Il dottore Malone dice che i medici vengono “perseguitati” dalla stampa e dalle commissioni mediche per avere espresso la propria opinione

Il dottor Robert Malone è stato definito dai media italiani un “terrorista”.

Il dottor Robert Malone, l’inventore dei vaccini mRNA, afferma di essere stato etichettato come “terrorista” dai media italiani e avverte che i medici che parlano vengono “cacciati dalle commissioni mediche e dalla stampa”.

“Parlerò senza mezzi termini”, ha twittato Malone. “I medici che parlano apertamente vengono attivamente perseguitati tramite le commissioni mediche e la stampa. Stanno cercando di delegittimarci e farci fuori uno per uno. Questa non è una teoria del complotto, è un dato di fatto. Per favore svegliati. Questo sta accadendo a livello globale”.

“Sono stato etichettato come ‘terrorista’ dalla stampa italiana quando ero a Roma per l’International COVID Summit. Il mio crimine? Sostenere il trattamento precoce della malattia COVID-19.” ha aggiunto.

Malone è uno dei tanti medici che sono stati perseguitati solo per aver discusso di questioni relative ai trattamenti COVID e agli effetti collaterali dei vaccini.

Ha affrontato una feroce opposizione per aver detto che ai bambini non dovrebbero essere fatto il vaccino e ha anche costantemente evidenziato le preoccupazioni sui collegamenti al rischio di miocardite.

Tali preoccupazioni sono ora giustificate da Finlandia, Danimarca e Svezia che hanno stoppato il vaccino Moderna per i maschi più giovani dopo le segnalazioni di effetti collaterali cardiovascolari.

Nonostante tali preoccupazioni siano state regolarmente espresse dai medici, la Federation of State Medical Boards ha annunciato a luglio che avrebbe preso in considerazione la possibilità di ritirare le licenze mediche dei medici che fanno “disinformazione” sul COVID.

In un altro straordinario sviluppo, l’indirizzo IP di Malone è stato bloccato dal New England Journal of Medicine, quindi non ha potuto leggere gli studi sul loro sito web.

Il dottore ha detto che era a conoscenza di come aggirare il blocco IP, ma ha definito la mossa un “atto meschino”.

Fonte

071021malone1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il simbolismo e i messaggi nascosti di “Squid Game”

La serie Netflix “Squid Game” parla di persone povere che prendono parte a giochi orribili mentre l’elite guarda lo spettacolo per puro intrattenimento. Attraverso messaggi e simbolismo, “Squid Game” rivela di cosa si tratta veramente: la malattia incurabile dell’élite.

Se ti piace guardare persone che vengono uccise, ho la serie Netflix per te. Si chiama Squid Game e include anche un gruppo di persone che si gettano da altezze considerevoli per poi schiantarsi. In effetti, assisterai a così tante morti brutali in Squid Game che diventerai desensibilizzato. Anche i personaggi della serie finiscono per avere intense conversazioni sulla loro infanzia mentre altri vengono uccisi a pochi metri da loro. Non gli importa più. E nemmeno a te. Ed è proprio questo il punto.

Nonostante il fatto che Squid Game presenti livelli estremi di sangue e violenza, il marketing che lo circonda sembra insidiosamente concepito per attirare i bambini.

Questa è una delle immagini che si possono incontrare durante la navigazione su Netflix. I bambini potrebbero facilmente scambiare questa cosa per un film per bambini e non c’è nulla che impedisca loro di guardarlo.

Il cattivo principale sembra uscito da un episodio dei Power Rangers. I suoi scagnozzi sembrano i pulsanti di un controller della Playstation.

Insomma, c’è tutto per attirare i bambini nella serie per poi traumatizzarli con scene di rara violenza e giochi mentali psicopatici.

Un parco giochi a tema Squid Game in un centro commerciale in Corea del Sud. Nella serie, il parco giochi è il luogo in cui dozzine di poveri vengono uccisi dai soldati, tutto per l’intrattenimento dell’élite. La cultura pop di oggi è malata.

Al centro di Squid Game ci sono le “leggende” secolari e immortali di persone ricche dell’élite che reclutano contadini per prendere parte a giochi mortali per il loro divertimento. Il racconto del 1924 The Most Dangerous Game parla di un aristocratico russo che cattura le persone, le rilascia nella natura selvaggia e le dà la caccia per sport; Il film del 1994 Surviving the Game parla di un senzatetto a cui viene offerto un “lavoro” solo per finire in un luogo remoto per diventare preda in un gioco di caccia giocato da persone ricche e potenti. Più di recente, la trilogia di Hunger Games è incentrata sui poveri che si uccidono a vicenda sotto gli occhi vigili dell’élite.

Molte leggende sono basate su storie vere. Squid Game ha preso questo concetto secolare, lo ha mischiato con distopia high-tech e un sacco di follia occulta elitaria. Il risultato sembra aver toccato un nervo scoperto perché Squid Game sta per diventare la più grande serie Netflix della storia.

Ma, come la maggior parte delle serie Netflix, i messaggi in Squid Game sono contorti. Riguarda la cultura della morte che ossessiona l’élite e che rende gli spettatori parte di essa.

Ecco uno sguardo ai messaggi e al simbolismo di questa serie.

DUE CERCHI
La serie parla di persone fortemente indebitate che vengono reclutate per giocare a un “gioco” in cui il vincitore ottiene un enorme premio in denaro. I perdenti muoiono. Alla fine apprendiamo che l’intero calvario è stato orchestrato da un gruppo di ricche persone che si divertono a guardare i contadini infelici che vengono umiliati, infantilizzati e costretti a diventare animali immorali per sopravvivere.

Il tema centrale di questa serie è ben riassunto durante i primissimi secondi del primo episodio.

L’introduzione della serie mostra dei bambini che giocano a Squid Game.

Il contorno di questo gioco è anche il logo principale della serie. Il motivo: illustra perfettamente la filosofia di base di Squid Game e, per estensione, dell’élite. Il rettangolo rappresenta le masse. Il cerchio in fondo rappresenta coloro che sono poveri e fortemente indebitati. Il triangolo sopra il rettangolo rappresenta l’élite che governa le masse. Il cerchio superiore rappresenta l’onnipotente élite occulta che controlla il mondo.

In modo abbastanza appropriato, il narratore spiega che i bambini che giocano a Squid Game devono raggiungere il cerchio superiore per vincere. Quando ciò accade, il narratore dice:

“E, in quel momento, mi sono sentito come se possedessi il mondo intero.”

“Possedessi il mondo intero”… come l’élite rappresentata da quel cerchio superiore.

All’inizio della serie, il protagonista principale chiamato (Gi-hun) è chiaramente nella cerchia più bassa della società. Ruba soldi a sua madre e scappa dalle persone losche a cui deve dei soldi.

Poi, Gi-hun ha il suo primo assaggio di malattia d’élite. Mentre aspetta la metropolitana, Gi-hun viene avvicinato da un misterioso venditore che sa tutto di lui. Propone a Gi-hun di fare un gioco in cui può vincere soldi.

Quando il venditore vince, non vuole i soldi di Gi-hun. Vuole schiaffeggiarlo in faccia. L’élite non trae piacere da più soldi, trae piacere da brividi sadici come schiaffeggiare in faccia questo povero ragazzo più e più volte.

Quando Gi-hun vince finalmente un round, non vede l’ora di schiaffeggiare il venditore in faccia. Tuttavia, lo ferma e gli mostra i soldi.

Per un momento, Gi-hun non si è preoccupato dei soldi, si e` fatto influenzare dal sadismo dell’élite. Questa scena prefigura cosa accadrà a Gi-hun alla fine. Dopo questo gioco umiliante, il venditore propone a Gi-hun di partecipare a un altro gioco che promette molti più soldi.

Dopo aver accettato l’offerta, Gi-hun viene prelevato da un’auto e addormentato con il gas. Si sveglia in un incubo distopico.

SQUID GAME = SOCIETA` GOVERNATA DALL’ELITE
I giochi si svolgono in un enorme complesso nascosto su un’isola remota. Per molti versi, questo posto assomiglia a un sito MKULTRA dove si svolgono esperimenti malati. E il sistema distopico che si svolge all’interno di queste mura è un microcosmo per la nostra società moderna.

I giocatori sono ridotti a un numero e sono costantemente monitorati.

Anche i lavoratori che fanno rispettare le regole sono strettamente monitorati.

I giocatori sono spogliati di tutti i beni, della dignità e sono infantilizzati in misura ridicola. Questi giocatori rappresentano il modo in cui l’élite percepisce le masse.

Prima di ogni partita, i giocatori vengono condotti attraverso un labirinto di scale ispirato ai dipinti di M.C Escher. Questo luogo trasmette un senso di confusione e disorientamento che favorisce lo stato infantile dei giocatori.

I giochi si svolgono in parchi colorati che associamo naturalmente al divertimento e all’innocenza dell’infanzia. Tuttavia, ogni “parco giochi” diventa il luogo di brutali omicidi di massa perpetrati da lavoratori senza volto. Odiano l’innocenza dell’infanzia. Vogliono individui tristi e distrutti.

A un certo punto, i giocatori si uniscono e chiedono un voto per porre fine a questa follia.

Una regola consente ai giocatori di votare per fermare il gioco.

I giocatori finiscono per votare per fermare il gioco e tutti tornano a casa. Tuttavia, quasi tutti si rendono conto di avere molti problemi che possono essere risolti solo con i soldi. Abbastanza convenientemente, gli organizzatori del gioco tengono traccia di questi giocatori e li invitano a tornare. Il risultato: la maggior parte torna al gioco di propria spontanea volontà. Questo concetto è importante per l’élite occulta poiché credono che li liberi dalle leggi karmiche.

In breve: il processo democratico era un’illusione. L’élite ha truccato il sistema per ottenere il risultato desiderato.

Quando tornano in gioco, la solidarietà tra i giocatori si dissipa rapidamente. Per vedere i giocatori lottare l’uno contro l’altro, gli organizzatori danno loro di proposito un solo uovo come pasto. Immediatamente, i giocatori iniziano a combattere per le preziose uova. Ciò riflette una tattica classica della classe dirigente: rendendo scarse le risorse, le masse smettono di concentrarsi sulle regole e iniziano a lottare tra loro per gli avanzi.

I giochi successivi sono progettati specificamente per mettere i giocatori l’uno contro l’altro. Ad esempio, il gioco delle biglie richiede ai giocatori di formare squadre di due. Naturalmente, la maggior parte dei giocatori fa squadra con la persona a cui è più vicina. Un tipo sceglie come compagna sua moglie. Apprendono poi che i due giocatori devono giocare uno contro l’altro… e il perdente muore.

Gi-hun inganna questo vecchio confuso (che era suo amico) per vincere la partita. Ha dovuto giocare sporco per sopravvivere. Tornero` a parlare piu’ avanti di questo vecchio.

I giocatori si rendono anche conto che possono uccidersi a vicenda con totale impunità al di fuori dei giochi. Questo porta al caos e agli omicidi quando i giocatori si trovano nell’area principale.

I cadaveri sono posti in scatole nere raccapriccianti con fiocchi sopra. Un sacrificio umano in onore dell’élite.

I corpi vengono inceneriti in impianti di dimensioni industriali. Considerando il fatto che l’élite è ossessionata dallo spopolamento globale, ogni morte è un “dono”.

Nel primo episodio, Gi-hun fa a sua figlia un regalo che assomiglia alle bare raccapriccianti. Uno dei tanti casi di foreshadowing della serie.

Quando apre la scatola, ci rendiamo conto che il regalo è un accendino a forma di pistola.

Questa scena prefigura le numerose morti per arma da fuoco che stanno per accadere. Inoltre, la pistola è un accendino che può riferirsi ai corpi inceneriti. Il fatto che Gi-hun dia questo dono a sua figlia è in linea con l’agenda generale di esporre i giovani alla malattia dell’élite.

LA MALATTIA DELL’ELITE
Per gli ultimi tre giochi, gli organizzatori invitano come spettatori dei VIP, persone ultra ricche e d’élite che sono venute a guardare le sfide in diretta. Attraverso il simbolismo, la serie indica chi sono esattamente queste persone.

I VIP vanno in giro con maschere di animali sui loro volti – una pratica in cui l’élite occulta si è impegnata per secoli.

A sinistra: uno dei VIP. A destra: Helene de Rothschild a un ballo d’élite occulto del 1972.

Questa immagine dal sito web della Chiesa di Satana mostra un gruppo di persone che indossano maschere di animali che simboleggiano l’abbraccio del lato animalesco degli umani.

In modo abbastanza appropriato, questi VIP sono ossessionati dai due elementi fondamentali del lato animalesco degli umani: lussuria e sangue.

Il salotto dove i vip si siedono e guardano morire i poveri è pura decadenza. Gli esseri umani sono usati come mobili e decorazioni, un altro modo di rappresentare la disumanizzazione delle masse. Questo VIP è subito attratto dal cameriere che gli porta da bere. Ha bisogno di “possederlo” in questo momento.

Il VIP porta il cameriere nella “sala VIP” per essere soddisfatto. Quella stanza è ricoperta di opere d’arte che riflettono lo stato avanzato di perversione del VIP.

Dopo cinque partite, sono rimasti solo tre giocatori. Sono “l’elite” dei giorcatori. Di conseguenza, vengono dati loro abiti costosi e vengono fatti partecipare ad una festa. Niente più uova sode per questi tre. L’ambientazione di questa festa non potrebbe essere più simbolica.

Per la festa, i tavoli sono disposti a forma di triangolo con lampade al centro. Quel triangolo è posto sopra a un pavimento a scacchiera. Inoltre, ci sono due “pilastri” di luce su ciascun lato.

Tutto questo è palese simbolismo massonico.

Simboli massonici classici: il triangolo con l’occhio che tutto vede, il pavimento a scacchiera e i due pilastri.

Questa scena trasmette la natura occulta e rituale di questo gioco. Nella Massoneria, il pavimento della scacchiera è la superficie trasformativa dove si svolgono i rituali.

Il rituale più potente di tutti: il sacrificio di sangue. Ed è esattamente ciò che i VIP vogliono che accada.

Alla fine della festa, i camerieri tolgono tutto… tranne i coltelli da bistecca.

I tre giocatori rimasti giacciono sui loro letti attorno al pavimento rituale mentre tengono in mano i loro coltelli. Inoltre, nota che le pareti sono “decorate” con immagini che rappresentano gli orribili giochi che i giocatori devono affrontare. È un po’ come Netflix che usa “l’intrattenimento” per ricordare alle masse come sono controllate dall’élite.

Come previsto, un giocatore taglia la gola a un altro giocatore che muore. Il sacrificio di sangue all’élite è completo.

Apprendiamo che Gi-hun alla fine vince la partita. Pertanto, viene rimandato nel mondo reale con l’equivalente di $ 38 milioni nel suo conto in banca.

Se li gode tutti quei soldi? No. È praticamente morto dentro. Quindi, Gi-hun riceve un invito simbolico.

L’appuntamento è al 7° piano di un edificio chiamato “Sky”, 30 minuti prima di Natale.

In diverse scuole spirituali tra cui la Kabbalah, “settimo cielo” significa “il cielo più alto, dove dimorano Dio e gli angeli più elevati”.

Gi-hun trova il vecchio con cui ha giocato sul letto di morte.

In un importante colpo di scena, apprendiamo che il vecchio è in realtà super ricco e il creatore dei giochi. Quando Gi-hun gli chiede perché ha creato un sistema così orribile, risponde:

“Se hai troppi soldi, non importa cosa compri, mangi o bevi. Diventa tutto noioso. Tutti i miei clienti alla fine hanno iniziato a dire le stesse cose quando abbiamo parlato. Tutti sentivano che non c’era più gioia nelle loro vite. E così, abbiamo deciso di metterci insieme e abbiamo iniziato a chiederci cosa potevamo fare tutti per divertirci finalmente?”

Questo spiega perché l’élite partecipa ad attività così estreme e depravate (ad esempio l’isola di Epstein)? In ogni caso, per questo vecchietto, la semplice visione delle partite non era più sufficiente. Voleva davvero farne parte per sentirsi vivo.

Quando si rivede la serie, ci si rende conto che questo vecchio (alias giocatore #001) ha avuto una grande influenza nel gioco (mentre apparentemente era anche immune all’essere effettivamente ucciso). Ad esempio, ha avuto il voto finale e decisivo durante il processo democratico. Inoltre, sono state le sue urla a spingere i lavoratori a fermare la notte degli omicidi dopo l’incidente dell’uovo.

Apparentemente Gi-hun dopo l’incontro e` un uomo cambiato. Per riflettere questo profondo cambiamento, si tinge i capelli di rosso (che è anche il colore che rappresenta il sacrificio e l’iniziazione nei circoli occulti). Quindi, decide di salire a bordo di un aereo per andare finalmente a trovare sua figlia.

Tuttavia, all’ultimo secondo, torna indietro.

Gi-hun vuole tornare al gioco perché dice che “ha bisogno di sapere chi c’è dietro”.

Quindi, invece di vedere sua figlia, Gi-hun vuole tornare a quella folle distopia? Questo è pazzesco. Il vero motivo per cui vuole tornare: ora è infetto dalla malattia dell’élite, rappresentata dai suoi capelli rossi. Si sente morto dentro… a meno che non prenda parte ai brividi estremi del gioco.

La prova definitiva di ciò:

Il tipo che supervisiona lo Squid Game è un vecchio vincitore. Anche lui è stato contagiato.

Insomma, il finale non è felice. Tutti perdono. Fatta eccezione per l’élite che guarda i giochi.

CONCLUDENDO
Squid Game è diventata la più grande serie nella storia di Netflix per diversi motivi. Al di là della sua scioccante violenza e della sua storia avvincente, la serie esplora diversi temi come la religione, la natura umana e le insidie ​​delle disuguaglianze economiche. Mentre diverse fonti hanno interpretato Squid Game come una “critica al capitalismo”, sembrano trascurare il tema più ovvio e lampante: la società è governata da un’élite occulta malata che si diverte a dividere, controllare, disumanizzare, infantilizzare e abusare apertamente del masse.

Alla fine, assistiamo a una forma di sindrome di Stoccolma in cui le persone che subiscono abusi finiscono per identificarsi con l’aggressore. E questo è un po’ l’obiettivo della serie: gli spettatori finiscono per divertirsi guardando questa forma malata di intrattenimento allo stesso modo in cui i VIP si divertono a guardare le persone che vengono uccise.

Fonte

leadsquidgame

Neovitruvian

La cenusra dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Senza lockdown, la Svezia ha avuto meno morti di Covid rispetto alla maggior parte dell’Europa

Sono passati più di diciotto mesi da quando i governi hanno iniziato l’esperimento sociale ora noto come “lockdown”.

Prima del 2020, il “distanziamento sociale” forzato era generalmente considerato troppo costoso in termini sociali per giustificare un esperimento così rischioso.

Eppure nel 2020, guidati dai tecnocrati sanitari dell’Organizzazione mondiale della sanità, quasi tutti i governi nazionali del mondo hanno improvvisamente e senza precedenti abbracciato l’idea dei lockdown.

La Svezia ha respinto l’idea.

Per questo atto di iconoclastia, il governo svedese è stato messo alla gogna da organizzazioni dei media e funzionari governativi non svedesi in tutto il mondo. Le previsioni di sventura e di un vasto bagno di sangue svedese erano onnipresenti. Mesi dopo, anche quando è diventato chiaro che in Svezia non e’ avvenuta la tragedia che molti pensavano sarebbe avvenuta, era comune vedere articoli che dichiaravano la politica svedese sul covid un “disastro“.

Anche diciotto mesi dopo, mentre la narrativa sulla “Svezia condannata” e` morta e sepolta, i critici si stanno contorcendo per creare una narrativa anti-svedese. Prendi in considerazione questo articolo dell’agosto 2021 su Business Insider, ad esempio, che suddivide attentamente i dati per far sembrare negativi i risultati della Svezia. L’autore scrive maliziosamente:

Dall’inizio della pandemia, a circa 11 persone su 100 in Svezia è stato diagnosticato il COVID-19, rispetto a 9,4 su 100 nel Regno Unito e a 7,4 su 100 in Italia. La Svezia ha anche registrato circa 145 decessi per COVID-19 ogni 100.000 persone, circa tre volte più della Danimarca, otto volte più della Finlandia e quasi 10 volte più della Norvegia.

Nota il gioco di prestigio usato qui. In una frase, il confronto si concentra sulle diagnosi rispetto al Regno Unito e all’Italia. Questo è sicuramente dovuto al fatto che i decessi effettivi per covid sono meno per milione in Svezia che nel Regno Unito o in Italia. In effetti, l’autore con questo confronto riesce solo a mostrarci che il covid è meno fatale in Svezia dove ci sono più casi ma meno morti. L’autore quindi cambia rapidamente argomento per confrontare i decessi in modo da assicurarsi che la Svezia si confronti in modo sfavorevole con Danimarca, Finlandia e Norvegia.

Queste affermazioni stanno diventando sempre più disperate, dal momento che in termini di morti in eccesso la Svezia sta meglio della maggior parte dell’Europa in generale, e anche della maggior parte degli altri paesi del nord Europa. (E molto meglio dei paesi dell’Europa meridionale.) Inoltre, la “mortalità in eccesso” è una misura migliore dei decessi in un determinato paese poiché fornisce una visione più ampia degli effetti reali sia del covid che della politica covid.

Certamente, si possono trovare alcuni regimi europei che hanno avuto meno morti in proporzione. Norvegia, Danimarca e Finlandia hanno un numero notevolmente basso di decessi per covid rispetto a tutta l’Europa.

Ma questo non spiega perché la non-tragedia della Svezia sia paragonabile alla maggior parte degli Stati membri dell’UE, tra cui Francia, Italia, Spagna, Paesi Bassi e altri.

Ad esempio, alla fine di agosto, la mortalità in eccesso in Svezia era di circa 785 per milione di persone. In Francia, il totale è di 988 per milione e in Spagna di 1.917 per milione. Nel Regno Unito non membro dell’UE, il totale è di 1.657 per milione.

Questa tendenza stava già diventando evidente mesi fa e a marzo Reuters ha riferito che

La Svezia ha registrato il 7,7% in più di decessi nel 2020 rispetto alla media dei quattro anni precedenti. I paesi che hanno optato per diversi periodi di rigoroso lockdown, come Spagna e Belgio, hanno avuto la cosiddetta mortalità in eccesso rispettivamente del 18,1% e del 16,2%…. Ventuno dei 30 paesi con statistiche disponibili presentavano un eccesso di mortalità più elevato rispetto alla Svezia.

Altri dati, sempre secondo Reuters, “che includevano un aggiustamento per tenere conto delle differenze sia nelle strutture per età che nei modelli di mortalità stagionale dei paesi analizzati”, collocano la Svezia al diciottesimo su ventisei in termini di mortalità. I “più alti” classificati, cioè i peggiori classificati, erano Polonia, Spagna e Belgio.

Un altro modo per confrontare la Svezia con il resto d’Europa è considerare l’eccesso di mortalità nel 2020 e nel 2021 rispetto ai “decessi mensili medi” dal 2016 al 2019.

Dal febbraio 2020, i decessi totali (misurati come percentuale della media 2016-19) sono stati inferiori in Svezia rispetto all'”UE 27” in quattordici mesi su diciotto.

Ammettendo che Danimarca, Norvegia e Finlandia si confrontano tutti favorevolmente con la Svezia, la maggior parte degli altri paesi europei non può vantarsi di tali cose.

Rispetto alla Francia, i decessi mensili in eccesso della Svezia sono stati inferiori in tredici mesi su diciotto in quel periodo. I confronti erano simili quando si esaminavano i Paesi Bassi, la Spagna e l’Italia. Infatti, tra le grandi nazioni europee, solo la Germania se la cava meglio della Svezia.

Quindi, sì, se insistiamo nel selezionare esattamente tre paesi con cui confrontare la Svezia, ovvero Finlandia, Danimarca e Norvegia, la Svezia sembra una sorta di caso anomalo. Ma con la maggior parte degli altri paesi in Europa, oltre al Regno Unito, la Svezia si confronta bene. Inoltre, anche se la Svezia fosse solo “più o meno uguale” agli altri paesi europei, ciò contraddirebbe comunque le profezie di sventura tramandate dai tecnocrati della sanità pubblica.

Nulla di tutto ciò “dimostra” ovviamente che la Svezia abbia adottato la risposta ideale alla diffusione della malattia. Ma per lo meno, l’esperienza della Svezia tradisce le solenni previsioni di tanti “esperti” sanitari che hanno predetto il disastro totale per la Svezia. Inoltre, anche se la Svezia avesse avuto risultati peggiori della maggior parte dell’Europa, ciò non giustificherebbe la diffusa distruzione dei diritti umani necessaria per costringere le persone a lockdown, disoccupazione e isolamento sociale. L’approccio utilitaristico è una strada per il potere statale senza ostacoli.

Fonte

covid1_1_0

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Ma come? Lo stato degli Stati Uniti con il tasso di vaccinati più alto registra un’impennata record nei casi COVID

Il Vermont, lo stato con il più alto tasso di vaccinazione negli Stati Uniti, sta vivendo un’impennata del virus del PCC a livelli mai visti dal picco della pandemia lo scorso inverno.

Il numero di casi nel Vermont è a un livello record, i ricoveri sono vicini ai record registrati lo scorso inverno e lo stato ha registrato il giorno con piu` mortalita’ e il secondo mese con piu’ mortalita’ a settembre.

“Penso che sia chiaramente frustrante per tutti noi”, Michael Pieciak, il commissario del Dipartimento per la regolamentazione finanziaria del Vermont che monitora le statistiche sui virus del PCC (Partito Comunista Cinese) per lo stato.

Secondo il CDC, oltre il 69 percento della popolazione del Vermont è stata completamente vaccinata contro il COVID-19 dal 24 settembre, molto al di sopra del tasso nazionale del 56 percento.

Lo stato ha registrato il più alto tasso di ricoveri ogni 100.000 residenti il ​​30 settembre, superando il record stabilito il 31 gennaio dello scorso anno. Otto persone sono morte a causa del virus del PCC nel Vermont il 13 settembre, il totale più alto registrato dallo scoppio del virus.

Alla fine di agosto, quattro dei dieci casi di COVID-19 nel Vermont erano tra le persone vaccinate, secondo una lettera firmata da 90 dipendenti del Dipartimento della salute del Vermont, tra cui l’epidemiologo statale Patsy Kelso.

Il governatore Phil Scott (R) ha revocato lo stato di emergenza nel Vermont a giugno, quando l’80% della popolazione aveva ricevuto almeno un’iniezione del vaccino. Da allora ha indicato che è cauto nel reintrodurre lo stato di emergenza.

“Non possiamo essere in uno stato di emergenza perenne”, ha detto Scott questa settimana.

Anche i quattro stati che seguono il Vermont in termini di tassi di vaccinazione più alti della nazione stanno sperimentando segnali allarmanti.

Il capo di UMass Memorial Health, il più grande sistema sanitario nel Massachusetts centrale, ha affermato di recente che gli ospedali regionali hanno visto quasi 20 volte più pazienti COVID-19 rispetto a giugno e non c’è un letto di terapia intensiva disponibile. Il Massachusetts ha il quinto tasso di vaccinazione più alto della nazione.

Nel Connecticut, il secondo stato più vaccinato degli Stati Uniti, il legislatore ha recentemente esteso i poteri di emergenza del governatore per rendere più facile far fronte all’ultima ondata della pandemia.

Il 22 settembre, il Maine, il terzo stato degli Stati Uniti più vaccinato, aveva quasi 90 persone in unità di terapia intensiva, un record per lo stato.

Caro Dr.Fauci, per favore spiega tutto cio’…

Fonte

vermont-700x420-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Lo stilista vincitore di un Emmy Award muore di COVID nonostante fosse completamente vaccinato

Lo stilista vincitore di un Emmy Marc Pilcher è morto di COVID nonostante non avesse condizioni di salute di base e fosse stato vaccinato due volte.

Pilcher è morto domenica poche settimane dopo aver ricevuto il premio a Los Angeles per le eccezionali acconciature viste in Bridgerton.

La sua famiglia ha annunciato che e` morto di covid nonostante avesse ricevuto le due vaccinazioni.

“È con il cuore più profondo che confermiamo che Marc Elliot Pilcher, candidato all’Oscar e stilista vincitore dell’Emmy Award, è morto dopo una battaglia con il Covid-19 domenica 3 ottobre 2021”, si legge nella nota.

Pilcher era risultato negativo al virus più volte durante i suoi ultimi viaggi, ma si è ammalato dopo essere tornato in Gran Bretagna ed è morto nel fine settimana.

L’attrice irlandese Nicola Coughlan ha reagito alla morte di Pilcher incoraggiando le persone a farsi vaccinare.

“È una tragedia che sia morto così giovane quando aveva ancora così tanto da fare”, ha scritto. “Si prega di riflettere su questo fatto anche per ricordarsi che il Covid è ancora un pericolo molto reale e presente, si prega di farsi vaccinare e indossare la mascherina per proteggere se stessi e gli altri”.

Fonte

051021pilcher1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Antartico: Registrato l’inverno PIU` FREDDO da quando abbiamo iniziato a raccogliere i dati sulle temperature

L’Antartide ha registrato il suo inverno più freddo da quando abbiamo raccogliere i dati nel 1957 con temperature medie di -61,1°C. Il record precedente era di -60,6°C nel 1976.

Secondo uno scioccato Washington Post:

Il freddo era eccezionale, anche per il luogo più freddo del pianeta.

La temperatura media alla stazione del Polo Sud di Amundsen-Scott tra aprile e settembre, era di -78F (-61 gradi Celsius), è stata la più fredda mai registrata dal 1957. Era di 4,5 gradi inferiore rispetto alla media negli ultimi 30 anni.

Il motivo per cui WaPo è scioccato, ovviamente, è perché secondo la narrativa allarmistica le calotte polari dovrebbero diventare più calde, non più fredde.

Questo potrebbe essere il motivo per cui gli autori del rapporto hanno cercato di mascherare la cattiva notizia iniziandola così:

Durante un’estate con un caldo record in gran parte dell’emisfero settentrionale, piena di incendi devastanti, inondazioni e uragani, l’Antartide è stata colpita da un gelo profondo. Questo è in genere il caso durante i mesi invernali del continente più meridionale, ma il 2021 è stato diverso.

In seguito l’articolo prosegue dicendo ai lettori che “Il pianeta e l’Antartide si stanno ancora riscaldando”.

Ma questa affermazione è contraddetta da almeno tre studi scientifici che suggeriscono che l’Antartico si sta raffreddando.

  1. https://www.nature.com/

2. https://www.sciencedirect.com/

3. https://www.nature.com/

Fonte

antarctica-640x480-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Clienti super ricchi di un ristorante “vegano” alla moda di New York City si godono una BISTECCA – Un altro esempio di ipocrisia elitaria

Ecco un altro esempio di come le belle parole dell’elite woke siano in realta` un mare di cazzate ipocrite: un famoso ristorante di New York il quale recentemente ha deciso per la svolta vegana, include una “stanza carnivora” per ricchi consumatori di bistecche.

Sarebbe difficile immaginare una metafora migliore per questi tempi di un ristorante che si ingrazia i profeti di sventura del cambiamento climatico diventando pubblicamente “vegan”, mentre, allo stesso tempo, serve foie gras, filetto di manzo e piatti di maiale ai ricchi clienti mentre il pianeta starebbe “bruciando”.

Questa “insalata” di ipocrisia viene servita all’Eleven Madison Park – soprannominato “Eleven Madison Pork” dai critici – un ristorante a tre stelle Michelin a New York che ha recentemente annunciato di essersi unito al carrozzone anti-carne woke.

In un articolo apparso sul Wall Street Journal a maggio, Daniel Humm, il celebre chef e proprietario dell’Eleven Madison Park (EMP), ha ricevuto un articolo a tutta pagina che pubblicizzava la sua conversione quasi biblica alla cucina rispettosa dell’ambiente.

“Come la maggior parte degli chef raffinati, Humm è meglio conosciuto per i piatti a base di carne e pesce”, ha dichiarato WSJ. “Quando riaprirà il 10 giugno, EMP smetterà di servire carne o frutti di mare di qualsiasi tipo e preparerà i suoi piatti esclusivamente servendosi di verdure, frutta e funghi”. C’era solo un problema con quella descrizione: si trattava di un mucchio di sciocchezze.

La “falsa” notizia, arrivata dopo una chiusura dell’attività di Covid di 15 mesi, ha inviato onde d’urto nella comunità culinaria del pianeta. I lettori attenti, tuttavia, avranno notato nel dodicesimo paragrafo – la breve menzione del fatto che EMP continuerà a viziare i suoi clienti carnivori con piatti di carne in un “servizio di ristorazione privato”.

Page Six, ha descritto il servizio con meno gusto come “una stanza segreta della carne per i mega-ricchi”.

In altre parole, dopo aver accontentato a parole gli allarmisti climatici, i ricchi continueranno a cenare esattamente come vogliono mentre il resto dell’umanità sara’ costretta a pagare il conto.

Sebbene si possa scrivere molto sull’incredibile ipocrisia di Humm – lo chef di fama mondiale aveva precedentemente tenuto una conferenza, come un prepotente accolito di Greta Thunberg, che “l’attuale sistema alimentare non è semplicemente sostenibile”.

Da un lato dei binari ci sono quei cittadini che sono costretti ad aderire alle nuove regole e leggi imposte mentre si parla di un’apocalisse climatica imminente, un’idea non dimostrata di cui si parla da decenni; dall’altra ci sono le ricche élite che possono semplicemente permettersi di scrollarsi di dosso l’oscurità e le storie di sventura del collasso ambientale.

Questa non è l’unica incidenza di privilegi speciali conferiti alla fascia alta della società. Considera la devozione senza fiato della sinistra all’obbligo di indossare la mascherina, che hanno ignorato in così tante occasioni che è difficile capire perché continuano con la farsa. Da Gavin Newsom che è apparso a una festa di compleanno senza la copertura facciale, al sindaco di San Francisco London Breed che ha ignorato le sue stesse regole ed è andata senza maschera in una discoteca affollata, l’ipocrisia è diventata la normalita` tra i liberali.

Forse il segno più inquietante di questi tempi contorti, tuttavia, è arrivato durante il ballo di beneficenza del Met Gala, quando le star e le celebrità presenti, totalmente smascherate, sono state assistite da personale e paparazzi mascherati durante l’evento. A quanto pare il coronavirus sa quale classe sociale è vulnerabile al contagio e quale no.

Glenn Greenwald ha riassunto lo spettacolo deplorevole, dicendo che “la normalizzazione delle élite senza maschera seguita da servitori mascherati è grottesca”.

Eppure il “grottesco” promette solo di peggiorare mentre i guerrieri della giustizia sociale senza istruzione, come Miss Thunberg, 18 anni, continuano a urlare “cambiamento climatico!” all’interno di un pianeta affollato. Questa isteria collettiva sta aprendo la strada a un futuro senza carne pieno di gustosi piatti a base di vermi e carne 3-D del Dr. Frankenstein.

Potete essere certi, tuttavia, che nessuna di queste prelibatezze in futuro adornerà mai il menu delle “sale segrete della carne” del mondo. Perché altrimenti Bill Gates vorrebbe diventare il maggiore azionista di terreni agricoli negli Stati Uniti? Il terzo magnate più ricco del pianeta ora possiede circa 242.000 acri di terreni agricoli con un patrimonio che supera i 690 milioni di dollari. In mezzo a queste tendenze sorprendenti, che stanno escludendo del tutto gli agricoltori medi dall’attività di allevamento del bestiame, diventa più chiaro che tipo di futuro queste persone hanno in serbo per noi.

Mentre i mega-ricchi si intrufolano nelle loro stanze segrete per godersi una bistecca, il resto dell’umanità – se l’incessante clamore dei media è un indicatore, e dovrebbe esserlo – dovrà sorridere e sgranocchiare pasti a base di insetti e piante, mentre rimuovono le loro maschere chirurgiche tra i morsi. Ironia della sorte, tutto in nome del “salvare la nostra salute e l’ambiente”.

Fonte

615b43dc85f54019ab5f77bf

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il David di Michelangelo e’ stato cancellato? La replica dell’iconica statua ha i genitali COPERTI all’Expo di Dubai

Una gigantesca copia stampata in 3D della famosa statua del David di Michelangelo esposta all’Expo 2020 di Dubai è nel mezzo di una controversia sulla censura, dopo che gli organizzatori hanno coperto i suoi genitali per aderire alle rigide leggi sulla nudità pubblica.

La replica in resina di 17 piedi, prodotta da scansioni laser della scultura e ricoperta di polvere di marmo, era apparentemente destinata ad essere esposta senza censure, proprio come il capolavoro originale, che risiede alla Galleria dell’Accademia a Firenze, in Italia.

Tuttavia, gli organizzatori dell’evento commerciale internazionale – sospeso dall’anno scorso a causa della pandemia – hanno scelto di posizionare la statua alta 5,17 metri (17 piedi) del padiglione italiano in una camera cilindrica di vetro e pietra disposta su due livelli. E coprire le sue parti intime con una grande lastra di pietra.

Secondo il quotidiano italiano La Repubblica, l’inaugurazione della statua – in tutto il suo splendore maschile – agli ospiti VIP aveva causato loro “enorme imbarazzo”. Il paese conservatore del Golfo ha rigide leggi islamiche che vietano la nudità pubblica.

“È stato un errore portare una statua di un uomo nudo negli Emirati”, ha detto alla pubblicazione una fonte anonima che ha lavorato al progetto.

Abbiamo anche pensato di mettere degli indumenti intimi sulla statua, o cambiarla, ma era troppo tardi.

Tuttavia, la decisione di nascondere i genitali della statua ha suscitato critiche sulla censura da parte di alcuni nel mondo dell’arte. Descrivendo l’insabbiamento come “grottesco e ridicolo”, il critico d’arte italiano Vittorio Sgarbi, citato dall’agenzia di stampa Adnkronos, ha accusato gli organizzatori di aver tentato di “cancellare” un pezzo dell’opera.

“[La statua ha] un tema biblico, non un tema pagano. Pertanto, “cancellare” una parte del David di Michelangelo all’Expo di Dubai è semplicemente inchinarsi alla loro religione e cultura”, ha detto Sgarbi, aggiungendo che è stata “un’umiliazione senza precedenti, inaccettabile e intollerabile”.

Ma Davide Rampello, direttore artistico del padiglione, ha affermato che la decisione su come procedere è stata un “approccio unico” e ha respinto le accuse sulla censura del governo.

“È una prospettiva diversa, nuova, introspettiva e commovente”, ha detto Rampello, osservando che i visitatori del livello inferiore della camera sarebbero in grado di vedere la statua nella sua interezza. Secondo quanto riferito, gli organizzatori dell’evento hanno limitato l’ingresso a quel livello ai VIP.

(Perle ai porci medievali – n.d.r.)

Fonte

615b3b762030270ce3096016

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu’ pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Video: Insegnate canta una filastrocca “raccapricciante” pro-maschera ai bambini

Un video di un’insegnante di scuola materna che canta una canzone a favore dell’uso delle mascherine è diventato virale domenica, facendo arrabbiare molti americani, che hanno paragonato la scena ad un abuso su minori.

Nel video, un’insegnante dietro la telecamera incoraggia un gruppo di bambini a disagio e dall’aspetto agitato, che indossano tutti maschere per il viso Covid-19, a unirsi alla canzone che parla della necessità di coprirsi il viso.

La canzone include testi come “Indosso una maschera a scuola”, “Aiuta a tenermi al sicuro” e “Mantiene i miei amici al sicuro”.

Sebbene la data in cui è stato girato e altri dettagli che circondano il video non siano ancora chiari, domenica è diventato virale sui social media a causa di un’ondata di indignazione, con i critici che hanno paragonato la clip a un “video con ostaggi” dopo che è stato pubblicato per la prima volta dall’account @libsoftiktok.

“Qualcuno salvi questi poveri ragazzi!” ha twittato l’ex combattente UFC Jake Shields.

“Quei bambini sembrano così infelici. Questo è abuso di minori”, ha osservato un’altra persona, aggiungendo che i bambini “sembravano così stanchi”.

L’editorialista australiano Rita Panahi ha scritto: “Gli americani si rendono conto che il resto del mondo guarda questo con orrore? Anche nella folle Australia non abbiamo mai costretto i bambini di questa età a mascherarsi”, mentre altri hanno definito il video “inquietante” e si sono chiesti perché l’insegnante pensasse che fosse giusto registrare l’evento e caricarlo sul Internet.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) consiglia che i bambini di età pari o inferiore a cinque anni “non indossino maschere”, citando la “sicurezza e l’interesse generale del bambino”.

L’American Academy of Pediatrics, tuttavia, suggerisce che le maschere “possono essere indossate in sicurezza da tutti i bambini di età pari o superiore a 2 anni” e afferma che i bambini dai due anni in su “dovrebbero indossare maschere quando sono a scuola, all’asilo, e mentre partecipano ad attività di gruppo”.

Il governatore del Texas Greg Abbott è stato colpito da diverse cause legali dopo aver vietato l’obbligo di mascherine scolastiche nel suo stato a luglio, e il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha dato il suo sostegno a coloro che contestano legalmente tali divieti di mascherine.

Fonte

615b0fba85f540187348e7cf

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Project Veritas registra di nascosto alcuni scienziati Pfizer: “I tuoi anticorpi probabilmente sono migliori del vaccino” dopo l’infezione

Tre scienziati Pfizer sono stati registrati di nascosto in un video di Project Veritas nell’ultima puntata della loro serie “Covid-19 Vaccine Exposed”.

In un video di 10 minuti pubblicato lunedì sera, tutti e tre gli scienziati hanno concordato separatamente che gli anticorpi naturali prodotti a seguito di un’infezione da Covid-19 sono superiori al vaccino.

“Quando qualcuno è naturalmente immune, ovvero quando guarisce dal COVID, probabilmente ha più anticorpi contro il virus… Quando si contrae il virus, inizi a produrre anticorpi contro più parti del virus… Quindi, i tuoi anticorpi sono probabilmente meglio a quel punto di quelli sviluppati attraverso la vaccinazione contro il [COVID]”, ha detto lo scienziato Nick Karl. “La città [di New York] ha bisogno di tessere vax e tutto il resto. Si tratta di rendere talmente scomoda la vita per le persone non vaccinate che diranno, ‘Fanculo. Me lo faccio.” ha aggiunto.

Guarda:

Da notare che uno studio prestampato israeliano riportato da Science Magazine alla fine di agosto ha scoperto che l’immunità naturale dopo il recupero da Covid-19 offre uno scudo molto migliore contro la variante delta rispetto ai vaccini.

Un secondo dipendente della Pfizer, lo scienziato associato senior Chris Croce, ha fatto eco a Karl, affermando che coloro che hanno acquisito l’immunità naturalmente sono “probabilmente più” protetti rispetto al vaccino.

Giornalista Veritas: “Quindi sono ben protetto [con gli anticorpi]?”

Chris Croce, Senior Associate Scientist di Pfizer: “Sì”.

Giornalista Veritas: “Come se mi facessi il vaccino?”

Croce: “Probabilmente di più”.

Giornalista Veritas: “Come mai? Tipo, quanto di più?”

Croce: “Sei protetto di piu` e probabilmente più a lungo visto che c’è stata una risposta naturale”.

Croce consiglia quindi al giornalista sotto copertura di Veritas di “aspettare” a farsi il vaccino fino a quando la sua immunità naturale non diminuirà perché ha già avuto il Covid-19.

Un terzo scienziato della Pfizer, Rahul Khandke, ha affermato che la Pfizer fa pressioni sui dipendenti affinché nascondano informazioni negative al pubblico.

“Siamo stati addestrati e ci hanno insegnato a dire: ‘il vaccino è più sicuro che prendersi effettivamente il COVID’. Onestamente, abbiamo dovuto fare così tanti seminari su questo. Non ne hai idea. Ad esempio, dobbiamo stare lì ore ed ore ad ascoltare cose del tipo: “non puoi parlarne in pubblico”, ha detto Khandke, il quale, anche lui, concorda sugli anticorpi.

“Se hai sviluppato anticorpi [COVID], dovresti essere in grado di dimostrare di averli sviluppati”, ha detto.

Croce, nel frattempo, ha riconosciuto che Pfizer sta conducendo test per determinare se il loro vaccino provoca miocardite negli individui più giovani.

“Quindi, sì, lo stiamo facendo, abbiamo appena inviato, tipo, 3.000 campioni di pazienti per essere testati per livelli elevati di troponina (per rilevare un attacco di cuore) per vedere se è provocata dal vaccino…”

Fonte

ant

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €