Archivi Blog

I non vaccinati in Austria potrebbero essere imprigionati per un anno

Le persone in Austria che non vogliono vaccinarsi potrebbero ritrovarsi in carcere per un anno.

Susanne Fürst del Partito della libertà austriaco (FPÖ), che ha votato contro l’emendamento, ha avvertito che potrebbe essere usato per punire i non vaccinati con condanne molto più dure.

L’emendamento aumenta le multe da € 726 (£ 617 / $ 818) a € 2.000 (£ 1.701 / $ 2.255) e aumenta il tempo di reclusione per coloro che si rifiutano di pagare da quattro settimane a un anno.

Dato che gli austriaci che non vengono vaccinati entro febbraio rischiano multe fino a € 7.200 ($ 8.000) per non conformità, coloro che si rifiutano di pagare dovrebbero anche affrontare una pena detentiva di 12 mesi.

L’emendamento ordina anche alle persone incarcerate di pagare la propria reclusione.

Nonostante Fürst abbia protestato che l’emendamento potrebbe essere utilizzato per punire ulteriormente i non vaccinati, la misura è stata comunque approvata.

Nel momento in cui è stato annunciato, il cancelliere Alexander Schallenberg ha promesso di colpire i non vaccinati con “pene” se si fossero rifiutati di ricevere l’iniezione, affermando che avrebbero dovuto “soffrire”.

Dato che alcuni tecnocrati affermano che il programma di vaccinazione non finirà mai, la condanna iniziale a un anno di carcere per i no-vax potrebbe essere solo l’inizio.

Fonte

101221austria1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il CEO di Pfizer dichiara che sono in arrivo le “rivaccinazioni annuali” per COVID

È “lo scenario più probabile”

Il CEO di Pfizer Albert Bourla ha nuovamente dichiarato lunedì che lo “scenario più probabile” nel prossimo futuro è la “rivaccinazione annuale” per COVID.

Bourla ha fatto i commenti in un’intervista alla CNBC, osservando “Mesi fa ho fatto una proiezione secondo cui lo scenario più probabile è che avremmo bisogno dopo la terza dose, una rivaccinazione annuale contro il Covid”.

“Penso che avremo una rivaccinazione annuale e questo dovrebbe essere in grado di tenerci davvero al sicuro”, ha aggiunto Bourla.

Guarda:

I commenti di Bourla sono arrivati poco prima che il CDC raccomandasse a ogni adulto statunitense di età superiore ai 18 anni di farsi il richiamo Covid per contrastare la variante “Omicron”.

“Oggi, il CDC sta rafforzando la sua raccomandazione sulle dosi di richiamo per le persone di età pari o superiore a 18 anni”, ha affermato il direttore del CDC Rochelle Walensky in una nota.

“La recente comparsa della variante Omicron sottolinea ulteriormente l’importanza della vaccinazione, dei richiami e degli sforzi di prevenzione necessari per proteggersi dal COVID-19”, ha affermato.

All’inizio di questo mese, Bourla ha dichiarato che le persone che diffondono “disinformazione” sui vaccini COVID-19, ovvero qualsiasi cosa contraria a ciò che lui e il CDC dicono su di loro, dovrebbero essere trattate come “criminali”.

“Quelle persone sono criminali”, ha detto al CEO dell’Atlantic Council Frederick Kempe. “Non sono cattive persone. Sono criminali perché sono letteralmente costati milioni di vite”.

Bourla ha continuato suggerendo che la vita sarebbe “tornata alla normalità” solo una volta che i non vaccinati fossero stati vaccinati.

“L’unica cosa che si frappone tra il nuovo stile di vita e l’attuale stile di vita è, francamente, l’esitazione nelle vaccinazioni”, ha detto.

Fonte

screenshot-2021-11-30-at-11.06.41-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Un video virale mostra un uomo con addosso diverse mascherine espulso da Walmart per aver scattato foto di un bambina

Il padre affronta il pervertito dopo aver scattato delle foto a sua figlia perche` non indossava una maschera.

Un video virale mostra un uomo molto agitato che indossa diverse mascherine che viene espulso da Walmart perché ha fotografato una bambina che non ne indossava una.

Il video, in cui l’uomo si comporta in modo bizzarro per tutto il tempo, viene presentato come un esempio di come la paura dei mass media sul COVID-19 abbia inflitto danni psicologici permanenti alla società.

La clip inizia con l’uomo che viene affrontato da un padre che gli chiede: “Dimmi perché stavi fotografando me e mia figlia”.

L’uomo con più mascherine borbotta in modo incoerente attraverso il viso mentre tenta di fuggire, con la carta igienica in mano.

“Così posso rimanere in vita”, risponde alla fine l’uomo mascherato.

“Così puoi rimanere in vita, è per questo che stavi fotografando mia figlia minorenne?” chiede il padre.

Il verme continua a borbottare mentre il papà gli dice: “Sei davvero coraggioso con le tue 90 maschere addosso”.

La clip finisce quindi con il verme che imbusta la sua spesa e quasi ha un attacco di panico ogni volta che qualcuno si avvicina a lui.

Poi dice: “Ho scattato una foto perché non indossavi una maschera, l’ho cancellata”.

“Questo è incredibile ragazzi, questo è quello che hanno fatto alla nostra società”, commenta il padre mentre lo staff di Walmart chiede al verme di andarsene e gli dice che non è piu` il benvenuto.

In una bizzarra pantomima finale, il verme è così paranoico riguardo a chiunque si avvicini a lui che si abbassa e si agita come se fosse in un incontro di boxe, presumibilmente per evitare il virus.

“Guarda quanto ha paura del COVID ragazzi, guarda quanto ha paura”, conclude il padre.

Fonte

291121creep1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Variante Omicron rilevata per la prima volta in quattro persone completamente vaccinate

Il governo del Botswana rilascia una dichiarazione pubblica sul nuovo ceppo mutante.

La nuova variante “Omicron” è stata rilevata per la prima volta in quattro persone completamente vaccinate, secondo una dichiarazione pubblica del governo del Botswana.

La nuova variante, che alcuni sostengono sia tre volte più contagiosa, è stata inizialmente scoperta in Botswana prima che si diffondesse in tutto il Sudafrica.

La notizia è stata accolta con allarme globale, spingendo i mercati finanziari a precipitare e a mettere in atto nuovi divieti di viaggio.

Secondo una dichiarazione pubblica del governo del Botswana, la nuova mutazione è stata scoperta per la prima volta in quattro persone che avevano ricevuto entrambe le dosi del vaccino COVID-19.

Secondo il rapporto, quattro casi della nuova variante “sono stati segnalati e registrati” il 22 novembre.

“Il rapporto preliminare ha rivelato che tutti e quattro erano stati completamente vaccinati per il COVID-19”, secondo le autorità del Botswana.

In una successiva dichiarazione, il governo ha rivelato che la nuova variante “è stata rilevata su quattro cittadini stranieri entrati in Botswana il 7 novembre 2021, in missione diplomatica”.

“Il quartetto è risultato positivo al COVID-19 l’11 novembre 2021 mentre si preparavano a tornare”, secondo la dichiarazione.

In una buona notizia, altri che hanno avuto stretti contatti con gli infetti “non hanno sintomi di COVID-19 e sono risultati negativi per COVID-19”.

Nel frattempo, il capo medico del Sud Africa, la dott.ssa Angelique Coetzee, ha descritto il panico come una “tempesta in una tazza da tè”, aggiungendo che finora aveva visto solo “casi molto lievi” della variante.

Fonte

261121botswana1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

I media dichiarano il “lockdown climatico” una “teoria del complotto” mentre l’India si prepara a imporre un lockdown climatico

I viaggi non essenziali sono stati vietati mentre a decine di milioni è stato detto di lavorare da casa.

Mentre i media dichiarano che la nozione di “lockdown climatico” è una “teoria della cospirazione”, l’India si prepara a imporre un lockdown climatico per ridurre l’inquinamento.

Sì davvero.

NPR riporta i dettagli del lockdown sotto il titolo “L’inquinamento atmosferico di Nuova Delhi è così grave che i funzionari chiedono un lockdown in tutta la città”.

“La Corte Suprema indiana chiede un lockdown nella capitale, Nuova Delhi. È a causa di un’emergenza sanitaria, ma non si tratta di COVID-19. Riguarda l’inquinamento atmosferico”, afferma il pezzo.

Le autorità hanno deciso di vietare tutti i viaggi non essenziali sulle strade della regione della capitale nazionale, ordinando a decine di milioni di persone di lavorare da casa.

Anche i cantieri stanno chiudendo insieme alle scuole, molte delle quali aperte solo di recente dopo il lockdown COVID-19.

Il primo ministro di Delhi chiede anche agli stati vicini di imporre misure simili.

L’annuncio è sincronizzato perfettamente dato che l’emittente britannica Sky News ha appena pubblicato un lungo articolo in cui afferma che i “lockdown climatici” sono una teoria della cospirazione inventata dai negazionisti del COVID-19.

“La cospirazione verde più comune è l’affermazione di un imminente “lockdown climatico”, in cui i paesi saranno bloccati per lunghi periodi per raggiungere gli obiettivi del cambiamento climatico”, afferma l’articolo, etichettando l’idea come “”teoria falsa”.

L’articolo cita Callum Hood, del Center for Countering Digital Hate, che afferma che i teorici della cospirazione stanno spingendo la falsa idea dei lockdown climatici come mezzo per “giustificare le loro teorie del complotto sulla pandemia di COVID”.

“Poiché molte restrizioni COVID vengono revocate, alcuni di questi gruppi affermano invece che i “lockdown climatici” saranno utilizzati per raggiungere gli stessi obiettivi”, ha affermato Hood.

Quindi sei un pericoloso teorico della cospirazione per aver suggerito che i “lockdown climatici” potranno essere utilizzati dai governi come strumento di controllo della popolazione … mentre l’India sta letteralmente lanciando piani per fare proprio questo.

Nota ancora una volta come i media e la censura sostenuta dallo stato mettano le mani avanti dichiarando certe idee “teorie della cospirazione” e “notizie false” anche se il secondo paese più popoloso del mondo sta letteralmente per attuare proprio quell’agenda.

Fonte

171121india1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Rapporto del governo rileva che il Green Pass potrebbe aumentare la diffusione del COVID

Obbligandoli a visitare luoghi più piccoli e poco ventilati.

Un rapporto trapelato del governo inglese riporta il fatto che il Green Pass potrebbe effettivamente esacerbare la diffusione del COVID perché incoraggere le persone a visitare luoghi più piccoli e meno ventilati.

Secondo il rapporto, redatto dal Department of Digital, Culture, Media and Sport[DCMS], l’introduzione del Green Pass potrebbe effettivamente avere l’effetto opposto di quanto sperato.

“Se la certificazione allontanera` alcuni fan dagli stadi che sono ben ventilati, ciò potrebbe far si che frequentino invece pub scarsamente ventilati, dove avranno accesso a più alcol rispetto a quello disponibile negli stadi”, afferma il rapporto. “Durante gli europei abbiamo notato dei picchi nei casi associati ai pub anche quando l’Inghilterra giocava all’estero”.

“Introdurre il Green Pass ridurrebbe anche il fatturato per gli organizzatori di eventi dove e’ necessario utilizzare i passaporti vaccinali e richiederebbe l’assunzione di migliaia di nuovi steward che potrebbero essere difficili da trovare”, riporta il Telegraph.

Dopo che la Scozia ha cercato di introdurre i passaporti vaccinali, il processo è stato definito un “disastro assoluto”, con il personale dei locali notturni che ha subito abusi e la tecnologia utilizzata in questi sistemi non si e` rivelata all’altezza.

Molti locali hanno deciso di chiudere in anticipo e hanno perso il 40% della loro clientela, dimostrando ancora una volta come lo schema metterà definitivamente fuori gioco innumerevoli locali notturni che operano con un margine di profitto del 15%.

Un altro esempio di come i passaporti vaccinali siano in gran parte inutili è il fatto che fornire un test negativo non viene più offerto come opzione, nonostante il fatto che i vaccinati possano ancora trasmettere il virus.

Fonte

261021pass1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Joe Rogan accusa Google di “nascondere informazioni” sulle morti causate dal vaccino

“Se volevo trovare casi specifici su persone morte per lesioni legate al vaccino, dovevo utilizzare il motore di ricerca Duck Duck Go”.

Il golia dei podcast Joe Rogan ha accusato Google di aver nascosto le informazioni sui decessi legati ai vaccini, affermando di poter trovare articoli legittimi sull’argomento solo utilizzando altri motori di ricerca.

Parlando con il giornalista Alex Berenson, che è stato attaccato dai media di sinistra per aver semplicemente posto domande sull’efficacia dei vaccini COVID, Rogan ha detto “Qual è la fonte di tutto questo? Qual è l’epicentro di queste stronz***? … In particolare nel mio caso, perche’ dicono “sverminatore per cavalli”. Perché? Chi lo sta facendo?”

“È uno dei motivi per cui ho smesso di usare Google anche per cercare le cose”, ha continuato Rogan, aggiungendo “Stanno facendo qualcosa per controllare le informazioni”.

“Se volevo trovare casi specifici su persone morte per lesioni legate al vaccino, dovevo andare su Duck Duck Go. Non li trovavo su Google”, ha esortato Rogan.

Ha inoltre sottolineato: “E io sono tipo, ‘Okay, questo è pazzesco’. Ad esempio, voi ragazzi state nascondendo informazioni. Sto cercando persone molto specifiche e casi molto specifici, e ricevo siti web del CDC, e ricevo articoli sulla disinformazione collegata ai vaccini.”

Guarda:

Come abbiamo notato la scorsa settimana, durante lo stesso podcast, Rogan ha elogiato Tucker Carlson per aver avuto conversazioni con persone di sinistra, suscitando accuse infondate di essere un suprematista bianco.

Fonte

screenshot-2021-10-14-at-11.58.57-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Nonostante un tasso di vaccinazione del 95%, Harvard registra un “sostanziale focolaio” di COVID

Gli studenti del primo e del secondo anno sono costretti a studiare a distanza.

Nonostante abbia un tasso di vaccinazione superiore al 95%, la Harvard Business School è stata costretta a ricorrere all’insegnamento a distanza per gli studenti del primo e del secondo anno.

“Negli ultimi giorni, abbiamo assistito a un costante aumento delle infezioni tra la nostra popolazione studentesca, nonostante gli alti tassi di vaccinazione e i test frequenti”, ha detto a Poets&Quants Mark Cautela, capo delle comunicazioni per HBS.

Nonostante l’affermazione secondo cui l’epidemia “non si sta verificando nelle aule o in altri ambienti accademici del campus”, le autorità hanno “deciso di passare all’insegnamento a distanza per gli studenti del primo e del secondo anno, per la settimana del 27 settembre. al 10/03.”

Secondo Howard Foreman, professore di pratica manageriale alla Yale School of Management e medico, la situazione rappresenta un “focolaio” che continua a peggiorare con “11 nuovi studenti risultati positivi nell’ultimo giro di test”.

Il 95% degli studenti e il 96% dei dipendenti sono vaccinati contro il virus.

“Harvard sta quindi ammettendo implicitamente che l’efficacia del vaccino è diminuita fino alla totale inefficacia?” chiede Zero Hedge.

“Quindi, nonostante tutte le promesse di un ‘ritorno alla normalità’ se tutti fossero vaccinati (e in questo caso lo sono), le cose non sembrano essere cambiate .”

Le attività e le riunioni di gruppo ora sono state tutte spostate online, con Harvard che chiede agli studenti di limitare le interazioni di persona con gli altri al di fuori della propria famiglia.

Questo sottolinea ancora una volta come le persone saranno obbligate a ricevere richiami costanti, con tutti i relativi rischi per la salute, perché la longevità della protezione offerta dal vaccino è minima.

Nel frattempo, l’immunità naturale, che secondo alcuni studi offre una protezione 27 volte maggiore, è stata completamente screditata dai media, con VICE che ha recentemente negato totalmente la sua esistenza.

Nota anche che Joe Biden ha detto che ieri la vita in America non tornerà alla normalità fino a quando il 98% della popolazione non sarà vaccinato.

Harvard ha quasi raggiunto quel livello e la vita non è tornata alla normalità.

Fonte

280921harvard1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e’ sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il problema della credibilità della FDA

Op-Ed scritto dall’ex assistente commissario della FDA Emily Miller tramite Emily Posts

Ho chiesto su “Emily’s Post” e sui social media questa settimana se qualcuno avesse cambiato idea sul farsi vaccinare dopo che la FDA ha approvato il vaccino Pfizer. Nessuna persona ha risposto “sì”.

Un anno fa, avrei cercato di convincere le persone che la FDA era il gold standard per i prodotti farmaceutici COVID.

Ora, vedo che l’agenzia deve fallire per essere costretta a fare cambiamenti radicali in modo che il pubblico possa fidarsi che l’etichetta “approvato dalla FDA” significa sicurezza e fiducia.

Ad aggravare il problema è che la mancanza di credibilità della FDA ha creato un vuoto in cui le teorie della cospirazione e la disinformazione crescono rapidamente. Il risultato è che molte persone non credono che il vaccino sia stato effettivamente approvato. Non si fidano che sia sicuro essere vaccinati. Non sanno nemmeno chi gestisce la FDA.

Se la FDA avesse reso l’autorizzazione dei vaccini e il successivo processo di approvazione di facile comprensione per il pubblico, questo pasticcio di sfiducia nei confronti dei vaccini non sarebbe avvenuto. Ma la FDA si rifiuta di lavorare chiaramente, fornendo informazioni in termini che tutti comprendiamo.

E tutto questo si sarebbe potuto evitare se l’ufficio stampa della FDA non avesse operato come il Cremlino della Guerra Fredda.

Il mio incarico alla FDA
Sono stata assunta dalla FDA durante la pandemia perché il commissario, il dottor Stephen Hahn, aveva bisogno di qualcuno esperto nel gestire la stampa in una situazione di crisi.

Sono stata una portavoce della leadership di Capitol Hill durante l’11 settembre e un addetto stampa al Dipartimento di Stato durante le guerre in Iraq e Afghanistan.

Le comunicazioni strategiche necessarie per il COVID non erano diverse da quelle viste durante la guerra. La FDA aveva bisogno di ottenere quante più informazioni consentite al pubblico il più rapidamente possibile ed essere accessibile ai giornalisti 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Hahn ha chiesto alla Casa Bianca di cambiare la posizione del vice commissario per gli affari dei media da funzionario pubblico a un incarico presidenziale in modo da poter assumere al di fuori del governo. Questa è una mossa molto rara e difficile, quindi la Casa Bianca facendo tutto questo sforzo ha dimostrato quanto fossero importanti le comunicazioni della FDA per l’Operazione Warp Speed.

Il commissario mi ha detto quando abbiamo parlato per la prima volta all’inizio di giugno 2020 che aveva bisogno di convincere il pubblico a fidarsi dei vaccini COVID in modo che li prendessero dopo le autorizzazioni all’uso di emergenza, previste in autunno.

Hahn ha affermato che il personale dei dipendenti pubblici di carriera non aveva esperienza con il tipo di relazioni con i media e comunicazioni strategiche necessarie per la pandemia di COVID.

Avevo lavorato al Dipartimento di Stato e avevo un nulla osta di sicurezza classificato di alto livello. Quindi sapevo come condividere con i giornalisti le informazioni che erano per il pubblico e trattenere ciò che sapevo essere classificato per la sicurezza.

L’ufficio stampa dello Stato ha parlato al telefono con i giornalisti tutto il giorno, tutti i giorni. C’erano briefing giornalieri. Era nostro compito fornire ai media tutte le informazioni di cui il pubblico aveva bisogno.

Al contrario, il mio dipartimento “relazioni con i media” presso la FDA era composto da dipendenti del governo che si rifiutavano di avere molti rapporti con i media.

La FDA e i media
Anche se lui e il capo dello staff (Keagan Lenihan) mi hanno avvertito, sono rimasta sorpresa di come la FDA sia stata istituzionalizzata per non condividere le informazioni con il pubblico.

Il mio staff non parlerebbe mai al telefono con i giornalisti. Si mandavano e-mail avanti e indietro e poi scrivevano solo una o due frasi di informazioni che erano state ripulite. Ho detto al mio staff di rispondere al telefono o di passarmi i giornalisti. Non lo fecero.

Come ha scritto il mio ex collega David Gortler su “Forbes” in un articolo intitolato “Come la mancanza di trasparenza della FDA mina la fiducia pubblica”:

Una parte enorme della mancanza di trasparenza alla FDA è il suo ufficio stampa, e in particolare, gli addetti stampa che la FDA impiega e le risposte sterilizzate e preconfezionate che dà alle legittime inchieste scientifiche .

Il dottor Hahn mi ha detto che una delle sue principali priorità era far sì che i comunicati stampa smettessero di essere pagine di noiosi termini scientifici e li rendessero facili da capire. Persino i responsabili della FDA mi hanno detto che non capivano alcuni dei comunicati stampa.

Ho implementato un nuovo sistema in cui tutto ciò che sarebbe stato visto dal pubblico (compresi i media) doveva essere scritto in termini laici e facile da capire. Ho vietato gli acronimi.

Se ti chiedessi di dirmi che aspetto ha il commissario ad interim della FDA Janet Woodcock, probabilmente non mi risponderesti. Questo perché non è mai in TV.

Questa è stata una mia grande frustrazione quando ero alla FDA perché, come ho detto ripetutamente allo staff, le notizie sono visive. Avevamo bisogno di una conferenza stampa, davanti alla telecamera, per ottenere un’ampia copertura televisiva e raggiungere la maggior parte degli americani. Mi hanno detto che la FDA semplicemente non tiene conferenze stampa davanti alla telecamera. Fanno conferenze telefoniche con i giornalisti.

La FDA si è attenuta alla loro tattica di comunicazione senza volto e ha nascosto Woodstock dietro un telefono. Hanno persino messo questa telefonata su Youtube. Ha ottenuto 18.000 visualizzazioni. Sono sicuro che i giornalisti siano costretti ad ascoltarla per le risposte, ma non possiamo dire la stessa cosa per una singola persona non vaccinata che soppesa una decisione.

LIVE NOW: The media call on the first COVID-19 vaccine approval is starting! Stream it here: https://t.co/ZsUebdzRUD— U.S. FDA (@US_FDA) August 23, 2021

Non ho visto nessuna rete televisiva utilizzare il video della telefonata dell’approvazione del vaccino. Più persone su YouTube hanno visto un uomo adulto mettere insieme un giocattolo Transformer rispetto al commissario della FDA che spiegava il vaccino.

Tutte le immagini di copertura mediatica dell’approvazione della FDA provenivano dalla conferenza stampa di Biden. Alla nazione è stato mostrato un presidente balbuziente e con gli occhi vuoti che leggeva un gobbo che diceva che la FDA era il “gold standard”. Non riesco a immaginare che qualcuno lo abbia trovato abbastanza rassicurante da farsi il vaccino.

Quando ho iniziato a lavorare alla FDA nell’agosto 2020, sono rimasto scioccato dal fatto che nessuno dei miei oltre 20 dipendenti sia venuto in ufficio. I trattamenti, i test e i vaccini contro il coronavirus sono stati le cose più importanti mai analizzate dalla FDA, ma non esisteva una “war room” standard per definire strategie e determinare le tattiche.

Ho detto al mio “consulente” Michael che volevo che lo staff tornasse al lavoro. Ha detto che era impossibile esaudire la mia richiesta. Ancora peggio, Michael – che stava “recitando” nel mio ruolo quando sono stato assunto e l’ha ripreso quando me ne sono andato – ha detto che non aveva lasciato il suo appartamento da sei mesi. Tutti gli incaricati della Casa Bianca lavoravano in ufficio, quindi questo non era un problema di salute.

Il personale della FDA lavorava 8 ore al giorno da casa e faceva gli straordinari o le ferie pagate per qualcosa di più. In qualsiasi altro lavoro, direi che è normale, ma questa è la FDA in una pandemia. mi aspettavo di più.

Il campus della FDA a Silver Spring, MD, mi sembrava un college. Ma era stranamente vuoto ogni volta che ci andavo. La FDA deve presentarsi e lavorare insieme per essere un’agenzia funzionale in una crisi. Non possono continuare a nascondersi dietro i loro gradi avanzati e titoli importanti.

La strategia del Gold Standard
Hahn e i suoi consiglieri senior pianificarono che il pubblico avrebbe accettato di farsi vaccinare finché non ci fossero prove di interferenze politiche da parte della Casa Bianca. La loro convinzione è che le persone verranno vaccinate dopo l’autorizzazione esclusivamente sulla base della credibilità della FDA.

Il problema con il piano “Deep State” di Hahn/FDA per vaccinare le persone in base alla propria credibilità è che non hanno consapevolezza di sé. Vivono in una bolla del proprio ego. Più e più volte, Hahn e gli alti funzionari hanno affermato che l’etichetta della FDA era un “standard di riferimento”.

Fonte

https-_bucketeer-e05bbc84-baa3-437e-9518-adb32be77984.s3.amazonaws.com_public_images___ss-rehost__ig-cs6zxppdh87

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Luc Montagner, vincitore del premio Nobel, avverte che i vaccini facilitano lo sviluppo di varianti più letali del COVID, esorta il pubblico a rifiutarli

Luc Montagnier, un virologo francese e vincitore del Premio Nobel per la Medicina nel 2008 per la sua scoperta del virus dell’immunodeficienza umana (HIV), ha recentemente esposto i pericoli dei vaccini COVID-19. Montagnier ha discusso la questione in un’intervista con Pierre Barnérias di Hold-Up Media all’inizio di maggio, che è stata tradotta esclusivamente dal francese all’inglese per RAIR Foundation USA.

I vaccini non fermano il virus, sostiene l’eminente virologo, fanno il contrario: “alimentano il virus” e facilitano il suo sviluppo in varianti più forti e più trasmissibili. Queste nuove varianti del virus saranno più resistenti alla vaccinazione e potrebbero causare maggiori implicazioni sulla salute rispetto alle loro versioni “originale”.

Durante l’intervista, il professor Montagnier ha definito il programma vaccinale per il coronavirus un “errore inaccettabile”. Le vaccinazioni di massa sono un “errore scientifico oltre che un errore medico”, ha affermato. “I libri di storia lo dimostreranno, perché è la vaccinazione che sta creando le varianti”. Montagnier ha spiegato che “ci sono anticorpi, creati dal vaccino”, che costringono il virus a “trovare un’altra soluzione” o morire. Qui è dove vengono create le varianti. Le varianti “sono una prodotto e un risultano dalla vaccinazione”.

Montagnier spiega che la mutazione e il rafforzamento del virus si verificano a causa del fenomeno noto come Antibody Dependent Enhancement (ADE). L’ADE è un meccanismo che aumenta la capacità di un virus di entrare nelle cellule e causare un peggioramento della malattia. L’ADE si verifica quando gli anticorpi generati durante una risposta immunitaria riconoscono e si legano a un agente patogeno, ma non sono in grado di prevenire l’infezione. Invece, questi anticorpi agiscono come un “cavallo di Troia”, consentendo all’agente patogeno di entrare nelle cellule e aggravare la risposta immunitaria.

In America, i vaccini raccomandati non causano ADE. Se lo facessero, verrebbero rimossi dalla circolazione. Gli studi clinici di fase III sui nuovi vaccini sono progettati per scoprire effetti collaterali frequenti o gravi prima che il vaccino venga approvato per l’uso. In genere, ci vogliono 2-4 anni per valutare se un vaccino è sicuro, ma con i vaccini COVID-19, i produttori impiegano circa sei mesi o meno per i test.

Secondo l’Università di Cambridge, l’ADE si verifica nell’infezione e nella vaccinazione da virus SARS-CoV-1, MERS, HIV, Zika e Dengue.

I dati provenienti da tutto il mondo confermano che l’ADE si verifica nella SARS-CoV-2, che causa il COVID-19, afferma Montagnier. “Lo vedi in ogni Paese, è lo stesso: la curva delle vaccinazioni è seguita dalla curva dei decessi. Lo sto seguendo da vicino e sto facendo esperimenti all’Istituto con pazienti che si sono ammalati di Corona dopo essere stati vaccinati”.

In un documentario medico Hold Up: Return of the Chaos, pubblicato in Francia l’11 novembre 2020, Montagnier ha rifiutato l’imminente vaccino contro il COVID, dicendo che non sarà vaccinato. “La mia coscienza mi dice di non farlo”, ha detto. Montagnier si rivolse anche ai suoi colleghi francesi, esortandoli a “sostenere i loro titoli [medici] non la propaganda”.

Il film discute le origini del virus, critica l’obbligo delle maschere che ‘ dannoso e irrazionale, nonché i lockdown, le quarantene, gli abusi del governo ed esplora trattamenti COVID efficaci come l’idrossiclorochina. Il video è stato bannato su YouTube, probabilmente perché i creatori implicano che il World Economic Forum abbia utilizzato la pandemia per stabilire il dominio mondiale come parte di un piano globale noto come Great Reset.

Montagnier è stato un critico vocale della campagna di vaccinazione di massa. In una lettera al presidente e ai giudici della Corte suprema dello Stato di Israele, che ha svolto la più rapida e massiccia campagna di vaccinazione del mondo, Montagnier ha detto:

“Vorrei riassumere i potenziali pericoli di questi vaccini in una politica di vaccinazione di massa.

  1. Effetti collaterali a breve termine: queste non sono le normali reazioni locali riscontrate per qualsiasi vaccinazione, ma reazioni gravi che coinvolgono la vita del ricevente come shock anafilattico legato a un componente della miscela vaccinale, o allergie gravi o una reazione autoimmune fino all’aplasia cellulare.
  2. Mancanza di protezione vaccinale:

    2.1 Induzione di anticorpi facilitatori – gli anticorpi indotti non neutralizzano un’infezione virale, ma al contrario la facilitano a seconda del ricevente. Quest’ultimo potrebbe essere già stato esposto al virus in modo asintomatico. Un basso livello di anticorpi indotti naturalmente può competere con gli anticorpi indotti dal vaccino.

    2.2 La produzione di anticorpi indotta dalla vaccinazione in una popolazione altamente esposta al virus porterà alla selezione di varianti resistenti a questi anticorpi. Queste varianti possono essere più virulente o più trasmissibili. Questo è ciò che stiamo vedendo ora.
  1. Effetti a lungo termine: contrariamente a quanto affermato dai produttori di vaccini a RNA messaggero, esiste il rischio di integrazione dell’RNA virale nel genoma umano. Infatti, ciascuna delle nostre cellule ha retrovirus endogeni con la capacità di invertire la trascrittasi dall’RNA al DNA. Sebbene questo sia un evento raro, non si può escludere il suo passaggio attraverso il DNA delle cellule germinali e la sua trasmissione alle generazioni future.

“Di fronte a un futuro imprevedibile, è meglio astenersi”.

All’inizio dello scorso anno, Montagnier ha presentato un potente caso che dimostrava che SARS-CoV2 poteva essere solo un coronavirus geneticamente modificato, quindi la strategia del vaccino dovrebbe basarsi su questo fatto.

Come riportato da French Soir, nella sua intervista televisiva del 17 aprile 2020, Montagnier ha attirato l’attenzione sulla presenza di almeno una mezza dozzina di mini-sequenze del virus HIV raggruppate in un breve segmento del genoma SARS-Cov2. Questa osservazione è stata pubblicata dal matematico Jean-Claude Perez nel febbraio 2020 con il titolo “Origine sintetica di Covid-19 ed evoluzione”. Queste mini-sequenze, secondo i ricercatori, potrebbero essere elementi informativi esogeni (EIA), cioè possono avere un significato genetico. Affermano che questa presenza inconfondibile di EIA concentrati, in relazione all’HIV ma anche con il parassita Yoeli Plasmodium, l’agente responsabile della malaria, non sarebbe naturale e quindi richiederebbe una strategia adeguata per sviluppare un vaccino sicuro ed efficace. Montagnier e Perez spiegano le sfide scientifiche e la complessità per sviluppare vaccini contro l’HIV e la malaria.

Montagnier sostiene che il coronavirus sia sfuggito dal laboratorio, mentre gli scienziati cinesi del laboratorio della città di Wuhan stavano cercando di sviluppare un vaccino contro l’HIV.

Nell’aprile 2020, Montagnier ha esortato le persone a rifiutare i vaccini contro COVID-19 quando saranno disponibili, perché “invece di prevenire l’infezione, [avrebbero] accelerato l’infezione”. Oggi, le nuove varianti di SARS-CoV-2 che colpiscono le persone vaccinate dimostrano la sua tesi. In questo caso, la vaccinazione di massa può causare una nuova ondata di pandemia più mortale.

La stessa tesi è condivisa dal virologo belga Vanden Bossche, che chiede anche lo stop ai programmi di vaccinazione di massa. Crede che se i vaccini non vengono fermati, potrebbero portare all’evoluzione di varianti sempre più forti del virus fino a quando un “supervirus” prendera’ piede spazzando via un numero enorme di persone.

Fonte

frances-luc-montagnier

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €