‘Guardate i dati!’, ci hanno detto…e poi li nascondono

Mai prima d’ora il pubblico ha avuto accesso a così tanti dati su un virus e sui suoi effetti. Per due anni i dati hanno riempito i quotidiani. Siamo stati tutti invitati a seguire i dati, seguire la scienza e osservare come gli scienziati sono diventati i nostri nuovi padroni, insegnandoci come sentire, pensare e comportarci per “appiattire la curva”, “diminuire i casi”.

Possiamo analizzare tutto in tempo reale. Quanto erano belle le onde, le curve, i grafici a barre, la pura potenza della tecnologia. Possiamo guardare tutte le variazioni e le traiettorie, assemblarle per paese, fare clic qui e fare clic lì per confrontare, vedere nuovi casi, casi totali, non vaccinati e vaccinazioni, infezioni e ricoveri, decessi totali o decessi pro capite, e potremmo anche fare un gioco: quale paese sta facendo meglio nel grande compito, quale gruppo è più bravo a rispettare le regole, quale regione ha i risultati migliori.

Era tutto cosi’ sorprendente, la potenza del personal computer combinata con le tecniche di raccolta dei dati, i test universali, la trasmissione istantanea e la democratizzazione della scienza. Siamo stati tutti invitati a partecipare dai nostri laptop per approfondire le statistiche, scaricare e guardare, assemblare e disegnare, manipolare e osservare, e rimanere in ammirazione di fronte ai maestri dei numeri e alla loro capacità di rispondere a ogni tendenza mentre veniva catturata e descritta in tempo reale.

Poi un giorno, scrivendo al New York Times, la giornalista Apoorva Mandavilli ha rivelato quanto segue:

Da più di un anno, i Centers for Disease Control and Prevention hanno raccolto dati sui ricoveri per Covid-19 negli Stati Uniti e suddivisi per età, razza e stato vaccinale. Ma non hanno reso pubblica la maggior parte delle informazioni…. A due anni interi dall’inizio della pandemia, l’agenzia che guida la risposta del Paese all’emergenza sanitaria pubblica ha pubblicato solo una piccola parte dei dati raccolti, secondo diverse persone che hanno familiarità con i dati.

Kristen Nordlund, portavoce del CDC, ha affermato che l’agenzia è stata lenta nel rilasciare i diversi flussi di dati “perché fondamentalmente, alla fine della giornata, non sono ancora pronti per il rilascio”. Ha affermato che “la priorità dell’agenzia nella raccolta di dati è garantire che siano accurati”.

Un altro motivo è il timore che le informazioni possano essere interpretate erroneamente, ha affermato la signora Nordlund.

Quando la storia e’ stata pubblicata, i miei amici che lavorano con i dati i quali hanno scavato nei database per quasi due anni hanno lasciato un collettivo: argh! Sapevano che qualcosa non andava e se ne lamentavano da più di un anno. Queste sono persone sofisticate alla Rational Ground che progettano i loro grafici e i loro programmi di raccolta dati. Sono sempre stati curiosi delle esagerazioni, della scarsa comunicazione in merito ai gradienti di rischio, dei ritardi e dei buchi nei dati demografici sui ricoveri e sui decessi, per non parlare dello strano modo in cui il CDC ha manipolato le presentazioni su tutto, da mascheramento allo stato vaccinale a molto altro.

È stata un’esperienza strana per loro, soprattutto perché altri paesi del mondo sono stati assolutamente scrupolosi nella raccolta e nella distribuzione dei dati, anche quando i risultati non sono coerenti con le priorità politiche. Non c’è dubbio, ad esempio, che i dati mancanti riguardino la questione dell’efficacia del vaccino e molto probabilmente dimostrino che l’affermazione che si trattasse di una “pandemia dei non vaccinati” è del tutto insostenibile, anche dal momento in cui è stata fatta per la prima volta.

Nella storia del New York Times, sono stati citati molti importanti epidemiologi che esprimevano di tutto, da frustrazione all’indignazione.

“Sono due anni che imploriamo quel tipo di granularità dei dati”, ha affermato Jessica Malaty Rivera, un’epidemiologa e parte del team che ha gestito il Covid Tracking Project, uno sforzo indipendente che ha raccolto dati sulla pandemia fino a marzo 2021. l’analisi, ha detto, “costruisce la fiducia del pubblico e dipinge un quadro molto più chiaro di ciò che sta effettivamente accadendo”.

Ebbene, se l’obiettivo è la fiducia pubblica, non sta andando molto bene. Oltre alle carenze qui rivelate, ci sono molte altre domande riguardanti i casi e se e in che misura il test PCR può davvero dirci ciò che dobbiamo sapere, in che misura il problema di classificazione errata ha influenzato l’attribuzione delle morti e molto altro ancora. Sembra che con ogni mese che è passato, quelle che sembravano essere queste bellissime immagini della realtà siano svanite in un oscuro pantano di dati in cui non sappiamo cosa sia reale e cosa non lo sia. E sempre di più, lo stesso CDC ci ha esortato a ignorare ciò che vediamo (dati VAERS, ad esempio).

Il dottor Robert Malone fa un punto interessante. Se si scopre che uno scienziato di un’università o di un laboratorio ha seppellito deliberatamente dati rilevanti perché contraddicono una conclusione prestabilita, i risultati sono la rovina professionale. Il CDC, tuttavia, ha privilegi legali che gli consentono di farla franca con azioni che altrimenti sarebbero considerate frodi nel mondo accademico.

Ci sono molte analogie tra economia ed epidemiologia, come molti hanno notato negli ultimi due anni. Il tentativo di pianificare l’economia in passato ha subito molti degli stessi fallimenti del tentativo di pianificare una pandemia. Ci sono problemi di raccolta, conseguenze non intenzionali, problemi di conoscenza, problemi di indecisione della missione, incertezze sull’inferenza causale, una presunzione che tutti gli agenti obbediscano al piano quando in realtà non lo fanno, e una pretesa selvaggia che i pianificatori abbiano le conoscenze, abilità e coordinamento necessario per presumere di sostituire la base di conoscenza decentrata e dispersa che fa funzionare la società.

Murray Rothbard ha definito la statistica il tallone d’Achille della pianificazione economica. Senza i dati, economisti e burocrati non potrebbero nemmeno iniziare a credere di poter realizzare i loro sogni, tanto meno metterli in pratica. Per questo motivo, ha preferito lasciare tutta la raccolta di dati economici al settore privato in modo che sia effettivamente utile per le imprese piuttosto che abusata dal governo. Inoltre, semplicemente non c’è modo che i dati da soli possano fornire un quadro completo genuino della realtà. Ci saranno sempre dei buchi. Sarà sempre tardi. Ci saranno sempre errori. Ci saranno sempre incertezze sulla causalità. Inoltre, tutti i dati rappresentano un’istantanea nel tempo e possono rivelarsi estremamente fuorvianti con i cambiamenti nel tempo. E questi possono essere fatali per il processo decisionale.

Stiamo assistendo a ciò anche nella pianificazione epidemiologica. Il flusso infinito di dati in due anni ha creato quella che Sunetra Gupta chiama “l’illusione del controllo” quando in realtà il mondo dei patogeni e la sua interazione con l’esperienza umana è infinitamente complesso. Quell’illusione crea anche abitudini pericolose da parte dei pianificatori, come abbiamo visto.

Non c’è mai stato un motivo per chiudere le scuole, rinchiudere le persone nelle loro case, bloccare i viaggi, chiudere attività commerciali, mascherare i bambini, imporre vaccini e così via. È quasi come se volessero che gli esseri umani si comportassero in modi che si adattano meglio alle proprie tecniche di modellazione piuttosto che consentire alla loro base di conoscenze di rinviare alla complessità dell’esperienza umana.

E ora sappiamo che ci sono state negate le informazioni che il CDC ha tenuto nascosto per la maggior parte di un anno, senza dubbio per servire allo scopo di costringere l’apparenza della realtà a conformarsi più strettamente a una narrativa politica. Noi abbiamo solo una frazione di ciò che è stato accumulato. Quello che pensavamo di sapere era solo un assaggio di ciò che era effettivamente noto all’interno.

Non mancano gli scandali associati alla politica pandemica in due anni. Per coloro che sono interessati a scoprire esattamente cosa ha causato l’oscuramento delle luci o addirittura lo spegnimento della civiltà moderna, possiamo aggiungere un altro scandalo all’elenco.

Fonte

vaccine-database

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 25 febbraio 2022, in Uncategorized con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: