Archivi Blog

Su quali basi Pfizer ha rivendicato una efficacia del 95%?

Sepolto nel documento informativo della FDA per la riunione del Comitato consultivo sui vaccini e sui prodotti biologici correlati (VRBPAC) del 10 dicembre 2020, per il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19, ci sono dati allarmanti e una questione preoccupante che dovrebbe essere affrontata.

In primo luogo, vale la pena sottolineare che Pfizer ha utilizzato un “laboratorio centrale” (vedi pagina 13 del documento) di sua scelta, per confermare i casi di COVID-19 utilizzando un test PCR. ‘Se, in qualsiasi momento, un partecipante sviluppava una malattia respiratoria acuta, sarebbe stato visitato. Le valutazioni per queste visite includono un tampone nasale (turbinato intermedio), che viene testato in un laboratorio centrale utilizzando un test di reazione a catena della polimerasi della trascrizione inversa (RT-PCR).’

In precedenza ho scritto un rapporto investigativo approfondito sul test PCR. Il valore della soglia del ciclo (CT) utilizzato influisce notevolmente sull’esito di un test.

Secondo uno studio di Jaafar et al., gli autori hanno scoperto che quando si eseguono test PCR con 35 cicli o più, l’accuratezza scende al 3%, il che significa che fino al 97% dei risultati positivi potrebbe essere falso positivo.

Non ci sono informazioni sul valore CT utilizzato in questo “laboratorio centrale”.

Dato ciò che sappiamo, lo studio clinico cardine di Pfizer è stato di fatto, non in cieco: le loro linee guida sono chiaramente indicate all’interno del proprio protocollo di studio e per potenziali casi di COVID-19, il personale del sito di sperimentazione è stato immediatamente non era assolutamente in cieco. Ciò significa che il personale dello studio sapeva se un particolare partecipante sintomatico aveva il placebo o il vaccino.

Il tasso di efficacia del vaccino ampiamente pubblicizzato da Pfizer del 95% è emerso dai risultati dei test PCR generati da questo laboratorio centrale. Il fatto che l’esperimento non sia stato condotto in cieco degli studi clinici porta a un forte bias e a una grave perdita di integrità dei dati, quindi potenzialmente i valori CT avrebbero potuto essere aumentati per i partecipanti non vaccinati (placebo) che si sospettava avessero COVID-19, portando a risultati positivi Covid quasi garantiti. Per coloro che avevano il vaccino, il valore CT utilizzato avrebbe potuto essere molto inferiore, rendendo più probabile un risultato negativo.

A pagina 24 del documento, i risultati che mostrano il 95% di VE (efficacia del vaccino) per il vaccino sono riportati di seguito.

Il 95% VE (efficacia del vaccino) deriva dagli 8 casi confermati di Covid del gruppo vaccinato (da almeno 7 giorni dopo la Dose 2) rispetto ai 162 del gruppo placebo. Questi due dati sono essenzialmente ciò su cui la Pfizer si è basata per dimostrare che il loro vaccino è stato un successo.

Questi sono i dati su cui la FDA e altri organismi di regolamentazione in tutto il mondo hanno fatto affidamento per concedere l’EUA (Emergency Use Authorisation) per il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 e per la produzione di miliardi di dosi da spedire in tutto il mondo con alcuni paesi come l’Italia che hanno applicato controverse e draconiche manovre per far vaccinare la popolazione.

Una sezione chiave sepolta all’interno di questo documento, che allude forse al vero VE (efficacia del vaccino) in quel momento, sono i seguenti dati (trovati a pagina 42)

Queste erano persone che mostravano sintomi reali. Se calcoli il VE (efficacia del vaccino) da questi numeri, è un bassissimo 12%. L’efficacia del vaccino è calcolata dividendo la differenza tra il numero di casi nel gruppo placebo e in quello dei vaccinati, per il numero di casi nel gruppo placebo x 100 = VE (Efficacia del vaccino) 12 %

Questa è una notevolissima differenza rispetto al 95% di VE generato da test PCR facilmente manipolabili, condotti in un laboratorio centrale scelto da Pfizer. La cosa ancora più allarmante è che questi dati erano conosciuti quasi un anno e mezzo fa dalla stessa FDA.

Fonte

shutterstock_1891905688-800x469-2

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Scienziati scoprono del materiale genetico che collega il COVID al laboratorio cinese

Il campione di suolo contraddice la spiegazione dell’origine animale.

Scienziati in Ungheria che stanno esaminando una variante unica di COVID-19 hanno scoperto materiale genetico che suggerisce che il ceppo fosse stato esaminato in un laboratorio cinese, rafforzando la teoria della fuoriuscita da laboratorio.

I ricercatori “hanno trovato tracce di una variante unica del coronavirus mentre esaminavano il DNA del suolo dell’Antartide che era stato inviato all’azienda Sangon Biotech a Shanghai”, riporta il Daily Mail.

È stato anche scoperto materiale genetico di criceti cinesi e scimmie verdi, “il che potrebbe suggerire che il virus fosse stato esaminato in laboratorio, utilizzando gli animali stessi o le loro cellule”, secondo il rapporto.

Viscount Ridley ha affermato che tali prove rafforzano la teoria secondo cui il virus è sfuggito accidentalmente o è stato fatto leakkare deliberatamente dal laboratorio di Wuhan.

La presenza di “tre mutazioni chiave [COVID]” è caratteristica delle prime sequenze del virus, secondo Ridley.

La scoperta contraddice le affermazioni secondo cui il virus è passato naturalmente dagli animali agli esseri umani.

Per la maggior parte dell’anno, la teoria della fuga dal laboratorio è stata respinta dai media e dai “fact checkers” come una teoria della cospirazione razzista.

Successivamente è emerso che il dottor Peter Daszak, presidente dell’EcoHealth Alliance, un gruppo che ha ampi legami con il laboratorio di Wuhan e le ricerche sul guadagno di funzione, ha ringraziato il dottor Anthony Fauci per aver respinto la teoria della fuoriuscita di laboratorio all’inizio della pandemia.

Successivamente ha creato una campagna di pressione tramite una lettera pubblicata da The Lancet per costringere la comunità scientifica a evitare di investigare nel laboratorio come potenziale fonte dell’epidemia.

Daszak è stato anche incaricato da Facebook di “controllare i fatti” (censurare) le informazioni relative all’ipotesi, mentre Google, che tramite YouTube ha anche censurato le informazioni sulla teoria, ha finanziato la ricerca sui virus di Daszak.

Daszak è stato anche l’investigatore capo dell’indagine dell’Organizzazione mondiale della sanità che ha stabilito entro 3 ore dalla visita al laboratorio di Wuhan nel febbraio 2021 che non c’e stata alcuna fuga dal laboratorio basandosi esclusivamente sulla parola dei ricercatori che lavoravano li`.

Come abbiamo evidenziato l’anno scorso, uno dei principali esperti di malattie infettive dell’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che il primo “paziente zero” COVID era “probabilmente” un operatore di laboratorio presso l’Istituto di virologia di Wuhan.

Fonte

090222wuhan1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il Quebec vieterà ai non vaccinati di acquistare marijuana e superalcolici

Questo fermerà sicuramente la diffusione.

In quello che sarà sicuramente un enorme passo avanti nella riduzione della diffusione del COVID-19, le autorità del Quebec vieteranno ai non vaccinati di acquistare marijuana o superalcolici.

Sì davvero.

Il Journal de Montreal riporta i piani preparati dall’amministrazione del primo ministro del Quebec Francois Legault nei quali probabilmente sara’ richiesto il Green Pass per poter compare alcolici e marijuana.

“La prova vaccinale è già richiesta in Quebec in luoghi non essenziali come ristoranti, teatri, bar e casinò”, riferisce RT. “Sotto la nuova regola, i residenti non vaccinati saranno ancora in grado di accedere ai negozi di alimentari, che vendono birra e vino, ma saranno essenzialmente esclusi dall’acquisto legale di superalcolici”.

Legalult ha fatto riferimento a “una certa rabbia” nei confronti delle persone non vaccinate nel giustificare le nuove regole, che si applicheranno solo agli acquirenti ma non ai dipendenti, che non devono essere vaccinati.

Le misure vengono introdotte nonostante l’alto tasso di vaccinazione del Quebec, che si attesta intorno all’85%, ma non ha impedito alla provincia di segnalare una media di circa 15.000 nuove infezioni da COVID al giorno nell’ultima settimana.

Le misure sono chiaramente solo un altro modo draconiano di punire i non vaccinati per il loro rifiuto di conformarsi e non hanno assolutamente nulla a che fare con la lotta alla pandemia.

Come abbiamo evidenziato il mese scorso, ai negozi di alimentari del New Brunswick, in Canada, è stato concesso il potere di vietare l’ingresso alle persone non vaccinate, il che significa che alle persone non vaccinate potrebbe essere impedito di svolgere l’attività essenziale dell’acquisto di cibo.

Il primo ministro canadese Justin Trudeau in precedenza aveva indicato che la semplice esistenza di persone non vaccinate era qualcosa che non doveva più essere tollerata.

“Non credono nella scienza/progresso e sono molto spesso misogini e razzisti… Questo ci porta, come leader e come paese, a fare una scelta: tolleriamo queste persone?”

Fonte

050122store1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Capo della sanità afferma che Omicron “potrebbe essere la fine di COVID-19”

Critica il “panico” generato da paure esagerate sulla gravità della variante.

Il CEO della più grande rete sanitaria privata del Sudafrica afferma che la variante di Omicron è “così mite” che “potrebbe segnalare la fine del COVID-19”.

Secondo Richard Friedland, amministratore delegato di Netcare Ltd., i primi giorni della variante suggeriscono che non c’è assolutamente bisogno di farsi prendere dal panico e che potrebbe effettivamente essere una buona cosa.

“Se nella seconda e terza ondata avessimo visto questi livelli di positività ai test condotti, avremmo visto aumenti molto significativi dei ricoveri ospedalieri e non lo stiamo vedendo. Nelle nostre cliniche di cure primarie si tratta principalmente di persone di età inferiore ai 30 anni”, ha affermato.

“Quindi penso che in realtà ci sia un lato positivo qui e questo potrebbe segnalare la fine di Covid-19, attenuandosi a tal punto da essere altamente contagioso, ma non causare malattie gravi. È quello che è successo con l’influenza spagnola”.

“Stiamo assistendo a infezioni rivoluzionarie di persone che sono state vaccinate, ma le infezioni che stiamo vedendo sono molto lievi o moderate. Quindi per gli operatori sanitari che hanno ricevuto dei richiami, è per lo più mite. Penso che tutta questa faccenda sia stata comunicata così male e che si sia generato così tanto panico”.

I commenti di Friedland non saranno accolti da Big Pharma, che continua a realizzare enormi profitti da infiniti vaccini di richiamo.

Le sue osservazioni non saranno amplificate dai media aziendali, che hanno goduto di un enorme aumento degli ascolti a causa dell’infinito terrore COVID.

Tuttavia, la dichiarazione del CEO è correlata a ciò che altri esperti di salute sul campo in Sudafrica hanno detto su Omicron.

Il medico che per primo ha scoperto la variante dice che è “lieve” e non ha causato un aumento dei ricoveri.

Angelique Coetzee, presidente della South African Medical Association, ha fatto eco ai sentimenti del dottor Barry Schoub, osservando che i pazienti infettati da omicron avevano “sintomi diversi e lievi rispetto a quelli che avevo trattato prima”.

Non ci sono stati morti per Omicron in tutto il mondo e in paesi come il Regno Unito non ha nemmeno causato il ricovero in ospedale.

Nonostante il fatto che Omicron si stia rivelando significativamente meno spaventoso rispetto a quando è stato scoperto inizialmente, i governi hanno comunque imposto nuove restrizioni e hanno imposto mandati vaccinali draconiani alle loro popolazioni.

Fonte

071221covid1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

I media affermano che l’aumento dei giocatori di calcio che collassano all’improvviso è solo una “coincidenza”

Caso chiuso.

I media hanno risposto alla recente ondata di calciatori di alto profilo improvvisamente collassati con problemi cardiaci nel bel mezzo delle partite concludendo che si tratta solo di una “coincidenza”.

Sì davvero.

Nelle ultime settimane e mesi, innumerevoli stelle del calcio, così come altri atleti, hanno misteriosamente sofferto l’imminente insorgenza di gravi problemi cardiaci.

Ciò ha spinto il quotidiano tedesco Berliner Zeitung a pubblicare un rapporto che cerca di rispondere al motivo per cui un “numero insolitamente elevato di calciatori professionisti e dilettanti è collassato di recente”.

La scorsa settimana, altri due esempi sono stati aggiunti all’elenco quando John Fleck dello Sheffield United è collassato e l’ala dello Sherrif Tiraspol Adama Traore è crollata verso la fine di una partita di Champions League contro il Real Madrid.

Secondo un rapporto del Dr. Yaffa Shir-Raz, c’è stato un “aumento di 5 volte delle morti cardiache improvvise dei giocatori FIFA nel 2021”.

Tuttavia, secondo un’indagine del Daily Mail, “”È terrificante ma è una COINCIDENZA” e non c’è bisogno di lasciarsi andare al “panico”.

Il rapporto afferma che “Un’ondata di problemi cardiaci e collassi tra i calciatori professionisti nelle ultime settimane potrebbe essere una coincidenza, secondo un importante cardiologo. “

Bene, allora è tutto risolto. Caso chiuso.

L’intero rapporto non menziona nemmeno la prospettiva che le reazioni negative al vaccino possano avere qualcosa a che fare con ciò che sta accadendo, nonostante sia ammesso che la miocardite è un effetto collaterale del vaccino in casi “rari”.

Tuttavia, come osserva Chris Menahan, la sezione dei commenti è piena di persone che fanno proprio questo suggerimento.

C’è da meravigliarsi se la maggior parte dei siti web elimina del tutto le sezioni dei commenti?

Come abbiamo evidenziato in precedenza, quando un ex professionista ha osato suggerire una connessione ai vaccini durante una trasmissione radiofonica in diretta, è stato censurato in tempo reale.

Fonte

291121players1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Bryan Adams risulta positivo al COVID per la seconda volta nonostante sia completamente vaccinato

Il cantante canadese Bryan Adams ha rivelato di essere risultato positivo al COVID per la seconda volta nonostante sia stato doppiamente vaccinato.

Il 62enne performer è risultato positivo all’aeroporto di Milano Malpensa dopo essere arrivato per un viaggio in cui avrebbe dovuto promuovere il calendario 2022 di Pirelli.

La sua capacità di partecipare di persona agli eventi stampa di domenica e lunedì ora sembra essere in dubbio dopo il ricovero in ospedale.

“Eccomi, sono appena arrivato a Milano e sono risultato positivo per la seconda volta in un mese al Covid. Quindi passero’ tempo in ospedale”, ha detto Adams in un post su Instagram.

Un rappresentante della star ha detto al NME che Adams era stato vaccinato due volte.

Il cantante in precedenza aveva rivelato di essere stato contagiato per la prima volta da COVID alla fine di ottobre, costringendolo a ritirarsi da una cerimonia di inaugurazione della Rock and Roll Hall of Fame.

“Coloro a cui è stato diagnosticato il COVID-19 possono risultare positivi fino a tre mesi dopo l’infezione, secondo il CDC. Risultare positivo durante quel periodo non significa necessariamente che uno sia stato nuovamente infettato”, riporta il Daily Mail.

Adams in precedenza aveva inveito sul COVID arrabbiandosi contro i cinesi che mangiano pipistrelli, sebbene la storia dell’origine del COVID sia ora altamente dubbia.

“Grazie a qualche fottuto mangiatore di pipistrelli, il mondo intero ora e’ costretto a fermarsi”, ha affermato.

Dato che una nuova “variante” di COVID è stata appena scoperta in Sud Africa, Adams potrebbe purtroppo dover aspettare con ansia di essere infettato per la terza volta.

Buona fortuna con i richiami.

Fonte

261121adams1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Ma come? Lo stato degli Stati Uniti con il tasso di vaccinati più alto registra un’impennata record nei casi COVID

Il Vermont, lo stato con il più alto tasso di vaccinazione negli Stati Uniti, sta vivendo un’impennata del virus del PCC a livelli mai visti dal picco della pandemia lo scorso inverno.

Il numero di casi nel Vermont è a un livello record, i ricoveri sono vicini ai record registrati lo scorso inverno e lo stato ha registrato il giorno con piu` mortalita’ e il secondo mese con piu’ mortalita’ a settembre.

“Penso che sia chiaramente frustrante per tutti noi”, Michael Pieciak, il commissario del Dipartimento per la regolamentazione finanziaria del Vermont che monitora le statistiche sui virus del PCC (Partito Comunista Cinese) per lo stato.

Secondo il CDC, oltre il 69 percento della popolazione del Vermont è stata completamente vaccinata contro il COVID-19 dal 24 settembre, molto al di sopra del tasso nazionale del 56 percento.

Lo stato ha registrato il più alto tasso di ricoveri ogni 100.000 residenti il ​​30 settembre, superando il record stabilito il 31 gennaio dello scorso anno. Otto persone sono morte a causa del virus del PCC nel Vermont il 13 settembre, il totale più alto registrato dallo scoppio del virus.

Alla fine di agosto, quattro dei dieci casi di COVID-19 nel Vermont erano tra le persone vaccinate, secondo una lettera firmata da 90 dipendenti del Dipartimento della salute del Vermont, tra cui l’epidemiologo statale Patsy Kelso.

Il governatore Phil Scott (R) ha revocato lo stato di emergenza nel Vermont a giugno, quando l’80% della popolazione aveva ricevuto almeno un’iniezione del vaccino. Da allora ha indicato che è cauto nel reintrodurre lo stato di emergenza.

“Non possiamo essere in uno stato di emergenza perenne”, ha detto Scott questa settimana.

Anche i quattro stati che seguono il Vermont in termini di tassi di vaccinazione più alti della nazione stanno sperimentando segnali allarmanti.

Il capo di UMass Memorial Health, il più grande sistema sanitario nel Massachusetts centrale, ha affermato di recente che gli ospedali regionali hanno visto quasi 20 volte più pazienti COVID-19 rispetto a giugno e non c’è un letto di terapia intensiva disponibile. Il Massachusetts ha il quinto tasso di vaccinazione più alto della nazione.

Nel Connecticut, il secondo stato più vaccinato degli Stati Uniti, il legislatore ha recentemente esteso i poteri di emergenza del governatore per rendere più facile far fronte all’ultima ondata della pandemia.

Il 22 settembre, il Maine, il terzo stato degli Stati Uniti più vaccinato, aveva quasi 90 persone in unità di terapia intensiva, un record per lo stato.

Caro Dr.Fauci, per favore spiega tutto cio’…

Fonte

vermont-700x420-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Project Veritas registra di nascosto alcuni scienziati Pfizer: “I tuoi anticorpi probabilmente sono migliori del vaccino” dopo l’infezione

Tre scienziati Pfizer sono stati registrati di nascosto in un video di Project Veritas nell’ultima puntata della loro serie “Covid-19 Vaccine Exposed”.

In un video di 10 minuti pubblicato lunedì sera, tutti e tre gli scienziati hanno concordato separatamente che gli anticorpi naturali prodotti a seguito di un’infezione da Covid-19 sono superiori al vaccino.

“Quando qualcuno è naturalmente immune, ovvero quando guarisce dal COVID, probabilmente ha più anticorpi contro il virus… Quando si contrae il virus, inizi a produrre anticorpi contro più parti del virus… Quindi, i tuoi anticorpi sono probabilmente meglio a quel punto di quelli sviluppati attraverso la vaccinazione contro il [COVID]”, ha detto lo scienziato Nick Karl. “La città [di New York] ha bisogno di tessere vax e tutto il resto. Si tratta di rendere talmente scomoda la vita per le persone non vaccinate che diranno, ‘Fanculo. Me lo faccio.” ha aggiunto.

Guarda:

Da notare che uno studio prestampato israeliano riportato da Science Magazine alla fine di agosto ha scoperto che l’immunità naturale dopo il recupero da Covid-19 offre uno scudo molto migliore contro la variante delta rispetto ai vaccini.

Un secondo dipendente della Pfizer, lo scienziato associato senior Chris Croce, ha fatto eco a Karl, affermando che coloro che hanno acquisito l’immunità naturalmente sono “probabilmente più” protetti rispetto al vaccino.

Giornalista Veritas: “Quindi sono ben protetto [con gli anticorpi]?”

Chris Croce, Senior Associate Scientist di Pfizer: “Sì”.

Giornalista Veritas: “Come se mi facessi il vaccino?”

Croce: “Probabilmente di più”.

Giornalista Veritas: “Come mai? Tipo, quanto di più?”

Croce: “Sei protetto di piu` e probabilmente più a lungo visto che c’è stata una risposta naturale”.

Croce consiglia quindi al giornalista sotto copertura di Veritas di “aspettare” a farsi il vaccino fino a quando la sua immunità naturale non diminuirà perché ha già avuto il Covid-19.

Un terzo scienziato della Pfizer, Rahul Khandke, ha affermato che la Pfizer fa pressioni sui dipendenti affinché nascondano informazioni negative al pubblico.

“Siamo stati addestrati e ci hanno insegnato a dire: ‘il vaccino è più sicuro che prendersi effettivamente il COVID’. Onestamente, abbiamo dovuto fare così tanti seminari su questo. Non ne hai idea. Ad esempio, dobbiamo stare lì ore ed ore ad ascoltare cose del tipo: “non puoi parlarne in pubblico”, ha detto Khandke, il quale, anche lui, concorda sugli anticorpi.

“Se hai sviluppato anticorpi [COVID], dovresti essere in grado di dimostrare di averli sviluppati”, ha detto.

Croce, nel frattempo, ha riconosciuto che Pfizer sta conducendo test per determinare se il loro vaccino provoca miocardite negli individui più giovani.

“Quindi, sì, lo stiamo facendo, abbiamo appena inviato, tipo, 3.000 campioni di pazienti per essere testati per livelli elevati di troponina (per rilevare un attacco di cuore) per vedere se è provocata dal vaccino…”

Fonte

ant

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Studio (Peer Reviewed): Gli anticorpi persistono per più di un anno dopo un’infezione da COVID-19

Il sistema immunitario della stragrande maggioranza delle persone che sono state infettate da Covid-19 continuerà a produrre anticorpi contro il virus per almeno 12 mesi, secondo uno studio peer-reviewed accettato dall’European Journal of Immunology il 24 settembre.

Gli scienziati dell’Istituto finlandese per la salute e il benessere hanno studiato la presenza di anticorpi in 1.292 soggetti otto mesi dopo l’infezione. Hanno scoperto che il 96 percento dei soggetti presentava ancora anticorpi neutralizzanti e il 66 percento portava ancora un tipo di anticorpo chiamato nucleoproteina IgG.

Gli scienziati hanno quindi studiato i livelli di anticorpi un anno dopo l’infezione selezionando casualmente 367 soggetti da gruppo originale che non erano ancora stati vaccinati. L’ottantanove percento dei soggetti portava ancora anticorpi neutralizzanti e il 36 percento portava ancora l’anticorpo IgG.

I livelli di anticorpi erano più alti nei soggetti che avevano avuto una forma grave di COVID-19. Rispetto a coloro che avevano avuto una versione piu` lieve, questi soggetti avevano da due a sette volte più anticorpi per almeno 13 mesi dopo l’infezione.

“Gli studi su individui che si sono ripresi dall’infezione da SARS-CoV-2 sono fondamentali per determinare per quanto tempo gli anticorpi persistono dopo l’infezione e se questi anticorpi proteggono dalla reinfezione”, hanno scritto gli scienziati (pdf).

Nonostante la protezione contro il virus l’efficacia contro le varianti alpha e beta e’ diminuita nel tempo. La riduzione dell’efficienza è “considerevolmente diminuita” per la variante Beta ed è stata “solo leggermente ridotta” rispetto alla variante Alpha. Per la variante Delta, che è il ceppo dominante negli Stati Uniti, lo studio ha rilevato che l’80% dei soggetti aveva ancora protezione immunitaria 12 mesi dopo l’infezione.

Uno studio pubblicato su Nature Medicine a maggio ha scoperto che i livelli di anticorpi neutralizzanti in una persona sono altamente predittivi della protezione immunitaria contro le infezioni e le malattie gravi causate da Covid-19, comunemente noto come nuovo coronavirus. Studi precedenti hanno dimostrato che gli anticorpi persistono da sei a 12 mesi dopo l’infezione.

Nonostante la protezione robusta e duratura dopo un’infezione, gli obblighi vaccinali contro il virus del PCC negli Stati Uniti non offrono esenzioni basate sull’immunità acquisita.

Fonte

coronavirus-trial-samples-700x420-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Un dipendente della FDA sorpreso a dire che gli afroamericani dovrebbero essere vaccinati contro la loro volontà

I conservatori sono in rivolta dopo che un dipendente della Food and Drug Administration (FDA) è stato ripreso da una telecamera mentre sosteneva l’utilita’ di rendere obbligatoria la vaccinazione per le minoranze e un registro in stile nazista dei non vaccinati, “come la stella ebraica”.


L’economista della FDA Taylor Lee ha detto a un giornalista sotto copertura di Project Veritas che il governo federale potrebbe imparare una o due cose dai nazisti quando si tratta di vaccinare la popolazione, secondo un video pubblicato dal gruppo conservatore – famoso per le sue operazioni sotto copertura.

Lee ha suggerito che “bisognerebbe andare porta per porta” alla ricerca di persone che non hanno il vaccino, e quando qualcuno viene trovato sprovvisto di vaccino, “piantargli la siringa con [il vaccino contro il Covid-19] nel braccio.”

“Penso che ci dovrebbe essere un registro delle persone che non sono vaccinate”, ha continuato. “Anche se suona molto [molto simile alla Germania nazista]. Tipo la stella che gli ebrei dovevano portare”.

Le fantasie di Lee sull’obbligo vaccinale sono diventate più oscure, come ha detto al giornalista Veritas: “Andrò di porta in porta e ficchero’ la siringa [con il vaccino] a tutti, ‘Dai, dai e’ solo il richiamo! Ecco qua!’”

Per quanto riguarda le minoranze (gli afroamericani hanno più probabilità dei bianchi di non essere vaccinati), Lee aveva in mente la stessa soluzione.

Mentre i neri possono rifarsi ad un passato di esperimenti medici eseguiti su di loro contro la loro volontà, Lee ha detto che “non può biasimarli” per la loro esitazione a farsi vaccinare, “ma allo stesso tempo, bisogna forzarli. Ci stiamo dirigendo in quella direzione”.

I video di Project Veritas sono stati criticati dai liberali per il loro presunto montaggio ingannevole, e per il fatto che i soggetti sono spesso ripresi in appuntamenti con giornalisti sotto copertura, dove l’alcol e la spavalderia li rendono più propensi a parlare con loro ed esagerare. Tuttavia, i conservatori si sono infuriati, con un commentatore che ha affermato che sebbene Lee non sia un alto funzionario della FDA, “ho la sensazione che il disprezzo del tizio per i normali americani sia condiviso da molti alla @FDA”.

Il video di Project Veritas è stato eliminato da Instagram e al momento in cui scriviamo rimane disponibile su YouTube. Sia Project Veritas che il suo fondatore, James O’Keefe, sono stati definitivamente banditi da Twitter all’inizio di quest’anno.

Fonte

614c877f85f5405e28028b80

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €