Archivi Blog

L’Academy of Breastfeeding Medicine consiglia di utilizzare il termine “latte paterno”

E “persona che allatta” invece di “madre che allatta” perché è più “inclusivo rispetto al genere”

L’Academy of Breastfeeding Medicine negli Stati Uniti ha pubblicato una nuova guida, consigliando agli ospedali e agli operatori sanitari di cambiare il loro linguaggio per essere più “inclusivi rispetto al genere”.

La guida elenca “termini tradizionali” come “latte materno” e quindi suggerisce alternative woke tra cui “latte umano”, “latte dei genitori” e, in modo ridicolo, “latte paterno”.

Il biologo evoluzionista Colin Wright ha twittato uno screenshot, che mostra che la guida suggerisce anche di usare i termini “genitore gestazionale” invece di “madre”, “persona che allatta” invece di “madre che allatta” e “allattamento al petto” invece di “allattamento al seno”:

Anche la parola “seno” non sfugge ai diktat della neolingua, essendo sostituita con “ghiandola mammaria”.

Wright ha detto a The Post Millenial “Questo documento mi è stato inviato da un amico la cui moglie è un’infermiera ospedaliera per le neomamme e i loro bambini”.

“Ha detto che questa nuova “terminologia inclusiva” è stata implementata nel suo ospedale e che gli infermieri e altri professionisti sanitari sono tenuti a chiedere a ciascun paziente quali termini desiderano utilizzare quando discutono delle loro cure”, ha aggiunto Wright.

Ha continuato: “Sebbene questa politica sia descritta come la creazione di un’atmosfera ospedaliera amichevole e ‘inclusiva’, penso che la maggior parte delle persone preferirebbe che gli infermieri si concentrassero su cose più importanti come i farmaci e i dosaggi appropriati invece di dedicare lo spazio mentale alla memorizzazione di elenchi di folli ‘terminologie inclusive”.

Una dichiarazione dello scorso anno sulle nuove linee guida rileva che “l’ABM riconosce che non tutte le persone che partoriscono e allattano si identificano come femmine e che alcuni individui non si identificano né come femmine né come maschi”.

Afferma inoltre che “l’uso di un linguaggio inclusivo di genere è appropriato in molti contesti” e chiede “studi futuri per includere categorie di genere più ampie e includere informazioni sulle terapie ormonali e sugli interventi chirurgici per i pazienti transgender”.

Come abbiamo evidenziato in precedenza, Colin Wright è stato censurato su Instagram per aver pubblicato un grafico che dimostra che gli uomini sono biologicamente più forti delle donne in una serie di sport, anche se hanno subito un trattamento di transizione di genere.

Wright pubblica continuamente articoli su ciò che descrive “pseudoscienza sessuale”:

Fonte

gettyimages-1248807893-768x407-1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €