La rivista medica più prestigiosa del mondo critica Facebook per “l’impreciso, incompetente e irresponsabile” fact checking

Mentre Zuckerberg può sentirsi onnipotente in cima al suo opaco metaverse i cosiddetti “controllori dei fatti” – così esperti nel censurare qualsiasi informazione conflittuale con la narrativa predominante (per conto e spesso per volere dell’amministrazione Biden) – potrebbero aver incontrato un loro degno avversario/pari dopo aver affermato che una delle riviste mediche più antiche e prestigiose del mondo ha fornito “informazioni false” che “potrebbero fuorviare le persone”.

Come abbiamo dettagliato all’inizio di novembre, il British Medical Journal (BMJ) – una rivista medica settimanale sottoposta a revisione paritaria, pubblicata dal sindacato British Medical Association – ha pubblicato un rapporto di informatori che mette in discussione l’integrità dei dati e le questioni di supervisione normativa che circondano l’importanza cruciale della fase III della sperimentazione Pfizer sul vaccino contro il Covid-19.

Brook Jackson, un direttore regionale ora licenziato del Ventavia Research Group, ha rivelato a The BMJ che gli studi sui vaccini in diversi siti in Texas lo scorso anno hanno avuto grossi problemi, inclusi dati falsificati, infranto regole fondamentali ed erano “lenti” nel segnalare reazioni avverse.

Quando ha informato i superiori dei problemi che ha riscontrato, l’hanno licenziata.

Un direttore regionale che è stato impiegato presso l’organizzazione di ricerca Ventavia Research Group ha detto al BMJ che la società ha falsificato i dati, non ha lasciato in blind i suoi pazienti, ha impiegato vaccinatori non adeguatamente formati ed è stata lenta nel seguire gli eventi avversi riportati nello studio cardine di fase III di Pfizer. Il personale che ha condotto i controlli di qualità è stato sopraffatto dal volume di problemi riscontrati. Dopo aver ripetutamente informato Ventavia di questi problemi, il direttore regionale, Brook Jackson, ha inviato un reclamo tramite e-mail alla Food and Drug Administration (FDA) statunitense. Ventavia l’ha licenziata lo stesso giorno. Jackson ha fornito al BMJ dozzine di documenti aziendali interni, foto, registrazioni audio ed e-mail. -BMJ

Poco dopo, quando la preoccupante storia è diventata virale, BMJ avrebbe presto avuto un assaggio di ciò che Facebook, Google e altri stanno facendo alle piattaforme di media indipendenti. Come riporta TrialSiteNews.com, anche se BMJ è una delle riviste mediche più importanti e le informazioni sono state rigorosamente sottoposte a revisione paritaria, hanno iniziato a verificarsi cose strane.

Alcuni lettori provando a pubblicare articoli peer reviewed di BMJ hanno riferito di non essere in grado di condividerli. Inoltre, sono stati avvertiti da Facebook che “fact-checker indipendenti hanno concluso che “queste informazioni potrebbero fuorviare le persone”.

Inoltre, è stato detto loro: “Coloro che cercavano di pubblicare l’articolo sono stati informati da Facebook che le persone che condividono ripetutamente” informazioni false “potrebbero vedere i loro post spostati più in basso nel feed delle notizie di Facebook”.

Inoltre, alcuni amministratori del gruppo hanno ricevuto notifiche da Facebook che le informazioni erano “parzialmente false”.

I lettori sono stati inviati a un “controllo dei fatti” eseguito da Lead Stories, un controllore dei fatti di terze parti.

E così, come forse i migliori esperti al mondo quando si tratta di informazioni sulla ricerca medica, BMJ è ora costretta a “controllare i controllori”.

In una “lettera aperta a Mark Zuckerberg” senza esclusione di colpi, gli editori hanno esposto quel “controllo dei fatti” come “impreciso, incompetente e irresponsabile”.

Non avendo ricevuto alcuna risposta da Facebook o da Lead Stories, dopo aver richiesto la rimozione dell’etichetta del “Fact check”, gli editori del BMJ hanno sollevato una “preoccupazione più ampia”:

Siamo consapevoli che il BMJ non è l’unico fornitore di informazioni di alta qualità ad essere stato colpito dall’incompetenza del regime di controllo dei fatti di Meta…

Piuttosto che investire una parte dei sostanziali profitti di Meta per aiutare a garantire l’accuratezza delle informazioni mediche condivise attraverso i social media, apparentemente hai delegato la responsabilità a persone incompetenti nello svolgimento di questo compito cruciale.

Il fact checking è stato per decenni un caposaldo del buon giornalismo.

Quello che è successo in questo caso dovrebbe essere fonte di preoccupazione per chiunque apprezzi e si basi su fonti come il BMJ.

Oltre ai punti sollevati da BMJ e nei commenti seguenti, c’è un limite a ciò che può realizzare un fact checker indipendente.

Ad esempio, i verificatori di fatti di Facebook stanno conducendo i propri esperimenti scientifici convalidando le affermazioni e i risultati di un articolo scientifico? I fact checker si rivolgono alle fonti di un articolo di notizie e verificano le informazioni citate? Quando si riportano “breaking news” o “scoop” che presentano informazioni totalmente nuove sul mondo, come possono essere verificate rispetto ad altre informazioni che – in virtù del fatto che qualcosa è nuovo – non possono essere verificate da altre fonti preesistenti?

Se il processo di verifica dei fatti è limitato alla verifica basata su altre informazioni attualmente disponibili e se il processo di verifica dei fatti non è in grado di distinguere tra le informazioni di fatto e le opinioni che le persone hanno in conseguenza di tali informazioni, il risultato sarà un’inevitabile cassa di risonanza che rafforza le opinioni attualmente dominanti o qualunque pregiudizio preesistente.

…ed è esattamente quello che vuole la struttura.

Lettera completa del BMJ di seguito:

Lettera aperta del BMJ a Mark Zuckerberg
Caro Mark Zuckerberg,

Siamo Fiona Godlee e Kamran Abbasi, editori di The BMJ, una delle riviste mediche generali più antiche e influenti del mondo. Stiamo scrivendo per sollevare serie preoccupazioni sul “controllo dei fatti” intrapreso da fornitori di terze parti per conto di Facebook/Meta.

A settembre, un ex dipendente di Ventavia, una società di ricerca a contratto che aiuta a realizzare la principale sperimentazione del vaccino contro il covid-19 di Pfizer, ha iniziato a fornire al BMJ dozzine di documenti aziendali interni, foto, registrazioni audio ed e-mail. Questi materiali hanno rivelato una serie di pratiche di ricerca sugli studi clinici scadenti che si verificano a Ventavia e che potrebbero influire sull’integrità dei dati e sulla sicurezza del paziente. Abbiamo anche scoperto che, nonostante abbia ricevuto un reclamo diretto su questi problemi più di un anno fa, la FDA non ha ispezionato i siti di prova di Ventavia.

Il BMJ ha incaricato un giornalista investigativo di scrivere la storia per il nostro giornale. L’articolo è stato pubblicato il 2 novembre, a seguito di revisione legale, revisione paritaria esterna e soggetto alla consueta supervisione e revisione editoriale di alto livello del BMJ.

Ma dal 10 novembre, i lettori hanno iniziato a segnalare una serie di problemi durante il tentativo di condividere il nostro articolo. Alcuni hanno riferito di non essere in grado di condividerlo. Molti altri hanno riferito che i loro post sono stati contrassegnati con un avvertimento su “Contesto mancante … I fact-checker indipendenti affermano che queste informazioni potrebbero fuorviare le persone”. Coloro che hanno cercato di pubblicare l’articolo sono stati informati da Facebook che le persone che condividono ripetutamente “informazioni false” potrebbero vedere i loro post spostati più in basso nel feed delle notizie di Facebook. Gli amministratori del gruppo in cui l’articolo è stato condiviso hanno ricevuto messaggi da Facebook che li informavano che tali post erano “parzialmente falsi”.

I lettori sono stati indirizzati a un “controllo dei fatti” eseguito da un appaltatore di Facebook chiamato Lead Stories.

Riteniamo che il “controllo dei fatti” eseguito da Lead Stories sia impreciso, incompetente e irresponsabile.

Non fornisce alcuna asserzione di fatto che l’articolo del BMJ si sia sbagliato

Ha un titolo senza senso: “Fact Check: The British Medical Journal Did NOT Reveal Disqualifying And Ignored Reports Of Flaws In Pfizer COVID-19 Vaccine Trials”

Il primo paragrafo etichetta in modo impreciso il BMJ un “blog di notizie”

Contiene uno screenshot del nostro articolo con un timbro sopra che indica “Flaws Reviewed”, nonostante l’articolo di Lead Stories non identifichi nulla di falso o errato nell’articolo del BMJ

Ha pubblicato la storia sul suo sito web sotto un URL che contiene la frase “hoax-alert”

Abbiamo contattato Lead Stories, ma si rifiutano di modificare qualsiasi cosa sul loro articolo o sulle azioni che hanno portato Facebook a segnalare il nostro articolo.

Abbiamo anche contattato direttamente Facebook, richiedendo l’immediata rimozione dell’etichetta “fact checking” e di qualsiasi link all’articolo Lead Stories, consentendo così ai nostri lettori di condividere liberamente l’articolo sulla tua piattaforma.

C’è anche una preoccupazione più ampia che desideriamo sollevare. Siamo consapevoli che il BMJ non è l’unico fornitore di informazioni di alta qualità ad essere stato colpito dall’incompetenza del regime di controllo dei fatti di Meta. Per fare un altro esempio, segnaliamo il trattamento da parte di Instagram (anch’esso di proprietà di Meta) di Cochrane, il fornitore internazionale di revisioni sistematiche di alta qualità delle prove mediche. Piuttosto che investire una parte dei sostanziali profitti di Meta per aiutare a garantire l’accuratezza delle informazioni mediche condivise attraverso i social media, apparentemente hai delegato la responsabilità a persone incompetenti nello svolgimento di questo compito cruciale. Il fact checking è stato per decenni un caposaldo del buon giornalismo. Quello che è successo in questo caso dovrebbe essere fonte di preoccupazione per chiunque apprezzi e si basi su fonti come il BMJ.

Ci auguriamo che agirai rapidamente: in particolare per correggere l’errore relativo all’articolo del BMJ e per rivedere i processi che hanno portato all’errore; e in generale per riconsiderare il tuo investimento e approccio al fact checking in generale.

Auguri,

Fiona Godlee, caporedattore

Kamran Abbasi, caporedattore entrante

il BMJ

Interessi conflittuali:

In qualità di caporedattori attuali e futuri, siamo responsabili di tutto ciò che contiene il BMJ.

Fonte

Open di Mentana e’ il principale fact checker italiano….vedremo il tramonto di questa organizzazione che censura tutto cio` che si discosta dalla “versione ufficiale”? Vogliamo fatti, non opinioni

118379348_f959b3bf-db0b-4dc9-822e-64a7ea6170e0_0

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 21 dicembre 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: