Archivi Blog

C’è qualcosa di perverso in “Little Demon” della Disney e nel suo produttore esecutivo Dan Harmon

I principali protagonisti della serie animata “Little Demon” sono Satana e sua figlia di 13 anni (che sembra essere l’Anticristo). Perché la Disney dovrebbe produrre uno spettacolo del genere? Ecco uno sguardo allo spettacolo e a chi ci sta dietro.

Little Demon è una serie animata prodotta da FX Networks, una sussidiaria della Disney. Nel cast Danny DeVito, Lucy DeVito (la figlia di Danny) e Aubrey Plaza. Altre celebrità presenti nello show sono Arnold Schwarzenegger, Mel Brooks, Will Jackson Harper, Pamela Adlon, Rhea Perlman, Shangela, Patrick Wilson, Dave Bautista, June Diane Raphael, Toks Olagundoye, Lamorne Morris e Sam Richardson.

Il produttore esecutivo è Dan Harmon, il creatore della serie di successo Community e Rick and Morty.

Il cast e i creatori di Litte Demon al Comiccon.

In breve, ci sono molti soldi e potere dietro Little Demon. Inoltre, i media mainstream hanno promosso con entusiasmo lo spettacolo in ogni modo possibile.

Detto questo, ecco la schermata iniziale dello show:

Guarda lo sfondo.

Lo sfondo contiene il vero logo della Chiesa di Satana, una organizzazione che esiste nella realtà.

Il sigillo di Baphomet – il logo ufficiale della Chiesa di Satana.

Perché il logo di un’organizzazione reale dovrebbe essere utilizzato in uno spettacolo di fantasia? I satanisti di Hollywood usano i mass media per fare proselitismo alla loro “religione”?

La sinossi ufficiale dello spettacolo ci fornisce un indizio:

Tredici anni dopo essere stata messa incinta dal Diavolo (Danny DeVito), una madre riluttante (Aubrey Plaza) e sua figlia l’Anticristo (Lucy DeVito) tentano di vivere una vita normale nel Delaware, ma sono costantemente ostacolate da forze mostruose, incluso Satana, che anela per la custodia dell’anima di sua figlia.

Mentre la premessa dello spettacolo potrebbe sembrare “creativa” per alcuni, non lo è. È estremamente simile a serie come Chilling Adventures of Sabrina in cui la protagonista è un’adolescente che attraversa situazioni in cui ci si può identificare come andare al liceo e rilassarsi con gli amici. Il colpo di scena: è “speciale” e “potente” a causa di Satana e della stregoneria. È una narrativa consolidata che sembra essere estremamente manipolativa attingendo ai desideri dei giovani.

Un semplice sguardo ai trailer dello spettacolo rende un fatto immensamente chiaro: si vuole normalizzazione (e persino glorificare) il satanismo e il concetto generale di male per le masse.

Voglio dire, guarda il trailer e dimmi che non celebra apertamente Satana.

Non ho visto l’intera serie, ma un semplice sguardo ai vari trailer disponibili online è più che sufficiente per confermare un altro fatto: Little Demon è intriso dell’agenda e del simbolismo dell’élite occulta.

Satana conferisce alla protagonista principale poteri fantastici che le consentono di combattere contro i bulli a scuola e simili. Il messaggio: Satana è tuo amico. Un altro messaggio: la stregoneria è l’emancipazione femminile. Inoltre, nota l’occhio tra i suoi capelli. Ti dice che questo spettacolo è stato sponsorizzato dall’élite occulta.

In effetti, il segno dell’occhio è dappertutto in Little Demon.

Satana assume la forma di un papà simpatico e non minaccioso che si prende cura di sua figlia.

In un trailer, vediamo Satana scoprire che la sua progenie è una ragazza. Risponde subito: “Il futuro è femminile!”. Usando questa citazione femminista, Satana diventa figo e inclusivo.

La mamma è una simpatica strega tatuata con poteri occulti. Inoltre, copula con Satana in persona e partorisce sua figlia.

Little Demon ritrae rituali occulti e sacrifici di sangue come attività divertenti ed eccitanti. Molte altre serie rivolte ad adolescenti e giovani adulti trasmettono lo stesso messaggio.

La trinità empia e una croce rovesciata. Solo puro simbolismo satanico proiettato sullo schermo. Si può ancora chiamare intrattenimento?

Le palesi immagini sataniche dello show non sono passate inosservate. In un post su Facebook, il membro del Congresso degli Stati Uniti Mike Johnson ha descritto lo spettacolo come “chiaramente malvagio”:

Il finale scioccante dell’apertura della LSU non è stata la parte più inquietante del gioco ieri sera. Per me, ciò è avvenuto durante una pausa pubblicitaria, quando al pubblico televisivo è stato presentato il trailer di una nuova “sitcom” di cartoni animati FX intitolata “LITTLE DEMON”.

Non sono riuscito ad accedere al telecomando abbastanza velocemente da proteggere mio figlio di 11 anni dall’anteprima, e mi chiedo quanti altri bambini ne siano stati esposti e quanti altri milioni si sintonizzeranno sulla nuova serie, di proprietà e commercializzata di DISNEY.

Il trailer includeva immagini oscure dell’Inferno, demoni e immagini sataniche e una spiegazione secondo cui il personaggio principale è… l’Anticristo(!).

La Disney fornisce questa descrizione surreale: “Tredici anni dopo essere stata messa incinta da Satana, una madre riluttante, Laura, e sua figlia l’Anticristo, Chrissy, tentano di vivere una vita normale nel Delaware, ma sono costantemente ostacolate da forze mostruose, incluso Satana, che desidera ardentemente l’anima di sua figlia.

L’attrice che dà la voce a Laura ha detto in un’intervista: “Adoro il fatto che stiamo normalizzando il paganesimo. Laura è pagana. È una strega.»

Un’altra recensione online spiega che Chrissy scopre di essere l’Anticristo “in modo raccapricciante, riducendo rapidamente un branco di bulli della scuola in mucchi di una sostanza appiccicosa rossa in quella che si rivela essere la prima di molte sequenze spettacolari e cruente. Chrissy non sembra eccessivamente preoccupata per l’intera faccenda del triplo omicidio, scrollandosi di dosso un atteggiamento disinvolto che dà il tono al resto di “Little Demon”.

“La maggior parte dei momenti migliori dello show arriva quando si appoggia alla sua premessa infernale e scandaglia le profondità della propria depravazione. È probabile che tu non abbia mai visto un uomo farsi un buco in faccia prima o sentito le parole “Andiamo a bollire alcuni bambini mentre le loro teste sono ancora morbide” in quell’ordine e, dopo due decenni di South Park, I Griffin, una serie animata che trova nuovi modi per disgustare è un vero traguardo.

MA CHE CAZZO STA SUCCEDENDO?!?

Potrei scrivere dei volumi stamattina e spacchettare qui pagine di versetti biblici, ma invece dirò solo l’ovvio: per favore, state attenti. Il nostro compito di genitori è proteggere i cuori e le menti dei nostri figli. Questa cultura è diventata spaventosamente oscura e desensibilizzata e questo non è un gioco. Disney e FX hanno deciso di abbracciare e commercializzare ciò che è chiaramente malvagio. STAI LONTANO DA ESSO.

“Sii sobrio, sii vigile; perché il tuo avversario, il diavolo, va in giro come un leone ruggente, cercando chi possa divorare». (1 Pietro 5:8)

Come descritto sopra, lo spettacolo contiene sangue, nudità e battute sull’uccisione di bambini. Purtroppo, il produttore esecutivo dello show Dan Harmon ha fatto battute sugli abusi dei bambini già da un pò

C’E’ QUALCOSA DI INQUIETANTE IN DAN HARMON

Seriamente….

Nel 2009, Dan Harmon ha creato un cortometraggio comico chiamato Daryl, una parodia della serie Dexter. Ed è stato terribile. Il tema principale: violentare un bambino. Due volte.

Nel 2018, gli utenti di 4Chan hanno scoperto Daryl e hanno esposto il mondo alla sua orribilità. Allarmato dal fatto che le persone gli stessero addosso, Harmon ha prontamente cancellato il suo intero account Twitter.

Qual era il collegamento tra Daryl e il suo account Twitter? Non è ancora chiaro. La mia ipotesi è che il suo account contenesse probabilmente battute sui pedofili. Pochi giorni prima, il regista di Hollywood James Gunn si era messo nei guai per dei tweet sul fatto che volesse abusare dei ragazzini.

Ma Harmon non si è messo nei guai. I mass media sono volati in sua difesa e il video è stato quasi cancellato dalla rete (se sei pronto a essere profondamente disturbato, puoi ancora guardarlo qui)

Ecco un breve riassunto di ciò che accade.

Dan Harmon interpreta il ruolo di uno psicologo. Ad un certo punto, si intrufola nella casa del suo paziente e dice:

“Grazie per essere un paziente così bravo, per aver preso tutti i sonniferi che ti ho prescritto in modo che, più tardi stasera, quando entro dalla tua finestra, posso contare sul fatto che tu dorma come un bambino….

Harmon si intrufola nella stanza del bambino, si toglie i pantaloni e violenta il bambino.

Quindi, il personaggio di Harmon convince un altro paziente che l’unico modo per curare il suo bambino è violentarlo.

Harmon si toglie i pantaloni (di nuovo) e violenta il bambino davanti a suo padre. Lo spettacolo si conclude con Harmon che dice che gli è piaciuto molto. Disgustoso

Sono profondamente dispiaciuto per lo screenshot qui sopra. Ma dobbiamo affrontare collettivamente alcuni fatti duri e freddi. Guarda questo grasso pedofilo che violenta un bambino. Attualmente sta producendo uno spettacolo su Satana e l’Anticristo. Ha un enorme budget Disney, è pieno di star di Hollywood ed è elogiato dai media mainstream. Cos’altro devi sapere sull’industria dell’intrattenimento e sull’intero sistema d’élite che lo supporta?

CONCLUDENDO
Little Demon è perfettamente in linea con l’agenda satanica che ha permeato i mass media per anni. Si tratta di contrastare la naturale avversione delle persone ai concetti di male, satanismo e possessione demoniaca rendendoli divertenti, riconoscibili e divertenti. Attraverso i mass media, Satana smette di essere “l’avversario” che rappresenta tutto ciò che è malato, crudele e perverso e diventa un papà che si prende cura di sua figlia. La possessione satanica smette di essere una prova che distrugge l’anima per diventare un potente modo per ottenere superpoteri.

Bisogna essere ciechi per non vedere che il mondo è attualmente travolto da una massiccia ondata di indottrinamento. I mass media stanno rendendo il satanismo l’unica “religione” a cui possono essere concesse lodi ed esposizione tradizionali.

Che dire del fatto che un vero satanista esegue veri rituali di magia nera, sacrifici di sangue e abusi sui bambini? Bene, stanno cercando di normalizzare anche tutto questo. Perché quelli dietro Little Demon sono demoni grandi, grassi e disgustosi.

Fonte

leadlittledemon

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

5,00 €

Le società di streaming iniziano a sbarazzarsi dei contenuti woke dopo il crollo di abbonati

Non lo ammetteranno mai apertamente, ma sottostare all’agenda woke fa fallire le aziende.

Hollywood è stata apertamente progressista per decenni, ma questo non è niente in confronto all’invasione della giustizia sociale dal 2016.

Dopo circa cinque anni di un attacco di sinistra senza precedenti all’industria dell’intrattenimento, stiamo finalmente iniziando a vedere la furia perdere ossigeno. C’è una debolezza nelle produzioni woke che i media alternativi hanno sottolineato da molto tempo: non realizzano profitti perché sono progettati per placare una minoranza di zennial di sinistra sul lastrico. Questa è la folla sbagliata su cui fare affidamento per fare cassa a fine anno.

È giusto dire che l’industria dell’intrattenimento è stata parzialmente truffata. In primo luogo, ci sono quegli allettanti prestiti ESG che possono essere facilmente ottenuti fintanto che un’azienda dichiara a gran voce la propria fedeltà all’agenda della giustizia sociale. Poi, naturalmente, c’è il fatto che molti amministratori delegati aziendali e addetti al marketing seguono le tendenze di Twitter con il presupposto ignorante che Twitter sia in realtà un riflesso del mondo reale. La folla woke su Twitter è amplificata dalla società stessa, mentre la maggior parte delle voci contrarie vengono soffocate e sepolte. Chiunque utilizzi l’eco chamber di Twitter come indicatore di marketing sarebbe portato a credere che l’ideologia di sinistra sia l’ideologia prevalente della nazione. Neanche lontanamente.

Alcune aziende si stanno finalmente rendendo conto di questo fatto e stanno prendendo provvedimenti per ridurre la loro esposizione ai contenuti woke, l’altra strada porterebbe solo al fallimento. Ecco il punto: la sinistra potrà rilevare ogni piattaforma per la distribuzione dei media (quasi fatto), ma non possono ancora costringere il pubblico a consumare contenuti woke. Alla fine, la perdita di spettatori e denaro danneggerà i loro profitti.

Warner Media (ora di proprietà di Discovery) sembra essere in prima linea nell’eliminazione dei contenuti di sinistra. Sotto la guida dell’amministratore delegato David Zaslav, Discovery sta analizzando in modo aggressivo Warner per capire perché un’azienda con così tanti marchi e franchise iconici fallisce continuamente al botteghino e in streaming. Zaslav si sta sbarazzando dei contenuti di estrema sinistra trattandoli come il veleno che sono.

Ricordiamo il fallimento di CNN+ dopo meno di un mese di attività quando non riuscì ad attirare abbonati. Ora, Zaslav ha accantonato il film “Batgirl” da 100 milioni di dollari, una parodia woke con registi woke. Secondo quanto riferito, sta anche eliminando l’imminente film di Supergirl, che secondo le voci è stato progettato per sostituire l’amato franchise di Superman con una versione femminile interpretata da un’attrice di origini colombiane (la Supergirl originale dovrebbe essere bianca e bionda).

Un altro evento che ha scioccato la sinistra è stato Netflix che ha cancellato “First Kill”, una serie di vampiri lesbici che nessuno ha chiesto e apparentemente nessuno ha guardato.

Questo è successo dopo che Netflix ha cancellato una serie di programmi woke negli ultimi due mesi, incluso uno spettacolo chiamato “Anti-Racist Baby” scritto dal noto propagandista di Critical Race Theory Ibram X. Kendi e un altro spettacolo animato chiamato “Q-Force” (Forza Queer).

HBO Max ha recentemente cancellato il loro “Gordita Chronicles” dopo una sola stagione; lo spettacolo basato su una famiglia di immigrati dominicani ha fortemente spinto le narrazioni di sinistra sullo stato del gruppo di vittime e ha raffigurato l’America come una nazione razzista e oppressiva. Nessuna menzione del fatto che milioni di persone non bianche cercano di intrufolarsi negli Stati Uniti ogni anno.

Gli esempi dello spurgo di questa merda woke sono infiniti. Questa è una mossa intelligente da parte dei media di intrattenimento poiché il pubblico ha definito con i suoi dollari il fatto che non vuole guardare spazzatura di sinistra. Tuttavia, è troppo poco e troppo tardi?

Alcune aziende come la Disney hanno scelto scioccamente di raddoppiare i contenuti woke (dopo numerosi fallimenti al botteghino) e altre come la Warner hanno perso gran parte della fiducia da parte dei loro clienti. Le aziende e gli addetti al marketing hanno cercato a lungo di invogliare i clienti ricercando ciò che il pubblico desidera. Ma il nuovo modello consiste semplicemente nel DIRE ai clienti cosa acquistare e far vergognare il pubblico a conformarsi a un prodotto se non gli piace. Dal 2016 la strategia dei media è ATTACCARE i clienti in risposta alle critiche piuttosto che ascoltare e apprendere. Non è andata bene. Oggi queste imprese stanno pagando il prezzo delle loro trasgressioni contro il libero mercato.

Fonte

gettyimages-1267429384-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

5,00 €

I più importanti dirigenti Disney parlano della loro “non così segreta agenda gay” e del fatto che inonderanno i loro show e film con personaggi LGBTQIA

La discussione arriva in risposta al disegno di legge della Florida contro l’insegnamento dell’identità di genere agli scolari

In risposta al governatore della Florida Ron DeSantis che ha firmato la legge HB 1557 questa settimana, i dipendenti Disney hanno tenuto una riunione per discutere di come cercheranno di affrontare la legge in sede giudiziaria.

Il disegno di legge recita: “L’istruzione in aula da parte del personale scolastico o di terzi sull’orientamento sessuale o sull’identità di genere non sarà consentito nella scuola materna fino al 3°grado o in un modo non adeguato all’età o allo sviluppo appropriato per gli studenti in conformità con gli standard statali”.

Il giornalista Christopher Rufo è stato in grado di ottenere filmati dell’incontro virtuale della Disney in merito al disegno di legge.

Latoya Raveneau, produttore esecutivo della Disney Television Animation, ha spiegato durante un segmento dell’incontro come ha una “agenda gay non così segreta” che cerca di inserire negli spettacoli che produce.

Ad esempio, in “The Proud Family”, Raveneau ha detto che stava “aggiungendo elementi queer” ovunque potesse, come due personaggi dello stesso sesso che si baciano.

Un altro video pubblicato da Rufo mostrava Karey Burke, presidente della Disney Corporate, che spiegava come la sua esperienza di madre che ha allevato un bambino trans e un bambino pansessuale l’ha aiutata a rendersi conto che non ci sono abbastanza personaggi queer nei film e negli spettacoli Disney.

“Abbiamo molti, molti, molti personaggi LGBTQIA nelle nostre storie tuttavia non recitano nei ruoli principali”, si è lamentata.

La Diversity and Inclusion Manager (quando sento titoli di lavoro simili, predomina a me l’istinto di fare un appunto: solo nel mondo “sottosopra” in cui viviamo questo è considerato un lavoro n.d.r.) della Disney, Vivian Ware, ha spiegato che i loro parchi a tema hanno rimosso tutti i saluti di genere e hanno addestrato il loro personale a dire “amico” o “sognatore” invece di ragazzo o ragazza.

Il team del coordinatore di produzione della società Allen March ha creato un “tracker” per garantire che una quantità sufficiente di “personaggi non conformi al genere”, personaggi “trans” e “bisessuali” appaiano nella programmazione Disney.

Durante un’altra parte dell’incontro, la partner attivista della Disney Nadine Smith di Equality Florida ha detto ai dipendenti Disney gay che il governatore della Florida Ron DeSantis (R-Fla.) e la sua addetta stampa Christina Pushaw vogliono “cancellarli”, “criminalizzare” la loro esistenza e prendere i loro figli.

Il commentatore gay repubblicano Dave Rubin ha scherzato sul fatto che la scorsa settimana ha cenato con DeSantis e Pushaw e che non hanno criminalizzato la sua esistenza, aggiungendo, “ma la bistecca era abbastanza buona”.

“Anche il governatore ha ricevuto una grande standing ovation dall’intero ristorante mentre usciva…” ha concluso.

Nel frattempo, quattro dipendenti Disney sono stati arrestati durante un’operazione sotto copertura contro il traffico di esseri umani nella Florida centrale all’inizio di questo mese.

Fonte

5wzvkxhgae_seliq

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

La Disney indottrina i suoi dipendenti con la “teoria critica della razza”

Secondo i manuali di formazione dei dipendenti appena trapelati, la Walt Disney Company sta cercando di inculcare la “teoria critica della razza” (TCR) ai suoi dipendenti, comprese lezioni sulla razza e sui privilegi dei bianchi, e su come l’America sia stata “fondata sul razzismo sistemico”.

Secondo la raccolta di documenti trapelati da un informatore, il programma di “diversità e inclusione” della Disney chiamato “Reimagine Tomorrow” è diventato “profondamente politicizzato facendo si che la societa’ si schieri in un inesistente conflitto razziale”, secondo city-journal.org.

Il fulcro del programma razziale della Disney è una serie di moduli di formazione sull'”antirazzismo”. In uno, chiamato “Allyship for Race Consciousness”, l’azienda dice ai dipendenti che devono “assumersi la responsabilità di educare [se stessi] sul razzismo strutturale anti-nero” e che non dovrebbero “fare affidamento sui [loro] colleghi neri per istruirli.], “Perché è” emotivamente faticoso “. Gli Stati Uniti, afferma il documento, hanno una “lunga storia di razzismo sistemico e transfobia” e i dipendenti bianchi, in particolare, devono “lavorare attraverso i sentimenti di colpa e vergogna per capire cosa c’è che non va. ”

In un altro modulo, chiamato “Cosa posso fare contro il razzismo?”, Disney dice ai dipendenti che dovrebbero rifiutare “l’uguaglianza”, con un focus sulla “parità di trattamento e accesso alle opportunità”, e invece lottare per l ‘”equità”, con un focus sulla “parità di risultati”. La formazione comprende anche una serie di lezioni su “pregiudizi impliciti”, “microaggressioni” e il “diventare un antirazzista”. L’azienda dice ai dipendenti che devono “riflettere” sull ‘”infrastruttura razzista” americana e “pensare attentamente se la vostra ricchezza, reddito, trattamento da parte del sistema di giustizia penale, occupazione, accesso agli alloggi, assistenza sanitaria, potere politico e istruzione potrebbe essere diverso se fossero di una razza diversa. ” -city-journal.org

Per attuare questo programma di formazione radicale, la Disney ha sponsorizzato la creazione di: “Sfida per l’equità razziale e la giustizia sociale dei 21 giorni” in collaborazione con la YWCA. Inizia con informazioni sul “razzismo sistemico” e richiede che i partecipanti accettino di essere “tutti cresciuti in una società che eleva la cultura bianca rispetto alle altre”.

La lezione passa quindi al “privilegio bianco”, in cui ai dipendenti viene chiesto di compilare una “checklist” sul privilegio bianco con opzioni che includono “Sono bianco”, “Sono eterosessuale”, “Sono un uomo”, “Mi identifico ancora con il genere in cui sono nato”,”non sono mai stato violentato”,”non faccio affidamento sui trasporti pubblici” e “non sono mai stato definito un terrorista”.

I partecipanti quindi imparano a conoscere la “fragilità bianca” e devono completare un esercizio chiamato “Come capire se sei vittima di fragilita’ bianca”.

Ai dipendenti bianchi viene insegnato a interpretare le proprie convinzioni come “Sono una brava persona, non posso essere razzista” e “Mi è stato insegnato a trattare tutti allo stesso modo” come prova del proprio razzismo interno e della fragilità bianca .

Alla fine della sfida dei 21 giorni, ai partecipanti viene detto che devono migrare dalla “cultura dominante bianca” a “qualcosa di diverso” – e che la “competizione” e la “accumulazione di potere” provengono dalla leadership prevalentemente bianca. Inoltre, “individualismo”, “tempestività” e “completezza” sono valori “dominanti dei bianchi” che “perpetuano la cultura della supremazia bianca” e dovrebbero essere rifiutati.

Hai capito? Il semplice fatto di essere puntuali perpetua la “cultura della supremazia bianca”.

Nello stesso compendio, Disney consiglia inoltre ai dipendenti di leggere una serie di guide pratiche, tra cui “75 cose che i bianchi possono fare per la giustizia razziale” e “I tuoi figli non sono troppo giovani per parlare di razza”. Il primo articolo suggerisce che i dipendenti bianchi dovrebbero smettere di “sostenere economicamente la polizia”, ​​”partecipare alle riparazioni”, “decolonizzare la loro libreria”, “non gentrificare i quartieri”, “trovare e partecipare a uno “spazio bianco locale” e “donare a opere contro la supremazia bianca come la sezione locale di Black Lives Matter “. Il secondo articolo incoraggia i genitori a impegnarsi a “aumentare la consapevolezza della razza nei bambini” e sostiene che “anche i bambini discriminano” nei confronti dei membri di altre razze. Un grafico afferma che i bambini mostrano i primi segni di razzismo all’età di tre mesi e che i bambini bianchi diventano “fortemente discriminantori contro i neri” all’età di quattro anni.

Infine, come parte di un’iniziativa denominata “priorità sponsorizzata dal CEO”, Disney ha lanciato “gruppi di affinità” razzialmente separati per i dipendenti di minoranza, con l’obiettivo di ottenere “intuizioni culturalmente autentiche”. Nel lancio originale, il gruppo di affinità latino era chiamato “Hola”, il gruppo di affinità asiatico era chiamato “Compass” e il gruppo di affinità nero era chiamato “Wakanda”. I gruppi di affinità razziali, chiamati anche Business Employee Resource Group (BERG), sono tecnicamente aperti a tutti i dipendenti ma in pratica sono diventati quasi interamente segregati per razza, con l’eccezione occasionale per gli “esecutivi” bianchi che partecipano per conto della leadership aziendale. -city-journal.org

Un dipendente ha detto a Christopher F Rufo del City Journal che l’ambiente politico in azienda si è intensificato negli ultimi mesi e che ci sono “promemoria quasi quotidiani, pannelli e seminari incentrati sull’antirazzismo”.

L’azienda è “completamente ideologicamente unilaterale” e scoraggia attivamente i dipendenti cristiani e conservatori dall’esprimere le proprie opinioni.

“Ho partecipato a diverse [sessioni di formazione] all’inizio solo per vedere quale sarebbe la caratura della discussione e per valutare se sarei stato in grado di sollevare le mie obiezioni in modo sicuro – sicuro per la mia carriera. Ho ricevuto continuamente una risposta negativa, ha detto il dipendente. ” Tutti liberi aperti e compassionevoli fintanto che non si va a discutere veramente di cose concrete.

Fonte

woke-disney

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

La Disney ha aggiunto il “bollino razzista” per “Dumbo”, “Peter Pan” e “Fantasia”

Il gigante dell’intrattenimento Disney ha aggiunto ulteriori avvertimenti sui “contenuti razzisti” a molti dei suoi film classici, tra cui Peter Pan, Dumbo, Fantasia e Lilli e il vagabondo, sul suo servizio di streaming Disney Plus.

“Questo sistema include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture”, si legge negli avvertimenti, che appaiono sugli schermi del pubblico per dieci secondi dopo che i film sono stati selezionati per la visione, secondo Variety. “Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso. Piuttosto che rimuovere questo contenuto, vogliamo riconoscerne l’impatto dannoso, imparare da esso e stimolare la conversazione per creare insieme un futuro più inclusivo. Disney si impegna a creare storie con temi ispiratori e aspirazionali che riflettano la ricca diversità dell’esperienza umana in tutto il mondo “.

La nuova dicitura sostituisce i precedenti avvertimenti su film come Dumbo che dicevano semplicemente: “Questo programma è presentato come e` stato originariamente creato. Potrebbe contenere rappresentazioni culturali obsolete. “

Gli avvertimenti contengono anche un collegamento a Disney.com/StoriesMatter, con un breve video che spinge il concetto di “narrazione diversificata”, sostenendo solo che \scrittori, i personaggi e storie “multiculturali/diverse” sono degne di essere rappresentate.

Le ultime schermate di avviso fanno parte del continuo impegno dell’azienda per inserire note di avviso sui suoi contenuti passati. La Disney aveva già etichettato Dumbo, Il libro della giungla, Lilli e il vagabondo e altri come “offensivi”. Gli ultimi avvertimenti sono un’espansione della campagna per marginalizzare i propri lavori passati.

Anche altre reti televisive hanno schiaffato bollini di avvertimento sui film. Su HBO Max, la classica storia d’amore dell’era della Guerra Civile, Via col vento, è stata temporaneamente cancellata dopo che gli attivisti hanno attaccato il film. Il servizio in seguito ha ripristinato il film, inserendo pero` avvertimenti. E a giugno, il gigante della televisione via cavo Comcast ha aggiunto un avvertimento alle versioni Disney di Aladdin del 1992 e del 2019 sostenendo che i film presentavano “atteggiamenti obsoleti” che potrebbero “essere offensivi oggi”.

Fonte

disneypeterpandumbo1-640x480-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €

Disney introduce il suo primo personaggio bisessuale in un cartone animato

La serie Disney, “The Owl House”, è il primo cartone animato Disney con un protagonista bisessuale. Sia Variety che il Daily Mail hanno descritto l’introduzione del personaggio come “storico”.

La protagonista quattordicenne dello show, Luz Noceda, è ritratta come una normale adolescente che va in un altro mondo per diventare una strega. Nello show, ha mostrato attrazione per i personaggi maschili e recentemente per un personaggio femminile ricorrente di nome Amity.

Viene rivelato che Luz aveva intenzione di chiedere all’altro personaggio femminile di andare insieme ad un ballo prom di fine anno e la serie mostra le due ballare insieme in un episodio.

La creatrice della serie, Dana Terrace, ha confermato che lo spettacolo, in effetti, alludeva a una relazione LGBTQ.

Ha scritto su Twitter: “Durante lo [sviluppo della serie] ero molto aperta riguardo alla mia intenzione di inserire ragazzi queer nel cast principale. Sono una pessima bugiarda, quindi intrufolarlo sarebbe stato difficile. Quando abbiamo avuto il via libera mi è stato detto da una certa leadership Disney che non potevo rappresentare alcuna forma di relazione bisessuale o gay sul canale “.

Continua dicendo che la Disney, la quale una volta aveva respinto l’idea, ora ha offerto il suo supporto.

Terrace ha twittato: “Sono bisessuale! Voglio scrivere un personaggio bisessuale, dannazione! Fortunatamente la mia testardaggine ha dato i suoi frutti e ora sono molto supportato dall’attuale leadership Disney “.

L’ex supervisore dell’animazione dello spettacolo ha twittato le storyboard della scena di ballo e ha detto che era la “prima volta che riusciva a fare qualcosa di anche lontanamente queer”.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

“In my bed” di Sabrina Carpenter: Un video sul controllo mentale…fatto dalla Disney

Attraverso un simbolismo inquietante, il video “In My Bed” della star Disney Sabrina Carpenter è una palese celebrazione dell’MKULTRA e della cultura malata dell’élite occulta.

Sabrina Carpenter è una delle tante piccole stelle che sono cresciute all’interno del sistema Disney, avviandosi in una carriera da solista che è definita dall’agenda degradata dell’élite occulta. Non diversamente da altre ex star della Disney come Miley Cyrus, Selena Gomez e innumerevoli altre, Sabrina Carpenter aveva una grande base di fan composta da bambini che guardavano il Canale Disney. La sua transizione in una pop star solista ha fatto si che anche i suoi fan “passassero” ad un livello più profondo di contenuti inquietanti.

La carriera di Sabrina è iniziata all’età di 12 anni quando ha interpretato il ruolo di una giovane vittima di stupro nella serie NBC 2011 Law & Order: Special Victims Unit. È stata poi reclutata dalla Disney per interpretare il ruolo di Maya Heart nella serie Girl Meets World e di Jenny Parker in Adventures in Babysitting, un film originale di Disney Channel.

La Disney ha anche reclutato la Carpenter per le sue abilità nel canto. Ha firmato un contratto con l’Hollywood Records di proprietà della Disney, insieme ad altre ex star Disney come Demi Lovato e Bea Miller.

Bea Miller (a sinistra) e Demi Lovato (a destra) fanno il segno dell’occhio che tutto vede, il che significa che sono di proprietà dell’élite occulta.

Dal momento che la Carpenterha firmato con la stessa etichetta, è quasi scontato che debba mostrare lo stesso simbolismo.

La copertina del singolo Why della Carpenter presenta un chiaro segno dell’occhio che tutto vede. Il disegno generale è un cenno alla divisione della personalità degli schiavi del controllo mentale.

Sulla copertina del suo ultimo album, uno dei suoi occhi è abilmente nascosto dall’ombra

Al di là del simbolo dell’occhio che tutto vede, l’intero atto della Carpenter è infuso dell’agenda dell’élite occulta. La prova più ovvia di questo fatto è il suo video In My Bed, che mostra chiaramente la cantante come una schiava del controllo mentale (per comprendere appieno ciò che sta per essere spiegato, leggi prima il mio articolo sulla programmazione Monarch).

IN MY BED

A giudicare dai commenti su YouTube, la maggior parte dei suoi giovani fan interpretano In My Bed non ha capito il vero significato del video. Ogni fotogramma è carico di simbolismo che si riferisce direttamente al mondo MKULTRA. Attraverso queste immagini, questo simpatico video finisce per raccontare una storia inquietante, che viene raccontata troppo spesso nei mass media.

Sin dall’inizio, gli spettatori sono esposti ai concetti chiave del controllo mentale.

All’inizio del video Sabrina è sdraiata a letto. Inizia quindi a “levitare”.

La base del controllo mentale è indurre un trauma, che porta alla dissociazione, che porta a una sensazione di stordimento e vertigine. Questa prima scena descrive simbolicamente l’inizio del processo di controllo mentale.

Sabrina si ritrova quindi in un’altra stanza ed e` vestita in modo diverso. È in un mondo di dissociazione e tutto ciò che la circonda allude a questo fatto.

La stanza di Sabrina è piena di simboli relativi al controllo mentale.

C’è molto da scoprire qui, specialmente quando si ha familiarità con il simbolismo del controllo mentale Monarch.

Innanzitutto, la stanza è piena di farfalle di tutte le forme e dimensioni. Il controllo mentale Monarch prende il nome dalla farfalla monarca a causa della sua metamorfosi da un bruco a un bozzolo, a una farfalla. Anche gli schiavi MK attraversano un periodo di metamorfosi che li trasforma metaforicamente in una farfalla… una farfalla molto triste e traumatizzata.

Sopra la testa di Sabrina ci sono diversi orologi, tutti con tempi diversi. Questo si riferisce al completo disorientamento nel tempo e nello spazio degli schiavi MK a causa di traumi e dissociazione.

Sul comodino accanto a Sabrina ci sono diversi telefoni, incluso uno che non è agganciato. Come visto negli articoli precedenti (come quello su Telephone di Lady Gaga), le menti degli schiavi MK sono spesso rappresentate dai telefoni. Il telefono che è disconnesso è la persona che è attualmente “attivata”. Non e` possibile raggiungere quella persona quando e` in funzione il suo alterego.

L’outfit di Sabrina è estremamente simbolico.

Il motivo a contrasto bianco e nero sul pigiama, sulle unghie e sugli stivali di Sabrina sottolinea un concetto estremamente importante nel controllo mentale: la dualità. Usando le profonde forze occulte e psicologiche alla base di questo antico concetto, la dualità gioca un ruolo intricato nel crollo e nella ricostruzione degli schiavi MK.

L’outfit di Sabrina è sorprendentemente simile a quelli trovati nei dipinti di Kim Noble, una sopravvissuta al controllo mentale basato sul trauma.

Il dipinto di Kim Noble “Waiting Rose” fa parte di una serie che descrive i suoi abusi da parte di un handler. Il concetto di dualità è ampiamente presente in tutti questi dipinti.

Pertanto, la stanza e l’arredamento di Sabrina rappresentano simbolicamente lo stato mentale di uno schiavo dissociato

Quando la telecamera mostra più spazio nella stanza di Sabrina, gli spettatori possono osservare luci al neon da night club.

La stanza di Sabrina è piena di giocattoli e orsacchiotti che si possono trovare nella camera da letto di una ragazza. Sebbene Sabrina Carpenter abbia in realtà 20 anni, tutto nel video è fatto per associarla all’infanzia, il che fa appello alla sua base di fan. Tuttavia, a destra, ci sono due neon con sagome di donne nude, quella che si potrebbero trovare in uno squallido strip club. La combinazione dei giocattoli per bambini con i neon da “adulti” indica un concetto inquietante: la sessualizzazione dei minori.

Attraverso queste immagini, il video si riferisce sottilmente all’abuso violento dei bambini durante la programmazione MK per causare traumi e dissociazione. È anche un riferimento alla programmazione Beta Kitten – la programmazione MK utilizzata per creare schiave sessuali. Pensi che stia sovra analizzando? Continua a leggere.

Sabrina è circondata da farfalle (controllo mentale Monarch) e gatti (programmazione Beta Kitten). Inoltre, dietro di lei, ci sono immagini di una specie di malvagio gatto demone. O qualcosa del genere. Gli occhi di Sabrina si muovono a spirale per illustrare il suo stato controllato dalla mente.

Anche il testo della canzone allude ai concetti di MK. Questo è il secondo verso:

L’obiettivo del controllo mentale: la creazione di più alterego. Questo concetto è rappresentato in vari punti durante il video.

Quindi il video ci porta in un posto in cui non vogliamo davvero andare.

Sabrina si dirige all’interno di una classica spirale ipnotica dualistica. Puro controllo mentale.

Controllo mentale ancora piu` puro.

Sabrina si ritrova in una camicia di forza con gli occhi ancora a spirale. E` chiaramente una schiava. È intrappolata in una stanza ossessivamente “decorata” con foto di lei in varie età, tra cui foto di quando era bambina. È sotto il “loro” controllo sin dalla nascita.

Intorno a lei ci sono quattro uomini più anziani in completo che la osservano, prendono appunti e, a un certo punto, la scherniscono. Questi sono i gestori di Sabrina, quelli che gestiscono la sua programmazione MK.

Sabrina fa mosse sexy attorno ai suoi gestori MK – un altro riferimento alla programmazione Beta Kitten.

In breve, il video sfrutta una narrazione che si trova spesso nell’intrattenimento ispirato al MK. La prima parte del video (nella sua stanza simbolica) rappresenta il luogo in cui la sua mente va dopo la dissociazione. La seconda parte rappresenta il suo stato attuale, una schiava MK controllata e programmata dai gestori MK. La stessa narrativa può essere trovata in film come il molto inquietante Ritorno ad Oz (anch’esso realizzato dalla Disney).

CONCLUSIONE

In My Bed è una chiara e ovvia celebrazione del controllo mentale Monarch e della cultura malata che lo circonda. Non c’è assolutamente modo di interpretare completamente questo video senza affrontare gli ovvi elementi MK disseminati dappertutto. Voglio dire, è letteralmente in una camicia di forza con gli occhi che ruotano a spirale mentre gli uomini in giacca e cravatta la osservano. Quanto più palese possono essere?

Sabrina Carpenter è un’altra stella della Disney la cui carriera è stata indirizzata verso l’agenda inquietante dell’élite occulta. Ciò non dovrebbe sorprendere: Disney è una fabbrica di schiavi del settore, che sforna regolarmente nuovi “animatori” con contratti a prova di proiettile che consentono un contributo creativo minimo o nullo. Sotto il controllo di una squadra di gestori e registi video, queste star sono costrette a recitare e cantare per propagandare l’agenda dell’élite occulta.

Fonte

L’ex attrice Disney, Bella Thorne, dice di essere stata molestata sessualmente dai 6 ai 14 anni

L’ex bambina prodigio della Disney Bella Thorne ha discusso, in una intervista, il fatto che è stata molestata dall’eta` di 6 anni per un periodo di 8 anni ovvero fino ai 14 anni.

Thorne ha discusso delle molestie mentre promuoveva il suo nuovo libro The Life of a Wannabe Mogul: Mental Disarray on BUILD Series.

Nell’intervista, la starlet, che ha interpretato il ruolo di CeCe Jones in Shake It Up, è stata interrogata da un membro del pubblico sulla transizione tra l’essere strettamente controllata dalla Disney e quanto ora possa esprimersi liberamente.

La Thorne ha dichiarato:

“La transizione, è decisamente dura. È come qualsiasi altra cosa nella mia vita. Se leggerai il libro penserai, ‘Haha la transizione da Disney a tutto questo è stata f ****** facile.’ Non lo so. Essere molestata da quando avevo sei anni a quando ne avevo quattordici sembra molto più difficile. Sei abusata fisicamente tutto il tempo. Sembra una situazione molto più difficile di quella di avere i paparazzi che ti seguono da quando avevi dodici anni. Um, non lo so. Mi stavanano ancora molestando quando i paparazzi mi presero di mira. Quindi mi è piuttosto difficile pensare a quei grandi obiettivi fotografici, e a tutti coloro che pensano di conoscermi, ma non hanno idea del tipo di maltrattamento a cui ero sottoposta in quel momento. Che tutti intorno a me vedessero e non facessero nulla. Quindi, dimmi tu cosa ritieni essere difficile. Perche ‘ per me, e` stato molto piu’ difficile sopportare quello che ogni altra cosa di cui mi occupo quotidianamente. “

 

In precedenza a Thorne è stato chiesto quale fosse la cosa più oscura inclusa nel libro. A cui ha risposto: “Le molestie sono piuttosto oscure”. La donna continua parlando della morte di suo padre.

Bella Throne non solo ha affermato di essere stata abusata sessualmente in giovane età mentre lavorava per la Disney. Ma afferma anche nella sua dichiarazione che la gente sapeva cosa stava succedendo e che non ha fatto nulla per fermare l’abuso.

La Thorne avrebbe anche discusso del suo tempo alla Disney in un’intervista con BuzzFeed News.

“Venendo dall’essere un’attrice bambina … Disney ha il suo modello perfetto e specifico di protagonista, tuttavia non sono mai stata quel tipo di ragazza … Ero sempre la piccola sfigata. Costringendomi ad agire come volevano loro mi ha reso la vita difficile … Sto solo cercando di arrivare alla normalità, qualunque sia la mia normalità, perché questa persona che amate così tanto non sono letteralmente io. Non so chi sia e non voglio esserla.

Per quanto riguarda Disney, la società ha avuto una storia travagliata quando si tratta del trattamento dei suoi giovani attori. Lo scorso dicembre la compagnia ha licenziato l’attore “Andi Mack” Stoney Westmoreland dopo essere stato arrestato e accusato di aver fatto sesso con un ragazzo di 13 anni.

Proprio di recente un ex dirigente della Disney, Michael Laney, è stato condannato a quasi 7 anni di prigione per aver abusato sessualmente di una bambina di 7 anni.

Bella Throne non è l’unica ex star della Disney a fare coming out sul suo abuso. Jordan Pruitt ha descritto le sue esperienze su Facebook lo scorso dicembre. Ha precisato che era stata controllata da una figura maschile senza nome.

L’industria dell’intrattenimento è ancora piena di problemi legati alla protezione e alla cura dei bambini. Corey Feldman è stato uno dei primi a rivelare l’ampiezza dell’abuso di bambini a Hollywood quando ha scoperto il suo stesso abuso come attore bambino negli anni ’80 e ’90. Elijah Wood ha anche commentato il problema dei pedofili di Hollywood affermando: “Voglio essere chiaro: questo argomento è un argomento importante che dovrebbe essere discusso e adeguatamente studiato”, ha aggiunto, “Ma come ho chiarito in modo scritto, non ho esperienza diretta o osservazione dell’argomento, quindi non posso parlare con nessuna autorità al di là degli articoli che ho letto e dei film che ho visto. ”

Fonte

Gravity Falls: Uno show della Disney pieno di simbolismo illuminato

I numerosi articoli su questo sito tentano di dimostrare che lo stesso insieme di simboli – quelli dell’elite al potere – sono permeati attraverso la cultura popolare. Nonostante essi siano principalmente destinati a adolescenti o giovani adulti (come film e video musicali), i bambini non ne sono assolutamente esenti. Un esempio sfacciato è lo spettacolo della Disney Gravity Falls, un cartone animato “eccentrico e accattivante” su gemelli dodicenni che trascorrono l’estate con il loro zio Stan a Gravity Falls, Oregon.

L’intro di 40 secondi è carico di simbolismo. Ecco qui.

In primo luogo, il Grande Zio Stan indossa un fez, che è il cappello indossato dagli Shriners – un corpo appendice della Massoneria. Come a loro piace dire, tutti gli Shriners sono massoni, ma non tutti i massoni sono Shriners.

Stan indossa un cappello di Fez. Inoltre, sta nascondendo un occhio.

Uno Shriner della vecchia scuola.

Fino al 2010, solo i massoni di rito scozzese di 32 ° grado (il più alto grado raggiungibile rispetto al 33 ° onorario) o i Cavalieri Templari del rito di York potevano unirsi agli Shriners. Ciò significa che Grunkle Fez è probabilmente un massone di alto livello. Pertanto, e` a conoscenza del valore dei vari simboli

Lo spettacolo è pieno di occhi dappertutto. C’è persino un barattolo di bulbi oculari in vendita nel negozio di Stan.

Occhio che tutto vede all’interno di un triangolo e molto altro

Questa immagine appare per letteralmente una frazione di secondo alla fine dell’intro. Possiamo facilmente riconoscere la piramide degli Illuminati con la capstone illuminata e l’Occhio che tutto vede, insieme ad altri simboli alchemici e magici. Inoltre, c’è il codice di Contra su NES, che è piuttosto divertente.

Non inizierò ad analizzare tutti gli episodi, ma qui ci sono alcune immagini interessanti del primo episodio di Gravity Falls.

A parte i bulbi oculari dappertutto, i piccoli umani in un vaso sono omuncoli – un concetto che si trova nell’alchimia e nei riti occulti.

Incisione ottocentesca del Faust di Goethe e l’Homunculus

Occhio onnisciente all’apice della montagna

“Occhi fluttuanti, mi stanno guardando?

L’attico della baracca del Grande Zio Stan ha una vetrata massonica con un simbolo che è onnipresente in questo cartone.

Stan sembra avere due orologi a forma di gufo – il gufo è un antico simbolo che rappresenta l’élite occulta (coloro che lavorano nell’oscurità), gli Illuminati e il Bohemian Grove.

Guardate il pavimento

La lettera “A” della parola “Shack” consiste in un compasso e di un occhio che tutto vede, una combinazione di simboli trovati nel simbolismo massonico.

L’ingresso di una loggia massonica.

CONCLUDENDO

In breve, lo spettacolo della Disney è incentrato su una serie specifica di simboli associati alle società segrete e all’élite occulta, che noi chiamiamo gli Illuminati. Mentre alcuni potrebbero sostenere che questi segni sono inseriti per aggiungere “mistero” allo spettacolo, dobbiamo anche considerare il fatto che la cultura popolare in generale viene permeata con lo stesso identico insieme di simboli. Questo spettacolo fa la sua parte esponendo i bambini al simbolismo, che lo normalizza e in definitiva realizza ciò che l’élite occulta ha fatto per secoli: nascondersi in bella vista.

Fonte

 

Disney e Nestle` rimuovono i propri ads dopo che un blogger ha rivelato un circolo pedofilo dietro ad un canale YouTube

A qualche giorno dalla pubblicazione dell’articolo “YouTube promuove ancora la sessualizzazione infantile” dove si criticavano l’inadeguatezza di YouTube nel censurare contenuti pedopornografici e i grandi marchi multinazionali che pagavano le revenue a questi canali, e` piacevole sapere che Disney e Nestle` hanno smesso di finanziare questi pedofili.

Nestle` e Disney restano comunque multinazionali care all’elite, la loro mossa e` stata forzata per evitare che questo scandalo si diffondesse a macchia d’olio.

Sono contento che attraverso la condivisione di queste informazioni gli occhi dell’opinione pubblica, in qualche modo si sono focalizzati su un argomento scottante per l’elite e sono dovuti arretrare.

Walt Disney si sta unendo a Nestle SA e ad altre società ritirando la propria pubblicita` da YouTube dopo che un blogger ha scoperto un “circolo di pedofilia soft core” che si scambiava informazioni tramite la sezione commenti, riporta Bloomberg

Alcuni dei video erano accompagnati dalle pubblicità di Disney e Nestlé, secondo il rapporto.

Tutte le società Nestlé negli Stati Uniti hanno sospeso le pubblicità su YouTube, ha detto mercoledì una portavoce della società in un’email. Il produttore di videogiochi Epic Games Inc. e il gigante alimentare tedesco Dr. August Oetker KG hanno dichiarato di aver posticipato i pagamenti delle revenue youtube dopo che i loro annunci sono stati mostrati durante la riproduzione del video in questione. Disney ha fatto la stessa cosa secondo le persone a conoscenza della questione, che hanno chiesto di non essere identificate perché la decisione non è stata resa pubblica. –Bloomberg

In un video YouTube di 20 minuti pubblicato domenica che ha oltre 1,7 milioni di visualizzazioni al momento della stesura, il blogger Matt Wilson ha descritto come i commenti su YouTube venivano utilizzati per identificare alcuni video in cui le ragazze possono essere viste in comportamenti sessualmente allusivi – come posare di fronte agli specchi e fare ginnastica e “stretching yoga”.

Quando si faceva clic su uno dei video, gli algoritmi di YouTube suggervano simili video “pedocentrici”.

YouTube dice di essere intervenuta in una e-mail: “Qualsiasi contenuto – inclusi commenti – che mette in pericolo i minori è aberrante e abbiamo politiche chiare che vietano questo su YouTube. Abbiamo preso provvedimenti immediati eliminando account e canali, segnalando attività illegali alle autorità e disabilitando i commenti violenti. ”

YouTube afferma che la spesa pubblicitaria totale per i video è stata inferiore a $ 8.000 negli ultimi due mesi e rimborserà gli inserzionisti.

La domanda rimane: perché YouTube non ha fatto di più per sorvegliare questi contenuti pedo soft porno sulla sua piattaforma?

Lo sfruttamento minorile su YouTube non è una novità e ha persino il suo hashtag: #Elsagate, che prende il nome da un personaggio del film animato Disney 2013 Frozen. Il più famoso per questi video “soft core ” era il canale “Seven Super Girls”, che è ancora attivo.

I video sessualmente allusivi sono stati portati alla luce dal comico Daniel Tosh in un segmento del 2017 su Tosh.0.

Tosh ha messo in scena una parodia in stile “To Catch a Predator” sul tipo di spettatori che guardavano i video delle sette ragazze. Hai indovinato … .pedofili.

Il canale ha circa 3000 video caricati. Ma questo non è un ordinario spettacolo per bambini, e senza dubbio, i censori dgli anni 80 sarebbero impazziti nel tentativo di arrestare tutta questa perversione.

A prima vista, la home page di Seven Super Girls su YouTube, probabilmente, sembra un sito porno. Ogni ragazza under-18 ha il suo sottocanale. Per gli inconsapevoli, tuttavia, il sito può sembrare un canale di ragazze, impegnate in attività che piacciono alle ragazze: andare ai giardini, stare con gli amici a bordo piscina e giocare a travestirsi.

Ma per un pedofilo, il sito è un buffet immacolato, accuratamente realizzato per servire ad occhi per adulti e adolescenti che vogliono indulgere nelle loro fantasie sessuali con bambini. Dopo aver fatto clic sull’intero elenco di video e selezionato quelli più popolari, è stato chiaro a noi del The Free Thought Project, che i video non sono in alcun modo innocenti. –The Free Thought Project

Come nota Bloomberg, YouTube ha fatto sì che gli inserzionisti uscissero dalla piattaforma per contenuti estremi e violenti, oltre a “video inappropriati destinati ai bambini”. I marchi che hanno boicottato includono Procter & Gamble e AT & T, che da allora sono tornate a pagare le revenue.

Mercoledì, YouTube ha rilasciato un aggiornamento delle sue politiche su come gestirà i contenuti che “superano la linea”.

Fonte