Archivi Blog

Studenti e genitori contro una scuola che ha costretto i ragazzi a scusarsi per gli stupri commessi dal loro genere

“Mio figlio di 12 anni non ha idea di cosa sia uno stupro o una aggressione sessuale e gli è stato chiesto di scusarsi e non capisce perché”

Gli studenti maschi di una scuola australiana si sono espressi con rabbia dopo essere stati costretti dagli insegnanti ad alzarsi in piedi in un’assemblea e “chiedere scusa” collettivamente alle studentesse per “sessismo” e “stupri” commessi dal loro genere.

La bizzarra azione, imposta dal Brauer College di Warrnambool, Victoria, è stata dichiarata il risultato della lotta “woke” agli uomini a livello globale.

Dopo che la scuola è stata criticata dai genitori, ha rilasciato una dichiarazione affermando che l’azione era “ben intenzionata” riconoscendo tuttavia che era “inappropriata”.

Ciò non è stato sufficiente per alcuni studenti e genitori, che continuano a chiedere scuse complete e adeguate delle azioni della scuola.

Apparendo alla trasmissione Today in Australia, lo studente Craig Daniels ha sottolineato che l’assemblea “non ci sarebbe mai dovuta essere”.

“Non ero personalmente nell’assemblea, ma conosco persone che lo erano e questo le ha fatte sentire in colpa per qualcosa che non hanno fatto”, ha detto Daniels.

Daniels ha aggiunto che la scuola avrebbe dovuto promuovere l’educazione sulla questione del consenso sessuale “non solo sbattere [l’etichetta]” di predatore “su un genere”.

La madre di Craig, Nicole Daniels, ha inoltre aggiunto che la scuola “ha completamente incasinato tutto”.

“Li hanno etichettati e classificati nella stessa categoria degli stupratori quando questi ragazzi non hanno fatto nulla di male”, ha detto la signora Daniels.

Rebecca Croft, un’altra madre di uno studente della scuola, ha osservato “Ero assolutamente inorridita dal fatto che i miei figli dovessero alzarsi in piedi e chiedere scusa per qualcosa a nome del loro sesso su cui non hanno alcun controllo”.

“Mio figlio di 12 anni non ha idea di cosa sia uno stupro o una violenza sessuale e gli è stato chiesto di scusarsi e non capisce perché”, ha aggiunto Croft.

Altri genitori hanno anche notato che le ragazze della scuola sono rimaste sconvolte dall’incidente perché le ha rese virtualmente vittime di abusi sessuali.

Questo disgustoso incidente evidenzia come gli atteggiamenti di divisione delle minoranze amplificati dalle eco chambers dei social media stiano avendo un effetto dannoso nel mondo reale sulla nostra società.

Se le persone hanno troppa paura di parlare contro il wokismo e la cultura della cancellazione, questo genere di cose minaccia di diventare la norma, avvelenando permanentemente le menti dei giovani di tutto il mondo.

Fonte

41099358-9416195-image-m-13_1617058260600-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Lobby Trans fa pressioni per l’utilizzo di ormoni che bloccano la puberta` su bambini di 12 anni

Nell’ultimo esempio in cui i sostenitori della comunità transgender offrono consigli a scuole e genitori che medici e funzionari sconsigliano caldamente in quanto potrebbero essere dannosi per i bambini, una ONG nel Regno Unito sta affrontando aspre critiche in quanto ha detto agli insegnanti che i cosiddetti “bloccanti della pubertà” sono innocui e dovrebbero essere somministrati ai bambini di 12 anni che mettono in dubbio la loro identità di genere.

Secondo il parere medico, questo consiglio è “inquietante” e gli effetti dei bloccanti della pubertà non possono essere facilmente annullati senza danneggiare il bambino.

La raccomandazione è stata formulata dal gruppo di lobbying trans Mermaids durante un incontro con 20 insegnanti e operatori di supporto presso la Newman University di Birmingham. Il gruppo ha affermato che questo trattamento sarebbe “benefico” per il bambino perché offrirebbe lui “un immenso sollievo”, pur essendo “completamente reversibile” se decidesse di non voler intraprendere una transizione.

Sebbene l’incontro si sia tenuto a dicembre, questa raccomandazione è stata pubblicata per la prima volta dal Times domenica. I critici temono che questo consiglio faccia ora parte di un progetto per le future sessioni di addestramento (propaganda gender n.d.r.) dei Mermaids con insegnanti e personale scolastico.

“I farmaci anti-pubertà non apportano modifiche”, ha dichiarato il trainer durante l’incontro. Si tratta invece semplicemente di “un pulsante di pausa che va ad agire sulla ghiandola pituitaria e congela la pubertà”. I processi biologici “ricominceranno” non appena il trattamento verrà interrotto.

Questo consiglio non è stato gradito da uno degli operatori di supporto scolastico che hanno partecipato alla riunione. Ha registrato l’istruttore di Mermaids mentre forniva questo consiglio e ha detto al Times che era preoccupato che il gruppo stesse deliberatamente cercando di convincere i bambini che “erano nati nel corpo sbagliato”.

“Questo sta mettendo a rischio i bambini”, ha detto.

Non è il solo a nutrire queste preoccupazioni. Michael Biggs, professore associato di sociologia presso il St Cross College di Oxford, ha dichiarato al Times che questa strategia è stata deliberatamente progettata per spingere i bambini piccoli verso una transizione medica.

“I Mermaids [non] danno agli alunni la scelta di essere solo gay o lesbiche. Invece, vengono deviati lungo un percorso drastico che alla fine porta ad un intervento chirurgico. Diffondere tali informazioni nelle scuole è inquietante”, ha detto.

In risposta alla storia del Times, Mermaids ha pubblicato una dichiarazione sul suo sito web dicendo che il suo “consiglio” era basato su uno “studio scientifico internazionale e 25 anni di esperienza in questo campo”. In modo divertente, il gruppo ha anche rivelato di aver ricevuto finanziamenti dal Dipartimento per l’Educazione del Regno Unito attraverso un programma “supervisionato dal Government Equality Office”.

All’inizio di quest’anno, un gruppo di specialisti medici negli Stati Uniti e nel Regno Unito ha avvertito degli effetti a lungo termine dei bloccanti della pubertà e dei farmaci ormonali, definendoli una “grave preoccupazione per la salute pubblica.

Fonte