Quello che non ti dicono sul conflitto Russia-Ucraina

Il mini-documentario tenta di mettere le cose in chiaro sull’incursione russa in Ucraina.

Secondo il mini-documentario, la NATO si è alleata con i neonazisti in Ucraina per tenere sotto controllo le regioni separatiste.

Una donna ucraina nel documentario spiega come ha visto i simboli nazisti sulle forze ucraine nel 2014.

“Avevano quel simbolo, la svastica, sui loro caschi e sulle loro macchine”, ha spiegato, mentre il regista ha chiesto, “Questo significa che sono nazisti?”

“Beh, sì”, ha risposto.

Un altro uomo spiega che durante la guerra del 2014 in Donbas, i soldati ucraini li hanno costretti “a cantare l’inno dell’Ucraina, con le mitragliatrici puntate addosso”.

“Ci siamo rifiutati di farlo, perché semplicemente non conosciamo le parole e non volevamo cantarle. E per questo siamo stati picchiati con il calcio dei fucili”, ha spiegato l’uomo. “Quando abbiamo iniziato a protestare, alcuni di noi sono stati presi e legati a dei pali”.

“E poi, con sorrisi sfacciati”, ha proseguito, “hanno cominciato a derubare le nostre case, a portare fuori tutto, tutta la nostra roba, e a caricarla nelle macchine. E’ stato un saccheggio in piena regola”.

Il video mostra anche filmati di membri del battaglione Aidar ucraino che sparano indiscriminatamente su un villaggio del Donbas e una donna sconvolta che piange per la morte di suo figlio e della nipote a seguito dei bombardamenti ucraini.

I membri del battaglione Avoz vengono anche mostrati mentre conducono una cerimonia della Cattedrale della Luce, che era un punto fermo delle manifestazioni del partito nazista.

Il 25 febbraio Putin ha rilasciato un’altra dichiarazione che delinea ulteriormente il punto della sua offensiva.

“Inoltre, secondo le informazioni disponibili, e ciò è oggettivamente confermato, banderovet e neonazisti schierano armi pesanti, inclusi sistemi a lancio multiplo, proprio nelle aree centrali delle grandi città, tra cui Kiev e Kharkov.

“Hanno in programma di invitare il fuoco dalla parte russa e poi incolpare la Russia per aver bombardato le aree residenziali. Agiscono come qualsiasi gruppo terroristico.

“Ancora una volta mi rivolgo ai militari delle forze armate ucraine. Non permettete ai neonazisti e ai banderovet di usare i vostri figli, le vostre mogli e gli anziani come scudi umani”.

Il filmato nel documentario mostra come le forze militari ucraine hanno lanciato l’artiglieria pesante mentre occupavano aree residenziali, usando efficacemente le persone come scudi umani.

Un altro video mostrava le forze ucraine installate artiglieria pesante tra due scuole a Mariupol.

Il mini-documento si conclude con la decisione dell’Ucraina di rilasciare migliaia di armi da fuoco ai suoi cittadini il 25 febbraio per aiutare a respingere i russi.

“Tuttavia”, spiega il video, “i russi non sono entrati a Kiev la notte tra il 25 e il 26, quindi i residenti di Kiev appena armati hanno iniziato a spararsi a vicenda”.

Il documentario senza dubbio mette in luce la complessa questione che viene volutamente confusa dai media occidentali, nonché le ragioni alla base dell'”operazione speciale” di Putin.

La foto seguente, scattata dai fotografi di Getty Images in Ucraina, domenica, mostra un soldato ucraino indossare il simbolo del Sole Nero neonazista.

Bhe’ e la Nato che per festeggiare la giornata internazionale delle donne, pubblica la foto di una soldatessa Ucraina con il simbolo del Sole Nero? (Non esistono le coincidenze)

Fonte

azov-nato-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 9 marzo 2022, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 3 commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: