Pedogate: Abuso di potere (Parte 1)

Un inglese di 40 anni di nome Michael Roberts ha attirato l’attenzione del mondo quando si è fatto avanti il ​​19 gennaio 2013 affermando di essere un sopravvissuto di una rete di pedofili satanici a cui partecipano ricchi e potenti accoliti britannici. Roberts afferma di essere stato maltrattato a partire dall’età di 2 anni fino ai 13 anni, veniva principalmente drogato e violentato durante cerimonie sataniche. Queste cerimonie, sostiene Roberts, erano organizzate dal suo patrigno, Michael Horgan, che si sarebbe unito agli altri per violentare suo figlio.

Michael Horgan, che usava lo pseudonimo di Shaun O’Donnell, divenne noto come il Sommo Sacerdote di Satana. Horgan ha portato il suo stesso figliastro ai rituali satanici che ha organizzato.

Secondo il Mirror, Horgan ha anche appeso il figliastro e un’altra vittima ancora più giovane “a dei ganci“.

Secondo Roberts, alle cerimonie partecipavano personaggi ricchi e famosi, come attori e politici. Una delle persone a cui Horgan ha permesso di violentare il figliastro era il membro del Parlamento Cyril Smith. Dopo essere entrato in politica nel 1945 a soli 17 anni, Smith avrebbe continuato a trascorrere tutta la sua vita come politico in carriera. Fu eletto sindaco di Rochdale nel 1966, eletto al Parlamento nel 1972 e nominato cavaliere dalla regina Elisabetta nel 1988.

Secondo il Mirror,

“Impegnato negli studi per ottenere la qualifica da consulente, Michael ricorda emozionalmente: “Avevo paura di lui a causa delle sue dimensioni. Ma a quel punto stavo subendo abusi da parte di così tante persone che mi ero…abituato”.

A queste cerimonie, i satanisti legavano i bambini nudi e bendati a una croce su un altare nero dove sarebbero stati drogati e violentati. I bambini venivano anche costretti a compiere atti sessuali tra loro mentre gli adulti li filmavano.

Tre mesi prima che Roberts si facesse avanti, una donna di nome Karin Ward pubblico` un’autobiografia in cui descriveva in dettaglio gli abusi sessuali subiti per mano di una celebrità televisiva fumatrice di sigari che chiamava “JS”.

Era chiaro che la Ward si riferiva a Jimmy Savile, amato da milioni di persone grazie alla sua carriera di conduttore radiofonico e televisivo della BBC. A partire dagli anni ’60, Savile iniziò la sua vita da pedofilo che non fu esposta al mondo fino a dopo la sua morte nell’ottobre del 2011, appena un anno prima che Karin Ward si facesse avanti come una delle sue vittime. Ward ha affermato che l’abuso era diffuso e le accuse venivano puntualmente ignorate.

“Devono essercene centinaia, se non migliaia, che non hanno mai parlato. Spero che traggano coraggio dal fatto che sono sopravvissuta”.

Il numero totale delle vittime di Savile è probabilmente superiore a 500 ragazze e ragazzi, secondo il Guardian, e un rapporto commissionato dalla National Society for the Prevention of Cruelty to Children ha scoperto prove credibili che dimostrano che Savile ha anche violentato adulti all’infermeria generale di Leeds e che faceva sesso con cadaveri. Si è persino vantato con il personale dell’ospedale di aver realizzato gioielli con un bulbo oculare di vetro che aveva rubato a un cadavere.

Il Washington Post ha riferito,

“Per quanto scioccanti siano i risultati, ancora più scioccante è il fatto che Savile sia riuscito a farla franca per così tanto tempo. Questa consapevolezza ha “scosso il nostro paese fino al midollo”, ha detto giovedì il segretario alla salute del Regno Unito Jeremy Hunt. Per decenni, mentre Savile ha ospitato uno spettacolo dopo l’altro ed è stato felice, gli abusi sono andati avanti. Numerose testate giornalistiche si sono chieste: come? Come ha fatto nessuno a saperlo? Perché non è stato fermato?”

Come riportato dal Telegraph, almeno 100 dipendenti della BBC erano a conoscenza del segreto di Pulcinella di Savile.

“Volti famosi della società, tra cui Dame Esther Rantzen, Sir Terry Wogan, Louis Theroux, Mike Read e Nicky Campbell, erano tra i 117 membri dello staff della BBC che si dice fossero a conoscenza di voci sulla condotta sessuale di Savile”.

Le voci sugli abusi di Savile non circolavano solo nella BBC. Già nel 1978, Johnny Rotten dei Sex Pistols tentò di attirare l’attenzione su Jimmy Savile in un’intervista radiofonica.

“Jimmy Savile è un ipocrita. Scommetto che gli piacciono tutti i tipi di squallidezze di cui tutti siamo a conoscenza, ma di cui non ci è permesso parlarne. Conosco alcune voci. Scommetto che niente di tutto questo verra’ pubblicato”.

Quattro anni dopo la morte di Savile, Rotten è stato intervistato da Piers Morgan dove ha ricordato come fosse stato sospeso dalla rete dopo aver denunciato lo scandalo.

“Mi sono ritrovato a essere bandito dalla radio della BBC a causa del mio comportamento ‘controverso'”.

Sono state infatti avviate 7 indagini su Savile, per poi essere bruscamente archiviate poco dopo.

Nel gennaio del 2013, lo stesso mese in cui Michael Roberts si fece avanti con l’accusa di abusi rituali satanici contro Cyril Smith, Express pubblicò un articolo intitolato Jimmy Savile faceva parte di un circolo satanico. Nell’articolo c’era la testimonianza di uno dei sopravvissuti che descriveva le messe nere in cui Savile e altri partecipanti indossavano abiti e maschere con cappuccio e cantavano “Ave Satana” in latino durante le cerimonie a lume di candela.

“Ho riconosciuto [Savile] per la sua voce distintiva e per il fatto che i suoi capelli biondi sporgevano dal lato della maschera. Non era il leader ma era considerato importante per la sua fama”.

In tutto il rapporto, abbiamo appreso che questo informatore non era l’unico ad affermare che Savile apparteneva a un giro di traffico di bambini. Almeno un’altra sopravvissuta si è fatta avanti descrivendo le volte in cui è stata violentata in cerimonie sataniche da Savile e altre figure potenti.

“Insieme ad altre giovani donne, la vittima veniva accompagnata ad aspettare in un’altra stanza prima di essere riportata indietro per trovare Savile in una sorta di ruolo di maestro delle cerimonie con un gruppo che indossa abiti e maschere. Anche lei udì canti latini e riconobbe immediatamente le insegne satanistiche. Sebbene la ragazza fosse una giovane adulta, che aveva superato l’età del consenso, aveva subito una storia di abusi sessuali ed era estremamente vulnerabile”.

Il direttore della Clinic for Dissociative Studies di Londra, la dott.ssa Valerie Sinason, ha rimarcato la credibilità di queste due accuse separate.

“Nessuna delle due ragazze si conosceva, vivevano in diverse parti del paese e mi hanno contattato a un anno di distanza, eppure le loro esperienze sono molto simili”.

È possibile che Jimmy Savile e Cyril Smith appartenessero alla stessa rete satanica? O è più probabile che ci siano più reti sataniche che operano contemporaneamente?

Come potrebbe esistere una rete di pedofili satanici ai più alti livelli di governo e intrattenimento senza che il pubblico lo scopra? I media non dovrebbero essere coinvolti nell’insabbiamento, in un modo o nell’altro?

Il 26 aprile 1999, uno sparo è stato sentito vicino alla casa della presentatrice televisiva della BBC, Jill Dando. La Dando si era unita a una campagna per attirare l’attenzione su una potente rete di pedofili quando è stata uccisa a colpi di arma da fuoco sulla soglia di casa sua. Il delitto rimane ad oggi irrisolto. Secondo il suo ex collega, la Dando aveva consegnato un fascicolo di prove alla direzione della BBC e non se ne è fatto nulla.

“L’amico e lavoratore in pensione della BBC ha detto che alla defunta conduttrice di Crimewatch è stato detto che DJ, celebrità e altro personale erano coinvolti in abusi organizzati”.

Nel 2013, alcune di queste voci sono state confermate quando DJ Ray Teret è stato condannato a 25 anni di carcere per 11 capi di imputazione per aggressione indecente e 7 capi di abusi su minori contro ragazze di appena 12 anni. Questo DJ radiofonico in precedenza ha lavorato come autista di Jimmy Savile.

Vale la pena notare che anche l’amico della Dando, il vicepresidente del Chelsea Matthew Harding, è morto in un misterioso incidente in elicottero.

Mark Thompson è stato Direttore Generale della BBC dal 2004 al 2012. Thompson avrebbe saputo del passato di Savile durante gli 8 anni in cui ha lavorato lì e ha affrontato dure critiche per il modo in cui ha diretto la copertura, lassista e spesso sprezzante della BBC sullo scandalo Savile.

Il 14 agosto 2012, Mark Thompson ha lasciato la BBC per lavorare come CEO del New York Times. Nei due anni successivi, l’atteggiamento del New York Times nei confronti della pedofilia sembra essere diventato più accomodante. Il 5 ottobre 2014 il Times ha pubblicato un articolo intitolato Pedophilia: A Disorder, Not a Crime. Alcuni hanno descritto questo come una spinta del CEO Mark Thompson a destigmatizzare la pedofilia.

BBC Newsnight avrebbe dovuto mandare in onda un’indagine sugli abusi di Jimmy Savile nel 2011 subito dopo la sua morte. Il documentario – che non mostrava il volto di Savile nemmeno una volta – non è andato in onda per diversi anni. Invece, la BBC ha trasmesso in televisione due tributi separati a Savile anche se le accuse contro di lui erano pubblicamente note.

Il 25 settembre 2017, il New York Times ha raddoppiato i suoi sforzi per destigmatizzare la pedofilia pubblicando un articolo intitolato Why I Ammire Anthony Weiner, pubblicato dopo che Weiner è stato condannato a 21 mesi di prigione per aver inviato e sollecitato immagini di nudo da un minore.

Perché Mark Thompson, che avrebbe saputo del comportamento di Savile durante gli 8 anni in cui ha lavorato lì, ha lasciato la BBC per lavorare come CEO del New York Times? Perché il New York Times sembra difendere la pedofilia?

Perché la direzione della BBC ha sentito il bisogno di coprire ripetutamente i crimini di Jimmy Savile? È ipoteticamente possibile che una forza molto più grande della BBC, attraverso tattiche di stampo mafioso, sia in grado di ordinare alla BBC e ad altre grandi reti di evitare di smascherare reti pedofile di alto profilo?

A partire dal 1983, quando il membro del parlamento Geoffrey Dickens ha trasmesso un dossier alle autorità che nominavano 21 diversi pedofili all’interno del governo della Gran Bretagna, è iniziata una soppressione della verità lunga diversi decenni. I media e il governo hanno agito di concerto per coprire il giro del traffico di bambini. Questo è stato facilitato da incaricati all’interno del governo del primo ministro Margaret Thatcher. Di volta in volta, le indagini sono state ostacolate, le prove sono state sequestrate e le cause sono state misteriosamente archiviate. Non è stato fino al 2015 – 32 anni dopo – che il dossier di Geoffrey Dicken è stato effettivamente indagato.

Secondo Vice,

“A luglio è stato rivelato che il dossier era tra i 114 file relativi ad abusi sessuali su minori scomparsi dal 1979 al 1999”.

Il Daily Beast sottolinea che l’indagine è avvenuta opportunamente troppo tardi poiché la maggior parte delle figure principali sono ora decedute.

“Barbara Castle, membro dei laburisti nel parlamento europeo, ha detto a Hale che non si fidava di Brittan per indagare a fondo sulle accuse. 16 parlamentari e membri della Camera dei Lord e 30 figure di alto profilo della Chiesa d’Inghilterra, scuole private e grandi imprese erano membri e sostenitori del Pedophile Information Exchange. Il gruppo oscuro, che operava in parte allo scoperto, si batteva per l’abolizione dell’età del consenso e la legalizzazione dell’incesto. Ha anche permesso ai pedofili di scambiarsi posta sicura e di incontrarsi di persona”.

Il Daily Beast descrive come neanche un sopravvissuto di nome Carl si fidasse delle indagini. Se le reti di traffico di bambini potessero esistere ai più alti livelli di governo, corromperebbero facilmente qualsiasi tentativo di fare giustizia. Carl ha detto,

“Sembra che gli insabbiamenti siano avvenuti, cio` ha reso i sopravvissuti molto diffidenti perché non sai di chi puoi fidarti”.

Uno dei più importanti difensori delle vittime dello scambio di informazioni sui pedofili, Liz Davies, ha cercato per decenni di avviare un’indagine sul gruppo, ma per qualche motivo le forze dell’ordine si sono rifiutate di indagare. Inoltre, i membri di questa rete di pedofili ricoprono ancora oggi posizioni di leadership nel governo.

“Nel 1990, in una riunione del consiglio locale, ha espresso preoccupazione per il fatto che un gran numero di ragazzi nella zona mostrasse segni di abuso. Ha affermato che Margaret Hodge, allora leader del consiglio di Islington e in seguito ministro per l’infanzia sotto Tony Blair, ha ignorato i suoi avvertimenti. Era il 2014 prima che Hodge si scusasse per la sua “vergognosa ingenuità” nel non aver indagato adeguatamente sulle accuse di abusi”.

“Davies pensava che il suo lavoro sarebbe stato finalmente preso sul serio dalle autorità; aveva torto.

Aveva accumulato prove di abusi perpetrati contro 61 vittime, ma affermo` che i funzionari del consiglio hanno continuato a dirle di smettere di causare problemi. Un anno dopo ha finalmente lasciato i servizi sociali quando dice di aver scoperto che i ragazzi che aveva cercato di salvare erano stati rimandati nel sistema delle case di cura di Islington solo per subire ancora più abusi sessuali. “Stavo togliendo questi bambini da una rete di pedofili per metterli in un’altra. Stavo consegnando i bambini più vulnerabili e sfruttati sessualmente ad altri pedofili”, ha detto. “Devo conviverci”.

È ora apertamente riconosciuto che il governo inglese sotto Margaret Thatcher ha perpetrato un insabbiamento del traffico di bambini. Potrebbe, il governo inglese, essere coinvolto in un insabbiamento degli abusi rituali satanici?

Il 10 ottobre 2017, l’Independent ha pubblicato silenziosamente una delle esposizioni più profonde della storia britannica intitolata Margaret Thatcher Gave MP Knighthood Despite Knowing Child Sex Abuse Claims Against Him. L’inchiesta indipendente sugli abusi sessuali su minori ha ascoltato le dichiarazioni dei testimoni dopo che sono emerse nuove prove che hanno ulteriormente incriminato Cyril Smith come pedofilo. Tuttavia, il più grande risultato dell’indagine è stato il motivo per cui la Thatcher ha scelto di conferire uno dei più alti onori della nazione a un pedofilo satanico.

Gli articoli dell’Independent continuano spiegando come l’indagine sulla pedofilia di Cyril Smith sia stata bloccata da potenti politici.

“Alla commissione d’inchiesta è stato detto che il titolo di cavaliere è stato assegnato nonostante le persone “ai più alti livelli della politica” fossero a conoscenza di molteplici accuse di aver abusato sessualmente di almeno otto ragazzi”.

Ancora più incomprensibile è stata la rivelazione trapelata da The Telegraph il 12 novembre 2012 in cui l’MI5 ha sequestrato il dossier sui crimini di Smith e ha incaricato la polizia di dire che era perduto.

In che modo questa rete di pedofili satanici è in grado non solo di controllare i media, ma anche l’MI5, l’agenzia di intelligence britannica? È possibile che questa rete di pedofili satanici operi solo in Gran Bretagna? Secondo Liz Davies, lo scambio di informazioni sui pedofili ha dimensioni internazionali.

“Avrebbe poi scoperto che l’ufficio internazionale del Pedophile Information Exchange era a poche centinaia di metri dalla sua scrivania, e la sua zona ospitava una miriade di prolifici aggressori di bambini collegati a una rete di potenti circoli di abusi che si estendeva da Westminster all’Irlanda del Nord, al Galles e all’isola di Jersey nella Manica”.

Alla vigilia di Capodanno del 2014, Vice ha riferito,

“Dopotutto, Savile ha trascorso 11 capodanni consecutivi a festeggiare con Margaret Thatcher. I collegamenti che sono stati a lungo considerati il ​​ridicolo appannaggio dei teorici della cospirazione sono ora percepiti come possibilità, alcune persino plausibilità. L’impensabile ora è eminentemente pensabile”.

Ci sono ampie prove storiche per dimostrare che le reti di traffico di bambini esistono ai più alti livelli dei media, della finanza e del governo. Sulla base di molteplici pedofili di alto profilo che sono stati condannati per aver partecipato a queste reti, possiamo concludere che sono costituiti da individui in posizioni di potere e influenza significativi, che si impegnano in abusi rituali satanici e sacrifici umani.

A chiunque stia prestando attenzione, queste reti stanno ora spingendo per normalizzare la pedofilia come mezzo per raccogliere sostegno per una legislazione più favorevole ai pedofili. Poiché gli scandali sugli abusi sui minori in tutto il mondo vengono smascherati a una velocità mai vista prima, ci viene ricordato che l’abuso di potere invariabilmente fa marcire i nuclei di molte delle nostre istituzioni più fidate.

miniature-di-youtube-1280x720-px-4

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 31 gennaio 2022, in Uncategorized con tag , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

  1. CONCORDO COLL’ARTICOLO. UNA GLOSSA SU SAVILE NEL MIO “LA SUPERFICIE OPACA” PER I TIPI DI LEMMAPRESS

  1. Pingback: Pedogate: Abuso di potere (Parte 1) - Veronulla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: