C’è qualcosa di terribilmente sbagliato in “Euphoria”

Il teen drama “Euphoria” è stato descritto dai mass media come “innovativo” e “controverso”. Ma questa è solo una semplificazione. Con innumerevoli scene esplicite e altamente inquietanti che coinvolgono minori, “Euphoria” finisce per raggiungere un obiettivo importante: manipolare i suoi giovani spettatori. Ecco uno sguardo più approfondito a questa serie televisiva.

Il minimo che si possa dire è che il teen drama Euphoria è un grande successo. È il secondo spettacolo più visto su HBO, dietro solo a Game of Thrones, con oltre 6 milioni di spettatori a settimana. Video e meme dello show sono altamente virali, soprattutto su TikTok (il social media preferito da bambini e adolescenti). Le star dello spettacolo stanno diventando celebrità importanti e sono seguite avidamente da una moltitudine di giovani fan.

Detto questo, ecco una domanda: quanti adulti si sono effettivamente seduti e hanno guardato questa cosa? Perché io l’ho fatto. E non mi sono sentito per niente “euforico”. In realtà, mi ha lasciato la sensazione viscerale di aver assistito a qualcosa di profondamente tossico. E perché ci sono così tanti peni in quello spettacolo diretto esplicitamente ad un pubblico di minori?

Euphoria non è semplicemente un altro dramma tagliente che affronta questioni adolescenziali come la droga e la sessualità. Va ben oltre. L’unica parola che descrive correttamente cosa sta succedendo in Euphoria è “grooming” (adescamento n.d.r.).

L’obiettivo degli adescatori è “stabilire una connessione con i bambini al fine di abbassare le loro inibizioni e desensibilizzarli alla sessualità”. In un modo contorto e insidioso, Euphoria realizza proprio questo. Abbastanza opportunamente, Drake – che è stato accusato di adescare ragazze adolescenti tra cui la quattordicenne Millie Bobby Brown – è un produttore esecutivo dello spettacolo.

Drake alla premiere di Euphoria.

Qualcuno potrebbe rispondere: “Non capisci niente perché non sei in contatto con la cultura giovanile”. No, non è questo. Euphoria non è “giovinezza” e non è “cultura”. È un vecchio condizionamento sociale. Non riflette i giovani, riflette ciò che “LORO” vogliono che i giovani diventino.

In effetti, le scene depravate che coinvolgono minori che vediamo in Euphoria sono state scritte da un uomo di 37 anni di nome Sam Levinson, figlio del famoso regista di Hollywood Barry Levingston. Basata sull’omonima miniserie israeliana, la versione americana di Euphoria riesce a portare le cose a un altro livello.

Mi rendo conto che sto suonando un po’ troppo drammatico. Tuttavia, diversi osservatori sono ugualmente perplessi e disturbati dal fatto che lo spettacolo venga commercializzato agli adolescenti. Nel gennaio 2022, D.A.R.E. (Programma di educazione alla resistenza all’abuso di droghe) ha rilasciato una dichiarazione su Euphoria affermando:

“Invece di promuovere il desiderio di ogni genitore di proteggere i propri figli dalle conseguenze potenzialmente orribili dell’abuso di droghe e di altri comportamenti ad alto rischio, il dramma televisivo della HBO, ‘Euphoria’, sceglie di glorificare in modo fuorviante e descrivere erroneamente l’uso di droghe, la dipendenza, la dipendenza degli studenti delle scuole superiori. Sesso anonimo, violenza e altri comportamenti distruttivi comuni e diffusi nel mondo di oggi.

È un peccato che HBO, social media, revisori di programmi televisivi e pubblicità a pagamento abbiano scelto di riferirsi allo spettacolo come “innovativo”, piuttosto che riconoscere le potenziali conseguenze negative sui bambini in età scolare che oggi affrontano rischi senza precedenti e sfide per la salute mentale”.

La parola chiave in questa affermazione è “distruttivo”. E, al fine di esporre i suoi giovani spettatori a scene altamente esplicite, Euphoria sfrutta una scappatoia: è classificato 18+ e la maggior parte degli attori che interpretano i liceali hanno più di 18 anni. Pertanto, lo spettacolo può presentare scene di sessualità, violenza, e abuso di droghe senza restrizioni. D’altra parte, la serie è chiaramente commercializzata per adolescenti e pre-adolescenti e non c’è assolutamente nulla che impedisca loro di guardarla.

I giorni in cui i giovani guardavano gli spettacoli sulla televisione di famiglia sono finiti. Guardano i contenuti in streaming sui loro dispositivi portatili in completa privacy. Nel frattempo, programmi insidiosi come Euphoria sussurrano messaggi nelle loro cuffie mentre i loro genitori sono completamente distaccati da quello che sta succedendo.

Ma non credermi sulla parola. Dopo aver visto la prima stagione (non c’è modo che mi sottoponga alla seconda), ho condensato le storie dei principali personaggi principali dello show. Sii tu il giudice.

RUE: DROGHE PESANTI
Rue è la protagonista principale dello spettacolo e il suo onnisciente narratore. Il personaggio è interpretato da Zendaya, un’attrice immensamente popolare tra i bambini, principalmente per il suo ruolo ricorrente nei film di Spiderman. Non diversamente da Miley Cyrus, il ruolo decisivo di Zendaya è stato in una sitcom di Disney Channel.

Zendaya in Shake it Up della Disney.

I giovani che amano Zendaya e guardano Euphoria rimarranno shocckati.

Rue sniffa una striscia di pillole frantumate a una festa.

In Euphoria, Rue è irrimediabilmente dipendente dalle droghe, in particolare benzodiazepine e oppioidi. Sebbene stia chiaramente lottando con la sua dipendenza, la serie riesce a presentare le sue esperienze in una luce insidiosamente intrigante.

Quando Rue è strafatta, è sempre a proprio agio e profondamente felice. C’è bella musica in sottofondo e piacevoli effetti visivi. Insomma, c’è di tutto per invogliare i giovani telespettatori dello spettacolo a farsi.

All’inizio della serie, Rue afferma di soffrire di ansia, disturbo ossessivo compulsivo e disturbo bipolare. Più tardi, è così depressa che non riesce nemmeno ad andare in bagno e finisce in ospedale. Lo spettacolo chiarisce una cosa: solo le droghe possono portare sollievo a Rue. Altrimenti, il semplice fatto di esistere è un compito quasi insopportabile.

A un certo punto, Rue parla della prima volta che le è stato somministrato del valium liquido in ospedale:

“Questa è la sensazione che ho cercato per tutta la mia vita, per tutto il tempo che posso ricordare. Perché all’improvviso il mondo è diventato tranquillo e io mi sono sentita al sicuro nella mia stessa testa”.

Più tardi, Rue tesse le lodi agli oppiacei.

Rue dice: “Niente al mondo si avvicina agli oppiacei. Un buon ES 7.5 Vicodin. cazzo. Ma onestamente, la cosa migliore che abbia mai avuto è il Fentanyl. E non c’è niente sul pianeta Terra che sia paragonabile al Fentanyl”.

La scena finisce così. Non c’è nessun “ma ti uccideranno”. Perché lo faranno. Secondo il CDC, le overdose di oppiacei hanno ucciso 75.673 persone tra aprile 2020 e aprile 2021. La causa principale di queste morti: il fentanil.

Nonostante queste cifre catastrofiche, il personaggio principale di Euphoria sta letteralmente vendendo Fentanyl ai giovani spettatori, arrivando persino a dire che “nulla al mondo” è paragonabile ad esso. Sì, la serie mostra che c’è un lato negativo nella dipendenza. Tuttavia, Rue è così infelice quando è sobria che quasi si vuole che si sballi di nuovo in modo che possa smettere di essere così depressa.

Verso la fine della stagione, Rue parla con un uomo che sta cercando di aiutarla a rompere la sua dipendenza. Mentre lui fa del suo meglio, lei chiarisce una cosa: le droghe sono le uniche ragioni per cui non si è ancora uccisa.

In breve, Rue non è semplicemente un’adolescente che sperimenta erba e simili. Brama gli oppioidi sintetici creati da aziende farmaceutiche che da anni traggono profitto da questa orribile crisi. Ed Euphoria, nei modi più insidiosi che si possa immaginare, in realtà attira i suoi giovani spettatori a volerli provare.

JULES: SFOCATURA DEL GENERE SESSUALE
Jules è interpretato dal modello transgender e attivista per i diritti LGBTQ Hunter Schafer. Nel 2017, Teen Vogue ha inserito Schafer nella sua lista “21 Under 21” 2017 e ha ottenuto un’intervista con Hillary Clinton. Schafer ha fatto da modello per Prada, Dior, Miu Miu, Calvin Klein, Rick Owens, Helmut Lang, Tommy Hilfiger, Thierry Mugler, Coach, Maison Margiela, Vera Wang, Marc Jacobs, Versus Versace, Emilio Pucci, Ann Demeulemeester ed Erdem. In altre parole, l’industria ama Schafer.

Al MET Gala del 2021 (una parata di pedine del settore), Schafer ha scelto il look da “demone del futuro”.

In Euphoria, Jules è una ragazza transgender di 16 anni che si è appena trasferita in città. Come afferma Rue, Jules è “una specie di s*tty (puttanella n.d.r.)”. Nei primi minuti della serie, vediamo Jules chattare su un’app di appuntamenti con un uomo chiamato “Dominant Daddy”.

Jules finisce in una stanza di un motel con un uomo più anziano ossessionato dall’idea di infilare il pollice in gola a ragazze transgender minorenni.

Quindi, vediamo chiaramente il membro eretto dell’uomo subito prima che penetri violentemente in Jules in una scena letteralmente inguardabile. Sì, i giovani spettatori di Euphoria sono costretti ad assistere a una scena altamente grafica raffigurante uno stupro legale che coinvolge un vecchio e un minore.

Ma Jules non è stato costretto a fare niente di tutto questo. E, dopo questa scena altamente degradante, Jules va in bicicletta a una festa vicina, come se nulla fosse. Perché, in Euphoria, questo è normale. Si tratta di sessualizzare i minori e normalizzare i pedofili.

Più avanti nella serie, quando vediamo Jules venir nuovamente violentato da questo vecchio, Rue spiega:

“Quando le cose si mettevano davvero male, Jules immaginava semplicemente che non era davvero se stessa e che questa non era davvero la sua vita. Era solo un personaggio di un libro o di un film o di uno spettacolo. Che niente di tutto ciò era reale e, se lo era, che importanza aveva? Non è che il suo corpo le appartenesse davvero in primo luogo”.

In altre parole, Jules si dissocia dalla realtà. È quasi come se i creatori di Euphoria dessero consigli ai loro giovani spettatori su come affrontare incontri sadici e degradanti con uomini adulti.

I creatori di Euphoria usano Jules anche per normalizzare il trasizionamento durante l’infanzia usando procedure mediche estreme.

Numerose volte durante la serie, Jules viene visto iniettare prodotti come Delestrogen (ormoni femminili).

Jules ha anche un impianto Supperlin, un bloccante ormonale. Jules dice: “Il chip impedisce alla mia voce di abbassarsi e alle mie palle di diventare più grandi”.

Come Rue, Jules fa molto affidamento sui prodotti delle grandi aziende farmaceutiche per tollerare di essere vivo. E, come Rue, gli effetti collaterali potenzialmente disastrosi di questi prodotti non vengono mai affrontati. In effetti, Euphoria fa di tutto per promuovere questi prodotti.

A un certo punto, Jules spiega il processo di transizione confrontandolo con un personaggio che sale di livello in un videogioco:

– È iniziato con i vestiti, poi è stato il trucco e infine gli ormoni. Ho semplicemente continuato a salire di livello.
– Allora a che livello sei adesso?

  • Non lo so. Ma sicuramente non ho raggiunto la mia piena potenza.

Diversi operatori sanitari hanno affermato che somministrare ai bambini ormoni e bloccanti ormonali è una forma di abuso sui minori. Ma non in Euphoria. Queste cose (che non esistevano nemmeno qualche anno fa) sono un modo per “salire di livello”.

KAT: SESSUALIZZAZIONE DI MINORE

All’inizio della serie, Kat è una ragazza nerd di 16 anni. E’ vergine. E, nel mondo di Euphoria, questa è una situazione inaccettabile che deve essere affrontata il prima possibile.

Quasi tutti intorno a Kat le dicono di “prendere un D (cazzo n.d.r.)”. Viene ripetuto più volte, da più personaggi. La ripetizione è la chiave per adescare i bambini.

Abbastanza presto, Kat “prende un D” a una festa. E tutti sono così orgogliosi di lei.

In Euphoria, la parola “sl*t” è un complimento.

Purtroppo per Kat, la sua prima esperienza è stata filmata ed è stata pubblicata su Internet. E lo sanno tutti. Sebbene all’inizio Kat fosse angosciata, ha notato che il video ha molte visualizzazioni e molti commenti positivi. Kat si sente così convalidata che decide di andare oltre. Quindi, Euphoria presenta ai suoi giovani spettatori una guida passo passo per diventare una cam girl.

Kat si iscrive a un sito per adulti per essere pagata.

Poi questo vecchio si mette in conttatto con la sedicenne Kat.

Questo vecchio chiede a Kat di insultarlo. E quando lo fa, tira fuori il suo micropene e inizia a strofinarlo febbrilmente. Vediamo tutto. Niente di tutto ciò è censurato.

Ma non importa. A Kat sembra piacere insultare il tipo. Ancora più importante, sta facendo soldi. In effetti, lo spettacolo spiega esattamente come Kat può essere pagata in modo anonimo utilizzando le criptovalute.

Kat riceve denaro sul suo telefono. A quale adolescente non piacerebbe?

Dopo essere diventata una cam girl, Kat va a scuola con un nuovo look e si sente benissimo con se stessa. Sì, essere una prostituta minorenne su Internet è fantastico.

Lo spettacolo continua a incoraggiare i minori a scattare foto e video osceni di se stessi. In una scena particolarmente sconvolgente, Rue e Jules spiegano come fare una buona “foto del pene”. Quel segmento contiene dozzine e dozzine di immagini di peni reali.

In un’altra bizzarra diatriba, Rue spiega perché i giovani hanno bisogno di inviare agli altri foto di se stessi nudi:

“Mi dispiace. So che la tua generazione faceva affidamento sui fiori e sul permesso del padre. Ma è il 2019 e, a meno che tu non sia Amish, i nudi sono la valuta dell’amore, quindi smettila di svergognarci”.

Ragazzi, scattare foto utilizzando l’ultimo iPhone e inviarle tramite la rete 5G è un’ottima idea. Perché non c’è modo che questa roba possa essere intercettata e archiviata su un database visualizzabile da malati d’élite (/sarcasmo).

Dopo la trasformazione di Kat, contatta diversi tizi casuali e si accoppia con loro sul posto.

A una festa di Halloween, Kat si veste da infermiera satanica (ispirata a Thana dal film altamente inquietante MS 45). Poi fa sesso con quel costume ed è tutto molto grafico.

Visualizzando continuamente scene esplicite, Euphoria fondamentalmente sottopone i suoi giovani spettatori alla programmazione Beta Kitten su larga scala. Dal mio articolo sulla programmazione Monarch:

BETA è indicato come programmazione “sessuale” (schiavo). Questa programmazione elimina tutte le convinzioni morali apprese e stimola l’istinto primitivo, privo di inibizioni. Gli alterego “gatto” possono venire fuori a questo livello. Conosciuta come programmazione Kitten, è il tipo di programmazione più visibile poiché alcune celebrità, modelle, attrici e cantanti femminili sono state soggette a questo tipo di programmazione. Nella cultura popolare, l’abbigliamento con stampe feline spesso denota la programmazione Kitten.
– Programmazione Monarca

Il suo nome è Kat. Indossa una maschera da gattino e un top con stampa felina. Programmazione Beta Kitten.

Potrei andare avanti per giorni con Euphoria. Quasi ogni scena ha una sorta di angolo con un messaggio tossico. Ma abbiamo visto tutti più che abbastanza.

CONCLUDENDO
Non ho scovato alcune serie strane e oscure di cui lamentarmi. Questo è ciò che i bambini stanno guardando ora. È su HBO. È supportato da Drake. È virale su TikTok. Le star dello spettacolo sono grandi celebrità. Le riviste per adolescenti li chiamano “iCoNic”.

Ma Euphoria non è intrattenimento. È condizionamento sociale. Cattura l’attenzione dei giovani con drammi liceali riconoscibili e li sciocca con scene di estrema depravazione. Dopo un po’, lo shock svanisce e gli spettatori diventano desensibilizzati. Questo si chiama adescamento di minore. Euphoria non è cultura giovanile. È ciò che l’élite vuole che i giovani diventino: una generazione di persone tristi e confuse, irrimediabilmente dipendenti dalle grandi case farmaceutiche e costantemente impegnate in atti degradanti. Il tutto sotto gli occhi attenti dei pedofili malati che vogliono che la loro malattia diventi normale.

Vuoi sentirti davvero “euforico”? Spegni questa spazzatura ed esci.

Fonte

leadeuphoria

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 23 aprile 2022, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: