Archivi Blog

Youtube rimuovera` ogni video che cerca di mettere in discussione l’attuale narrativa sul vaccino per il Coronavirus

L’azienda incontra l’Organizzazione Mondiale della Sanità OGNI SETTIMANA

YouTube, che è di proprietà di Google, rimuoverà e bandirà tutti i video che fanno affermazioni “non comprovate dal punto di vista medico” riguardanti il ​​coronavirus e i vaccini sviluppati da big pharma.

In particolare, YouTube afferma che prendera` di mira le “teorie del complotto” sostenendo che l’agenda del vaccino ha uno scopo nefasto, come la sterilizzazione, lo spopolamento o la sorveglianza di massa.

In un’e-mail ottenuta da Reuters, la società ha annunciato che rimuoverà i contenuti che “promuovono la disinformazione” sui vaccini COVID-19.

Definisce “disinformazione” tutto ciò che contraddice la guida delle autorità sanitarie governative o dell’Organizzazione mondiale della sanità, quindi qualsiasi opinione che non corrisponde a ciò che dicono le autorità.

La società ha detto ai giornalisti che consentirà ai video che coprono “preoccupazioni” sul vaccino di rimanere sulla piattaforma.

Quest’ultima mossa non e` nuova per YouTube, che sta già rimuovendo tutti i video che incoraggiano gli spettatori a non indossare maschere o aderire a regole di distanziamento sociale, nonché metodi di trattamento “clinicamente infondati”.

YouTube si è vantato nell’email di aver già rimosso oltre 200.000 video contenenti “informazioni COVID-19 pericolose o fuorvianti”.

La società sembra prendere ordini diretti dall’Organizzazione mondiale della sanità.

Andy Pattison, manager delle soluzioni digitali presso l’OMS, ha detto a Reuters che l’ente globale si incontra con il team politico di YouTube ogni singola settimana per discutere quali contenuti sono diventati popolari e cosa è potenzialmente “problematico”.

Reuters osserva che YouTube ha detto che annuncerà ulteriori passi nelle prossime settimane per “enfatizzare informazioni autorevoli sui vaccini COVID-19 sul sito”.

L’ultima mossa di censura di YouTube arriva poche ore dopo che Bill Gates si è nuovamente lamentato di essere diventato l’obiettivo di “teorie del complotto anti-vaxxer infondate” che hanno guadagnato terreno negli ultimi mesi.

La repressione di Youtube arriva nel bel mezzo della censura di Facebook e Twitter relativa allo scandalo delle lobby straniere di Joe Biden.

Entrambe le società di social media stanno anche attivamente censurando post e video con contenuti che contraddicono le dichiarazioni e le posizioni dell’OMS e del governo sul coronavirus.

Fonte

gettyimages-1220243620-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €

La Cina aveva malati con patologie simili al Covid-19 mesi prima la “tempistica ufficiale”

I documenti interni del PCC mostrano che i pazienti a Wuhan avevano sintomi già nel settembre 2019, ma le autorità non hanno rivelato nulla al mondo …

Una serie di documenti trapelati mostra che i pazienti in Cina con sintomi simili a COVID-19 sono stati ricoverati mesi prima della tempistica ufficiale del regime, mettendo in dubbio quando esattamente il virus del PCC ha iniziato a diffondersi a Wuhan, il ground zero dell’epidemia cinese.

Almeno un paziente ha iniziato a manifestare sintomi simili a COVID-19 nel settembre 2019, secondo i dati ospedalieri ottenuti da The Epoch Times da una fonte attendibile che ha accesso a documenti governativi. Altre dozzine sono state ricoverate in ospedale nel mese successivo.

Gli ospedali di Wuhan hanno anche riportato diversi decessi nell’ottobre 2019 a causa di polmonite grave, infezioni polmonari e altri sintomi simili ai pazienti COVID-19.

La commissione sanitaria della città ha annunciato pubblicamente lo scoppio di una nuova forma di polmonite solo il 31 dicembre 2019, dopo che i post sui social media dei medici informatori erano diventati virali.

In una lettera del 19 febbraio ottenuta da The Epoch Times, una squadra investigativa nazionale istituita dal governo centrale ha dichiarato di voler rintracciare i primi casi della malattia. Ha chiesto alle autorità locali i dati di tutte le istituzioni mediche di Wuhan nel periodo tra il 1 ° ottobre e il 10 dicembre 2019, comprese le informazioni sui pazienti che hanno visitato le cliniche per la febbre nelle vicinanze del mercato del pesce di Huanan, un mercato umido che i funzionari hanno inizialmente identificato. come origine del focolaio; dettagli dei primi 10 casi sospetti presso ciascuna agenzia medica di livello due o superiore (tre è il più alto); e morti per polmonite con sintomi simili a COVID-19.

La lettera affermava che nove ospedali, che hanno ricevuto il maggior numero di pazienti COVID-19 della città, erano la chiave dell’indagine.

The Epoch Times ha avuto accesso a parte dei documenti in risposta all’inchiesta, quelli di 11 ospedali.

Nonostante i dati raccolti, il 26 febbraio la task force per il controllo delle epidemie di Wuhan ha detto ai media che il primo paziente documentato era una persona di nome Chen che si è ammalata l’8 dicembre 2019.

Non è chiaro se le autorità abbiano condotto indagini su casi precedenti a febbraio.

Ad alcuni critici, l’indagine è apparsa piuttosto ristretta ed è arrivata troppo tardi.

“Perché una malattia respiratoria così massiccia si sia manifestata nell’area, come mai non hanno rintracciato tutti gli altri ospedali?” Sean Lin, ex direttore del laboratorio del ramo malattie virali presso il Walter Reed Army Institute of Research, ha detto a The Epoch Times.

“Avrebbe dovuto essere fatto molto tempo fa”, ha detto, definendo l’indagine “ridicola”.


Uno screenshot di un documento trapelato che mostra i dettagli sui pazienti che sono morti per sintomi simili a COVID presso l’ospedale di medicina tradizionale cinese di Wuhan, provincia di Hubei, Cina, il 21 febbraio 2020. Parte delle informazioni è stata redatta da The Epoch Times per proteggere la privacy dei pazienti. (Fornito da The Epoch Times)

I registri ottenuti hanno mostrato nove decessi dovuti a condizioni simili a COVID-19 in tre ospedali.

Cinque erano pazienti con polmonite grave deceduti tra novembre e dicembre 2019 presso l’ospedale n. 6 di Wuhan, uno degli ospedali citati nella letteraa. L’ospedale di medicina tradizionale cinese di Wuhan, un ospedale terziario, ha avuto tre morti a ottobre. L’ospedale n. 8 di Wuhan ha registrato una morte.

Screenshot di un documento trapelato che mostra i dettagli dei pazienti con sintomi simili a COVID presso l’ospedale Wuhan Puren Jiangan, il 21 febbraio 2020. Parte delle informazioni è stata redatta da The Epoch Times per proteggere la privacy dei pazienti. (Fornito a The Epoch Times)

I pazienti sono morti entro un periodo compreso tra diversi giorni e circa quattro settimane dopo la comparsa dei primi sintomi.

Xu Zhenqian, ad esempio, è stato ricoverato all’ospedale n. 6 di Wuhan. Secondo la descrizione clinica dell’ospedale, l’82enne ha iniziato a manifestare sintomi il 1 ° ottobre 2019, tra cui attacchi di tosse senza una causa apparente e tosse con catarro bianco, un segno di infezione respiratoria. Il paziente è stato trasferito da un’altra struttura poco prima della sua morte, avvenuta il 3 novembre.

Anche altri tre pazienti nello stesso ospedale avevano difficoltà a respirare prima di morire. Le loro scansioni TC hanno mostrato segni sfocati nei polmoni, modelli che corrispondono alle lesioni riscontrate in alcuni pazienti COVID-19.

I file hanno anche identificato almeno altri 40 sospetti pazienti COVID-19 in otto ospedali, il primo dei quali è stato il 67enne Xiao Niangui, che ha iniziato a manifestare sintomi il 25 settembre 2019 ed è stato ricoverato in ospedale presso il Wuhan Puren Jiang’an.

Schermata di un documento trapelato che mostra i dettagli di un paziente con sintomi simili a COVID presso l’ospedale n. 6 di Wuhan, il 21 febbraio 2020. Parte delle informazioni e` stata redatta da The Epoch Times per proteggere la privacy dei pazienti. (Fornito a The Epoch Times)

Wuhan ha 205 strutture sanitarie a livello di comunità e municipalità e 66 ospedali designati per il trattamento dei pazienti COVID-19, hanno detto i funzionari della città a marzo.

La mancanza di trasparenza della Cina è stata pesantemente criticata dai funzionari del governo. Ha costantemente rifiutato di consentire agli esperti degli Stati Uniti e dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) di studiare l’epidemia nel paese. Il 12 febbraio, un funzionario dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie ha affermato che l’agenzia non era ancora in grado di accedere ai “dati diretti” sull’epidemia e “continua a sperare di farlo”.

In un’intervista ai media rilasciata il 1 ° maggio, un rappresentante dell’OMS in Cina ha anche affermato che la Cina ha escluso gli esperti dell’organizzazione dall’indagine sui virus del paese.

Fonte

covid-patient-e1602624986306-700x420-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €


 
 

Il capo della task force per il vaccino all’Universita` di Oxford: “Mascherine e distanziamento sociale, andranno avanti fino alla prossima estate”

Il leader del team per il vaccino contro il coronavirus dell’Università di Oxford ha dichiarato martedì che non torneremo alla normalità almeno fino alla prossima estate.

Il professor Andrew Pollard ha affermato che le maschere per il viso e le regole di distanziamento sociale non scompariranno presto, dichiarando che mancano ancora mesi a un vaccino e che sarebbe comunque disponibile solo per i lavoratori indispensabili durante la prima fase del suo lancio.

“La vita non tornerà alla normalità fino almeno la prossima estate. Potremmo aver bisogno di maschere fino a luglio “, ha detto Pollard durante un seminario online con gli alumni di Oxford.

“Se scopriremo un vaccino efficace nel prevenire la malattia, questo sara` di gran lunga il modo migliore per controllare il virus. Ma a medio termine, avremo bisogno di cure ancora migliori “, ha aggiunto il professore.

“Quando la vita tornera` alla normalità? Anche se avessimo abbastanza vaccini per tutti, a mio avviso è improbabile che ci troveremo molto rapidamente in una posizione in cui le regole di distanziamento fisico possono essere semplicemente abbandonate “, ha aggiunto.

Politici e consulenti sanitari dei governi hanno ripetutamente affermato che dovranno rimanere in vigore misure rigorose fino a quando non sarà disponibile un vaccino.

“Fino a quando non avremo ottenuto un alto livello di immunità nella popolazione in modo da poter fermare il virus in modo che le persone più vulnerabili siano immuni, ci sarà un rischio. Inizialmente, saremo in una posizione in cui indossare la maschera e il distanziamento sociale non cambieranno “, ha ribadito Pollard.

“Solo quando si verificherà un forte calo dei casi gravi i governi si sentiranno in grado di allentare queste misure. Questo è un virus molto facilmente trasmissibile “, ha commentato ulteriormente.

A maggio, gli scienziati hanno espresso dubbi sull’efficacia del vaccino contro il coronavirus di Oxford, dopo che tutte le scimmie utilizzate nei test iniziali hanno successivamente contratto il coronavirus.

Mentre i finanziamenti si stanno riversando nelle sperimentazioni sui vaccini, altre ricerche sui trattamenti per il coronavirus sono state del tutto ignorate, nonostante alcuni scienziati affermino di aver scoperto anticorpi in grado di bloccare completamente COVID-19 o neutralizzare efficacemente il virus.

Fonte

gettyimages-1251488162-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €

Ex senatore australiano sostiene che il “Grande Ripristino” e` la vera agenda dietro il Covid

I miliardari di Davos vogliono il “Green New Deal” ad ogni costo.

L’ex senatore australiano Cory Bernardi ha presentato un articolo per Sky News Australia in cui affermava che l’agenda dietro il panico COVID era che i miliardari d’élite di Davos realizzassero un “grande ripristino” che avrebbe visto cambiamenti sociali ed economici permanenti.

Notando che c’è “qualcosa di insolito nel continuo panico pandemico”, Bernardi ha citato esperti medici che “ora riconoscono che i lockdown non funzionano” e ha chiesto agli spettatori di “considerare se c’è un altro ordine del giorno che sottende all’intera pandemia”.

Infatti, in una recente intervista con lo Spectator, l’inviato speciale dell’Organizzazione mondiale della sanità su COVID-19, il dottor David Nabarro, ha invitato i leader mondiali a smettere di usare i lockdown come metodo di controllo primario perché stavano rendendo “i poveri molto più poveri . “

Bernardi ha poi evidenziato i commenti fatti da Klaus Schwab, fondatore e presidente del World Economic Forum, che ha detto ai colleghi globalisti che COVID-19 aveva dimostrato che il vecchio sistema era inadeguato e che “Ora è il momento storico non solo per combattere il … virus ma per modellare il sistema … per l’era post-corona. “

“(Mr Schwab) ammette che COVID è la nuova scusa per inaugurare il Green New Deal che gli allarmisti climatici, i profittatori e il grande governo spingono da anni”, ha detto Bernardi, aggiungendo che “la risposta globale a COVID è stata il sogno di ogni socialista verde.”

L’ex senatore ha notato come la pandemia di coronavirus avesse facilitato l’opportunità di imporre una repressione molto simile a cio` che i tecnocrati avevano precedentemente cercato di giustificare sotto la bandiera del cambiamento climatico, vale a dire, chiudere le economie, abbassare il consumo di carburante e viaggi aerei, nonché limitare le libertà civili. e libertà di movimento.

“Perché pensi che i Verdi australiani siano stati così tranquilli negli ultimi mesi … è perché la loro agenda politica sta prendendo vita?” ha chiesto Bernardi.

“Dopo decenni di menzogne sul cambiamento climatico e propaganda per forzare il governo delle élite, i socialisti hanno utilizzato l’isteria indotta dai media sulla salute pubblica come arma finale di distruzione economica”, ha aggiunto.

Evidenziando quanti degli stessi scienziati che hanno convinto i governi a imporre blocchi draconiani sono stati coinvolti anche nella modellazione computerizzata dell’IPCC che ha prodotto previsioni allarmistiche sul riscaldamento globale, Bernardi conclude che il blocco COVID assomiglia moltissimo al ‘Green New Deal’ e avrà lo stesso impatto disastroso sull’economia globale.

H/T: 21st Century Wire.

Fonte


 

131020senator1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €


 

Per il “culto covidiano” i fatti NON contano

Uno dei tratti distintivi del totalitarismo è la conformità di massa a una narrativa ufficiale psicotica. Non semplicemente ad una normale narrativa ufficiale, come la “Guerra fredda” o la “Guerra al terrore”, o anche ad un mito come il “Sogno americano”. Una narrazione ufficiale totalmente delirante che ha poca o nessuna connessione con la realtà e che è contraddetta da una preponderanza di fatti.

Il nazismo e lo stalinismo sono gli esempi classici, ma il fenomeno è meglio osservato nelle sette e in altri gruppi sociali subculturali. Verranno in mente numerosi esempi: la famiglia Manson, il Tempio del Popolo di Jim Jones, la Chiesa di Scientology, Heavens Gate, ecc., Ognuno con la sua narrativa ufficiale psicotica, ovvero Helter Skelter, Comunismo cristiano, Xenu e la Confederazione galattica, e così via.

Guardando dalla cultura dominante (o indietro nel tempo nel caso dei nazisti), la natura delirante di queste narrazioni ufficiali è palesemente ovvia alla maggior parte delle persone razionali. Ciò che molti non riescono a capire è che per coloro che cadono preda di esse (siano essi singoli membri di sette o intere società totalitarie) tali narrazioni non vengono registrate come psicotiche. Al contrario, credono siano normali. Tutto nella loro “realtà” sociale reifica e riafferma la narrazione, e tutto ciò che la sfida o la contraddice è percepita come una minaccia esistenziale.

Queste narrazioni sono invariabilmente paranoiche, descrivono il culto come minacciato o perseguitato da un nemico malvagio o da una forza antagonista da cui solo l’indiscussa conformità all’ideologia del culto può salvare i suoi membri. Fa poca differenza se questo antagonista è la cultura dominante, i controrivoluzionari, gli ebrei o un virus. Il punto non è l’identità del nemico. Il punto è l’atmosfera di paranoia e isteria che la narrativa ufficiale genera, che mantiene i membri della setta (o la società) conformi.

Oltre ad essere paranoiche, queste narrazioni sono spesso internamente incoerenti, illogiche e … beh, semplicemente completamente ridicole.

Questo non li indebolisce, come si potrebbe sospettare. In realtà, aumenta il loro potere, poiché costringe i loro aderenti a tentare di conciliare le loro incongruenze e irrazionalità, e in molti casi le totali assurdita`, al fine di rimanere consistenti con il culto. Tale riconciliazione è ovviamente impossibile e fa sì che le menti dei membri della setta vadano in corto circuito e abbandonino ogni parvenza di pensiero critico, che è esattamente ciò che vuole il leader della setta.

Inoltre, i leader della setta cambieranno spesso radicalmente queste narrazioni senza una ragione apparente, costringendo i membri del culto a rinunciare bruscamente (e spesso anche a denunciare come “eresia”) le convinzioni che erano stati precedentemente costretti a professare, e a comportarsi come se non avessero mai creduto loro, il che provoca un ulteriore cortocircuito delle loro menti, fino a quando alla fine rinunciano anche solo a pensare, e si limitano a ripetere a pappagallo tutte le sciocchezze senza senso con cui il leader del culto riempie le loro teste.

Inoltre, le sciocchezze senza senso del leader del culto non sono così prive di senso come potrebbe sembrare a prima vista. La maggior parte di noi, dopo aver incontrato tali incomprensioni, presume che il leader del culto stia cercando di comunicare e che qualcosa non va nel suo cervello. Ma l’intenzione del leader del culto non è quella di comunicare. La sua intenzione è disorientare e controllare la mente dell’ascoltatore. Ascolta Charlie Manson. Non solo per quello che dice, ma per come lo dice. Nota come inserisce pezzi di verità nel suo flusso di sciocchezze libere associate all’uso ripetitivo di cliché, descritti da Robert J. Lifton come segue:

“Il linguaggio dell’ambiente totalista è caratterizzato dal cliché che mette fine al pensiero. I problemi umani più complessi e di vasta portata sono compressi in frasi brevi, altamente selettive, dal suono definitivo, facilmente memorizzabili e facilmente espresse. Diventano l’inizio e la fine di qualsiasi analisi ideologica “.

  • Riforma del pensiero e psicologia del totalismo, 1961

Se tutto questo suona familiare, bene.

Perché le stesse tecniche che la maggior parte dei leader di sette usa per controllare le menti dei membri delle loro sette sono usate dai sistemi totalitari per controllare le menti di intere società … Milieu Control, Loaded Language, Sacred Science, Demand for Purity e altre tecniche standard di controllo mentale. Può succedere praticamente a qualsiasi società, proprio come chiunque può cadere preda di una setta, date le giuste circostanze.

Adesso sta accadendo alla maggior parte delle nostre società. È in corso di implementazione una narrazione ufficiale. Una narrazione ufficiale totalitaria. Una narrazione ufficiale totalmente psicotica, non meno delirante di quella dei nazisti, o della famiglia Manson, o di qualsiasi altro culto.

La maggior parte delle persone non può vedere che sta accadendo, per il semplice motivo che sta accadendo a loro. Non sono letteralmente in grado di riconoscerlo. La mente umana è estremamente resistente e creativa quando viene spinta oltre i suoi limiti. Chiedete a chiunque abbia sofferto di psicosi o abbia assunto troppo LSD. Non riconosciamo quando stiamo impazzendo. Quando la realtà cade completamente a pezzi, la mente crea una narrativa delirante, che appare altrettanto “reale”, perché anche un’illusione è meglio del crudele terrore del caos totale.

Questo è ciò su cui contano i totalitari e i leader delle sette e sfruttano per impiantare le loro narrazioni nelle nostre menti, e perché i rituali di iniziazione effettivi (al contrario dei rituali puramente simbolici) iniziano attaccando la mente del soggetto con terrore, dolore, esaurimento fisico, droghe psichedeliche, o qualche altro mezzo per cancellare la percezione della realtà da parte del soggetto. Una volta ottenuto ciò, e la mente del soggetto inizia a cercare disperatamente di costruire una nuova narrativa per dare un senso al caos cognitivo e al trauma psicologico che sta subendo, è relativamente facile “guidare” quel processo e impiantare qualsiasi narrazione tu voglia.

Ed è per questo che così tante persone – persone che sono in grado di riconoscere facilmente il totalitarismo nelle sette e nei paesi stranieri – non possono percepire il totalitarismo che sta prendendo forma ora, proprio davanti ai loro volti (o, piuttosto, proprio dentro le loro menti). Né riescono a percepire la natura delirante della narrativa ufficiale del “Covid-19”, non più di quelli che nella Germania nazista furono in grado di percepire quanto fosse completamente delirante la loro narrativa ufficiale della “razza superiore”. Queste persone non sono né ignoranti né stupide. Sono stati avviati con successo a una setta, che è essenzialmente ciò che è il totalitarismo, anche se su scala sociale.

La loro iniziazione al Culto Covidiano è iniziata a gennaio, quando le autorità mediche e i media aziendali hanno attivato la Paura con proiezioni riguardo milioni di morti da Covid e foto false di persone che cadevano morte per le strade. Il condizionamento psicologico è continuato per mesi. Le masse sono state sottoposte a un flusso costante di propaganda, isteria artificiale, speculazioni selvagge, direttive contrastanti, esagerazioni, bugie e effetti teatrali pacchiani. Lockdown. Ospedali da campo e obitori di emergenza. Il personale del NHS che balla e canta. Terapie intensive traboccanti di pazienti. Bambini morti per il Covid. Statistiche manipolate. Maschere. E tutto il resto.

Otto mesi dopo, eccoci qui. Il responsabile del programma di emergenza sanitaria presso l’OMS ha sostanzialmente confermato un IFR dello 0,14%, circa lo stesso dell’influenza stagionale.

Ed ecco le ultime stime del tasso di sopravvivenza dal Center for Disease Control:

Età 0-19 … 99,997%

Età 20-49 … 99,98%

Età 50-69 … 99,5%

Età 70+ … 94,6%

Non si tratta piu` di “scienza” . Un numero crescente di medici ed esperti sta rompendo i ranghi e spiegando come l’attuale isteria di massa sui cosiddetti “casi” (che ora include persone perfettamente sane) sia essenzialmente propaganda priva di significato, ad esempio, in questo segmento su ARD, uno dei grandi canali televisivi tedeschi tradizionali.

E poi c’è l’esistenza della Svezia e di altri paesi che non stanno giocando a pallone con la narrativa ufficiale del Covid-19, il che si fa beffe dell’isteria in corso.

Non ho intenzione di smascherare la narrativa. Il punto è che i fatti sono tutti disponibili. Non dai siti web dei “teorici della cospirazione”. Bensi` da fonti tradizionali ed esperti medici.

Il che non ha importanza almeno soprattutto per i membri del Culto Covidiano. I fatti non contano per totalitari e membri di sette. Ciò che conta è la lealtà al culto o al partito.

Il che significa che abbiamo un problema serio, almeno per quelli di noi per i quali i fatti contano ancora e che hanno cercato di usarli per convincere i cultisti covidiani che si sbagliano sul virus … per otto mesi a questo punto.

Sebbene sia fondamentale continuare a segnalare i fatti e condividerli il più ampiamente possibile (cosa che sta diventando sempre più difficile a causa della censura dei media alternativi e dei social media), è importante accettare ciò contro cui ci troviamo di fronte. Quello che dobbiamo affrontare non è un malinteso o un argomento razionale su fatti scientifici. È un movimento ideologico fanatico. Un movimento totalitario globale … il primo del suo genere nella storia umana.

Non è totalitarismo nazionale, perché viviamo in un impero capitalista globale, che non è governato da stati-nazione, ma piuttosto da entità sovranazionali e dallo stesso sistema capitalista globale. E così, il paradigma culto / cultura è stato invertito. Invece del culto esistente come isola all’interno della cultura dominante, il culto è diventato la cultura dominante, e quelli di noi che non si sono uniti al culto sono diventati isole isolate al loro interno.

Vorrei poter essere più ottimista e offrirti una sorta di piano d’azione, ma l’unico parallelo storico a cui riesco a pensare è come il cristianesimo ha “convertito” il mondo pagano, il che non è di buon auspicio per noi. Mentre sei seduto a casa durante i lockdown della “seconda ondata”, potresti voler rispolverare quella storia.

Fonte


 

covid-cult

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €


 

I Rothschild hanno brevettato i test biometrici per il Coronavirus nel 2015 e nel 2017

Le informazioni non sono aperte al dibattito, poiché provengono dai registri ufficiali dei brevetti nei Paesi Bassi e negli Stati Uniti. E abbiamo tutta la documentazione

Come abbiamo mostrato in precedenti articoli, l’intera psy-ops del Covid è stata a lungo preparata dalla Banca Mondiale / FMI / I Rothschild e dai loro lemming, con la partnership di Rockefeller.

Prima immatricolazione: Paesi Bassi, 2015

Fonte: Sito web del registro dei brevetti del governo olandese

Info (copia letterale):

Viene fornito un metodo per acquisire e trasmettere dati biometrici (ad es. Segni vitali) di un utente, in cui i dati vengono analizzati per determinare se l’utente soffre di un’infezione virale, come COVID-19. Il metodo include l’utilizzo di un pulsossimetro per acquisire il polso e la percentuale di saturazione dell’ossigeno nel sangue, che viene trasmessa in modalità wireless a uno smartphone. Per garantire che i dati siano accurati, viene utilizzato un accelerometro all’interno dello smartphone per misurare il movimento dello smartphone e / o dell’utente. Una volta acquisiti dati accurati, vengono caricati nel cloud (o host), dove i dati vengono utilizzati (da soli o insieme ad altri segni vitali) per determinare se l’utente soffre (o è probabile che soffra) di un’infezione virale, come COVID-19. A seconda dei requisiti specifici, i dati, le relative modifiche e / o la determinazione possono essere utilizzati per allertare il personale medico e intraprendere le azioni corrispondenti.

Seconda immatricolazione: Stati Uniti, 2017

Fonte

Informazioni dettagliate di seguito, ma prima, contempliamo il Facebook dell’inventore per un momento o due

Informazioni sul brevetto (copia letterale):

Titolo: Sistema e metodo per l’utilizzo, dei dati biometrici e per la visualizzazione. Domanda di brevetto statunitense 20170229149 Codice tipo: A1

Riassunto: viene fornito un metodo per l’elaborazione e la visualizzazione dei dati biometrici di un utente, da soli o insieme (in sincronizzazione) con altri dati, come i dati video dell’utente durante un periodo di tempo in cui i dati biometrici sono stati acquisiti. Il metodo include la memorizzazione dei dati biometrici in modo che siano collegati a un identificatore e a un determinato momento (ad esempio, un’ora di inizio, una frequenza di campionamento, ecc.). Memorizzando i dati in questo modo, i dati biometrici possono essere visualizzati (in tempo reale o ritardato) in sincronizzazione con i dati video, ed è possibile cercare i dati biometrici per identificare almeno un evento biometrico.

Leggi il resto qui: Silview

roth-covid

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €


 

Il biochip della DARPA per “salvarci” dal Coronavirus puo` controllare il DNA umano

Mentre la metà del pubblico votante americano sta senza dubbio aspettando seriamente l’annuncio del rilascio del vaccino COVID e mentre stati e governi totalitari di tutto il mondo vogliono i tamponi negativi per permettere alla gente di viaggiare, un nuovo strumento e` ora nelle mani del governo americano.

E` ARRIVATO IL MICROCHIP
Mentre molti stanno ancora schernendo pesantemente chi sostiene che il "Microchip
e` in arrivo” definendoli complottisti, luddisti o fanatici religiosi, quel microchip è arrivato.

Ma i governi non devono commercializzare il chip come metodo per tracciare e controllare le loro popolazioni. Invece, stanno commercializzando il chip come un modo per tracciare e rilevare il COVID e altri coronavirus. Chiaramente, si tratta di un modo piu` semplice per venderlo a un pubblico letteralmente terrorizzato dai loro governi e dai principali media negli ultimi sei mesi.

Raul Diego descrive in dettaglio la creazione e l’imminente lancio del nuovo biochip nel suo articolo, “Un microchip impiantabile finanziato dalla DARPA per rilevare COVID-19 potrebbe arrivare ne mercati entro il 2021“, dove scrive,

La scoperta scientifica più significativa dopo quella della gravità è stata nascosta in bella vista per quasi un decennio e il suo potenziale distruttivo per l’umanità è così enorme che la più grande macchina da guerra del pianeta ha immediatamente dispiegato le sue vaste risorse per possederla e controllarla, finanziando la sua ricerca e sviluppo attraverso agenzie come il National Institutes of Health (NIH), la Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) e HHS ‘BARDA.

La svolta rivoluzionaria è arrivata da uno scienziato canadese di nome Derek Rossi nel 2010 per puro caso. L’ormai in pensione professore di Harvard ha affermato in un’intervista al National Post di aver trovato un modo per “riprogrammare” le molecole che trasportano le istruzioni genetiche per lo sviluppo delle cellule nel corpo umano, per non parlare di tutte le forme di vita biologiche.

Queste molecole sono chiamate “acido ribonucleico messaggero” o mRNA e la capacità di riscrivere quelle istruzioni per produrre qualsiasi tipo di cellula all’interno di un organismo biologico ha cambiato radicalmente il corso della medicina e della scienza occidentali, anche se nessuno se ne è ancora accorto. Come afferma lo stesso Rossi: “La vera scoperta importante qui e che ora e` possibile utilizzare l’mRNA e se lo inserisci nelle cellule, allora potevi fare in modo che l’mRNA esprimesse qualsiasi proteina nelle cellule, e questa era la cosa importante . ” (Fonte)

ECCO COSA PUO` FARE QUESTA TECNOLOGIA
Questa nuova tecnologia equivale al controllo remoto dei processi biologici.

Diego continua:

Già nel 2006, DARPA stava studiando come identificare i patogeni virali delle vie respiratorie superiori attraverso il suo programma Predicting Health and Disease (PHD), che ha portato alla creazione del Biological Technologies Office (BTO) dell’agenzia, come riportato da Whitney Webb in un Articolo di maggio per il The Last American Vagabond. Nel 2014, il BTO di DARPA ha lanciato il suo programma “In Vivo Nanoplatforms” (IVN), che ricerca nanotecnologie impiantabili, portando allo sviluppo di “idrogel”.

L’idrogel è una nanotecnologia il cui inventore fin dall’inizio si è vantato: “Se fosse approvato dall’ FDA, i consumatori potrebbero ottenere i sensori impiantati per misurare i loro livelli di glucosio, ossigeno e lattato”. Questo materiale simile a una lente a contatto richiede uno speciale iniettore da introdurre sotto la pelle dove può trasmettere segnali digitali basati sulla luce attraverso una rete wireless come il 5G.

Una volta saldamente impiantato nel corpo, le cellule umane sono alla mercé di qualsiasi programma di mRNA fornito tramite questo substrato, scatenando inquietanti possibilità. È, forse, il primo vero passo verso il transumanesimo completo. (Fonte)

Patrick Tucker di Defense One entra in alcuni dettagli più specifici di come funziona il biochip. Lo descrive come segue:

Il sensore ha due parti. Uno è un filo di 3 mm di idrogel, un materiale la cui rete di catene polimeriche viene utilizzata in alcune lenti a contatto e altri impianti. Inserito sotto la pelle con una siringa, il filo include una molecola appositamente progettata che invia un segnale fluorescente all’esterno del corpo quando il corpo inizia a combattere un’infezione. L’altra parte è un componente elettronico attaccato alla pelle. Invia luce attraverso la pelle, rileva il segnale fluorescente e genera un altro segnale che chi lo indossa può inviare a un medico, a un sito Web, ecc. È come un laboratorio sulla pelle che può rilevare la risposta del corpo alla malattia prima della presenza di altri sintomi, come la tosse.

NON RESTERAI SORPRESO DA CHI SUPPORTA QUESTA TECNOLOGIA
È chiaro che questo progetto ha il sostegno delle aziende e del governo americano.

L’azienda privata creata per commercializzare questa tecnologia, che consente di controllare i processi biologici a distanza e apre la porta alla potenziale manipolazione delle nostre risposte biologiche e, in definitiva, della nostra intera esistenza, si chiama Profusa Inc e le sue operazioni sono finanziate con milioni di NIH e DARPA. A marzo, l’azienda è stata inserita silenziosamente nell’affollato bazar COVID-19 nel marzo 2020, quando ha annunciato un biochip iniettabile per la rilevazione di malattie respiratorie virali, tra cui COVID-19. (Fonte)

Diego scrive,

L’unico ostacolo è un sistema di consegna, che sebbene Moderna afferma di essere sviluppato separatamente, è improbabile che ottenga l’approvazione della FDA prima della tecnologia idrogel sviluppata dal DARPA del governo federale, in tandem con la tecnologia dei sensori di luce finanziata dalla DARPA degli Stati Uniti, che dovrebbe ricevere un’autorizzazione rapida dalla Food and Drug Administration entro l’inizio del 2021 e, molto probabilmente, utilizzata per distribuire un vaccino contro il coronavirus con la capacità di cambiare letteralmente il nostro DNA.

Inoltre, il Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS), sta attualmente indagando sulle domande di brevetto di Moderna, sostenendo di non aver rivelato il “sostegno del governo federale” nelle sue domande di brevetto del candidato vaccino COVID, come richiesto dalla legge. Il tecnicismo potrebbe portare il governo federale a possedere una partecipazione del 100% in mRNA-1273. (Fonte)

FATTI MICROCHIPPARE O AFFRONTA LE CONSEGUENZE.
Attivisti e cittadini preoccupati devono smetterla di parlare del “microchip che sta arrivando” e di come si rifiuteranno di ricevere il chip quando sarà il momento. Ormai e` qui. Presto, le persone in tutto il mondo dovranno prendere una decisione molto difficile: prendere un microchip o affrontarne le conseguenze. A giudicare dalla quantità di persone che idossano la mascherina durante i miei viaggi al supermercato, direi che le probabilità non sono a favore dell’umanità libera. La maggior parte delle persone si allineerà volentieri.

Fonte

darpachipmain-1-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €

Il New York Times ammette che la decisione dell’OMS di non chiudere i confini ad inizio pandemia era basata sulla politica non sulla scienza

Il New York Times ha pubblicato un articolo in cui ammette ciò che vi dicevo 8 mesi fa: la direttiva dell’Organizzazione mondiale della sanità all’inizio della pandemia di coronavirus secondo cui i paesi non dovevano chiudere i loro confini era una decisione basata sulla “politica”, non sulla scienza.

“L’Organizzazione mondiale della sanità ha a lungo incoraggiato il turismo di massa e ha affermato che la chiusura dei confini non avrebbe fermato la diffusione del Covid-19. Un’indagine del New York Times ha scoperto che questa politica non è mai stata basata sulla scienza, ma invece sulla politica e l’economia “, ha twittato il NY Times con un collegamento a un articolo che descriveva in dettaglio la questione.

Come abbiamo riportato il 31 gennaio, l’OMS ha ripetutamente esortato i paesi a non imporre controlli alle frontiere, in parte per evitare la “stigmatizzazione” del popolo cinese.

In altre parole, non essere visti come razzisti e impedire che i sentimenti delle persone venissero feriti era più importante che fermare la diffusione della pandemia.

Poi, ad aprile, abbiamo documentato come l’OMS ha impedito ai medici di esortare i paesi a imporre controlli alle frontiere per fermare la diffusione del coronavirus.

“Quindi i verbali delle riunioni ufficiali dicono che c’era una divergenza di opinioni, ma in realtà non sono entrati nei dettagli. Ma c’erano medici che volevano emettere divieti di viaggio e l’Organizzazione Mondiale della Sanità gli hanno bloccati “, ha riferito Sky News Australia.

Il mese successivo, gli scienziati in Brasile hanno anche confermato che i paesi più colpiti dalla diffusione del coronavirus erano quelli che hanno continuato a consentire viaggi senza restrizioni attraverso i loro confini.

Uno studio di Monte Sinai ha rilevato che i casi record di coronavirus e le morti a New York City erano “prevalentemente” dovuti ai viaggi dall’Europa, il che significa che molte più vite avrebbero potuto essere salvate se i confini fossero stati chiusi prima.

Paesi come la Russia che sono stati proattivi nella chiusura anticipata dei loro confini hanno registrato un numero significativamente inferiore di casi di COVID-19 e decessi rispetto ad altri paesi con dimensioni di popolazione simili.

Nonostante i suoi 144 milioni di abitanti, la Russia ha registrato meno di 21.000 morti per coronavirus, rispetto al Regno Unito, che ha una popolazione di 65 milioni ma ha registrato più del doppio di quel numero di morti per COVID.

Fonte


 

011020who-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €

“Sono un obiettivo”, la virologa cinese dice a Tucker che il Coronavirus e` stato rilasciato intenzionalmente e che il PCC sta cercando di farla “scomparire”

Ore dopo il suo ingiustificato ban da Twitter, si presume perche` ha presentato le prove che SARS-CoV-2 è stato creato in un laboratorio di Wuhan, la virologa cinese Dr. Li-Meng Yan è apparsa a “Tucker Carlson Tonight”, dove ha detto al conduttore di Fox News che il virus è stato progettato per colpire gli esseri umani e che è stato rilasciato intenzionalmente

“Non avrebbe mai potuto comparire naturalmente”, ha detto Yan, MD / PhD che ha lavorato con il coronavirus all’Università di Hong Kong

“Ci sono prove rimaste nel genoma” – che Yan ha dettagliato in un documento scientifico di 26 pagine scritto in collaborazione con altri tre scienziati cinesi. “Non vogliono che la gente sappia questa verità. Inoltre, è per questo che sono stata sospesa [da Twitter]. Sono un’obiettivo che il Partito Comunista Cinese vuole far scomparire”.

Quando Carlson le ha chiesto perché crede che il virus sia fuori uscito dal laboratorio di Wuhan, la dottoressa Yan ha detto “Ho lavorato nel laboratorio di riferimento dell’OMS, che è il miglior laboratorio di coronavirus al mondo all’università di Hong Kong. Sono andata in profondita` in tali indagini in segreto sin dall’inizio di questo focolaio: avevo le mie fonti attraverso la mia rete in Cina, che comprendeva ospedali, istituti e governo “.

“Con la mia esperienza, posso dirti che questo virus e` stato creato in un laboratorio.”

Guarda:

Il 28 aprile la dottoressa Yan è fuggita da Hong Kong con un volo Cathay Pacific per gli Stati Uniti. Crede che la sua vita sia in pericolo e che non potrà mai piu` tornare a casa.

“Il motivo per cui sono venuta negli Stati Uniti è perché voglio mostrare la verita` sul COVID”, ha detto Yan a Fox News a luglio.

Come abbiamo riportato all’epoca:

Yan ha detto che la discussione tra i colleghi in Cina sulla malattia ha preso una brusca svolta dopo che “medici e ricercatori che avevano discusso apertamente del virus non hanno piu` voluto parlarne”. I contatti a Wuhan sono diventati completamente oscuri e altri hanno avvertito di non chiedere loro del virus – dicendo a Yan “Non possiamo parlarne, ma dobbiamo indossare maschere”.

“Ci sono molti, molti pazienti che non ricevono il trattamento in tempo e la diagnosi in tempo”, ha detto Yan, aggiungendo “I medici dell’ospedale hanno paura, ma non possono parlare. Lo staff del CDC ha paura”.

Ha detto di aver riferito di nuovo le sue scoperte al suo supervisore il 16 gennaio, ma in quel momento lui le avrebbe detto di “tacere e stare attenta”.

“Mi avverti` di non oltrepassare il limite'”, ha detto Yan riferendosi al governo. “Ci metteremo nei guai e ci faranno sparire.”

Sostiene anche che il co-direttore di un laboratorio affiliato all’OMS, il professor Malik Peiris, lo sapeva ma non ha fatto nulla al riguardo.

Peiris inoltre non ha risposto alle richieste di commento. Il sito web dell’OMS elenca Peiris come “consulente” del Comitato di emergenza per la polmonite del regolamento sanitario internazionale dell’OMS a causa del nuovo Coronavirus 2019-nCoV.

Yan era frustrata, ma non sorpreso –Fox News

“So già che succederebbe perché conosco la corruzione che c’e` in queste organizzazioni internazionali come l’OMS, il governo cinese e il Partito comunista cinese”, ha detto Yan. “Quindi fondamentalmente … lo accetto ma non voglio che queste informazioni fuorvianti si diffondano nel mondo.”

L’OMS nega che il professor Malik Peiris lavori direttamente per l’organizzazione, dicendo a Fox in una dichiarazione “Il professor Malik Peiris è un esperto di malattie infettive che ha partecipato a missioni dell’OMS – così come molte persone eminenti nei loro campi”, aggiungendo ” non lo rendono un membro del personale dell’OMS, né rappresenta l’OMS “.

Leggi il resto del rapporto qui.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

Australia: Le autorita` si autoconferiscono il potere di separare i bambini dai genitori per assicurare l’applicazione delle norme contro il COVID

Le autorità australiane si sono date il potere di chiedere alla polizia di allontanare i bambini dalla custodia dei loro genitori al fine di garantire il rispetto delle norme sul coronavirus.

L’Allegato 2 del COVID-19 Emergency Response Act 2020 modifica l’Emergency Response Act 2004 per creare nuovi poteri durante le “emergenze dichiarate”.

La sezione 25 della legge afferma quanto segue;

—Rimozione dei bambini
(1) Senza derogare alla sezione 25, un funzionario autorizzato può, allo scopo di garantire il rispetto di qualsiasi direzione in quella sezione, rimuovere un bambino da qualsiasi locale, luogo, veicolo, residenza, ospedale, come ritiene opportuno l’ufficiale autorizzato (e può, nel farlo, usare la forza ragionevolmente necessaria).
Un bambino è definito come chiunque abbia meno di 18 anni.

Ieri, le autorità di Melbourne hanno annunciato che avrebbero utilizzato droni di sorveglianza per cogliere in flagrante le persone che non indossano maschere e per tenere traccia delle auto che viaggiano a più di 5 km da casa.

Sono emersi anche diversi video di poliziotti che maltrattano e soffocano donne per non aver indossato maschere.

Alla polizia è stato anche dato il potere di entrare nelle case delle persone senza un mandato ed eseguire controlli a campione di quarantena.

Ai conducenti viene anche chiesto di mostrare i documenti ai posti di blocco autostradali semplicemente per recarsi al lavoro.

Chiunque venga sorpreso fuori senza maschera o che viola il coprifuoco dalle 20:00 alle 5:00 rischia una multa massiccia.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00