Archivi Blog

Pubblicita’ della CIA per il reclutamento ridicolizzata perche’ troppo woke

La bizzarra pubblicita’ ha provocato una reazione di sconcerto tra il pubblico

Una pubblicita’ per il reclutamento della CIA con una “donna cisgender di colore” che inveisce contro il “patriarcato” e annuncia che le è stato diagnosticato un “disturbo d’ansia generalizzato” è stato ridicolizzato per il suo assecondare l’agenda woke

Il promo è diventato virale su Twitter, raccogliendo quasi un milione di visualizzazioni, spingendo l’hashtag “The CIA” ad andare in tendenza.

Nel video, una donna ispanica rigurgita con disinvoltura i principali mantra della giustizia sociale, spiegando come sia una “figlia di immigrati” mentre si vanta di essere “perfetta”.

“Sono una millennial cisgender a cui è stato diagnosticato un disturbo d’ansia generalizzato”, afferma.

“Sono intersezionale, ma la mia esistenza non è basata sul dover a tutti i costi appartenere ad una categoria”, aggiunge, dopo aver ipocritamente elencato ogni casella dell’ideologia woke e aver mostrato il suo “premio Donald R. Cryer per la diversità e l’inclusione”.

Quindi inizia a divagare sul modo in cui parla e sul fatto che si e’ “guadagnata il posto”.

“Ero abituata a lottare con la sindrome dell’impostore, ma a 36 anni, mi rifiuto di interiorizzare idee patriarcali fuorvianti su ciò che una donna può o dovrebbe essere”, afferma, ancora una volta decisamente non cercando di spuntare le caselle dell’ideologia woke.

Poi continua ad accarezzare il proprio ego prima di dichiararsi “una orgogliosa latina di prima generazione e ufficiale della CIA”.

I commentatori su twitter della clip hanno espresso un misto di disgusto e sconcerto per lo stato in cui versa la CIA.

Fonte

030521cia1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €