Archivi Blog

Il New York Times dice che il “Grande Reset” e` una teoria del complotto lo stesso giorno in cui il World Economic Forum lo celebra

Vuole che Twitter e Facebook censurino le informazioni sull’agenda delle élite.

Lo stesso giorno in cui il World Economic Forum ha annunciato il “Grande Reset” come un modo positivo per costruire “resilienza futura ai rischi globali”, il New York Times ha dichiarato che l’intera cosa è una “teoria del complotto”.

Sì davvero.

Il NYT e` rimasto apparentemente sconvolto dal fatto che il “Grande Reset” fosse di tendenza su Twitter e ha pubblicato un articolo in cui lo etichettava come “una teoria della cospirazione infondata sul coronavirus”.

In realtà, il WEF, le ONG e i leader mondiali da mesi sostengono la necessità di sfruttare l ‘”opportunità”, nelle parole di Justin Trudeau, fornita dalla pandemia per ottenere un “Grande Reset”.

Il rapporto del NYT menzionava Trudeau, ma nascondeva il fatto che aveva apertamente etichettato COVID-19 una “opportunità” durante una teleconferenza delle Nazioni Unite.

Lo stesso giorno il Times ha affermato che la questione era un sogno febbrile di “commentatori di Internet di estrema destra”, lo stesso Forum economico mondiale ha celebrato il “Grande Reset” come un modo per costruire “resilienza futura ai rischi globali”.

Il rapporto del NYT lo definisce quindi una “voce infondata” secondo la quale le élite stanno usando la pandemia “per imporre il loro controllo economico globale alle masse”, nonostante il fatto che il globalista di Davos Karl Schwab annunci specificamente proprio questo programma nel suo recente libro, COVID-19 : Il grande ripristino.

Come abbiamo evidenziato in precedenza, Schwab sostiene anche apertamente una dittatura tecnocratica in base alla quale le persone accetteranno microchip impiantabili in grado di leggere i loro pensieri e scansioni cerebrali per poter viaggiare.

Basti dire che il Times ha completamente omesso di menzionare il libro di Schwab.

Il NYT ha quindi evidentemente contattato sia Twitter che Facebook nel tentativo di rimuovere le informazioni sul “Grande Reset”, ma Twitter ha rifiutato di farlo e Facebook non ha risposto.

Quindi, in altre parole, nel suo tentativo di persuadere le persone che l’élite non sta perseguendo un nefasto “Grande Reset”, il giornale elitario ha fatto pressioni perche` le informazioni su questa “cospirazione” (che non esiste) fossero rimosse dal consumo pubblico .

Fonte

191120nyt1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €


 

Uno storico attacca Greta: “Non la vedo a Pechino o a Delhi”

Lo storico Niall Ferguson ha attaccato l’ipocrisia dei cambiamenti climatici di Greta Thunberg a Davos, chiedendo perché “Non la si vede a Pechino o Delhi”.

L’attivista climatica, Greta Thunberg ha tenuto un altro discorso isterico alla confab globale di qualche giorno fa in cui ha affermato: “La nostra casa è ancora in fiamme. La tua inazione sta alimentando le fiamme di ora in ora. Ti stiamo ancora dicendo di farti prendere dal panico e di agire come se amassi i tuoi figli sopra ogni altra cosa. ”

“Non vogliamo che si faccia qualcosa nel 2050, nel 2030 o persino nel 2021”, ha detto la Thunberg. “Vogliamo che sia fatto ora.”

Ferguson, Senior Fellow presso la Hoover Institution della Stanford University, si è chiesto perché la Thunberg non stia indirizzando il suo messaggio ai più grandi inquinatori del pianeta.

“Il 60% delle emissioni di CO2 dalla nascita di Greta Thunberg è attribuibile alla Cina … ma nessuno ne parla. Parlano come se fossero in qualche modo europei e americani a risolvere questo problema … il che è frustrante perché non arriva al nocciolo della questione “, ha detto Ferguson.

“Se sei seriamente intenzionato a rallentare le emissioni di CO2 e l’innalzamento della temperatura devi intervenire su Cina e India”, ha aggiunto, osservando che mentre Greta si reca a New York e Davos, “non la vedo a Pechino o Delhi. ”

Ferguson ha ragione. Prendi il Regno Unito per esempio.

“Le emissioni di CO2 della Gran Bretagna hanno raggiunto il picco nel 1973 e sono ora al loro livello più basso dai tempi vittoriani”. “Da allora l’inquinamento atmosferico è precipitato, con livelli di anidride solforosa in calo del 95%. La popolazione britannica è in aumento ma il nostro consumo di energia ha raggiunto il picco nel 2001 e da allora è diminuito del 19% “.

Questa mappa globale dell’inquinamento pubblicata dall’OMS illustra perfettamente il punto di Ferguson.

Anche se credi con tutto il cuore nella scienza decisamente traballante dietro il riscaldamento globale creato dall’uomo, l’Occidente sta facendo la sua parte. Tuttavia vengono da noi a dirci di non viaggiare, non mangiare carne e non avere figli nonostante siamo già in grave declino demografico.

Nel frattempo, l’Africa, l’India e la Cina continuano a inquinare ostinatamente e nessuna delle sfuriate di Greta Thunberg o l’attenzione mediatica viene mai diretta nella loro direzione.

Inoltre, Greta continua ad ampliare il suo messaggio con artisti del calibro del principe “4 viaggi in jet privati in 11 giorni”, Harry e Arnold “garage pieno di carri armati e muscle car” Schwarzenegger.

Fonte