Archivi Blog

Antartico: Registrato l’inverno PIU` FREDDO da quando abbiamo iniziato a raccogliere i dati sulle temperature

L’Antartide ha registrato il suo inverno più freddo da quando abbiamo raccogliere i dati nel 1957 con temperature medie di -61,1°C. Il record precedente era di -60,6°C nel 1976.

Secondo uno scioccato Washington Post:

Il freddo era eccezionale, anche per il luogo più freddo del pianeta.

La temperatura media alla stazione del Polo Sud di Amundsen-Scott tra aprile e settembre, era di -78F (-61 gradi Celsius), è stata la più fredda mai registrata dal 1957. Era di 4,5 gradi inferiore rispetto alla media negli ultimi 30 anni.

Il motivo per cui WaPo è scioccato, ovviamente, è perché secondo la narrativa allarmistica le calotte polari dovrebbero diventare più calde, non più fredde.

Questo potrebbe essere il motivo per cui gli autori del rapporto hanno cercato di mascherare la cattiva notizia iniziandola così:

Durante un’estate con un caldo record in gran parte dell’emisfero settentrionale, piena di incendi devastanti, inondazioni e uragani, l’Antartide è stata colpita da un gelo profondo. Questo è in genere il caso durante i mesi invernali del continente più meridionale, ma il 2021 è stato diverso.

In seguito l’articolo prosegue dicendo ai lettori che “Il pianeta e l’Antartide si stanno ancora riscaldando”.

Ma questa affermazione è contraddetta da almeno tre studi scientifici che suggeriscono che l’Antartico si sta raffreddando.

  1. https://www.nature.com/

2. https://www.sciencedirect.com/

3. https://www.nature.com/

Fonte

antarctica-640x480-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Le previsioni della BBC sul cambiamento climatico che distruggerà lo sport entro il 2050 si uniscono alla ricca tradizione di fallimentari avvertimenti sull’imminente eco-catastrofe

Campi da calcio allagati, campi da tennis bruciati, niente più Olimpiadi invernali e la fine dello sport all’aria aperta come lo conosciamo. Se questo spaventoso futuro immaginifico suona come fear porni inutile e inventato, è perché lo è.

“Sport 2050” è l’ultimo tentativo della BBC di aumentare i livelli di paura dei suoi telespettatori, utilizzando notizie sportive fittizie dell’anno 2050 per dimostrare quanto seriamente il cambiamento climatico minacci presumibilmente di avere un impatto sul mondo sportivo. Sottolineando il suo effetto sullo sport, la BBC afferma di sperare di raggiungere “lettori che altrimenti non si sarebbero impegnati con la scienza, o con le notizie sul cambiamento climatico”.

Tra un eccesso di video pieni di sventure rilasciati lunedì c’è un reportage sportivo fittizio che mostra un mondo in subbuglio. La “pioggia torrenziale” ha fatto chiudere i campi da calcio in Inghilterra, il caldo e gli incendi hanno rinviato gli Australian Open e le Olimpiadi invernali di Chamonix sono state cancellate, a causa della mancanza di neve nella stazione sciistica francese.

Inoltre, la BBC prevede partite di calcio della Coppa del Mondo più brevi, con i fan autorizzati a partecipare solo se hanno viaggiato in modo “sostenibile” per arrivarci. Curiosamente, le auto elettriche sono considerate sostenibili, presumibilmente l’impatto ambientale dell’estrazione di cobalto e litio per alimentare questi veicoli non conta.

Ma il messaggio implicito della BBC è chiaro: ignora le contraddizioni, compra la Tesla, mangia gli insetti, spara al tuo cane e smetti di riprodurti, tutto in nome del salvataggio dei tuoi amati giochi sportivi.

Ora, “Sport 2050” non spinge esplicitamente queste soluzioni, ma non è necessario. I media e il sistema usano una duplice strategia per imporre alle masse una politica climatica impopolare: spaventare la plebe con previsioni di “esperti” scientifici, quindi offrire le ripugnanti “soluzioni” sopra citate. Non sceglieresti di mangiare una ciotola di cicale, ma quando l’élite ambientalista minaccia di portarti via il tuo sport, beh, potresti essere più propenso all’idea.

Mettendo tutto da parte, quanto è realistica la rappresentazione del 2050 della BBC? Discutere la scienza molto instabile del cambiamento climatico riempirebbe volumi, ma sulla base delle predizioni passate dei cosiddetti “esperti”, la BBC sta probabilmente vendendo pura finzione.

Ecco quattro volte che gli eco-esperti hanno sbagliato in modo spettacolare:

“IL GHIACCIO ARTICO SPAZZERA’ VIA IL CANADA”
Prima che il “riscaldamento globale” fosse in voga, il raffreddamento globale era di gran moda. Secondo il Chicago Tribune nel 1923, il professor Herbert Gregory della Yale University disse al Pan-Pacific Science Congress che presto il ghiaccio artico si sarebbe insinuato a sud, rendendo il Canada e gran parte del Nord America inabitabili. Gregory non fu nemmeno il primo scienziato a prevedere un’apocalisse di ghiaccio. Il New York Times nel 1912 citò gli avvertimenti scientifici di una nuova era glaciale, e nel lontano 1895 avvertì che “i geologi pensano che il mondo possa essere di fronte ad una nuova era glaciale”.

A quasi 100 anni dall’avvertimento di Gregory, il Canada esiste e il New York Times e persone simili hanno consegnato l’idea di un pianeta che si raffredda ad un luogo recondito della loro memoria.

“IL DOTTOR DESTINO DICE CHE L’INGHILTERRA NON ESISTERA’ PIU’ NEL 2000”
Sebbene i discorsi su una nuova era glaciale siano persistiti per tutto il 20 ° secolo (Time Magazine ha utilmente informato i lettori “come sopravvivere all’imminente era glaciale” nel 1977), un uomo ha svolto un ruolo fondamentale nel spostare la discussione su come moriremo tutti di caldo.

Il suo nome era Paul R. Ehrlich, un biologo e sostenitore della riduzione della popolazione. “Negli anni ’70 il mondo subirà carestie. Centinaia di milioni di persone moriranno di fame nonostante tutti i programmi di emergenza intrapresi ora “, scrisse nel ‘The Population Bomb‘ del 1968. Nella Giornata inaugurale della Terra nel 1970, Ehrlich proclamò che “in 10 anni tutta la vita animale piu’ importante negli oceani si estinguerà.” Presumibilmente ridacchiò di gioia quando scrisse quell’anno che quattro miliardi di persone sarebbero morte nella “Grande Moria” della metà degli anni ’80.

Nel 1971, profetizzò che “entro il 2000 il Regno Unito sarà semplicemente un piccolo gruppo di isole impoverite, abitato da circa 70 milioni di persone affamate … scommetto che l’Inghilterra non esisterà nel anno 2000. “

Le previsioni di Ehrlich fanno sembrare allegre le grida strazianti di Greta Thunberg, e nonostante sia stato ripetutamente smentito, è ancora in giro, chiedendo nel 2008 al governo degli Stati Uniti di imporre un limite in stile cinese alle dimensioni della famiglia.

AL GORE AVVERTE CHE IL GHIACCIO STA DIMINUENDO, AUMENTA INVECE
Il candidato alla presidenza e allarmista climatico di successo Al Gore ha reso nuovamente mainstream l’ambientalismo con l’uscita di “An Inconvenient Truth” nel 2006. Gore ha trascorso i due anni successivi suggerendo che le calotte polari del Polo Nord potrebbero scomparire entro il 2013, uno scenario che ha avvertito in un film porterebbe centinaia di milioni di persone a diventare rifugiati.

Non è mai stato chiaro come Gore sia arrivato al 2013 come data del giorno del giudizio. In una conferenza del 2009 a Copenaghen, lo ha attribuito ad “alcuni dei modelli” studiati da un ricercatore presso la Naval Postgraduate School. Dopo la conferenza, il ricercatore in questione ha contestato le affermazioni di Gore e l’ufficio di Gore ha definito la data uno “ballpark”.

Nel 2014, la calotta glaciale del Polo Nord era cresciuta di 1,75 milioni di chilometri quadrati, un’area delle dimensioni dell’Alaska. L’estensione del ghiaccio marino artico è diminuita da allora, ma è ancora nella media dal 1981 al 2010.

MAD MAX NEL MIDWEST
In “Dead Heat” degli anni ’90, il geoscienziato di Princeton Michael Oppenheimer e l’attivista Robert Boyle predissero che entro il 1995 l’effetto serra avrebbe riscaldato il Nord America e l’Eurasia a tal punto che sarebbero seguiti siccità, fallimento dei raccolti e rivolte alimentari.

“[Entro il 1996] il fiume Platte del Nebraska sarebbe asciutto.”

Dopo che le loro previsioni inevitabilmente non si sono avverate, Oppenheimer è rimasto della sua opinione. “Nel complesso, mi atterrei a queste previsioni … come se almeno in generale si fossero effettivamente avverate”, ha detto a Fox News nel 2010.

Non si avverarono per nulla, secondo la NASA, le precipitazioni in realtà aumentarono leggermente durante la fine del XX secolo.

Come la maggior parte dei predicatori millenaristi, i profeti del destino climatico raramente ammettono di aver sbagliato. Al contrario, rivedono le loro previsioni, stabiliscono una nuova data e ricominciano il ciclo della paura. La previsione del 2019 della rappresentante Alexandria Ocasio-Cortez che “il mondo finirà tra 12 anni” (che in seguito ha difeso come “sarcasmo”), gli avvertimenti di Extinction Rebellion che “miliardi moriranno” e le lacrime di Greta Thunberg che incolpa i leader mondiali di aver innescato un “estinzione di massa” sono tutte costruite su una ricca tradizione di narrativa speculativa sul clima.

Ora, i nostri leader hanno promesso di agire. Joe Biden si è impegnato a mettere gli Stati Uniti sulla buona strada per un 2050 senza combustibili fossili, i leader europei hanno promesso di vietare la vendita di veicoli a benzina e diesel entro il 2030. Le tasse sul carbonio, le restrizioni sulla carne e i lockdown climatici sono tutti seriamente discussi come questioni politiche.

Quando le comodità che dai per scontate verranno alla fine eliminate per legge, faresti meglio a sperare che per qualche miracolo gli eco-allarmisti abbiano azzeccato la predizione sta volta.

Fonte

60a5271f85f540571e53ef99

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €