Archivio mensile:gennaio 2022

Pedogate: Il Papa e la chiesa cattolica (Parte 1)

Il 29 settembre 2018, secondo i rapporti emersi, 67 bambini sordi sono stati abusati sessualmente da più di due dozzine di sacerdoti che lavoravano presso l’Istituto Antonio Provolo, una scuola cattolica per bambini sordi e muti a Verona, in Italia. I pubblici ministeri stavano lavorando alle indagini da più di un decennio.

Un ragazzo con lo pseudonimo di “Giuseppe” ha descritto il suo abuso iniziato all’età di 11 anni in un’intervista rilasciata a Roma. Spiega come un monaco impiegato dall’istituto abbia insegnato a lui e ad altri ragazzi il linguaggio dei segni per pene, ano, masturbazione, fellatio e altro.

“All’inizio non capivo perché quest’uomo mi stesse insegnando questi strani segni segreti. Poi un giorno è diventato molto chiaro quando uno dei sacerdoti ha fatto il segno segreto per la fellatio quando eravamo soli, per poi ficcarmi in bocca il suo pene eretto.

Giuseppe ha spiegato che poiché le loro urla potevano essere solo sentite dai preti, erano ostaggi indifesi in mano a degli aguzzini. Giuseppe raccontò che sacerdoti, monaci e fratelli allontanavano abitualmente i ragazzi dai loro studi e li portavano in apposite stanze dove avvenivano gli abusi. Poiché i ragazzi potevano scrivere lettere alle loro famiglie, spesso descrivevano i loro abusi e chiedevano aiuto. Tuttavia, Giuseppe ritiene che tutte le loro grida di aiuto siano state intercettate.

“Certo che abbiamo urlato e pianto. A volte vedevi preti entrare nel dormitorio di notte, o vedevi amici con le lacrime che rigavano loro il viso e sapevi esattamente cosa era appena successo. Non c’era bisogno di alcuna parola per sapere quello che era successo.

Alla fine si è sparsa la voce sull’abuso, presumibilmente da parte di ex studenti che avevano abbandonato il programma al compimento dei 18 anni. Tuttavia, quando sono emerse accuse contro padre Nicola Corradi, è stato trasferito in un’altra sede dell’Istituto Provolo a Mendoza, in Argentina. Secondo l’indagine, Corradi e altri nell’amministrazione hanno continuato ad abusare di più bambini. Corradi è stato infine arrestato nel 2016 e condannato a 42 anni di carcere per aver abusato di 22 bambini nel corso di 30 anni. Un altro sacerdote, Horacio Corbacho, è stato condannato a 45 anni. In totale, 17 membri del personale della scuola sono stati incriminati ed entrambe le scuole sono state successivamente chiuse.

Corradi

Julieta Añazco ha frequentato l’Istituto Provolo in Argentina. Añazco afferma di essere stata abusata per la prima volta da padre Ricardo Giménez che, come Corradi, è stato successivamente trasferito dopo che le accuse contro di lui sono diventate pubbliche. Fu trasferito nientemeno che da papa Francesco, allora conosciuto come il cardinale Jorge Bergoglio. Añazco, insieme ad altri 13 membri di SNAP, o la Rete dei sopravvissuti agli abusi dei sacerdoti, ha firmato una lettera aperta a papa Francesco nel luglio del 2013 ricordandogli gli abusi e chiedendo nuovamente un’azione in merito. Nonostante SNAP sia stata ascoltata, papa Francesco non ha mai risposto alla loro lettera.

Bishop Accountability, un sito web di sorveglianza per gli abusi sui minori nella Chiesa cattolica, cita cinque casi separati in cui papa Francesco ha trascurato o rifiutato di agire come cardinale.

Papa Francesco, infatti, nel 2017 ha mandato choc in tutto il mondo chiedendo una riduzione delle sanzioni contro i preti pedofili condannati.

“Greg Burke, portavoce vaticano, ha difeso la propensione di papa Francesco alla misericordia in questi casi, affermando che “anche coloro che sono colpevoli di crimini efferati” possono aspettarsi clemenza dal Santo Padre, secondo AP.

Gli avvocati canonici e i funzionari della chiesa sostengono che mantenere i preti violenti sotto l’autorità della chiesa è il modo migliore per proteggere i bambini”.

Naturalmente, se ci fosse un’azienda sommersa di crimini e corruzione, chiederemo risposte alla leadership che è stata negligente o comunque complice della corruzione. Per quanto riguarda la corruzione nella Chiesa cattolica, forse questi sono solo funzionari di basso rango, casi isolati. Come sappiamo con certezza che lo stesso Papa è direttamente coinvolto nell’insabbiamento della pedofilia?

Il VATICANO CONTINUA CON GLI INSABBIAMENTI e A PROCRASTINARE DI FRONTE ALLE ACCUSE DI ABUSO
Il 12 dicembre 2018, papa Francesco ha ceduto alle crescenti pressioni dell’opinione pubblica per espellere tre consiglieri su nove dal suo Consiglio cardinalizio dopo cinque anni di contenzioso sugli abusi sui minori. Un terzo dei più stretti consiglieri di papa Francesco è stato coinvolto in scandali di abusi sessuali e non è stato rimosso in modo proattivo, anzi, è stato espulso solo dopo una significativa condanna pubblica. Il Consiglio cardinalizio è stato riunito nel 2013 per aiutare a riformare la Chiesa. Quelli rimossi sono stati il ​​cardinale Francisco Javier Errazuriz del Cile, il cardinale Laurent Monswengo Pasinya della Repubblica Democratica del Congo e il cardinale George Pell dell’Australia.

Pell è l’individuo più significativo e di alto profilo nella Chiesa cattolica ad essere condannato per pedofilia poiché era la terza persona più potente nella Chiesa a livello internazionale. Secondo quanto riferito, ha lavorato con Papa Francesco ogni giorno. Pell era il tesoriere del Vaticano, altrimenti noto come il prefetto della Segreteria per l’Economia della Santa Sede. Pell è stato scelto da Francesco per sradicare la corruzione nell’istituto. Oltre a questo, Francesco aveva precedentemente applaudito Pell per la sua onestà e convinzione nell’affrontare gli abusi sessuali all’interno della Chiesa. Oltre 50 testimoni si sono fatti avanti per corroborare la veridicità delle accuse contro Pell. È stato condannato a sei anni di carcere il 12 marzo 2019.

Steven Spaner, coordinatore di SNAP (Rete dei sopravvissuti degli abusi dei sacerdoti), ha affermato che,

“Non è un fattore da poco che l’incriminazione del terzo funzionario vaticano, in ordine di importanza, porti la questione della responsabilità della Chiesa e dell’inazione della Chiesa cosi` vicino al Papa.».

Altri tre funzionari vaticani sono stati accusati di crimini simili negli ultimi anni. Monsignor Carlo Capella è stato accusato nel 2018 di detenzione e distribuzione di materiale pedopornografico e condannato a cinque anni di reclusione. Monsignor Jozef Wesolowski è stato arrestato nel 2013 per aver abusato sessualmente di ragazzini, ma è morto prima che iniziassero il suo processo. L’arcivescovo Luigi Ventura è stato posto sotto inchiesta per accuse di abusi nel 2019. Come l’Italia, la Città del Vaticano non ha alcun obbligo legale di denunciare gli abusi sessuali alle autorità.

Il 12 novembre 2018, il Wall Street Journal ha riferito che il Vaticano aveva vietato ai vescovi negli Stati Uniti di intraprendere qualsiasi azione contro gli abusi sui minori all’interno della Chiesa fino a dopo un vertice che si sarebbe tenuto l’anno successivo. Questa direttiva dell’ultimo minuto è stata data poco prima che i vescovi si esprimessero col voto su come affrontare la crisi persistente, evidenziando l’incessante procrastinazione dai più alti livelli della Chiesa.

Sicuramente, tutte queste prove di cospirazione per ignorare e nascondere la pedofilia nella chiesa sono contesti iperbolici o mancanti. Sono forse i folli deliri dei leader scontenti all’interno della Chiesa?

Il 4 gennaio 2019, l’arcivescovo Theodore McCarrick, accusato in diversi casi di abusi sui minori, è stato difeso dal Vaticano nel 1972 per aver fatto “sesso consensuale” con un chierichetto di 16 anni. Sebbene l’arcidiocesi di New York abbia trovato credibili le accuse di molestie, il Vaticano ha invece annullato questa sentenza e ha affermato che il chierichetto aveva superato la maggiore età secondo il diritto canonico, anche se la maggiore età secondo la legge statunitense è 18 anni. Recenti accuse secondo cui McCarrick ha usato le sue case sulla spiaggia per operare un circolo pedofilo sono ancora in fase di valutazione al momento della stesura di questo articolo.

Cinque mesi prima, il 22 agosto 2018, l’arcivescovo Carlo Viganò aveva scritto una testimonianza di undici pagine sostenendo che papa Francesco non solo era a conoscenza dei crimini di McCarrick e delle sanzioni imposte contro di lui da papa Benedetto XVI dopo essere stato insediato nel 2013, ma Francesco lo aveva anche promosso a suo “fidato consigliere”. Monsignor Jean-François Lantheaume, l’ex primo consigliere dell’ambasciata vaticana a Washington D.C., ha pubblicamente sostenuto Viganò e ha garantito la veridicità delle sue affermazioni. La testimonianza di Viganò ha coinvolto anche molti altri alti funzionari vaticani per la loro negligenza e ha pubblicamente chiesto a Francesco di dimettersi dal suo incarico. Viganò afferma che i vescovi hanno cospirato per insabbiare una vasta “rete omosessuale” all’interno della Chiesa. [Rapporto video Fox News]

“In questo momento estremamente drammatico per la Chiesa universale, deve riconoscere i propri errori e, in linea con il proclamato principio di tolleranza zero, Papa Francesco deve essere il primo a dare il buon esempio a Cardinali e Vescovi che hanno coperto gli abusi di McCarrick e dimettersi insieme a tutti loro”.

Il 30 agosto 2018 è stata pubblicata una lettera a papa Francesco firmata da oltre 47.000 donne cattoliche, accusandolo di aver fornito una risposta inadeguata alla lettera di Viganò. Francesco ha risposto avviando un’indagine interna.

Il 10 novembre 2020, il Vaticano ha pubblicato la sua indagine biennale di 449 pagine che ha rivelato che l’ex papa Giovanni Paolo II, ora deceduto e canonizzato come santo, ha promosso McCarrick dopo aver appreso delle sue accuse di abusi. Sebbene il rapporto abbia gettato molti funzionari sotto l’autobus, ha ritratto Francesco come innocente.

Secondo l’Huffington Post,

“I risultati accusavano vescovi vivi e morti di fornire al Vaticano informazioni incomplete sul comportamento di McCarrick e di chiudere un occhio sulla sua ripetuta violazione delle restrizioni informali ordinata nel 2006 dopo che papa Benedetto XVI aveva deciso di non indagare sulla vicenda.… Molte delle affermazioni centrali di Vigano sono state confermate, ma non quelle che coinvolgono Francesco”.

Il rapporto del vaticano contiene nuove testimonianze che indicano che le persone hanno cercato di lanciare l’allarme su McCarrick già a metà degli anni ’80. Queste affermazioni di conoscenza precoce sono corroborate dal Catholic News Service che ha riferito di aver ricevuto una lettera in cui confermava che i funzionari vaticani erano a conoscenza delle accuse contro McCarrick già nel 2000.

Perché sembra esserci un modello di insabbiamento sugli abusi di minori per mano di preti e sacerdoti? Perché la Chiesa, ai livelli piu` alti, sembra essere più preoccupata a proteggere la propria immagine che le sue vittime?

Nell’ottobre del 2019, un’indagine dell’Associated Press ha rilevato che quasi 1.700 preti e sacerdoti che il Vaticano considera pedofili credibilmente accusati, vivono ora senza la supervisione delle forze dell’ordine e ricoprono incarichi come insegnanti, allenatori e consulenti e molti vivono vicino ai campi da gioco. Alcuni addirittura fanno da consiglieri ai sopravvissuti alle aggressioni sessuali. Da quando sono stati svincolati dalla Chiesa, molti hanno commesso nuovi crimini tra cui aggressione sessuale e possesso di materiale pedopornografico. Questo numero è particolarmente allarmante considerando che l’Associated Press ha indagato solo su circa 2.000 sacerdoti in totale. Ciò significa che circa l’85% di tutti i sacerdoti viventi che sono stati credibilmente accusati sono ora sotto il radar, vivono vicino e lavorano con i bambini. Inoltre, 76 di quelli rimasti in vita non sono stati affatto individuati.

Nel 2015 papa Francesco ha difeso il vescovo Juan Barros, accusato di aver coperto i crimini di abusi sui minori commessi da sacerdoti in Cile. Nonostante lo scandalo, Francesco lo promosse a capo della diocesi di Osorno. Quando la pressione dell’opinione pubblica raggiunse il culmine, Francis cambio la sua posizione e condannò Barros. I pubblici ministeri cileni hanno chiesto l'accesso agli archivi segreti della Chiesa, che alla fine porto` a oltre 100 indagini su preti abusivi e su come gli arcivescovi hanno lavorato per nascondere i loro crimini.

Interrogato su questo scandalo nel gennaio del 2018, papa Francesco ha rimarcato a un giornalista dell’Associated Press:

“Tu, in buona fede, mi dici che ci sono vittime, ma io non ne ho viste, perché non si sono fatte avanti”.

Tuttavia, i membri della stessa Commissione del Papa per la protezione dei minori contraddicono la sua smentita e confermano di aver ricevuto la lettera di 8 pagine di una vittima nel 2015 che descriveva graficamente l’abuso del vescovo Barros.

Definirlo un incidente isolato non sarebbe corretto. Nel 2019 il vescovo Nicholas DiMarzio, nominato da papa Francesco per indagare sugli abusi sui minori, è stato lui stesso accusato di aver abusato sessualmente di un bambino. Il contenzioso e’ ancora in atto al momento della stesura di questo articolo.

Il 15 settembre 2017, l’Associated Press ha riferito che uno dei sacerdoti vaticani di alto rango in servizio come diplomatico a Washington DC è stato richiamato dal Vaticano dopo che le accuse di pedopornografia hanno raggiunto il culmine. In qualità di diplomatico, il sacerdote ha l’immunità legale contro l’accusa per la maggior parte dei crimini ai sensi della Convenzione di Vienna. Il Vaticano ha richiamato il sacerdote a evitare il processo e tre giorni dopo ha negato la richiesta del Dipartimento di Stato di revocare questa immunità.

I profondi legami con la pedofilia sistemica in Vaticano continuano a disfarsi in modi sempre più scioccanti. Forse Francesco non è stato l’unico papa a coprire la pedofilia all’interno della Chiesa.

Secondo un articolo pubblicato dal New Yorker il 14 gennaio 2016 intitolato What Pope Benedict Knew About Abuse in the Catholic Church, 231 ragazzi del coro cattolico sono stati maltrattati in Baviera sotto la direzione di Georg Ratzinger, il fratello maggiore di Joseph Ratzinger che in seguito ha servito come Papa Benedetto XVI dal 2005 al 2013. Inoltre, Joseph Ratzinger ha supervisionato la Congregazione per la Dottrina della Fede, il ramo disciplinare della Chiesa che sovrintende agli abusi sessuali, mentre suo fratello dirigeva il coro di ragazzi nel periodo degli abusi sessuali.

“La notizia ha ricevuto ampia attenzione non solo per il suo contenuto inquietante, ma perché il direttore del coro di voci bianche di Ratisbona dal 1964 al 1994 è stato Georg Ratzinger, fratello maggiore di Joseph Ratzinger, divenuto poi Benedetto XVI (16°).

Gli sviluppi in Germania hanno sollevato la questione di cosa sapessero i due fratelli Ratzinger degli abusi nel coro di Ratisbona”.

Nel 2010, Georg Ratzinger ha riconosciuto che alcuni ragazzi del coro si sono lamentati degli abusi sessuali. Ha detto ai media:

“Ma in quel momento non avevo la sensazione che avrei dovuto fare qualcosa al riguardo … Se avessi saputo con quale esagerata ferocia stavano avvenendo, avrei detto qualcosa”.

La preponderanza delle prove svela uno sforzo concertato del Vaticano per nascondere gli abusi, rimanere in silenzio, ostacolare le indagini, ritardare l’azione, offuscare le percezioni, fuorviare il pubblico e fare qualsiasi cosa per mantenere un’immagine perfettamente pulita piuttosto che essere etici e onorevoli. Naturalmente, questa indagine non fa che scalfire la superficie della vera grandezza di questa crisi.

Se vogliamo seguire le prove e credere agli informatori, potremmo concludere che papa Francesco è quantomeno complice nell’insabbiamento dei diffusi abusi sessuali sui bambini. Recenti rivelazioni sugli abusi ai massimi livelli del Vaticano sembrano mettere in discussione i complici del Papa e corroborare le affermazioni secondo cui i funzionari vaticani sono direttamente coinvolti nell’abuso stesso.

Indipendentemente dalla propria fede o denominazione, dobbiamo tutti essere d’accordo sul fatto che l’uomo è capace di un’oscurità indicibile. I più bisognosi di salvezza sono i bambini vittime di questi pedofili mascherati da holvoi uomini. Preghiamo per il perseguimento di queste creature malate e senz’anima e dei sindacati criminali coinvolti in questa industria del dolore.

miniature-di-youtube-1280x720-px

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Schwab del WEF offre al cinese Xi la sua piattaforma propagandistica contro il “bullismo egemonico… la mentalità da guerra fredda”

Con Davos saltato a causa dell’ultima incarnazione della variante COVID, i migliori supereroi del mondo hanno deciso di riunirsi quest’anno online per dire al mondo cosa dovrebbe pensare.

Secondo l’ultimo libro della Bibbia, 666 è il numero, o nome, della bestia feroce con sette teste e dieci corna che sale dal mare (Rivelazione [Apocalisse] 13:1, 17, 18). Questa bestia simboleggia il sistema politico mondiale che domina “su ogni tribù, popolo, lingua e nazione” (Rivelazione 13:7). Il nome 666 indica che il sistema politico è un totale fallimento agli occhi di Dio.

Klaus Schwab ha dato il via alle danze in una breve dichiarazione introduttiva:

Dopo aver esortato i suoi compagni d’élite a “ridurre il divario tra ricchi e poveri”, Schwab ha presentato il presidente cinese Xi Jinping che non ha perso tempo a mettere in guardia contro “l’inasprimento dell’antagonismo ideologico e la politicizzazione delle questioni economiche, scientifiche e tecnologiche”.

Diplomaticamente attento a non accusare nessun singolo Paese – ma palesemente ovvio per chiunque non sia completamente colpito dall’eroica introduzione del leader cinese da parte di Schwab – Xi ha messo in guardia le nazioni contro il protezionismo, così come “l’egemonia e il bullismo”, esortando i paesi a lavorare in modo cooperativo sulle sfide globali .

“Dobbiamo scartare la mentalità della Guerra Fredda e cercare una convivenza pacifica e risultati vantaggiosi per tutti”.

“Il nostro mondo oggi è tutt’altro che tranquillo. Le retoriche che alimentano odio e pregiudizio abbondano. Gli atti di contenimento, soppressione o confronto che ne derivano danneggiano, non meno bene, la pace e la sicurezza mondiale”, ha aggiunto, secondo una traduzione.

“La storia ha dimostrato più e più volte che il confronto non risolve i problemi. Invita solo conseguenze catastrofiche”.

“Il protezionismo e l’unilateralismo non possono proteggere nessuno. Alla fine danneggiano gli interessi degli altri oltre ai propri. Ancora peggio sono le pratiche di egemonia e bullismo, che vanno contro la marea della storia”.

Xi ha affermato che “la via giusta per l’umanità è lo sviluppo pacifico e la cooperazione vantaggiosa per tutti”.

Leggi la dichiarazione completa di Xi qui.

Questo è lo stesso Xi che sta militarizzando pacificamente le isole del Pacifico, ha recentemente preso di mira qualsiasi dissidente (o media) a Hong Kong, facendo pressioni egemoniche sui leader democraticamente eletti di Taiwan affinché accettino il suo governo e “presumibilmente” sta reprimendo milioni di musulmani uiguri.

Tuttavia, in mezzo a tutta la colpa per il disagio globale, sono emerse le vere paure di Xi quando ha chiarito che “la globalizzazione economica è la tendenza dei tempi” e che altre nazioni che inaspriscono le politiche è una ricetta per il disastro ( nel mondo secondo Xi):

“Il contesto globale di bassa inflazione è notevolmente cambiato e stanno emergendo i rischi di inflazione guidati da molteplici fattori.

Se le principali economie dovessero frenare o fare un’inversione di marcia nelle loro politiche monetarie, ci sarebbero gravi ricadute negative.

Presenterebbero sfide alla stabilità economica e finanziaria globale e i paesi in via di sviluppo ne sopporterebbero il peso maggiore”.

Come abbiamo notato in precedenza, è probabile che questa diventi LA storia dell’economia globale della prima metà del 2022 poiché la Cina è costretta a rallentare per prevenire una crisi abitativa e disordini sociali mentre il resto del mondo sta soffrendo a causa dell’inflazione elevata e delle pressioni politiche pluridecennali.

Non abbiamo dubbi sul fatto che la retorica di Pechino aumenterà all’inverosimile una volta che la Fed inizierà ad alzare i tassi di interesse e la Cina vedrà enormi deflussi di capitali, principalmente tramite criptovalute.

Il mercato dei cambi a termine prevedeva ancora un indebolimento dello yuan (contro l’USD) nei prossimi 12 mesi…

Come ha notato in precedenza Rabobank:

“Qualunque decisione prenda la Fed, sarà sbagliata. Indietreggia e guarda le aspettative di inflazione diventare più radicate. Vai avanti e guarda le cose peggiorare”.

E infine, se hai dubitato del sostegno di Xi al governo mondiale unico (presumibilmente con sede a Pechino), questo paragrafo conclusivo dovrebbe chiarire le cose:

“Le grandi economie dovrebbero vedere il mondo come un’unica comunità, pensare in modo più sistematico, aumentare la trasparenza delle politiche e la condivisione delle informazioni e coordinare gli obiettivi, l’intensità e il ritmo delle politiche fiscali e monetarie, in modo da evitare che l’economia mondiale crolli di nuovo. I principali paesi sviluppati dovrebbero adottare politiche economiche responsabili, gestire le ricadute politiche ed evitare gravi impatti sui paesi in via di sviluppo. Le istituzioni economiche e finanziarie internazionali dovrebbero svolgere il loro ruolo costruttivo per riunire il consenso globale, migliorare la sinergia politica e prevenire i rischi sistemici”.

“Dovremmo seguire la tendenza della storia, lavorare per un ordine internazionale stabile, difendere i valori comuni dell’umanità e costruire una comunità con un futuro condiviso per l’umanità. Dovremmo scegliere il dialogo anziché il confronto, l’inclusività rispetto all’esclusione e opporci a tutte le forme di unilateralismo, protezionismo, egemonia o politica di potere”.

Fonte

csm_schwab_97ae838fd9

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Pedofilo condannato ha incanalato milioni di contanti stranieri nella campagna 2016 di Hillary Clinton

Pedofilo condannato, consigliere UAE e testimone centrale nell’investigazione di Muller sulla Russia, George Nader, si è dichiarato colpevole del suo ruolo nell’aiutare gli Emirati Arabi Uniti a incanalare milioni di dollari in contributi elettorali illegali nelle campagne statunitensi durante le elezioni presidenziali del 2016, secondo The Intercept, citando documenti del tribunale federale depositati il mese scorso.

In una nota di condanna di dicembre, i pubblici ministeri federali hanno rivelato che Nader aveva accettato con mesi di anticipo di dichiararsi colpevole di un unico conteggio di cospirazione criminale per frodare il governo degli Stati Uniti pompando milioni in donazioni alla campagna di Hillary Clinton, nascondendo l’origine straniera dei fondi.

Nader ha cospirato per nascondere i fondi “per il desiderio di fare pressioni per conto e promuovere gli interessi del suo cliente, il governo degli Emirati Arabi Uniti”, secondo la nota di condanna dei pubblici ministeri. Nader ha ricevuto i soldi per le donazioni illegali dal governo degli Emirati Arabi Uniti, afferma il promemoria. Il deposito segna la prima volta che il governo degli Stati Uniti ha accusato esplicitamente gli Emirati Arabi Uniti, uno stretto alleato, di cercare illegalmente di acquistare l’accesso ai candidati durante le elezioni presidenziali.

La dichiarazione di colpevolezza di Nader apre una nuova finestra sugli sforzi degli Emirati Arabi Uniti e del loro sovrano de facto, il principe ereditario di Abu Dhabi Mohammed bin Zayed, noto come MBZ, di influenzare l’esito delle elezioni del 2016 e plasmare la successiva politica degli Stati Uniti nel Golfo. Il promemoria del governo rileva che Nader e l’uomo d’affari di Los Angeles Ahmad “Andy” Khawaja hanno anche cercato di coltivare “figure chiave” nella campagna di Trump e che Khawaja ha donato 1 milione di dollari al comitato inaugurale di Trump. Non è chiaro da dove provenissero quei soldi. -The Intercept

Nader è accusato di aver preso istruzioni dal principe ereditario degli Emirati Arabi Uniti MBZ e ha fornito aggiornamenti regolari sui suoi sforzi per avvicinarsi alla Clinton.

In totale, Nader ha trasferito quasi 5 milioni di dollari dalla sua attività negli Emirati Arabi Uniti a Khawaja, CEO di una società di elaborazione dei pagamenti con sede a Los Angeles. Secondo i pubblici ministeri, i fondi erano mascherati da un normale contratto d’affari tra i due uomini. Del totale trasferito, più di 3,5 milioni di dollari provenivano dal governo degli Emirati Arabi Uniti e sono stati dati a comitati politici democratici pro-Clinton. I pubblici ministeri devono ancora identificare pubblicamente cosa sia successo ai restanti 1,4 milioni di dollari di Nader trasferiti a Khawaja.

Nel 2016, Khawaja ha co-ospitato una raccolta fondi di agosto per Clinton che includeva una lista di ospiti di alto profilo, tra cui il proprietario di Univision Haim Saban, il magnate del cinema Jeffrey Katzenberg e la leggenda del basket Magic Johnson, secondo il rapporto. Secondo l’accusa, Khawaja ha cospirato con altre sei persone per nascondere i suoi contributi eccessivi. Altri che sono stati incriminati erano anche collegati a donazioni a Clinton e ad altri democratici.

L’accusa cita un presunto messaggio crittografato che Nader ha inviato a un funzionario del Paese straniero A tramite WhatsApp dopo che Khawaja ha contribuito con $ 275.000 e ha invitato Nader a partecipare e il 16 aprile 2016, all’evento per il candidato presidenziale 1.

Splendido incontro con la Grande Signora. . . Non vedo l’ora di parlarvene, avrebbe scritto Nader, in un apparente riferimento a Clinton.

L’accusa ha rilevato che i comitati politici che hanno ricevuto finanziamenti hanno presentato inconsapevolmente rapporti di divulgazione falsi e sono stati presumibilmente vittime del complotto. Tuttavia, Hillary Clinton avrebbe partecipato a numerosi eventi, inclusi piccoli raduni, con Nader, che il 19 luglio 2016 ha inviato al funzionario straniero una sua fotografia con il coniuge del Candidato 1, un apparente riferimento a Bill Clinton a casa di Khawajas. -Washington Post

I pubblici ministeri hanno chiesto una condanna a cinque anni per Nader – dopo che ha completato la condanna a 10 anni che sta attualmente scontando per possesso di materiale pedopornografico e per traffico sessuale di minore negli Stati Uniti “allo scopo di svolgere attività sessuale criminale”.

Nader è stato arrestato nel gennaio 2018 all’aeroporto di Dulles da agenti che lavoravano per Mueller. Una ricerca sui suoi iPhone ha rivelato la pornografia infantile, che immaginiamo sia stata usata come leva per ottenere la sua collaborazione. Tre mesi dopo, i pubblici ministeri hanno sporto denuncia contro Nader per le immagini, tuttavia sono state archiviate sotto sigillo e tenute segrete agli avvocati di Nader mentre lavorava con Mueller.

Nel luglio del 2017, 15 mesi dopo che Mueller aveva permesso a un pedofilo seriale di vagare per le strade nella speranza che potesse inchiodare Trump, Nader è stato finalmente incriminato sia per pedopornografia che per traffico sessuale di un ragazzo di 14 anni.

E, naturalmente, Mueller sapeva della condanna di Nader nel 1991 per pedopornografia negli Stati Uniti, per la quale ha scontato solo sei mesi in una casa di cura grazie al suo ruolo nell’aiutare a liberare gli ostaggi americani a Beirut. È stato anche condannato nella Repubblica Ceca nel 2003 per 10 capi di imputazione per aver fatto sesso con ragazzi minorenni e alla fine ha ricevuto una condanna a un anno di reclusione.

Leggi il resto del rapporto qui.

Fonte

hillary-nader

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Ghislaine Maxwell non proteggera` piu` gli “amici” di Epstein; Sembra abbia avuto una relazione intima con il principe Andrea

Ghislaine Maxwell, condannata per reati sessuali e socialite britannica, non si opporrà più a mantenere sigillate “vaste quantità di informazioni” sulla sua “operazione di traffico sessuale” con Jeffrey Epstein, dopo che l’accusatrice Virginia Roberts Giuffre ha chiesto che fossero rese pubbliche, secondo il Daily Mail.

Uno degli avvocati della Maxwell ha dichiarato la scorsa settimana in una lettera al giudice federale Loretta Preska che la squadra di difesa non si opporrà più a esporre le identità dei “John Does” contenute in una causa civile del 2015 intentata dalla Giuffre contro la Maxwell.

“Dopo un’attenta revisione delle obiezioni dettagliate presentate, l’avvocato di Ghislaine Maxwell scrive per informare la Corte che non desidera affrontare ulteriormente tali obiezioni”, si legge nella lettera del 12 gennaio firmata dall’avvocato Laura Menninger.

“Ciascuno dei Do elencati ha avvocati che hanno abilmente affermato i propri rispettivi diritti alla privacy. La signora Maxwell quindi lascia a questa Corte il compito di condurre la revisione appropriata coerente con l’Ordine e il Protocollo per l’annullamento delle mozioni decise”, continua la lettera.

L’avvocato di Guffre, Sigrid McCawley, ha affermato che “l’avversione generalizzata e la negatività” derivante dall’essere associati a Epstein non e` stata sufficiente a mantenere privati ​​i documenti, in particolare alla luce del “grande interesse pubblico” nel caso e del fatto che il processo per tratta di ragazze minorenni della Maxwell e’ finito.

“Ora che il processo penale della Maxwell è finito, ci sono poche ragioni per mantenere la protezione sulla vasta gamma di informazioni sull’operazione di traffico sessuale di Epstein e della Maxwell che erano state originariamente archiviate sotto sigillo in questo caso”.

Il principe Andrea?

Nel frattempo, un documentario di ITV programmato per la messa in onda martedì sostiene che la Maxwell e il principe Andrea erano così intimi che le è stato permesso di entrare e uscire da Buckingham Palace a piacimento.

Mentre lavorava nell’unità del comando di protezione dei reali e degli specialisti, l’ex ufficiale Page ha dichiarato che un suo collega “ricordava che era arrivata quattro volte in un giorno”, poiché visitava regolarmente il principe quando viveva a palazzo.

Maxwell ha visitato Buckingham Palace nel 2001, secondo Page, lo stesso anno in cui Virginia Giuffre, accusatrice di Jeffrey Epstein, sostiene che il principe Andrew abbia fatto sesso con lei nella residenza londinese della socialite britannica. -RT

“Ho incontrato Ghislaine Maxwell per la prima volta nel 2001. Dal modo in cui le è stato permesso di entrare e uscire dal palazzo a suo piacimento, ci siamo resi conto e sospettavamo che potesse avere una relazione intima con il principe Andrea”, dice Page – un’affermazione supportata dall’amico e banchiere della Maxwell, Euan Reille, che ha affermato di “aver avuto la sensazione che il principe Andrea e Ghislaine fossero stati probabilmente fidanzata e fidanzato in passato” a causa del loro “forte sintonia”.

La scorsa settimana, appena un giorno dopo che il Andrea aveva perso l’appello per archiviare una causa per abusi sessuali intentata contro di lui dall’accusatrice Virginia Giuffre, il principe ha accettato di essere spogliato di tutte le affiliazioni militari ufficiali e dei patrocini reali.

In una breve dichiarazione di giovedì, Buckingham Palace ha annunciato che il principe Andrea, con l’approvazione e l’accordo della regina, ha rinunciato ai suoi patrocini reali e “continuerà a non assumere alcun incarico pubblico”.

Andrea “sta difendendo questo caso da privato cittadino”, conclude la dichiarazione, riferendosi al suo processo per abusi sessuali su pedofilia che è stato autorizzato a procedere mercoledì scorso.

Fonte

ghislaine-and-andrew

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Come il dottor Fauci ha tratto vantaggio (economicamente) dalla pandemia

Finalmente, dopo che una manciata di organizzazioni hanno cercato di citare in giudizio il dottor Anthony Fauci per il loro rilascio, abbiamo i dati finanziari del buon dottore – insieme a quelli di sua moglie, che è la principale bioetica del NIH. E sono stati fatti trapelare dallo stesso senatore che Fauci ha definito un “deficiente” la scorsa settimana.

Sapevamo già che il dottor Fauci è il dipendente del governo federale più pagato, con uno stipendio annuo di oltre $ 400.000. Sua moglie, Christine Grady, guadagna $ 176.000 come capo del dipartimento di bioetica del NIH.

I documenti, pubblicati dal repubblicano Roger Marshall, lui stesso medico e anche giovane senatore degli Stati Uniti del Kansas, hanno mostrato che i Fauci hanno un patrimonio netto combinato di oltre $ 10 milioni.

Come spiega il Daily Mail, Fauci, 80 anni, guida il National Institute of Allergy and Infectious Diseases dal 1984 e, se continuerà fino alla fine del mandato di Biden nel 2024, avrà guadagnato circa 2,5 milioni di dollari come consulente medico capo del presidente. Quando andrà in pensione, la pensione di Fauci sarà la più grande nella storia degli Stati Uniti, superando i 350.000 dollari all’anno.

Come promemoria, il dottor Fauci ha mentito ancora una volta al Congresso insistendo sul fatto che i suoi dati finanziari erano pubblici, quando molto non lo erano (prima che venissero fatti trapelare dal senatore del Kansas).

Sebbene il dottore abbia insistito sul fatto che non ha tratto profitto dalla pandemia, i suoi documenti hanno mostrato che lui e sua moglie sono stati pagati $ 14.000 per partecipare “virtualmente” a una serie di galà direttamente correlati alla sua posizione di zar del COVID.

Forse la rivelazione più divertente dai dati finanziari del dottor Fauci è la rivelazione che la coppia possiede un ristorante a San Francisco. Si chiama Jackson Fillmore Trattoria. Sfortunatamente per loro, l’anno scorso il ristorante non ha fatto soldi.

Il senatore Marshall si è scontrato con il medico di 80 anni martedì quando Marshall ha richiesto di visionare le informazioni finanziarie di Fauci. Fauci ha risposto che i documenti erano pubblici e sembrava persino offeso per la richiesta. “Sì o no, sarebbe disposto a presentare al Congresso e al pubblico una divulgazione finanziaria che includa i suoi investimenti passati e attuali?” ha chiesto Marshall. “Il nostro ufficio non li trova.” Fauci ha risposto: “Non capisco perché mi stia facendo questa domanda … la mia condizione finanziaria è di dominio pubblico ed è stato così negli ultimi 37 anni circa”.

Secondo il Center for Public Integrity, i bilanci di Fauci erano effettivamente disponibili al pubblico, tuttavia ottenerli è stata una procedura lunga: il documento e stato richiesto a maggio del 2020 ma e’ arrivato ben 3 mesi dopo.

In fin dei conti, il dottor Fauci ha tre conti con Charles Schwab per un totale di $ 8.337.940,90. Ha un IRA contributivo con $ 638.519,70 e un conto fiduciario di intermediazione con $ 2.403.522,28. Infine, il più importante dei tre divulgati era uno con il Schwab One Trust contenente $ 5.295.898,92.

La maggior parte della ricchezza del dottor Fauci deriva dal suo stipendio governativo, ma ha anche un ricavato sostanziale dai libri e dalle apparizioni. Il senatore Marshall sta spingendo per una nuova legge chiamata “FAUCI Act” che richiederebbe a burocrati non eletti come il dottor Fauci di produrre informazioni finanziarie più approfondite in modo che possano essere adeguatamente esaminate dal pubblico americano.

I lettori possono trovare ulteriori informazioni sul sito Web del senatore Marshall, che presenta una ripartizione più completa dei dati finanziari del medico, insieme a copie di tutti i documenti associati.

Fonte

faucis2

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Ex capo della task force sui vaccini del Regno Unito: continuare a vaccinare le persone e` una “perdita di tempo”

È una “perdita di tempo” continuare a vaccinare le persone contro il covid, ha affermato l’ex presidente della Taskforce dei vaccini britannica.

Il 16 gennaio il dottor Clive Dix, che ha svolto un ruolo chiave nell’aiutare le aziende farmaceutiche a creare i vaccini COVID-19, ha dichiarato alla radio LBC: “La variante Omicron è un virus relativamente lieve. E continuare a vaccinare le persone e pensare di farlo di nuovo per proteggere la popolazione è, a mio avviso, una perdita di tempo”.

Dix ha affermato che l’attenzione ora dovrebbe essere rivolta alla protezione delle persone vulnerabili, come quelle con più di 60 anni, il 2% delle quali non è stato vaccinato.

“Dovremmo avere un approccio altamente mirato per far vaccinare quelle persone e chiunque altro sia vulnerabile”, ha detto.

Sebbene sostenga l’attuale campagna vaccinale sui richiami, ha affermato di essere stato “critico” nel fare il richiamo a tutti poiché non è convinto che “era necessario o utile” per i giovani.

Dix ha detto: “Penso che il pensiero del momento fosse quello di fermare l’infezione e la trasmissione quando chiaramente questi vaccini non lo fanno”.

Ha detto che il governo deve essere “molto concentrato” sull’educazione per il “futuro programma di vaccinazione” il prossimo inverno.

Ha suggerito che uno “studio sullo stato immunitario” dovrebbe essere condotto per “capire esattamente l’immunità della popolazione”, in modo che “entro il prossimo inverno, possiamo davvero avere una politica di vaccinazione intelligente, utilizzando i vaccini giusti al momento giusto per le persone giuste.”

Dix ha detto al quotidiano The Observer la scorsa settimana che la vaccinazione di massa contro COVID-19 dovrebbe finire e il Regno Unito dovrebbe concentrarsi sulla gestione di una malattia endemica come l’influenza.

“Ora dobbiamo gestire la malattia, non la diffusione del virus”, ha affermato.

“Quindi fermare la progressione verso una malattia grave nei gruppi vulnerabili è l’obiettivo futuro”.

I consulenti medici del governo del Regno Unito hanno già riconosciuto che è “insostenibile” vaccinare la popolazione ogni tre o sei mesi.

Sir Patrick Vallance, il principale consulente scientifico del Regno Unito, ha affermato il 3 gennaio che non è nella “visione a lungo termine” del governo somministrare a tutti un vaccino di richiamo ogni pochi mesi.

Il professor Andrew Pollard, direttore dell’Oxford Vaccine Group e presidente del Joint Committee on Vaccination and Immunization (JCVI) del governo, ha dichiarato al Telegraph che “non è sostenibile o conveniente” “vaccinare il pianeta ogni quattro o sei mesi”.

Il 7 gennaio, il comitato consultivo sulla vaccinazione del governo del Regno Unito ha raccomandato di non somministrare una quarta dose di vaccino COVID-19 ai residenti delle case di cura e alle persone con più di 80 anni.

Il JCVI ha affermato che le tre dosi dei vaccini stanno ancora fornendo “un’ottima protezione contro le malattie gravi” e una seconda dose di richiamo immediata per i più vulnerabili “fornirebbe solo un beneficio aggiuntivo limitato contro le malattie gravi in ​​questo momento”.

Fonte

uk-teen-pfizer-2-700x420-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il governo britannico ha utilizzato tattiche di paura “propagandistiche” per spaventare il pubblico e renderlo conforme

Lo scienziato del comportamento che ha co-fondato l’unità nudge di Downing Street ha parlato

Il governo britannico ha utilizzato tattiche di paura “propagandistiche” per spaventare il pubblico e renderlo conforme durante il primo lockdown COVID, secondo uno scienziato comportamentale che ha lavorato all’interno di Downing Street.

Simon Ruda ha co-fondato la “Nudge Unit”, inizialmente istituita per incoraggiare cambiamenti comportamentali positivi nel pubblico britannico senza bisogno di coercizione o legislazione, ma è stata utilizzata come arma durante la pandemia per creare allarmismo.

“Secondo me, l’errore più eclatante e di vasta portata commesso nel rispondere alla pandemia è stato il livello di paura trasmesso volontariamente al pubblico”, ha scritto Ruda.

“Quella paura sembra aver successivamente guidato le decisioni politiche in un preoccupante ciclo di feedback”, ha aggiunto, osservando che tali azioni equivalevano a “propaganda autorizzata dallo stato”.

Lo scienziato del comportamento ha affermato che un’ossessione per i numeri quotidiani dei casi è arrivata a dominare il pensiero, servendo a diffondere ancora più paura.

Quel processo includeva l’esagerazione grossolana della minaccia rappresentata dal COVID e la produzione di una propaganda allarmista e spaventosa per spaventare la popolazione fino alla sottomissione.

Come abbiamo evidenziato in precedenza, gli scienziati nel Regno Unito che lavorano come consulenti per il governo hanno ammesso di aver utilizzato quelli che ora ammettono essere metodi “non etici” e “totalitari” per instillare paura nella popolazione al fine di controllare il comportamento durante la pandemia.

Il London Telegraph ha riportato i commenti fatti dai membri del Scientific Pandemic Influenza Group on Behavior (SPI-B), un sottocomitato del Scientific Advisory Group for Emergencies (Sage), il principale gruppo consultivo scientifico del governo.

Il rapporto cita un briefing del marzo 2020, quando è stato decretato il primo lockdown, in cui si affermava che il governo dovrebbe aumentare drasticamente “il livello percepito di minaccia personale” rappresentato dal virus perché “un numero considerevole di persone non si sente ancora sufficientemente minacciato personalmente. “

Uno scienziato dell’SPI-B ammette che “A marzo [2020] il governo era molto preoccupato per la conformità e pensava che le persone non avrebbero voluto essere messe sotto lockdown. Ci sono state discussioni sulla necessità della paura per incoraggiare la conformità e sono state prese decisioni su come aumentare la paura”.

Lo scienziato senza nome ha aggiunto che “Il modo in cui abbiamo usato la paura è distopico”.

Lo scienziato ha inoltre confessato che: “L’uso della paura è stato decisamente eticamente discutibile. È stato come uno strano esperimento. Alla fine, si è ritorto contro perché le persone sono diventate troppo spaventate”.

La campagna della paura ha funzionato chiaramente.

Entro l’estate del 2020, il britannico medio pensava che il 6-7% della popolazione del Regno Unito fosse morta a causa del coronavirus, una cifra pari a circa 4,5 milioni di persone.

All’epoca, il COVID-19 aveva effettivamente causato circa 40.000 vittime.

Ma non preoccuparti, tutto questo non ha alcuna importanza, perché i “fact checkers” hanno stabilito che la “psicosi di massa” non è affatto una cosa accaduta durante la pandemia.

Fonte

130122uk1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Genitori inorriditi: Una scuola ospita il “SATAN Club” per bambini

I satanisti prendono di mira bambini di appena sei anni

I genitori dell’Illinois sono rimasti scioccati nello scoprire che la scuola dei loro figli ha approvato un evento per bambini organizzato dal Tempio Satanico.

L’evento, intitolato “Satan Club“, tenutosi presso la Jane Addams Elementary School di Moline, ha promesso di introdurre i bambini a “una visione del mondo scientifica, razionalista e non superstiziosa”.

Il Satan Club è destinato ai bambini dalle classi 1-5, il che significa che i presunti satanisti prendono di mira bambini di appena sei anni.

Un volantino che promuove l’evento, pubblicato su Facebook da un genitore, ha notato che tutte le persone coinvolte erano state “controllate” dal Tempio Satanico e avevano superato i controlli sui precedenti penali.

Confortante…

Nota inoltre che “il Tempio Satanico è una religione non teistica che vede Satana come una figura mitica che rappresenta la libertà individuale” e che il club “non tenta di convertire i bambini ad alcuna ideologia religiosa”.

“Ehi ragazzi, divertiamoci all’After School Satan Club!” il volantino afferma:

No grazie.

Tra gli altri post che promuovono la loro dilagante difesa dell’aborto e Satana per il 2022, il Tempio satanico sta promuovendo i club per bambini:

La scuola dell’Illinois ha fornito maggiori informazioni, sostenendo che stava solo affittando uno spazio all’organizzazione:

Molti hanno espresso rabbia e incredulità per il fatto che la scuola avrebbe consentito all’organizzazione di entrare.

Nel frattempo, a queste persone va bene con i satanisti abbiano accesso a bambini di sei anni:

Fonte

screenshot-2022-01-14-at-12.03.36-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il messaggio occulto del video di “Sacrifice” di The Weeknd

Uno sguardo al significato occulto dietro il video di The Weeknd “Sacrifice” e il concept del suo album “Dawn FM”.

Nel caso non lo sapessi, The Weeknd è una delle celebrita` con maggiore rilievo nell’industria dell’intrattenimeto. Voglio dire, continua a vincere ogni premio; Continua a frequentare celebrità come Bella Hadid, Selena Gomez e (apparentemente) Angelina Jolie; Attualmente sta vendendo il suo appartamento di Los Angeles soprannominato “The Mogul” per $ 22,5 milioni … perché ha acquistato una villa enorme da $ 69 milioni a Bel Air.

L’appartamento di Weeknd contiene oggetti interessanti come questo androide che è chiaramente ispirato a Maria dal film Metropolis (che è venerato dall’élite occulta).

Seriamente, The Weeknd è veramente uno degli artisti piu` rinomati di questa epoca. E lui lo sa. Cinque anni fa, ha celebrato il suo successo planetario con la canzone Starboy dove canta: “I’m motherf*cking starboy” Ancora più importante, il video rappresentava simbolicamente la sua ascesa a un livello superiore nell’industria musicale.

Come conferma definitiva, The Weeknd si è esibito all’intervallo del Super Bowl 2021, il più grande evento televisivo dell’anno. E anche questo era molto simbolico.

Mentre sappiamo tutti che The Weeknd è famoso, c’è un tema importante in quasi tutte le sue opere: la fama ha un prezzo. Il suo nuovo album Dawn FM continua con la stessa narrativa.

DAWN FM

Perché The Weeknd è vecchio sulla copertina dell’album Dawn FM? Presto lo capirai.

Il concetto alla base di Dawn FM è descritto come “ascoltare una stazione radio pop retrò mentre si è in purgatorio”. Per tutto l’album, un DJ radiofonico (l’attore Jim Carey) guida The Weeknd (e gli ascoltatori) verso “la luce”, che potrebbe riferirsi alla morte. Anche se questo è già un concetto cupo, “la luce” potrebbe in realtà essere qualcos’altro.

Il primo video di quell’album, intitolato Sacrifice, indica chiaramente che c’è un oscuro significato spirituale dietro l’album.

Seriamente, quel video è fondamentalmente Neovitruvian 101. Voglio dire, il nome stesso dice tutto: si tratta di sacrificare la propria anima all’élite occulta. Alcuni potrebbero dire:

“Stai fantasticando troppo, si tratta di lui che non è disposto a sacrificare la sua indipendenza quando si trova coinvolto in una relazione”.
Dimmi pure quando nel video arriva la parte che riguarda una relazione.

SACRIFICE
Il video inizia introducendo il concetto alla base di Dawn FM. Mentre The Weeknd si trova in una stanza buia, sentiamo il DJ radiofonico dire:

“Ora stai ascoltando 103.5 Dawn FM. Sei stato nell’oscurità per troppo tempo. È tempo di camminare verso la luce e accettare il tuo destino a braccia aperte. Impaurito? Non preoccuparti. Saremo qui per tenerti la mano e guidarti attraverso questa transizione indolore. Non c’e` fretta? Rilassati e goditi un’altra ora di musica senza pubblicità su 103.5 Dawn FM.

Accecato da una luce potente, The Weeknd fa il segno dell’occhio che tutto vede.

Siamo di fronte ad un pesante simbolismo luciferino. In primo luogo, Lucifero è conosciuto come il “figlio dell’alba” (DAWN=ALBA n.d.r.) nella Bibbia e in varie mitologie. Inoltre, la parola Lucifero significa letteralmente “portatore di luce” in latino. Questo perché Lucifero è esotericamente associato al pianeta Venere, la stella vista all’alba.

Gli antichi romani parlavano latino e conoscevano Venere come la stella del mattino con il suo nome latino, Lucifero (portatore di luce). Nella loro mitologia, Lucifero portava una torcia e annunciava l’alba. Per i romani Lucifero era sacro alla dea Venere, nome che in seguito fu scelto come nome scientifico del pianeta.
– Nightsky Tourist, Venere: il pianeta con due nomi

Quindi, quando il DJ Jim Carey (dalla stazione Dawn FM) dice a The Weeknd di “camminare nella luce”, siamo nel profondo del simbolismo luciferino. Non si tratta di morte fisica, si tratta di morte e rinascita spirituale, l’obiettivo delle iniziazioni occulte. Ciò è confermato dal fatto che Carey dice anche “sei stato all’oscuro per troppo tempo”.

Un altro elemento che allude al fatto che Sacrifice riguarda l’iniziazione occulta: IL RESTO DELL’INTERO VIDEO.

The Weeknd viene trasportato con la forza da un gruppo di persone che indossano cappucci neri. Di solito non e` una bella cosa.

Viene quindi legato a un aggeggio circolare e viene sollevato su un “palcoscenico” affinché tutti lo vedano.

Questa scena è fondamentalmente The Weeknd che viene crocifisso. Stiamo assistendo a una messa nera satanica in cui riti e simboli cristiani vengono distorti, derisi e profanati.

Tra le vesti nere emerge una figura incappucciata di rosso.

Analizzo video musicali dal 2009 e ho sempre sottolineato il fatto che molti di loro sono segretamente profondamente ritualistici. Oggi i video sono rituali, non lo nascondono più. Inoltre, ho sempre evidenziato l’importantissimo codice di colori in questi video in cui il rosso rappresenta il sacrificio durante l’iniziazione. Ebbene, in questo video chiamato Sacrifice, The Weeknd viene “iniziato” da una figura incappucciata di rosso.

E quell’iniziazione non sembra affatto piacevole.

La figura incappucciata si avvicina a The Weeknd ed estrae qualcosa da The Weeknd.

Considerando il contesto occulto del video, quella figura rossa probabilmente ha estratto l’anima o la forza vitale di The Weeknd. Ed è esattamente ciò che è necessario per diventare grande nell’industria musicale.

Dopo il rituale, The Weeknd si esibisce per le figure incappucciate mentre è letteralmente incatenato all’asta del microfono. Questo è un modo perfetto per rappresentare la schiavitù nell’industria musicale.

Quindi, la figura incappucciata viene rivelata.

All’inizio, la persona rossa sembra normale ma, per un secondo, vediamo la sua faccia vera, brutta, putrefatta e demoniaca.

All’inizio, la persona in rosso sembra normale ma, per un secondo, vediamo la sua faccia vera, brutta, putrefatta e demoniaca.

Quando The Weeknd si toglie i guanti, vediamo che è marcio come la figura rossa. Adesso è uno di loro.

Il video si conclude con The Weeknd che se ne va. Ha alcune cose da fare e persone da vedere. Perché è un personaggio molto importante.

Se in qualche modo credi ancora che Sacrifice riguardi una relazione, il video del remix rende le cose ancora più chiare.

Il video remix di Sacrifice parla di giovani alla moda che ballano e si divertono. Ma poi, alcuni ballerini vengono posseduti, come questa ragazza con gli occhi completamente bianchi.

Quindi, la ballerina levita mentre le persone ballano in cerchio attorno a lei.

Il video remix riassume l’obiettivo dell’industria: dopo aver “infettato” The Weeknd con la sua malattia marcia, lo sta utilizzando per infettare il resto del mondo.

Mi sa che passo.

CONCLUDENDO
Mentre i critici sono impazziti per l’originalità e la creatività di Dawn FM, il video di Sacrifice è tutt’altro che originale e creativo. In effetti, segue lo stesso identico schema utilizzato da innumerevoli video musicali con simbolismo ritualistico.

Il concetto di Dawn FM riguarda il seguire “la luce”. Tuttavia, quando si comprende il significato del Sacrificio, diventa ampiamente chiaro che in realtà stiamo parlando… della falsa luce.

E non c’è da stupirsi, perché anche Satana si traveste da angelo di luce.
– 2 Corinzi 11:8

Fonte

leadweeknd3

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

270 scienziati “arrabbiati” citano i “fact checkers” del MSM in una lettera aperta che esorta Spotify a censurare Joe Rogan

Sapevi che stava arrivando…

Due settimane dopo che Joe Rogan ha intervistato l’inventore dei vaccini a mRNA, il dottor Robert Malone sul suo podcast Spotify – che vanta in media 11 milioni di spettatori – una brigata di 270 medici arrabbiati hanno scritto una lettera aperta a Spotify per chiedere di censurare Rogan e implementare una politica contro la “disinformazione COVID”, in modo che le persone, anche virologo-immunologi altamente qualificati come Malone, non possono contraddire “la scienza”.

Il loro argomento principale:

Nell’episodio #1757, Rogan ha ospitato il dottor Robert Malone, che è stato sospeso da Twitter per aver diffuso disinformazione su COVID-19. Il dottor Malone ha utilizzato la piattaforma JRE per promuovere ulteriormente numerose affermazioni infondate, comprese diverse falsità sui vaccini COVID-19 e una teoria infondata secondo cui i leader della società hanno “ipnotizzato” il pubblico. Molte di queste affermazioni sono già state screditate.

I link rimandano a una presentazione di Instagram e a tre “fact check” di MSM, uno dei quali non parla nemmeno di Malone, e afferma che le sue azioni non sono solo “discutibili e offensive, ma anche pericolose dal punto di vista medico e culturale”.

E, naturalmente, solo tre dei firmatari sono immunologi, circa il 10% sono infermieri o infermieri e 33 sono una sorta di “assistenti” (professore, infermiere, laboratorio, ecc.). In breve, quasi nessuna di queste persone è qualificata per confutare Malone, motivo per cui probabilmente si collegano ai “fact checkers” invece di scrivere la propria risposta a quanto ha detto Malone.

Non c’è da stupirsi che i cagnolini dell’establishment siano in preda al panico…

Fonte

robert-malone

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €