Archivi Blog

Studenti e genitori contro una scuola che ha costretto i ragazzi a scusarsi per gli stupri commessi dal loro genere

“Mio figlio di 12 anni non ha idea di cosa sia uno stupro o una aggressione sessuale e gli è stato chiesto di scusarsi e non capisce perché”

Gli studenti maschi di una scuola australiana si sono espressi con rabbia dopo essere stati costretti dagli insegnanti ad alzarsi in piedi in un’assemblea e “chiedere scusa” collettivamente alle studentesse per “sessismo” e “stupri” commessi dal loro genere.

La bizzarra azione, imposta dal Brauer College di Warrnambool, Victoria, è stata dichiarata il risultato della lotta “woke” agli uomini a livello globale.

Dopo che la scuola è stata criticata dai genitori, ha rilasciato una dichiarazione affermando che l’azione era “ben intenzionata” riconoscendo tuttavia che era “inappropriata”.

Ciò non è stato sufficiente per alcuni studenti e genitori, che continuano a chiedere scuse complete e adeguate delle azioni della scuola.

Apparendo alla trasmissione Today in Australia, lo studente Craig Daniels ha sottolineato che l’assemblea “non ci sarebbe mai dovuta essere”.

“Non ero personalmente nell’assemblea, ma conosco persone che lo erano e questo le ha fatte sentire in colpa per qualcosa che non hanno fatto”, ha detto Daniels.

Daniels ha aggiunto che la scuola avrebbe dovuto promuovere l’educazione sulla questione del consenso sessuale “non solo sbattere [l’etichetta]” di predatore “su un genere”.

La madre di Craig, Nicole Daniels, ha inoltre aggiunto che la scuola “ha completamente incasinato tutto”.

“Li hanno etichettati e classificati nella stessa categoria degli stupratori quando questi ragazzi non hanno fatto nulla di male”, ha detto la signora Daniels.

Rebecca Croft, un’altra madre di uno studente della scuola, ha osservato “Ero assolutamente inorridita dal fatto che i miei figli dovessero alzarsi in piedi e chiedere scusa per qualcosa a nome del loro sesso su cui non hanno alcun controllo”.

“Mio figlio di 12 anni non ha idea di cosa sia uno stupro o una violenza sessuale e gli è stato chiesto di scusarsi e non capisce perché”, ha aggiunto Croft.

Altri genitori hanno anche notato che le ragazze della scuola sono rimaste sconvolte dall’incidente perché le ha rese virtualmente vittime di abusi sessuali.

Questo disgustoso incidente evidenzia come gli atteggiamenti di divisione delle minoranze amplificati dalle eco chambers dei social media stiano avendo un effetto dannoso nel mondo reale sulla nostra società.

Se le persone hanno troppa paura di parlare contro il wokismo e la cultura della cancellazione, questo genere di cose minaccia di diventare la norma, avvelenando permanentemente le menti dei giovani di tutto il mondo.

Fonte

41099358-9416195-image-m-13_1617058260600-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €