Archivi Blog

Il capo della FDA afferma che la “disinformazione” è la principale causa di morte negli Stati Uniti

Non spiega come o perché.

Durante un’apparizione alla CNN, il capo della FDA, il dottor Robert Califf, ha affermato che la principale causa di morte negli Stati Uniti è la “disinformazione” online.

Sì davvero.

Califf ha parlato delle sue osservazioni durante un’intervista con Pamela Brown della CNN, che sono state originariamente fatte in una conferenza sulla salute in Texas il mese scorso, quando ha affermato che la disinformazione online era “ora la nostra principale causa di morte”.

Dopo aver ammesso che “non c’era modo di quantificare il dato”, prima di menzionare malattie cardiache e cancro (i veri assassini), Califf ha comunque sostenuto l’affermazione.

Affermando che c’è stata “un’erosione dell’aspettativa di vita”, Califf ha continuato dicendo che gli americani vivono in media 5 anni in meno rispetto alle persone in altri paesi ad alto reddito.

Califf ha affermato che gli antivirali e le vaccinazioni significavano che “quasi nessuno in questo paese dovrebbe morire di COVID”, prima di continuare spiegando che c’è anche una “riduzione dell’aspettativa di vita da malattie comuni come le malattie cardiache”.

“Ma in qualche modo… i messaggi affidabili e veritieri non vengono trasmessi”, ha detto, aggiungendo: “E il popolo viene inondato da molta disinformazione, che sta portando le persone a fare scelte sbagliate e pericolose per la loro salute”.

Il capo della FDA non ha spiegato come la “disinformazione online” stesse causando più morti per malattie cardiache, ma è andato avanti e ha comunque presentato l’affermazione senza essere contestato dal conduttore.

Come abbiamo esaurientemente evidenziato, la “disinformazione online” è indistinguibile dalle informazioni che il regime non gradisce.

Come abbiamo notato in precedenza, la donna scelta per dirigere il “Ministero della verità” del Dipartimento della sicurezza interna ha detto che la libertà di parola la fa “rabbrividire” mentre promuove anche la menzogna secondo cui la storia del laptop di Hunter Biden era disinformazione russa.

Nina Jankowicz ha anche citato in modo ridicolo Christopher Steele come un esperto di disinformazione. Steele è stato l’autore del famigerato dossier “peegate” di Trump finanziato dalla campagna Clinton che si è rivelato essere un vero prodotto di disinformazione.

Il panico morale inventato sulla “disinformazione” è diventato più pronunciato in seguito all’acquisto di Twitter da parte di Elon Musk, con ospiti della CNN che si sono recentemente lamentati di come potrebbe influire sul loro monopolio sul controllo dei “canali di comunicazione”.

Fonte

090522califf1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €