Archivi Blog

Il CDC indaga su 180 casi di bambini con epatite la cui causa è “sconosciuta”

Ma altri esperti affermano che sono stati causati dal lockdown che ha indebolito il sistema immunitario

Il CDC sta ora indagando su 180 casi di bambini con epatite la cui causa è “sconosciuta”, anche se esperti sanitari nel Regno Unito affermano che la causa potrebbe derivare dal fatto che i bambini abbiano un sistema immunitario indebolito a causa dei lockdown.

Ci sono stati cinque decessi negli Stati Uniti a causa delle infezioni, anche molti altri paesi nel mondo sono stati colpiti da questa piaga.

“L’infezione da adenovirus è oggetto di indagine come possibile causa, con quasi la metà dei bambini risultati positivi all’agente patogeno”, riferisce la CNBC. “L’adenovirus è un virus comune che normalmente causa sintomi simili al raffreddore o all’influenza. Non è una causa nota di epatite nei bambini altrimenti sani”.

Come abbiamo evidenziato il mese scorso, gli esperti di salute nel Regno Unito hanno avvertito che l’epidemia è stata probabilmente causata da molteplici lockdown COVID-19 che impediscono ai bambini di socializzare con gli altri e quindi di sviluppare un forte sistema immunitario.

Gli adenovirus causano il comune raffreddore, ma questo può trasformarsi in epatite se un sistema immunitario indebolito non è in grado di combatterlo.

“Penso che sia probabile che i bambini dell’asilo e delle scuole elementari abbiano un’immunità agli adenovirus stagionali inferiore rispetto agli anni precedenti a causa delle restrizioni”, ha affermato il professor Simon Taylor-Robinson.

“Ciò significa che potrebbero essere più a rischio di sviluppare l’epatite perché la loro risposta immunitaria è più debole al virus”, ha aggiunto.

Da nessuna parte nei mainsteam media vengono citati i lockdown come causa di questa nuova epidemia.

Invece, il CDC sta ancora “conducendo test di laboratorio per vedere se il virus Covid potrebbe essere una possibile causa”, nonostante il fatto che i bambini colpiti nel gruppo iniziale di casi in Alabama non avessero COVID-19.

I media tradizionali sono restii ad ammettere che gli stessi lockdown che hanno sostenuto con veemenza avranno conseguenze drastiche negli anni a venire.

Come abbiamo evidenziato in precedenza, un nuovo studio pubblicato sulla rivista Royal Society Open Science ha scoperto che i lockdown nel Regno Unito hanno causato la depressione clinica di circa 60.000 bambini.

Un importante studio della Johns Hopkins University ha concluso che i lockdown globali hanno avuto un impatto molto più dannoso sulla società di quanto non abbiano prodotto beneficio, con i ricercatori che hanno esortato che “sono infondati e dovrebbero essere respinti come strumento politico pandemico”.

Molti bambini soffrono anche di disturbi cognitivi dello sviluppo e del linguaggio dovuti agli adulti che hanno indossato mascherine durante la pandemia.

Fonte

190522child1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Un ampio studio peer-reviewed dimostra che l’ivermectina funziona contro il COVID-19

I risultati provengono dal più grande studio al mondo sull’ivermectina contro il COVID-19.

I ricercatori in Brasile hanno scoperto che l’uso regolare dell’ivermectina come agente profilattico era associato a tassi di infezione, ospedalizzazione e mortalità significativamente ridotti.

Lo studio è stato condotto a Itajaí, una città portuale nello stato di Santa Catarina, tra luglio e dicembre 2020. Gli autori dello studio includono i medici dell’FLCCC, il dott. Flavio Cadegiani e il dott. Pierre Kory. L’autrice principale, la dott.ssa Lucy Kerr, è stata avvicinata dal sindaco di Itajaí, dopo che la città ha iniziato a sperimentare una grave epidemia di COVID.

L’intera popolazione di Itajaí è stata invitata a partecipare al programma, che prevedeva una visita medica per raccogliere informazioni di base, personali, demografiche e mediche. In assenza di controindicazioni, l’ivermectina è stata proposta come trattamento preventivo, da assumere per due giorni consecutivi ogni 15 giorni alla dose di 0,2 mg/kg/giorno.

Dei 223.128 cittadini di Itajaí presi in considerazione per lo studio, un totale di 159.561 soggetti hanno scelto di partecipare: oltre il 70% ha scelto di assumere ivermectina e il 23% ha scelto di non farlo.

Riduzione dei tassi di infezione e ospedalizzazione
Lo studio ha riscontrato una riduzione del 44% del tasso di infezione da COVID-19 a favore del gruppo che ha assunto ivermectina (3,5% contro 8,2%).

Nei casi in cui un cittadino partecipante di Itajaí si ammalasse di COVID-19, gli è stato raccomandato di non usare l’ivermectina o qualsiasi altro farmaco nel trattamento ambulatoriale precoce. Di coloro che sono stati infettati, sono stati confrontati due gruppi di uguali dimensioni e altamente abbinati (uno che utilizzava l’ivermectina come profilassi e uno che non lo faceva). L’uso regolare di ivermectina preventiva ha portato a una riduzione del 68% della mortalità per COVID-19 (0,8% contro 2,6%) e del 56% del tasso di ospedalizzazione (1,6% contro 3,3%).

Metodi di studio
Poiché i vaccini non erano disponibili in quel momento e esistevano poche alternative profilattiche in assenza di vaccini, Itajaí ha avviato un programma governativo a livello di popolazione per la profilassi da COVID-19. Questo è stato uno studio osservazionale prospettico che ha consentito ai soggetti di auto-selezionare tra trattamento e non trattamento. L’uso dell’ivermectina era facoltativo e basato sulle preferenze dei pazienti, dato che i suoi benefici come agente preventivo non erano stati dimostrati.

Per garantire la sicurezza della popolazione, è stato sviluppato un programma per computer per raccogliere e mantenere tutti i dati demografici e clinici rilevanti. Tutti i soggetti sono stati pesati per poter calcolare con precisione la dose corretta di ivermectina. Inoltre, è stata condotta una breve valutazione medica per registrare l’anamnesi passata, le comorbidità, l’uso di farmaci e le controindicazioni ai farmaci.

Le seguenti variabili sono state analizzate e aggiustate come fattori di confondimento o utilizzate per bilanciare e abbinare i gruppi per la corrispondenza del punteggio di propensione:

Età

Sesso

Precedenti malattie (infarto del miocardio e ictus)

Comorbilità preesistenti (diabete di tipo 2, asma, broncopneumopatia cronica ostruttiva, ipertensione, dislipidemia, malattie cardiovascolari, cancro [di qualsiasi tipo] e altre malattie polmonari)

Fumo

Sono stati esclusi dal campione i pazienti che presentavano segni o diagnosi di COVID-19 prima del 7 luglio 2020. Altri criteri di esclusione includevano controindicazioni all’ivermectina e all’età (sono stati esclusi i soggetti di età inferiore a 18 anni).

Durante lo studio, i soggetti a cui è stato diagnosticato il COVID-19 sono stati sottoposti a una visita medica specifica per valutare le manifestazioni cliniche e la gravità della malattia. A tutti i soggetti con sintomi è stato raccomandato di non usare ivermectina, nitazoxanide, idrossiclorochina, spironolattone o qualsiasi altro farmaco ritenuto efficace contro COVID-19. La città non ha fornito né sostenuto alcun trattamento ambulatoriale farmacologico specifico per i soggetti infetti da COVID-19.

Risultati intriganti
È interessante notare che il gruppo che si è auto-selezionato per assumere ivermectina era più anziano e aveva più comorbidità rispetto al gruppo che non ha optato per alcun trattamento. Questi risultati mostrano che l’ivermectina profilattica può essere un fattore attenuante nei gruppi con un rischio maggiore di morbilità.

La convinzione che le terapie preventive e terapeutiche precoci indurrebbero le persone ad allentare la cautela di rimanere socialmente distanziati, portando a più infezioni correlate al COVID-19, non è supportata qui.

I dati dimostrano che l’uso di ivermectina preventiva riduce significativamente il tasso di infezione e che i benefici superano il presunto aumento del rischio di cambiamenti nei comportamenti sociali.

Fonte

https-_bucketeer-e05bbc84-baa3-437e-9518-adb32be77984.s3.amazonaws.com_public_images_1c50f4bc-bf96-4c30-a999-f1314baf92c7_2000x1428

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

I non vaccinati in Austria potrebbero essere imprigionati per un anno

Le persone in Austria che non vogliono vaccinarsi potrebbero ritrovarsi in carcere per un anno.

Susanne Fürst del Partito della libertà austriaco (FPÖ), che ha votato contro l’emendamento, ha avvertito che potrebbe essere usato per punire i non vaccinati con condanne molto più dure.

L’emendamento aumenta le multe da € 726 (£ 617 / $ 818) a € 2.000 (£ 1.701 / $ 2.255) e aumenta il tempo di reclusione per coloro che si rifiutano di pagare da quattro settimane a un anno.

Dato che gli austriaci che non vengono vaccinati entro febbraio rischiano multe fino a € 7.200 ($ 8.000) per non conformità, coloro che si rifiutano di pagare dovrebbero anche affrontare una pena detentiva di 12 mesi.

L’emendamento ordina anche alle persone incarcerate di pagare la propria reclusione.

Nonostante Fürst abbia protestato che l’emendamento potrebbe essere utilizzato per punire ulteriormente i non vaccinati, la misura è stata comunque approvata.

Nel momento in cui è stato annunciato, il cancelliere Alexander Schallenberg ha promesso di colpire i non vaccinati con “pene” se si fossero rifiutati di ricevere l’iniezione, affermando che avrebbero dovuto “soffrire”.

Dato che alcuni tecnocrati affermano che il programma di vaccinazione non finirà mai, la condanna iniziale a un anno di carcere per i no-vax potrebbe essere solo l’inizio.

Fonte

101221austria1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il CEO di Pfizer dichiara che sono in arrivo le “rivaccinazioni annuali” per COVID

È “lo scenario più probabile”

Il CEO di Pfizer Albert Bourla ha nuovamente dichiarato lunedì che lo “scenario più probabile” nel prossimo futuro è la “rivaccinazione annuale” per COVID.

Bourla ha fatto i commenti in un’intervista alla CNBC, osservando “Mesi fa ho fatto una proiezione secondo cui lo scenario più probabile è che avremmo bisogno dopo la terza dose, una rivaccinazione annuale contro il Covid”.

“Penso che avremo una rivaccinazione annuale e questo dovrebbe essere in grado di tenerci davvero al sicuro”, ha aggiunto Bourla.

Guarda:

I commenti di Bourla sono arrivati poco prima che il CDC raccomandasse a ogni adulto statunitense di età superiore ai 18 anni di farsi il richiamo Covid per contrastare la variante “Omicron”.

“Oggi, il CDC sta rafforzando la sua raccomandazione sulle dosi di richiamo per le persone di età pari o superiore a 18 anni”, ha affermato il direttore del CDC Rochelle Walensky in una nota.

“La recente comparsa della variante Omicron sottolinea ulteriormente l’importanza della vaccinazione, dei richiami e degli sforzi di prevenzione necessari per proteggersi dal COVID-19”, ha affermato.

All’inizio di questo mese, Bourla ha dichiarato che le persone che diffondono “disinformazione” sui vaccini COVID-19, ovvero qualsiasi cosa contraria a ciò che lui e il CDC dicono su di loro, dovrebbero essere trattate come “criminali”.

“Quelle persone sono criminali”, ha detto al CEO dell’Atlantic Council Frederick Kempe. “Non sono cattive persone. Sono criminali perché sono letteralmente costati milioni di vite”.

Bourla ha continuato suggerendo che la vita sarebbe “tornata alla normalità” solo una volta che i non vaccinati fossero stati vaccinati.

“L’unica cosa che si frappone tra il nuovo stile di vita e l’attuale stile di vita è, francamente, l’esitazione nelle vaccinazioni”, ha detto.

Fonte

screenshot-2021-11-30-at-11.06.41-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Un video virale mostra un uomo con addosso diverse mascherine espulso da Walmart per aver scattato foto di un bambina

Il padre affronta il pervertito dopo aver scattato delle foto a sua figlia perche` non indossava una maschera.

Un video virale mostra un uomo molto agitato che indossa diverse mascherine che viene espulso da Walmart perché ha fotografato una bambina che non ne indossava una.

Il video, in cui l’uomo si comporta in modo bizzarro per tutto il tempo, viene presentato come un esempio di come la paura dei mass media sul COVID-19 abbia inflitto danni psicologici permanenti alla società.

La clip inizia con l’uomo che viene affrontato da un padre che gli chiede: “Dimmi perché stavi fotografando me e mia figlia”.

L’uomo con più mascherine borbotta in modo incoerente attraverso il viso mentre tenta di fuggire, con la carta igienica in mano.

“Così posso rimanere in vita”, risponde alla fine l’uomo mascherato.

“Così puoi rimanere in vita, è per questo che stavi fotografando mia figlia minorenne?” chiede il padre.

Il verme continua a borbottare mentre il papà gli dice: “Sei davvero coraggioso con le tue 90 maschere addosso”.

La clip finisce quindi con il verme che imbusta la sua spesa e quasi ha un attacco di panico ogni volta che qualcuno si avvicina a lui.

Poi dice: “Ho scattato una foto perché non indossavi una maschera, l’ho cancellata”.

“Questo è incredibile ragazzi, questo è quello che hanno fatto alla nostra società”, commenta il padre mentre lo staff di Walmart chiede al verme di andarsene e gli dice che non è piu` il benvenuto.

In una bizzarra pantomima finale, il verme è così paranoico riguardo a chiunque si avvicini a lui che si abbassa e si agita come se fosse in un incontro di boxe, presumibilmente per evitare il virus.

“Guarda quanto ha paura del COVID ragazzi, guarda quanto ha paura”, conclude il padre.

Fonte

291121creep1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Variante Omicron rilevata per la prima volta in quattro persone completamente vaccinate

Il governo del Botswana rilascia una dichiarazione pubblica sul nuovo ceppo mutante.

La nuova variante “Omicron” è stata rilevata per la prima volta in quattro persone completamente vaccinate, secondo una dichiarazione pubblica del governo del Botswana.

La nuova variante, che alcuni sostengono sia tre volte più contagiosa, è stata inizialmente scoperta in Botswana prima che si diffondesse in tutto il Sudafrica.

La notizia è stata accolta con allarme globale, spingendo i mercati finanziari a precipitare e a mettere in atto nuovi divieti di viaggio.

Secondo una dichiarazione pubblica del governo del Botswana, la nuova mutazione è stata scoperta per la prima volta in quattro persone che avevano ricevuto entrambe le dosi del vaccino COVID-19.

Secondo il rapporto, quattro casi della nuova variante “sono stati segnalati e registrati” il 22 novembre.

“Il rapporto preliminare ha rivelato che tutti e quattro erano stati completamente vaccinati per il COVID-19”, secondo le autorità del Botswana.

In una successiva dichiarazione, il governo ha rivelato che la nuova variante “è stata rilevata su quattro cittadini stranieri entrati in Botswana il 7 novembre 2021, in missione diplomatica”.

“Il quartetto è risultato positivo al COVID-19 l’11 novembre 2021 mentre si preparavano a tornare”, secondo la dichiarazione.

In una buona notizia, altri che hanno avuto stretti contatti con gli infetti “non hanno sintomi di COVID-19 e sono risultati negativi per COVID-19”.

Nel frattempo, il capo medico del Sud Africa, la dott.ssa Angelique Coetzee, ha descritto il panico come una “tempesta in una tazza da tè”, aggiungendo che finora aveva visto solo “casi molto lievi” della variante.

Fonte

261121botswana1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

I media dichiarano il “lockdown climatico” una “teoria del complotto” mentre l’India si prepara a imporre un lockdown climatico

I viaggi non essenziali sono stati vietati mentre a decine di milioni è stato detto di lavorare da casa.

Mentre i media dichiarano che la nozione di “lockdown climatico” è una “teoria della cospirazione”, l’India si prepara a imporre un lockdown climatico per ridurre l’inquinamento.

Sì davvero.

NPR riporta i dettagli del lockdown sotto il titolo “L’inquinamento atmosferico di Nuova Delhi è così grave che i funzionari chiedono un lockdown in tutta la città”.

“La Corte Suprema indiana chiede un lockdown nella capitale, Nuova Delhi. È a causa di un’emergenza sanitaria, ma non si tratta di COVID-19. Riguarda l’inquinamento atmosferico”, afferma il pezzo.

Le autorità hanno deciso di vietare tutti i viaggi non essenziali sulle strade della regione della capitale nazionale, ordinando a decine di milioni di persone di lavorare da casa.

Anche i cantieri stanno chiudendo insieme alle scuole, molte delle quali aperte solo di recente dopo il lockdown COVID-19.

Il primo ministro di Delhi chiede anche agli stati vicini di imporre misure simili.

L’annuncio è sincronizzato perfettamente dato che l’emittente britannica Sky News ha appena pubblicato un lungo articolo in cui afferma che i “lockdown climatici” sono una teoria della cospirazione inventata dai negazionisti del COVID-19.

“La cospirazione verde più comune è l’affermazione di un imminente “lockdown climatico”, in cui i paesi saranno bloccati per lunghi periodi per raggiungere gli obiettivi del cambiamento climatico”, afferma l’articolo, etichettando l’idea come “”teoria falsa”.

L’articolo cita Callum Hood, del Center for Countering Digital Hate, che afferma che i teorici della cospirazione stanno spingendo la falsa idea dei lockdown climatici come mezzo per “giustificare le loro teorie del complotto sulla pandemia di COVID”.

“Poiché molte restrizioni COVID vengono revocate, alcuni di questi gruppi affermano invece che i “lockdown climatici” saranno utilizzati per raggiungere gli stessi obiettivi”, ha affermato Hood.

Quindi sei un pericoloso teorico della cospirazione per aver suggerito che i “lockdown climatici” potranno essere utilizzati dai governi come strumento di controllo della popolazione … mentre l’India sta letteralmente lanciando piani per fare proprio questo.

Nota ancora una volta come i media e la censura sostenuta dallo stato mettano le mani avanti dichiarando certe idee “teorie della cospirazione” e “notizie false” anche se il secondo paese più popoloso del mondo sta letteralmente per attuare proprio quell’agenda.

Fonte

171121india1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Rapporto del governo rileva che il Green Pass potrebbe aumentare la diffusione del COVID

Obbligandoli a visitare luoghi più piccoli e poco ventilati.

Un rapporto trapelato del governo inglese riporta il fatto che il Green Pass potrebbe effettivamente esacerbare la diffusione del COVID perché incoraggere le persone a visitare luoghi più piccoli e meno ventilati.

Secondo il rapporto, redatto dal Department of Digital, Culture, Media and Sport[DCMS], l’introduzione del Green Pass potrebbe effettivamente avere l’effetto opposto di quanto sperato.

“Se la certificazione allontanera` alcuni fan dagli stadi che sono ben ventilati, ciò potrebbe far si che frequentino invece pub scarsamente ventilati, dove avranno accesso a più alcol rispetto a quello disponibile negli stadi”, afferma il rapporto. “Durante gli europei abbiamo notato dei picchi nei casi associati ai pub anche quando l’Inghilterra giocava all’estero”.

“Introdurre il Green Pass ridurrebbe anche il fatturato per gli organizzatori di eventi dove e’ necessario utilizzare i passaporti vaccinali e richiederebbe l’assunzione di migliaia di nuovi steward che potrebbero essere difficili da trovare”, riporta il Telegraph.

Dopo che la Scozia ha cercato di introdurre i passaporti vaccinali, il processo è stato definito un “disastro assoluto”, con il personale dei locali notturni che ha subito abusi e la tecnologia utilizzata in questi sistemi non si e` rivelata all’altezza.

Molti locali hanno deciso di chiudere in anticipo e hanno perso il 40% della loro clientela, dimostrando ancora una volta come lo schema metterà definitivamente fuori gioco innumerevoli locali notturni che operano con un margine di profitto del 15%.

Un altro esempio di come i passaporti vaccinali siano in gran parte inutili è il fatto che fornire un test negativo non viene più offerto come opzione, nonostante il fatto che i vaccinati possano ancora trasmettere il virus.

Fonte

261021pass1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Joe Rogan accusa Google di “nascondere informazioni” sulle morti causate dal vaccino

“Se volevo trovare casi specifici su persone morte per lesioni legate al vaccino, dovevo utilizzare il motore di ricerca Duck Duck Go”.

Il golia dei podcast Joe Rogan ha accusato Google di aver nascosto le informazioni sui decessi legati ai vaccini, affermando di poter trovare articoli legittimi sull’argomento solo utilizzando altri motori di ricerca.

Parlando con il giornalista Alex Berenson, che è stato attaccato dai media di sinistra per aver semplicemente posto domande sull’efficacia dei vaccini COVID, Rogan ha detto “Qual è la fonte di tutto questo? Qual è l’epicentro di queste stronz***? … In particolare nel mio caso, perche’ dicono “sverminatore per cavalli”. Perché? Chi lo sta facendo?”

“È uno dei motivi per cui ho smesso di usare Google anche per cercare le cose”, ha continuato Rogan, aggiungendo “Stanno facendo qualcosa per controllare le informazioni”.

“Se volevo trovare casi specifici su persone morte per lesioni legate al vaccino, dovevo andare su Duck Duck Go. Non li trovavo su Google”, ha esortato Rogan.

Ha inoltre sottolineato: “E io sono tipo, ‘Okay, questo è pazzesco’. Ad esempio, voi ragazzi state nascondendo informazioni. Sto cercando persone molto specifiche e casi molto specifici, e ricevo siti web del CDC, e ricevo articoli sulla disinformazione collegata ai vaccini.”

Guarda:

Come abbiamo notato la scorsa settimana, durante lo stesso podcast, Rogan ha elogiato Tucker Carlson per aver avuto conversazioni con persone di sinistra, suscitando accuse infondate di essere un suprematista bianco.

Fonte

screenshot-2021-10-14-at-11.58.57-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Nonostante un tasso di vaccinazione del 95%, Harvard registra un “sostanziale focolaio” di COVID

Gli studenti del primo e del secondo anno sono costretti a studiare a distanza.

Nonostante abbia un tasso di vaccinazione superiore al 95%, la Harvard Business School è stata costretta a ricorrere all’insegnamento a distanza per gli studenti del primo e del secondo anno.

“Negli ultimi giorni, abbiamo assistito a un costante aumento delle infezioni tra la nostra popolazione studentesca, nonostante gli alti tassi di vaccinazione e i test frequenti”, ha detto a Poets&Quants Mark Cautela, capo delle comunicazioni per HBS.

Nonostante l’affermazione secondo cui l’epidemia “non si sta verificando nelle aule o in altri ambienti accademici del campus”, le autorità hanno “deciso di passare all’insegnamento a distanza per gli studenti del primo e del secondo anno, per la settimana del 27 settembre. al 10/03.”

Secondo Howard Foreman, professore di pratica manageriale alla Yale School of Management e medico, la situazione rappresenta un “focolaio” che continua a peggiorare con “11 nuovi studenti risultati positivi nell’ultimo giro di test”.

Il 95% degli studenti e il 96% dei dipendenti sono vaccinati contro il virus.

“Harvard sta quindi ammettendo implicitamente che l’efficacia del vaccino è diminuita fino alla totale inefficacia?” chiede Zero Hedge.

“Quindi, nonostante tutte le promesse di un ‘ritorno alla normalità’ se tutti fossero vaccinati (e in questo caso lo sono), le cose non sembrano essere cambiate .”

Le attività e le riunioni di gruppo ora sono state tutte spostate online, con Harvard che chiede agli studenti di limitare le interazioni di persona con gli altri al di fuori della propria famiglia.

Questo sottolinea ancora una volta come le persone saranno obbligate a ricevere richiami costanti, con tutti i relativi rischi per la salute, perché la longevità della protezione offerta dal vaccino è minima.

Nel frattempo, l’immunità naturale, che secondo alcuni studi offre una protezione 27 volte maggiore, è stata completamente screditata dai media, con VICE che ha recentemente negato totalmente la sua esistenza.

Nota anche che Joe Biden ha detto che ieri la vita in America non tornerà alla normalità fino a quando il 98% della popolazione non sarà vaccinato.

Harvard ha quasi raggiunto quel livello e la vita non è tornata alla normalità.

Fonte

280921harvard1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e’ sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €