Archivi Blog

Rudy Giuliani consegna le foto di ragazzine minorenni trovate nel computer di Hunter Biden alla polizia di Delware

La vicenda del laptop di Biden ha preso una svolta molto oscura.

Mentre crack, clientelismo, corruzione sono stati sufficiente per innescare la più grande repressione dei media nella storia, e nessuna smentita di sorta da parte di Biden, Rudy Giuliani, se cio che dice e ` vero, ha sferrato un colpo micidiale ai Biden (non solo per loro ma anche per le forze dell’ordine che avrebbero avuto questa informazione da prima dell’impeachment di Trump ma non hanno fatto nulla al riguardo).

In un’intervista questa sera con Newsmax TV, l’ex sindaco di New York e attuale avvocato del presidente Donald Trump, Rudy Giuliani annuncia di aver consegnato il disco rigido del laptop di Hunter Biden alla polizia di stato del Delaware a causa di foto di ragazze minorenni e messaggi di testo inappropriati.

Guarda l’intervista completa di seguito (la parte importante inizia intorno a 5:20):

Inoltre, John Solomon di JustTheNews riporta che l’ex commissario del dipartimento di polizia di New York Bernard Kerik si è unito a lui quando ha consegnato fotografie e messaggi di testo al dipartimento di polizia della contea di New Castle.

“Ho detto loro altri dettagli su quella che sembra essere una relazione sessuale inappropriata”, ha detto in un’intervista. “Mi hanno detto che sarebbe stato indagato”.

Funzionari delle forze dell’ordine in Delaware hanno detto a Just the News che le preoccupazioni di Giuliani sono state inoltrate al Dipartimento di giustizia dello stato.

“L’FBI ha questo materiale da molto tempo”, ha detto Giuliani.

“Nessuna indicazione che abbiano fatto qualcosa al riguardo, quindi sono andato dalla polizia locale e ho detto: ‘Cosa avete intenzione di fare al riguardo?'”

Forse la dichiarazione più schiacciante di Giuliani, riguardo alle elezioni, è stata quella in cui l’ex sindaco ha sostenuto che:

“Ti dirò che le prove che ho fornito loro affermano che è stato riferito a Joe Biden. Cosa ha fatto al riguardo?”

Prima che questo sia completamente respinto come ulteriore disinformazione russa o menzogne ​​“ Giuliani ”, ricordiamo ai lettori che in precedenza avevamo riferito che i presunti contenuti del laptop di Hunter Biden includevano una curiosa prova: una fotografia di una citazione dell’FBI che porta la firma del top dell’agenzia investigatore di pornografia infantile, l’agente speciale Joshua Wilson.

L’identità dell’agente dell’FBI Wilson è stata confermata sia dal Western Journal che da Business Insider, quest’ultimo ha confrontato la sua firma con una denuncia penale del 2012 e ha concluso che “corrisponde chiaramente alla firma sulla citazione pubblicata dal New York Post”.

Come osserva BI:

Non è chiaro se l’FBI impieghi più di un agente di nome Joshua Wilson. Ma le prove disponibili sembrano mostrare che ** il Joshua Wilson che ha firmato la citazione per il portatile di Hunter Biden, e il Joshua Wilson che indaga sulla pornografia infantile per l’FBI, sono la stessa persona **. Ciò solleva la possibilità, non esplorata dal Post, che l’FBI abbia emesso il mandato di comparizione per motivi estranei al ruolo di Hunter Biden in Ucraina e Burisma.

Allora perché il miglior avvocato della pornografia infantile dell’FBI è coinvolto nel caso del laptop Hunter Biden? Chanel Rion di OANN dice di aver visto il contenuto del disco rigido, che include “Droghe, foto di minorenni, accordi di potere”, che fanno “sembrare normale la dipendenza da selfie di Anthony Weiner”.

Tutto ciò ora ha un senso, date le presunte scoperte di Giuliani, e solleva una domanda sbalorditiva: se c’è / era incriminante la pornografia infantile sul computer di Hunter, cosa ha fatto l’FBI al riguardo?

Fonte

2020-10-20_17-53-08

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €

E` forse questo il motivo per cui le rivelazioni su Biden sono state soppresse cosi` in fretta da Facebook?

Nel momento in cui il New York Post ha riportato informazioni su alcuni dei dettagli squallidi e corrotti contenuti nel disco rigido di Hunter Biden, Twitter e Facebook, hanno fatto di tutto per sopprimere le informazioni e proteggere Joe Biden. Nel caso di Facebook, però, forse uno di quei protettori stava difendendo se stessa.

La persona attualmente responsabile del programma di integrità elettorale di Facebook è Anna Makanju. Quel nome probabilmente non significa molto per te, ma dovrebbe significare qualcosa per Joe Biden.

Prima di finire a lavorare per Facebook, Makanju era un Senior Fellow non residente presso l’Atlantic Council. Il Consiglio Atlantico è un think tank apparentemente apartitico che si occupa di affari internazionali. In realta` si tratta di un’organizzazione decisamente di parte.

Nel 2009, James L. Jones, presidente del Consiglio Atlantico, ha lasciato l’organizzazione per essere il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Obama. Anche Susan Rice, Richard Holbrooke, Eric Shinseki, Anne-Marie Slaughter, Chuck Hagel e Brent Scowcroft erano tutti affiliati al Consiglio Atlantico prima di finire nell’amministrazione Obama.

Il Consiglio Atlantico ha ricevuto enormi quantità di finanziamenti stranieri nel corso degli anni. Eccone uno che dovrebbe interessare tutti: Burisma Holdings ha donato $ 300.000 dollari al Consiglio Atlantico, nel corso di tre anni consecutivi, a partire dal 2016. Le informazioni seguenti potrebbero spiegare perché ha iniziato a pagare quei soldi al Consiglio.

Non solo il Consiglio Atlantico stava inviando persone nell’amministrazione Obama-Biden, ma serviva anche come consigliere esterno. E questo ci riporta ad Anna Makanju, la persona a capo del “programma di integrità elettorale” di Facebook.

Anche Makanju ha lavorato per il Consiglio Atlantico. Quanto segue è la parte rilevante della biografia professionale di Makanju dalla sua pagina del Consiglio Atlantico:

Anna Makanju è una senior fellow non residente della Transatlantic Security Initiative. È un’esperta di politiche pubbliche e legali che lavora per Facebook, dove guida gli sforzi per garantire l’integrità elettorale sulla piattaforma. In precedenza, è stata consigliere politico speciale per l’Europa e l’Eurasia dell’ex vicepresidente degli Stati Uniti Joe Biden, consigliere politico senior dell’ambasciatore Samantha Power presso la missione degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, direttore per la Russia presso il Consiglio di sicurezza nazionale e capo della personale per la politica europea e della NATO presso l’Ufficio del Segretario della Difesa. Ha anche insegnato alla Woodrow Wilson School dell’Università di Princeton e ha lavorato come consulente per un’azienda leader focalizzata sulle tecnologie spaziali.

Makanju gioco` un ruolo nel falso impeachment dell’Ucraina. All’inizio di dicembre 2019, quando i democratici si stavano preparando per l’impeachment, Glenn Kessler la menzionò in un articolo assicurando ai lettori del Washington Post che, contrariamente alle affermazioni dell’amministrazione Trump, non c’era nulla di corrotto nei rapporti di Biden con l’Ucraina. Biden non avrebbe fatto pressioni sull’Ucraina per licenziare il procuratore Viktor Shokin per proteggere Burisma; lo ha fatto perché Shokin non stava facendo il suo lavoro quando si trattava di indagare sulla corruzione.

Kessler scrive che, lo stesso giorno del febbraio 2016 in cui l’allora presidente ucraino Poroshenko annunciò che Shokin aveva offerto le sue dimissioni, Biden parlò sia a Poroshenko che al primo ministro Arseniy Yatsenyuk. La versione della Casa Bianca è che Biden parlo` ad entrambi riguardo al fatto di riformare il governo e di lottare contro la corruzione. Ed è qui che entra in gioco Makanju:

Anche Anna Makanju, all’epoca consigliere politico senior di Biden per l’Ucraina, ha ascoltato le chiamate e ha detto che il rilascio delle trascrizioni rafforzerebbe solo la tesi di Biden di aver agito correttamente. Ha aiutato Biden a prepararsi per le conversazioni e ha detto che hanno operato ad alto livello”.

Un riferimento a una società privata come Burisma sarebbe stata una mossa di “basso livello” per una telefonata tra Biden e il presidente di un altro paese, ha detto Makanju a The Fact Checker. Invece, ha detto, la conversazione si è concentrata sulle riforme richieste dal Fondo monetario internazionale, sui metodi per combattere la corruzione e sull’assistenza militare. Un’indagine su “Burisma non era abbastanza significativa” da menzionare, ha detto.

Permettetemi di ricordarvi, nel caso ve lo foste dimenticati, che Burisma ha iniziato a pagare un sacco di soldi al Consiglio Atlantico nel 2016, proprio quando Makanju stava consigliando Biden riguardo a Shokin.

In altre parole, ci sono davvero buone possibilità che Sundance avesse ragione quando scrisse al Conservative Treehouse:

Esatto gente, il dirigente di Facebook che attualmente blocca tutte le prove negative dell’attività corrotta di Hunter e Joe Biden in Ucraina è la stessa persona che coordinava l’attività corrotta tra i guadagni della famiglia Biden e l’Ucraina.

La rete incestuosa tra i Democratici alla Casa Bianca, il Congresso, il Deep State, i media e la Big Tech non finisce mai. Ecco perché il popolo americano voleva e vuole ancora Trump, il vero outsider, a capo del governo. Sanno che i Democratici hanno trasformato la politica americana in una gigantesca farsa.

Fonte

2020-10-18_10-23-56

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €

Twitter blocca l’account della campagna elettorale di Trump, 3 settimane prima delle elezioni

Twitter ha bloccato l’account di @TeamTrump, un account ufficiale della campagna Trump, citando la stessa politica utilizzata per vietare i collegamenti alla notizia bomba del New York Post sui collegamenti fino ad ora non rivelati tra Joe Biden e il gigante del gas ucraino Burisma.

Mike Hahn, un social media manager per il Team Trump, ha rivelato la censura in un tweet oggi.

“Twitter ha sospeso TeamTrump per aver pubblicato una video dove sostiene che Joe Biden e` un bugiardo che ha derubato il nostro paese per anni, come riferito nell’articolo del @nypost”, ha detto Hahn. Ha aggiunto che la sospensione arriva “a 19 giorni dalle elezioni”.

Secondo lo screenshot che Hahn ha twittato, il tweet viola le regole della piattaforma contro la “pubblicazione di informazioni private”.

TeamTrump è l’account ufficiale della campagna Trump. Ha 2,2 milioni di follower e svolge un ruolo fondamentale nella diffusione dei messaggi della campagna su Twitter. Il fatto che non sia in grado di postare è un grande vantaggio concesso da Twitter alla campagna Biden.

Questa è l’ultima di una serie di azioni sfacciate di Twitter e di altre grandi aziende tecnologiche. Ieri Twitter ha anche bloccato l’account personale dell’addetto stampa della Casa Bianca Kayleigh McEnany.

Twitter sta anche etichettando i collegamenti al sito web della Commissione giudiziaria della Camera come “potenzialmente non sicuri”, perché i repubblicani del Comitato hanno postato materiale tratto dalla storia del New York Post.

La censura senza precedenti è stata catalizzata da una corsa per sopprimere la pubblicazione del materiale del New York Post che indicava che Joe Biden, mentre era vicepresidente, aveva incontrato un dirigente a Burisma, il gigante del gas ucraino per cui lavorava suo figlio Hunter Biden.

L’ex vicepresidente ha detto in precedenza: “Non ho mai parlato con mio figlio dei suoi rapporti d’affari all’estero”.

L’incontro è avvenuto nello stesso anno in cui Biden, secondo le sue stesse parole, ha fatto pressione sul governo ucraino per licenziare un pubblico ministero che stava indagando sulla società.

Fonte

jack-dorsey-and-twitter-employees-640x480-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €


 

Twitter impedisce agli utenti di pubblicare la storia del New York Times sullo scandalo Biden

Twitter ha seguito l’esempio di Facebook censurando un articolo del New York Post sullo scandalo di Joe Biden dopo che agli utenti è stato impedito di twittare link alla storia, portando un editore del NY Post a descrivere la mossa come un atto di “guerra civile digitale”.

Come abbiamo sottolineato in precedenza, Facebook ha annunciato che avrebbe impedito alla storia di diffondersi sul suo sito dopo che il responsabile delle comunicazioni politiche della società e agente a vita del Partito Democratico Andy Stone ha affermato che la società aveva sepolto l’articolo nel suo algoritmo.

La storia, che è stata accolta con smentite dalla campagna Biden, afferma che Hunter Biden aveva presentato suo padre, l’allora vicepresidente Joe Biden, a un alto dirigente in una società energetica ucraina un anno prima che Biden facesse pressioni sul governo ucraino per licenziare. un pubblico ministero che stava indagando sulla società.

Ora anche Twitter si è mosso per censurare la storia impedendo agli utenti di twittare il collegamento.

Quando si tenta di twittare un collegamento al New York Post, gli utenti ricevono un messaggio che li informa che l’URL è “dannosa” e il tweet non viene inviato.

L’editore del NY Post Sohrab Ahmari ha descritto la mossa come un colpo di stato di Big Tech e una “guerra civile digitale”, spiegando: “Io, redattore del New York Post, uno dei più grandi giornali della nazione per diffusione, non posso pubblicare una delle nostre storie che descrivono in dettaglio la corruzione da parte di un candidato alla presidenza di un importante partito, Biden “.

“È meglio che i repubblicani si svegliano riguardo al fatto che Big Tech sta cercando di eliminhttps://twitter.com/DonaldJTrumpJr/status/1316451542623555584?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1316451542623555584%7Ctwgr%5Eshare_3%2Ccontainerclick_0&ref_url=https%3A%2F%2Fsummit.news%2F2020%2F10%2F14%2Fdigital-civil-war-twitter-blocks-users-from-posting-link-to-new-york-post-biden-lobbying-story%2Fare la libertà di parola”, ha osservato Donald Trump Jr.

Arthur Schwartz ha anche sottolineato come Twitter stesse scoraggiando le persone dal leggere la storia etichettandola come “contenuto violento o fuorviante che potrebbe causare danni nel mondo reale”.

La censura coordinata di una notizia così massiccia da parte dei due giganti dei social media è un esempio agghiacciante di ingerenza elettorale meno di 3 settimane prima del voto del 3 novembre.

Fonte

141020twitter1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €

Facebook censura lo scandalo su Biden del New York Post

Facebook sta censurando la notizia bomba del New York Post sullo scandalo di Joe Biden riguardo attivita` di lobbying in Ucraina, riducendo deliberatamente la sua diffusione sulla piattaforma.

Oggi, il giornale ha rivelato come Hunter Biden aveva presentato suo padre, l’allora vicepresidente Joe Biden, a un alto dirigente di una società energetica ucraina un anno prima che Biden facesse pressioni sul governo ucraino per licenziare un procuratore che stava indagando sulla società.

“L’incontro mai rivelato prima è menzionato in un messaggio di apprezzamento che Vadym Pozharskyi, un consigliere del consiglio di Burisma, avrebbe inviato a Hunter Biden il 17 aprile 2015, circa un anno dopo che Hunter si era unito al consiglio del Burisma con uno stipendio di circa $ 50.000 al mese “, riporta il Post.

Tuttavia, nel tentativo di impedire che la storia diventasse virale, Facebook ha annunciato di aver deliberatamente seppellito la storia nel suo algoritmo.

“Anche se intenzionalmente non mettero` il link al New York Post, voglio essere chiaro che questa storia può essere verificata dai partner di controllo dei fatti di terze parti di Facebook”, ha twittato Andy Stone, responsabile delle comunicazioni sulle politiche di Facebook. “Nel frattempo, stiamo riducendo la sua distribuzione sulla nostra piattaforma.”

Il senatore Josh Hawley ha risposto rapidamente sottolineando come la censura sottolinea ancora una volta come Facebook non sia un’entità politica neutrale, ma abbia un controllo così monolitico sulle informazioni che seppellire la storia è essenzialmente un’ingerenza elettorale.

“Quindi @Facebook censurerà attivamente una storia investigativa del @nypost sul candidato democratico alla presidenza. Ma stai tranquillo, Facebook è una piattaforma neutrale senza punti di vista politici! ” ha twittato Hawley.

Hawley ha anche chiesto a Facebook di spiegarsi o di affrontare un’indagine.

“@Facebook Voglio sapere su quali basi stai censurando attivamente un servizio giornalistico sulla corruzione potenzialmente illegale da parte del candidato democratico alla presidenza. Se hai prove, che questa è “disinformazione”, rivelale immediatamente. Aspettatevi una richiesta formale dal mio ufficio “, ha twittato.

Ci si chiede se Facebook avrebbe seppellito la storia se si trattasse del presidente Trump.

Penso che tutti noi conosciamo la risposta a questo.

Fonte

141020biden1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €