Archivi Blog

Forbes cancella l’articolo di un esperto di educazione che afferma che costringere i bambini a indossare maschere provoca traumi psicologici

Ogni dissenso deve essere bandito.

Forbes ha cancellato un articolo scritto da un esperto di educazione che affermava che costringere gli studenti a indossare maschere per il viso stava causando un trauma psicologico dopo che il pezzo ha iniziato a diventare virale.

L’articolo (archiviato qui) è stato scritto da Zak Ringelstein, che ha un dottorato di ricerca in educazione alla Columbia University e ha fondato Zigadoo, un’app educativa e di sviluppo volta ad aiutare i bambini.

Ringelstein spiega come ha lavorato duramente per rimuovere i test standardizzati dalle scuole, ma che questo è stato deragliato quando è iniziata la pandemia, un processo che “ha trasformato il sistema di istruzione pubblica americano in qualcosa di irriconoscibile: un sistema di restrizioni e mandati molto più repressivo di quanto lo fosse mai stato il test standardizzato”. .”

Ringelstein ha attaccato l’idea che “i bambini sono resilienti” e possono superare le onerose regole COVID imposte loro affermando: “Le maschere e il distanziamento sociale inducono traumi in giovane età sono pericolosi dal punto di vista dello sviluppo, specialmente per i bambini che stanno vivendo traumi in altre parti. della loro vita».

È andato oltre, notando come le nuove misure stessero creando aule piene di ragazzi solitari e atomizzati.

“Gli studenti nella maggior parte delle aule americane ora devono indossare una copertura sul viso e stare a distanza dai loro coetanei per l’intera giornata scolastica. In molte scuole gli studenti sono costretti a giocare da soli durante la ricreazione. Anche per i più piccoli dei bambini in età scolare, i banchi sono in fila. I bambini non possono vedere i sorrisi degli altri o apprendere abilità sociali e verbali di fondamentale importanza”.

Notando come “l’attuale possibilità di morte di un bambino per Covid-19 in America è inferiore alla possibilità di morire per un fulmine o un incidente automobilistico”, Ringelstein ha sostenuto che il rischio che i bambini si ammalino è di gran lunga superato dal trauma psicologico causato dal sociale regole di distanziamento.

“La ricerca neurologica dimostra che i bambini che sperimentano questo tipo di paura e trauma in giovane età subiscono una ristrutturazione strutturale e funzionale della corteccia prefrontale del cervello, con conseguenti problemi di elaborazione emotiva e cognitiva”, scrive.

“Inoltre, i bambini con la mascherina che sono socialmente distanziati hanno maggiori probabilità di condurre uno stile di vita sedentario a scuola e a casa, e quindi hanno anche maggiori probabilità di diventare sia obesi che depressi. L’obesità colpisce in modo sproporzionato i bambini provenienti da ambienti a basso reddito e può portare a problemi di salute per tutta la vita che spesso portano alla morte prematura. Tragicamente, la prevalenza della depressione clinica e dell’ansia è già raddoppiata per i bambini a livello globale dall’inizio della pandemia di COVID-19 e probabilmente peggiorerà con continue restrizioni».

“È probabile che i bambini costretti ad indossare le mascherine perdano lo sviluppo critico del linguaggio, un’altra area fondamentale di crescita nei primi anni in cui i bambini provenienti da ambienti a basso reddito hanno già svantaggi sproporzionati”.

Presumibilmente perché Ringelstein ha osato sfidare lo status quo, Forbes ha ritirato l’articolo dopo che aveva iniziato a ottenere trazione tramite i social media.

Nemmeno gli esperti in educazione che sanno intimamente come i bambini sono colpiti dal trauma possono offrire un lamento di dissenso contro l’ortodossia COVID che richiede una spietata conformità ideologica.

Qualsiasi informazione che sfida i fanatici della maschera deve essere bandita.

Come abbiamo recentemente evidenziato, uno studio condotto da ricercatori della Brown University ha scoperto che i punteggi medi del QI dei bambini piccoli nati durante la pandemia sono crollati di ben 22 punti, mentre le prestazioni verbali, motorie e cognitive hanno risentito del lockdown.

Fonte

030921mask1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il World Economic Forum pubblica un altro video distopico: “Come le nostre vite potrebbero cambiare a breve”

Il World Economic Forum ha recentemente pubblicato un video con la didascalia “Dai un’occhiata al futuro”. Evidentemente, il futuro che vogliono è un incubo distopico in cui la disumanizzazione viene portata a livelli assurdi.

Come probabilmente saprai, dal 2020 questa pandemia ha avvelenato la vita di miliardi di individui in tutto il mondo. Nel frattempo, il World Economic Forum (WEF) non ha potuto contenere la sua eccitazione. In effetti, questa potente, influente organizzazione di proprietà dell’élite continua a pubblicare video bizzarramente ottimisti sui “vantaggi” e le “opportunità” di COVID-19.

Ad esempio, a gennaio, il WEF ha pubblicato un video intitolato “What is the Great Reset” che sostanzialmente riconosce che sta usando la pandemia per creare un nuovo ordine sociale ed economico … mentre prende in giro coloro che prevedevano che sarebbe successo. Un mese dopo, il WEF ha pubblicato un altro video intitolato “I lockdown stanno migliorando le città in tutto il mondo”. Il WEF, alla fine ha cancellato quel video… ma questo non significa che non ci credano.

Inutile dire che le persone odiano assolutamente questi video. Su YouTube la stragrande maggioranza mette un dislike e il 99,85% dei commenti esprime totale disgusto. Ma questo non ha impedito al WEF di creare altre assurdità.

Il 17 agosto, il WEF ha pubblicato un video intitolato “Come potrebbero cambiare le nostre vite a breve”. E sembra il trailer di un film horror distopico in cui le persone vengono trattate come bestiame disumanizzato.

Ecco il video:

La prima cosa che chiariscono abbondantemente è che non vogliono che tu o i tuoi figli uscite di casa. Vogliono che lavori da casa e vogliono che i tuoi figli imparino da casa. E credono che questi cambiamenti saranno così permanenti che gli uffici dovranno essere riadattati e interi quartieri dovranno essere ridisegnati.

Non vogliono nemmeno che tu esca di casa per prendere del cibo. Inoltre, vogliono che tu indossi una maschera a casa tua quando ricevi quel cibo. I “servizi basati sull’analisi” implicano che le grandi aziende tecnologiche analizzeranno le tue ricerche web e le tue abitudini di consumo per “prevedere” ciò che desideri e riceverlo.

Stessa cosa.

Se per caso avessi la folle idea di uscire di casa per incontrare altre persone, loro vogliono che sia così:

Se incontri un altro essere umano, sarà con disinfettante per le mani e maschere permanenti. Non dimenticare di scansionare quel codice QR in modo che sappiano esattamente dove sei e con chi stai incontrando.

Vorranno anche seguirti nel modo più inquietante possibile.

Odio ogni parola di questa frase.

Secondo il WEF, le mascherine saranno una cosa permanente. E, per questo motivo, i loro preziosi sistemi di riconoscimento facciale non funzioneranno altrettanto bene. Allora qual è la soluzione? Basta con le mascherine perché le pandemie sono temporanee? Ovviamente no. Basta con il tracciamento delle persone? Sei pazzo? La loro risposta: sparare laser direttamente nei nostri cuori e ascoltare i nostri battiti cardiaci per identificarci. Sì, questa è la risposta più folle a questa domanda ed è quella che hanno incluso nel loro video.

Questi psicopatici hanno anche una particolare attenzione per i nostri figli. Vogliono modellarli secondo i loro principi distopici. Per questo motivo il WEF promuove l’apprendimento permanente a distanza.

Vogliono che i tuoi figli siano chiusi in casa, a fissare lo schermo tutto il giorno.

Sebbene l’apprendimento a distanza sia stato niente meno che disastroso per lo sviluppo e il benessere mentale dei bambini, il WEF vuole che diventi permanente. E per vendere quell’idea folle, affermano che “migliorerebbe le loro abilità digitali”.

Questo è l’argomento più debole che abbia mai sentito riguardo a qualcosa nella mia vita. I bambini di oggi non hanno assolutamente bisogno di “migliorare le proprie competenze digitali”. Imparano a usare telefoni e tablet prima di imparare effettivamente a camminare. Semmai, hanno bisogno di ridimensionare le loro “competenze digitali” di un paio di tacche e aumentare le loro abilità di “uscire e vivere” di un paio di tacche.

Il WEF sa molto bene che i bambini hanno bisogno di giocare, socializzare e comunicare con altri bambini per svilupparsi correttamente. Tuttavia, non vogliono che i bambini si sviluppino correttamente. Questa è la spaventosa, terrificante verità sulla loro agenda. Stanno cercando di negare elementi vitali dello sviluppo di un bambino per creare il tipo di essere umano che vogliono vivere nella loro società distopica.

Vogliono davvero che l’isteria COVID sia permanente.

Non diversamente dai precedenti video del WEF, questo è stato accolto con disgusto universale. Ecco alcune risposte di Twitter al video (non le ho selezionate io, sono letteralmente tutte così).

CONCLUSIONE
Come avrai notato, questi video mi fanno incazzare, fanno incazzare quasi tutti coloro che li guardano. E per diversi motivi. Primo, chi gli ha votati? Qualcuno ha visto il nome di Klaus Schwab – il capo del WEF – in una scheda elettorale? Ovviamente no. Schwab, infatti, lavora da anni per smantellare le democrazie nazionali.

Schwab come editore del rapporto “Global Redesign” del World Economic Forum 2010 postula che un mondo globalizzato sia gestito al meglio da una coalizione di multinazionali, governi e selezionate organizzazioni della società civile (CSO). Sostiene che i governi non sono più “gli attori dominanti in modo schiacciante sulla scena mondiale” e che “è giunto il momento per un nuovo paradigma delle parti interessate della governance internazionale”. La visione del WEF include un’ONU “pubblico-privato”, in cui alcune agenzie specializzate opererebbero nell’ambito di sistemi di governance congiunti statali e non statali.

Secondo il Transnational Institute (TNI), il Forum sta quindi progettando di sostituire un modello democratico riconosciuto con un modello in cui un gruppo auto-selezionato di “stakeholder” prende decisioni per conto delle persone. Il think tank riassume che stiamo entrando sempre più un mondo in cui raduni come quello di Davos sono “un silenzioso colpo di stato globale” per conquistare il governo.
– Wikiepdia, Klaus Schwab

In secondo luogo, ogni singolo video del WEF promuove in modo non ironico un mondo senza gioia e senza libertà in cui è bandito tutto ciò che rende la vita degna di essere vissuta. Vogliono che tu rimanga a casa tua mentre estraggono ciò di cui hanno bisogno da te usando la tecnologia. Vogliono addestrare i tuoi figli a essere vittime ancora piu’ obbedienti. Non vogliono che ti allontani troppo da casa tua e, se lo fai, vogliono seguirti a livello biologico. Soprattutto non vogliono che tu interagisca con altri esseri umani in modo normale perché ciò potrebbe suscitare un po’ di umanità in te.

È così che vuoi vivere? È questo il mondo in cui vuoi che crescano i tuoi figli? In caso contrario, dobbiamo rifiutare attivamente ogni tentativo di realizzare i loro piani, a tutti i livelli possibili.

Fonte

leadwefpandemic

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

I genitori non dovrebbero interferire con le decisioni dei propri figli sul cambio di genere? Dovremo quindi lasciarli anche bere e fumare?

Un’importante rivista medica ha sostenuto che i bambini di 12 anni dovrebbero essere trattati come dei “pari” nelle decisioni relative alla transizione. Questo è un caso lampante di ideologia politica che prevale sull’etica.
È contro la legge che i bambini acquistino alcol o sigarette in quasi tutti i paesi della Terra. E per una buona ragione. Sappiamo che queste sostanze possono essere dannose e li proteggiamo dall’esposizione ad esse. Questo non è controverso: nemmeno i libertari più ardenti farebbero una campagna per il diritto a ubriacarsi dei bambini di cinque anni.

Tuttavia, quando si tratta di distribuire ormoni che bloccano la pubertà – farmaci che prevengono i cambiamenti biologici che si verificano con l’adolescenza – il dibattito non sembra mai fermarsi. Alcuni sostengono che dovrebbe spettare ai bambini stessi decidere se vogliono assumere farmaci che alterano il corpo. Ma questa sarebbe un’abdicazione sconsiderata della responsabilità degli adulti.

Alla fine dell’anno scorso, una giovane donna britannica, Keira Bell, ha ottenuto una grande vittoria presso l’Alta Corte del Regno Unito. Da bambina, a Bell non piaceva essere una ragazza e “odiava l’idea di diventare una donna”. Pensava che questo significasse che in realtà non era una donna. Quando ha cercato un consiglio medico, i medici non hanno messo in dubbio le sue ipotesi o i suoi sentimenti sottostanti, ma hanno convenuto che era davvero un maschio e l’hanno messa sulla strada della transizione. A soli 16 anni e dopo soli tre appuntamenti, a Bell sono stati prescritti bloccanti della pubertà. Un anno dopo, stava assumendo ormoni sessuali incrociati e ha subito una doppia mastectomia quando aveva 20 anni.

Fu solo allora che Bell iniziò a rendersi conto che i suoi problemi non erano causati dal suo corpo. Ha portato la clinica che l’ha curata in tribunale e tre giudici hanno stabilito che i bambini di età inferiore ai 16 anni erano “incapaci di dare il consenso informato” ai “trattamenti” ormonali perché non erano in grado di “comprendere e valutare i rischi a lungo termine” e le conseguenze della somministrazione di bloccanti della pubertà”.

La vittoria di Bell è stata più di un semplice trionfo personale. Ha fornito importanti tutele legali per i bambini vulnerabili. Ma, incredibilmente, la sentenza dell’Alta Corte non ha segnato la fine del dibattito. Sia in Gran Bretagna che negli Stati Uniti, alcuni sostengono ancora che i giovani che stanno lottando con la loro identità di genere dovrebbero ricevere bloccanti della pubertà.

Il mese scorso, un’importante pubblicazione britannica, il Journal of Medical Ethics, ha pubblicato un articolo della bioetica dott.ssa Maura Priest, dell’Arizona State University, sul tema della “soppressione della pubertà”. Priest sostiene che i medici dovrebbero prendere sul serio la “testimonianza” LGBT, ovvero che le persone LGBT dovrebbero essere credute quando descrivono i loro sentimenti riguardo al loro genere. Pochi non sarebbero d’accordo. Gli adulti LGBT dovrebbero essere trattati allo stesso modo e avere lo stesso rispetto e dignità di ogni paziente.

Ma Priest ne conclude che “non è più compito dei medici fare la propria valutazione dei costi e dei benefici delle cure legate alla transizione. Supponendo che il paziente sia informato e competente, allora solo il paziente può fare questa valutazione, perché solo il paziente ha accesso al vero peso dei benefici legati alla transizione”. Questa è un’affermazione molto più controversa.

È vero che solo gli interessati possono sapere fino a che punto stanno lottando con la loro identità di genere. Ma il fatto che in primo luogo la medicina “non deve nuocere” è un principio importante dell’etica medica. L’uso di interventi chirurgici o farmaci per alterare un corpo perfettamente sano non è privo di rischi. È molto diverso dal curare un corpo malato per aiutare a riportare un paziente in salute.

Ancora più controverso, Priest prosegue concludendo che “prendere sul serio la testimonianza dei pazienti LGBT significa anche che i genitori dovrebbero perdere il potere di veto sulla maggior parte delle cure pediatriche legate alla transizione”. In altre parole, i medici dovrebbero accettare acriticamente le convinzioni e i sentimenti dei bambini che si presentano come transgender e prescrivere farmaci per sopprimere la pubertà, anche se ciò va contro la volontà dei genitori.

Priest sostiene che i genitori non dovrebbero avere autorità sui propri figli nelle decisioni mediche. Chiaramente, ci sono momenti in cui questo può essere appropriato. Se la vita di un bambino è a rischio, sarebbe sbagliato ritardare l’intervento chirurgico fino a quando non sarà possibile ottenere il consenso dei genitori. Ma il principio del “non nuocere” rimane. Intervenire senza il consenso dei genitori per curare un giovane malato o a rischio è molto diverso dal “curare” un corpo giovane altrimenti sano. Suggerisce che i bambini di 12 anni dovrebbero essere considerati come dei “pari” nelle discussioni sulla loro assistenza sanitaria in relazione al genere.

Questo ignora il fatto che i genitori amano i loro figli e hanno un forte senso di ciò che è nel loro interesse. I genitori conoscono la storia della vita del loro bambino. Sanno se hanno lottato con problemi di salute mentale o hanno un disturbo dello sviluppo o, semplicemente, stanno attraversando una fase. Come dimostra il numero crescente di “detransizionisti” adulti, non importa quanto possano sembrare certi in quel momento, i bambini possono essere facilmente guidati e commettere errori.

Incredibilmente, la Corte d’Appello sta ora riesaminando la decisione presa nel caso di Bell. Il Tavistock e Portman NHS Foundation Trust, che sovrintende l’unica clinica per l’identità di genere del Regno Unito per bambini, a Londra, afferma che i bloccanti della pubertà danno a coloro che sono angosciati dal loro sesso alla nascita “tempo per considerare le loro opzioni”.

Speriamo che la Corte d’Appello abbia senso e respinga tali affermazioni ridicole. Gli adulti hanno la responsabilità di proteggere i giovani e salvaguardarli dai danni. Ci sono ottime ragioni per cui non permettiamo ai bambini di fumare o bere alcolici. Né dovremmo lasciare che prendano i bloccanti della pubertà.

Fonte

60eef9b5203027178e0ec612

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Biblioteca del Regno Unito costretta a scusarsi dopo aver assunto un uomo in costume da scimmia arcobaleno con un dildo e il sedere scoperto per esibirsi davanti ai bambini

La performance è stata finanziata dai contribuenti

Una biblioteca di Londra è stata costretta a scusarsi dopo che un uomo vestito con un costume da scimmia arcobaleno con il sedere scoperto e con un pene finto è stato assunto per esibirsi di fronte ai bambini.

Sì davvero.

“Il filmato condiviso sui social media sabato mostra i membri del Mandiga Arts Group all’evento Redbridge Libraries Summer Reading Challenge presso la Goodmayes Library nella zona est di Londra”, riporta il London Evening Standard.

“Tre artisti sono stati filmati fuori dall’evento, di cui uno vestito con un costume da scimmia arcobaleno “inappropriato”, suscitando preoccupazione tra i residenti”.

Un video clip mostra l’individuo che indossa il costume da scimmia color arcobaleno che corre fuori dalla libreria con un prominente dildo in zona genitali.

“Apparentemente questo ha lo scopo di incoraggiare i bambini di Redbridge a iniziare a leggere in vista delle vacanze estive”, ha twittato l’attivista conservatore Has Ahmed. “Per favore, dimmi la logica dietro questi costumi indecenti che sono stati mostrati alle famiglie pubblicamente. È davvero necessario?”

La società che ha organizzato l’evento – Vision RCL – ha ricevuto £ 740.000 nell’ambito del programma culturale del governo, il che significa che lo spettacolo è stato finanziato dai contribuenti.

“Anche se la biblioteca di Redbridge si è scusata per il costume “inappropriato”, ha commentato “se ce l’hai, sfoggialo” sui social media all’inizio della giornata. Apparentemente hanno anche bloccato coloro che li criticavano.

Anche il consigliere laburista Jas Athwal ha immediatamente preso le distanze dalla questione, twittando: “Questo è disgustoso. Ho preso provvedimenti immediati. Dopo averlo scoperto, ho contattato Vision [e loro] hanno confermato che il contratto è stato annullato, sono state richieste scuse e il caso sara’ esaminato dal team legale del consiglio”.

Nonostante le scuse, le drag queen continuano ad apparire nelle biblioteche di tutto il Regno Unito come fanno in America.

Un video che ha suscitato polemiche l’anno scorso mostrava una drag queen che insegnava ai bambini come twerkare (una mossa di danza sessualizzata) durante un evento in una biblioteca.

Un parlamentare scozzese ha anche invitato una drag queen chiamata “Flowjob” che in precedenza aveva caricato contenuti sessualmente espliciti su Twitter in una scuola elementare.

Il Sun ha riferito: “La drag queen ha regolarmente caricato immagini grafiche su Twitter, tra cui la simulazione di un atto sessuale con un dildo e la simulazione del sesso orale”.

Fonte

120721monkey1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Solo 25 minorenni sono morti di COVID in Inghilterra, centinaia sono morti per suicidio e trauma

Gli studi hanno scoperto che le misure di lockdown rivolte ai bambini “possono rivelarsi un rischio maggiore di quello della stessa SARS-CoV-2”.

Nuovi dati rilasciati da ricercatori nel Regno Unito mostrano che solo 25 minorenni sono morti di COVID da marzo 2020 a febbraio 2021, due terzi dei quali avevano condizioni di salute “croniche” e che le misure di lockdown rivolte ai bambini “potrebbero rivelarsi un rischio maggiore”. rispetto a quello della stessa SARS-CoV-2”.

I numeri mostrano che c’è circa 1 su 500.000 possibilità che i bambini muoiano di coronavirus in Inghilterra, e questo include le vittime di condizioni mediche preesistenti, come malattie cardiache e cancro.

“Più del 75% dei bambini morti aveva malattie croniche, mentre i due terzi avevano più di una condizione di base e il 60% aveva condizioni limitanti”, riporta il Daily Mail.

Nello stesso periodo, 124 bambini sono morti per suicidio e 268 sono morti per trauma.

Gli studi condotti dai ricercatori dell’University College di Londra, dell’Università di York e dell’Università di Liverpool hanno scoperto che le misure di lockdown che allontanano i bambini dagli ambienti sociali “possono rivelarsi un rischio maggiore di quello della stessa SARS-CoV-2”.

I numeri dovrebbero informare il governo quando si tratta di considerazioni sui pro e i contro della vaccinazione dei bambini, anche se non aspettatevi che la storia riceva un’attenzione dei media.

All’inizio di quest’anno, esperti nel Regno Unito hanno avvertito che l’isolamento e la depressione causati dai lockdown avevano creato una “pandemia per la salute mentale”.

Secondo gli esperti di salute mentale in Australia, i lockdown per il COVID-19 sono stati uno dei principali fattori che hanno contribuito a raddoppiare il numero di suicidi giovanili.

Fonte

090721lockdown1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Perché degli aerei che trasportano bambini non identificati atterrano nel Tennessee nel cuore della notte?

Tutte le parti coinvolte in questa operazione si rifiutano di rispondere alle domande. Alcuni funzionari del Tennessee affermano che i bambini migranti vengono trasportati nel cuore della notte perche’ coinvolti nel traffico di esseri umani.

Il 14 maggio, un aereo che trasportava bambini è atterrato al Wilson Air Center di Chattanooga, nel Tennessee. Era l’1:30 di mattina. Nei giorni seguenti, la stazione televisiva WRCB ha individuato altri tre aerei che trasportavano tra i 30 e i 50 bambini all’aeroporto. Ogni volta, i bambini uscivano dagli aerei indossando borse ed entravano in autobus diretti a varie destinazioni.

Ecco alcune immagini catturate da WRCB.

Bambini in eta’ pre adolescenziale lasciano l’aereo.

I bambini vengono indirizzati verso gli autobus che li stavano aspettando sulla pista.

Due dei quattro autobus nel video sono di proprietà di Coast to Coast Tours di East Point, Georgia.

Secondo un dipendente di Coast-to-Coast, gli autobus sono stati spediti a Chattanooga come parte di un contratto con il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Il dipendente afferma che questa era la prima volta che alla società veniva chiesto di raccogliere bambini migranti a Chattanooga. In passato, secondo il dipendente, gli autisti dell’azienda si sono recati a Mobile, in Alabama e ad Atlanta per trasportare i bambini.

Ha confermato che i due autobus visti nel video hanno lasciato Chattanooga per Miami, in Florida, e Dallas, in Texas. Ha aggiunto che i bambini non possono scendere dall’autobus durante il viaggio e tre o quattro accompagnatori, che non sono dipendenti della compagnia di autobus, sono sempre a bordo. Dice che la compagnia di autobus richiede accompagnatori per il trasporto di “bambini di età inferiore ai 18 anni”.

Channel 3 ha contattato Knoxville Tours, Little Rock Coaches e Malone Bussing Services, che Channel 3 ha confermato hanno assistito all’operazione durante il fine settimana, ma non hanno ricevuto risposta. Malone Bussing Services si trova a Cleveland, nel Tennessee.
– WRCB, FIRST ON 3: Late-night flights carrying migrant children arrive in Chattanooga

A parte questo dipendente, assolutamente nessuno coinvolto in questa operazione era disposto a fornire alcun tipo di informazione.

Il portavoce dell’aeroporto di Chattanooga, Albert Waterhouse, afferma che l’aeroporto non è coinvolto nel coordinamento dell’operazione.

“Wilson Air Center Chattanooga è un operatore di base fissa che fornisce solo il supporto operativo necessario, come il rifornimento e altri servizi a terra, agli aerei in arrivo e in partenza”, ha affermato Waterhouse.

Channel 3 ha presentato una richiesta al Dipartimento della Difesa in merito all’operazione. Un portavoce ci ha indirizzato al Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti.

“Da quello che posso dire, questi erano voli facilitati da HHS”, ha affermato il LTC Chris Mitchell, portavoce del Dipartimento della Difesa. “L’unico supporto che il Dipartimento della Difesa sta fornendo rispetto ai minori non accompagnati è il terreno e le strutture affinché HHS possa ospitarli temporaneamente”.
Channel 3 ha contattato HHS per un commento ma non ha ancora ricevuto risposta.
– Ibidem.

Una fonte ha detto alla televisione che questa operazione è stata recentemente spostata in piccoli aeroporti per “evitare di attirare l’attenzione”.

Una fonte a conoscenza diretta dell’operazione ha chiesto di rimanere anonima ma racconta a Canale 3 che vengono trasportati dai 30 ai 50 minori alla volta, alcuni per ricongiungersi con i familiari e altri per andare nelle case famiglia. Dice che l’operazione è iniziata a Dallas, in Texas, ma recentemente si è spostata in piccoli aeroporti per evitare di attirare troppa attenzione.
– Ibidem.

Perché c’è così tanta segretezza intorno a questa operazione? La senatrice del Tennessee Marsha Blackburn ha dichiarato che il trasporto di migranti ha avuto luogo “nel cuore della notte senza la conoscenza o il permesso delle comunità coinvolte”. Ha aggiunto:

“Il nostro ufficio non ha ricevuto alcuna informazione dall’amministrazione Biden che ci informasse di un trasporto di massa di migranti nel Tennessee”, ha affermato Blackburn. “È assolutamente inaccettabile se l’amministrazione Biden sta facilitando una migrazione di massa senza alcun input o supervisione da parte dei Tennesseani e delle comunità coinvolte”.
– Ibidem.

UN ALTRO VOLO MISTERIOSO
Il 27 maggio un altro aereo è atterrato a Knoxville, nel Tennessee, alle 23:19. Di nuovo, era pieno di bambini

Bambini non identificati che lasciano un aereo atterrato all’aeroporto McGhee Tyson.

I registri di volo mostrano che l’aereo è partito da Long Beach, in California, ed è atterrato all’aeroporto McGhee Tyson al terminal TacAir poco dopo le 23:15. Secondo i rapporti dell’affiliata della CBS KCAL, centinaia di bambini trovati al confine erano detenuti in un centro congressi a Long Beach, in California.

Il registro di volo.

Nessuno di questi bambini a bordo era accompagnato dai genitori.

Il video catturato da WATE 6 mostra alcuni bambini che salgono a bordo di due autobus charter di Malone Busing, una società con sede a Cleveland, nel Tennessee. Altri bambini sono stati accolti da adulti non identificati. Alcuni adulti sono stati visti ricevere un pacco prima di lasciare l’aeroporto di propria iniziativa con almeno un bambino, a volte di più.
– WATE 6, Plane believed to be carrying migrant children lands at Knoxville airport

Ancora una volta, nessuno coinvolto in questa operazione e’ stato disposto a rispondere alle domande.

I funzionari della Casa Bianca, dell’Ufficio per il reinsediamento dei rifugiati, dei leader della città di Long Beach, in California, e del loro Joint Information Center, nonché dell’aeroporto McGhee Tyson, hanno rifiutato di conoscere lo scopo del volo o dei suoi passeggeri o non hanno risposto alle domande .
– Ibidem.

Un’altra news station, WVLT, ha tentato di ottenere informazioni su questo misterioso volo, ma tutte le persone coinvolte hanno risposto con cautela.

Quando è stata contattata telefonicamente, The Malone Bus Company con sede a Cleveland, nel Tennessee, ha riattaccato quando le sono state poste domande sul motivo per cui i suoi autobus venivano utilizzati. La Malone Bus Company era la stessa compagnia che è stata assunta per trasportare i migranti la scorsa settimana da Chattanooga.
Un portavoce dell’aeroporto McGhee Tyson ha dichiarato di non avere alcuna informazione perché l’aereo è atterrato a TacAir, un operatore fisso che lavora con aerei privati. WVLT ha anche parlato con i funzionari della compagnia aerea che hanno affermato che c’e’ una policy che impedisce loro di fare alcun commento.
– WVLT, Flight carrying unidentified children lands in Knoxville

Infine, il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha affrontato i rapporti durante una conferenza stampa. Ha commentato gli obiettivi dell’amministrazione per i voli.

“Il Tennessee è uno stato proprio nel mezzo del paese e alcuni bambini devono attraversarlo per arrivare a destinazione e siamo stati molto chiari sul fatto che il nostro obiettivo è trattare questi bambini in modo umano, portarli in case sicure, specialmente nelle case di persone che se ne prenderanno cura”.

Alcuni funzionari credono che ci sia qualcosa di molto più oscuro sotto.

TRAFFICO DI BAMBINI?
Non diversamente dal senatore Blackburn, il governatore del Tennessee Bill Lee ha dichiarato di non essere stato informato dei voli, né di far parte della sua squadra. Dopo aver appreso di questa operazione dal telegiornale, ha rilasciato questa dichiarazione:

“Quando abbiamo chiesto risposte, non abbiamo ricevuto alcun commento. Mi complimento con il senatore Hagerty e il senatore Blackburn per aver denunciato il fatto. Gli abitanti del Tennessee meritano di sapere chi sta entrando nel nostro stato”.

Lee ha aggiunto:

“È inaccettabile che i bambini vengano trafficati attraverso il nostro confine in questo paese e poi dispersi attraverso il confine. Questa è una politica di frontiera aperta che incentiva la tratta di bambini e va assolutamente fermata”.

Se questa operazione riguardava semplicemente il trasporto dei bambini alle famiglie adottive, perché c’è così tanta segretezza che la circonda? Perché i voli da Dallas sono stati spostati in piccoli aeroporti per “evitare di attirare l’attenzione”? Perché il trasporto di questi bambini avviene di notte? Perché i funzionari locali non sono consapevoli di ciò che sta accadendo nel loro stesso stato? Perché tutti coloro che sono coinvolti in questa operazione sono costretti a rimanere in silenzio?

Inoltre, come possiamo essere sicuri che le “famiglie adottive” non siano in realtà dei fronti per le organizzazioni di traffico di bambini? Non ci sono documenti che dimostrino l’esistenza di questi bambini e possono facilmente scomparire senza lasciare traccia. In effetti, questo, succede da anni.

Nel 2018, un articolo del NY Times ha rivelato che il governo degli Stati Uniti “ha perso le tracce” di oltre 1.500 bambini migranti.

“Giovedì un alto funzionario del Dipartimento della sanita’ e dei servizi umani ha dichiarato ai membri del Congresso che l’agenzia ha perso le tracce di quasi 1.500 bambini migranti negli Stati Uniti, sollevando la preoccupazione che potrebbero essere finiti nelle mani dei trafficanti di esseri umani. o essere usati come braccianti da persone che si spacciano per parenti”.
– NY Times, U.S. Loses Track of Another 1,500 Migrant Children, Investigators Find

C’è una massiccia operazione di traffico di bambini proprio davanti ai nostri occhi?

CONCLUDENDO
Se sai qualcosa sull’élite occulta, probabilmente sei a conoscenza del suo segreto più oscuro: richiede una fornitura costante di bambini per poter mettere in atto i suoi piani/programmi terribili. Questi includono MKULTRA, abusi rituali satanici, circoli pedofili, prostituzione, sacrifici di sangue e altro ancora. Bisogna essere completamente ciechi per non rendersi conto che la dispersione di bambini migranti privi di documenti in tutto il paese nel bel mezzo della notte a “personaggi” non identificati è il modo perfetto per rifornire queste reti.

L’élite occulta vuole frontiere aperte in tutto il mondo per molte ragioni. Una di queste è perché forniscono una fornitura illimitata di bambini per nutrire la rete sotterranea. Se questi bambini stessero davvero per unirsi ai propri cari, vedremmo video strappalacrime sul loro ricongiungimento, il che sarebbe una mossa vincente per le relazioni pubbliche del governo. Tuttavia, non è quello che sta succedendo. Affatto. Questi bambini si muovono nel cuore della notte come se fosse un’operazione segreta che va tenuta nascosta.

Fonte

leadtnplace-e1623184470190

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Biden apre la porta ai pedofili eliminando i controlli della fedina penale per gli operatori nelle strutture di accoglienza per bambini migranti

Secondo il Chicago Tribune, l’amministrazione Biden ha cancellato i controlli dei precedenti penali dell’FBI per gli operatori nelle strutture che accolgono i bambini rifugiati (o come AOC un tempo li definiva, “campi di concentramento”), allarmando gli esperti di assistenza all’infanzia che affermano che ciò compromette la loro sicurezza.

A marzo, l’amministrazione ha annunciato che avrebbe aperto otto nuovi siti di emergenza nel sud-ovest, che aggiungeranno 15.000 nuovi posti letto, raddoppiando la capacità.

Per far fronte all’ondata di bambini migranti, il governo degli Stati Uniti ha abbassato l’asticella necessaria per prenderse cura.

Questi siti di emergenza non devono essere autorizzati dalle autorità statali o fornire gli stessi servizi delle strutture HHS permanenti. Costano anche molto di più, circa $ 775 per bambino al giorno.

E per fornire rapidamente personale ai siti, l’amministrazione Biden ha rinunciato alle procedure di controllo volte a proteggere i minori da potenziali danni.

Il personale e i volontari che si occupano direttamente dei bambini nei nuovi siti di emergenza non devono sottoporsi ai controlli delle impronte digitali dell’FBI, che utilizzano database criminali non accessibili al pubblico e possono individuare qualcuno che cambia nome o utilizza una falsa identità. -Chicago Tribune

Come riportato da NPR il mese scorso, c’è poca supervisione sui rifugi di massa che ospitano decine di migliaia di bambini migranti, mentre “Alcune delle strutture che tengono i bambini in questi giorni sono gestite da appaltatori che stanno già affrontando azioni legali nelle quali si afferma che i bambini sono stati abusati fisicamente e sessualmente nei loro rifugi. sotto l’amministrazione Trump, mentre altre sono nuove società con poca o nessuna esperienza di lavoro con i bambini migranti. Complessivamente, le strutture di emergenza possono ospitare quasi 18.000 bambini, secondo i dati forniti dall’agenzia all’inizio di questo mese”.

Ad aprile, il governatore texano Greg Abbott ha chiesto all’amministrazione Biden di chiudere una struttura di San Antonio per bambini migranti a seguito di accuse di violenza sessuale.

“In breve, questa struttura è un incubo per la salute e la sicurezza”, ha affermato Abbott.

E ora, agli operatori che osservano i bambini migranti non sara’ richiesto un controllo dei precedenti penali dell’FBI, anche se HHS afferma che devono ancora superare “controlli sui precedenti penali del registro pubblico”, che “generalmente richiedono meno tempo ma dipendono dal fatto che il soggetto fornisca informazioni corrette”.

L’agenzia afferma anche che coloro che forniscono assistenza diretta sono supervisionati da dipendenti federali o da altri che hanno superato i controlli dei precedenti basati sulle impronte digitali (come immagino abbiano fatto gli oltre 5.000 dipendenti del Pentagono che avevano materiale pedopornografico sui loro computer).

Secondo l’ispettore generale dell’HHS, i controlli delle impronte digitali dell’FBI “forniscono una protezione unica”.

“Mentre i vari controlli dei precedenti potrebbero identificare alcune condanne penali o reati sessuali passati, questi controlli non erano così estesi come i controlli precedenti delle impronte digitali dell’FBI”.

Laura Nodolf, il procuratore distrettuale a Midland, in Texas, dove HHS ha aperto un sito di emergenza questo mese, ha affermato che senza il controllo delle impronte digitali, “non sappiamo davvero chi sia l’individuo che fornisce assistenza diretta”.

“Questo sta mettendo i bambini sotto la cura di HHS, potenzialmente, nelle mani di un molestatore sessuale”, ha detto Nodolf.

La dottoressa Amy Cohen, una psichiatra infantile che è direttrice esecutiva del gruppo di difesa dell’immigrazione Every Last One, ha osservato che l’HHS richiede controlli delle impronte digitali dei parenti che cercano di accogliere bambini come parte di un processo di controllo che richiede in media più di 30 giorni.

“Il mancato controllo delle impronte digitali del personale della struttura in prima linea espone i bambini migranti vulnerabili a un rischio significativo di abusi fisici e sessuali”, ha affermato. -Chicago Tribune

Attualmente ci sono più di 18.000 bambini e adolescenti in custodia negli Stati Uniti, una cifra che aumenta quasi ogni giorno.

Siamo sicuri che Kamala si stia occupando del caso?

Fonte

bien

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Suore tedesche “affittavano” orfani ad uomini d’affari per “gang bang e orge”

Un rapporto nascosto al pubblico documenta orribili atti di stupro e abusi sessuali contro giovani ragazzi orfani appartenenti all’arcidiocesi cattolica di Colonia in Germania, secondo il Daily Beast.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 601a81d020302745777e9c81.jpg

I risultati dell’inchiesta, che si è conclusa il mese scorso e derivavano da una causa intentata contro l’arcidiocesi dalle vittime, non sono stati resi pubblici, ma si dice che i contenuti del rapporto siano trapelati a diversi media.

Sezioni del rapporto di 560 pagine presumibilmente viste dal Daily Beast descrivono in dettaglio come le suore che gestivano un convento a Spira, in Germania tra gli anni ’60 e ’70, “affittavano” ragazzi orfani a uomini d’affari e sacerdoti, che abusavano dei bambini, a volte per settimane alla volta, prima di “restituirli”.

Secondo l’outlet, alcuni degli orfani sono stati costretti a partecipare a “gang bang e orgie” prima di essere restituiti al convento dove le suore li avrebbero sgridati per aver “sgualcito i vestiti o per averli ricoperti di sperma”.

Il rapporto ha concluso che 175 bambini, la maggior parte dei quali ragazzi di età compresa tra 8 e 14 anni, hanno subito abusi per due decenni. Ad alcuni dei bambini è stato impedito intenzionalmente di essere adottati o portati in una casa di accoglienza in modo che le suore potessero continuare ad utilizzarli, secondo quanto riferito dall’inchiesta.

Tuttavia, l’indagine ha rifiutato di incolpare direttamente le suore coinvolte nel programma malato, sostenendo invece che l’abuso era il risultato di errori di gestione “sistematici” e la “clemenza” accordata a coloro accusati di prendere parte ai crimini abominevoli, ha riferito il The Daily Beast

I dettagli sono trapelati alla stampa dopo che l’arcidiocesi si è rifiutata di rendere pubblico il rapporto, chiedendo ai giornalisti che hanno visionato i documenti di firmare un accordo di riservatezza. Tutti coloro che hanno partecipato a una conferenza stampa che annunciava la conclusione delle indagini sarebbero usciti, rifiutandosi di rispettare i termini della Chiesa.

L’arcidiocesi di Colonia ha affermato di aver rifiutato il rapporto perché non aveva spiegato completamente la sua metodologia. Tuttavia, il vescovo Karl-Heinz Wiesmann, che guida l’arcidiocesi, ha detto ai media che il rapporto sugli abusi era “così cruento”, che non era adatto alla visione pubblica. Il vescovo afferma di essere stato così turbato dal rapporto, che ha dovuto prendersi un mese di pausa dai suoi doveri dopo averlo letto.

Le rivelazioni scioccanti arrivano meno di un anno dopo che un’indagine separata ha scoperto che le autorità educative e il senato di Berlino avevano sostenuto e difeso noti pedofili affidando loro bambini orfani.

Fonte

601a81d020302745777e9c81

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Uno spot pubblicitario dell’NHS terrorizza i bambini mostrando Babbo Natale moribondo a causa del Coronavirus

Gli spettatori accusano il servizio sanitario di politicizzare Babbo Natale.

Uno spot televisivo dell’NHS terrorizza i bambini mostrando Babbo Natale portato in ospedale sul punto di morire a causa del COVID.

Perché spaventare i bambini è sicuramente ciò che fanno i bravi ragazzi!

La pubblicita` “celebra il personale e i volontari dell’NHS” mostrandoli mentre curano Babbo Natale in modo che possa consegnare i regali.

Intitolato The Gift, la pubblicita mostra i paramedici che danno ossigeno a Babbo Natale mentre sembra essere in punto di morte e un'infermiera chiede: "E svenuto?”

La pubblicità va avanti con Babbo Natale che si sveglia prima che venga lentamente riabilitato e successivamente riceve un biglietto di buona guarigione da Rudolph la renna dal naso rosso.

Lo spot è supportato da una colonna sonora sdolcinata.

I commentatori su twitter non l’hanno trovato affatto incoraggiante.

“Un video disgustoso e che nessun bambino dovrebbe vedere. Politicizzare totalmente COVID con Babbo Natale. A cosa stavano pensando. Mi sono già lamentato con Ofcom ”, ha detto uno.

“Se qualcuno pensa che questo annuncio sia intelligente o divertente o commovente, è tristemente deluso”, ha detto un altro.

Fonte

111220nhs1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

In Australia, i bambini in quarantena, non potranno aprire i regali di Natale

Tutti i pacchi consegnati “verranno aperti e controllati per motivi di sicurezza”.

Ai bambini attualmente in quarantena in hotel durante il periodo natalizio in Australia occidentale è stato detto che non potranno scartare i propri regali di Natale a causa della minaccia COVID.

La legge attuale impone che tutti i viaggiatori in arrivo da altri paesi siano sottoposti a una quarantena alberghiera di 14 giorni prima di poter raggiungere la loro destinazione successiva.

Questo ha costretto molti a trascorrere il Natale in alloggi temporanei, ma le regole sui regali hanno reso l’esperienza ancora più gravosa.

In una lettera del vice capo della sanità dello stato Robyn Lawrence, agli ospiti dell’hotel viene detto che tutti i pacchi consegnati da amici e familiari “saranno aperti e controllati per motivi di sicurezza”.

“Poiché gli hotel sono occupati, limita il numero di pacchi e consegne che ricevi e chiedi a chi li consegna di non imballarli, poiché verranno aperti”, afferma la lettera.

Ciò significa che i bambini avranno i loro regali scartati dal personale dell’hotel o dalle guardie di sicurezza prima di riceverli.

Agli ospiti è stato anche vietato di inviare regali dalle loro stanze ad amici e familiari, “perché esiste un potenziale rischio di infezioni”.

In risposta alle misure, un ospite dell’hotel ha detto che era “ridicolo” che i regali di sua figlia venissero scartati prima che lei li ricevesse.

Le autorità hanno anche affermato che non prenderanno in considerazione la possibilità di lasciare liberi gli ospiti prima del periodo di 14 giorni per motivi compassionevoli perché “potrebbe portare alla trasmissione del virus in altre parti dell’Australia”.

Fonte

151220present1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €