Archivi Blog

Studio peer-reviewed: il 94% dei pazienti vaccinati, con successivi problemi di salute, ha anomalie nel sangue

Con l’aumento di studi come questo, è più evidente che i vaccini mRNA si comportano come un’arma biologica progettata per danneggiare il corpo umano.

Dei medici in Italia hanno studiato il sangue di pazienti a cui erano stati iniettati vaccini mRNA COVID-19 e hanno trovato corpi estranei molto tempo dopo la vaccinazione, secondo un nuovo studio.

I tre medici, tutti chirurghi – Franco Giovannini, M.D., Riccardo Benzi Cipelli, M.D. e Giampaolo Pisano, M.D. – hanno esaminato il sangue appena prelevato di più di mille pazienti utilizzando l’osservazione diretta al microscopio per vedere cosa stava succedendo nel sangue .

I loro risultati sono stati pubblicati sull’International Journal of Vaccine Theory, Practice, and Research nell’agosto 2022.

Per questo studio, i medici italiani hanno utilizzato la microscopia ottica, cioè i normali microscopi ottici, per esaminare il sangue. I globuli sono facilmente visibili al microscopio. La loro forma, tipo e come e se sono aggregati, raggruppati insieme, possono aiutare il medico esperto a comprendere meglio la salute del paziente.

Nel loro studio peer-reviewed di 60 pagine, i ricercatori italiani hanno riportato casi di studio dalle loro osservazioni. Sebbene non potessero spiegare cosa avessero osservato, nello studio hanno notato che ciò che hanno visto era così strano che hanno sentito il bisogno di allertare la comunità medica.

MICROSCOPIA IN CAMPO OSCURO
Il microscopio ottico utilizza la luce visibile e una serie di lenti per ingrandire piccole immagini.

A differenza della microscopia elettronica, la microscopia ottica fornisce un’immagine diretta di ciò che si trova sotto l’obiettivo. Con la microscopia ottica, gli scienziati possono utilizzare uno sfondo bianco brillante dietro le cellule, con la luce che brilla da dietro il vetrino, oppure possono utilizzare uno sfondo scuro.

Questa tecnica, chiamata microscopia in campo scuro, funziona bloccando la retroilluminazione e facendo rimbalzare la luce lateralmente in modo da far risaltare l’elemento analizzato dallo sfondo scuro. La microscopia in campo scuro utilizza un’apertura speciale per mettere a fuoco la luce in modo che lo sfondo rimanga scuro. La luce non passerà direttamente attraverso il campione e non è richiesta alcuna colorazione, quindi le cellule viventi non hanno bisogno di essere uccise per essere studiate. Per questa ricerca, i medici hanno utilizzato la microscopia in campo oscuro.

SANGUE ANOMALO
Dei 1006 pazienti, 426 erano uomini e 580 donne. Centoquarantuno hanno ricevuto solo una dose di vaccino mRNA, 453 hanno ricevuto due dosi e 412 hanno ricevuto tre dosi in totale. I pazienti avevano un’età compresa tra 15 e 85 anni. L’età media dei pazienti era di 49 anni. Tutti i 1.006 pazienti stavano cercando assistenza sanitaria perché non si sentivano bene: presentavano un’ampia varietà di problemi di salute.

In media, i pazienti il ​​cui sangue è stato esaminato erano stati vaccinati circa un mese prima.

Dei 1.006 pazienti, dopo la vaccinazione, solo il 5% circa, solo 58 persone, aveva sangue che sembrava normale.

I medici sono stati in grado di esaminare il sangue di 12 pazienti prima che avessero ricevuto il vaccino. A quel tempo, prima di essere vaccinati, tutti i 12 pazienti presentavano sangue normale e sano, secondo i ricercatori.

Gli autori non hanno rivelato quante persone sono state vaccinate in totale, quindi la percentuale di persone vaccinate che hanno sviluppato sangue anormale è sconosciuta. Questa è una lacuna della loro ricerca. Ciò che è noto, tuttavia, è che il 94 percento dei pazienti intervistati in questo studio, che hanno sviluppato sintomi successivi, aveva sangue anormale.

Ciascuno dei pazienti è stato esaminato per i sintomi, un’ampia gamma dei quali si era manifestata dopo le vaccinazioni.

Le immagini sono drammatiche. Le immagini affiancate del sangue di un paziente prima e dopo la vaccinazione mostrano differenze evidenti. Prima della vaccinazione, i globuli rossi sono separati l’uno dall’altro e sono rotondi, mentre il sangue prelevato dopo la vaccinazione mostra globuli rossi deformati e che si raggruppano in coaguli attorno a corpi estranei visibili che prima non erano presenti.

MATERIALE ESTRANEO AGGREGATO AL SANGUE
Questo materiale estraneo sembrava raccogliersi in strutture, a volte formando cristalli e altre volte formando lunghi tubi o fibre.

Le strutture di corpi estranei nel sangue dei pazienti, che non erano presenti prima della vaccinazione, sembrano certamente insolite nelle foto incluse nello studio.

Ai medici è sembrato che le grandi strutture si fossero aggregate nel sangue e hanno osservato forme che suggeriscono il modo in cui il grafene può autoassemblarsi nelle strutture.

Il grafene è una forma del carbonio che si verifica quando gli atomi sono disposti in esagoni, formando un cristallo piatto, come un foglio. In questa forma, sebbene il carbonio non sia un metallo, si comporta chimicamente come un composto metallico.

Le due forme che hanno notato nel flusso sanguigno erano pezzi simili a cristalli e lunghezze simili a tubi. Sebbene i ricercatori non abbiano potuto confermare che ciò che hanno visto fosse grafene, hanno sottolineato che il grafene può aggregarsi in forme simili a quelle osservate dai medici.

E’ GRAFENE?
Il grafene è stato utilizzato nelle vaccinazioni antinfluenzali con somministrazione nasale ed è stato sviluppato per l’uso in altri medicinali. Tuttavia, non è elencato come ingrediente in nessuno dei vaccini mRNA.

I medici italiani non hanno testato chimicamente il grafene. Hanno solo ipotizzato che il grafene potesse essere un componente delle strutture. Il grafene può autoassemblare minuscole nanostrutture, rendendolo utile nei nanotubi di carbonio e nella fibra di carbonio. Tuttavia, come menzionato dagli autori, l’autoassemblaggio del grafene nelle strutture del flusso sanguigno potrebbe fornire qualcosa su cui il sangue si coagula, causando potenzialmente coaguli di sangue su larga scala.

Queste speculazioni sollevano più domande che risposte, poiché né il grafene né altri composti metallici avrebbero dovuto essere usati nei vaccini. Allora perché oltre 950 persone che hanno avuto problemi di salute post-vaccinazione si sono presentate con materiale estraneo nel sangue?

Questo non è l’unico studio a trovare anomalie del sangue dopo la vaccinazione con mRNA.

In uno studio precedentemente pubblicato sulla stessa rivista, un team coreano ha anche dimostrato che il sangue vaccinato con mRNA conteneva oggetti metallici che non avrebbero dovuto essere lì. Gli scienziati coreani hanno analizzato campioni di sangue centrifugato di otto persone che avevano ricevuto vaccini mRNA COVID-19 contro due persone che non avevano ricevuto alcun vaccino COVID-19.

Il team di tre medici sudcoreani, Young Mi Lee, Sunyoung Park e Ki-Yeob Jeon, hanno spiegato che: “La preponderanza delle prove suggerisce che i materiali estranei trovati nei destinatari del vaccino COVID-19 … sono stati iniettati nei loro corpi quando hanno ricevuto una o più dosi dei vaccini COVID-19.„

Secondo questo studio: “Dagli 8 destinatari del vaccino COVID-19: 6 campioni di plasma contenevano un disco multistrato di composizione non identificata; 3 campioni contenevano materiali simili a bobine di perline; 1 campione di plasma conteneva un fascio fibroso di materiale estraneo simile a perline; e un diverso gruppo di 3 campioni aveva formazioni cristalline di materiale estraneo. Le varie forme e dimensioni dei materiali estranei nei plasmi centrifugati degli individui vaccinati contro il COVID-19 somigliavano da vicino alle forme e alle dimensioni dei materiali estranei precedentemente osservati direttamente nei vaccini stessi”.

Lo studio italiano, che ha analizzato oltre 10 volte più campioni di sangue, sembra confermare i risultati della Corea. Tuttavia, è difficile estrapolare dai loro risultati. Sarebbe più facile confermare che i vaccini fossero effettivamente la causa delle anomalie ematiche se i ricercatori italiani avessero analizzato anche il sangue di un gruppo di controllo di pazienti che presentavano sintomi insoliti simili (o la loro assenza) che non erano stati precedentemente vaccinati.

PROBLEMI DI COAGULAZIONE
I problemi di coagulazione sono una delle complicazioni tipiche osservate dopo la vaccinazione COVID-19.

Poiché il pool di argomenti riguardava persone che erano state vaccinate di recente e successivamente hanno avuto problemi di salute, questa nuova scienza suggerisce che queste strutture nel sangue e il comportamento anomalo della coagulazione delle cellule del sangue potrebbero essere una parte importante del motivo per cui i medici clinici vedono così molti problemi di salute insoliti conseguenti alla vaccinazione con mRNA.

In effetti, da quando è iniziato il programma di vaccinazione, sono stati trovati anche grossi coaguli nei corpi dei defunti. Un imbalsamatore in Alabama ha notato che grandi coaguli di un tipo che non aveva mai visto nei suoi 20 anni di carriera hanno iniziato a diventare comuni una volta iniziato il programma di vaccinazione, secondo un’agenzia di stampa senza scopo di lucro dell’Alabama.

Richard Hirschmann disse a 1819 News di aver raccolto immagini di oltre cento casi di questi coaguli di sangue. Hirschmann ha anche allertato i laboratori locali e ha lavorato con un radiologo, Phillip Triantos, MD, per capire meglio perché e come i pazienti si presentano con coaguli di sangue su larga scala a lenta formazione.

Altri medici, tra cui Ryan Cole, MD, un dermatopatologo (che è un medico che usa un microscopio per esaminare campioni di pelle, capelli e unghie per diagnosticare malattie) e fondatore della società con sede in Idaho, Cole Diagnostics, ha visto grandi i coaguli di sangue diventare un fenomeno emergente da quando sono iniziate le campagne di vaccinazione diffuse, secondo 1819 News.

I MICROSCOPI IN MEDICINA

Era comune per i medici avere microscopi nei loro studi ed esaminare il sangue dei loro pazienti (e altri fluidi corporei) da soli, secondo Barron Lerner, MD, autore di “The Good Doctor: A Father, a Son, and the Evolution of Medical Ethics.”

Mentre oggi i medici, con alcune eccezioni, inviano quasi sempre i test a laboratori esterni per l’analisi, Barron Lerner ha descritto come i medici senior sentivano che era loro dovere insegnare ai loro colleghi più giovani e agli studenti di medicina come eseguire i test da soli: le macchie di Gram per test per infezioni batteriche, analisi delle urine al microscopio e centrifugazione del sangue per verificare la presenza di anemia e altri problemi.

Similmente ai medici delle epoche passate, il team italiano di medici che ha pubblicato queste nuove scoperte ha spiegato di aver esaminato il sangue dei pazienti nel corso della loro intera carriera, anche dopo ogni altro tipo di vaccinazione. Ma non hanno mai visto corpi estranei di questo tipo prima.

La sorveglianza post-commercializzazione di dispositivi medici, nuovi farmaci e vaccinazioni è della massima importanza per garantire la sicurezza. Queste anomalie nel sangue dopo la vaccinazione con mRNA dovrebbero essere di interesse globale. Se il 94% dei pazienti con problemi di salute avversi presenta occlusioni nel sangue che non erano presenti prima della vaccinazione, questi scienziati potrebbero aver scoperto un effetto collaterale imprevisto e pericoloso dei vaccini mRNA.

Fonte

screen-shot-2022-09-12-at-8.55.07-am-777x437-1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

5,00 €

Il capo dell’indagine COVID-19 di The Lancet è “convinto” che il virus sia uscito da un laboratorio

Dice che ci sono sforzi per bloccare una vera indagine sul tema.

Il capo della preminente rivista scientifica The Lancet’s COVID-19 Origins Commission è “convinto” che il virus sia uscito da un laboratorio e afferma che gli sforzi per una vera indagine vengono costantemente bloccati.

Il professor Jeffrey Sachs ha detto ad Current Affairs di essere “abbastanza convinto [COVID-19] sia il frutto della biotecnologia di un laboratorio statunitense” e ha avvertito che la ricerca in corso potrebbe portare a un altro focolaio di pandemia.

Sachs osserva che gli scienziati che hanno respinto la teoria della fuoriuscita di laboratorio lo hanno fatto “prima di aver fatto qualsiasi ricerca”, aggiungendo “stanno creando una narrativa. E stanno negando l’ipotesi alternativa senza guardarla da vicino”.

Sachs indica la ricerca sul “guadagno di funzione” e i marcatori genetici trovati nel coronavirus SARS-Cov-2 cose le quali indicano che è stato manipolato in laboratorio per renderlo più letale.

“La cosa interessante, e se così posso dire, è che la ricerca, che era in corso molto attivamente e che veniva promossa, consisteva nell’inserire siti di scissione della furina in virus simili alla SARS per vedere cosa sarebbe successo. Ops!” afferma Sachs.

“Non stanno investigando”, dice Sachs degli scienziati che respingono la fuoriuscita di laboratorio, aggiungendo “Continuano semplicemente a dirci: ”E’ successo al mercato di Wuhan, senza ombra di dubbio!’ Ma non affrontano questo problema alternativo. Non guardano nemmeno i dati. Non fanno nemmeno domande. E la verità è che dall’inizio non hanno posto le vere domande”.

Sachs definisce inoltre gli sforzi per distrarre dalle ricerche che venivano condotti in laboratorio come “deviazioni” e “giochi di prestigio”.

“Ci sono molte ragioni per credere che quella ricerca fosse in corso. Perché ci sono articoli pubblicati su questo. Ci sono interviste su questo. Ci sono proposte di ricerca. Ma NIH non apre bocca. Non sta facendo domane. E anche questi scienziati non si sono mai posti il problema di farlo”, afferma ulteriormente Sachs.

Continua: “Fin dal primo giorno, hanno tenuto nascosta alla vista l’alternativa. E quando discutono dell’alternativa, non discutono della ricerca che si svolgeva, ovvero cercare di confinare i siti di scissione della furina in virus simili alla SARS in un modo da poter creare SARS-Cov-2.

“Quello che sto chiedendo non è la conclusione. Chiedo l’indagine”, esorta Sachs, aggiungendo “Finalmente, dopo due anni e mezzo di tutto questo, è tempo di confessare che potrebbe essere uscito da un laboratorio ed ecco i dati che dobbiamo avere per provare il fatto.

Sachs si rivolge anche a EcoHealth Alliance e Peter Daszak, sottolineando di aver inizialmente nominato personalmente Daszak a presiedere la task force della commissione pandemica di Lancet.

Sachs dice “Mi sono reso conto che [Daszak] non mi stava dicendo la verità. E mi ci sono voluti alcuni mesi, ma più lo vedevo, più mi insospettivo. E così gli ho detto: ‘Senti, devi andartene.'”

Sachs aggiunge che una volta che ha licenziato Daszak, altri scienziati hanno iniziato ad attaccarlo.

“Ho chiesto loro: “Quali sono i tuoi collegamenti con tutto questo?” Non me l’hanno detto. Poi, quando il Freedom of Information Act ha rilasciato alcuni di questi documenti che il NIH aveva nascosto al pubblico, ho visto che anche le persone che mi stavano attaccando facevano parte di questa cosa. Quindi ho sciolto l’intera task force”, osserva Sachs.

“Quindi la mia esperienza è stata quella di vedere da vicino come sono omertosi. E stanno cercando di tenere gli occhi puntati su qualcos’altro.”, avverte ulteriormente Sachs.

Sachs conclude che “non si fida” dei governi e degli scienziati che stanno respingendo la teoria delle fuoriuscite di laboratorio, aggiungendo “Voglio sapere la verità. Perché anche solo con quello che sappiamo della pericolosa ricerca basterebbe per sollevare molte questioni di responsabilità per il futuro. ‘Ehi, su quali altri virus state lavorando? Cosa dovremmo sapere?’”

“Voglio sapere cosa si sta facendo. Voglio sapere cosa stanno facendo anche gli altri governi, non solo il nostro. Voglio un po’ di controllo globale su questa roba”, insiste ulteriormente Sachs.

Il professore infine chiede “un’indagine di supervisione del Congresso bipartisan che abbia potere di citazione”, esortando “Dateci i vostri registri di laboratorio, i vostri quaderni, i vostri file sui ceppi di virus e così via”.

Fonte

gettyimages-1402837034-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Cina eletta nel comitato esecutivo dell’Organizzazione mondiale della sanità senza obiezioni

“Questo è il regime che ha distrutto quelli come il dottor Li Wenliang che ha coraggiosamente cercato di mettere in guardia il mondo sul coronavirus”

La Cina è stata eletta nel Comitato Esecutivo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità senza obiezioni da parte di alcun paese democratico, nonostante i suoi voluminosi tentativi di coprire l’epidemia di Coronavirus e il suo successivo brutale lockdown.

Hillel Neuer del gruppo di controllo UN Watch ha osservato che “questo è il regime che ha represso” gli avvertimenti degli informatori tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020.

Ha anche osservato che “nessuna democrazia si è espressa per opporsi”.

L’editorialista dello Spectator Ross Clark ha commentato che l’OMS è “piena di piccoli paesi, molti con pessimi precedenti in materia di diritti umani, che non oseranno sfidare la Cina o che non avranno il potere politico per farlo”.

Ricordiamo che il capo dell’indagine sull’origine dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sul COVID-19 ha ammesso che la Cina ha sostanzialmente ordinato al suo team cosa scrivere nel loro rapporto e ha permesso loro di menzionare la teoria della perdita di laboratorio, ma solo a condizione che non lo facessero Consiglio di seguirlo.

Inoltre, la Cina ha rifiutato di collaborare con la rinnovata indagine dell’OMS, dichiarando che qualsiasi tentativo di esaminare la teoria della perdita di laboratorio va “contro la scienza” e affermando, contrariamente all’intelligence statunitense e alle conclusioni dell’OMS, che i lavoratori del laboratorio sono stati ricoverati in ospedale con COVID nell’autunno del 2020.

L’Accademia delle scienze gestita dal governo cinese ha anche selezionato il bio-laboratorio di Wuhan per il premio “Outstanding Science Achievement” per il lavoro con i coronavirus.

Jamie Metzl, uno dei principali consulenti della stessa Organizzazione Mondiale della Sanità, ha affermato che la Cina si è impegnata in un “massiccio insabbiamento” della pandemia di coronavirus.

L’OMS, che ha facilitato la risposta draconiana della Cina al COVID insistendo sul fatto che il mondo occidentale imponesse lockdown simili, ora sta anche sollecitando che gli eventi del gay pride vadano avanti nonostante il chiaro rischio che si tratti di eventi super-diffusori del vaiolo delle scimmie, dato che il virus viene trasmesso da vicino contatto fisico.

Assegnare alla Cina un seggio nel Comitato Esecutivo dell’OMS è come se la Corea del Nord fosse stata incaricata della Conferenza delle Nazioni Unite sul disarmo… oh aspetta, lo hanno fatto davvero in realtà.

Fonte

gettyimages-1319858980-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 USD

Bill Gates: La prossima pandemia potrebbe essere causata dai cambiamenti climatici

O da un bioterrorista che la rilascia deliberatamente

Il miliardario Bill Gates afferma che c’è una probabilità del 50% che la prossima pandemia sia causata dai cambiamenti climatici causati dall’uomo o venga deliberatamente rilasciata da un bioterrorista.

Il fondatore di Microsoft ha rilasciato i commenti durante un’intervista al quotidiano spagnolo El Diario.

Affermando che la prossima grande pandemia potrebbe verificarsi entro 20 anni, Gates ha affermato: “Potrebbe essere un virus creato dall’uomo, da un bioterrorista che lo ha progettato e fatto circolare intenzionalmente. Questo è uno scenario molto spaventoso perché potrebbe provare a diffonderlo in luoghi diversi contemporaneamente”.

“Oppure potrebbe essere qualcosa che fa il salto dal mondo naturale. La popolazione umana sta crescendo e stiamo invadendo sempre più ecosistemi. Ecco perché ho calcolato che c’è una probabilità del 50% che avremo una pandemia di origine naturale nei prossimi 20 anni, come conseguenza del cambiamento climatico”, ha aggiunto.

La previsione che il cambiamento climatico causerà un virus che richiederà quindi un’altro vaccino è in qualche modo conveniente per Gates dato che è fortemente investito in entrambe le aree.

Gates ha ribadito l’invito fatto nel suo recente libro a pompare miliardi di dollari nella ricerca di futuri agenti patogeni creando un team di 3.000 specialisti sotto il controllo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che richiederebbe un aumento del budget del 25%.

Commentando il recente focolaio di vaiolo delle scimmie, Gates ha affermato che “ci sono pochissime possibilità” che avrà un impatto simile al coronavirus, anche se ha avvertito che potrebbe mutare in qualcosa di significativamente più sgradevole.

Gates ha notoriamente avvertito dell’arrivo di un supervirus cinque anni prima dell’emergere del COVID-19 durante un discorso TED del 2015.

Come abbiamo evidenziato all’inizio di questo mese, Gates ha avvertito che il COVID non era finito e che è probabile che ci sarà una variante “ancora più fatale” del virus in arrivo.

Durante un evento alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco a febbraio, Gates ha affermato che “purtroppo” Omicron è un “vaccino” e ha “fatto un lavoro migliore nel raggiungere la popolazione mondiale rispetto al vaccino creato da Big Pharma.

Fonte

300522gates1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Nuovi documenti rilasciati da Pzifer mostrano come un dottore con legami alla Fondazione Gates abbia cancellato i dati sui danni del vaccino in un paziente che partecipava alla sperimentazione

Una cache di 80.000 pagine di documenti sul vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 rilasciati dalla Food and Drug Administration statunitense fa luce sugli estesi studi sui vaccini di Pfizer in Argentina, comprese le dimensioni insolitamente grandi degli studi e la storia di un partecipante allo studio la cui reazione al vaccino è stata cancellata.

Una cache di 80.000 pagine di documenti sul vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 rilasciati dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense fa luce sugli estesi studi sui vaccini di Pfizer in Argentina, comprese le dimensioni insolitamente grandi degli studi e la storia di un partecipante allo studio la cui reazione al vaccino era “scomparsa”.

Il caso di Augusto Roux in Argentina suggerisce che in almeno un caso, un partecipante allo studio i cui sintomi erano stati determinati collegati al vaccino COVID-19 è stato successivamente elencato, nei registri ufficiali, come avente avuto eventi avversi non correlati al vaccinazione.

Sembra che anche gli studi sui vaccini in Argentina abbiano ignorato gli eventi avversi subiti da altri partecipanti allo studio e la potenziale connessione tra gli eventi avversi e il vaccino.

La FDA il 2 maggio ha rilasciato l’ultima cache di documenti, che riguardano l’autorizzazione all’uso di emergenza del vaccino Pfizer, come parte di un programma di divulgazione ordinato dal tribunale derivante da una richiesta accelerata del Freedom of Information Act presentata nell’agosto 2021.

Come precedentemente riportato da The Defender, i documenti includevano Case Report Forms da studi sul vaccino Pfizer COVID negli Stati Uniti e il “terzo rapporto intermedio” dagli studi di BioNTech condotti in Germania, entrambi i quali elencavano eventi avversi sostenuti dai partecipanti negli Stati Uniti e in Germania.

Molti di questi eventi avversi sono stati indicati come “non correlati” ai vaccini, anche nei casi in cui i pazienti erano sani o comunque non avevano una precedente storia medica correlata alle lesioni subite.

LA STORIA DEL “PAZIENTE SCOMPARSO” DIVENTA PUBBLICA
Diversi blogger e ricercatori online hanno messo in discussione vari aspetti delle sperimentazioni sui vaccini argentini, sottolineando che il numero di partecipanti alle sperimentazioni argentine ridicolizzava il numero di altre sperimentazioni, tipicamente più piccole, in altre località in diversi paesi.

Hanno anche sottolineato che il gran numero di partecipanti sembrava essere stato reclutato per la sperimentazione in un tempo straordinariamente breve e hanno posto interrogativi sulle connessioni tra una delle figure chiave della sperimentazione argentina con i produttori di vaccini, Big Pharma e la Bill & Melinda Gates Foundation .

Il gran numero di partecipanti allo studio in Argentina potrebbe essere correlato al fatto che il processo sembra essersi svolto contemporaneamente in 26 ospedali.

Il gran numero di partecipanti è rivelato in un altro dei documenti pubblicati questo mese, dove a pagina 2.245 possiamo trovare l’elenco dei partecipanti al sito 1231, mentre a pagina 4.329 possiamo trovare l’elenco dei partecipanti al sito 4444.

Il sito 1231 si riferisce all’ubicazione del sito principale dello studio e 4444 (pagina 24) molto probabilmente si riferisce ai diversi ospedali che partecipano allo studio al di fuori dell’ubicazione principale.

Commentando la rivelazione, il blogger David Healy ha scritto:

“Sono stati arruolati circa 5.800 volontari, la metà dei quali ha ricevuto il vaccino attivo. Questo è quasi 4 volte del secondo centro più grande in questo processo.

“Sorprendentemente 467 medici sono stati quasi immediatamente iscritti e formati come assistenti investigatori nello studio”.

In tutto, 4.501 pazienti hanno partecipato agli studi argentini, rappresentando il 10% di tutti i partecipanti allo studio Pfizer nel mondo.

Le informazioni complete sugli eventi avversi durante questo ampio studio in Argentina non sembrano essere state rilasciate al momento della stesura di questo documento.

Tuttavia, l’esperienza di Roux da allora è diventata pubblica.

Roux, spesso definito il paziente “scomparso”, si è offerto volontario per lo studio (numero volontario 12312982) e ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer il 21 agosto 2020.

Secondo Healy, Roux “sentì dolore e gonfiore al braccio subito dopo l’iniezione. Più tardi quel giorno ha avuto nausea, difficoltà a deglutire e sentiva i postumi di una sbornia.

Dopo una serie di sintomi, Roux, durante una visita clinica il 23 agosto 2020, la sua reazione avversa è stata classificata come un “effetto avverso di tossicità di grado 1”.

Tuttavia ha ricevuto la sua seconda dose il 9 settembre 2020.

Secondo Healy:

“Tornando a casa in taxi, ha iniziato a sentirsi male. Alle 19:30 era senza fiato, aveva un dolore bruciante al petto ed era estremamente affaticato. Si sdraiò sul letto e si addormentò. Si svegliò alle 21:00 con nausea e febbre (38-39 C) e non riusciva ad alzarsi dal letto per la stanchezza.

“Nei due giorni successivi riporta febbre alta (41°C) e delirio.

“L’11 settembre è stato in grado di alzarsi dal letto e andare in bagno quando ha notato che la sua urina era scura (come la Coca-Cola). Si sentiva come se il suo cuore si espandesse, sentì un’improvvisa mancanza di respiro e cadde privo di sensi sul pavimento per circa 3 ore.

“Una volta ripresosi, si sentiva stanco, era a disagio, aveva una frequenza cardiaca elevata durante i piccoli movimenti, aveva le vertigini quando cambiava postura. Aveva un dolore al petto che si irradiava al braccio sinistro e alla schiena”.

Il 12 settembre 2020 Roux è stato ricoverato all’ospedale Alemán, dove è rimasto per due giorni. Inizialmente si credeva avesse il COVID-19, ma è risultato negativo al virus. Anche i suoi sintomi non corrispondevano alla polmonite virale.

Dopo una serie di raggi X, TAC e test delle urine, Roux è stato dimesso il 14 settembre 2020, dopo che gli è stata diagnosticata una reazione avversa – in particolare, un inequivocabile versamento pericardico – al vaccino contro il coronavirus (alta probabilità), secondo i documenti.

IL DOTTORE CHE HA ALTERATO LA DOCUMENTAZIONE DI ROUX AVEVA LEGAMI CON GATES, NIH, BIG PHARMA
Tuttavia, il 17 settembre, il dottor Fernando Polack, ricercatore capo della Pfizer per le sperimentazioni in Argentina secondo un documento Pfizer pubblicato nel dicembre 2021, ha riportato nel verbale di Roux che il suo “ricovero in ospedale non era correlato al vaccino”.

Anche dopo la dimissione di Roux, i suoi problemi di salute sono continuati. Come riportato da Healy:

“Il 13 novembre [2020], aveva IgG e IgM SARS COV-2 negativi (tecnica QML), che è insolito dopo il vaccino.

“Il 24 febbraio 2021, una scansione del fegato ha mostrato un grado minore di anomalia. Nel marzo 2021 e nel febbraio 2022, i suoi enzimi epatici rimanevano anormali”.

Alla fine, Roux ha perso 14 chilogrammi (30,8 libbre) in un periodo che andava dai tre ai quattro mesi e ha continuato a soffrire di febbre e attacchi di dispnea per diversi mesi dopo.

Polack, che ha riferito che il ricovero di Roux non è correlato alla vaccinazione, è noto per i suoi stretti legami con vari produttori di vaccini, aziende farmaceutiche e la Bill & Melinda Gates Foundation.

Ad esempio, è elencato come l’autore principale in un articolo del New England Journal of Medicine (NEJM) del 31 dicembre 2020 sulla presunta efficacia del vaccino Pfizer COVID-19.

Secondo Healy, Polack sembra anche essere il fondatore di iTRIALS, una società di gestione di siti di prova, e un’altra organizzazione situata nella stessa sede fisica, la Fundación INFANT.

Healy ha scritto:

“Quando il COVID ha colpito l’Argentina, [Polack] e la sua Fundación sono stati coinvolti in una sperimentazione sul plasma immunitario, prelevato da pazienti che si erano ripresi da COVID, somministrato a pazienti che avevano recentemente acquisito la malattia.

“Nel maggio 2020 ha ipotizzato che questo avrebbe reso il COVID un normale raffreddore e la Gates Foundation avrebbe offerto supporto finanziario. Ha utilizzato conferenze stampa di alto profilo per diffondere il suo entusiasmante messaggio”.

La conclusione dello studio pubblicato sul NEJM a seguito dello studio sul plasma recita:

“Finanziato dalla Bill and Melinda Gates Foundation e dal Fundación INFANT Pandemic Fund; Dirección de Sangre y Medicina Transfusional del Ministerio de Salud numero, PAEPCC19, Plataforma de Registro Informatizado de Investigaciones en Salud numero, 1421 e numero ClinicalTrials.gov, NCT04479163.

Secondo Healy, “[una] successiva revisione sistematica e meta-analisi non è riuscita a confermare questi risultati, rilevando “problemi di imprecisione molto seri””.

Healy ha sottolineato che Polack, nella sua dichiarazione di divulgazione del NEJM, non ha indicato alcun conflitto di interessi o interesse finanziario negli studi sul vaccino COVID-19 in Argentina, ma:

“Polack ha segnalato sovvenzioni da Novavax e compensi personali da Janssen, Bavarian Nordic A/S, Pfizer, Sanofi, Regeneron, Merck, Medimmune, Vir Bio[tecnologia], Ark Bio, Daiichi Sankyo al di fuori del lavoro presentato.

“Almeno otto di queste aziende sono impegnate nella ricerca sul vaccino RSV nei bambini e nelle donne in gravidanza. Fernando ha menzionato un vaccino combinato RSV, influenza e COVID”.

E, in relazione al rapporto di Polack con la Bill & Melinda Gates Foundation, Healy ha riferito:

“[Polack] inoltre non menziona il suo ampio coinvolgimento finanziario con la Bill & Melinda Gates Foundation. Questa organizzazione supporta le sperimentazioni sui vaccini del settore, inclusi Covid e RSV. Fernando è fortemente coinvolto attraverso la sua Fundación INFANT sponsorizzata da Gates a Buenos Aires nelle prove e nella ricerca RSV.

“Gates ha investito $ 82.553.834 nel vaccino RSV di Novavax ResVax, che si è dimostrato inefficace negli studi clinici sulle donne in gravidanza”.

La biografia di Polack da una conferenza medica del 2017 afferma “il suo lavoro è finanziato dalla Bill & Melinda Gates Foundation, dal National Institutes of Health [NIH], dal Thrasher Research Fund, dalla Optimus Foundation e da altre organizzazioni internazionali”.

Nello stesso anno, Polack ha testimoniato a una riunione del comitato consultivo dei vaccini della FDA e dei prodotti biologici correlati (VRBPAC), in cui “ha riconosciuto di avere interessi finanziari o rapporti professionali con alcune delle aziende interessate identificate per questo incontro, vale a dire Janssen [produttore di Johnson & Johnson vaccino COVID], Novavax e Bavarian Nordic”.

Secondo il dottor Joseph Mercola, Polack “è anche un consulente per il Vaccines and Related Biological Products Advisory Committee (VRBPAC) della Food and Drug Administration degli Stati Uniti” e “un attuale professore a contratto presso la Vanderbilt University nel Tennessee”.

Michael Nevradakis, Ph.D., è un giornalista e ricercatore indipendente con sede ad Atene, in Grecia.

Fonte

pfizer-documents-vaccine-injury-feature-800x417-1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il CDC indaga su 180 casi di bambini con epatite la cui causa è “sconosciuta”

Ma altri esperti affermano che sono stati causati dal lockdown che ha indebolito il sistema immunitario

Il CDC sta ora indagando su 180 casi di bambini con epatite la cui causa è “sconosciuta”, anche se esperti sanitari nel Regno Unito affermano che la causa potrebbe derivare dal fatto che i bambini abbiano un sistema immunitario indebolito a causa dei lockdown.

Ci sono stati cinque decessi negli Stati Uniti a causa delle infezioni, anche molti altri paesi nel mondo sono stati colpiti da questa piaga.

“L’infezione da adenovirus è oggetto di indagine come possibile causa, con quasi la metà dei bambini risultati positivi all’agente patogeno”, riferisce la CNBC. “L’adenovirus è un virus comune che normalmente causa sintomi simili al raffreddore o all’influenza. Non è una causa nota di epatite nei bambini altrimenti sani”.

Come abbiamo evidenziato il mese scorso, gli esperti di salute nel Regno Unito hanno avvertito che l’epidemia è stata probabilmente causata da molteplici lockdown COVID-19 che impediscono ai bambini di socializzare con gli altri e quindi di sviluppare un forte sistema immunitario.

Gli adenovirus causano il comune raffreddore, ma questo può trasformarsi in epatite se un sistema immunitario indebolito non è in grado di combatterlo.

“Penso che sia probabile che i bambini dell’asilo e delle scuole elementari abbiano un’immunità agli adenovirus stagionali inferiore rispetto agli anni precedenti a causa delle restrizioni”, ha affermato il professor Simon Taylor-Robinson.

“Ciò significa che potrebbero essere più a rischio di sviluppare l’epatite perché la loro risposta immunitaria è più debole al virus”, ha aggiunto.

Da nessuna parte nei mainsteam media vengono citati i lockdown come causa di questa nuova epidemia.

Invece, il CDC sta ancora “conducendo test di laboratorio per vedere se il virus Covid potrebbe essere una possibile causa”, nonostante il fatto che i bambini colpiti nel gruppo iniziale di casi in Alabama non avessero COVID-19.

I media tradizionali sono restii ad ammettere che gli stessi lockdown che hanno sostenuto con veemenza avranno conseguenze drastiche negli anni a venire.

Come abbiamo evidenziato in precedenza, un nuovo studio pubblicato sulla rivista Royal Society Open Science ha scoperto che i lockdown nel Regno Unito hanno causato la depressione clinica di circa 60.000 bambini.

Un importante studio della Johns Hopkins University ha concluso che i lockdown globali hanno avuto un impatto molto più dannoso sulla società di quanto non abbiano prodotto beneficio, con i ricercatori che hanno esortato che “sono infondati e dovrebbero essere respinti come strumento politico pandemico”.

Molti bambini soffrono anche di disturbi cognitivi dello sviluppo e del linguaggio dovuti agli adulti che hanno indossato mascherine durante la pandemia.

Fonte

190522child1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Articolo Peer Reviewed: Le mascherine potrebbero peggiorare il Covid

Un vasto studio che copre 35 paesi europei (602 milioni di persone) ha concluso che indossare maschere COVID non ha ridotto la trasmissione o le morti e potrebbe aver esacerbato il virus.

Nello studio peer-reviewed pubblicato sulla rivista Cureus, il dottor Beny Spira ha esaminato ogni paese europeo con almeno 1 milione di persone tra ottobre 2020 e marzo 2021, quando “l’intero continente stava attraversando un’ondata di COVID-19”.

Gli obblighi e le restrizioni in questi paesi variavano in modo significativo, dal 5% al ​​95%. Confrontando le statistiche di infezione e morte di ciascun paese, insieme alla percentuale di popolazione che indossava la maschera, Spira ha tratto due conclusioni:

“Sebbene non sia stato possibile dedurre conclusioni di causa-effetto da questa analisi osservazionale, la mancanza di correlazioni negative tra l’uso della maschera e i casi e i decessi di COVID-19 suggerisce che l’uso diffuso delle maschere in un momento in cui era più necessario un intervento efficace, ad es. durante il forte picco autunno-inverno 2020-2021, non è stato in grado di ridurre la trasmissione del COVID-19. Inoltre, la moderata correlazione positiva tra l’uso della maschera e i decessi nell’Europa occidentale suggerisce anche che l’uso universale delle maschere potrebbe aver avuto conseguenze dannose e non intenzionali”.

Naturalmente, studi precedenti traggono conclusioni contrarie, dicendo che le mascherine hanno avuto un effetto positivo nel fermare la diffusione del virus, tuttavia Spira sostiene che l’obbligo di indossare la mascherina è stato implementato sempre verso la fine delle ondate COVID.

Spira è l’ennesimo scienziato che ha scoperto che le maschere possono avere effetti dannosi sulla salute pubblica. Come riportato in precedenza da The Counter Signal, uno studio separato ha scoperto che le microplastiche nelle mascherine avrebbero potuto esacerbare il virus e causare molti problemi di salute.

Inoltre, non è irragionevole presumere che le autorità canadesi non siano a conoscenza di questi studi o che scelgano arbitrariamente quale “scienza” seguire.

La compagnia di radiodiffusione statale canadese, la CBC, ha appena scritto un articolo su tre “medici importanti” in Ontario che stanno scrivendo alle autorità sanitarie provinciali perchè venga reintrodotto l’obbligo di indossare la mascherina.

Anche i politici hanno chiesto il ritorno della mascherina e il Chief Medical Officer dell’Ontario Moore ha recentemente affermato che potrebbero tornare entro l’autunno.

Fonte

study-masks-covid-1024x576-1-1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Su quali basi Pfizer ha rivendicato una efficacia del 95%?

Sepolto nel documento informativo della FDA per la riunione del Comitato consultivo sui vaccini e sui prodotti biologici correlati (VRBPAC) del 10 dicembre 2020, per il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19, ci sono dati allarmanti e una questione preoccupante che dovrebbe essere affrontata.

In primo luogo, vale la pena sottolineare che Pfizer ha utilizzato un “laboratorio centrale” (vedi pagina 13 del documento) di sua scelta, per confermare i casi di COVID-19 utilizzando un test PCR. ‘Se, in qualsiasi momento, un partecipante sviluppava una malattia respiratoria acuta, sarebbe stato visitato. Le valutazioni per queste visite includono un tampone nasale (turbinato intermedio), che viene testato in un laboratorio centrale utilizzando un test di reazione a catena della polimerasi della trascrizione inversa (RT-PCR).’

In precedenza ho scritto un rapporto investigativo approfondito sul test PCR. Il valore della soglia del ciclo (CT) utilizzato influisce notevolmente sull’esito di un test.

Secondo uno studio di Jaafar et al., gli autori hanno scoperto che quando si eseguono test PCR con 35 cicli o più, l’accuratezza scende al 3%, il che significa che fino al 97% dei risultati positivi potrebbe essere falso positivo.

Non ci sono informazioni sul valore CT utilizzato in questo “laboratorio centrale”.

Dato ciò che sappiamo, lo studio clinico cardine di Pfizer è stato di fatto, non in cieco: le loro linee guida sono chiaramente indicate all’interno del proprio protocollo di studio e per potenziali casi di COVID-19, il personale del sito di sperimentazione è stato immediatamente non era assolutamente in cieco. Ciò significa che il personale dello studio sapeva se un particolare partecipante sintomatico aveva il placebo o il vaccino.

Il tasso di efficacia del vaccino ampiamente pubblicizzato da Pfizer del 95% è emerso dai risultati dei test PCR generati da questo laboratorio centrale. Il fatto che l’esperimento non sia stato condotto in cieco degli studi clinici porta a un forte bias e a una grave perdita di integrità dei dati, quindi potenzialmente i valori CT avrebbero potuto essere aumentati per i partecipanti non vaccinati (placebo) che si sospettava avessero COVID-19, portando a risultati positivi Covid quasi garantiti. Per coloro che avevano il vaccino, il valore CT utilizzato avrebbe potuto essere molto inferiore, rendendo più probabile un risultato negativo.

A pagina 24 del documento, i risultati che mostrano il 95% di VE (efficacia del vaccino) per il vaccino sono riportati di seguito.

Il 95% VE (efficacia del vaccino) deriva dagli 8 casi confermati di Covid del gruppo vaccinato (da almeno 7 giorni dopo la Dose 2) rispetto ai 162 del gruppo placebo. Questi due dati sono essenzialmente ciò su cui la Pfizer si è basata per dimostrare che il loro vaccino è stato un successo.

Questi sono i dati su cui la FDA e altri organismi di regolamentazione in tutto il mondo hanno fatto affidamento per concedere l’EUA (Emergency Use Authorisation) per il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 e per la produzione di miliardi di dosi da spedire in tutto il mondo con alcuni paesi come l’Italia che hanno applicato controverse e draconiche manovre per far vaccinare la popolazione.

Una sezione chiave sepolta all’interno di questo documento, che allude forse al vero VE (efficacia del vaccino) in quel momento, sono i seguenti dati (trovati a pagina 42)

Queste erano persone che mostravano sintomi reali. Se calcoli il VE (efficacia del vaccino) da questi numeri, è un bassissimo 12%. L’efficacia del vaccino è calcolata dividendo la differenza tra il numero di casi nel gruppo placebo e in quello dei vaccinati, per il numero di casi nel gruppo placebo x 100 = VE (Efficacia del vaccino) 12 %

Questa è una notevolissima differenza rispetto al 95% di VE generato da test PCR facilmente manipolabili, condotti in un laboratorio centrale scelto da Pfizer. La cosa ancora più allarmante è che questi dati erano conosciuti quasi un anno e mezzo fa dalla stessa FDA.

Fonte

shutterstock_1891905688-800x469-2

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Pfizer ha assunto 600 dipendenti a causa del grande aumento nelle segnalazioni di eventi avversi

Pfizer ha assunto 600 dipendenti nei mesi successivi all’autorizzazione del suo vaccino COVID-19 negli Stati Uniti a causa del “grande aumento” delle segnalazioni di effetti collaterali legati al vaccino, secondo un documento preparato dall’azienda.

Pfizer ha “intrapreso molteplici azioni per aiutare ad alleviare il grande aumento di segnalazioni di eventi avversi”, secondo il documento. “Ciò include miglioramenti tecnologici significativi e soluzioni di processo e flusso di lavoro, oltre all’aumento del numero di colleghi per l’immissione di dati e l’elaborazione dei casi”.

Nel momento in cui il documento, del primo trimestre del 2021, è stato inviato alla Food and Drug Administration (FDA) statunitense, Pfizer aveva assunto circa 600 lavoratori a tempo pieno in più per affrontare l’aumento di segnalazioni.

“Altri si uniscono ogni mese con un totale previsto di oltre 1.800 risorse aggiuntive entro la fine di giugno 2021”, ha affermato Pfizer.

Il documento è stato intitolato “analisi cumulativa delle segnalazioni di eventi avversi post-autorizzazione” del vaccino Pfizer ricevute fino al 28 febbraio 2021. È stato approvato dalla FDA il 30 aprile 2021.

Il documento non è stato reso pubblico fino a quando i professionisti sanitari e medici per la trasparenza hanno citato in giudizio la FDA dopo che l’agenzia ha affermato che erano necessari decenni per produrre tutti i documenti relativi all’autorizzazione all’uso di emergenza concessa all’azienda per il vaccino.

In base a un accordo raggiunto a febbraio, la FDA deve produrre un certo numero di pagine ogni mese.

L’analisi delle segnalazioni di eventi avversi è stata precedentemente divulgata al gruppo per la trasparenza sanitaria, ma alcune parti sono state redatte (pdf), incluso il numero di lavoratori di Pfizer per far fronte all’aumento delle segnalazioni di eventi avversi.

“Abbiamo chiesto che le redazioni a pagina 6 di questo rapporto fossero revocate e la FDA ha acconsentito senza fornire spiegazioni”, ha detto a The Epoch Times Aaron Siri, un avvocato che rappresenta i querelanti.

Dopo che il documento è stato prodotto, la FDA ha stabilito che le tre redazioni su quella pagina “potrebbero essere revocate”, ha detto un portavoce della FDA a The Epoch Times via e-mail.

Le redazioni erano state fatte ai sensi (b) (4) del Freedom of Information Act, che consente alle agenzie di “tenere segreti commerciali e informazioni commerciali o finanziarie ottenute da una persona che è privilegiata o riservata”.

La versione non modificata del documento ora mostra anche che circa 126 milioni di dosi di Pfizer sono state spedite in tutto il mondo da quando l’azienda ha ricevuto la prima autorizzazione, dalle autorità di regolamentazione statunitensi, il 1° dicembre 2020. Le spedizioni sono avvenute fino al 28 febbraio 2021 .

Non era chiaro quante di quelle dosi fossero state somministrate a quella data.

Pfizer non ha risposto alle domande inviate via e-mail, incluso il numero di dipendenti che ha assunto per far fronte a eventi avversi.

Le aziende che producono gli altri due vaccini COVID-19 che le autorità di regolamentazione statunitensi hanno autorizzato, Moderna e Johnson & Johnson, non hanno risposto alla domanda se hanno visto un aumento degli eventi avversi e se hanno assunto più dipendenti per gestire le segnalazioni.

Il numero di segnalazioni di eventi avversi post-vaccinazione al Vaccine Adverse Event Reporting System, gestito congiuntamente dalla FDA e dai Centers for Disease Control and Prevention, è aumentato da quando i vaccini sono stati autorizzati per la prima volta.

I problemi legati ai vaccini includono infiammazione del cuore, coagulazione del sangue e grave shock allergico.

Funzionari federali affermano che i benefici dei vaccini superano i rischi, ma alcuni esperti mettono sempre più in dubbio tale affermazione, in particolare per alcune popolazioni.

Fonte

pfizer-headquarters-700x420-1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Nuovi documenti rivelano migliaia di eventi avversi legati al vaccino Covid di Pfizer

Nuovi documenti rilasciati dopo che medici, professori e giornalisti hanno presentato una richiesta FOIA, hanno rivelato circa 158.000 eventi avversi legati al vaccino Covid di Pfizer.

Rilasciato dopo che un giudice federale del Texas ha ordinato alla FDA di rendere pubblici i dati su cui si basava per autorizzare il vaccino Covid di Pfizer, i documenti elencano 1.291 effetti collaterali del vaccino.

Secondo l’Express, è la prima volta che il pubblico può accedere ai dati che Pfizer ha presentato alla FDA dai suoi studi clinici a sostegno di una licenza per il vaccino COVID-19.

Quando Pfizer ha richiesto l’approvazione della FDA, era a conoscenza di quasi 158.000 eventi avversi del loro vaccino e ha chiesto che questi documenti rimanessero sigillati per 75 anni.

Nel video seguente, il dottor John Campbell esamina e spiega i risultati di quei documenti Pfizer che hanno cercato di rinchiudere per 75 anni

L’elenco degli effetti collaterali negativi nei documenti include:

Danno renale acuto
Mielite flaccida acuta
Anticorpi Antispermatozoo
Embolia del tronco cerebrale
Trombosi del tronco cerebrale
Infarto
Insufficienza cardiaca
Trombosi ventricolare cardiaca
Shock cardiogenico
Vasculite del sistema nervoso centrale
Morte neonatale
Trombosi venosa profonda
Encefalite tronco encefalico
Encefalite emorragica
Epilessia del lobo frontale
Schiuma dalla bocca
Psicosi epilettica
Paralisi facciale
Sindrome da sofferenza fetale
Amiloidosi gastrointestinale
Crisi tonico-cloniche generalizzate
Encefalopatia di Hashimoto
Trombosi vascolare epatica
Riattivazione dell’herpes zoster
Epatite immuno-mediata
Malattia polmonare interstiziale
Embolia della vena giugulare
Epilessia mioclonica giovanile
Danno al fegato
Diminuzione del peso alla nascita
Sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini
Pancreatite, polmonite
Tachicardia
Epilessia del lobo temporale
Autoimmunità testicolare
Infarto cerebrale trombotico
Diabete mellito di tipo 1
Trombosi venosa neonatale
Trombosi dell’arteria vertebrale.

Fonte

118379347_f959b3bf-db0b-4dc9-822e-64a7ea6170e0

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €