Archivi Blog

Il Green Pass del governo scozzese invia i dati privati degli utenti ad Amazon, Microsoft

“I dati sono stati condivisi con terze parti senza che le persone abbiano la possibilità di eliminare l’opzione o essere informate che ciò sta accadendo”

Come se le restrizioni della liberta’ dei passaporti vaccinali non fossero sufficienti da sole, è stato rivelato che il governo scozzese ha consentito la condivisione dei dati del programma con società private tra cui Amazon.

Il Daily Record riporta: “Abbiamo appreso che l’app per telefoni cellulari del NHS che presenta le informazioni mediche personali sotto forma di un codice QR condivide i dati con aziende tra cui Amazon, Microsoft, ServiceNow, Royal Mail e una società di intelligenza artificiale specializzata nel riconoscimento facciale”.

Gli utenti dell’app del Green Pass non sono stati informati che i loro dati sarebbero stati condivisi, secondo il rapporto.

Commentando i risultati, Sam Grant del gruppo di sostenitori della privacy Liberty ha avvertito: “I passaporti vaccinali creano una società a due livelli e già molte persone in Scozia sono state costrette a ottenere un passaporto vaccinale per partecipare a eventi e accedere a determinate parti della società”.

Grant ha aggiunto: “È estremamente preoccupante che, così facendo, i dati siano stati condivisi con terze parti senza che le persone abbiano la possibilità di rinunciare o senza nemmeno essere informate che ciò sta accadendo. Questo non fa che favorire le ampie preoccupazioni che le persone hanno già riguardo ai passaporti dei vaccini”.

Il leader del partito liberaldemocratico scozzese, Alex Cole-Hamilton, ha anche affermato che il suo partito “ha ripetutamente avvertito il governo che la protezione dei dati è praticamente inesistente – è bastato un semplice screenshot per aggirare qualunque ‘misura di sicurezza’ il sistema avesse in luogo.”

“Il lancio è stato un macello e il sistema IT ha faticato a farcela”, ha spiegato Cole-Hamilton, aggiungendo: “Tutti hanno diritto alla privacy medica; nessuno dovrebbe mai fornire parte della propria storia medica a una serie di società private. Questo è semplicemente assurdo”.

Silkie Carlo, il capo di un altro gruppo di sostenitori della privacy, Big Brother Watch, ha spiegato lunedì perché i passaporti vaccinali sono un totale fallimento in Scozia:

Il governo britannico ha costantemente mentito sull’introduzione dei passaporti vaccinali:

I dati del governo e gli studi sottoposti a revisione paritaria mostrano che i vaccinati hanno la stessa probabilità di diffondere il virus quanto i non vaccinati.

Fonte

gettyimages-1232962980-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €