Archivi Blog

Ex direttore del CDC dice alla CNN che il virus e’ probabilmente fuoriuscito dal laboratorio di Wuhan

Dice che ha più senso della spiegazione del mercato.

L’ex direttore del CDC Robert Redfield ha detto alla CNN che crede che il coronavirus possa essere sfuggito dall’Istituto di virologia di Wuhan già nel settembre 2019.

“Penso ancora che l’eziologia più probabile di questo patogeno e’ il laboratorio di Wuhan. Altre persone non ci credono, va bene. La scienza alla fine lo scoprirà “, ha detto.

“Non è insolito che i patogeni respiratori su cui si lavora nei laboratori infettino il dipendente del laboratorio”.

“Questo non implica alcuna intenzionalità. Si tratta della mia opinione? Ma sono un virologo. Ho passato la mia vita a studiare questo campo. “

Redfield, ha sottolineato che normalmente quando un agente patogeno passa da un animale ad un essere umano “gli ci vuole un po’ di tempo per capire come diventare sempre più efficiente”.

Questo è il motivo per cui pensa che il virus sia stato esposto a colture di laboratorio umano all’interno dell’istituto di virologia prima di essere rilasciato accidentalmente.

Il dottor Anthony Fauci ha risposto ai commenti di Redfield affermando che c’erano “una serie di teorie” sull’origine del virus.

Come abbiamo sottolineato il mese scorso, dopo aver trascorso mesi a cercare di negoziare una indagine, i funzionari dell’OMS hanno in gran parte assolto la Cina dalla colpa per la pandemia COVID-19 dopo aver visitato un laboratorio di virus a Wuhan per sole 3 ore.

Un eminente scienziato tedesco dell’Università di Amburgo ha pubblicato i risultati a febbraio di uno studio di un anno che conclude che la causa più probabile della pandemia di coronavirus e’ stato un rilascio accidentale dall’Istituto di virologia di Wuhan.

Fonte

260321redfield1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il CDC verra` cancellato da Facebook e Google per Covid-eresia?

Venerdì pomeriggio, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (ancora chiamati CDC, anche se hanno aggiunto una “P”) hanno pubblicato un rapporto eretico sull’uso della maschera e sul COVID-19.

Il rapporto, scritto da almeno una dozzina di medici, ricercatori e, stranamente, una manciata di avvocati, ha esaminato come i mandati delle maschere negli Stati Uniti abbiano influenzato i casi COVID e i tassi di mortalità.

Penseresti con tutta la propaganda dei media sull’efficacia delle maschere … e tutte le segnalazione di virtù, con politici e giornalisti che appaiono in TV in diretta indossando maschere … che i dati dimostrerebbero in modo incontrovertibile e schiacciante che le maschere hanno salvato il mondo.

Ma non è quello che dice il rapporto.

Secondo l’analisi del CDC, tra il 1 ° marzo e il 31 dicembre dello scorso anno, i mandati di maschere a livello statale erano in vigore in 2.313 delle 3.142 contee degli Stati Uniti.

E, esaminando i dati di ogni contea, il CDC conclude che i mandati delle maschere erano associati a una diminuzione media dell’1,32% dei tassi di crescita dei casi di COVID-19 e dei decessi durante i primi 100 giorni dopo l’implementazione della politica delle mascherine.

Aspetta cosa? Solo l’1,32%?

Hai letto correttamente, non hanno sbagliato a collocare il decimale: secondo l’agenzia del governo federale responsabile della gestione della pandemia COVID-1984, la differenza tra gli stati che avevano i mandati della maschera e quelli senza nessun mandato è letteralmente solo dell’1,32%.

E tieni presente che è del tutto possibile che la cifra reale sia persino inferiore a quella, date tutte le discutibili statistiche COVID.

Ad esempio, il CDC riferisce che i casi di influenza negli Stati Uniti sono scesi quasi a zero nella stagione influenzale 2020-2021, rispetto ai 56 MILIONI dell’anno precedente.

È sorprendente che si aspettino che qualcuno prenda sul serio questi dati.

Dobbiamo onestamente credere che l’influenza sia stata debellata? O è possibile che, forse solo forse, almeno alcuni casi di influenza siano stati diagnosticati erroneamente come COVID?

In tal caso, l’impatto reale delle maschere sui tassi di crescita di COVID è potenzialmente molto inferiore all’1,32%.

Anche il CDC sembra capirlo, perché alla fine del suo rapporto, conclude insipidamente affermando che i mandati “hanno il potenziale per rallentare la diffusione del COVID-19. . . ”

Veramente? “Potenziale”? Questa è ERESIA! E un’ovvia contraddizione con la guida dell’OMS. Ci si chiede se Google e Facebook si stiano preparando a censurare questo rapporto, dato che si sono auto-nominati Ministero della Verità.

Francamente è piuttosto incredibile che i dati fossero troppo deboli perché il CDC potesse affermare chiaramente i vantaggi dei mandati delle maschere.

Il CDC ha appena pubblicato un’analisi ufficiale dei benefici, quantificati esattamente all’1,32%.

Quali sono i costi delle loro decisioni? Bene, ci sono molti dati anche su questo.

Ad esempio, un recente studio pubblicato all’inizio di questo mese sulla principale rivista scientifica Nature mostra che gli americani che indossano maschere hanno maggiori probabilità di impegnarsi in attività più rischiose, come, sai, uscire di casa.

Lo studio conclude che i mandati delle maschere “portano a comportamenti di compensazione del rischio” e chi la indossa “trascorre in media 11-24 minuti in meno a casa e aumenta le visite ad alcuni luoghi commerciali, in particolare i ristoranti, che sono un luogo ad alto rischio”.

Altre conseguenze sono più gravi.

Ci sono stati diversi studi che raccontano l’allarmante aumento di gravi problemi di salute mentale, tra cui un picco di suicidi giovanili, a seguito di varie politiche di salute pubblica, tra cui mandati di maschere e lockdown.

Ad esempio, un altro studio pubblicato su Nature dall’inizio di gennaio ha riferito che, alla fine del 2020, i tassi di suicidio tra i ragazzini in Giappone sono aumentati del 49%.

E il servizio per l’abuso di sostanze e la salute mentale (SAMHSA) del governo degli Stati Uniti ha riportato un incredibile aumento dell’890% nel volume delle chiamate alla sua hotline nazionale per i suicidi lo scorso aprile.

Poi ci sono le conseguenze economiche da considerare: i mandati di maschere stimolano l’economia dando alle persone più fiducia nell’uscire e spendere? Oppure i mandati delle maschere obbligano più persone a rimanere a casa per evitare il fastidio e quindi ridurre l’attività economica?

Non ci sono ancora analisi conclusive sull’argomento. Ma penseresti che i politici vorrebbero saperlo.

Penseresti che esaminerebbero tutti i dati, tutti i pro e i contro, le conseguenze economiche, le conseguenze sulla salute pubblica, ecc. E prenderebbero una decisione informata e razionale.

Ma sembra che non accada più.

Non ci può essere alcun discorso razionale sull’argomento. Non ti è consentito porre domande o esprimere dissenso intellettuale, altrimenti verrai denunciato come un teorico della cospirazione.

Hai un lavoro: obbedire. Non si tratta nemmeno più di “fidarsi della scienza”, come ci è stato detto di fare più e più volte durante la pandemia. Perché ora la scienza ci dice che i mandati delle maschere “hanno il potenziale” per ridurre i tassi di crescita di Covid solo dell’1,32%.

Non che lo sentirai nei media.

In realtà c’è stata una grossa copertura mediatica durante il fine settimana sul nuovo rapporto del CDC. Il titolo del Washington Post recitava: “Dopo che gli stati revocano le restrizioni, il CDC afferma che i mandati di maschere possono ridurre le morti”.

Il New York Times ha riferito che “Indossare maschere, secondo lo studio [CDC], era collegato a un minor numero di infezioni da coronavirus e morti da Covid-19”.

La NBC ha definito il rapporto “una forte evidenza che i mandati delle mascherine possono rallentare la diffusione del coronavirus. . . “

Ma ben poco della copertura mediatica si è preoccupata di menzionare i dati reali, ovvero la riduzione marginale dell’1,32% dei tassi di crescita.

Proprio come i dati sull’influenza del CDC, è incredibile che i media si aspettino di essere presi sul serio o che si spacciano per una fonte di informazioni oggettiva e imparziale.

Fonte

fake-news-1024x534-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il CDC rimuove dal suo sito la sezione “I vaccini non provocano l’autismo”

Il Centers for Disease Control and Prevention ha rimosso un titolo dal suo sito web il quale affermava che “i vaccini non causano l’autismo” a seguito di una sfida legale che metteva in discussione tale affermazione.

Il cambiamento è stato fatto silenziosamente lo scorso agosto, senza alcun annuncio, a seguito di una lunga battaglia legale con il gruppo Informed Consent Action Network (ICAN) iniziata nel 2017.

Ecco l’originale:

E qui la versione editata:

Dal sito web dell’ICAN:

Invece di abbandonare la lotta dopo che il CDC ha effettivamente ammesso di non avere gli studi richiesti dall’ICAN, l’ICAN ha citato in giudizio il CDC in un tribunale federale. La causa si concentrava sull’affermazione del CDC secondo cui “I vaccini non causano l’autismo” sulla base del fatto che il CDC non aveva elencato specificamente gli studi precisi che sostiene supportano tale affermazione. Questa causa citava anche la deposizione del dottor Stanley Plotkin, il padrino della vaccinologia, che ha ammesso sotto giuramento di essere “d’accordo nel dire al genitore che DTaP / Tdap non causa autismo anche se la scienza non è ancora matura per supportare quell’affermazione. “

Ciò ha portato il CDC, su ordine del tribunale, a presentare 20 studi a sostegno dell’affermazione che i vaccini non causano l’autismo, che l’Istituto di medicina (IOM) non ha ritenuto adeguati.

L’IOM ha concluso che non è stato possibile identificare un singolo studio a sostegno del fatto che il DTaP non causa l’autismo. Invece, l’unico studio rilevante che l’IOM ha potuto identificare ha trovato un’associazione tra DTaP e autismo.

In altre parole, l’unico studio elencato dal CDC che ha effettivamente esaminato uno qualsiasi dei vaccini somministrati ai bambini durante i primi sei mesi di vita ha concluso che non ci sono studi a sostegno del fatto che il DTaP non causa l’autismo. Tuttavia, il CDC ha scelto quello studio come uno dei pochi che supporta la sua affermazione che “i vaccini non causano l’autismo”!

E così, per evitare altre cause legali con l’ICAN, il CDC ha infine rimosso l’affermazione che i vaccini non causano l’autismo.

Secondo i dati del CDC, 1 bambino su 36 nati quest’anno svilupperà l’autismo.

Fonte

ap_505385954577-e1594840347286

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Coronavirus e “La Scienza”

Quando i politici di tutto il mondo ti dicono che ascoltano “la scienza” imponendo le loro misure anti COVID, mentono. Ciò che ascoltano è un relativo parere scientifico formulato dai loro virologi ed epidemiologi locali, che viene inevitabilmente messo in discussione da altri scienziati.

Se così non fosse, il mondo intero adoterebbe le stesse misure e non ci sarebbe alcuna discussione nella comunità scientifica. Tuttavia, quando le misure vengono imposte in vari paesi, vengono imposte come una sorta di legge. I lockdown sono popolari tra i politici falliti, perché lo vedono come una misura di sicurezza (non c’è niente di più estremo). Tutto questo perché non sono mai andati oltre al setting mentale “COVID è l’unico problema che abbiamo”.

Tuttavia, anche in questo caso, sarebbe saggio riconoscere queste misure come estremamente arbitrarie. Ecco perché differiscono da un luogo all’altro; si inventano la narrativa man mano che procedono, guidati dalla loro limitata comprensione del problema. Ciò che il giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti Neil Gorsuch ha espresso sul decreto del governatore di New York Andrew Cuomo riguardo la chiusura delle chiese, quando la corte ha annullato il decreto, è un ottimo esempio del motivo per cui sono arbitrarie:

Le cose tendono ad essere meglio definite quando le autorità giudiziarie le pronunciano. Ecco a cosa servono i tribunali. Ecco perché dovremmo prestare attenzione quando un tribunale portoghese afferma che i test PCR sono inaffidabili al 97%. Non prestiamo attenzione, perché i nostri media ignorano quella sentenza. E continuiamo a utilizzare il test PCR su vasta scala, anche se il suo stesso inventore afferma che non dovrebbe essere utilizzato per questo scopo. E` scritto anche sulla scatola.

E per tutti quei paesi che chiudono i loro negozi e scuole, questa notizia dal Canada vi aprira` sicuramente gli occhi:

Se solo l’1,5% dei decessi da COVID avviene al di fuori delle case di cura a lungo termine, ” La scienza” non ci dice di chiudere le scuole e i negozi e di far indossare a tutti una maschera 24 ore al giorno, la scienza dice di pompare enormi quantità di risorse nelle case di cura per fermare la miseria lì. La chiusura dei negozi non aiuta. Ci saranno, inoltre, altri effetti molto negativi, mentre non ti prendi cura delle case di cura.

Questo è di Peter Andrews, genetista e giornalista scientifico: Landmark Legal Ruling Finds That Covid PCR Tests Are Not Fit For Purpose

Quattro vacanzieri tedeschi che sono stati illegalmente messi in quarantena in Portogallo dopo che uno è stato giudicato positivo per Covid-19 hanno vinto la loro causa, in un verdetto che condanna il test PCR ampiamente utilizzato come inaffidabile fino al 97%. All’inizio di questo mese, i giudici portoghesi hanno confermato una decisione di un tribunale di grado inferiore che ha ritenuto illegale la quarantena forzata di quattro vacanzieri. Il caso era incentrato sull’affidabilità (o meno) dei test PCR Covid-19. Il verdetto, pronunciato l’11 novembre, fa seguito ad un ricorso contro un atto di habeas corpus presentato da quattro tedeschi contro l’Autorità sanitaria regionale delle Azzorre. Questo organo aveva presentato ricorso contro una sentenza di un tribunale di grado inferiore che si era pronunciata a favore dei turisti, che sostenevano di essere stati illegalmente confinati in un albergo senza il loro consenso.

Ai turisti è stato ordinato di rimanere in hotel durante dopo che uno di loro è risultato positivo al coronavirus in un test PCR – gli altri tre sono stati etichettati come contatti stretti e quindi messi in quarantena. La deliberazione della Corte d’appello di Lisbona è completa e affascinante. Ha stabilito che l’autorità sanitaria regionale delle Azzorre aveva violato il diritto portoghese e internazionale confinando i tedeschi in hotel. I giudici hanno anche affermato che solo un medico può “diagnosticare” qualcuno con una malattia e sono stati critici sul fatto che a quanto pare non sono mai stati visitati da uno. Hanno anche criticato l’affidabilità del test PCR (reazione a catena della polimerasi), il controllo più comunemente usato per Covid.

La conclusione della loro sentenza di 34 pagine includeva quanto segue: “Alla luce delle attuali prove scientifiche, questo test si dimostra incapace di determinare oltre ogni ragionevole dubbio che tale positività corrisponda, di fatto, all’infezione di una persona da parte del Virus CoV-2. ” Agli occhi di questo tribunale, quindi, un test positivo non corrisponde a un caso Covid. Le due ragioni più importanti per questo, hanno detto i giudici, sono che “l’affidabilità del test dipende dal numero di cicli utilizzati” e che “l’affidabilità del test dipende dalla carica virale presente”. In altre parole, ci sono semplicemente troppe incognite che circondano i test PCR.

Questa non è la prima sfida alla credibilità dei test PCR. Molte persone saranno consapevoli che i loro risultati hanno molto a che fare con il numero di amplificazioni eseguite, o la “soglia del ciclo”. Questo numero nella maggior parte dei laboratori americani ed europei è di 35-40 cicli, ma gli esperti hanno affermato che anche 35 cicli sono troppi e che un protocollo più ragionevole richiederebbe 25-30 cicli. (Ogni ciclo aumenta esponenzialmente la quantità di DNA virale nel campione). [..] I giudici portoghesi hanno citato uno studio condotto da “alcuni dei principali specialisti europei e mondiali”, che è stato pubblicato da Oxford Academic alla fine di settembre. Ha dimostrato che se qualcuno è risultato positivo al Covid a una soglia del ciclo di 35 o superiore, le probabilità che quella persona venga effettivamente infettata sono inferiori al tre percento e che “la probabilità di … ricevere un falso positivo è del 97% o superiore”.

Poi ci sono i vaccini di cui tutti sono così entusiasti. Gilbert Berdine, MD, scrivendo per il Mises Institute, ha alcune domande sui vaccini Pfizer e Moderna mRNA (qualcosa a che fare con il motivo per cui Twitter ha sospeso l’account dell’istituto)?

Che cos’è esattamente un “caso” di COVID? Non può essere un test PCR positivo, non se sono affidabili solo al 3%. “La scienza” quindi si sta sbagliando come quasi tutti i governi del pianeta.

E sì, Pfizer e Moderna hanno gli occhi illuminati dalla quantita` di conio che finira` nelle loro tasche. Ci sono molte domande sul vaccino AstraZeneca / Oxford e non posso fare a meno di pensare che siano collegate al fatto che non ha scopo di lucro. Allo stesso modo, è curioso anche il completo silenzio sul vaccino Sputnik V russo. Vogliamo veramente risolvere il problema SOLO se i nostri scienziati e Big Pharma per cui lavorano ritengono giusto/riescono a farlo?

Ciò che la campagna pubblicitaria del vaccino COVID non vi dice

Entrambi gli studi hanno un gruppo di trattamento che ha ricevuto il vaccino e un gruppo di controllo che non l’ha ricevuto. Tutti i soggetti dello studio erano covid negativi prima dell’inizio dello studio. L’analisi per entrambi gli studi è stata eseguita quando è stato raggiunto un numero target di “casi”. I “casi” sono stati definiti mediante test di reazione a catena della polimerasi (PCR) positiva. Non c’erano informazioni sul numero di cicli per i test PCR. Non c’erano informazioni sul fatto che i “casi” presentassero sintomi o meno. Non c’erano informazioni sui ricoveri o morti. Lo studio Pfizer comprendeva 43.538 partecipanti ed è stato analizzato dopo 164 casi. Quindi, circa 150 dei 21.750 partecipanti (meno dello 0,7%) erano positivi al PCR nel gruppo di controllo e circa un decimo di quel numero nel gruppo vaccino è diventato positivo al PCR.

Il processo Moderna ha avuto 30.000 partecipanti. Ci sono stati 95 “casi” nei 15.000 partecipanti di controllo (circa lo 0,6%) e 5 “casi” nei 15.000 partecipanti al vaccino (circa un ventesimo dello 0,6%). Le cifre di “efficacia” citate in questi annunci sono rapporti di probabilita`. Non ci sono prove, ancora, che il vaccino abbia impedito ricoveri o decessi. L’annuncio di Moderna ha affermato che undici casi nel gruppo di controllo erano malattie “gravi”, ma cosa si intenda per “grave” non è stato definito. Se ci sono stati ricoveri o decessi in entrambi i gruppi, il pubblico non è stato informato.

Quando i rischi di un evento sono piccoli, i rapporti di probabilita` possono essere fuorvianti sul rischio assoluto. Una misura più significativa dell’efficacia sarebbe il numero da vaccinare per prevenire un ricovero o un decesso. Quei numeri non sono disponibili. Una stima del numero da trattare dal processo Moderna per prevenire un singolo “caso” sarebbe di quindicimila vaccinazioni per prevenire novanta “casi” o 167 vaccinazioni per “caso” prevenuto, il che non sembra neanche lontanamente “efficace al 94,5%”.

I pubblicisti che lavorano per le aziende farmaceutiche sono persone molto intelligenti. Se ci fosse una riduzione della mortalità da questi vaccini, tale informazione sarebbe nel primo paragrafo dell’annuncio.

Non ci sono informazioni su quanto a lungo persisterà qualsiasi beneficio protettivo del vaccino. La risposta anticorpale dopo il covid-19 sembra essere di breve durata. In base a ciò che sappiamo, il vaccino covid potrebbe richiedere due iniezioni ogni tre o sei mesi per essere protettivo. Più iniezioni sono necessarie, maggiore è il rischio di effetti collaterali da sensibilizzazione al vaccino. Non ci sono informazioni sulla sicurezza. Nessuna. Le agenzie governative come i Centers for Disease Control (CDC) sembrano avere due standard completamente diversi per l’attribuzione dei decessi a covid-19 e l’attribuzione di effetti collaterali ai vaccini covid.

Se questi vaccini saranno approvati, come probabilmente lo saranno, il primo gruppo a essere vaccinato saranno i beta tester. Lavoro presso un centro medico universitario che è un centro di riferimento per la regione del Texas occidentale. I miei colleghi includono medici residenti e medici di facoltà che lavorano quotidianamente con pazienti covid. Ho chiesto a diversi miei colleghi se saranno i primi in linea per il nuovo vaccino. Non ho ancora sentito nessuno dei miei colleghi rispondere affermativamente.

Le ragioni dell’esitazione sono che le incertezze sulla sicurezza superano ciò che percepiscono come un piccolo vantaggio. In altre parole, i miei colleghi preferirebbero correre il rischio di contrarre il covid piuttosto che fare da beta tester per il vaccino. Molti dei miei colleghi vogliono vedere i dati di sicurezza dopo un anno di utilizzo prima di essere vaccinati; questi colleghi sono preoccupati per i possibili effetti collaterali autoimmuni che potrebbero non comparire per mesi dopo la vaccinazione.

Successivamente, diamo un’occhiata, attraverso l’American Institute for Economic Research, a un rapporto che la Johns Hopkins University ha in qualche modo misteriosamente estratto dal suo sito web:  New Study Highlights Alleged Accounting Error Regarding Covid Deaths

È già noto che il Covid-19 è una malattia più pericolosa per le persone di età superiore ai 65 anni e che presentano condizioni preesistenti. Negli Stati Uniti, è stato osservato un tasso di mortalità del 2,1%, con gli individui anziani che rappresentano oltre la metà di quel numero. Le persone giovani e sane non sono minacciate dal Covid-19. Secondo il CDC, “Le stime delle morti in eccesso possono fornire informazioni sul peso della mortalità potenzialmente correlata alla pandemia COVID-19, comprese le morti che sono direttamente o indirettamente attribuite a COVID-19. Le morti in eccesso sono generalmente definite come la differenza tra il numero di decessi osservato in periodi di tempo specifici e il numero di decessi previsto negli stessi periodi di tempo “.

In sostanza, si registra un numero medio di decessi ogni anno dovuti a una varietà di cause che per la maggior parte sono rimaste costanti negli anni. Ciò include morbilità come le malattie cardiache, che è stata a lungo la principale causa di morte, e il cancro, che ha a lungo afflitto la nostra esistenza. Affinché il Covid-19 sia una grave causa di allarme, sarebbe necessario aumentare in modo significativo il numero di morti medie. Tuttavia, secondo lo studio, “Queste analisi dei dati suggeriscono che, contrariamente alle ipotesi della maggior parte delle persone, il numero di morti per COVID-19 non è allarmante. In effetti, non ha relativamente alcun effetto sui decessi negli Stati Uniti “. Le morti totali negli Stati Uniti non mostrano cambiamenti significativi e rispecchiano persino le tendenze passate delle malattie stagionali.

[..] Ciò che è ancora più interessante, se non più allarmante, è che il picco nelle morti registrate per Covid-19 nel 2020 ha coinciso con una diminuzione proporzionale dei decessi per altre malattie. Yanni Gu scrive: “Questo suggerisce, secondo Briand, che il bilancio delle vittime del COVID-19 è fuorviante. Briand ritiene che le morti dovute a malattie cardiache, malattie respiratorie, influenza e polmonite potrebbero invece essere riclassificate come dovute a COVID-19 “. Le morti sono rimaste relativamente costanti, ma le morti segnalate dovute a condizioni mortali come le malattie cardiache sono diminuite mentre le morti segnalate per Covid sono aumentate. Ciò suggerisce che l’attuale numero di morti Covid è stato in qualche modo ampliato includendo anche altre malattie. Secondo il grafico, le morti segnalate da Covid hanno persino superato le malattie cardiache come causa principale di morte a un certo punto, il che dovrebbe sollevare sospetti.

E quando vedi il rapporto della rivista Clinical Infectious Diseases in cui si afferma che circa 53 milioni di americani potrebbero essere già stati infettati, devi chiederti quale sia l’uso di tutte le misure COVID in questo momento. Se questo è vero negli Stati Uniti, è probabile che sia vero praticamente in qualsiasi altro luogo.

Sembra che ce l’abbiano tutti e solo le persone nelle case di cura muoiono di questa malattia, e per di più molte di quelle persone non sono effettivamente morte per COVID ma per qualche altra afflizione. E per questo stiamo chiudendo le nostre intere società, costringendo enormi quantità di imprese al fallimento, costringendo milioni su milioni alla disoccupazione. Il tutto facendo affidamento su un metodo di prova che è inaffidabile al 97%.

Total COVID19 Cases In US May Be Eight Times Higher Than Reported

Il numero effettivo di infezioni da Covid-19 negli Stati Uniti potrebbe essere circa otto volte superiore al totale dei casi segnalati, ha stimato un modello creato dagli scienziati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Il modello pubblicato sulla rivista Clinical Infectious Diseases suggerisce che quasi 53 milioni di persone negli Stati Uniti erano state infettate da Covid-19 entro la fine di settembre. La stima è circa otto volte superiore ai 7,1 milioni di casi confermati che erano stati segnalati allora. Il modello cerca di spiegare il fatto che la maggior parte dei casi di Covid-19 sono lievi e quindi non vengono segnalati. Gli scienziati, tuttavia, hanno avvertito che entro la fine di settembre, l’84% della popolazione statunitense non era stata infettata ed era ancora a rischio di contrarre la malattia.

Se la tendenza dei casi non segnalati è ancora valida a partire da giovedì, gli Stati Uniti – che hanno 12,5 milioni di casi confermati – potrebbero avvicinarsi a 100 milioni di infezioni totali in tutto il paese. A ottobre, l’Organizzazione mondiale della sanità aveva affermato che quasi il 10% della popolazione mondiale o quasi 760 milioni di persone potrebbero essere già state infettate dal Covid-19, nonostante a quel tempo fossero stati registrati solo 35 milioni di casi confermati.

“Quando conti qualcosa, non puoi contarlo perfettamente”, aveva detto Mike Ryan, il direttore esecutivo del programma di emergenza sanitaria dell’OMS, aggiungendo: “Ma posso assicurarti che i numeri attuali sono probabilmente una sottostima del vero pedaggio di Covid. ” Gli scienziati hanno anche suggerito che anche i decessi dovuti alla pandemia sono stati gravemente sottostimati, con il CDC che ha affermato che gli Stati Uniti avevano registrato quasi 300.000 morti in eccesso durante la pandemia a partire dal 3 ottobre. Questo numero era di quasi 100.000 morti in più rispetto a quanto era stato ufficialmente registrato dagli stati.

Ciò di cui abbiamo bisogno è la scienza reale. Non “La scienza” o “una scienza”, ma scienza indiscussa. L’E = MC2 di Einstein è scienza, questo è il livello di cui abbiamo bisogno.

E se parli dello 0,01% delle persone, devi chiederti se valga la pena chiudere l’intera società in una sorta di grande ripristino. Allo stesso modo, costringere tutti a indossare maschere facciali all’esterno è qualcosa che deve essere valutato in base ai fattori di rischio. Qual è il rischio di infettare qualcuno semplicemente sorpassandolo per strada? Non è mai zero, ma nessun rischio è mai zero. E se è 0,001%, questo giustifica il trasformare le tue strade in una società zombificata che mette tutti in difficoltà?

“La scienza” ha bisogno di evolversi e non sembra averlo fatto. Torniamo sempre al punto di partenza. Ormai, la scienza, per rimanere credibile, avrebbe dovuto svilupparsi, andare avanti. Non lo ha fatto. La speranza per i vaccini ha assunto livelli disperati e la dipendenza da Big Pharma non aiuta. Né lo fa il rifiuto totale dei vaccini russi, cinesi, cubani. Tutte nazioni con eccellenti risorse mediche, ma ignorate per ragioni politiche. Non è il momento di fare politica. È tempo che la scienza si faccia avanti.

Fonte

download-50_0

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €