Archivi categoria: Controllo Mentale

Il lato oscuro di Hollywood: Rosemary’s Baby – Nastro rosso a New York

Il film del 1968 “Rosemary’s Baby” è una delle produzioni più agghiaccianti e acclamate di Roman Polanski. Il film descrive la manipolazione di una giovane donna da una congrega occulta dell’alta società per scopi rituali. L’inquietante qualità del film non è la forte presenza di sangue e di elementi gore, ma la sua veridicità, che costringe lo spettatore a riflettere sull’esistenza di società segrete gestite dalle elite. Ancora più disturbanti sono gli eventi inquietanti che hanno circondato la produzione del film che comprendono omicidi rituali e l’utilizzo dell’MK Ultra. Prenderemo in esame il significato simbolico di “Rosemary’s Baby” e gli eventi non comuni che sono seguiti al suo rilascio.

Sebbene gli altri articoli su questo sito trattino, nel caso, di nuove uscite cinematografiche, uno sguardo al passato risulta necessario per comprendere meglio il presente. Lo stato della cultura pop degli Illuminati oggi non è una tendenza spontanea sorta dal nulla. Piuttosto, è il risultato di anni di influenza occulta sul settore dello spettacolo e sul condizionamento graduale delle masse a determinati messaggi e simboli. Anche se la cultura pop è da sempre viziata dalla agenda dell’elite che modella le menti giovani, è negli anni ’60 e ’70 che i tirapiedi dell’MK-Ultra e le oscure società segrete sono diventate parti visibili del mix. La necessità di reprimere i movimenti anti-guerra e quelli anti-establishment degli anni ’60 hanno costretto l’elite ad infiltrarsi e distruggere la cultura. Una serie di eventi destabilizzanti hanno provocato uno shock nelle menti degli idealisti facendo diventare gli eroi, nemici. Il “Peace and Love” degli anni ’60 viene sostituito da Charles Manson e dall’LSD negli anni ’70.

Rosemary’s Baby di Roman Polanski è il racconto di una manipolazione mentale avvenuta grazie ad una congrega elitaria di stregoni su una ragazza, la quale successivamente darà alla luce l’Anti-Cristo. In questo film viene catturata la mentalità di questa epoca e diventa simbolo del cambiamento irreversibile che è accaduto alla fine degli anni ’60. Tuttavia, sono gli avvenimenti reali accaduti attorno alla produzione del film che hanno veramente definito questa epoca: Meno di un anno dopo il rilascio di Rosemary’s Baby, la moglie incinta di Roman Polanski venne ritualmente uccisa dai membri della famiglia Manson. Questo orribile evento ha portato ad una fine brutale per le “vibrazioni positive” degli anni ’60 e viene considerato dagli storici come un evento cardine della storia americana. Daremo un occhio al significato simbolico di Rosemary’s Baby e analizzeremo gli strani eventi che lo circondano, che coinvolgono le società occulte, il controllo mentale e gli omicidi rituali.

ROSEMARY’S BABY

Il film del 1968 di Roman Polanski è un adattamento fedele al romanzo di Ira Levin che apparì solo un anno prima. Anche se non contiene sangue o scene gore, Rosemary’s Baby è considerato uno dei film più spaventosi di tutti i tempi. Perché? La natura inquietante del film non è nei suoi effetti speciali, ma nella sua premessa realistica. La storia si svolge in un vero appartamento (il Dakota), che ha la reputazione (reale) di attrarre elementi eccentrici dell’alta società di New York. La malvagia congrega non è un ricettacolo di stereotipi, come streghe dal naso a punta, ma vicini amichevoli, prestigiosi medici e individui distinti. Sono eleganti, razionali e intelligenti e sono collegati a persone importanti. Il realismo del film costringe gli spettatori a riflettere sull’esistenza di tali gruppi, al punto che alcuni temevano che il film, dopo la sua uscita avrebbe potuto causare una nuova caccia alle streghe. La manipolazione di Rosemary è inoltre estremamente realistica, tanto da provocare lo spettatore e fargli pensare: “Potrebbe succedere anche a me”.

L’AMBIENTAZIONE

Il film inizia con una inquadratura della skyline newyorkerse, mostrando i tetti degli edifici, per poi stabilirsi nel prestigioso Dakota Building (ribattezzato “The Bramford” nel film).

Il Dakota (trasformato in  “Bramford” nel film)

Il Dakota, e molti altri edifici del West Side, sono noti per essere la dimora dell’aristocrazia Newyorkese (il “vecchio denaro”). Il Dakota ha anche attirato celebrità come attori, cantanti e scrittori. E’ il “place to be” per l’elite di New York.

Nel film, il Bramford ha la reputazione di essere stato il luogo di numerosi eventi strani, che coinvolgono la magia nera e gli omicidi rituali. Adrian Marcato, un uomo ricco, praticante di stregoneria, fu quasi ucciso nella hall del palazzo. Dieci anni dopo, John Lennon, che visse nel Dakota, venne assassinato davanti a questo stesso edificio. Durante l’introduzione del film, il Bramford è solo uno, dei tanti tetti della città di New York, il quale nasconde, nelle sue austere mura, rituali occulti che una persona normale non avrebbe mai sospettato.

LA GIOVANE COPPIA

John and Rosemary Woodhouse mentre visitano il Bramford

Rosemary e Guy Woodhouse (interpretati da Mia Farrow e John Cassavetes) sono una giovane coppia che sta cercando di affittare un appartamento al Bramford. Guy è un attore in difficoltà, non è in grado di ottenere un adeguato riconoscimento o ruoli importanti e deve ricorrere a spot TV degradanti per riuscire a generare un certo reddito. Rosemary è una ragazza di campagna fragile e timida che proviene da una famiglia rigidamente cattolica. Il nome di Rosemary è stato storicamente associato con la Vergine Maria, la quale si dice abbia appoggiato il suo mantello su un cespuglio fiorito di rosmarino bianco, durante una pausa, facendolo diventare blu. Nel film, la fiduciosa e a modo Rosemary diventerà una sorta di “Madonna Nera”, portando nel proprio grembo il figlio di Satana.

I CASTEVET

Minnie e Roman Castevet, una distinta ed eccentrica coppia di anziani

Una volta sistemati nel loro appartamento, i Woodhouses conoscono i loro vicini, i Castevets, una coppia di anziani simpatica e ficcanaso che li invitano a cena. Durante questa serata importante, Roman Castevet si complimenta con Guy per la sua recitazione, sostenendo che ha “delle interessanti qualità latenti che un giorno lo avrebbero portato lontano” … a patto che si volti pagina su molte cose (apprenderemo poi che questi cambiamenti vengono facilitati quando si è parte del loro culto). Roman afferma che suo padre fù un regista teatrale e che lavorò con tutte le più grandi star dell’epoca (il padre è in realtà Adrian Marcato, lo stregone che venne quasi ucciso nella hall del palazzo).

In cucina, Minnie interroga Rosemary sul numero di bambini presente nella sua famiglia. E’ ovviamente molto interessata riguardo la “fertilità” di Rosemary.

Nel soggiorno, Roman sta discutendo privatamente con Guy.

L’importante discussione tra Roman e Guy

Guy viene a conoscenza della congrega di cui fa parte Roman. Quest’ultimo comunica al giovane attore che la sua carriera diventerà brillante se si unirà a loro. Il prezzo dell’ingresso è comunque pesante: deve consentire che la moglie venga drogata e messa incinta da Satana durante un rituale occulto.

SOTTO IL LORO CONTROLLO

Anche se all’inizio la coppia non gli sta simpatica, Guy si unisce alla congrega e diventa un buon amico di  Roman. Rosemary, che non sà nulla di questo argomento, comincia a stancarsi della coppia e del loro strano comportamento. Nel corso di una veloce visita, Minnie dà a Rosemary un ciondolo contenente radici di Tannis (una pianta fittizia), sostenendo che esse siano un portafortuna.

Il ciondolo sferico fù precedentemente indossato da una giovane donna che viveva con i Castevet. La coppia di anziani la trovò per strada (Gli “handler” (manipolatori” del controllo mentale cercano le loro prede in mezzo a questi individui perduti e disadattati). La donna si uccise gettandosi da una finestra, probabilmente dopo aver appreso i piani occulti che i Castevet avevano in serbo per lei. Il pendente diventa simbolo del controllo mentale esercitato della congrega.

La stessa notte, Guy ottiene il ruolo di protagonista principale, perché l’attore è diventato improvvisamente cieco. Questo strano evento convince Guy del potere della congrega, eliminando tutti i dubbi circa la capacità di Roman di aiutare la sua carriera come attore. Rosemary si accorge presto del drastico cambiamento avvenuto nell’atteggiamento di Guy: Suo marito è diventato “improvvisamente molto popolare”, conquistando ruoli di qua e di la. E’ anche diventato “egocentrico”, “vano”, “paranoico”, e “assorbito in se stesso”. Strano come questo descriva perfettamente i cambiamenti osservati nelle celebrità che “vendono l’anima” per la fama.

IL RITUALE

Una notte, Guy regala un mazzo di fiori a Rosemary proponendole bruscamente di avere un bambino. Il ragazzo comincia a cerchiare sul calendario i migliori giorni per il concepimento – Il 4 o il 5 Ottobre 1965. (La congrega stabilì che erano questi i giorni privilegiati per la copulazione e ottenere quindi un nascita numerologicamente corretta). Mentre la coppia prepara e gusta una cena romantica come preludio alla nottata di fuoco, Minnie bussa alla loro porta per regalare loro un dessert fatto apposta per loro. Rosemary assaggia il dolce dicendo che la mousse al cioccolato presentava un “sapore farinoso”, ma il marito la invita a consumarla comunque. La sua mousse in realtà conteneva droga e a Rosemary cominciano le vertigini.

Durante il suo stato di trance, Rosemary ha delle allucinazioni incoerenti: l’ex presidente JKF(l’unico presidente cattolico degli Stati Uniti, morto sei anni prima) le immagini della Cappella Sistina e del Papa (che indossa il pendente di Rosemary, simbolo di controllo occulto). Viene poi inquadrata nuda sul letto, circondata dal marito, dall’intera congrega di stregoni compresi i Castevet, mentre cantano inni rituali durante un rituale occulto che sta venendo praticato sulla ragazza.

Simboli sul petto di Rosemary, pari pari a quelli dei rituali satanici “reali”

Nel suo strano sogno, Guy comincia a fare l’amore con lei, ma il suo aspetto cambia in una figura grottesca/bestiale che ricorda il Diavolo, con gli occhi giallastri, gli artigli e le mani squamose. Nel mentre in cui Rosemary viene ‘violentata’ realizza:

“Questo non è un sogno, questo sta succedendo davvero!”

Ci furono insistenti voci sostenenti che Anton LaVey, il fondatore della Chiesa di Satana, interpretasse il ruolo (non accreditato) di Satana durante la scena del concepimento, ed è servito anche come consulente tecnico per il film. Non vi è alcuna prova del coinvolgimento di LaVey nel film, ma fù comunque legato all’aura di questo film da una cosa: Susan Atkins, uno dei membri della famiglia Manson, che in seguito ha assassinato la moglie incinta di Polanski, Sharon Tate, è stata una ex-seguace di Anton LaVey.

Poco dopo, Rosemary scoprirà di essere incinta.

LA GRAVIDANZA

Subito dopo aver appreso della gravidanza di Rosemary, Guy bussa alla porta dei Castevet per comunicare loro la “buona notizia”. Minnie raccomanda a Rosemary di andare a farsi vedere subito dal “migliore ostetrico del paese”, Abe Sapirstein. Lui è il medico dell’elite fintanto che mette al mondo “tutti i bambini della alta società”.


Il Dr. Sapirstein risulta essere un affiliato della congrega dei Castevet. Egli usa il suo prestigio e la sua autorità per manipolare Rosemary durante la gravidanza

La cover (reale) della rivista Time uscita nell’Aprile del 1966 nella sala d’attesa del dottor Sapirstein. La “chiesa di Satana” è stata messa in piedi da Lavey lo stesso mese e lo stesso anno

Il dottore ordina a Rosemary di evitare tutti i libri sulla gravidanza e tutti i consigli amichevoli, perché non esistono due gravidanze uguali. In realtà, sa benissimo che questa empia gravidanza sarà estremamente dolorosa. Viene richiesto a Rosemary anche di consumare quotidianamente una bevanda fatta dalla sua vicina di casa Minnie Castevet. Rosemary diventa quindi totalmente dipendente dai membri della congrega per tutte le questioni riguardanti la sua gravidanza. La tengono al riparo dal mondo esterno, la monitorizzano e la tengono sedata attraverso diversi modi:

Torte e beveraggi preparati da Minnie

Pillole prescritte dal Dottor Sapirstein

Punture. Rosemary viene tenuta all’oscuro di tutto per circuirla come viene fatto nel mondo reale con le persone: Attraverso cibi che rincretiniscono, bevande, pillole e vaccini

Anche l’aria che Rosemary respira, viene controllata dal suo handler attraverso i condizionatori dell’aria. A un certo punto Rosemary  spegne l’aria e apre una finestra – simbolicamente rappresenta una riemersione dalla realtà. L’handler di Rosemary le dice fulminante: “Hai spento il condizionatore dell’aria? Non devi farlo, cara.” Lei chiude la finestra e riattiva il condizionatore dell’aria di nuovo.

La gravidanza di Rosemary è estremamente difficile. Perde peso e continua a sentire forti dolori allo stomaco. Il Dr. Sapirstein minimizza le sue preoccupazioni, dicendole che il dolore sarebbe andato via presto. Rosemary si stanca dei suoi vicini, che sono un po’ troppo “interessati” alla sua gravidanza. A questo punto le viene dato un libro da un amico  (che muore misteriosamente in seguito): All of Them Witches.

Il libro descrive la società segreta internazionale dei Castevet, la quale è nota per i rituali di sangue che esegue. Rosemary acquisterà successivamente più libri sulla stregoneria. Viene inquadrata mentre legge un passaggio del libro che potrebbe descrivere il motivo per cui Guy ottenne ruoli importanti.

“Molte persone in quel periodo morirono di morte apparentemente naturale. Da allora è stato determinato che la forza mentale del collettivo può rendere cieca, sorda, paralizzata, e in ultima analisi, uccidere la vittima prescelta. Questo uso di una forza mentale collettiva è a volte chiamato congrega “.

Rosemary mentre legge Dogma e Rituale di Eliphas Levi. Notare la rappresentazione del Baphomet di Levi

Rosemary tenta di sfuggire al controllo della congrega e cerca aiuto ma viene sempre sgamata e riportata a casa. Viene drogata dal dottor Sapirstein e, subito dopo, entra in travaglio.

IL BAMBINO

Quando Rosemary si sveglia, le viene detto che il suo bambino è morto (in realtà è nelle mani della congrega). Guy tenta di confortare la moglie dicendole che le grandi società di produzione cinematografiche come la Paramount e la Universal erano interessate ad assumerlo. E’ stato promesso lui anche una grande casa a Beverly Hills – tutti premi per l’iniziazione di Guy nella congrega e per il sacrificio di Rosemary.

Decisa a trovare il suo bambino, Rosemary, si intrufola nell’appartamento dei Castevet e inciampa in una scena satanica dell’ “Adorazione dei Magi”, con persone provenienti da tutto il mondo che portando doni al bambino.

Quando Rosemary vide gli occhi da rettile del bambino, cominciò ad urlare. Così Roman Castevet le disse:

“Satana è il padre, non Guy. Egli venne dalle profondità dell’inferno e generò un figlio da donna mortale. Satana è il padre e il suo nome è Adrian. Egli rovescerà i potenti e devasterà i loro templi. Egli riscatterà i disprezzati e vendicherà coloro che sono stati bruciati e torturati. Ave, Adrian! Ave, Satana! Dio è morto! Satana vive! L’anno è Uno, l’anno è Uno! Dio è morto “

La nascita del figlio di Rosemary è il nuovo “Anno Uno”. Trova perfetto riscontro anche nella Chiesa di Satana attribuendo la data del 1966,  all’Anno Uno. Si tratta di un voluto e parallelo riferimento all’anno della nascita di Gesù Cristo, anche questa avvenuta nel primo anno, un altro fatto tralasciato: il bambino è nato nel giugno del 1966, che è numericamente 6 / 66.

Roman chiede poi a Rosemary di essere la “madre del suo bambino” e di prendersene cura.

Roman chiede a Rosemary di prendersi cura di Adrian, che si trova in una culla nera, sotto una croce rovesciata.

Incapace di resistere alla sua istintiva, quasi animalesca necessità di rispondere ai pianti del bambino, Rosemary inizia a far dondolare la culla. Il film finisce con una scena piuttosto inquietante: la congrega si raccoglie intorno a Rosemary mentre lei si sta prendendo cura del mostruoso bambino. Lei accetta la realtà della situazione e sorride in maniera finta.

La telecamera si sposta verso la finestra con le tende e quindi al di fuori dell’appartamento – il film termina con la stessa inquadratura iniziale … tutti questi eventi sono accaduti all’interno di una dei molti palazzi di New York, nessuno potrebbe mai sospettare qualcosa.

IL DOPO FILM

Mentre alcuni considerano il film Rosemary’s Baby come niente più che un film spaventoso che gioca sulla sensibilità dei cristiani devoti e delle giovani madri, altri lo vedono come una coraggiosa descrizione, fatta da Roman Polanski, dello stato mentale delle società segrete elitarie. Molti altri però lo interpretano come il manifesto occulto, che preannuncia una nuova era. Il figlio di Rosemary è ciò che Aleister Crowley identifica con il “Figlio del nuovo Eone”, o Horus, il figlio di Iside – il portatore di una nuova era nella storia del mondo. Se sia stato intenzionale o meno, Rosemary’s Baby si colloca ai confini di una nuova era ed è diventato parte di un importante cambiamento sociale.

“Il film è apparso in un momento di caos spirituale nella vita americana. Rosemary’s Baby rimane una traccia iconica di un tempo in cui tutto sembrava possibile, anche la nascita della Anti-Cristo “.
– Gary Indiana, “tormentato”, “Village Voice”

Rosemary è rappresentativo della società americana tradizionale e ingenua degli anni ’50 e ’60 – piena di idealismo e di speranza. Ma questa speranza è stata venduta, drogata e manipolata da un culto nascosto (formata da membri prestigiosi e rispettabili della società) per dare forza alla luce di una nuova era. Gli eventi scioccanti hanno lasciato segni indelebili sulla mente pubblico, compresa la misteriosa morte di JFK, Marilyn Monroe e di Martin Luther King; Gli orribili omicidi rituali perpetrati da capri espiatori vittime dell’MK-Ultra come Charles Manson hanno provocato paura e orrore. Questi eventi hanno distolto l’America dai suoi veri ideali e la hanno costretta a fissare un indefinibile, si tangibile forza influenzare la società. Le cospirazioni e i cover-up hanno portato a poco a poco le masse a scoprire l’esistenza di un governo ombra. Disillusione e cinismo ne seguirono, facendo si che la società americana dovesse decidere se ignorare o accettare la vera natura dei suoi governanti. La società è diventata l’equivalente di Rosemary, che ha preso conoscenza della natura malvagia del suo bambino, ma comunque ha accettato la responsabilità della maternità. La cultura pop degradata di oggi è semplicemente l’evoluzione di questo sistema.

Anche se uno dovesse trascurare il significato simbolico del film, gli eventi sincroni che circondano la sua produzione sono semplicemente stupefacenti. Per capire gli eventi che circondano il film Rosemary’s Baby è necessario mettersi faccia a faccia con il lato oscuro di Hollywood. Ecco alcuni degli eventi:

L’OMICIDIO DI SHARON TATE

Roman Polanski con sua moglie Sharon Tate

Prima di scegliere Mia Farrow, Roman Polanski aveva originariamente previsto che fosse di sua moglie, Sharon Tate, il ruolo di Rosemary. Non è stata messa nel cast , ma ha fatto una apparizione non accreditata nel film, durante una scena di festa. Quattordici mesi dopo l’uscita del film, Tate (che era incinta di 8 mesi) è stata ritualmente uccisa dai membri della famiglia Manson. E’ stata accoltellata 16 volte e il suo killer ha scritto la parola “maiale” con il suo sangue sul muro della casa.

Charles Manson è descritto da Fritz Springmeier come “sia uno schiavo del programma Monarch sia come un Handler”. Secondo Springmeier, i suoi handlers sapevano in anticipo quali sarebbero state le sue mosse successive. Era fondamentalmente utilizzato dalle elite per eseguire gli omicidi rituali.

“(…) Gli omicidi attribuiti ai Figli di Sam, la Famiglia Manson, e numerosi altri omicidi collegati (tra cui forse gli omicidi Zodiac) non erano ciò che sembravano essere. Mentre queste uccisioni sembravano essere il lavoro casuale di assassini seriali, in realtà erano killer sotto contratto per scopi specifici da parte di una rete di culti satanici … In altre parole, questi sono stati colpi professionalmente orchestrati e fatti apparire come il lavoro di un pazzo serial killer solitario “.
– David McGowan, “There’s Something About Henry”

“Gli omicidi Manson suonano la campana da morto per gli hippies e per tutto ciò che simbolicamente gli rappresentava”, ha detto il Bugliosi Observer la settimana scorsa. “Hanno chiuso un’epoca. Gli anni ’60, il decennio dell’amore, si è concluso in quella notte, il 9 agosto 1969 “.
-The Guardian, “Charles Manson follower ends her silence 40 years after night of slaughter”

Secondo numerosi osservatori, gli omicidi Manson vennero programmati attraverso le canzoni dei Beatles (Manson stesso affermò che la canzone Helter Skelter contiene messaggi nascosti destinati alla sua famiglia).

“Gli omicidi Manson sono stati eseguiti secondo il rito antico con l’hoodwinks e le ” corde dell’iniziazione ” attorno al collo dei sacrifici. Una riga di una una canzone di John Lennon dei Beatles fù dipinta sulla casa della morte, “Helter Skelter”, che si trovava adeguatamente nel Cielo (spagnolo per “cielo”), Drive ( la casa di Sharon Tate e di Roman Polanski).

Quello a cui stiamo assistendo in seguito alla emanazione pubblica di questi psicodrammi alchemici, le cui conseguenze spirituali per l’umanità sono di gran lunga più importanti rispetto a qualsiasi previsione sia stata fino ad ora, è un processo di iniziazione occulta globale “.
– Michael Hoffman A., società segrete e guerra psicologica

A proposito del quale, la morte di John Lennon è un altro strano pezzo del puzzle. L’omicidio si è verificato mentre John stava camminando nei pressi del Dakota, il palazzo dove venne girato Rosemary’s Baby, e dove viveva in quel momento. Mark David Chapman, il “pazzo solitario” che ha ucciso Lennon è fortemente sospettato di essere uno schiavo mentale del programma Monarch.

Una folla di persone davanti al Dakota dopo la morte di Lennon

Chapman ebbe rapporti anche con handlers di alto profilo e con l’occulto circolo di celebrità.

“L’assassino di Lennon, Mark David Chapman, ha incontrato l’amico LaVey Kenneth Anger, un discepolo americano di Aleister Crowley, a Honolulu nel tardo 1970. Nel 1967 Anger aveva diretto un film intitolato Lucifer Rising, interpretato dal seguace di Manson Bobby Beausoleil. Un altro seguace e soprattutto assassina di Tate, Susan Atkins, apparve con LaVey in uno strip club nella zona di Los Angeles. “
– Ibid.

Perché venne scelta Sharon Tate? Non era una grande star di Hollywood e ha goduto solo di un limitato successo commerciale. E’ l’inevitabile risultato a cui sono destinate le star che si avventurano troppo oltre nel lato oscuro del mondo dell’intrattenimento? Tre anni prima della sua morte, la Tate aveva recitato il ruolo di una strega nel film Occhio del Diavolo. La conclusione del film: un sacrificio di sangue si rese necessario per “mettere tutte le cose apposto”.

L’occhio del diavolo, uno degli ultimi film della Tate, un altro caso di un’attrice che appare in un film simbolico prima di morire in circostanze anomale

Roman Polanski sacrificò sua moglie (allo stesso modo in cui Guy ha sacrificato Rosemary) per ottenere favori da Hollywood? Poco dopo la morte, egli si lasciò fotografare dalla rivista Life nel soggiorno dove era morta Tate. Il sangue secco era ancora ben visibile sul pavimento di fronte a lui. Il servizio fotografico costò lui pesanti critiche.

Altri eventi non hanno aiutato la sua credibilità. Sette anni dopo l’omicidio di Tate, Polanski è stato arrestato con l’accusa di una serie di reati nei confronti della 13enne, Samantha Geimer, tra cui stupro con l’aggravante degli stupefacenti, perversione, sodomia, atti osceni e lascivi su una minore di 14 anni. Secondo la testimonianza della Geimer al gran giurì, Polanski aveva chiesto alla madre di Samantha (una attrice televisiva e modella) se potesse fotografare la figlia come parte del suo lavoro per l’edizione francese di Vogue (possiamo tutt’ora vedere le inclinazioni malate della rivista che pubblica photoshoot di bambini in pose e comportamenti adulti). Secondo l’autore Michael A. Hoffman, Polanski aveva prodotto un film snuff che coinvolgeva minori per la vendita sul mercato privato, ma queste accuse restano senza prove. Nonostante tutte queste accuse, Polanski resta un uomo libero.

Sono tutte strane coincidenze o parte di un disegno più grande? E’ qualcosa nel mezzo? Qualunque sia il caso, sono sintomatici di una forza nascosta che ha influenzano la cultura pop americana.

CONCLUSIONE

Rosemary’s Baby può essere visto come nulla più che un film ben fatto che gioca sulla paura e nell’archetipica figura senza tempo del “Diavolo”. Tuttavia, quando si guarda alla tempistica precisa del film, alla storia americana e la serie incredibile di eventi che seguirono la sua uscita, il film diventa un’opera fondamentale che simboleggia un importante cambiamento culturale nella vita americana. Allo stesso modo in cui Rosemary scopre il funzionamento della congrega internazionale di stregoni, così la società americana “scopre” il lato oscuro del mondo commerciale e dell’intrattenimento. Gli schiavi controllati mentalmente vengo sguinzagliati, vengono messi in piedi mega rituali occulti e la cultura pop diventa così una celebrazione della depravazione.

Questo sentiero tracciò la strada per l’agenda attuale degli Illuminati. Con il consenso silenzioso derivante dall’indifferenza del pubblico, l’industria culturale di oggi è ancora al lavoro, nella manipolazione delle menti giovani per un “nuovo eone”.

Detto questo, sarebbe troppo semplicistico dare la colpa a “Satana” per tutto ciò che è successo. In effetti, ai burattinai piacerebbe vedere una popolazione spaventata e confusa accusando un capro espiatorio non umano, liberando gli uomini e le donne reali dalla responsabilità delle loro azioni. Anche la Chiesa di Satana di LaVey è una commedia teatrale in perfetto stile hollywoodiano, rispetto ai veri attori della scena mondiale. Le cabale Segrete, evolvendo ai livelli più alti della società, sono le vere burattinaie che distolgono l’attenzione dei media. Distruggendo e corrompendo gli antichi insegnamenti esoterici per soddisfare le loro esigenze, i governanti si sono dati un codice morale inesistente per giustificare le loro azioni. Hanno usurpato la “vera scienza”, che fù ispirata dalle leggi della natura, per creare un sottoprodotto tossico che serve il potere e avidità. Le masse, considerate “profane” e indegne della verità, sono degli sconcertati spettatori in uno spettacolo malato di burattini, che non si rendono neppure conto di stare a guardare delle marionette. Per questo motivo, è importante sollevare il sipario e vedere cosa succede dietro le quinte. Una volta che vediamo realmente i burattinai malati tirare le fila, si spera di riuscire a sbloccarci da questo stato ipnotico e abbandonare la scena.

Fonte

Avventure nel paese delle meraviglie

Lily Cole mentre stringe un coniglio bianco nel film di Marilyn Manson

Lily Cole è la star del film con cui Marilyn Manson debutta alla regia, Phantasmagoria: The Visions of Lewis Carroll. Lily interpreta Alice. Il film parla di un vecchio tizio che aveva scattato delle foto a delle giovani ragazze, senza dubbio la copertura per un cosidetto manipolatore (Handler da qui in poi). Il suo alter ego è interpretato da Evan Rachel Wood. Qui sotto potrete osservare qualche immagine del film, dove è presente il simbolismo standard sul controllo mentale con maschere, conigli, la dualità e quant’altro. Lily ha anche lavorato nel film The Imaginarium of Doctor Panassus con quel pazzo di Ledger che interpretava l’appeso con un occhio onniscente all’interno di un triangolo tatuato nella fronte a rappresentare la barriera contro la sua cavalcante follia. Lily ha anche fatto un sacco di strani scatti fotografici, questo in particolare è stato probabilmente fatto sotto una pesante ipnosi. Ha i capelli rossi e gli occhi azzurri. Come la principessa Beatrice, nacque nel 1988.

Accozzaglia di farfalle (Simbologia progetto Monarch)/Occhi sulle ali delle farfalle

L’immagine sopra (proveniente da 2 pagine unite) con Lily circondata da farfalle e da un innaffiatoio gigante faceva parte di una serie di shoots fotografici intitolati ‘Adventures in Wonderland’, i quali furono pieni di simbologie utilizzate nel controllo mentale. Questa sotto è la copertina del Telegraph Magazine con due cigni reali gemelli, i cigni sono stati i primi uccelli colpiti dall”influenza aviaria in Gran Bretagna. Si noti la data, 17 maggio 2008.

L’immagine sotto mostra Lily su una scala a chiocciola. Le Eliche / spirali vengono utilizzate come attivatrici per il controllo mentale, sono simbolo di una discesa mentale verso uno stato alterato. Si noti inoltre la frattura sopra l’arco dietro Lily simbologgiante la frattura dell’io nello schiavo controllato mentalmente.

Questa foto, non è di Lily, ma anch’essa fa parte di ‘Adventures in Wonderland’ e simboleggia la doppia personalità con lo specchio in vista e un oggetto rosso posizionato dietro al soggetto visibile nello specchio.

Qui sotto abbiamo Fearne Cotton con scarpe rosse e con un top nero/bianco (questa foto non è dalla rivista Telegraph, ma dal The Times). Ha una sorta di tatuaggio a stella sulla caviglia, coperto però dal cinturino della scarpa.

Sotto ancora assomiglia ad una dea (e che dea!), seduta su una sedia su un pavimento a scacchiera. Inoltre sullo sfondo si possono notare delle colonne, presubimilmente associabili alle colonne gemelle della conoscenza

Questa è un’altra sua foto simbolica, con il punto focale che sembra essere il riflesso di una fallo nell’acqua.

Questa è la classifica foto con occhio onnisciente allegato (schiava degli illuminati), attornata da un giglio credo (non sono un botanico).

Le immagini qui sotto provengono dal photo shoot all ‘Acquario Fresh2O, comprende immagini di Keira Knightly, Lily e anche di una ragazza scelta a caso con le solite scarpe rosse mentre stringe la bandiera dei Cavalieri Templari.

Fonte

Grammys: Lady Gaga messaggera del Chaos?

OK, è strana. Sapevamo che ai Grammy ci avrebbe messo lo zampino e così è stato. Dalle spalle e faccia cornute alle teste mozzate su un organo … il tutto dopo l’arrivo all’interno di un ovulo embrionale/capsula spaziale. Qualunque cosa essa fosse.

Sembra una navetta da trasporto fantascientifica trasportata da alieni nubiani con le corna . Molto cerimoniale.

Lady Gaga in attesa durante il 53esimo Grammy Awards tenutosi allo Staples Center il 13 febbraio 2011 a Los Angeles, California.

 

PER PRIMA COSA, E’ MAI STATA SE STESSA?

Come tutti gli “ospiti” posseduti, Lady Gaga ha momenti di normalità, parla normalmente e agisce secondo i canoni di una stella del rock viziata che non riesce mai ad avere tutta l’attenzione che desidera, come nella recente denuncia alla stampa dove afferma che “La gente vuole vedermi fallire.” C’è però qualcosa di marcio in tutto questo….di che cosa si tratta?

La solita grossolana promiscuità della cultura pop, il transumanesimo e il simbolismo occulto sono molto diffusi nei suoi lavori. Le rappresentazioni dell’occhio di Horus e Anubis, il simbolismo massonico e demoniaco vengono sponsorizzati regolarmente dalla star. Tutti messaggi occulti degli Illuminati. Sono praticamente diventati un must nel settore della musica pop. L’infiltrazione e la diffusione è quasi completa.

Ma la Gaga vuole spingersi ulteriormente avanti.

Ovviamente la sua sfacciataggine potrebbe essere considerata strettamente collegata ad una manovra di marketing attraverso una potente indignaziazione sociale per le sue “dichiarazioni” e le sue immagini, come se fosse una sorta di avant garde iconoclasta. Ma chiunque abbia anche un minimo senso spirituale sa che ci sono ben altre forze al lavoro.

Chi è consapevole degli aspetti sul controllo mentale, della nostra società costruita, nonché della presenza di influenze extradimensionali, sa che c’è molta più carne al fuoco.

Da qualunque prospettiva la si veda ( psicologica, occulta, di marketing) Lady Gaga è al massimo della popolarità e del successo…

Ed è qui il pericolo

Che sia evidentemente un altro prodotto della programmazione per il controllo mentale Monarch è praticamente un dato di fatto. I suoi lavori sono pieni di riferimenti al controllo mentale e all’io fratturato.

Nel video di “Telephone“, la Gaga, con il suo copricapo, ci da uno dei più lampanti esempi di come lei sia “collegata” a delle fonti esterne di controllo che la possono “richiamare” in qualsiasi momento.

ANCORA, RIFERIMENTI  “ALLO SPECCHIO FRATTURATO” E AL CONTROLLO MENTALE

Come sappiamo, l’industria della musica è un ponte per il carico di messaggi pre-programmati e per i burattini disneyani che trasmettono significati devianti. La maggior parte delle persone vede solo mode e stili di culto. Quanto poco ne sanno.

Famoso riferimento al controllo mentale attraverso il simbolismo di Mickey Mouse. Notare che la Gaga è scentrata, così come lo è la foto, così come lo è il suo nuovo alter ego, mentre la sua vera personalità è andata perduta.

 

IL COMPITO DELLA GAGA E’ QUELLO DI “PROMUOVERE LA PROPOSTA” NEI MEDIA?

Nella grande visibilità dei Grammy Awards  non si sta solamente giocando con l’oltraggio. L’immagine di più teste mozzate rappresenta il corpo fratturato / la frattura delle personalità del soggetto controllato mentalmente.

COSA STA VERAMENTE INTRATTENENDO?

Un sacco di influenze occulte vengono scatenate nella società. Questa artista di “Gaga” ne sta testando i limiti facendo apparentemente qualsiasi cosa per attirare l'”attenzione”. Come detto prima, sta ricevendo il potere e l’influenza che cerca, ma questo la controlla. Potrebbe saperlo, come saperlo in parte come proprio non saperlo affatto.

Purtroppo sta diffondendo il suo messaggio caotico grazie ai media e ai fan che la supportano.

Sembra sospetto? Certo che lo è. E’ stata portata in alto! Si può solo immaginare il perché … ..

ORDO AB CHAO
Ordo ab Chao, oppure ordine dal caos, è lo slogan della Massoneria, e degli Illuminati. Prima vogliono distruggere la società e portare il caos nella maggior parte degli aspetti della nostra vita. A questo punto possono creare a loro piacimento la soluzione per i vari problemi del popolino. E’ un dramma che viene recitato da milleni.

Questo ultimo atto non è diverso.

La differenza con la Gaga non è solo la sua enorme confusione, o il messaggio caotico, ma la fascia di popolazione che va ad influenzare.

Le immagini mentali e spirituali che vengono messe in onda non sono solo canzonette o immagini innocenti. Esse sbloccano e vanno a colpire a livello psicologico l’ascoltatore.

Purtroppo, le persone più colpite sono i giovani spesso incauti e disinformati, e soprattutto coloro che hanno come madre la televisione. Sebbene quella sopra sia una messa in scena ripresa con la figlia di un altro schiavo controllato mentalmente, cioè, Will Smith, mi disgusta pensare cosa questi artisti abbiano in mente per le generazioni future.

In finale, lei incarna il veloce e caotico declino della civiltà, progettata dal “potere costituito”.

Fonte

Illuminati: Jessie J e la sua “Price Tag”

Jessie J è una nuova artista pop proveniente dall’Inghilterra, la quale ha pubblicato un nuovo singolo chiamato “Price Tag”. Mentre la canzone sembra ruotare attorno al rifiuto del materialismo, il simbolismo presente nel video ne descrive un significato molto più profondo: L’industria della musica non ha più come principale obiettivo la produzione di un profitto, il suo scopo è l’indottrinamento. Prenderemo in esame i significati nascosti della canzone e del video.

In meno di un paio di mesi, Jessie J è passata dall’anonimato virtuale alla cima alle classifiche con il suo singolo Price Tag. Acclamata come il “nuovo volto del pop”, la cantante di origine britannica ha sicuramente “quello che serve” per essere una pop star: l’aspetto, lo stile, il talento e, soprattutto, la volontà di giocare con le regole del settore.

Anche se Jessie J è un nuova arrivata come cantante pop non è assolutamente nuova in questo settore . Ha lavorato dietro le quinte, scrivendo canzoni per artisti pop come Miley Cyrus (“Party in the USA “), Justin Timberlake e Christina Aguilera. Come performer, la sua biografia la descrive come segue: “Mescola un pò di Rihanna con Gwen Stefani, aggiungi il carisma di Pink, e inizierai a farti un’idea di che tipo di ragazza Jessie J è.” In altre parole: per gli Illuminati rappresenta la perfetta pop star.

Il suo primo singolo dal titolo “Do it Like a Dude” (un brano che era stato previsto inizialmente per Rihanna) contiene elementi che si trovano nei video di altre stelle femminili del pop: un ambiente sporco/decadente, la bisessualità che fa moda ecc. E ‘comunque con Price Tag, il secondo singolo di Jessie J realizzato con il rapper BOB, in cui vediamo la piena portata del simbolismo degli Illuminati – più specificamente il controllo mentale tramite MK ULTRA – associata a Jessie J.

Sottolineare il simbolo dell’occhio onnisciente con uno sguardo vuoto è un ottimo modo per essere originali. Oh, aspetta, no, è il simbolo delle pedine degli Illuminati!

Indossare le orecchie di Mickey Mouse, un simbolo classico associato alla programmazione per il controllo mentale. Altri artisti che utilizzano le orecchie di Topolino? Cercate gli articoli precedenti sulle marionette degli illuminati.

Queste immagini danno una indicazione abbastanza precisa sui datori di lavoro di Jessie J. Nel caso in cui qualcuno avesse ancora dei dubbi, Price Tag rende il concetto cristallino … ovviamente se si comprende il significato dei suoi simboli.

PRICE TAG

A prima vista, la canzone trasmette un messaggio nobile: l’amore per la musica vince sull’amore per il denaro. Quale modo migliore per trasmettere questo messaggio rivoluzionario se non attraverso i mass media, ingannevoli che mettono assieme una canzone per la radio reclutando strategicamente uno dei migliori rapper della scena mondiale? Anche se il messaggio della canzone è sulla non-importanza del denaro e sull’individualità, il singolo è ovviamente calcolato in modo da ottenere i massimi ascolti possibili alla radio, mentre costantemente l’artista viene raffigurata come un pupazzo o come un giocattolo. Diamo un’occhiata al video.

 

Potreste aver riconosciuto alcuni simboli discussi in altri articoli su questo sito, come nei post su Rihanna e Lady Gaga. Ma ci sono altre scene che mostrano oggetti fanciulleschi semi distrutti. Che cosa significano? Secondo il direttore Emil Nava:

“Semplicemente è uscita l’idea di rappresentare gli oggetti più grandi che nella vita reale, è una sorta di mondo giocattolo con Jessie J che porta una punta di stile.”
– Fonte

Sei stato abbastanza eloquente, Emil Nava. Quando vengono interrogati su questi tipi di video, i registi, sono estremamente vaghi e poco coerenti. D’altra parte, non si può dire al Teen Bop Magazine “Beh, si tratta di controllo mentale degli Illuminati, dove Jessie J è una schiava del programma Monarch manipolata da potenze superiori”.

Tuttavia questo, è esattamente ciò che il video trasmette ed è necessaria solo una leggerissima infarinatura sulla programmazione Monarch per capirlo. Vedere un simbolo associato al controllo mentale in un video potrebbe essere il risultato di una coincidenza, ma vedere numerosi simboli che puntano fortemente verso uno stesso concetto rende la coincidenza molto improbabile. Ecco alcuni dei simboli del video.

L’ORSACCHIOTTO CON UN OCCHIO SOLO

Fin dall’inizio, il video propone una immagine forte e simbolica, che riassume l’intero significato di questo pezzo: un orsacchiotto con un occhio mancante e un braccio strappato. La combinazione di più elementi di questa scena puntano fortemente verso il controllo mentale basato sul trauma (un concetto che è stato trattato in articoli precedenti).

L‘orsacchiotto senza un occhio e senza un braccio

In primo luogo, un orsacchiotto mutilato allude ad un’infanzia corrotta e alla perdita di innocenza. Esso simboleggia la distruzione di qualcosa di molto caro per un bambino. Nel campo della programmazione Monarch, gli orsacchiotti senza arti hanno il significato specifico dell’impotenza delle vittime del controllo mentale nei confronti dei loro manipolatori.

“Molte delle cose comuni nella nostra vita quotidiana vengono utilizzate dai manipolatori poichè contengono significati nascosti utili al controllo mentale. L’orsacchiotto dato dal “Papà” alla bambina serve per ricordarle quanto lei sia impotente nel dissuaderlo dal stuprarla.

(…)

I “programmatori” e i genitori degli schiavi sovente danno loro animali di peluche. L’orsacchiotto, senza mani, rappresenta l’impotenza della vittima. “

–  Fritz Springmeier, The Illuminati Formula Used to Create an Undetectable Total Mind Controlled Slave

Per tirare acqua ancora al nostro mulino, l’orsacchiotto è senza un occhio, un simbolo che rappresenta costantemente il controllo degli Illuminati.

IL CARILLON CON LA BALLERINA

Jessie interpreta una ballerina all’interno di un carillon

In un’altra scena, Jessie J è ritratta come una ballerina all’interno di un carillon, quelli che hanno bisogno di essere caricati prima che inizino a muoversi. La ballerina ha bisogno di una forza esterna per potersi esibire, un’altra metafora per lo stato mentale dell’artista che lavora per l’industria musicale ed è controllato a livello mentale. La stessa metafora rappresenta il tema del film Black Swan (articolo completo sul film qui).

MARIONETTA

Marionetta

Ritrarre le pop star come burattini manipolati dall’alto da forze invisibili, è uno dei modi preferiti che gli Illuminati hanno, per mostrare il loro controllo del settore. Quale modo migliore per mostrare come l’elite sfrutti le pop star, per programmare ed indottrinare le masse?

Nella programmazione Monarch, il simbolo del burattino viene spesso usato per descrivere lo stato di uno schiavo controllato mentalmente.

“Per ottenere un burattino, al corpo viene somministrata un farmaco che paralizza il bambino. Viene poi applicato l’elettro-shock a certi muscoli su comando del programmatore. L’effetto è che il bambino non ha alcun controllo sul suo corpo, e il programmatore può fare muovere il bambino come vuole tramite gli shock elettrici. Il bambino diventa in realtà il burattino del programmatore. E’ un programma molto potente. Uno dei nomi connessi con la programmazione Monarch è Programmazione Marionetta. Il bambino diventa letteralmente un burattino. Questo concetto sembra essere stato inventato dai tedeschi sotto Hitler. I muscoli vengono messi sotto elettro-shock, in modo da sfruttare i riflessi naturali. Quando vengono fatte partire le scariche, le parti del corpo della vittima si muovono  in base al capriccio del programmatore, dimostrando alla vittima di essere un burattino. A questo punto vengono dettate le regole e la regola numero 8 è i burattini sono proprietà dei programmatori- Ibid

LA CASA DELLE BAMBOLE

Dentro la casa delle bambole

In un’altra scena, Jessie J è seduta all’interno di una casa delle bambole, che è un alto contesto significativo in termini di controllo della mente. A causa di un trauma intenso, gli schiavi della programmazione Monarch sono invitati a dissociarsi dalla realtà per sfuggire dal dolore e dalle torture che devono sopportare. La casa delle bambole è una rappresentazione del mondo fittizio dove le vittime fuggono quando si verifica la dissociazione. Inoltre, le case delle bambole vengono effettivamente utilizzati come giocattoli per la programmazione nell’infanzia.

LA BAMBOLA CON UN OCCHIO SOLO

La bambola con un occhio solo

Questa scena viene mostrata per meno di un secondo. E’ tuttavia estremamente significativa. Si tratta di una rappresentazione visiva della psiche fratturata di una vittima di un trauma psichico. Nel simbolismo del controllo mentale, le bambole rappresentano l’alter ego creato e programmato dal gestore dello schiavo. Nel video, la testa della bambola ha un occhio in meno, alludendo al controllo mentale degli Illuminati. L’occhio di Jessie è dove l’occhio mancante dovrebbe essere, effettivamente qui viene rappresentata la fusione della vittima con il suo alter ego.

LA GAMBA FRATTURATA E I PANTALONI CON STAMPE STILE FELINO

Gamba fratturata

In questa scena Jessie è senza una gamba, un altro richiamo allo stato mentale “fratturato” della vittima. Analizzando con più profondità, si può osservare la cantante indossare leggings con stampe stile felino, che, come spesso abbiamo visto, è un simbolo della programmazione Sex-Kitten.

Jessie non è l’unica ad essere ritratta in posizioni particolari. Il rapper B.O.B è inquadrato in mezzo ai soldati:

B.O.B. in mezzo a dei soldatini giocattolo. E’ la rappresentazione dell’impotenza dell’artista di fronte alla volontà del manipolatore

 

SIGNIFICATO DELLA CANZONE

 

A conti fatti quanti di questi simboli hanno a che fare con Price Tag e il “non preoccuparsi soldi”? Non molti. Abbiamo visto però che Jessie è costantemente raffigurata come una marionetta controllata da gestori invisibili. Potrebbe essere che stia cantando a nome dei suoi manipolatori, l’elite del settore della musica?Negli ultimi dieci anni, l’industria della musica ha attraversato una grande metamorfosi.

L’effetto combinato di Internet, la disponibilità di singole tracce invece che di album, più l’accesso alla musica on-line e senza licenza ha ridotto i ricavi dell’azienda musicale del 50%

Fatturato dell’industia musicale dal 1999 al 2009. Fonte CNN

Anche se l’industria della musica non fà più tanti soldi come una volta, ha ancora una funzione importante: è un potente strumento per l’indottrinamento di massa. Oggi, nonostante la mancanza di entrate, l’industria continua a spendere milioni per lo sviluppo e la promozione di nuove stelle. Perché? Perché non vi sono più in gioco i soldi. La musica pop è uno strumento per un indottrinamento capillare a livello della scuola o delle notizie quotidiane. Forma e plasma i giovani ad assumere atteggiamenti e valori. Gli artisti pop, naturalmente, generano ricavi per le loro etichette, ma prima ancora di poter iniziare a realizzare questo, devono “scoprire quanto è fonda la tana del bianconiglio”. Devono rappresentare personaggi specifici, glorificare valori specifici ed essere solidali con un ordine del giorno specifico. Se avete letto altri articoli del genere, siete già a conoscenza dell’ordine del giorno che le star attuali promuovono. Sapete anche che sono pedine intercambiabili che spingono tutte verso la stessa direzione. Se una stella perde la sua “magia”, un nuovo volto e una nuova energia riuscirà a riconquistare l’attenzione del pubblico e riorientarlo verso l’ordine del giorno.

Salutata come il “volto nuovo del pop”, Jessie J porta nuova energia al programma degli Illuminati, ma ostendando ripetutamente il simbolo dell’occhio onniscente come tanti altri artisti pop, dimostra di essere un’altra pedina del sistema. Canta il punto di vista delle élite: quest’ultima non ha bisogno del vostro denaro, visto che già possiede la maggior parte delle risorse mondiali. Vuole far ballare il mondo al suo ritmo. Vuole modellare le menti dei giovani in modo da far pensar loro ciò che vuole. Stiamo assistendo a un importante movimento di omogeneizzazione della cultura popolare in cui i media più importanti mandano in scena artisti “pre-approvati”, che sostengono un ordine del giorno “pre-approvato”. C’è un maggiore investimento in gioco: le menti dei giovani. Naturalmente, ci sono delle eccezioni nel settore. Gli artisti ribelli, anti-establishment, hanno sempre attirato tonnellate di tifosi e alcuni riescono ancora ad ottenere qualche successo … ma non con l’aiuto dei mass media. Non più. Il denaro non è l’unica cosa che crea il business.

CONCLUSIONE

Jessie J, “volto nuovo del pop”, non apporta nulla di nuovo nello scenario pop (a parte il viso). Il suo video Price Tag incorpora numerosi simboli legati al controllo mentale degli Illuminati, segni che in precedenza sono stati sfruttati da altri artisti pop. Quanti artisti sono stati beccati da questo sito mentre facevano il simbolo dell’occhio? Decine. Il fatto che gli stessi significati e simboli appaiono in tanti video musicali, a prescindere dall’artista, è la prova definitiva di una struttura di potere nascosta. Il simbolo di sottomissione dell’occhio onnisciente non è il problema principale, comunque. E’ il messaggio che viene promosso e i valori che vengono glorificati che dobbiamo guardare da vicino. Nel caso di Price Tag, gli spettatori sono sottoposti a dei simboli associati alla programmazione Monarch, un metodo di controllo mentale orribile basato sul maltrattamento dei bambini, mentre viene fatta suonare una canzone divertente e orecchiabile in sottofondo. Quindi, credo sia una buona cosa che non si preoccupino del prezzo sul cartellino … perche non se la beve (compra) nessuno!

Fonte

Illuminati: Spot pubblicitario Rihanna

Sembra che le pubblicità dei prodotti di bellezza stiano diventando un importante medium per sponsorizzare il controllo della mente / il simbolismo degli Illuminati. La breve pubblicità del nuovo profumo di Rihanna Reb’l Fleur è pieno zeppo di attivatori del controllo mentale e di simbolismo della programmazione Monarch.

Per prima cosa, Rihanna viene mostrata distesa dentro un fiore, scena che rappresenta la purezza e l’innocenza. Cammina poi verso uno specchio che riflette se stessa vestita di nero – immagine che rappresenta il suo “lato cattivo” e il suo alterego.

Mentre “attraversa lo specchio” (un rimando ad Alice nel Paese delle Meraviglie) compare la scritta “Bad feels so good”

Nel controllo mentale, le vittime sono incoraggiate ad abbracciare il loro lato oscuro, “cattivo” (il loro alter ego) in quanto è l’unico modo per poter rimuovere il trauma/tortura.

Una volta che ha attraverso lo specchio, Rihanna viene mostrata mentre cammina in un labirinto circondato da specchi incrinati e rotti.

I labirinti e gli specchi incrinati sono attivatori del controllo mentale che rappresentano il mondo interno delle vittime del controllo mentale: la finzione della realtà, l’illusione e la confusione. Solo il “manipolatore”, rappresentato dagli uomini in nero, ha la chiave per la loro psiche.

I manipolatori di Rihanna le sono letteralmente in testa, guardandola attraversare il labirinto. Infine la bloccano.


Rihanna accecata dai suoi 3 manipolatori

La scena diventa particolarmente sessuale nel momento in cui  Rihanna mostra la bottiglia di profumo che ha una forma spiccatamente fallica, mentre non le viene permesso di vedere dai suoi manipolatori. Questo è un riferimento all’abuso sessuale subito dagli schiavi controllati mentalmente dai loro manipolatori.

L’intera pubblicità poi viene fatta ripartire al contrario, un’altra allusione alla dualità bene male. Mentre Rihanna attraversa nuovamente lo specchio, vediamo la scritta “Feels Good So Bad “.

Fonte

Interpretazione occulta e riflessione sullo show business del film “Black Swan”

“Black Swan”è un intenso thriller psicologico che descrive la metamorfosi di una ballerina in un “Cigno Nero” (Black Swan). Dietro alla facciata “strana” del film vi è un profondo commento sul costo della fama, il sacrificio degli artisti e le forze nascoste dietro l’oscuro mondo dell’intrattenimento ai massimi livelli. Prenderemo in esame il simbolismo occulto del film e i temi riguardanti il lato oscuro del mondo dello spettacolo.

Diretto da Darren Aronofsky, Black Swan segue le vicende di una timida ballerina, Nina, lungo il percorso, attraverso l’esigente mondo del balletto professionale. Black Swan può essere considerato un film “gemello” del precedente lavoro di Aronofsky, The Wrestler, che descrive oltretutto gli alti e  i bassi di una persona con difficoltà lavorative in un poco noto campo delle arti dello spettacolo: il wrestling. Sebbene entrambi i film affrontino temi simili (ad esempio sacrificare se stessi per il bene della performance),
il mondo in cui Nina si evolve e gli ostacoli che dovrà superare sono diametralmente opposti a quelli di “The Wrestler”. Randy “The Ram” Robinson è un ragazzo che lavora come operaio, che vive in una città operaia e che deve far fronte al dolore fisico causato dalla condizione faticosa a cui è sottoposto. Nina, dall’altro lato, si esibisce nel raffinato mondo del balletto e le sue ansie sono psicologiche, emotive e anche spirituali.

Spesso mi viene in mente il fatto che le grandi opere d’arte possono essere
interpretate in molti modi, a seconda della conoscenza e delle esperienze di ogni spettatore. Questo film non fà eccezione … ci sono veramente tanti modi di interpretare la trama del film. Attraverso l’uso di significati e di
simboli, però, il film allude chiaramente a molti
temi discussi in precedenza in questo sito: il lato oscuro e occulto della fama,  la dualità il controllo mentale basato sul trauma, la creazione forzata di uno o più alter ego. La protagonista, Nina, compie un cambiamento metafisico – entrando in contatto con il suo ” lato oscuro”- al fine di diventare una ballerina migliore. Questo cambiamento le è stato imposto dal suo “mentore”, in questo caso, il regista del suo balletto. Il film utilizza sottili riferimenti al
controllo mentale basato sul trauma per spiegare la creazione di un
alter ego indipendente nella psiche di Nina.

Sebbene Black Swan sia una finzione, esplora comunque realtà nascoste delle arti e delle performance ad alto livello. Vi sono numerosi esempi di artisti che hanno abbracciato il loro alter ego più oscuro per portare la loro arte ad “un altro livello” e molti che in ultima analisi, ne sono stati consumati. Analizzeremo le simbologie occulte e gli elementi sul controllo mentale di Black Swan e vedremo come esse si riferiscano ad alcune delle realtà
del mondo dello spettacolo professionale.

Attenzione da qui in poi spoilers

SOMMARIO DEL FILM

Black Swan è una rivisitazione moderna del balletto classico di Pyotr Ilyich Tchaikovsky, Il lago dei cigni. Nel film, il regista del balletto, Leroy Thomas (interpretato da Vincent Cassel), descrive ai suoi ballerini la trama di base del balletto:

“Conosciamo tutti la storia. Una fanciulla vergine, pura e dolce, intrappolata nel corpo di un cigno. Lei vuole la libertà, ma solo il vero amore può spezzare l’incantesimo. Il suo desiderio le sta per essere concesso sotto forma di un principe. Ma, prima di poter dichiarare il suo amore, il gemello lussurioso, il Cigno Nero, lo seduce e lo inganna. Devastato, il cigno bianco salta giù da una rupe, uccidendosi, trovando così nella morte la libertà “.

Nina, una giovane donna timida e fragile viene scelta per interpretare il ruolo di regina dei cigni e deve quindi incorporare nel suo ruolo sia il cigno bianco puro sia il cigno nero malvagio. La ricerca della perfezione come ballerina la conduce a sperimentare, nella sua vita quotidiana, la trasformazione vissuta dal cigno bianco nella storia del balletto. Gli eventi della vita quotidiana di Nina rispecchiano quindi la storia del personaggio, che interpreta come ballerina,che, in ultima analisi la confondono, facendo sfumare la linea che divide realtà da finzione, fino ad arrivare alla apparente pazzia.

Il massivo uso che il regista fa, di specchi e riflessi, in numerose scene, sono un costante richiamo alla percezione alterata di Nina. Gli specchi nel film sono spesso fuorvianti e i riflessi di Nina sembrano avere una “vita propria”. Non appena Nina diventa ossessionata dal cigno nero, questi alter ego assumono vita propria e agiscono all’infuori del controllo cosciente di Nina. Spiegheremo più avanti come questo si riferisca al controllo mentale basato sul trauma.

Se non avete letto altri articoli su questo sito, il controllo mentale basato sul trauma – noto anche come Programmazione Monarch – è il processo in cui un individuo viene sottoposto ad un trauma intenso e disumanizzante, al fine di provocare una dissociazione mentale. Questo provoca una frammentazione della personalità della vittima e consente a chi ha praticato questa tecnica di creare un alter ego alternativo, che può essere programmato a piacimento. Alcuni ricercatori sostengono che vi sia una presenza di simboli occulti all’interno di questo processo.

“Il progetto MONARCH potrebbe essere descritto al meglio come una forma di dissociazione strutturata e di integrazione occulte, al fine di compartimentare la mente in personalità multiple all’interno di un quadro sistematico. Durante questo processo, un rito satanico, che di solito include il misticismo cabalistico, viene svolto, con lo scopo di associare un demone o un gruppo di demoni ai corrispettivi alter ego. Certo, i più scettici riterranno che questo sia semplicemente un mezzo per intensificare il trauma all’interno della vittima, negando così ogni credenza irrazionale per la quale la possessione demoniaca accada effettivamente.
– Patton Ron, Monarch Project

Un poster promozionale di Black Swan. Nina (Natalie Portman) viene mostrata con una crepa sul volto, che simboleggia la frattura della sua personalità, un importante concetto e simbolo del controllo mentale.

Andiamo ora ad analizzare alcuni dei temi centrali del film.

NINA E IL SUO TRAUMA

Nina vive in un piccolo appartamento di New York con la madre, Erica,una persona a dir poco prepotente. Molte allusioni al controllo mentale basato sul trauma si possono trovare nell’ambiente casalingo di Nina e nel comportamento oppressivo della madre.

La camera da letto di Nina. Notare le farfalle sul muro, sono un riferimento alla programmazione Monarch. Accanto alla finestra c’è un grande coniglio bianco, simbolo del controllo mentale con riferimento ad Alice nel paese delle meraviglie – una fiaba utilizzata per la programmazione delle vittime dell’Mk Ultra. Seguendo il Coniglio Bianco, Alice ha attraversato lo specchio, che, in termini di controllo mentale, si riferisce allo stato dissociativo della vittima.

La madre di Nina, è una ballerina in pensione che non è riuscita a diventare una star, si comporta più come una maestra del controllo mentale che come una madre. Ha ovviamente problemi affettivi e mantiene uno stretto controllo su tutti gli aspetti della vita di Nina. Le vittime reali del programma Monarch,  spesso hanno iniziato la loro difficile vita come vittime di abusi all’interno delle stesse mura domestiche. I simboli relativi al controllo mentale all’interno della casa di Nina probabilmente riflettono questa triste realtà, inclusa la sua rosa e infantile camera da letto.

Ogni notte, Erica Sayers fa partire il carillon di  Nina per far danzare la piccola ballerina. Questo fatto è piuttosto simbolico per quanto riguarda il controllo mentale subito da Nina.

Erica Sayers, la madre di Nina, forza sua figlia a spogliarsi.Questa scena inquietante rappresenta la totale sottomissione di Nina a sua madre e un accenno anche ad una malsana “familiarità” sessuale tra le due.

Altre persone nella vita di Nina, apparentemente sfruttano la sua debolezza e il suo vittimismo, approfittando di lei sessualmente.

Un vecchio pervertito fa gesti osceni a Nina durante la corsa del treno. Questa scena inquietante la dice lunga sul rapporto di Nina con la sua sessualità. I predatori sessuali a volte hanno la malata capacità di fiutare e cacciare le vittime di abusi sessuali.
 

La madre di Nina ha, pertanto, sottoposto la figlia a controllo mentale basato sul trauma, al fine di fare di lei una donna sottomessa, che potrebbe realizzare i suoi sogni non realizzati. Questo ha allenato Nina a dissociarsi per rendere sopportabile la sua esistenza, che a sua volta rende Nina il soggetto perfetto per la creazione di un alter ego oscuro: il cigno nero.

TIRANDO FUORI IL CIGNO NERO


Tornando alla trama, Thomas, il direttore del balletto, è alla ricerca di una nuova stella del balletto per svolgere il ruolo di Regina dei cigni. La danza meticolosa di Nina è perfetta per interpretare il ruolo del Cigno Bianco, ma deve anche essere in grado di interpretare il cigno nero,un ruolo che richiede alla ballerina di essere frenetica, sessuale e pericolosa. Lo stile frigido di Nina non è adatto per il Cigno Nero, ma Thomas la sceglie come Regina dei cigni comunque. Lui lo sa che è in lei, e glielo tirerà fuori.
Thomas mentre cerca di far emergere il cigno nero da Nina

Ad un certo punto, Thomas racconta a Nina:“La perfezione non è solo questione di controllo. Si tratta anche di lasciarsi andare. Sorprendete voi stessi in modo da poter sorprendere il pubblico. Trascendenza. Pochissimi ne sono in possesso “. 

Guardando Nina danzare, dirà più tardi:

“Sapevo che il cigno bianco, non sarebbe stato un problema. Il lavoro vero sarebbe stato la tua metamorfosi nel suo gemello cattivo “.

Al fine di ottenere la perfezione, o in termini alchemici, per realizzare la Grande Opera, Nina deve padroneggiare sia il bene che il male – la luce e le tenebre. Il concetto di dualità occulto diventa quindi estremamente importante (di più in seguito).

Il lavoro di Thomas è quello di creare in Nina un nuovo, aggressivo e sessuale alter-ego. Egli diventa quindi il nuovo “manipolatore” di Nina. Considerando che la madre “programmava” la figlia ad essere una ballerina sottomessa, che non fa mai domande a sua madre / manipolatrice, Thomas chiede lei il contrario. Egli rappresenta  il successivo livello di programmazione Monarch.

 


Dopo il suo incontro con Thomas, Nina, vestita di bianco, incrocia un’altra Nina, vestita di nero. Questo rappresenta simbolicamente la venuta di un nuovo oscuro alter ego

Per diventare un cigno nero, Nina deve poter essere in qualche modo a suo agio con il sesso, provare piacere da esso. Così Thomas dà i compiti per casa a Nina: deve “toccarsi”. Pronta a fare di tutto per diventare una ballerina migliore, Nina tenta di masturbarsi ma la madre le provoca un blocco nel piacere Il piacere sessuale diventa così una forma di emancipazione dal controllo della madre e la sua iniziazione al “grande cambiamento”.Quando il cigno nero cresce in potenza, Nina inizia allucinanti mutazioni fisiche sul suo corpo. L’unica L’unica persona che può vedere queste mutazioni è la madre di Nina, che, essendo una manipolatrice, ha la “chiave ” per la sua psiche. La madre è consapevole della progressiva trasformazione di Nina e cerca di reprimerla, sapendo che essa comporterà la perdita della sua “bambina”. 

 


Nina ha delle  allucinazioni su strane mutazioni in tutto il suo corpo. Esse stanno a rappresentare la graduale uscita del Cigno Nero.

Questa situazione riflette la brutta verità che sta dietro l’abuso rituale nella vita reale. I bambini, che sono già dissociati a causa di abusi da parte dei genitori, sono consegnati a delle “istanze superiori” che continuano il processo di programmazione. In questo caso, Nina è stata consegnata al mondo dello spettacolo (noto per l’uso della programmazione Monarch sulle celebrità) in modo di creare in lei un alter ego destinato ad essere una star di fama mondiale.


Thomas presenta la nuova regina dei cigni, Nina.


BETH MACINTYRE: LA STAR ATTEMPATA CHE E’ STATA MESSA DA PARTE

Beth MacIntyre alla cerimonia di incoronazione di Nina. Ha appena saputo che non è più la regina dei cigni. Ovviamente non è felice di tutto ciò.

Beth MacIntyre (interpretata da Winona Ryder) è la precendete star della compagnia di danza. Tuttavia, sta invecchiando e sta “perdendo lucentezza”. Come veterana, Beth è già passata attraverso il “processo di Black Swan”, e, come qualcuno potrebbe dire, ha “venduto l’anima al diavolo”. Anche se questo accordo ha permesso anni costellati di prestazioni eccellenti, alla fine, il processo la ha completamente distrutta. E ‘diventata una persona amara, presuntuosa e odiosa, che non è in grado di esistere senza essere il cigno nero.Ci sono molti casi nella vita reale dove le celebrità hanno subito la stessa sorte. Dopo essere state assunte, programmate ed attivate dal settore per diventare superstar, vengono improvvisamente abbandonate e dimenticate.Psicologicamente danneggiate, e prive della conoscenza di se stesse, le stelle cadute, affondano nella depressione, nella droga, nell’alcolismo e anche nel suicidio. 

Thomas, che era il capo di Beth (lui la chiamava “la mia piccola principessa”, un attivatore del controllo mentale) non ha più bisogno dell’alter-ego che ha creato in lei. E’ comunque impossibile “deprogrammarla”, così Beth perde completamente il senno. Il giorno successivo, la compagnia del balletto apprende che è stata investita da una macchina. Thomas pronunciandosi sull’evento dice:

“Sai cosa, sono sicuro che l’abbia fatto apposta. Tutto quello che Beth fa viene da dentro, da qualche oscuro impulso. Direi che è ciò che la rende così eccitante da guardare … così pericolosa … anche perfetta, a volte. Ma anche così dannatamente distruttiva “.

Quindi lo “spirito”, l’alter ego che ha consumato e distrutto Beth, è stata anche la forza nascosta dietro alle sue grandi prestazioni. Il pubblico è sempre stato affascinato dagli artisti intensi e ispirati che li riescono a toccare ad un livello primordiale e viscerale. A seconda della performance, questa fonte di trascendenza artistica è stata attribuita al divino o al diavolo. I performers controversi e rivoluzionari camminavano tra genialità e follia – attingendo a una forza misteriosa, fonte di grandezza artistica, e dall’altra parte, si prefigurava l’imminente autodistruzione. Le persone religiose potrebbero dire che questa forza è niente di meno che la possessione spiritica; gli scienziati potrebbero dire che il tormento psicologico porta alla creatività. Non importa il termine che si usa per definire questa “forza”, esiste certamente e i più influenti artisti del mondo attingono a piene mani da essa. Beth ha ospitato questa forza che la ha completamente distrutta … e adesso è libera di passare a Nina.

IL CIGNO NERO PRENDE IL SOPRAVVENTO (ALI NERE E SPECCHI)

Un poster simbolico. Dalla piccola ballerina si staglia, come una fenice dalle sue ceneri, un gigantesco e minaccioso cigno nero.

Il cigno nero è
la forza artisticamente brillante ma allo stesso tempo spiritualmente distruttiva che Thomas vuole vedere nascere in Nina. Ovviamente lui sa, dei devastanti poteri del Cigno Nero, ma non se ne è mai curato e mai lo farà: lui cerca sempre la migliore prestazione. Una volta che Nina verrà “usata” dallo Swan, dovrà trovare un’altra ballerina per sostituirla. E ‘una rappresentazione del mondo dello spettacolo, che manipola gli artisti per farli diventare cigni neri e, alla fine li scarica, quando gli effetti del “cigno nero” cominciano a svanire.

ALI NERE

La forza del cigno nero è simbolizzata in diverse scene del film

Poco dopo essere stata incoronata Regina dei cigni, Nina viene affascinata da questa inquietante statua. Non sospetta minimamente che essa sta a rappresentare ciò che sarebbe diventata.


Ali nere sulla schiena di Lily (interpretata da Mila Kunis) mentre “fa godere” Nina.Le ali nere rappresentano la “forza” che sta trasformando Nina. La sta penetrando, provocandole orgasmi, ma anche sottraendole vita.



Nina, alla fine della sua prestazione “perfetta” da cigno nero. Viene brevemente mostrata con delle ali nere, simbolo che è diventata “tutt’uno” con il cigno nero.

Un’altro poster simbolico. Il fallico beco nero del cigno è qui mostrato penetrare la psiche

SPECCHI
Gli specchi sono usati durante tutto il film per rappresentare il vero stato psichico di Nina
 

L’inquietante riflesso sullo specchio ha una mente propria. Mentre la sua
anticipi metamorfosi, Nina si rende conto che una entità completamentecompletamente   separata vive dentro di lei. E
agire al di fuori del suo controllo. Nel simbolismo sul controllo mentale i
riflessi allo specchio rappresentano l’alter ego della persona controllata mentalmente che
è programmato e manipolato da un maestro/manipolatore.
Giusto prima della sua grande performance come cigno nero,Nina combatte contro se stessa nel suo camerino. Durante la lotta tra Nina e il Cigno Nero, si rompe un specchio, che rappresenta il crollo del legame psicologico che separa le due entità. Con la rottura dello specchio, Nina diventa il Black Swan.

 

LA GRANDE OPERA E IL SACRIFICIO

Alla premiere dello show, Nina si esprime con una performance stellare. Interpreta con successo il cigno bianco dolce e timido, e, quando viene il momento, viene posseduta dalla “forza” per diventare il malvagio, eppure emozionante, Cigno nero. Sposando il bianco e il nero, il bene e il male, la luce e il buio, Nina ha compiuto la Grande Opera alchemica, il percorso occulto di illuminazione. 

Il processo, però, la ha consumata. Consentendo al Cigno Nero di possederla completamente, Nina ha fatto la performance della vita, ma è diventata una persona diversa. Thomas e il pubblico si sono innamorati di Nina, come è successo con il cigno nero – allo stesso modo in cui il principe del balletto si innamora del gemello malvagio del Cigno Bianco. Ma Questa non è la “vera” Nina. Il cigno nero è una forza distruttiva con cui non può vivere: la sta tormentando ad un livello fisico e psicologico. Non in grado di continuare così, l’unico modo che Nina ha per liberarsi, è di suicidarsi. Ed è questo quello che fa.

 


Nina morente alla fine della sua performance. Le sue ultime parole a Thomas “Ero perfetta!”

Questo fatto non vi ricorda una performance di qualcun altro?

 

Il “sacrificio” di Lady Gaga nella sua performance ai WMA 2009
CIGNI NERI DEL MONDO REALE
Beyoncè e Sasha Fierce, un equivalente nella musica pop del cigno bianco e del cigno nero
Ci sono reali (e tragici) esempi di artisti brillanti che sono stati consumati da un ruolo intenso. O si sono auto distrutti o hanno dovuto morire in un sacrificio rituale. Black Swan è un commento a questo misterioso fenomeno? 

Un esempio recente di un ruolo auto-distruttivo è stato quello di Heath Ledger  che ha interpretato il Joker in The Dark Knight.

Persone vicine a Ledger dicono che sia stato il ruolo di Joker la sua rovina
Jack Nicholson avvertì Heath Ledger sul ruolo di ‘Joker’  

Heath Ledger avrà pensato che ottenere il difficile ruolo da Joker sia stato un sogno diventato realtà – ma col senno di poi qualcuno pensa che sia stato un incubo che lo ha portato alla sua tragica morte.

Jack Nicholson, che interpretava il Joker nel 1989 – e che
era furioso di non essere stato consultato in merito al particolare ruolo –
quando seppe della morte di Ledger la commento in maniera criptica:

“Beh”, disse Nicholson ai giornalisti, “L’ho avvertito.”


Ledger ha recentemente dichiarato ai giornalisti di aver “dormito una media di
due ore a notte” mentre interpretava uno psicopatico, killer di massa , clown schizofrenico con zero empatia …

“Non riuscivo a smettere di pensarci. Il mio corpo era esaurito, e la mia
mente continuava a elaborare le informazioni “.

I farmaci prescritti non ha aiutato, ha detto.

– NY Daily News, Fonte

Un altro esempio di un attore che muore in circostanze misteriose dopo aver interpretato un ruolo diabolico e contorto è Brandon Lee nel Corvo.

 

Brandon Lee morì misteriosamente durante le riprese di “The Crow”.La storia ufficiale della sua morte è ancora oggi molto controversa.La scena in cui morì fù altamente simbolica.
IN CONCLUSIONE
Attraverso la metamorfosi di Nina da una timida nullità ad una superstar posseduta, gli spettatori sperimentano il lato oscuro dell’intrattenimento. Il controllo mentale, la manipolazione e l’immoralità si scontrano con successo e riconoscimento. Gli impulsi oscuri, le dipendenze e l’autodistruttività nascono con il genio artistico e la genialità creativa. Coloro che sono “gli addetti al lavoro” dello spettacolo conoscono perfettamente le tecniche per far uscire il Cigno Nero dai giovani artisti emergenti … e sanno benissimo che li distruggerà nel lungo periodo. Ma sono d’accordo con questo. Lo stesso modo in cui Beth è stata messa da parte per accogliere una nuova regina dei cigni, il pubblico darà sempre il benvenuto ad una nuova stella dell’elite con applausi e consensi. Perché, come si dice, the show must go on.

Josie e le Pussycats: Il modello di controllo mentale dell’industria musicale

“Josie and the Pussycats” è un film su una “girl band” rivolto a bambini e giovani adolescenti, soprattutto alle ragazze. A prima vista, il film sembra essere uno di quei soliti, dannati film per adolescenti, ma guardandolo bene, il suo tono complessivo e il messaggio è in netto contrasto con quello dei suoi fac-simile. “Josie and the Pussycats”, è davvero una critica aspra ad un mercato discografico in bancarotta morale. Il fatto più sorprendente di questo film del 2001 sono le spaventosamente accurate predizioni per quanto riguarda la musica pop di oggi e la sua agenda imposta dagli Illuminati: artisti controllati mentalmente, masse ipnotizzate, messaggi subliminali … è tutto lì. In questo articolo esamineremo i temi del film e vedremo come si relaziona con il contesto odierno.

Josie and the Pussycats fù proiettato nelle sale nel 2001 dalla Universal. In termini di business della musica, il 2001 è storia antica. Giusto per rimettervi nel contesto dell’epoca: Gli N’Sync cantavano ancora Bye Bye Bye, Cisco voleva vedere il tuo th-th-thong -thong -thong e tutti si chiedevano Who Let the Dogs Out. I diciottenni andavano matti per boy band come i Backstreet Boys e tutti ballavano  Ja Rule. Quindi, sì, era molto tempo fa.

Josie and the Pussycats uscì in questo periodo, ma allo stesso tempo sembrava preannunciarne la fine. Il film inizia con i membri della boy band “Du Jour”, una parodia dei Backstreet Boys, che muoiono in un incidente aereo organizzato ad hoc. Il gruppo è quindi sostituito da una girl band con un atteggiamento semi-punky e non più pericolosamente pop rock come la band precedente. Questo più o meno rispecchia quello che è realmente accaduto negli anni successivi all’uscita di questo film: Gli N’Sync e i Backstreet Boys scomparvero dal mercato della musica pre – adolescienziale e vennero sostituiti da Miley Cyrus, Hilary Duff, i Jonas Brothers e così via.

I Jonas Brothers con un atteggiamento Semi-Punk, sono le giovani star “innocue” che hanno sostituito i Backstreet Boys. Sono i Josie and the Pussycats al maschile.

 

Nonostante il film appaia “spensierato”, riesce a confezionare una dura e sostenuta critica al business della musica. E’ inoltre severamente critico sullo stato della gioventù americana. Gli adolescenti e i pre-adolescenti sono costantemente raffigurati come un branco di droni senza cervello incapaci di avere un pensiero indipendenti e tendenti all’isteria.

I pre adolescenti impazziscono per le ultime valanghe di emozioni costruite dall’industria della musica pop

Ma oltre al solito “Oh mio dio queste grandi multinazionali sono così cattive” , Josie and the Pussycats affrontano, in un modo strano e divertente, alcuni dei lati oscuri del mondo della musica, compreso il controllo mentale delle masse, gli artisti controllati mentalmente dall’industria della musica e anche l’assassinio degli artisti che fanno troppe domande o sono ribelli.

LA BOY BAND CHE NE SAPEVA TROPPO

Come già detto in precedenza, il film inizia con i Du Jour (la boy band “del giorno”) mentre si godono il loro successo enorme. Nel loro jet privato, il frivolo e inutile gruppo di cantanti si lamenta su alcune cose meschine con il loro record esecutivo Wyatt, che agisce più come un tutore legale o, in termini di controllo mentale, un gestore.

Il gruppo chiede quindi a Wyatt degli strani suoni che hanno sentito nelle tracce a cappella della loro ultima canzone … e vogliono delle risposte.

I Du Jour mentre chiedono spiegazioni a Wyatt sull’inserimento di quello strano sottofondo presente nella loro ultima canzone

La risposta di Wyatt è abbastanza dura: Lui e il pilota dell’aereo hanno indossato il paracadute e sono in procinto di saltare dall’aereo, lasciando i Du Jour a morire in quello che verrà poi indicato come un incidente “casuale”. Questo è successo nel mondo reale numerose volte: gli artisti che iniziano a scoprire il lato oscuro delle cose, che fanno troppe domande o, peggio, hanno in programma di svelare queste informazioni al pubblico, spesso vengono scagliati dalle stelle alle stalle, pubblicamente umiliati e disprezzati, o, come in questo caso, uccisi.

LA MEGA RECORDS

I Du Jour sono sotto contratto con l’etichetta più grande del mondo, la Mega Records. Si impara presto però, che la società è molto più di una etichetta discografica. La Mega Records è, infatti, “in affari ” con il governo americano e
l’FBI per fare il lavaggio del cervello “al settore demografico più influente dell’intera popolazione“: i giovani. Mentre sta facendo da cicerone in una visita al quartier generale dell’etichetta per i visitatori provenienti da paesi stranieri (che stanno imparando i “trucchi” del mestiere),
Fiona, l’eccentrica amministratrice delegata della Mega Records dice questo:

“Sono sicura che vi state chiedendo perché l’agente Kelly e il governo gli Stati Uniti sarebbero così interessati a quella che sembra essere una casa discografica. Beh, io sto per mostrarvi il motivo. “

L’ufficio di Fiona si trasforma poi in un ascensore che comincia a scendere in una struttura sotterranea segreta.

Fiona la Ceo della Mega Records concede un tour nel quartier generale sotterraneo della etichetta discografica.

Il quartier generale del marchio è, infatti, un centro di controllo per manipolare le menti dei giovani americani. Esso crea nuove mode, decide tutto da “quali vestiti sono alla moda a quale slang è in voga”, con il fine ultimo di mantenere paganti i giovani verso le ultime e temporanee tendenze.

La realtà è, ovviamente, più complessa di così. Le tendenze non sono (probabilmente) create in un centro di controllo sotterraneo nella città di New York. Vi è però del vero in questa rappresentazione quasi caricaturale del music business. L’industria dell’intrattenimento è infatti collegata a “poteri superiori” (impersonificati nel film dall’agente dell’FBI) per indirizzare i giovani verso il consumismo proposto appunto dalle elite. La cultura popolare non solo tenta di vendere prodotti e marche alla gente, ma anche idee, valori e atteggiamenti. Negli articoli precedenti, abbiamo stabilito che l’agenda di oggi si concentra su concetti come il transumanesimo, il simbolismo degli Illuminati,  la sessualizzazione precoce, lo stato di polizia / militarizzazione e così via.

Continuando il suo tour, Fiona disse:

“Ma adesso, vi chiederete, come fa la nostra operazione ad essere così efficace? Senza dubbio questi ragazzi hanno un cervello fatto di plastilina, che aspetta solo di essere modellato nella forma, ma deve esserci qualcos’altro, giusto? “

Fiona spiega poi che la sua etichetta inserisce messaggi subliminali nella musica pop, al fine di manipolare i giovani per spingerli ad acquistare i loro prodotti e a acquisire le loro idee. Così, l’etichetta va oltre la semplice pubblicità dei prodotti. Nasconde all’interno della musica messaggi subliminali che bypassano la mente conscia del pubblico al fine di raggiungere direttamente i loro subconscio.

Dopo la presentazione, uno straniero chiede a Fiona “Come riuscite a controllare le rock bands? Che cosa succede se vengono a scoprire che nascondete messaggi nella loro musica? “Questo è quello che Fiona risponde:

“Vi siete mai chiesti perché tante rock star muoiono in incidenti aerei?Un’overdose di farmaci? Lo facciamo già da molto tempo. Se iniziano a diventare troppo curiosi, le nostre opzioni sono infinite. Fallimenti, scandali scioccanti … conversioni religiose! “

Ci sono numerosi esempi nel mondo reale di celebrità che sono state messe a tacere, una delle più scioccanti ed evidenti sembra essere quella di Michael Jackson. Dopo decenni di controllo da parte dal mondo dello spettacolo, ha cercato di liberarsene alla fine degli anni ’90. Ne ha addirittura parlato (vedi l’articolo “Quando gli artisti stessi mostrano il lato marcio dell’industria musicale“). Ha poi sopportato anni di scandali, processi, è stato ridicolizzato dal pubblico ed ha dovuto superare grosse difficoltà finanziarie. Michael Jackson, nonostante ciò è riuscito comunque a cantare e ballare organizzando anche un tour mondiale per il 2010. Dal momento che i precedenti tentativi di distruggerlo sono miseramente falliti, Michael Jackson è stato messo a tacere con la forza. Sembra quindi, che dopo dieci anni dall’uscita di questo film, i sacrifici delle celebrità troppo curiose continuino.

NUOVA TECNOLOGIA 3D

In un tentativo di “portare le cose al livello successivo”, la Mega Records sviluppa una nuova tecnologia chiamata “3DX Surround Sound “. Questa nuova tecnologia “fa sentire la musica come se fosse suonata attorno a voi”. Tutti i ragazzi che vanno ai concerti delle “Josie and the Pussycat” o che le guardano in tv devono acquistare questo copricapo al fine di ascoltare la loro musica.

Ragazzi ipnotizzati e controllati mentalmente mentre provano la nuova 3DX Technology in un laboratorio della Mega Records. Notare che la ragazza al centro è una “libera pensatrice” che è stata rapita dall’etichetta per condurre esperimenti.

Tornando al mondo reale, possiamo osservare l’applicazione di una tecnologia simile:

Gli occhialini 3d sono il trend più in voga ai giorni nostri. Sono necessari per vedere i film in 3d, gli show tv e i videogiochi. Questa tecnologia aprirà nuovi orizzonti alle tecniche di lavaggio mentale? Ci potete scommettere!

JOSIE AND THE PUSSYCATS: DA NESSUNO A STAR PROGRAMMATE IN MODALITA’ “SEX KITTEN”

Dopo l’uccisione di Du Jour, Wyatt è incaricato di trovare una band il più presto possibile. Il film mette in chiaro che il talento è assolutamente irrilevante.L’etichetta ha solo bisogno di un gruppo bello per il resto è già tutto sistemato. Ci vengono quindi presentate le Pussycats… e i loro pochi fan.

Le Pussycats si esibiscono in un bowling, senza nessuno ad ascoltarle. I musicisti di umili origini, vengono scoperti modificati e poi venduti al pubblico dalle case discografiche.

La rock band si compone di tre giovani donne che indossano orecchie da leopardo. E ‘abbastanza ovvio che nessuno vuole ascoltare la loro musica e anche il loro manager Alexander non sembra gradirle.

Dopo aver sentito parlare del disastro aereo dei Du Jour in televisione, la leader delle Pussycats, Josie, è motivata ad “uscire dal guscio” e ad ottenere un contratto discografico. Allo stesso tempo, Wyatt sta vagando per la piccola città di Riverdale, alla ricerca di una band da mettere sotto contratto.

Wyatt si imbatte letteralmente nelle Pussycats. Alcuni tipi per coincidenza stanno passando dietro le ragazze con la scritta “Band n 1 al mondo”. Questo era tutto quello che serviva a Wyatt per far loro firmare il contratto

Wyatt si siede con le ragazze e comunica loro di quanto sia felice “di essere seduto con le Pussycats”. Ovviamente non sa nulla della band ma questo poco li importa. Successivamente propone loro un contratto discografico con la Mega Records. Josie si chiede perché alla sua band viene offerto un contratto da un’etichetta che non le aveva nemmeno sentite suonare. Il suo desiderio di essere famosa dissipa però tutti i suoi dubbi e la band firma il contratto.

La storia delle Pussycat è un classico: una band che sta lottando per arrivare al successo facendo vari concerti per i locali, una etichetta discografica offre un contratto ombroso, la band firma disperata e affamata di fama, non sapendo a cosa sarebbe andata in contro. Per la band, ci sono 2 possibilità o firmare il contratto e diventare qualcuno oppure tornare a mangiare tagliatelle di Ramen in un appartamento trasandato. Così, firmano il contratto.

Subito dopo la firma del contratto, l’etichetta trasforma tutti gli elementi del gruppo: un make-over per “renderli + sexy” e un cambio di nome, da Josie and the Pussycats a The Pussycats. Il gruppo è ora completamente di proprietà del marchio. Il gruppo ha perso il controllo sulla sua immagine, sul suo nome e anche sulla sua musica, quest’ultima è stata modificata in modo da contenere messaggi subliminali. Ma questi cambiamenti avevano dato dei risultati e cioè che stavano diventando la band numero 1 in meno di una settimana.

Le pussycats festeggiano alla posizione n 1 della classifica

CONTROLLO MENTALE

Il film contiene anche numerosi riferimenti alla programmazione sul controllo mentale.Come
indicato negli articoli precedenti, numerose celebrità sono state oggetto di controllo mentale per consentire loro di diventare facilmente manipolabili dai loro gestori. In parole più forti, sono diventati schiavi del settore per cui lavorano.

Dall’indossare piccole e carine orecchie da gatto, il gruppo è ora circondato da tematiche feline, controllate mentalmente sono soggette alla programmazione beta, nota anche come programmazione Sex Kitten. Il fatto che indossavano le orecchie prima di diventare famose potrebbe significare la predisposizione del gruppo a questo tipo di programmazione.

Il controllo mentale Monarch comprende numerosi tipi di programmazione, uno dei quali è il Beta (o programmazione Sex Kitten). E ‘il tipo di programmazione più utilizzata nel settore dello spettacolo ed è codificato con riferimenti ai “Gatti”,”gattini”, “Pussycats”, e anche con l’uso di abbigliamento tigrato o che comunque richiama la pelle dei felini. Questo potrebbe spiegare perché i produttori hanno scelto di basare il soggetto della girl band sul giornalino omonimo. Il simbolismo era troppo perfetto.

Così, in meno di una settimana, con l’aiuto della messaggistica subliminale, il gruppo produce una hit da numeri 1 e organizza un grande concerto. Il gruppo guadagna anche l ‘onore di incontrare la CEO del marchio, Fiona.

Una stanza di Fiona. Notare il dipinto sulla sinistra. Si!, questo è successo anni prima della creazione del personaggio chiamato Lady Gaga.

Le ragazze presto si rendono conto che Fiona agisce in una maniera strana, dissociativa come se lei stessa fosse sotto un qualche tipo di controllo mentale.

Dopo la riunione, Fiona spia il gruppo con telecamere nascoste e viene a sapere che due membri del gruppo, Melody e Valerie, sono estremamente spaventate da Fiona e non hanno la sua fiducia. Allora decide di utilizzare un’altra tattica che spesso vediamo nel mondo della musica: tenere la star del gruppo e allontanare gli altri membri della band.

Per effettuare questa operazione, l’etichetta procedette controllando mentalmente Josie facendole ascoltare i messaggi subliminali nella sua stessa musica. Il processo cambiò completamente il suo atteggiamento e la sua personalità: Josie si trasforma da una ragazza dolce e con i piedi per terra in una diva  attratta dalla fama convinta che i suoi amici siano inutili. Questa scena descrive in maniera sottile e nascosta, gli aspetti riguardanti il controllo mentale nella musica: i dirigenti della label utilizzano il controllo mentale per creare una personalità alternativa in Josie che possono controllare e gestire a piacimento.

Josie è in uno stato mentale dissociato a causa del controllo mentale. Tutto è sfuocato e ombroso attorno a lei. E’ completamente vestita con temi felini che rappresentano la programmazione “sex kitten”

Fortunatamente, Josie riesce ad uscire fuori dal suo stato ipnotico e impara tutto ciò che riguarda il 3D e il controllo mentale delle masse. Purtroppo, le sue compagne di band Melody e Valerie sono state rapite dalla casa discografica e Josie deve partecipare al concerto per evitare l ‘”uccisione accidentale” delle sue amiche.

Fiona mostra un nastro pre registrato delle Mtv news dove si annuncia la morte accidentale di Melody e Valerie. Questo è un ottimo esempio di manipolazione dei media per proteggere gli interessi dell’elite

Vi risparmierò i dettagli sul finale, ma vi posso dire che include uno scontro fra gatti e suonare musica pop rock davanti ad una folla di gente che ha imparato a pensare per se stessa. Grazie Josie!

CONCLUDENDO

Il minimo che possiamo dire è che Josie and the Pussycats  è un film strano. Critica duramente alcuni aspetti del mercato dell’intrattenimento, ma allo stesso tempo lo enfatizza. Un esempio di questa situazione è la quantità ridicola di oggettistica presente nel film.

In realtà, il complessivo messaggio del film da una sensazione strana. La sua intelligente analisi da “dietro le quinte” dell’industria musicale fa sentire gli spettatori come se stiano “dentro ad uno scherzo”, facendoli sentire abbastanza tranquilli da abbassare la guardia. Tuttavia, alla fine della giornata, gli spettatori giovani sono ancora il bersaglio dello scherzo: tutte le tattiche e squallide macchinazioni che vengono utilizzate sugli spettatori nel mondo reale al fine di vendere un certo tipo di musica. Inoltre, il film rende fittizi alcuni degli aspetti più oscuri del mondo dello spettacolo, rendendo il controllo mentale e  altri concetti simili qualcosa che si può “vedere solo nei film”.

Alla fine del film, i piani per il controllo mentale della Mega Records vengono scoperti, e l’FBI (che ha finanziato il progetto) tenta immediatamente di dissociarsi dall’etichetta, anche arrestando Fiona “con l’accusa di cospirazione contro la gioventù d’America”.L’agente poi dice privatamente a Fiona: “Siamo stati noi a cancellare l’intero progetto … abbiamo scoperto che i messaggi subliminali funzionano molto meglio nei film!” Questo è il modo in cui il film tenta di dirci che anche se era tutt uno scherzo, il film fa parte de piani. In altre parole, la più grande barzelletta nel film … sei tu.

Fonte