Archivi Blog

Antartico: Registrato l’inverno PIU` FREDDO da quando abbiamo iniziato a raccogliere i dati sulle temperature

L’Antartide ha registrato il suo inverno più freddo da quando abbiamo raccogliere i dati nel 1957 con temperature medie di -61,1°C. Il record precedente era di -60,6°C nel 1976.

Secondo uno scioccato Washington Post:

Il freddo era eccezionale, anche per il luogo più freddo del pianeta.

La temperatura media alla stazione del Polo Sud di Amundsen-Scott tra aprile e settembre, era di -78F (-61 gradi Celsius), è stata la più fredda mai registrata dal 1957. Era di 4,5 gradi inferiore rispetto alla media negli ultimi 30 anni.

Il motivo per cui WaPo è scioccato, ovviamente, è perché secondo la narrativa allarmistica le calotte polari dovrebbero diventare più calde, non più fredde.

Questo potrebbe essere il motivo per cui gli autori del rapporto hanno cercato di mascherare la cattiva notizia iniziandola così:

Durante un’estate con un caldo record in gran parte dell’emisfero settentrionale, piena di incendi devastanti, inondazioni e uragani, l’Antartide è stata colpita da un gelo profondo. Questo è in genere il caso durante i mesi invernali del continente più meridionale, ma il 2021 è stato diverso.

In seguito l’articolo prosegue dicendo ai lettori che “Il pianeta e l’Antartide si stanno ancora riscaldando”.

Ma questa affermazione è contraddetta da almeno tre studi scientifici che suggeriscono che l’Antartico si sta raffreddando.

  1. https://www.nature.com/

2. https://www.sciencedirect.com/

3. https://www.nature.com/

Fonte

antarctica-640x480-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Uno storico attacca Greta: “Non la vedo a Pechino o a Delhi”

Lo storico Niall Ferguson ha attaccato l’ipocrisia dei cambiamenti climatici di Greta Thunberg a Davos, chiedendo perché “Non la si vede a Pechino o Delhi”.

L’attivista climatica, Greta Thunberg ha tenuto un altro discorso isterico alla confab globale di qualche giorno fa in cui ha affermato: “La nostra casa è ancora in fiamme. La tua inazione sta alimentando le fiamme di ora in ora. Ti stiamo ancora dicendo di farti prendere dal panico e di agire come se amassi i tuoi figli sopra ogni altra cosa. ”

“Non vogliamo che si faccia qualcosa nel 2050, nel 2030 o persino nel 2021”, ha detto la Thunberg. “Vogliamo che sia fatto ora.”

Ferguson, Senior Fellow presso la Hoover Institution della Stanford University, si è chiesto perché la Thunberg non stia indirizzando il suo messaggio ai più grandi inquinatori del pianeta.

“Il 60% delle emissioni di CO2 dalla nascita di Greta Thunberg è attribuibile alla Cina … ma nessuno ne parla. Parlano come se fossero in qualche modo europei e americani a risolvere questo problema … il che è frustrante perché non arriva al nocciolo della questione “, ha detto Ferguson.

“Se sei seriamente intenzionato a rallentare le emissioni di CO2 e l’innalzamento della temperatura devi intervenire su Cina e India”, ha aggiunto, osservando che mentre Greta si reca a New York e Davos, “non la vedo a Pechino o Delhi. ”

Ferguson ha ragione. Prendi il Regno Unito per esempio.

“Le emissioni di CO2 della Gran Bretagna hanno raggiunto il picco nel 1973 e sono ora al loro livello più basso dai tempi vittoriani”. “Da allora l’inquinamento atmosferico è precipitato, con livelli di anidride solforosa in calo del 95%. La popolazione britannica è in aumento ma il nostro consumo di energia ha raggiunto il picco nel 2001 e da allora è diminuito del 19% “.

Questa mappa globale dell’inquinamento pubblicata dall’OMS illustra perfettamente il punto di Ferguson.

Anche se credi con tutto il cuore nella scienza decisamente traballante dietro il riscaldamento globale creato dall’uomo, l’Occidente sta facendo la sua parte. Tuttavia vengono da noi a dirci di non viaggiare, non mangiare carne e non avere figli nonostante siamo già in grave declino demografico.

Nel frattempo, l’Africa, l’India e la Cina continuano a inquinare ostinatamente e nessuna delle sfuriate di Greta Thunberg o l’attenzione mediatica viene mai diretta nella loro direzione.

Inoltre, Greta continua ad ampliare il suo messaggio con artisti del calibro del principe “4 viaggi in jet privati in 11 giorni”, Harry e Arnold “garage pieno di carri armati e muscle car” Schwarzenegger.

Fonte