Archivi Blog

Twitter: Spegnere Internet “viola i diritti umani di base” – in Uganda

Twitter si è pronunciato a favore della libertà di parola e contro la chiusura di Internet – in Uganda. Il dipartimento per le politiche pubbliche di Twitter ha twittato in opposizione agli sforzi per chiudere l’accesso a Internet prima delle elezioni in Uganda di questa settimana, dove il presidente Yoweri Museveni chiede agli elettori un sesto mandato.

È in carica da 35 anni. La scorsa settimana, Twitter ha bandito definitivamente il presidente Donald Trump dalla sua piattaforma. Continua inoltre a sospendere ed espellere decine di migliaia di sostenitori di Trump. Anche il principale concorrente di Twitter, Parler, è stato espulso dai server di Amazon. Questa settimana, tuttavia, Twitter si è battuto per la libertà di parola e l’Internet aperta, sostenendo che “l’accesso alle informazioni e alla libertà di espressione, inclusa la conversazione pubblica su Twitter, e ancora più importante durante i processi democratici, in particolare le elezioni”. Twitter si è inoltre espressamente opposto al blocco di “social media e app di messaggistica”.

Prima delle elezioni di novembre 2020, Twitter ha censurato un articolo del New York Post che esponeva e-mail dal laptop di Hunter Biden, figlio del presidente eletto Joe Biden. Le e-mail suggerivano che l’allora vicepresidente Biden avesse incontrato il socio in affari di suo figlio della corrotta compagnia energetica ucraina, Birmania. Altre email descrivevano anche il tentativo della famiglia Biden di avviare una joint venture con una società cinese, in cui Joe Biden – il “pezzo grosso” – avrebbe ricevuto una quota del 10%. L’ex vicepresidente Biden ha detto ai giornalisti durante la campagna elettorale nel 2019 di non aver mai discusso degli interessi commerciali all’estero della sua famiglia.

Fonte

twitter-protest-getty-640x477-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Facebook censura una pubblicita` della campagna elettorale di Trump che denuncia la violenza antifa

Facebook ha rimosso una pubblicita` dalla campagna elettorale di Trump nella quale si attacava Antifa, citando la sua politica di “odio organizzato”.

La pubblicita`, ora rimossa da Facebook, denunciava Antifa, il movimento decentralizzato di agitatori di estrema sinistra noti per atti di terrorismo interno e violenza politica.

Durante le rivolte di George Floyd, il procuratore generale William Barr ha descritto le azioni di Antifa come terrorismo interno, e il presidente Trump ha anche confermato che intende etichettare Antifa come un’organizzazione terroristica domestica.

La pubblicita` di Trump ora cancellata presentava un triangolo rosso e nero invertito per simboleggiare il movimento Antifa, che utilizza la combinazione di colori rosso e nero nei loro badge, bandiere e propaganda come una forma di identificazione ideologica. Il rosso e il nero sono i colori storici del movimento anarco-comunista, e i triangoli rossi sono un simbolo Antifa.

Nella pubblicita` ora cancellata, l’account Facebook ufficiale del Team Trump ha dichiarato:

Pericolosi gruppi di estrema sinistra se ne vanno in giro per le nostre strade e causano caos totale. STANNO DISTRUGGENDO le nostre città e sono in rivolta – è una follia assoluta.

È importante che OGNI americano faccia la sua parte in un momento come questo per inviare un messaggio unito: non sopportiamo piu` le loro azioni radicali. Ti chiediamo di fare una dichiarazione pubblica e di aggiungere il tuo nome per schierarti con il presidente Trump contro ANTIFA.

Aggiungi IMMEDIATAMENTE il tuo nome per stare con il tuo Presidente e la sua decisione di dichiarare ANTIFA un’organizzazione terroristica.

Ma Facebook, e le organizzazioni di estrema sinistra che coprono regolarmente le azioni di Antifa, hanno affermato che il triangolo rosso e nero era un simbolo di “odio” perché è simile a un simbolo usato dalla Germania nazista nei campi di concentramento.

Apparentemente Facebook ha deciso di credere a questo argomento, anche se il post del team di Trump parlava chiaramente di Antifa.

“Abbiamo rimosso questi post e pubblicità perche` hanno violato la nostra politica contro l’odio organizzato”, ha detto un portavoce della compagnia al New York Daily News. “La nostra politica proibisce l’uso del simbolo di un gruppo di odio bandito per identificare i prigionieri politici senza il contesto che condanna o discute il simbolo”.

In un post su Twitter, il team di Trump ha pubblicato un’immagine che mostra il triangolo rosso e nero invertito utilizzato da Antifa, in risposta a un post su Media Matters che accusa la campagna di utilizzo delle immagini naziste.

“Questa è un’emoji. È anche un simbolo ampiamente utilizzato da Antifa. È stato utilizzato in una pubblicità su Antifa “, ha detto il team di Trump. “Non si trova nel database dei simboli dell’odio dell’ADL”.

In un commento al New York Daily News, il team di Trump ha nuovamente sottolineato i collegamenti del simbolo ad Antifa.

“Il triangolo rosso è un simbolo Antifa”, ha dichiarato il portavoce della campagna Trump Ken Farnaso che ha collegato il simbolo ai prodotti a marchio Antifa.

Questa non è la prima volta che Facebook censura deliberatamente gli annunci politici del team di Trump. In vista delle elezioni di medio termine del 2018, Facebook ha censurato una pubblicità di Trump sui pericoli dell’immigrazione di massa.

Fonte