Archivi Blog

La Under Armour costringe i dipendenti bianchi a partecipare a programmi rieducativi “anti razzisti”

La Under Armour sembra essere la nuova grande società scoperta a costringere i dipendenti a sottoporsi a sessioni di formazione contro i bianchi, afferma un rapporto.

Secondo Outkick, un informatore ha riferito che il gigante dell’abbigliamento sportivo ha imposto ai dipendenti di seguire un cosiddetto corso “anti-razzismo” intitolato “Above the Surface: Dominant White Progressive Narratives” che esorta i dipendenti bianchi a esaminare come potrebbero essere razzisti .

Under Armour “ha costretto i suoi dipendenti bianchi a partecipare a un programma di formazione che chiedeva loro di considerare i modi in cui potevano essere razzisti”.

Secondo quanto riferito, il moderatore del corso ha persino chiesto ai dipendenti bianchi quanti funerali ” bianchi” avevano partecipato durante la loro vita, insistendo sul fatto che non andare a un funerale di una persona di colore potrebbe dimostrare che il dipendente è razzista. Dopo aver posto quella domanda, la moderatrice si e` subito interrotta , dicendo che non voleva dare ai bianchi il tempo di pensare alla loro risposta. Ha poi detto ai dipendenti bianchi che la domanda “dovrebbe essere qualcosa a cui se sei bianco dovresti pensare per il resto della tua vita”.

In un’altra parte dell’addestramento, ai bianchi viene detto che dire “mi è stato insegnato a trattare tutti allo stesso modo” è razzista.

Secondo il whistleblower, questa particolare sessione di formazione si è svolta nella primavera del 2020.

Il corso attaccava anche i genitori dei dipendenti bianchi se i loro genitori si trasferivano in un luogo particolare per portare i loro figli a “scuole buone”.

“Ai tuoi genitori importava che tipo di scuola andavi? Se è così, perché? ” il programma ha chiesto ai dipendenti di Under Armour, aggiungendo: “Quante volte hai avuto un insegnante o un professore della tua razza?”

Under Armour si unisce al gigante delle bevande analcoliche Coca-Cola nel promuovere la formazione “anti-razzismo” sui dipendenti che essenzialmente dice loro che tutti i bianchi sono razzisti.

Fonte

justin-sullivan_getty-images-640x480-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

La Coca Cola dice ai suoi dipendenti di essere “meno bianchi” in un corso di formazione

La Coca-Cola sta affrontando un grave contraccolpo per essersi unita a una serie di società americane che indottrinano i propri dipendenti bianchi con una teoria razziale critica, comprese la richiesta di “essere meno bianchi”.

La psicologa organizzativa Karlyn Borysenko, un’attivista contro il cosiddetto indottrinamento della teoria della razza critica, ha detto venerdì di aver ottenuto copie del materiale di formazione da un informatore della Coca-Cola che ha ricevuto un’e-mail dalla direzione che annunciava il corso. Il corso si tiene online, attraverso la piattaforma LinkedIn Learning, ed è intitolato “Confronting Racism, with Robin DiAngelo”, uno dei massimi sostenitori della teoria critica della razza che offre seminari aziendali ad alto costo su “bianchezza, fragilità bianca” e “giustizia razziale”. ” Si far pagare fino a $ 40.000 per una conversazione di mezza giornata.

Un portavoce della Coca-Cola ha risposto alle immagini più tardi venerdì, confermando che provenivano da un seminario approvato dall’azienda al giornalista di Blaze Chris Pandolfo, anche se ha detto che non era il “focus” principale del suo programma educativo.

“Il video che circola sui social media proviene da una serie di LinkedIn Learning disponibile pubblicamente e non è al centro del curriculum della nostra azienda”, ha detto il portavoce, ma ha aggiunto che il corso è “parte di un piano di apprendimento per aiutare a costruire un ambiente di lavoro inclusivo”.

L’intestazione del corso indica che coprirà “capire cosa significa essere bianchi” e “sfidare cosa significa essere razzisti”. Agli studenti viene detto che “essere meno bianchi significa: essere meno oppressivi; essere meno arroganti; essere meno sicuri; essere meno difensivi; essere meno ignoranti; essere più umile; ascoltare; credere; non essere apatici; ” e “smetterla con la solidarietà bianca”.

“Il tuo lavoro alla Coca-Cola non dovrebbe dipendere dal fatto che tu accetti o meno l’idea di essere meno bianco”, ha detto Borysenko. “Dovrebbe dipendere dal fatto che tu possa fare o meno il tuo lavoro.”

Il corso di formazione contro il razzismo include anche una diapositiva che informa che “i seminari una tantum sul razzismo non sono sufficienti”. Ai dipendenti viene chiesto di adottare misure come la creazione di “gruppi di affinità mensili, discussioni razziali, sviluppo professionale continuo”.

Borysenko ha detto che il consiglio è di mantenere il flusso di denaro verso i cosiddetti “formatori della diversità” come DiAngelo.

L’autrice conservatrice e fondatrice di Blexit Candace Owens ha sottolineato che se il corso si sforzasse di insegnare ai dipendenti come “essere meno neri, il mondo imploderebbe e seguirebbero azioni legali a piu` non posso. Spero sinceramente che questi dipendenti facciano causa alla Coca-Cola per palese razzismo e discriminazione “.

I netizen hanno criticato la società per le immagini trapelate, alcuni addirittura hanno chiesto al Dipartimento di Giustizia di indagare su come la Coca-Cola avrebbe “discriminato” i suoi dipendenti, mentre un imprenditore autoaffermato ha detto che avrebbe rimosso un distributore automatico della società dal suo stabilimento . La polemica ha spinto anche Donald Trump Jr., figlio dell’ex presidente, a intervenire.

Alcuni utenti hanno plaudito Coca-Cola per i suoi sforzi, suggerendo che “solo i bigotti si stanno incazzando” per il corso di formazione. Mentre un commentatore ha suggerito che il seminario avrebbe dovuto concentrarsi sulla “bianchezza” stessa piuttosto che su come i dipendenti devono essere “meno bianchi”, ha comunque aggiunto “brava con Coca-Cola stai lavorando bene”.

Uno dei principali venditori ambulanti della dottrina razziale critica, DiAngelo è forse meglio conosciuta per il suo libro “White Fragility”, che accusa i bianchi di essere arrabbiati, sulla difensiva o ostili quando “confrontati con l’idea di essere complici del razzismo sistemico”. L’ex presidente Donald Trump lo scorso settembre ha vietato alle agenzie federali di sottoporre i propri dipendenti a una formazione basata sulla teoria critica della razza dopo aver scoperto che si trattava di “propaganda contro gli americani”. Il presidente Joe Biden ha revocato tale divieto il mese scorso, nel suo primo giorno in carica.

La Coca-Cola aveva già prodotto una “Allyship Guidebook” per i dipendenti durante l’ondata di disordini razziali della scorsa estate negli Stati Uniti. Borysenko ritiene che l’ultimo sforzo razziale della società non sarà di aiuto ai dipendenti di qualsiasi colore della pelle. “Non stai creando un ambiente di lavoro più sano”, ha detto. “Non stai facendo altro che creare più divisione e insegnare a … gran parte del tuo staff a odiarsi.”

Fonte

603076ca20302777562784d1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Questo video musicale francese rivela il lato oscuro dell’industria musicale

Il video “Le Prix à Payer” dell’artista francese Maître Gims lo ritrae mentre firma un contratto di sangue con la società segreta occulta che governa l’industria musicale. Descrive in modo vivido quasi tutto ciò che è stato discusso su questo sito per anni.

Sebbene Maître Gims sia poco conosciuto negli Stati Uniti, e` famoso in Europa. I suoi ultimi due album hanno raggiunto il numero uno in Francia e in Belgio e sono entrati nella top 40 di vari paesi europei come Danimarca, Italia e Svizzera. Nel 2018, il suo singolo La Même e` stato il più suonato alla radio e alla televisione francese, diventando il settimo artista più suonato al mondo su Deezer. Questa notorietà ha permesso a Gims di lavorare con diversi artisti internazionali come Sia, Pitbull, Lil Wayne, J Balvin, Maluma, Sting, Stromae e altri. Gims ora possiede la sua etichetta discografica (chiamata MMC), che è affiliata alla Universal Music France.

Quindi tutto questo successo ha avuto un costo? Secondo il suo video Le Prix à Payer (che sta per Il prezzo da pagare): Sì, alla grande. In effetti, il video mostra, in modo fortemente simbolico, il prezzo da pagare per avere successo nel settore della musica. Si tratta di stare zitti e obbedire alle forze oscure che controlla no l’industria.

Ecco uno sguardo al video.

IL PREZZO DA PAGARE

Il video inizia con Gims seduto in una sala d’attesa con uomini vestiti tutti in modo simile. Una misteriosa donna vestita di nero e rosso (i colori preferiti dell’élite occulta) gli si avvicina.

La donna indica a Gims di seguirla. È stato scelto.

La donna porta Gims in una sala riunioni che contiene alcuni elementi piuttosto simbolici.

Gims sta di fronte alla donna e ad un dirigente discografico. Tra di loro, possiamo vedere cornici contenenti variazioni del simbolo più riconoscibile associato all’élite occulta: l’occhio che tutto vede dentro un triangolo.

Un primo piano dei simboli in mostra in quella stanza.

Ad aggiungersi al simbolismo della scena, queste cornici sono appese ai pilastri delle stanze – indicando simbolicamente che e` l’élite occulta che “sostiene il peso” di questo settore.

Sebbene la donna sia affascinante, i suoi occhi indicano che c’è qualcosa di “soprannaturale” in lei. È una specie di demone? 

Il dirigente discografico consegna a Gims il suo contratto discografico. Per firmare questi documenti, a Gims non viene offerta una penna … ma un coltello

Gims si taglia con il coltello e firma il contratto con il suo sangue.

Questo non è un semplice contratto commerciale. È un giuramento di sangue. È un punto fermo nei circoli occulti e comporta prezzi terribili da pagare se il giuramento viene infranto.
Il primo verso della canzone descrive in modo appropriato la situazione di Gims. Ecco una traduzione approssimativa:

Facciamo cose di cui ci pentiamo veramente
Dopo qualche tempo, ho prestato giuramento
L’ho fatto sinceramente
Ho dimenticato che sogno una vita
dove posso andare a dormire tranquillamente

Dopo aver firmato il contratto con il sangue, inizia la nuova vita di Gims

La misteriosa donna (che è ancora vestita con il suo vestito rosso e nero) va a prendere Gims a casa sua in una limousine.

In questa scena, Gims lascia simbolicamente la sua famiglia per entrare nel folle mondo dell’élite. E, all’inizio, sembra essere stupendo.

All’interno della limousine: modelle e champagne. Si sta veramente divertendo. O forse no?

Come nuova recluta dell’élite, la carriera di Gims prende una svolta improvvisa per il meglio. Inoltre, ci rendiamo conto che Gims non ha input sulla sua immagine o sulla sua carriera. È diventato un pedone.

Di nuovo nella sala riunioni, una squadra di persone lavora sull’album di Gims mentre è seduto lì non dicendo nulla. Nel frattempo, la misteriosa ragazza controlla che tutto vada secondo i piani.

Il dirigente discografico presenta la nuova copertina dell’album di Gims. Contiene il segno triangolare della società segreta e ci sono “raggi del sole” attorno a uno degli occhi di Gims che creano … ovviamente … il segno di un occhio che tutto vede.

Come tutte le pedine del settore, Gims deve prendere parte a ogni singola acrobazia promozionale che è prevista per lui.

Un fotografo chiede a Gims di posare in un modo specifico e Gims si rifiuta. Il fotografo diventa, quindi, molto pressante sull’argomento. La misteriosa ragazza (in background) permette che ciò accada.

La mia serie di articoli Foto Simboliche del Mese presenta spesso servizi fotografici di artisti che posano per l’élite occulte (cioè il segno di un occhio). I lettori spesso chiedono chi dice a questi artisti di continuare a fare queste cose. La risposta: i fotografi scelti dal settore sono una parte importante dell’equazione.

Quando il fotografo diventa un po ‘ troppo invadente, l’autista della limousine di Gims gli dice di arretrare.

Le cicatrici sull’avambraccio del guidatore indicano che fa parte della società segreta.

Dopo tutte queste emozioni, Gims ha bisogno di una pausa. E il conducente della limousine ha esattamente ciò di cui ha bisogno.

Il conducente della limousine mostra a Gims un bel po` di fanta ghiacciata.

Gims apre una Fanta e la beve con un’espressione soddisfatta sul suo viso. Oh sì, niente e` piu` buono di una bottiglia da 250 ml di Fanta per placare la tua sete dopo una dura giornata di lotta con gli Illuminati.

Qui siamo in presenza ovviamente di product placement. Non è una cosa satirica e non è un “commento” sulla fama. È un vero posizionamento di prodotti pagato da The Coca-Cola Company a Universal Music Group. E Gims ha dovuto bere. In breve, questa strana scena conferma sostanzialmente che Gims non si sta veramente “ribellando” a nulla. Fa ancora parte di quel sistema.

Dopo questa rinfrescante pausa a base di Fanta, Gims continua la sua ascesa al successo.

Gims e` sulle copertine dei giornali di tutto il mondo

Fa il giro del mondo e si esibisce in stadi pieni.

Anche se Gims sembra vivere il sogno, non lo è

Gims si rende conto che il taglio del giuramento di sangue sta lasciando una brutta cicatrice.

La cicatrice è una rappresentazione della “ferita” che non guarisce mai dovuta al vendere la propria anima. E Gims capisce che essere una celebrità non è solo divertimento e giochi. Coloro che lo controllano in realtà non si preoccupano di lui e lo usano in qualunque modo sentano adeguato.

La donna misteriosa paga dei fotografi per infastidire Gims

Questo falso evento creato artificialmente viene catturato dalla donna misteriosa che lo pubblica sui social media per generare viralita`.

Dopo tutte queste stranezza, le cose si fanno reali

Gims si ritrova in questo enorme castello assieme all’elite.

Gims dice al dirigente discografico che è stufo di questa merda mentre indica la sua cicatrice. Quindi si precipita fuori dalla stanza.

Tuttavia, non si può semplicemente lasciare il settore senza ripercussioni. Ce ne sono eccome.

Due figure incappucciate afferrano Gims e lo rapiscono.

Gims si ritrova quindi al centro di un rituale occulto presieduto dal dirigente discografico

Gims si sdraia e le sue mani sono legate. Sta per essere sacrificato ritualmente?

Il dirigente discografico fa appello a una forza superiore. Probabilmente Satana. Il suo abbigliamento è sorprendentemente simile al tradizionale abito dei Venerabili Maestri Massoni.

Un vero Venerabile Maestro Massone. Indossare un cappello a cilindro è un privilegio riservato ai membri di alto rango.

Fortunatamente per Gims, uno degli uomini incappucciati gli porge un coltello, permettendogli di liberarsi e scappare. Tuttavia, ciò probabilmente significa che la sua carriera musicale è finita. Nella vita reale, comunque, la sua attuale carriera musicale è ancora viva e vegeta. Che cosa vuol dire?

CONCLUDENDO

Le Prix à Payer è una delle esposizioni più palesi dell’industria musicale e del suo lato oscuro mai create. Descrive diversi elementi che sono stati discussi su questo sito per anni come il giuramento richiesto durante la firma di un contratto discografico, la mancanza di controllo da parte degli artisti sulla propria carriera e sulla propria immagine, la prevalenza del segno di un occhio che tutto vede e l’importanza fondamentale di rituali e sacrifici occulti.

A giudicare dai commenti su YouTube, molti credono che questo video sia in realtà una richiesta di aiuto. In effetti, i testi delle canzoni trasmettono rimpianto e impotenza mentre il video raffigura un artista riluttante che passa attraverso l’esperienza di essere un pedone dell’elite.

Mentre il video mostra un chiaro desiderio di liberarsi da tutto, contiene anche elementi che indicano che ciò non sta realmente accadendo. Ad esempio, quello strano posizionamento di prodotti Fanta urla: “Questo video è stato sponsorizzato dalla Coca-Cola Company”. La maggior parte degli artisti odia vedere il proprio lavoro compromesso da una pubblicità così spudorata ed è spesso imposta dalla casa discografica. D’altra parte, si potrebbe dire: complimenti per essere pagati mentre si espone il settore.

Se il video espone effettivamente l’industria discografica, perché è stato approvato da questa importante etichetta di proprietà dell’élite? Bene, in primo luogo, il video è abbastanza cartoonesco da rendere “fantasioso” il soggetto. In secondo luogo, l’élite in realtà vuole rivelare una parte di se stessa alle masse. E ci tiene a farci sapere che se andiamo contro la sua agenda … ci sara` un prezzo da pagare.

Fonte