Archivi Blog

“Self Control” di Laura Branigan: Un video degli anni 80 sul controllo mentale

Il successo di Laura Branigan “Self Control” è l’epitome di tutto ciò che è anni ’80, ma è anche l’epitome di tutto cio che e` MK ULTRA: una storia inquietante di uno schiavo MK manipolato da un gestore violento.

Rilasciato nel 1984, Self Control ha fatto vibrare le discoteche di tutto il mondo mentre donne con grandi capelli ricci e spalline ballavano freneticamente con uomini che indossavano folti baffi e maestose acconciuature. Tutte queste belle persone hanno cantato “I, I live among the creatures of the night” senza rendersi conto di cosa significasse veramente. Pensavano che riguardasse una ragazza che si gode la vita notturna, ma questo è solo il valore nominale.

Il video di Self Control aggiunge un livello significativo alla canzone, piuttosto preoccupante. La cantante è perseguitata da un uomo mascherato, che alla fine finisce a torso nudo nella sua camera da letto. Combinato con il simbolismo MK disseminato nel video, Self Control diventa un tributo all’élite occulta, una promozione del suo simbolismo e una celebrazione della loro pratica più sadica: il controllo mentale Monarch.

Quando il video è stato rilasciato nel 1984, l’industria musicale stava iniziando ad adottare il video musicale come strumento promozionale e Self Control era piuttosto rivoluzionario nel suo ambito. È stato anche il primo video diretto dal regista premio Oscar William Friedkin, il regista de L’esorcista.

Quando si assume un regista famoso per aver terrorizzato un’intera generazione con la storia di una ragazza posseduta da un demone, ci si aspetta un certo livello di inquietudine. E Friedkin ha sicuramente fatto un lavoro degno di nota. Tuttavia, contrariamente all’Esorcista, gli elementi più inquietanti del Self Control non sono palesi ma sono invece impliciti attraverso il simbolismo.

Se hai letto altri articoli su questo sito, probabilmente troverai il simbolismo facile da riconoscere e persino sfacciato. In breve, è una celebrazione spudorata dell’agenda del controllo mentale dell’élite occulta durante un’epoca in cui solo poche persone sapevano che esistevano queste cose. Diamo un’occhiata al video.

LA NOTTE E` IL SUO MONDO
Non è necessaria un’interpretazione avanzata per capire che Self Control non riguarda semplicemente la “vita notturna”. Si tratta principalmente di Laura Branigan che perde la sua volontà, il suo potere e se stessa per mano di un essere senza volto. Il ritornello della canzone riassume la situazione:

You take my self, you take my self control
You got me livin’ only for the night
Before the morning comes, the story’s told
You take my self, you take my self control

La frase “tu ti prendi me stessa” è molto significativa, specialmente nel contesto del controllo mentale. In psicologia, il “sé” è definito come segue:

Il “sé” è costituito dagli aspetti consci e inconsci di una persona, dalla sua personalità, cognizioni o pensieri e sentimenti. Tutti questi tratti o aspetti si combinano nell’identità principale della persona. Altri sinonimi per “sé” sono anima, ego, personalità o individuo.

L’obiettivo finale di un gestore MK è quello di prendere la “chiave” della personalità centrale dello schiavo e di creare un nuovo alterego programmabile. Ciò si ottiene attraverso il trauma e la dissociazione. In questo contesto, “la notte” diventa una metafora della dissociazione, lo stato di trance in cui gli schiavi sono costretti durante la programmazione.

Il video inizia con una bambola con i capelli castani che ricorda Laura.

Nel simbolismo MK, le bambole rappresentano le alter personas malleabili e controllabili degli schiavi MK.

Poi vediamo la stessa Laura, che sembra un po ‘ isolata.

C’è un uomo sdraiato nel suo letto. Partiamo dal presupposto che sia il suo ragazzo.

Laura quindi si prepara per uscire. È aiutata da persone strane che appaiono dal nulla.

Man mano che queste persone appaiono, iniziamo a capire che ciò che accade nel video è principalmente nella testa di Laura.

Quando Laura esce, inizia il suo “percorso nel controllo mentale” – e non manca il simbolismo che lo rappresenta.

Mentre Laura è fuori, due manichini che fluttuano a mezz’aria (un ottimo modo per rappresentare gli schiavi MK dissociati) appaiono dietro di lei.

Subito dopo essere uscita, un’auto di lusso si ferma davanti a Laura.

Un uomo mascherato è seduto sul sedile posteriore.

L’uomo mascherato è l’handler MK. Mentre gli schiavi MK sono dissociati, i loro gestori di MK hanno la capacità di entrare nella loro mente e di controllare i loro pensieri e le loro azioni. Il fatto che quest’uomo mascherato venga portato in giro sul retro di un’auto di lusso implica la sua connessione con l’élite occulta.

Mentre balla in una discoteca, Laura rivede l’uomo mascherato. Lo segue.

Mentre l’uomo mascherato insegue Laura nel club, vediamo un gruppo di maschere dietro di lui che indicano che anche i gestori di MK sono loro stessi schiavi MK con più alterego.

Secondo un recente sondaggio* , il 100% delle donne NON seguirebbe un uomo che indossa una maschera (* non e` un vero sondaggio). Allora perché Laura lo segue? Perché non ha autocontrollo. Il testo della prima strofa descrive perfettamente lo stato mentale di uno schiavo MK che è in balia del gestore durante la dissociazione (aka “la notte”).

In the night, no control
Through the wall something’s breaking
Wearing white as you’re walkin’
Down the street of my soul

Il resto del testo è una descrizione piuttosto toccante dello stato mentale di uno schiavo dissociato che vive in un mondo di sogno fabbricato dal suo conduttore.

A safe night, I’m living in the forest of my dream
I know the night is not as it would seem
I must believe in something, so I’ll make myself believe it
That this night will never go

Laura non riesce a combattere la volontà dell’uomo mascherato e si ritrova a seguirlo. La porta in una sezione nascosta della discoteca, dove scopriamo che si sta svolgendo un’orgia mascherata in stile Eyes Wide Shut.

Laura viene simbolicamente portata nel mondo sotterraneo dell’élite occulta dove si svolgono le “feste degli Illuminati”.

L’uomo mascherato poi spoglia Laura, che sembra essere in trance.

Questa scena rappresenta, piuttosto letteralmente, Laura usata come schiava sessuale nelle feste d’élite.

Laura, tuttavia, si rende conto che qualcosa non va e cerca di scappare. Presto scopre che non si può scappare dalla propria mente.

Quando Laura tenta di scappare, le mani sporgono dalle pareti illustrando il trauma e la tortura che gli schiavi MK devono affrontare quando vanno contro la loro programmazione.

Quando Laura raggiunge finalmente la fine del corridoio, vediamo l’uomo mascherato che l’ha aspettata per tutto il tempo.

Tornata a casa, Laura si rende conto di non essere al sicuro da nessuna parte, nemmeno nella sua camera da letto. L’uomo mascherato appare magicamente nella sua stanza … ed è a torso nudo. A torso nudo!

Quindi afferra Laura e fa di lei quello che gli pare. I gestori di MK abusano sessualmente dei loro schiavi per ulteriori traumi e programmazione.

L’uomo mascherato poi scompare magicamente (è dentro e fuori dalla sua testa). Laura poi si siede lì, completamente isolata.

Il volto del trauma.

Laura poi si sdraia a letto accanto al suo “ragazzo”, che a quanto pare ha dormito tutto il tempo. Mentre gira la testa verso di lei, una brutta sorpresa attende la ragazza.

È di nuovo l’uomo mascherato.

Il gestore è ovunque nella mente dello schiavo MK. Controlla i suoi pensieri, le sue azioni e la sua intera realtà. Non può sfuggirgli perché ha la chiave della sua personalità fondamentale.

Il video si conclude con un’immagine simbolica, piuttosto inquietante considerando il vero significato del video.

È la stessa bambola dall’inizio del video ma i suoi capelli sono arruffati e il suo vestito è strappato (esponendo un seno). Uno dei suoi occhi è chiuso: il segno dell’occhio che tutto vede degli Illuminati.

La bambola è stata chiaramente violata, il segno di un occhio indica chi c’è dietro (l’élite occulta). Il raccapricciante sorriso gelido sulla bambola è piuttosto rivoltante. Quindi, sì, questa non è semplicemente una canzone sulla “vita notturna”.

CONCLUDENDO
Dopo un’attenta ispezione della canzone e del video, Self Control racconta la storia di una donna che perde tutto il suo “sé” per mano di un handler. Viene portata a feste d’élite e, quando cerca di scappare, viene maltrattata dal suo conduttore, dal quale non potrà mai scappare.

Sebbene pubblicato all’alba dell’era del video musicale, Self Control conteneva già tutti i tratti distintivi di un video sul controllo mentale degli Illuminati. Piu` di quaranta anni dopo, le stesse trame sono ancora tutte lì, dal simbolismo ai contorti significati nascosti.

In breve, Self Control è considerata “una delle canzoni che definiscono gli anni ’80” … ma può anche essere considerata una delle canzoni che definiscono la cultura MK.

Fonte

leadselfcontrol

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €


Setta pedofila italiana cercava di reclutare membri dell’elite

Una “potente” setta di pedofili e` stata (finalmente) smantellata dalla polizia italiana. Si trattava di una organizzazione la quale ha messo in piedi un sofisticato fronte legale per nascondere le sue attività cercando allo stesso tempo di reclutare ricchi membri dell’élite.

La setta è stata fermata dopo un’indagine della polizia di 2 anni soprannominata “Operazione Dioniso” durante la quale le autorità hanno scoperto una cabala “molto potente” che ha sottoposto giovani donne e minori ad abusi e torture sessuali.

Come molte reti di traffico sessuale, l’organizzazione sembrava essere coinvolta in rituali di magia sessuale occulta che promettevano l’ingresso in un “mondo magico, fantastico e segreto” e l’accensione di un “fuoco interiore”, rendendo gli adepti schiavi di un 77enne che si faceva chiamare “il Dottore”.

“I membri lavoravano presso gli stabilimenti legali della setta e dovevano donare “ingenti somme di denaro all’organizzazione”, riferisce RT, citando fonti della polizia. “Per rendere l’intero sistema più redditizio, il culto ha cercato di reclutare nuovi membri da famiglie benestanti.”

I membri primari del culto si riferivano a se stessi come “bestie”, nominando le loro vittime “prede” mentre le sottoponevano a forme di tortura “estreme” e “dolorose”.

“La setta aveva un ampio fronte legale, tra cui diversi negozi, un centro di psicologia e persino una casa editrice, che le ha permesso di operare liberamente per anni e di irretire vittime ignare”, secondo il rapporto.

Le autorità hanno affermato che l’indagine ha richiesto così tanto tempo perché era incredibilmente difficile penetrare nella rete poiché i suoi membri hanno mostrato una incredibile lealta` nonostante abbiano subito “un persistente danno psicologico”.

Il culto è attivo dagli anni ’80 e 26 persone sono attualmente sotto inchiesta per essere complici delle sue attività, anche se si prevede che quel numero aumenterà.

Come abbiamo sottolineato in precedenza, numerose indagini sui circoli di pedofili e sui traffici di minori in diversi paesi europei sono state misteriosamente ostacolate dopo che spuntavano i nomi di potenti membri dell’elite.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00