purtroppo, è più attuale che mai. Questo perché alcuni degli elementi più opprimenti presenti nel romanzo distopico di George Orwell, 1984, stanno diventando realtà proprio davanti ai nostri occhi.

Lo stato totalitario descritto in 1984 controlla le persone attraverso una serie di metodi. Uno di questi è la neolingua, ovvero un tipo di linguaggio controllato.

Nel romanzo, il Partito ha creato la neolingua per soddisfare i requisiti ideologici del socialismo inglese in Oceania. La neolingua è un linguaggio controllato con una grammatica semplificata e un vocabolario ristretto progettato per limitare la capacità dell’individuo di pensare e articolare concetti “sovversivi” come identità personale, espressione di sé e libero arbitrio. Tali concetti sono criminalizzati come crimine di pensiero poiché contraddicono l’ortodossia prevalente di Ingsoc.
– Wikipedia, 1984

Per l’élite, 1984 non è un ammonimento, è un progetto. Una versione reale della Neolingua è stata creata da gruppi di esperti d’élite e attualmente è stata imposta al mondo utilizzando potenti organizzazioni.

Attraverso il divieto di parole specifiche dal discorso pubblico, l’élite sta cercando di sopprimere le idee che rappresentano. Come vedremo in questo articolo, l’élite è in guerra contro il sesso biologico, le religioni (in particolare il cristianesimo), la storia e tutto ciò che riguarda l’identità nazionale. L’obiettivo finale: creare una cultura globale unica e uniforme.

Ecco come lo stanno facendo.

LA BIBBIA DELLA NEOLINGUA IN EUROPA

Helena Dalli, la “commissaria per l’uguaglianza” della Commissione europea svela le Linee guida sulla comunicazione inclusiva.

Il 30 ottobre la Commissione Europea ha presentato un documento di 30 pagine intitolato Linee guida sulla comunicazione inclusiva. Fa parte di un piano sostenuto dal presidente della Commissione Ursula von der Leyen per attuare un'”Unione dell’uguaglianza” in Europa. Dietro queste parole senza senso si nasconde il vero piano di questo documento: controllare la parola. Sotto minaccia di sanzioni severe.

Credo che questo documento dovrebbe essere letto da tutti perché riassume lo stato mentale scandalosamente orwelliano dell’élite. Ad esempio, nella sezione intitolata “Da seguire in ogni momento”, possiamo leggere queste assurdità:

  • Non usare mai nomi di genere come “operai, poliziotti” (workmen, policemen) o pronomi maschili (lui, suo) come impostazione predefinita.
  • Non utilizzare Miss o Mrs, a meno che non sia l’esplicita preferenza del destinatario; usa signora in ogni occasione.
  • Quando chiedi informazioni sul genere, non offrire solo opzioni uomo/donna, aggiungi “altro” e “preferisco non dirlo”.
  • Non rivolgerti mai a un pubblico utilizzando “signore e signori”, ma usa espressioni come “Cari colleghi”.
  • Non usare la parola “cittadini” per riferirsi alle persone in generale.
  • Quando ti rivolgi alle persone trans, rispetta sempre l’autoidentificazione.
  • Evita i pronomi specifici di genere per le persone il cui genere è sconosciuto. È preferibile utilizzare “loro” o riformulare la frase in modo che non sia necessario alcun pronome.

Come puoi vedere, stanno tentando di cancellare concetti come genere e cittadinanza nazionale dalla lingua. Ma non è tutto. La guida detta anche come i gruppi di persone dovrebbero essere rappresentati nei media.

Questa perla di follia elitaria può essere trovata nella guida.

Possiamo leggere “se rappresentiamo sempre le madri come persone che si prendono cura dei bambini, perpetuiamo stereotipi dannosi”. C’è un sacco di follia da analizzare in questa frase. Le madri sono, per definizione, persone che si prendono cura dei bambini. Questo è ciò che la parola rappresenta. Una madre che si prende cura di un bambino non è uno “stereotipo”. E non è certo “dannoso”.

Il documento prende di mira anche il cristianesimo affermando:

“Non tutti celebrano le feste cristiane, e non tutti i cristiani le celebrano nelle stesse date”.

In uno dei suoi numerosi esempi orwelliani, il documento raccomanda di sostituire la frase “Il periodo natalizio può essere stressante” con “I periodi di vacanza possono essere stressanti”.

Andando oltre, la guida disapprova anche l’uso di nomi “che sono tipicamente religiosi”. Fornisce l’esempio dell’uso di “Malika e Julio” invece di “Maria e Giovanni” per descrivere una “coppia internazionale”. Questo perché i nomi “Maria” e “Giovanni” sono associati al cristianesimo.

Il rilascio di questo documento è passato in gran parte inosservato un paio di settimane fino a quando un giornale italiano non ha rivelato la sua assurdità al grande pubblico. La protesta è stata immediata. Anche il papa, che di solito è d’accordo con le politiche globaliste, ha paragonato il documento a una “dittatura”. Il Vaticano ha accusato la Commissione europea di “cancellare il Natale”.

Diverse personalità politiche hanno anche denunciato le linee guida come tentativi di cancellare l’identità delle nazioni all’interno dell’Unione Europea.

Di fronte a questo contraccolpo, le Linee guida sono state rimosse e il suo autore ha promesso di rivederle. Anche se questo potrebbe essere percepito come una “vittoria”, c’è un fatto importante che dobbiamo realizzare: ogni singola parte di questo documento viene gia` applicata attraverso i mass media.

LA GUERRA CONTRO LA PAROLA “DONNA”

Su questa copertina dell'”importante” rivista medica The Lancet, la parola “donne” è stata sostituita da “corpi con vagine”.

Negli anni passati, questo sito ha documentato l’agenda per rimuovere la parola “donna” dal discorso pubblico. Nel 2020, JK Rowling ha ridicolizzato un titolo che ha sostituito la parola “donne” con “persone che hanno le mestruazioni”. Il contraccolpo contro di lei è stato immediato e continua ancora oggi.

Ecco alcuni titoli apparsi negli ultimi mesi

Un recente articolo su The Economist (dal titolo Why the word “woman” is tying people in knots) afferma:

Un numero crescente di funzionari e organizzazioni non sanno cosa dire quando si tratta di usare la parola “donna”.

Un ospedale britannico ha incaricato il personale dei suoi reparti maternità di offrirsi di usare la frase “parto di persone”. Alexandria Ocasio-Cortez, membro del Congresso americano, parla di “persone con le mestruazioni”. Il 18 settembre l’American Civil Liberties Union (aclu) ha ripubblicato una citazione di Ruth Bader Ginsburg, giudice della Corte Suprema, nell’anniversario della sua morte. La citazione era una difesa del diritto di una donna ad abortire. Ma la versione dell’aclu, ha sostituito ogni istanza della parola “donne” con “persone”.

Non si tratta di “inclusività”. Si tratta della soppressione dei sessi. Il modo migliore per ottenerlo: La Neolingua.

LA CBC DICE AI CANADESI DI SMETTERE DI UTILIZZARE 18 PAROLE

In un articolo intitolato “Words and phrases you may want to think twice about using“, la CBC ha pubblicato questo collage di parole che dovrebbero essere bandite dai nostri vocabolari.

La Canadian Broadcasting Corporation (CBC) è l’emittente pubblica del Canada. Ora, questa entità di proprietà del governo (finanziata dai soldi dei contribuenti) sta pubblicando elenchi di parole che le persone dovrebbero smettere di usare. La prima frase di questo articolo surreale recita:

Hai mai usato casualmente i termini “animale spirituale”, “problema del primo mondo” o “spettrale”? Potrebbe essere il momento di ripensare al tuo uso di queste frasi e rimuoverle dal tuo gergo quotidiano.

L’articolo non riguarda insulti razziali o parole palesemente offensive. Prende di mira parole regolari e non offensive e usa una logica imperfetta per spiegare perché sono offensive. Ad esempio, l’articolo afferma che la parola “ricatto” (BLACKmail in inglese n.d.r.) è offensiva per i neri perché è “negativa” e connota “sfiducia”. Tuttavia, gli “esperti” consultati in quell’articolo ignorano completamente le origini della parola (che non ha assolutamente nulla a che fare con i neri).

La parola in realtà deriva dal scozzese “mail” che significa “tassa” o “affitto”. In passato, quando la legge e l’ordine erano ancora traballanti, i contadini che vivevano lungo i confini della Scozia avevano pochissima protezione contro le bande che derubavano e depredavano. Invece di combattere regolarmente questi saccheggiatori, gli agricoltori hanno scelto di ripagarli per essere lasciati in pace.

Questo pagamento era chiamato “blackmail” perché di solito pagavano con del bestiame nero: in passato, la ricchezza di un uomo era determinata dalla quantità di bestiame che aveva. Se un agricoltore sceglieva di pagare in monete d’argento, veniva chiamata “whitemail”.
– Know Your English, What is the origin of ‘blackmail’?

L’articolo disapprova anche parole come spirito animale, powwow e tribù perché “possono essere un doloroso insulto per le comunità indigene”. Ancora una volta, quelli non sono insulti, sono parole normali. Anche le parole opossum, squash, avocado, canoa e kayak, puzzola e slittino provengono dalle lingue native. Dovrebbero essere vietati anche loro?

Inoltre, la parola “tribù” è in uso fin dall’antichità. Deriva dalla parola latina tribus che significa: “Un gruppo di persone che formano una comunità e rivendicano la discendenza da un antenato comune”. Che cosa esattamente di questa parola è “offensivo”? Suggerimento: niente.

In una spinta finale verso la follia piu’ totale, l’articolo della CBC vieta l’uso della parola “brainstorm”. La ragione?

L’uso del termine brainstorming potrebbe essere insensibile nei confronti di coloro che hanno lesioni cerebrali o sono neurodiversi, ha aggiunto Cashman.

Mi sta venendo una lesione cerebrale solo leggendo queste spiegazioni dai cosiddetti esperti.

Naturalmente, la CBC ha disabilitato i commenti su questo articolo. Tuttavia, diversi giornalisti di diverse testate hanno fatto a pezzi questa cosa.

CONCLUDENDO
La guerra alle parole è reale e viene combattuta ai massimi livelli. Questo articolo ha elencato esempi della Commissione Europea (il ramo esecutivo dell’Unione Europea), del governo americano, della Canadian Broadcasting Corporation e della rivista medica The Lancet. Tutte queste entità stanno implementando un piano che è stato ordito, anni fa, da gruppi elitari.

L’obiettivo finale: creare una cultura globale uniforme che soppianterebbe le culture, le identità e le tradizioni delle singole nazioni. Attraverso la creazione di una vera e propria Neolingua, l’élite sta tentando di sopprimere concetti come generi, nazioni, religioni e storia al fine di instaurare una cultura omogenea che possa essere applicata in tutto il mondo.

Tutto ciò che va contro questo programma è ora considerato offensivo. In altre parole: Un Psicoreato.

Fonte

waronwordslead

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 14 dicembre 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: