Archivi Blog

I trattamenti con anticorpi funzionano contro il COVID. Perché non vengono promossi?

È forse il modo più efficace per salvarti la vita se sei infetto da COVID-19, ma probabilmente il meno conosciuto. Riduce il rischio persino di essere ricoverati in ospedale dal 70% all’85%, anche se deve essere somministrato in anticipo per essere efficace, entro quattro giorni dall’infezione. Probabilmente si stanno perdendo vite inutilmente perché le persone non lo sanno.

È un trattamento con anticorpi monoclonali, abbreviato in mAb. Nella misura in cui il pubblico ha familiarità con esso, potrebbe conoscerlo come Regeneron, anche se questo è in realtà il nome dell’azienda che produce il trattamento principale, REGEN-COV2, e ci sono molti altri mAbs di altri produttori.

Le autorità sanitarie da mesi avrebbero dovuto convogliare questo messaggio: “Appena vi accorgete di essere stati esposti al COVID, fate il test e richiedete se un trattamento con anticorpi faccia al caso vostro”.

Ma non lo hanno fatto. Almeno non nella maggior parte del pianeta.

Perchè no?

Non esiste una spiegazione logica e un numero significativo di vite potrebbe essere stato perso a causa dell’incapacità di informare adeguatamente il pubblico. E ora, con i trattamenti anticorpali che stanno ottenendo più attenzione, i trattamenti devono essere razionati, aumentando la tragedia. Almeno in parte, la spiegazione è triste: politicizzazione di media e scienza.

L’efficacia di REGEN e di altri trattamenti anticorpali è nota almeno da novembre, quando la Food and Drug Administration ha concesso l’autorizzazione di emergenza per REGEN e un altro mAb. Test precedenti avevano rilevato che REGEN era efficace per oltre il 70% nell’evitare malattie gravi e numerosi test successivi lo hanno confermato.

“Molti di noi ne parlavano già a marzo [2020]”, ha scritto Scott Gottlieb, un ex commissario della FDA.

“Regeneron ha svolto un lavoro straordinario per garantire la produzione, ma abbiamo bisogno di uno sforzo industriale concertato per ottenere la fornitura di cui abbiamo bisogno”.

Solo nell’ultimo mese i trattamenti anticorpali hanno iniziato a ricevere maggiore attenzione. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che il dottor Anthony Fauci alla fine, in ritardo, ha parlato, affermando che i trattamenti possono ridurre il rischio di ricovero o morte per COVID-19 dal 70% all’85%. Questo sembra essere stato un segnale per la mandria dell’establishment che era lecito parlare positivamente dei trattamenti. L’amministrazione Biden ha quindi annunciato che avrebbe intensificato gli acquisti dei trattamenti.

Tuttavia questa maggiore attenzione ha ora causato una carenza di trattamenti. Ciò che era in eccesso di offerta solo un paio di mesi fa, ora viene razionato. L’amministrazione Biden ha appena annunciato restrizioni su quanti trattamenti possono essere spediti a ciascuno stato. Dal Washington Post: “L’aumento della domanda per la terapia rappresenta una brusca svolta rispetto a soli due mesi fa, quando gli anticorpi monoclonali erano ampiamente disponibili. Con poca promozione da parte del governo, i consumatori, i medici e gli stati utilizzavano solo una piccola parte dell’offerta disponibile”.

Qui in Illinois, le autorità sanitarie e i media sono completamente dietro la curva. È difficile trovare anche solo qualcuno che parli dellàargomento.

Le unità di terapia intensiva in alcune parti dello stato dell’Illinois sono ora piene di pazienti COVID. Quanti di quei ricoveri sarebbero stati evitati se le vittime fossero state a conoscenza del trattamento e avessero agito rapidamente per ottenerlo?

Questo vale anche per la maggior parte della nazione. La Florida è uno dei sei stati tra le eccezioni. Questi sei stati hanno utilizzato i trattamenti in modo aggressivo, consumando il 70% della fornitura nelle ultime settimane. Ciò è in parte dovuto agli alti e recenti tassi di infezione nella maggior parte di questi stati, ma anche perché hanno visto il valore del trattamento con anticorpi che altri stati hanno ignorato e ne hanno parlato alla loro gente. Questo è particolarmente vero per la Florida, a cui arriverò.

Perché le autorità sanitarie e i presunti esperti non hanno reso più noto un trattamento salvavita?

Una risposta benigna ma irrazionale è che non vogliono distrarre dall’importanza delle vaccinazioni perché considerano la prevenzione migliore del trattamento. Ad esempio, l’esperta della CNN, la dott.ssa Leana Wen, ha dichiarato: “È totalmente controproducente dire che dovremmo concentrarci sul trattamento invece di enfatizzare la prevenzione, e i passi che sappiamo funzionano per fermare il Covid-19 in primo luogo”. E il dottor Christian Ramers, uno specialista in malattie infettive, ha detto al Daily Beast. “È molto meglio prevenire una malattia che utilizzare una terapia costosa, ingombrante e difficile da usare”, ha presentato Ramers. “Non ha alcun senso medico appoggiarsi ai monoclonali a scapito dei vaccini. È come giocare in difesa senza offesa”.

Sembra irrazionale a prima vista. I vaccini preventivi e le terapie come il trattamento con anticorpi non sono alternative. Promuovi i vaccini quanto vuoi, ma quando qualcuno sta affrontando una possibile morte, curalo.

Ma un’altra spiegazione spiega almeno in parte il motivo per cui gli mAbs sono stati evitati: all’establishment non piace la politica di chi ha sostenuto la terapia con anticorpi, in particolare il governatore della Florida Ron DeSantis, un candidato repubblicano alla presidenza.

Almeno da novembre, DeSantis ha incoraggiato gli abitanti della Florida a cercare di farsi trattare con gli anticorpi se vengono infettati.

“E la cosa buona di questo è che milioni di dosi sono pronte per la spedizione mentre parliamo”, disse tempo fa.

In una news ristampata quasi universalmente nei media nazionali e dell’Illinois, AP ha collegato il supporto di DeSantis per i trattamenti anticorpali a un investimento in Regeneron e ai contributi della campagna di Griffin a DeSantis.

E’ stata una opera di diffamazione, a cui DeSantis ha risposto in modo appropriato, dicendo che la notizia era un palese attacco politico.

AP non era solo. Un editorialista di Bloomberg su Twitter ha deriso DeSantis e il prodotto Regeneron poiche’ costerebbe – $ 1.250 per dose – quando i vaccini siano gratuiti. Questo è falso. DeSantis ha reso il trattamento gratuito.

Come ci si aspetterebbe, la stampa aveva un altro motivo per respingere il valore dei trattamenti anticorpali: Trump. Ha dato credito al prodotto di Regeneron per averlo aiutato con il suo recupero quando è stato infettato. Ma questo perché l’amministratore delegato di Regeneron era un membro del golf club di Trump, ha affermato il Daily Mail. E Trump possedeva azioni di Regeneron e Gilead, un altro produttore di mAb, quindi questo deve spiegare la sua affermazione, come USA Today vorrebbe far credere. “No, Regeneron non ha curato Donald Trump dal COVID”, ci ha detto categoricamente The New Republic in un titolo, come se ne avessero un’idea.

I fatti sul trattamento con anticorpi hanno ora superato quel clamore politico. Ancora oggi, tuttavia, l’opinione pubblica rimane per lo più all’oscuro dell’efficacia e della disponibilità del trattamento, tranne che in alcuni stati come la Florida. Sebbene i trattamenti siano ora razionati, sono disponibili ovunque per le persone in gruppi ad alto rischio.

Peccato che il governo federale non abbia aumentato i suoi acquisti del prodotto gia’ nel 2020.

Peccato che ogni stato non lo abbia promosso così pesantemente come ha fatto la Florida.

Peccato che stati come l’Illinois ancora non ne parlino.

Peccato che i governatori di stati come l’Illinois non stiano dicendo ciò che DeSantis sta dicendo ora, ovvero che “combatterà fino allo stremo” per ottenere piu’ dosi possibile.

Peccato perché non sapremo mai quante vite avrebbero potuto essere salvate.

Peccato che in Italia e in Europa siamo nella stessa situazione

Fonte

regen-300x234-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Oltre la metà di coloro che cercano un trattamento salvavita COVID-19 nel sud della Florida sono completamente vaccinati

Un portavoce dell’ufficio del governatore della Florida Ron DeSantis ha affermato che più della metà di coloro che cercano un trattamento con anticorpi monoclonali nel sud della Florida sono individui “completamente vaccinati” a causa di problemi di approvvigionamento.

“Più della metà dei pazienti che ricevono il trattamento con anticorpi monoclonali nel sud della Florida sono completamente vaccinati”, ha scritto la portavoce di DeSantis Christina Pushaw in risposta a un commento su Twitter che suggeriva che solo le persone non vaccinate sono il motivo per cui esiste una richiesta significativa di anticorpi monoclonali.

La Florida, ha scritto, “è al di sopra della media nel tasso di vaccinazione” e che “più della metà dei pazienti nel sud della Florida che ricevono un trattamento con anticorpi monoclonali sono vaccinati. Vaccinato o non vaccinato – Negare le cure ai pazienti Covid è sbagliato”.

Gli anticorpi monoclonali sono proteine ingegnerizzate del sistema immunitario che stimolano una risposta immunitaria contro un’infezione.

All’inizio di questa settimana, la Casa Bianca e il Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) hanno annunciato piani per controllare la fornitura di anticorpi monoclonali negli Stati Uniti a causa di problemi di distribuzione. Secondo il sito Web di HHS in un aggiornamento del 13 settembre, l’agenzia “determina la quantità settimanale di prodotti mAb che ogni stato e territorio riceve in base al carico di casi COVID-19 e all’utilizzo [trattamento con anticorpi monoclonali]”.

Un portavoce di HHS ha detto alla CNN che Florida, Texas, Mississippi, Tennessee, Alabama, Georgia e Louisiana utilizzano il 70% della fornitura del farmaco.

“Data questa realtà, dobbiamo lavorare per garantire che la nostra fornitura di queste terapie salvavita rimanga disponibile per tutti gli stati e territori, non solo per alcuni”, ha affermato il portavoce dell’HHS, aggiungendo che un nuovo sistema “contribuirà a mantenere un’equa distribuzione, sia geograficamente e temporalmente, in tutto il paese … fornendo a stati e territori un’offerta coerente ed equamente distribuita nelle prossime settimane”.

Prima del cambiamento, gli stati e gli ospedali potevano acquistare gli anticorpi da soli senza passare per il governo federale.

“Più del 50 percento degli anticorpi monoclonali utilizzati in Florida non sara’ piu’ disponibile”, ha detto DeSantis giovedì, aggiungendo che “ci sarà un’enorme disagio per i pazienti. “

Giovedì, l’ufficio di DeSantis ha dichiarato che lo stato dovrebbe rivolgersi direttamente a GlaxoSmithKline, un produttore di trattamenti di infusione di anticorpi monoclonali.

“L’amministrazione Biden e i loro alleati nei media hanno affermato che la Florida sta usando troppi trattamenti monoclonali a causa di un basso tasso di vaccinazione”, ha detto Pushaw a The Epoch Times giovedì, “e Biden si è scagliato contro il governatore DeSantis per essersi opposto al tirannico obbligo vaccinale.”

Fonte

gov.desantis-speaks-e1624729773954-700x420-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €