Archivi Blog

“Niente a che fare con l’uomo” – L’astrofisico afferma che i cultisti del clima vogliono solo fare soldi

Secondo un rapporto del Copernicus Climate Change Service (C3S), un’agenzia di osservazione della Terra finanziata dall’UE, le ondate di caldo di quest’anno e le successive siccità hanno portato all’estate più calda mai registrata nella storia europea.

“Non solo abbiamo avuto temperature record ad agosto, ma anche il resto dell’estate è stato così”, ha affermato Freja Vamborg, ricercatrice senior presso il Copernicus Climate Change Service.

Naturalmente, questo caldo “record” in estate ha spinto gli attivisti a tirar fuori gli stessi vecchi tropi secondo cui questo “conferma che il cambiamento climatico” sta già avendo un effetto catastrofico sul mondo. Con la crisi energetica che deve affrontare l’Europa, non si tratta di un argomento particolarmente confortevole poiché numerose nazioni abbandonano, anche se apparentemente temporaneamente, le loro politiche ecologiche a favore di non lasciare che i loro cittadini muoiano di fame.

Dato che si dovrebbe trattare di “scienza stabilita”, il conduttore di RT News probabilmente si aspettava una risposta meccanica alle sue domande sul cambiamento climatico.

Ha avuto però una sorpresa inaspettata…

Piers Corbyn – fisico, meteorologo e fratello maggiore dell’ex leader del Partito laburista britannico Jeremy Corbyn – ha spiegato allo scioccato conduttore di RT che il clima “è sempre cambiato, ma questo non ha nulla a che fare con l’uomo”

L’astrofisico ritiene invece che i cambiamenti del clima terrestre siano dettati principalmente dall’attività ciclica sulla superficie del sole (e non, appunto, dagli effetti dell’anidride carbonica nell’atmosfera).

“Per prima cosa, la scienza non produce opinioni fisse”, ha detto Corbyn.

“Sicuramente l’uomo ha qualcosa a che fare con questo”, esclama il conduttore, a cui Corbyn risponde:

“No, l’unico collegamento è che l’uomo è qui nello stesso momento in cui il sole e la luna stanno compiendo i loro cicli.”

Il conduttore frustrato usa ovviamente la carta del consenso scientifico, chiedendosi “come mai allora così tanti scienziati del cambiamento climatico non sono d’accordo con te e ottengono così tanto sostegno per questo?”

La risposta ridente di Corbyn è stata chiara:

“… quelli che dicono questo stanno solo cercando di fare soldi.”

Guarda la breve intervista qui sotto:

Fonte

2022-09-10_07-48-39-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

5,00 €

Il “GreenMageddon” (e cosa significa per te)

Con la COP26 in corso, non è troppo presto per iniziare a suonare i campanelli d’allarme – non sulla catastrofe climatica, ovviamente – ma sull’atto più stupido delle nazioni riunite da Versailles, quando i vendicativi vincitori della prima guerra mondiale gettarono le basi per le catastrofi della depressione, della Seconda Guerra Mondiale, dell’Olocausto, della tirannia sovietica, della Guerra Fredda e della distruttiva egemonia globale di Washington.

I politici e i loro alleati nei media mainstream, nei think tank, nelle lobby e nel Big Business (con i suoi codardi leader sonnambuli) si stanno preparando a distruggere la prosperità del mondo portandoci verso un moderno Medioevo economico. E peggio ancora, viene fatto al servizio di una finta narrativa della crisi climatica che è completamente anti-scientifica e del tutto incoerente con il clima reale e la storia della CO2 del pianeta.

Andando al sodo, durante gli ultimi 600 milioni di anni, la terra è stata raramente mite e “fresca” come oggi, e quasi mai ha avuto concentrazioni di CO2 così basse come il livello di 420 ppm che i climatologi di oggi denigrano.

Infatti, secondo le attente ricostruzioni di veri scienziati della terra che hanno studiato i sedimenti oceanici, le temperature interne dei ghiacciai e simili, ci sono stati solo due periodi che abbracciano circa 75 milioni di anni (il 13% di quel periodo immensamente lungo, parliamo di 600 milioni di anni) in cui le temperature e le concentrazioni di CO2 erano basse quanto quelle presenti. Questi erano il periodo tardo Carbonifero/Inizio Permiano da 315 a 270 milioni di anni fa e il Periodo Quaternario, che ospitò l’uomo moderno 2,6 milioni di anni fa.

Si potrebbe dire, quindi, che la possibilità di un ambiente più caldo e più ricco di CO2 è un caso “gia’ fatto/gia’ visto” a livello planetaria. E sicuramente non è una ragione per smantellare e distruggere arbitrariamente l’intricato sistema energetico a basso costo che è la fonte principale della prosperità senza precedenti di oggi e della diminuzione della poverta’.

C’e’ dell’altro. Ciò che in realtà si trova proprio al centro del nostro passato più caldo è un intervallo di 220 milioni di anni (da 250 milioni di anni a circa 33 milioni di anni fa) in cui l’Antartide era per la maggior parte priva di ghiaccio.

Come mostrato dalla linea blu nel grafico sottostante, durante la maggior parte di quel periodo (evidenziato nei pannelli marroni), le temperature erano fino a 12°C più alte di quelle attuali, e Madre Terra non badò al fatto che le mancassero le calotte polari o habitat adatti per gli orsi polari non ancora evoluti.

Temperatura globale e CO2 atmosferica durante i periodi geologici

Come è successo, durante quella che è stata designata come l’Era Mesozoica, il pianeta era impegnato in un altro grande compito, vale a dire, accumulare i vasti giacimenti di carbone, petrolio e gas che alimentano l’economia moderna e che consentono a miliardi di persone di vivere standard di cui godevano solo i re solo pochi secoli fa.

Non c’è mistero su come sia avvenuto questo dono fortuito all’uomo moderno. In un mondo in gran parte privo di ghiaccio e neve, gli oceani erano a livelli molto più alti e inondavano gran parte della massa continentale, che, a sua volta, era verdeggiante e ripiena di vita animale e vegetale a causa delle temperature più calde e delle abbondanti precipitazioni.

Detto diversamente, Madre Natura stava raccogliendo enormi quantità di energia solare sotto forma di vita animale e vegetale a base di carbonio, che, nel corso degli eoni di crescita e decadimento, ha portato alla formazione di vasti bacini sedimentari. Quando le placche tettoniche si spostarono (cioè, la Pangea si frantumò nelle sue moderne placche continentali) e i climi oscillarono, questi depositi sedimentari furono sepolti sotto oceani poco profondi e, con il passare del tempo, il calore e la pressione, furono convertiti nel depositi di idrocarburi.

Nel caso del carbone, le condizioni più favorevoli per la sua formazione si sono verificate da 360 milioni a 290 milioni di anni fa durante il periodo carbonifero. Tuttavia, quantità minori hanno continuato a formarsi in alcune parti della Terra durante i periodi successivi, in particolare nel Permiano (da 290 a 250 milioni di anni fa) e durante l’era mesozoica (da 250 a 66 milioni di anni fa).

Allo stesso modo, la formazione di depositi di petrolio è iniziata negli oceani caldi e poco profondi, dove la materia organica morta è caduta sui fondali oceanici. Questi zooplancton (animali) e fitoplancton (piante) si mescolavano con materiale inorganico che entrava negli oceani tramite i fiumi. Erano questi sedimenti sui fondali oceanici che poi formavano sabbie bituminose mentre erano sepolti durante eoni di calore e pressione. Vale a dire, l’energia contenuta nel petrolio inizialmente proveniva dalla luce del sole, che era rimasta intrappolata in forma chimica nel plancton morto.

Inoltre, la scienza alla base di questo non è una questione di speculazione accademica da poltrona per il semplice motivo che è stata fortemente convalidata nel mercato commerciale. Cioè, trilioni di dollari sono stati impiegati nel secolo scorso nella ricerca di idrocarburi, sulla base di ricerche, teorie e modelli geologici di ingegneria petrolifera estremamente complicati. I trivellatori di petrolio non stavano lanciando freccette contro il muro , ma stavano casualmente dimostrando che questi “fatti” della storia del clima sono corretti, dato che hanno portato alla scoperta e all’estrazione di diverse trilioni di barili.

Di conseguenza, è solidamente stimato dagli esperti del settore che i giacimenti petroliferi di oggi si siano formati approssimativamente come segue:

Circa il 70% durante l’età mesozoica (pannelli marroni, da 252 a 66 milioni di anni fa) che era caratterizzata da un clima tropicale, con grandi quantità di plancton negli oceani;

Il 20% si è formato nell’era più secca e fredda del Cenozoico (ultimi 65 milioni di anni);

Il 10% si è formato nella prima era più calda del Paleozoico (da 541 a 252 milioni di anni fa).

In effetti, in fin dei conti, l’ingegneria petrolifera è radicata nella scienza del clima perché è stato il clima stesso a produrre quei giacimenti economicamente preziosi.

Ad esempio, il periodo cretaceo da 145 a 66 milioni di anni fa, particolarmente prolifico per la formazione del petrolio, fu un periodo con un clima relativamente caldo, con alti livelli del mare aperto e numerosi mari interni poco profondi. Questi oceani e mari erano popolati da rettili marini, ammoniti e rudisti ormai estinti, mentre i dinosauri continuavano a dominare sulla terraferma. Ed è conoscere questa scienza che permette di trovare giacimenti di idrocarburi multimiliardari nelle vaste profondità della terra.

Inutile dire che il clima si è riscaldato bruscamente durante il Cretaceo, aumentando di circa 8 gradi C, e alla fine ha raggiunto un livello di 10 gradi C più caldo di quello odierno alla vigilia del grande evento di estinzione causato dagli asteroidi di 66 milioni di anni fa. Come mostrato nel grafico qui sotto, a quel punto, non c’erano calotte di ghiaccio su entrambi i poli, e Pangea si stava ancora sfaldando alle giunture, quindi non c’era alcun sistema di trasporto oceanico nel neonato Atlantico.

Tuttavia, durante il Cretaceo, i livelli di CO2 sono effettivamente diminuiti mentre le temperature aumentavano bruscamente. Questo è l’esatto opposto dell’affermazione principale degli allarmisti climatici secondo cui le concentrazioni di CO2 starebbero aumentando provocando il riscaldamento globale.

Inoltre, non si tratta di una riduzione marginale delle concentrazioni di CO2 nell’atmosfera. I livelli in realtà sono scesi bruscamente da circa 2.000 ppm a 900 ppm durante 80 milioni di anni.

Questa e` l’ennesima prova che le dinamiche climatiche planetarie sono molto più complicate di quanto gli attuali esperi dell’IPCC possano ammettere.

Si dà il caso che durante i periodi successivi al Grande Evento di Estinzione di 66 milioni di anni fa, entrambi i vettori sono costantemente diminuiti; I livelli di CO2 hanno continuato a scendere ai 300-400 ppm dei tempi moderni e le temperature sono scese di altri 10 gradi Celsius.

È sicuramente una delle grandi ironie dei nostri tempi che le odierne crociate fanatiche contro i combustibili fossili vengano portate avanti senza nemmeno un cenno alla storia geologica che contraddice l’intera isteria del “riscaldamento” e della concentrazione di CO2 e ha reso attuali i livelli di consumo energetico possibili.

Il caldo e umido (Mesozoico) ci ha portato alla situazione attuale. Il vero riscaldamento globale non è la follia attuale e futura dell’umanità; è il promotore storico delle benedizioni economiche odierne. Eppure, eccoci alla vigilia della COP26, concentrata in modo maniacale sulla riduzione delle emissioni ai livelli necessari per impedire che le temperature globali aumentino di oltre 1,5 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali.

Ma aspetta un secondo, quale sarebbe esattamente il livello preindustriale?

Ci occuperemo dell’evoluzione più recente, incluso il periodo caldo medievale e la piccola era glaciale nella parte 2, ma è sufficiente dire che il grafico sottostante riflette la scienza geologica ampiamente accettata. Tuttavia, abbiamo difficoltà, anche con l’aiuto di una lente di ingrandimento, a vedere un momento negli ultimi 66 milioni di anni in cui le temperature globali non sono state molto più alte di 1,5 gradi Celsius sopra i livelli attuali, anche durante gran parte di cio’ che e’ stato etichettato “l’era glaciale del Pleistocene” degli ultimi 2,6 milioni di anni.

Se il tuo cervello non è confuso dalla narrativa del cambiamento climatico, il termine stesso dovrebbe insospettirti. Questo perché ci sono state circa 20 distinte “era glaciali” e periodi di riscaldamento interglaciale durante il Pleistocene, l’ultimo dei quali è terminato circa 18.000 anni fa.

Naturalmente, il passaggio del Michigan, del New England, del nord Europa, ecc. a climi più caldi e ospitali non è stata lineare, ma piuttosto una sequenza sincopata. Pertanto, si ritiene che il mondo sia diventato costantemente più caldo fino a circa 13.000 anni fa, trend interrotto dallo Younger Dryas, quando il clima è diventato molto più secco e freddo e ha causato la riespansione delle calotte polari e l’abbassamento dei livelli oceanici. di oltre 100 piedi.

Dopo circa 2.000 anni di ritiro, tuttavia, e senza l’aiuto degli umani durante il Dryas Giovane, il sistema climatico si e’ rapidamente scaldato. Circa 8.000 anni fa, durante il successivo periodo di avvicinamento a quello che la scienza chiama l’Olocene Optimum, le temperature globali sono aumentate in media di oltre 3 gradi Celsius e fino a 10 gradi Celsius alle latitudini più elevate.

Ed è successo abbastanza rapidamente. Uno studio sottoposto a revisione paritaria ha mostrato che in alcune parti della Groenlandia le temperature sono aumentate di 10°C (18°F) in un solo decennio. Nel complesso, gli scienziati ritengono che metà del cambiamento nelle temperature dell'”era glaciale” agli Younger Dryas potrebbe essersi verificato in appena 15 anni. I ghiacci si sono sciolti, il livello del mare è salito, le foreste si sono espanse, gli alberi hanno sostituito l’erba e l’erba ha sostituito il deserto, il tutto con sorprendente alacrità.

In contrasto con i modelli climatici odierni, Madre Natura chiaramente non è andata in modalita` berserker causando catastrofi apocalittiche a causa delle temperature in aumento e senza alcuna presa in giro da parte di Greta. In realtà, la Groenlandia si è congelata e si è scongelata diverse altre volte in seguito.

Inutile dire che l’Olocene Optimum di 8.000 anni fa non è la linea di base “preindustriale” che i terroristi vogliono esaminare. In effetti, altri studi mostrano che, anche nell’Artico, non era tempo di picnic per gli orsi polari. Tra 140 siti nell’Artico occidentale, ci sono prove evidenti di condizioni climatiche più calde di adesso in 120 siti. In 16 siti per i quali sono state ottenute stime quantitative, le temperature locali erano in media di 1,6 °C superiori durante l’optimum rispetto a oggi.

Che cosa? Non sono gli stessi +1,6 gradi C sopra i livelli attuali per i quali la gente della COP26 sta minacciando di distruggere la vita in occidente?

In ogni caso, ciò che accadde fu molto più benefico. Vale a dire, l’Olocene Optimum più caldo e umido e le sue conseguenze hanno dato origine alle grandi civiltà fluviali 5.000 anni fa, tra cui il fiume Giallo in Cina, il fiume Indo nel subcontinente indiano, il Tigri-Eufrate e le civiltà del fiume Nilo tra le più degne di nota.

Detto in modo diverso, quel +1,6 gradi C riflette le forze catalizzatrici climatiche che hanno effettivamente reso possibile il mondo di oggi. Dall’abbondanza delle civiltà fluviali, seguì la lunga marcia dell’agricoltura, delle eccedenze e dell’abbondanza economica che consentirono il sorgere di città, l’alfabetizzazione, il commercio, il progresso degli strumenti e della tecnologia e l’industria moderna.

Alla fine, la ricerca di una produttività industriale sempre più elevata ha stimolato la ricerca di energia sempre più economica, anche intellettuale,

I progressi scientifici e tecnologici scaturiti da queste civiltà hanno portato alla nascita di un’economia alimentata da combustibili fossili basata su compagnie energetiche che raccolgono i BTU solari condensati e immagazzinati da Madre Natura durante il lungo passato più caldo e umido del pianeta.

In una parola, ciò che alimenta la prosperità è un “lavoro” efficiente, come spostare una tonnellata di merci per un miglio o convertire un chilo di bauxite in allumino o cucinare cibo per un mese. Purtroppo, durante i 230 milioni di anni principalmente senza ghiaccio del Mesozoico, il pianeta stesso ha compiuto una delle più grandi imprese mai conosciute: vale a dire, la conversione di enormi quantità di energia solare diffusa nei pacchetti BTU ad alta densità incorporandoli nei combustibili a base di carbone, petrolio e gas.

Fonte

greenmog

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Le previsioni della BBC sul cambiamento climatico che distruggerà lo sport entro il 2050 si uniscono alla ricca tradizione di fallimentari avvertimenti sull’imminente eco-catastrofe

Campi da calcio allagati, campi da tennis bruciati, niente più Olimpiadi invernali e la fine dello sport all’aria aperta come lo conosciamo. Se questo spaventoso futuro immaginifico suona come fear porni inutile e inventato, è perché lo è.

“Sport 2050” è l’ultimo tentativo della BBC di aumentare i livelli di paura dei suoi telespettatori, utilizzando notizie sportive fittizie dell’anno 2050 per dimostrare quanto seriamente il cambiamento climatico minacci presumibilmente di avere un impatto sul mondo sportivo. Sottolineando il suo effetto sullo sport, la BBC afferma di sperare di raggiungere “lettori che altrimenti non si sarebbero impegnati con la scienza, o con le notizie sul cambiamento climatico”.

Tra un eccesso di video pieni di sventure rilasciati lunedì c’è un reportage sportivo fittizio che mostra un mondo in subbuglio. La “pioggia torrenziale” ha fatto chiudere i campi da calcio in Inghilterra, il caldo e gli incendi hanno rinviato gli Australian Open e le Olimpiadi invernali di Chamonix sono state cancellate, a causa della mancanza di neve nella stazione sciistica francese.

Inoltre, la BBC prevede partite di calcio della Coppa del Mondo più brevi, con i fan autorizzati a partecipare solo se hanno viaggiato in modo “sostenibile” per arrivarci. Curiosamente, le auto elettriche sono considerate sostenibili, presumibilmente l’impatto ambientale dell’estrazione di cobalto e litio per alimentare questi veicoli non conta.

Ma il messaggio implicito della BBC è chiaro: ignora le contraddizioni, compra la Tesla, mangia gli insetti, spara al tuo cane e smetti di riprodurti, tutto in nome del salvataggio dei tuoi amati giochi sportivi.

Ora, “Sport 2050” non spinge esplicitamente queste soluzioni, ma non è necessario. I media e il sistema usano una duplice strategia per imporre alle masse una politica climatica impopolare: spaventare la plebe con previsioni di “esperti” scientifici, quindi offrire le ripugnanti “soluzioni” sopra citate. Non sceglieresti di mangiare una ciotola di cicale, ma quando l’élite ambientalista minaccia di portarti via il tuo sport, beh, potresti essere più propenso all’idea.

Mettendo tutto da parte, quanto è realistica la rappresentazione del 2050 della BBC? Discutere la scienza molto instabile del cambiamento climatico riempirebbe volumi, ma sulla base delle predizioni passate dei cosiddetti “esperti”, la BBC sta probabilmente vendendo pura finzione.

Ecco quattro volte che gli eco-esperti hanno sbagliato in modo spettacolare:

“IL GHIACCIO ARTICO SPAZZERA’ VIA IL CANADA”
Prima che il “riscaldamento globale” fosse in voga, il raffreddamento globale era di gran moda. Secondo il Chicago Tribune nel 1923, il professor Herbert Gregory della Yale University disse al Pan-Pacific Science Congress che presto il ghiaccio artico si sarebbe insinuato a sud, rendendo il Canada e gran parte del Nord America inabitabili. Gregory non fu nemmeno il primo scienziato a prevedere un’apocalisse di ghiaccio. Il New York Times nel 1912 citò gli avvertimenti scientifici di una nuova era glaciale, e nel lontano 1895 avvertì che “i geologi pensano che il mondo possa essere di fronte ad una nuova era glaciale”.

A quasi 100 anni dall’avvertimento di Gregory, il Canada esiste e il New York Times e persone simili hanno consegnato l’idea di un pianeta che si raffredda ad un luogo recondito della loro memoria.

“IL DOTTOR DESTINO DICE CHE L’INGHILTERRA NON ESISTERA’ PIU’ NEL 2000”
Sebbene i discorsi su una nuova era glaciale siano persistiti per tutto il 20 ° secolo (Time Magazine ha utilmente informato i lettori “come sopravvivere all’imminente era glaciale” nel 1977), un uomo ha svolto un ruolo fondamentale nel spostare la discussione su come moriremo tutti di caldo.

Il suo nome era Paul R. Ehrlich, un biologo e sostenitore della riduzione della popolazione. “Negli anni ’70 il mondo subirà carestie. Centinaia di milioni di persone moriranno di fame nonostante tutti i programmi di emergenza intrapresi ora “, scrisse nel ‘The Population Bomb‘ del 1968. Nella Giornata inaugurale della Terra nel 1970, Ehrlich proclamò che “in 10 anni tutta la vita animale piu’ importante negli oceani si estinguerà.” Presumibilmente ridacchiò di gioia quando scrisse quell’anno che quattro miliardi di persone sarebbero morte nella “Grande Moria” della metà degli anni ’80.

Nel 1971, profetizzò che “entro il 2000 il Regno Unito sarà semplicemente un piccolo gruppo di isole impoverite, abitato da circa 70 milioni di persone affamate … scommetto che l’Inghilterra non esisterà nel anno 2000. “

Le previsioni di Ehrlich fanno sembrare allegre le grida strazianti di Greta Thunberg, e nonostante sia stato ripetutamente smentito, è ancora in giro, chiedendo nel 2008 al governo degli Stati Uniti di imporre un limite in stile cinese alle dimensioni della famiglia.

AL GORE AVVERTE CHE IL GHIACCIO STA DIMINUENDO, AUMENTA INVECE
Il candidato alla presidenza e allarmista climatico di successo Al Gore ha reso nuovamente mainstream l’ambientalismo con l’uscita di “An Inconvenient Truth” nel 2006. Gore ha trascorso i due anni successivi suggerendo che le calotte polari del Polo Nord potrebbero scomparire entro il 2013, uno scenario che ha avvertito in un film porterebbe centinaia di milioni di persone a diventare rifugiati.

Non è mai stato chiaro come Gore sia arrivato al 2013 come data del giorno del giudizio. In una conferenza del 2009 a Copenaghen, lo ha attribuito ad “alcuni dei modelli” studiati da un ricercatore presso la Naval Postgraduate School. Dopo la conferenza, il ricercatore in questione ha contestato le affermazioni di Gore e l’ufficio di Gore ha definito la data uno “ballpark”.

Nel 2014, la calotta glaciale del Polo Nord era cresciuta di 1,75 milioni di chilometri quadrati, un’area delle dimensioni dell’Alaska. L’estensione del ghiaccio marino artico è diminuita da allora, ma è ancora nella media dal 1981 al 2010.

MAD MAX NEL MIDWEST
In “Dead Heat” degli anni ’90, il geoscienziato di Princeton Michael Oppenheimer e l’attivista Robert Boyle predissero che entro il 1995 l’effetto serra avrebbe riscaldato il Nord America e l’Eurasia a tal punto che sarebbero seguiti siccità, fallimento dei raccolti e rivolte alimentari.

“[Entro il 1996] il fiume Platte del Nebraska sarebbe asciutto.”

Dopo che le loro previsioni inevitabilmente non si sono avverate, Oppenheimer è rimasto della sua opinione. “Nel complesso, mi atterrei a queste previsioni … come se almeno in generale si fossero effettivamente avverate”, ha detto a Fox News nel 2010.

Non si avverarono per nulla, secondo la NASA, le precipitazioni in realtà aumentarono leggermente durante la fine del XX secolo.

Come la maggior parte dei predicatori millenaristi, i profeti del destino climatico raramente ammettono di aver sbagliato. Al contrario, rivedono le loro previsioni, stabiliscono una nuova data e ricominciano il ciclo della paura. La previsione del 2019 della rappresentante Alexandria Ocasio-Cortez che “il mondo finirà tra 12 anni” (che in seguito ha difeso come “sarcasmo”), gli avvertimenti di Extinction Rebellion che “miliardi moriranno” e le lacrime di Greta Thunberg che incolpa i leader mondiali di aver innescato un “estinzione di massa” sono tutte costruite su una ricca tradizione di narrativa speculativa sul clima.

Ora, i nostri leader hanno promesso di agire. Joe Biden si è impegnato a mettere gli Stati Uniti sulla buona strada per un 2050 senza combustibili fossili, i leader europei hanno promesso di vietare la vendita di veicoli a benzina e diesel entro il 2030. Le tasse sul carbonio, le restrizioni sulla carne e i lockdown climatici sono tutti seriamente discussi come questioni politiche.

Quando le comodità che dai per scontate verranno alla fine eliminate per legge, faresti meglio a sperare che per qualche miracolo gli eco-allarmisti abbiano azzeccato la predizione sta volta.

Fonte

60a5271f85f540571e53ef99

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €