I vaccini Covid provocano l’AIDS?

AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita) è il nome usato per descrivere una serie di infezioni e malattie potenzialmente pericolose per la vita che si verificano quando il sistema immunitario è stato gravemente danneggiato.

Le persone con sindrome da immunodeficienza acquisita corrono un rischio maggiore di sviluppare alcuni tipi di cancro e di infezioni che di solito si verificano solo in individui con un sistema immunitario debole.

Qui presentiamo una serie di prove evidenti che i vaccini Covid-19 stanno inducendo i riceventi a sviluppare la sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) o una nuova condizione con attributi simili che può essere descritta solo come Sindrome da immunodeficienza acquisita indotta da vaccino Covid-19 (VAIDS).

Allegato A
L’efficacia del vaccino non diminuisce; Sono le prestazioni del sistema immunitario a farlo
L’efficacia del vaccino non è realmente una misura di un vaccino, è una misura delle prestazioni del sistema immunitario di chi riceve il vaccino rispetto alle prestazioni del sistema immunitario di una persona non vaccinata.

La prima volta che il corpo incontra un germe, possono essere necessari diversi giorni per creare e utilizzare tutti gli strumenti necessari per combattere l’infezione. Dopo l’infezione, il sistema immunitario ricorda ciò che ha imparato su come proteggere il corpo da quella malattia.

I vaccini presumibilmente aiutano a sviluppare l’immunità imitando un’infezione. Una volta che l’imitazione dell’infezione indotta dal vaccino scompare, al corpo viene lasciata una scorta di cellule T e anticorpi che ricorderanno come combattere quella malattia in futuro

Quindi, quando le autorità affermano che l’efficacia dei vaccini si indebolisce nel tempo, ciò che in realtà significano è che le prestazioni del tuo sistema immunitario si indeboliscono nel tempo.

Per quanto riguarda le iniezioni dei vaccini Covid-19 –

Un’efficacia del vaccino del +50% significherebbe che i vaccinati sono il 50% più protetti contro il Covid-19 rispetto ai non vaccinati. In altre parole, i vaccinati hanno un sistema immunitario migliore del 50% nell’affrontare il Covid-19.

Un’efficacia del vaccino dello 0% significherebbe che i vaccinati non sono più protetti contro il Covid-19 rispetto ai non vaccinati, il che significa che i vaccini sono inefficaci. In altre parole i vaccinati integralmente hanno un sistema immunitario pari a quello dei non vaccinati nell’affrontare il Covid-19.

Un’efficacia del vaccino del -50% significherebbe che i non vaccinati sono il 50% più protetti contro Covid-19 rispetto ai completamente vaccinati. In altre parole, le prestazioni del sistema immunitario dei vaccinati sono peggiori del 50% rispetto alle prestazioni naturali del sistema immunitario dei non vaccinati. Pertanto, i vaccini Covid-19 hanno danneggiato il sistema immunitario.

Allegato B
I dati del Regno Unito mostrano che i vaccini Covid-19 hanno un’efficacia negativa nel mondo reale
L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) pubblica un rapporto settimanale sulla sorveglianza dei vaccini, con ogni rapporto contenente quattro settimane di dati su casi di Covid-19, ricoveri e decessi per stato di vaccinazione.

Ecco i tassi di casi Covid-19 per 100.000 in base allo stato di vaccinazione per ciascun gruppo di età di età superiore ai 18 anni in Inghilterra, più il tasso medio di casi per 100.000 per tutti gli adulti in Inghilterra tratto dal rapporto di sorveglianza del vaccino UKHSA – Settimana 5 – 2022 –

Come si può vedere, il tasso di casi per 100.000 è chiaramente il più basso tra la popolazione non vaccinata in tutti i gruppi di età, con tassi di casi tra la popolazione tripla vaccinata che sono circa il doppio del tasso osservato tra i non vaccinati nella maggior parte dei gruppi di età e i tassi di casi tra i vaccinati con due dosi che sono circa il triplo del tasso osservato tra i non vaccinati nella maggior parte dei gruppi di età.

Questi dati da soli dovrebbero preoccupare profondamente anche i più accaniti sostenitori dei vaccini.

Ora che conosciamo i casi, possiamo utilizzare la formula di efficacia del vaccino di Pfizer per elaborare l’efficacia del vaccino nel mondo reale.

Tasso di casi tra i non vaccinati – Tasso di casi vaccinati / Tasso di casi non vaccinati = Efficacia del vaccino
Ad esempio persone con doppia vaccinazione 18-80+: 1.846,38 – 5.226,1 / 1.846,38 = -183%

Pertanto, l’efficacia media del vaccino Covid-19 nel mondo reale in Inghilterra per tutti gli adulti nel loro insieme nel gennaio 2022 era MENO 183%.

Ecco quanto si stanno dimostrando efficaci i vaccini contro il Covid-19 in ogni fascia di età con doppia vaccinazione –

L’efficacia più bassa del vaccino contro il Covid-19 è stata osservata nella fascia di età 40-49 anni in Inghilterra per tutto il gennaio 2022, registrata a meno-209,4%, con la fascia di età 50-59 anni non molto indietro.

Ma non dimenticare, come abbiamo dimostrato con le prove presentate nell’Allegato A, l’efficacia del vaccino non è realmente una misura di un vaccino, è una misura delle prestazioni del sistema immunitario di chi riceve il vaccino rispetto alle prestazioni del sistema immunitario di una persona non vaccinata .

Pertanto, i dati dell’UKHSA mostrano effettivamente che le iniezioni di Covid-19 stanno decimando il sistema immunitario naturale.

Allegato C
I dati del Regno Unito mostrano che il sistema immunitario dei soggetti completamente vaccinati ha prestazioni negative
Per calcolare le prestazioni del sistema immunitario, dobbiamo modificare il calcolo utilizzato per scoprire l’efficacia del vaccino e dividere il risultato per il più grande tasso di casi vaccinati o non vaccinati secondo i tassi di casi forniti nell’Allegato B.

Tasso di casi non vaccinati – Tasso di casi vaccinati / Tasso di casi non vaccinati piu’ alto / tasso di casi vaccinati = Performance del sistema immunitario. Es. Vaccinati con due dosi 18-80+: 1.846,38 – 5.226,1 / 5.226,1 = meno-65%

Il grafico seguente mostra la reale entità dei danni arrecati al sistema immunitario delle popolazioni vaccinate con doppia vaccinazione per fascia di età nel gennaio 2022 –

Ciò significa che la persona media vaccinata con doppia vaccinazione in Inghilterra ha un sistema immunitario ridotto del 35% per combattere virus, batteri e tumori. Ma questi dati sono solo un caso o le prestazioni del sistema immunitario delle popolazioni completamente vaccinate stanno diminuendo di settimana in settimana?

Allegato D
I dati del Regno Unito dimostrano che le prestazioni del sistema immunitario delle popolazioni completamente vaccinate stanno diminuendo progressivamente
Se prendiamo i tassi di casi trovati nei precedenti rapporti di sorveglianza dei vaccini dell’UKHSA, siamo in grado di tracciare l’efficacia del vaccino nel mondo reale e le prestazioni del sistema immunitario dei vaccinati negli ultimi mesi.

Quindi abbiamo preso le percentuali di casi trovate nei seguenti rapporti:

Rapporto di sorveglianza sui vaccini Covid-19 – Settimana 37′ (pubblicato da PHE)
“Rapporto di sorveglianza sui vaccini Covid-19 – Settimana 41” (pubblicato da UKHSA)
“Rapporto di sorveglianza sui vaccini Covid-19 – Settimana 45” (pubblicato da UKHSA)
“Rapporto di sorveglianza sui vaccini Covid-19 – Settimana 49” (pubblicato da UKHSA)
“Rapporto di sorveglianza sui vaccini Covid-19 – Settimana 1 – 2022” (pubblicato da UKHSA)

Per poi calcolare l’efficacia del vaccino contro il Covid-19 nel mondo reale tra il 16 agosto 2021 e il 2 gennaio 2022 –

Il primo richiamo e’ stato somministrato nella settimana 37 del 2021 e questo grafico illustra chiaramente come hanno fornito un aumento dell’efficacia del vaccino nei due mesi successivi. Ma sfortunatamente mostra anche quanto sia stata breve questa spinta con l’efficacia dei vaccini Covid-19 che è scesa a livelli spaventosi tra la settimana 49 e la 52.

Il grafico seguente illustra le prestazioni complessive del sistema immunitario tra tutti i gruppi di età in Inghilterra tra il 16 agosto 21 e il 2 gennaio 22 –

Come puoi vedere da quanto sopra, i 40-49enni hanno le peggiori prestazioni del sistema immunitario entro il 2 gennaio 22, registrate a meno-60%. Nell’Allegato C mostriamo che le prestazioni del sistema immunitario nei soggetti di età compresa tra 40 e 49 anni erano scese a meno-67,7% entro il 30 gennaio 22. Ciò dimostra quindi che i vaccini Covid-19 stanno causando danni al sistema immunitario naturale che peggiora progressivamente.

Allegato E
I dati del Regno Unito mostrano che le persone completamente vaccinate hanno ora maggiori probabilità di morire di Covid-19
Il grafico seguente mostra i tassi di mortalità per Covid-19 per 100.000 per stato vaccinale per ciascun gruppo di età di età superiore ai 18 anni in Inghilterra, calcolato dal numero di decessi rilevati nel rapporto di sorveglianza del vaccino UKHSA della settimana 5 e dalla dimensione della popolazione che ha 2 vaccini –

La popolazione con doppia vaccinazione ha il più alto tasso di mortalità per 100.000 in ogni fascia di età ad eccezione dei 18-29 anni e dei 40-49 anni. Ma possiamo aspettarci nelle prossime settimane che quel tasso cambi sulla base dell’Allegato D il quale dimostra che il sistema immunitario dei vaccinati peggiora progressivamente.

Allegato F
I dati del Regno Unito mostrano che i vaccini Covid-19 hanno un’efficacia negativa contro la morte nel mondo reale
Ora che conosciamo i tassi di mortalità, possiamo nuovamente utilizzare la formula di efficacia del vaccino di Pfizer per elaborare l’efficacia del vaccino nel mondo reale contro la morte.

L’efficacia del vaccino contro la morte da Covid-19 nel mondo reale in Inghilterra tra il 3 gennaio e il 30 gennaio 22 è stata di -110,24% negli over 80, -97% nelle persone di età compresa tra 70 e 79 anni e -98,14% in media in tutti gli adulti oltre 18 anni.

Ma non dimenticare, come abbiamo dimostrato nell’Allegato A, l’efficacia del vaccino non è realmente una misura di un vaccino, è una misura delle prestazioni del sistema immunitario di chi riceve il vaccino rispetto alle prestazioni del sistema immunitario di una persona non vaccinata.

Allegato G
I dati del Regno Unito suggeriscono che alcuni anziani potrebbero aver già sviluppato VAIDS
Il grafico seguente mostra le prestazioni del sistema immunitario delle popolazioni completamente vaccinate contro la morte in base ai tassi di mortalità per Covid-19 su 100.000 trovati nel rapporto di sorveglianza dei vaccini dell’UKHSA – Settimana 5 – 2022 –

In linea con le tendenze storiche che mostrano che i vaccini Covid-19 hanno causato danni al sistema immunitario che peggiora di settimana in settimana, possiamo vedere che le prestazioni del sistema immunitario più basse sono tra coloro che sono stati vaccinati per primi, con gli over 80 con le prestazioni del loro sistema immunitario ridotte a -52,4%, e poi la fascia di età 70-79 anni che registra una diminuzione del -49,2%.

C’è tuttavia un’anomalia preoccupante in questi dati in quanto dovremmo aspettarci di vedere una performance positiva del sistema immunitario nella fascia di età 30-39 anni di circa il 29%, ma invece è attualmente a -15,4%. Potrebbero esserci diverse spiegazioni per questo, ma nessuna è buona.

O i 30-39enni stanno veramente peggio, o tutti gli altri gruppi di età stanno andando molto peggio di quello che ci viene detto.

In ogni caso, possiamo essere sicuri che i dati ci dicono in modo affidabile che le iniezioni di Covid-19 hanno causato la perdita di tutte le capacità del sistema immunitario di alcuni anziani e vulnerabili al punto che ora hanno maggiori probabilità di morire di Covid-19 rispetto ad una persona non vaccinata.

Allegato H
I dati di Public Health Scotland mostrano che i completamente vaccinati ora hanno maggiori probabilità di morire di Covid-19
La Public Health Scotland pubblica un rapporto statistico Covid-19 settimanale contenente dati su casi di Covid-19, ricoveri e decessi per stato di vaccinazione.

Il grafico seguente mostra la percentuale di decessi per Covid-19 per stato di vaccinazione in Scozia tra il 25 dicembre 2021 e il 21 gennaio 22, secondo il rapporto pubblicato mercoledì 2 febbraio

Il grafico seguente mostra i tassi di mortalità per Covid-19 standardizzati per età per 100.000 individui in base allo stato di vaccinazione in Scozia. I dati sono stati estratti dalla tabella 16, che si trova a pagina 54 del report PHS Covid-19 Statistical pubblicato mercoledì 2 febbraio 22.

Nell’ultima settimana terminata il 21 gennaio, i completamente vaccinati avevano statisticamente più del doppio delle probabilità di morire di Covid-19 rispetto ai non vaccinati.

Il tasso di mortalità più alto nell’ultimo mese tra i completamente vaccinati è stato registrato come 15,49 per 100.000 individui nella settimana che inizia il 15 gennaio. Ma il tasso di mortalità più alto tra i non vaccinati è arrivato nella settimana che inizia l’8 gennaio a 10.93 per 100.000.

Allegato I
I dati di Public Health Scotland mostrano che i vaccini Covid-19 hanno un’efficacia negativa contro la morte nel mondo reale
Il seguente grafico mostra l’efficacia del vaccino nel mondo reale contro la morte nelle ultime quattro settimane secondo i dati forniti da Public Health Scotland:

L’efficacia del vaccino contro la morte è stata negativa almeno dal 25 dicembre ed è scesa a un incredibile meno-112% dal 21 gennaio 22.

Ma ancora una volta non dimenticare, come abbiamo dimostrato nell’Allegato A, l’efficacia del vaccino non è in realtà una misura di un vaccino, è una misura delle prestazioni del sistema immunitario di chi riceve il vaccino rispetto alle prestazioni del sistema immunitario di una persona non vaccinata.

Allegato J
I dati di Public Health Scotland suggeriscono che alcuni dei completamente vaccinati potrebbero aver già sviluppato VAIDS
Il grafico seguente mostra le prestazioni medie del sistema immunitario di tutti gli adulti completamente vaccinati contro la morte tra il 15 gennaio e il 21 gennaio 22 secondo i dati forniti da Public Health Scotland –

La performance media del sistema immunitario contro la morte tra tutti gli adulti è pari a -53% in Scozia, che è leggermente superiore al -50% medio visto in Inghilterra come presentato nell’Allegato G. Poiché la vaccinazione è iniziata nello stesso momento, ci aspettavamo che i numeri fossero simili.

Ciò significa quindi che possiamo essere certi che i dati ci dicono in modo affidabile che le iniezioni di Covid-19 non solo sono inefficaci, ma danneggiano il sistema immunitario al punto che i riceventi sviluppano la sindrome da immunodeficienza acquisita e hanno molte più probabilità di morire rispetto alla popolazione di non vaccinati.

Allegato K
I dati del governo canadese confermano che i vaccini Covid-19 stanno decimando il sistema immunitario
Il grafico seguente mostra il numero di casi in base allo stato di vaccinazione tra il 5 dicembre 21 e il 15 gennaio 22, una volta che sottraiamo i dati del 4 dicembre dai dati del 15 gennaio nel Government of Canada Covid-19 Daily Epidemiological Updates ––

In Canada, secondo il rapporto del 4 dicembre, 22,2 milioni di persone hanno due vaccini e 23,2 milioni di persone sono almeno parzialmente vaccinate. Secondo le statistiche ufficiali, la popolazione del Canada nel 2020 era di circa 38,01 milioni.

Pertanto, poiché 23,1 milioni di persone in Canada hanno ricevuto almeno una singola dose di vaccino Covid-19, questo lascia circa 14,81 milioni di persone in Canada che non sono vaccinate contro Covid-19.

Il grafico seguente mostra il tasso di casi di Covid-19 per 100.000 per stato di vaccinazione a Canada in base alla dimensione della popolazione e ai numeri di casi forniti sopra:

Il grafico seguente mostra l’efficacia del vaccino contro il Covid-19 nel mondo reale in Canada tra il 5 dicembre 21 e il 15 gennaio 22 in base alle cifre del tasso di casi sopra:

Ma non dimenticare, come abbiamo dimostrato nell’Allegato A, l’efficacia del vaccino non è realmente una misura di un vaccino, è una misura delle prestazioni del sistema immunitario di chi riceve il vaccino rispetto alle prestazioni del sistema immunitario di una persona non vaccinata.

Il grafico seguente mostra le prestazioni del sistema immunitario della popolazione completamente vaccinata in Canada tra il 5 dicembre 21 e il 15 gennaio 22 –

Il canadese medio completamente vaccinato ha circa il 18,45% del suo sistema immunitario per combattere determinate classi di virus e determinati tumori, ecc. Questo è ciò che la vaccinazione ha fatto al popolo canadese.

Allegato L
I completamente vaccinati non sono in grado di produrre anticorpi N
L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito ha scoperto che il vaccino interferisce con la capacità innata del corpo dopo l’infezione di produrre anticorpi non solo contro la proteina spike, ma anche altri frammenti del virus. In particolare, le persone vaccinate non sembrano produrre anticorpi contro la proteina nucleocapside, il guscio del virus, che e’ una parte cruciale della risposta nelle persone non vaccinate.

Fonte – Pagina 52

Allegato M
Uno studio scientifico rileva che i vaccini Covid-19 sopprimono il sistema immunitario innato
Lo studio intitolato “Innate Immune Suppression by SARS-CoV-2 mRNA Vaccinations: The role of G-quadruplexes, exosomes and microRNAs” è stato pubblicato il 21 gennaio 22 e presenta una serie di prove che le modificazioni genetiche introdotte dall’mRNA Covid -19 i vaccini hanno diverse conseguenze per la salute umana.

Fonte

Un nesso causale potenzialmente diretto con le malattie neurodegenerative;
Miocardite;
Trombocitopenia immunitaria;
Paralisi di Bell;
Malattie del fegato;
Alterata immunità adattativa;
Aumento della produzione o formazione di tumori;
Danni al DNA
Una ripartizione completa dello studio può essere letta qui.

Allegato N
Uno studio scientifico rileva che i tassi di cancro legati al vaccino Covid-19 sono alle stelle
La tabella seguente, tratta dallo studio dell’Allegato L, mostra il numero di eventi nel database VAERS dal 1990 al 12 dicembre 2021, dove si sono verificati casi di cancro associati al vaccino Covid-19 e con tutti gli altri vaccini disponibili, insieme al rapporto tra i due numeri.

Ci sono state tre volte più segnalazioni di cancro al seno a seguito di un vaccino COVID-19 e più di sei volte il numero di segnalazioni di linfoma a cellule B. Tutti i casi di linfoma follicolare tranne uno erano associati ai vaccini COVID-19.

Il carcinoma pancreatico era più di tre volte più alto. Complessivamente, nella tabella sopra, il doppio delle segnalazioni di cancro al VAERS sono correlate a una vaccinazione COVID-19 rispetto a quelle relative a tutti gli altri vaccini. Che, nelle opinioni degli autori dello studio, costituisce un segnale di urgente bisogno di indagine.

Ciò non può essere spiegato con riferimento a un numero sproporzionato di persone che hanno ricevuto una vaccinazione con mRNA nell’ultimo anno rispetto a tutte le altre vaccinazioni.

Lo sappiamo perché i dati del CDC mostrano che tra il 2008 e il 2020 negli Stati Uniti sono state somministrate oltre 1,72 miliardi di dosi di vaccino antinfluenzale. Considerando che dall’inizio della campagna vaccinale contro il Covid-19 fino al 28 gennaio 22 sono state somministrate negli USA un totale di 549,9 milioni di dosi di vaccino contro il Covid-19.

Il motivo di questo aumento dei tassi di cancro legato alla vaccinazione potrebbe essere dovuto al fatto che i vaccini Covid-19 stanno decimando il sistema immunitario innato, come abbiamo dimostrato in diversi allegati. In questo modo il sistema immunitario non è in grado di combattere altre infezioni che possono causare il cancro.

Ad esempio, l’infezione da HPV (papillomavirus umano) è stata collegata a determinati tumori della testa e del collo, a quelli anali e cervicali, nonché a molti altri tipi di cancro. Anche il linfoma è stato collegato a infezioni virali.

Puoi leggere un elenco completo dei tumori correlati all’AIDS qui.

CONCLUDENDO
I dati ufficiali del governo di Inghilterra, Scozia e Canada dimostrano che le iniezioni di Covid-19 hanno un’efficacia negativa nel mondo reale.

Ma l’efficacia del vaccino non è realmente una misura di un vaccino, è una misura delle prestazioni del sistema immunitario di un vaccinato rispetto alle prestazioni del sistema immunitario di una persona non vaccinata.

Ciò significa che il sistema immunitario della popolazione completamente vaccinata è in realtà inferiore al sistema immunitario naturale della popolazione non vaccinata.

Ma come abbiamo chiaramente dimostrato, questo degrado del sistema immunitario è qualcosa che sta peggiorando di settimana in settimana e ora ha iniziato a comportare prestazioni negative del sistema immunitario contro la morte tra gli anziani e i vulnerabili in Inghilterra e Scozia.

Un recente studio scientifico ha anche scoperto che i vaccini Covid-19 sopprimono il sistema immunitario innato con modifiche genetiche introdotte dalle iniezioni di vaccino che hanno diverse conseguenze per la salute umana che includono trombocitopenia immunitaria e miocardite. Entrambe sono malattie autoimmuni.

Lo stesso studio ha anche riscontrato un aumento della produzione o formazione di tumori, ancora una volta legato a un sistema immunitario soppresso e incapace di combattere alcuni virus che possono causare il cancro.

AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita) è il nome usato per descrivere una serie di infezioni e malattie potenzialmente pericolose per la vita che si verificano quando il sistema immunitario è stato gravemente danneggiato.

Le persone con sindrome da immunodeficienza acquisita corrono un rischio maggiore di sviluppare alcuni tipi di cancro e di infezioni che di solito si verificano solo in individui con un sistema immunitario debole.

Proponiamo quindi che le iniezioni di Covid-19 stiano causando la sindrome da immunodeficienza acquisita o una nuova nuova condizione con attributi simili che può essere descritta solo come Sindrome da immunodeficienza acquisita indotta da vaccino Covid-19 (VAIDS).

Fonte

image-258

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 15 febbraio 2022, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: