The Epstein Files: L’US Bureau of Prisons ha manipolato i fatti per supportare la narrativa del suicidio

I file declassificati sul famigerato pedofilo fanno luce su dettagli molto sospetti

I documenti ottenuti in base alle leggi sulla libertà di informazione dall’unità investigativa di RT includono documenti sorprendenti che rivelano come il Bureau of Prisons (BOP) degli Stati Uniti si sia mosso per chiudere qualsiasi dibattito pubblico sulla causa della morte di Jeffrey Epstein. Lungo la strada, le prove sono state distorte, i fatti materiali ignorati e le anomalie chiave inesplorate e non pubblicizzate.

Dopo essere stato trovato morto nella sua cella al Metropolitan Correctional Center il 10 agosto 2019, i registri mostrano che l’Ufficio ha rilasciato dichiarazioni ai giornalisti e alla famiglia di Epstein affermando categoricamente che si era suicidato. Il risultato è stato che le testate giornalistiche internazionali hanno riferito universalmente e indiscutibilmente che Epstein si era tolto la vita, nonostante il capo medico legale Barbara Sampson non avesse raggiunto alcuna conclusione in quel momento, e il giorno successivo avesse chiarito in una dichiarazione che l’indagine era aperta e in corso.

Fu solo il 16 agosto che Sampson dichiarò pubblicamente che la morte di Epstein era stata un suicidio. La sentenza è stata contestata dal principale patologo forense, il dottor Michael Baden, che era stato assunto dal fratello del miliardario per monitorare il processo di autopsia. Parlando al Miami Herald due mesi dopo, ha accusato che “l’autopsia non supportava il suicidio” e che il patologo che l’ha condotta lo aveva registrato.

«Poi la dottoressa Sampson ha cambiato idea una settimana dopo, definendolo un suicidio. Il fratello ha cercato di scoprire perché le cose erano cambiate» “Quali erano le prove?”

Nessuna chiarezza su queste domande si e` fatta da allora, anche se una delle ragioni per l’apparente voltafaccia potrebbe essere stata un rapporto shock del Washington Post il giorno prima dell’annuncio di Sampson. Fonti familiari con l’autopsia hanno detto al giornale che il processo aveva rivelato che diverse ossa del collo di Epstein, incluso lo ioide, erano rotte e tali rotture “sono più comuni nelle vittime di omicidio che in quelle di strangolamento” rispetto all’impiccagione.

Un’altra spiegazione potrebbe essere l’allora in corso “ricostruzione psicologica” della morte di Epstein compilata da Robert Nagle, coordinatore nazionale per la prevenzione del suicidio del BOP. I file rilasciati a The Detail dal Bureau registrano come Nagle – il cui nome è redatto nei file – è arrivato al Metropolitan Correctional Center la mattina del 13 agosto per iniziare le sue indagini.

Nel suo rapporto, Nagle ha notato che un video di natura non specificata relativo all'”incidente significativo” è stato confiscato dall’FBI prima dell’avvio della revisione. Ha anche affermato di non essere stato in grado di condurre interviste formali con il personale carcerario “per evitare interferenze con le indagini in sospeso” da parte del Dipartimento di Giustizia e che gran parte delle informazioni “tipicamente raccolte” nelle ricostruzioni psicologiche non erano disponibili.

Questi vincoli “limitavano gravemente la capacità di stabilire scadenze accurate, confermare rapporti soggettivi, stabilire linee di fatti convergenti e divergenti o scoprire nuove aree di indagine”, ha scritto Nagle.

Ad esempio, è stato sorprendentemente incapace di mettere insieme una “descrizione dettagliata” di ciò che gli ufficiali hanno trovato quando hanno scoperto Epstein, poiché “non scrivevano memorandum e non potevano essere intervistati”. Inoltre, poiché nessun rapporto di pre-sentenza su Epstein era stato completato prima della sua morte, numerose sezioni della ricostruzione – come una revisione della “storia sociale” del detenuto – erano dichiaratamente incomplete nella loro valutazione.

Tuttavia, nonostante questa palese mancanza di prove concrete, il documento ha stabilito in modo definitivo che Epstein si era effettivamente suicidato. La sua decisione è stata attribuita all’impossibilità di dormire a causa della “incapacità di tollerare il rumore della prigione”, oltre alla recente apertura di migliaia di documenti relativi alla sua condanna del 2008 per reati sessuali su minori e alla prospettiva di trascorrere il resto della sua vita in prigione.

Un ragionamento abbastanza valido, si potrebbe pensare, anche se nel costruire il suo caso, Nagle ha attirato ripetuta attenzione su Epstein il quale si dichiaro` in diverse occasioni un “codardo” nelle settimane precedenti al suo presunto suicidio come indicativo di intenti suicidi. È certamente vero che il prigioniero è stato registrato mentre faceva tali dichiarazioni, ma esplicitamente nel contesto della negazione di qualsiasi intenzione, o addirittura capacità, di uccidersi.

“Ha detto che non è il tipo a cui piace il dolore o che tenterebbe mai di farsi del male”, ha osservato una valutazione psicologica. “Non gli piace nemmeno donare il sangue”.

Questo può essere considerato solo un’inversione incredibilmente disonesta dei commenti di Epstein, sebbene le manipolazioni di Nagle siano passate inosservate in una revisione interna della ricostruzione da parte del direttore del Metropolitan Correctional Center Marti Licon-Vitale. Tuttavia, in una sezione contrassegnata dall'”accuratezza della documentazione”, ha mirato all’incapacità dei funzionari di registrare un rapporto di incidente in modo tempestivo e a presentare rapporti apparentemente contrastanti sullo stesso incidente.

“La responsabilità professionale richiede di prendere in considerazione più descrizioni di un incidente, come indicato nella vostra risposta. Tuttavia, quando esistono discrepanze, queste dovrebbero essere compilate e annotate nella documentazione per ridurre la probabilità di conclusioni contrastanti”, ha scritto. “I preconcetti mettono alla prova la capacità di rimanere aperti su spiegazioni alternative… Si prega di sviluppare e fornire una formazione per tutto il personale per rivedere i tempi di stesura dei rapporti sugli incidenti e offra una guida quando non ci sono prove chiare di un’infrazione”.

Mentre l’episodio specifico criticato da Licon-Vitale è interamente redatto, si può dedurre che questa sezione si riferisce ai fatti bizzarri documentati da The Detail nella prima puntata di questa serie investigativa. In breve, il rapporto iniziale sull’incidente sul presunto suicidio di Epstein del 23 luglio 2019 si riferiva a “impiccagione/asfissia”, ma un altro archiviato una settimana dopo è stato inspiegabilmente modificato per includere “automutilazione” per lacerazione, portandolo a essere punito per un violazione del codice penale.

A parte queste lamentele, la ricostruzione di Nagle è stata accolta con molto piacere dai livelli superiori del BOP. In un’e-mail interna datata 23 agosto, il direttore dell’agenzia Hugh Hurwitz ha elogiato in modo espansivo il suo lavoro “eccezionale”, sottolineando che era “incredibile tutto ciò che riferiva senza il beneficio di interviste o video”. Questa e-mail è estremamente ironica, perché è davvero “incredibile” che si possa arrivare a una decisione definitiva sul suicidio senza l’accesso a prove fondamentali e vitali.

Quattro giorni prima, Hurwitz è stato licenziato dal suo incarico dal procuratore generale William Barr senza preavviso. Potrebbe questo essere attribuibile al tentativo di plasmare la narrativa sulla morte di Epstein, prima che il Federal Bureau of Investigation o l’ispettore generale del Dipartimento di giustizia avessero completato le rispettive indagini sul caso?

Qualunque sia la verità della questione, c’è un altro aspetto estremamente curioso della “ricostruzione psicologica” mai pubblicizzata finora da alcun funzionario o media. Una revisione delle transazioni finanziarie associate alla permanenza in prigione di Epstein ha rivelato che uno dei suoi avvocati “stava depositando fondi” sul conto di Efrain “Stone” Reyes, l’ultimo compagno di cella di Epstein, “per ragioni sconosciute”.

Questo potrebbe spiegare il motivo per cui Reyes è diventato una persona di interesse nelle indagini dell’FBI ed è stato debitamente interrogato. Secondo quanto riferito, temeva che la cooperazione con l’Ufficio potesse “influenzarlo negativamente”, ma in cambio del suo aiuto, è stato trasferito in un centro correzionale di minima sicurezza nel Queens, New York, che ospitava testimoni di alto valore come il rapper Tekashi69.

Mentre era lì, secondo quanto riferito, è stato intervistato personalmente dal procuratore generale William Barr come parte dell’indagine dell’ispettore generale del dipartimento di giustizia, che lo ha ringraziato per il suo contributo. Stranamente, tuttavia, il dipartimento si è rifiutato di confermare o smentire l’affermazione, mentre Kerri Kupec, il suo ex portavoce, accusa che si tratta di una “bugia al 100%”.

Reyes è morto nel settembre 2020, cinque mesi dopo essere stato rilasciato dalla prigione, a causa di un focolaio Covid-19 in tutta la struttura, presumibilmente per complicazioni derivanti dal virus. Successivamente, sua nipote ha detto ai principali organi di stampa che suo zio aveva spesso espresso un intenso scetticismo sul fatto che l’Epstein potesse essersi impiccato ai telai dei letti nella cella, poiché semplicemente non erano abbastanza alti (Epstein era piu alto di 1.80 cm).

Nel gennaio 2021, i pubblici ministeri federali hanno stabilito che tutti i documenti relativi a Reyes sarebbero rimasti sigillati, nonostante le richieste di divulgazione da parte dei giornalisti a causa del potenziale impatto su questioni presumibilmente non correlate a Epstein. Respingendo la richiesta, le autorità hanno elencato le informazioni riguardanti il ​​miliardario incluse in tutti i file relativi a Reyes, che erano descritte su due pagine, tutte redatte.

Quasi un anno dopo, è stato riferito che il rapporto dell’ispettore generale sulla morte di Epstein era in fase di completamento, con un investigatore del Dipartimento di giustizia che ha suggerito che tutto ciò che la squadra aveva da fare era “unire i punti” affermando che sarebbe stato “sorpreso se non venisse rilasciato nei prossimi 30 giorni circa”.

Nessuno può indovinare se farà luce sulle innumerevoli questioni serie sollevate dai documenti declassificati del Bureau of Prisons, sebbene alla luce della rivelazione che Reyes stava ricevendo fondi dagli avvocati di Epstein, The Detail ha presentato una richiesta alle autorità competenti per ottenere i documenti non redatti.

Fonte

61fd268d20302744ad73f4e8-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 7 febbraio 2022, in Uncategorized con tag , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: