Il dispotismo italiano COVID è appena peggiorato

Le notizie dall’Italia cominciano sempre piu` a suonare come buoni incipit per un romanzo fantasy distopico o come un déjà vu che ricorda l’Unione Sovietica. Un paio di settimane fa, un nuovo decreto del governo Draghi ha stabilito ancora più regole che limitano la vita delle persone a cui non è stato iniettato l’ultimo richiamo del vaccino e che quindi non possono mostrare l’ultima versione del Green Pass.

A questi cittadini di serie B, già privati ​​del diritto a muoversi, lavorare e partecipare a un gran numero di attività sociali, è ora vietato entrare negli uffici postali per ritirare la pensione e devono poter accedere ai supermercati solo per acquistare “beni di primaria necessità”. In altre parole, il governo italiano decide che tipo di cibo e quali altri beni (se presenti) queste persone potranno acquistare. Non è chiaro come esattamente il governo intenda far rispettare questo nuovo decreto: vedremo i poliziotti mettere le mani nelle borse degli acquirenti? Il pane sarà considerato un bene “primario” mentre si sequestrano schiuma da barba e caramelle? Non c’è limite alla follia. E una recente nota dell’esecutivo per chiarire la situazione non ha fatto che peggiorare le cose: lo stato ora decreta che i non vaccinati possono effettivamente acquistare anche beni non primari nei pochi negozi in cui possono entrare. Per ora. In altre parole, l’Italia è una società in cui la tua sfera d’azione si estende solo fino a quando il sito web del presidente del Consiglio, esplicitamente e gentilmente, consente. Uscire per una passeggiata al parco? Faresti meglio a controllare l’ultimo post sul blog di Mario Draghi per vedere se ti concede esplicitamente questa libertà!

Come si è arrivati ​​a questo?

Tra i paesi occidentali, l’Itali è stato uno di quelli che negli ultimi due anni ha sperimentato la negazione più sistematica dei diritti civili fondamentali. I governi di coalizione guidati prima da Giuseppe Conte e poi da Mario Draghi hanno dato potere a un comitato non eletto di “esperti” chiamato Comitato Tecnico Scientifico, che a sua volta ha dato potere ai governi attribuendo un’aura scientifica a ogni decreto, ogni azione e ogni parola che arriva dall’esecutivo. Ciò ha portato a una serie infinita di misure di lockdown che per lunghi periodi hanno cancellato la libertà di movimento, il diritto al lavoro, i diritti di proprietà su attività commerciali e negozi, la libertà di riunione, la libertà di culto e persino la distinzione delle sfere giurisdizionali tra chiesa e autorità politica (con burocrati statali che chiudono le chiese e poi impartiscono istruzioni meschine su quali riti potrebbero essere eseguiti, come ridurre le liturgie e quante persone, se del caso, potrebbero essere presenti a messe e funerali). Nel frattempo, il potere legislativo è stato umiliato e il governo con decreti urgenti dell’esecutivo è diventato la norma. La stessa struttura costituzionale del paese è stata piegata ed è stato inventato dal nulla un nuovo concetto chiamato “stato di emergenza”, anche se non si trova da nessuna parte nella costituzione repubblicana italiana.

Se non vivessimo nell’era della CNN, delle fake news e dei sussidi oltraggiosi distribuiti dai politici ai giornali e ai media, ci si potrebbe legittimamente chiedere dove fossero i giornalisti mentre tutto questo accadeva? I giornalisti in Italia, infatti, sono tra i principali colpevoli dell’attuale realtà distopica, poiché hanno fornito piattaforme a “esperti” che hanno concordato con lockdown e altre misure che hanno ampliato il controllo del governo su tutti gli aspetti della vita, mentre allo stesso tempo hanno ferocemente dottori e scienziati derisi e ostracizzati che hanno osato mettere in discussione la logica dei mandati delle maschere all’aperto e del coprifuoco per i ristoranti. Chi ha osato sottolineare le conseguenze disastrose di un lockdown prolungato sulla salute mentale e su persone affette da altre patologie, o il legame tra economia e salute pubblica, è stato accusato di essere un “negazionista covid”. Questo è un modello che sicuramente i lettori riconoscono, come l’hanno visto negli Stati Uniti e in molti altri paesi negli ultimi due anni. Il fatto che praticamente ogni opinione etichettata dai media come “teoria del complotto” si sia rivelata vera solo tre o quattro mesi dopo non ha fatto nulla per scuotere l’arroganza dei mass media corrotti, che sono trincerati nel loro monopolio sul ciclo delle notizie , grazie al loro accesso a finanziamenti statali e favori politici. E questo è vero in Italia come praticamente ovunque.

L’amministrazione di Giuseppe Conte è stata seguita da un’altra coalizione di governo guidata dal presidente del Consiglio Draghi, non grazie alle libere elezioni ma per una mossa del presidente della repubblica, Sergio Mattarella. In un discorso solenne nel febbraio 2021, il capo di stato ha spiegato al paese che era inopportuno tenere un’elezione nel mezzo di una pandemia, anche se nello stesso periodo Romania e Portogallo hanno tenuto elezioni e il loro tasso di infezione non è stato alterato . Mattarella ha invece affidato il governo a Draghi, sostenendo che si tratterebbe di un “governo tecnico” apartitico, semplicemente incaricato di ottenere fondi dall’UE e di supervisionare la campagna vaccinale. Ovviamente, l’idea di un governo “tecnico” neutrale è assurda, dal momento che ogni stato moderno espropria, gonfia e sposta ricchezza da alcuni gruppi sociali ad altri.

Non entrerò nelle tante bugie sputate da Draghi e dai suoi ministri sull’efficacia dei vaccini, né nella serie di grottesche restrizioni imposte progressivamente ai non vaccinati. Basti pensare che, ancora una volta, i media ne sono stati complici, in quanto per mesi hanno coperto ogni fallimento dell’amministrazione Draghi con accuse selvagge contro i “no-vax”. Proprio come coloro che sono accusati di essere “negazionisti del covid” non hanno mai negato l’esistenza del covid, coloro che ora sono etichettati come “no-vax” nella maggior parte dei casi non hanno nulla contro i vaccini di per sé. Molti di loro spiegano semplicemente che se prendere o meno il vaccino dovrebbe essere una decisione presa liberamente da ogni persona, considerando l’età, la storia clinica e altri fattori; e notano correttamente la superiorità dell’immunità naturale sull’immunità vaccinata. Ma si tratta di dettagli poco importanti per i giornalisti, che in conferenza stampa di fine anno hanno allestito uno spettacolo degno di una repubblica delle banane salutando Draghi con applausi e lunghi applausi piuttosto che con domande indagatrici. È interessante notare che il cambio al timone da Conte a Draghi ha avuto l’effetto di mostrare i veri colori dei liberali italiani, che in realtà sono statisti mal camuffati.

Anche Amnesty International ha espresso preoccupazione per la discriminazione contro le persone non vaccinate in Italia, mentre i liberali e la sinistra italiani fanno il tifo per Draghi. L’unico avversario coerente, contro Draghi viene dalle periferie e da improbabili alleati come il professore marxista Ugo Mattei e il professore libertario Carlo Lottieri (amico del Mises Institute). Mattei ha instancabilmente denunciato l’incostituzionalità dello “stato di emergenza” nonché i vili ricatti dei lavoratori costretti a decidere tra vaccinarsi o perdere il lavoro. Lottieri ha guidato il piccolo movimento di resistenza tra i professori universitari combattendo la discriminazione nei confronti degli studenti non vaccinati e spiegando come la pandemia sia stata una scusa per gli stati moderni per fare un passo avanti nel controllo sul corpo e sulla mente di ogni individuo.

Le misure a cui è stato sottoposto il popolo italiano in questi due lunghi anni di statalismo incontrollato e propaganda spudorata non solo sono state ingiuste: sono state anche del tutto inutili nel combattere la pandemia. L’Italia ha visto esattamente le stesse traiettorie e tempi nelle diverse ondate del virus di quelli vissuti da paesi come la Svezia o persino il Regno Unito, dove le libertà e l’economia non sono state calpestate, o almeno non sono state calpestate nella stessa misura! Il fallimento di flussi di decreti governativi non è una sorpresa per coloro che, avendo letto Ludwig von Mises e F.A. Hayek, sanno benissimo che le società umane sono complesse e che dovremmo essere umili quando escogitiamo soluzioni dall’alto. La pianificazione centralizzata, sia per l’economia che per la sanità, è destinata a fallire. D’altra parte, la pianificazione centrale serve una classe politica e le corporazioni amichevoli che tentano incessantemente di microgestire le nostre vite.

Fonte

italy1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 3 febbraio 2022, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: