Nuovo studio della Johns Hopkins: “I lockdown hanno avuto pochi o nessun effetto sulla salute pubblica” e “costi economici e sociali enormi”

“Le politiche di lockdown sono infondate e dovrebbero essere respinte come strumento politico per la pandemia”

Un nuovo studio della rinomata Johns Hopkins University ha concluso che i lockdown globali hanno avuto un impatto molto più dannoso sulla società di quanto non abbiano prodotto alcun beneficio, con i ricercatori che ribadiscono la loro infondatezza.”

Lo studio è stato scritto da Jonas Herby, consulente speciale presso il Center for Political Studies di Copenhagen, Danimarca; Lars Jonung, professore emerito di economia all’Università di Lund, Svezia; e Steve H. Hanke, professore di economia applicata e fondatore e co-direttore del Johns Hopkins Institute for Applied Economics, Global Health, and the Study of Business Enterprise.

Gli autori hanno scritto che “Sebbene questa meta-analisi concluda che i lockdown hanno avuto effetti minimi o nulli sulla salute pubblica, hanno imposto enormi costi economici e sociali laddove sono stati adottati”.

L’obiettivo dello studio, secondo gli autori, era “determinare se esistono prove empiriche a sostegno della convinzione che i “lockdown” riducano la mortalità da COVID-19″.

I ricercatori hanno definito il lockdown come “qualsiasi mandato del governo che limita direttamente le possibilità delle persone, come le politiche che limitano i movimenti interni, chiudono scuole e aziende e vietano i viaggi internazionali”.

I ricercatori hanno inoltre osservato che “Per rispondere alla nostra domanda, ci siamo concentrati su studi che esaminano l’impatto effettivo dei lockdown sui tassi di mortalità COVID-19 sulla base di dati di mortalità trasversali registrati e un approccio controfattuale alla differenza nella differenza”.

In altre parole, i lockdown hanno ridotto i decessi per COVID?

La conclusione è no.

“I lockdown hanno avuto scarsi o nessun effetto sulla mortalità da COVID-19. Più specificamente, studi sull’indice di rigore rilevano che i lockdown in Europa e negli Stati Uniti hanno ridotto la mortalità da COVID-19 in media solo dello 0,2%”, osserva lo studio.

Aggiunge che “anche gli Shelter-in-placeorder (SIPO) erano inefficaci, riducendo in media solo la mortalità COVID-19 del 2,9%”, osservando inoltre che “Anche gli studi di intervento non farmaceutico specifico (NPI) non trovano prove su ampia base di effetti evidenti sulla mortalità da COVID-19”.

In altre parole, i lockdown non fanno nulla per salvare le persone dal COVID.

Gli autori hanno concluso che “la nostra meta-analisi non riesce a confermare che i lockdown hanno avuto un effetto ampio e significativo sui tassi di mortalità”.

I risultati rafforzano una serie di precedenti scoperte scientifiche secondo cui i lockdown sono strumenti inefficaci di controllo dei virus e hanno effettivamente causato più danni alla salute e al benessere delle persone.

Jay Bhattacharya, professore di medicina della Stanford University, ha osservato l’anno scorso che negli anni a venire i lockdown saranno considerati la politica più catastroficamente dannosa di “tutta la storia”.

L’epidemiologo ha aggiunto: “Ogni singola persona povera sulla faccia della terra ha subito dei danni, a volte danni catastrofici, da questa politica di lockdown”, aggiungendo che “Conteremo i danni catastrofici alla salute e psicologici, imposti a quasi tutti i poveri su la faccia della terra, per una generazione”.

Uno studio sottoposto a revisione paritaria dai ricercatori di Stanford ha scoperto che i lockdown obbligatori non offrono più vantaggi per fermare la diffusione di COVID-19 rispetto a misure volontarie come il distanziamento sociale.

I ricercatori non hanno riscontrato “nessun effetto benefico chiaro e significativo di [misure più restrittive] sulla crescita dei casi in nessun paese”.

Gli effetti del lockdown sono stati devastanti, con i principali enti di beneficenza contro il cancro nel Regno Unito che avvertono che è in corso una crisi con un numero enorme di persone che non ricevono referral o cure perché è stato detto loro di rimanere a casa e di non gravare sul servizio sanitario nazionale.

Secondo il professor Karol Sikora, un oncologo consulente del SSN, potrebbero esserci 50.000 decessi in eccesso per cancro a causa della sospensione degli screening di routine durante il lockdown nel Regno Unito.

Il professor Richard Sullivan ha anche avvertito che ci saranno più morti per cancro nel Regno Unito rispetto alle morti totali per coronavirus a causa della limitazione dell’accesso delle persone agli screening e alle cure a causa del lockdown.

I suoi commenti sono stati ripresi da Peter Nilsson, un professore svedese di medicina interna ed epidemiologia all’Università di Lund, che ha affermato: “È così importante capire che le morti per COVID-19 saranno molto inferiori alle morti causate dal lockdown della società quando l’economia è rovinata”.

Un importante studio condotto da scienziati tedeschi dell’Università di Monaco ha anche scoperto che i lockdown non hanno avuto alcun effetto sulla riduzione del tasso di infezione da coronavirus del Paese.

“Gli statistici dell’Università di Monaco non hanno trovato” alcun collegamento diretto “tra il lockdown tedesco e il calo dei tassi di infezione nel paese”, ha riferito il Telegraph.

Come abbiamo anche riportato in precedenza, gli accademici di Duke, Harvard e Johns Hopkins hanno concluso che potrebbero esserci circa un milione di morti in eccesso nei prossimi due decenni a causa del lockdown.

Il direttore regionale per l’Europa dell’Organizzazione mondiale della sanità, Hans Kluge, ha anche avvertito che i governi dovrebbero smettere di imporre i lockdown, a meno che non siano “l’ultima risorsa”, perché l’impatto su altre aree della salute e del benessere mentale è più dannoso.

L’avvertimento di Kluge corrispondeva a quello dell’inviato speciale dell’OMS su COVID-19, il dottor David Nabarro, che ha detto allo Spectator in un’intervista che i leader mondiali dovrebbero smettere di imporre lockdown come reazione riflessa perché stanno rendendo “i poveri molto più poveri”.

Gli avvertimenti risuonano con numerosi altri esperti che hanno disperatamente cercato di avvertire i governi che i lockdown finiranno per uccidere più persone del virus stesso, ma sono stati ampiamente ignorati.

Il ministro tedesco della cooperazione e dello sviluppo economico, Gerd Muller, ha avvertito che il lockdown del COVID-19 si tradurrà in “una delle più grandi” crisi di fame e povertà della storia.

“Ci aspettiamo altri 400.000 morti per malaria e HIV quest’anno nel solo continente africano”, ha detto Muller, aggiungendo che “altro mezzo milione morirà di tubercolosi”.

I commenti di Muller sono arrivati ​​mesi dopo che uno studio trapelato all’interno del Ministero dell’Interno tedesco ha rivelato che l’impatto del lockdown del Paese potrebbe finire per uccidere più persone del coronavirus a causa delle vittime di altre gravi malattie che non ricevono cure.

Un altro studio ha rilevato che i lockdown in modo conservativo “distruggeranno almeno sette volte più anni di vita umana” di quanti ne salveranno.

Un’analisi del Guardian ha rilevato che ci sono state migliaia di morti in eccesso di persone a casa nel Regno Unito a causa del lockdown.

I dati del governo hanno mostrato che il lockdown dell’Inghilterra ha causato la dipendenza dall’alcol di un milione di persone in più dall’inizio della pandemia.

I dati diffusi dall’Ufficio di statistica nazionale (ONS) hanno rivelato che ci sono stati 8.974 decessi “per cause alcoliche” nel 2020, con un aumento del 18,6% rispetto al 2019.

Esperti nei settori della salute, del mondo accademico e della beneficenza hanno avvertito che il lockdown nel Regno Unito sta creando una pandemia incontrollabile di ansia e depressione. Paul Farmer, amministratore delegato dell’organizzazione benefica per la salute mentale Mind ha dichiarato: “Non è un eufemismo dire che la nazione sta affrontando una pandemia di salute mentale”. Dopo il lockdown, gli ospedali hanno segnalato un’esplosione di suicidi e lesioni intenzionali.

L’esperto di malattie infettive e professore dell’Università di Edimburgo Mark Woolhouse ha riconosciuto che la decisione di mettere sotto lockdown il Regno Unito è stata una “misura grezza” adottata perché “non potevamo pensare a niente di meglio da fare”.

Woolhouse ha affermato che il lockdown è stato una “misura di panico” e un “errore monumentale su scala globale”, aggiungendo “Credo che il lockdown stia danneggiando la nostra istruzione, l’accesso all’assistenza sanitaria e aspetti più ampi della nostra economia e società si riveleranno essere almeno grande quanto il danno causato da COVID-19”.

Un altro esperto di malattie infettive, il professor Steven Riley, ha avvertito che la ricerca attuale “certamente non supporta la conclusione che il lockdown stia funzionando”.

Come abbiamo ulteriormente evidenziato in precedenza, un consorzio di analisti di dati in Sud Africa ha scoperto che le conseguenze economiche del lockdown del Paese porteranno alla morte di 29 volte più persone rispetto al coronavirus stesso.

Gli esperti hanno anche avvertito che ci saranno 1,4 milioni di decessi a livello globale per infezioni da tubercolosi non trattate a causa del lockdown.

Inoltre, uno studio pubblicato su The Lancet che rileva che “il distanziamento fisico, la chiusura delle scuole, le restrizioni commerciali e il lockdown dei paesi” stanno peggiorando la malnutrizione infantile globale.

Migliaia di medici e scienziati sono contrari alle misure di lockdown, avvertendo che causeranno più morti del coronavirus stesso.

Fonte

gettyimages-1314158584-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 2 febbraio 2022, in Uncategorized con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: