Archivi Blog

Il Papa vuole “sistemare” il capitalismo globale con l’aiuto dei Rothschild, dei Rockefeller e di Mastercard

Il Vaticano ha detto che collaborerà con le società Fortune 500 per affrontare vari problemi economici, tra cui la disuguaglianza e il degrado ambientale.

In un momento in cui una pandemia globale ha spazzato via milioni di posti di lavoro e trasformato una manciata di capitalisti globali da “semplicemente ricchi” a straordinariamente ricchi dall’oggi al domani, Papa Francesco ha deciso di prendere posizione in questa battaglia epica. Qualche intuizione su quale lato potrebbe essere?

Sì, l’hai indovinato. Invece dei poveri e degli indigenti, il Vaticano ha annunciato che formerà una “partnership storica” noto come Council for Inclusive Capitalism. E non sottovalutare la cosa: non si tratta di aria fritta, ma piuttosto di una vasta impresa che coinvolge “più di $ 10,5 trilioni di asset in gestione, aziende con oltre $ 2,1 trilioni di capitalizzazione di mercato e 200 milioni di lavoratori in più di 163 paesi”.

Il capitalismo ha creato un’enorme prosperità globale, ma ha anche lasciato indietro troppe persone, portando al degrado del nostro pianeta e non è ampiamente considerato attendibile dalla società “, ha affermato Lady Lynn Forester de Rothschild, Fondatrice del Consiglio e Managing Partner di Inclusive Capital Partners. “Questo Consiglio seguirà l’avvertimento di Papa Francesco di ascoltare “il grido della Terra e il grido dei poveri” e di rispondere alle richieste della società per un modello di crescita più equo e sostenibile”.

In altre parole, in un apparente atto di intervento divino, la famiglia Rothschild (la cui ricchezza è stimata in 20 miliardi di dollari, anche se nessuno lo sa per certo), insieme ad altri famosi marchi della globalizzazione, come i Rockefeller e Mastercard, saranno cavalieri per gli oppressi e i poveri.

Ho cercato di contenere il mio scetticismo, davvero, finché non ho letto un po ‘ più a fondo questo contratto tra la Chiesa cattolica e il potere aziendale. Qualche ipotesi su chi si assicurerà che i capi aziendali siano all’altezza del loro accordo?

Conosciuti come i guardiani del capitalismo inclusivo – non scherzo – questi 27 individui devoti e moralmente eccezionali provengono tutti dall’uno per cento. Chiamiamoli i 27 discepoli miliardari del Papa. Persone davvero eccezionali, come il presidente della Fondazione Rockefeller Rajiv Shah, l’amministratore delegato di Mastercard Ajay Banga e l’amministratore delegato di Salesforce Marc Benioff, ora si comporteranno come buoni samaritani, eseguendo la volontà della Santa Sede attorno a un pianeta devastato e stanco. . Ed ecco il trucco: non c’è un solo cardinale vaticano e nemmeno un diacono nell’elenco dei guardiani. Allora, chi veglierà sui guardiani? Sì, l’élite aziendale stessa! Devono aver letto “The Art of the Deal” di Donald Trump.

Il mio scetticismo iniziale è esploso quando è diventato chiaro quali atti di carità il consiglio avrebbe promosso: “I Guardiani si riterranno responsabili, impegnandosi in un elenco di azioni previste che coinvolgono questioni ambientali, sociali e di governance”, ha riferito Forbes. “I Guardiani … hanno detto che hanno in programma di assumere e promuovere più donne, aumentare la quota di assunzioni tra le diverse razze, impegnarsi per l’energia pulita acquistando il 100% di elettricità rinnovabile, ridurre le emissioni di gas serra …” Yada, yada, yada.

Perdonami, padre, ma suona molto come la controversa piattaforma progressiva propagandata da Joe Biden e Kamala Harris che ha diviso gli Stati Uniti a metà. In altre parole, questo matrimonio empio ha già alienato almeno la metà della popolazione statunitense, che teme che una presidenza Biden preannunci un’era di socialismo in America.

Il motivo del sospetto dovrebbe essere ovvio. A parte l’assurdità di lasciare che le società orientate al profitto facciano da guardiane a se stesse, ora viviamo in un’epoca in cui questi colossi fuori controllo non si accontentano più di vendere i loro prodotti ai consumatori; hanno preso una posizione seria su questioni culturali e politiche, che molte persone trovano inaccettabili ma che devono sopportare in silenzio con un sorriso.

Utilizzando i loro profitti dalla spesa dei consumatori, aziende come Coca-Cola possono lanciare una campagna pubblicitaria Sprite estremamente controversa, ad esempio, che promuove uno stile di vita transgender e che sarà vista da milioni di bambini impressionabili. O che dire della pubblicità massicciamente deludente (e sgradita) di Gillette che ha messo in discussione la cosiddetta “mascolinità tossica”. Sono queste le “altre iniziative” che le corporazioni imporranno a un pubblico ignaro con il marchio dell’autorità papale? Personalmente, non ho mai sentito Papa Francesco parlare contro queste idee estremamente provocatorie.

Forse ancora più preoccupante è che molte aziende, costrette a dimostrare di prendere posizione a favore dell’ultima cause elitaria, sono salite con entusiasmo a bordo del carrozzone di Black Lives Matter, i cui critici – che non mancano anche tra i neri – sostengono che rema a svantaggio di altre razze, non ultimi gli americani bianchi, che sono diventati la rovina della civiltà occidentale dall’oggi al domani.

È questo il tipo di “uguaglianza” che le grandi imprese promuoveranno con la tranquilla benedizione del Vaticano? Nel loro tentativo di diventare più “uguali e diversificati”, le aziende inizieranno a promuovere particolari gruppi di persone a spese di altri? Dopotutto, l’amministrazione Trump è stata semplicemente costretta a intraprendere un’azione esecutiva contro la “teoria critica della razza” all’interno del governo, mentre tra il mondo accademico sta dilagando in questo momento il concetto secondo cui l’uomo bianco e un male ed e` intrinsecamente cattivo. Siamo sull’orlo di una nuova era di razzismo negli Stati Uniti e altrove, dove la situazione storica viene ribaltata con l’aiuto delle multinazionali americane?

Fonte

5fd397472030275cf10b2508

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

La nuova versione “politicamente corretta” di Wonder Woman sembra abbia smesso di combattere il crimine per affrontare una nuova battaglia: La dipendenza dal cibo fritto

La DC Comics ha ceduto ancora una volta alla politica identitaria guidata dall’agenda e ha trasformato una supereroina in una bruttona sovrappeso e mal vestita. Si può solo sperare che stiamo raschiando il fondo del politicamente corretto.

La scorsa settimana, la DC Comics ha pubblicato una variante della copertina del fumetto di Wonder Woman 1984 n. 1 a ristampa parziale. Hanno twittato: “Only one word for the Wonder Woman 1984 #1 … variant cover by Robin Eisenberg: rad.”

L’immagine esemplifica tutto ciò a cui l’industria ha dovuto piegarsi negli ultimi anni: i temi classici dell’eroismo e del sacrificio sono stati sostituiti dai temi della diversità, dell’inclusione e dall’evitare tutto ciò che potrebbe essere interpretato come problematico.

Su uno sfondo di sgargianti tonalità del tramonto, la Wonder Woman in questa nuova copertina ha un tono della pelle ambiguo ma approvato dalla mafia della diversità, bozzi appena distinguibili come seno e capelli castani che sembrano racchiudere un’intera costellazione, evocando, tuttavia, allo stesso tempo il dubbio che la protagonista abbia un serio attacco di forfora.

Al posto di un costume dinamico e fluente, il suo vestiario consiste in un top arancione e il tipo di jeans da mamma indossati dalle ragazze mid-western di mezza età ai concerti di Shania Twain. In uno spirito di positività per il corpo, le sue cosce sono state rese così grandi che è come se la performer Lizzo avesse trascorso l’intera quarantena abbuffandosi di Mars fritti ed evitato qualsiasi regime di fitness oltre quello di spostarsi dal frigorifero al divano.

In effetti, l’unica cosa “meravigliosa” di questa iterazione di Wonder Woman è il fatto che sia riuscita la taglia quintupla-XL per quei jeans.

L’artista, Robin Eisenberg (i cui altri lavori sono stati descritti come simili al soft-porn, e presenta donne con tre seni impegnate nel sesso con altre donne), ha spiegato le sue scelte creative in un post su Instagram: “Recentemente mi è stato chiesto di creare un pezzo ispirato a Wonder Woman, nel mio stile, per un’imminente collaborazione artistica. Adoro disegnare alieni con corpi realistici, vivere le loro vite, a proprio agio con se stessi. Quindi, ho disegnato un personaggio alieno con un corpo realistico, che indossava una versione più quotidiana dell’abito di Wonder Woman “.

Prima di tutto, perché dovrebbe esserci una correlazione ideale tra alieni e corpi realistici? Questi immaginari alieni lottano anche loro contro il fat-shaming? E questo è un corpo “realistico”? Persino Sir Mix-a-lot, compositore di “Baby’s Got Back”, penserebbe che questo sia esagerato.

Per quanto riguarda la nozione di “una versione più realistica dell’abito di Wonder Woman”, cio puo` essere realizzato visitando il Comic-Con e osservando le ragazze fan plus-size incapaci di costruirsi un abito decente con un budget limitato. I personaggi dei fumetti sono pensati per essere più che umani, non rappresentativi, relazionabili e omogeneizzati in modo che nessuno rimanga offeso.

Naturalmente, Twitter e entrato in azione, ridicolizzando l'immagine. Un commentatore si e` chiesto se Wonder Woman avesse smesso di combattere il male e avesse deciso di combattere invece il gelato.

Un susseguirsi di illustratori e grafici ha pubblicato reinterpretazioni semi-genuine e semi-sarcastiche della variante di copertina. Alcuni erano ancora più sciatti dell’originale.

Tutto questo e` l’ennesimo capitolo di una politica identitaria, diversa e inclusiva guidata dall’agenda nei fumetti. La Marvel ha prodotto “New Warriors” all’inizio di quest’anno, con nuovi personaggi chiamati “Safe-Space” e il suo gemello non binario, “Snowflake”. Successivamente, la DC ha prodotto un romanzo grafico, Gotham High, che ha preso la tradizione di Batman e la ha imbastardita in un dramma al liceo con un adolescente Bruce Wayne, il cui maggiordomo, Alfred, è sposato con un uomo del sud-est asiatico.

L’unico conforto che potremmo trarre da un’immagine come la nuova Wonder Woman è la speranza che questo sia il fondo, un punto di svolta.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

Goodyear e il corso di formazione sulla diversita`: Tolleranza zero per Trump ma incoraggiati Black Lives Matter e LGBT

Goodyear sta affrontando una campagna di boicottaggio dopo che un’immagine e` trapelata online sulla “tolleranza zero” della società riguardo l’abbigliamento MAGA e lo slogan “All Lives Matters” ma del suo totale supporto a Black Lives Matter e al movimento LGBT.

La presentazione è stata mostrata durante una sessione di “formazione sulla diversità” presso lo stabilimento di Topeka da un responsabile di area ed è arrivata direttamente dall’ufficio aziendale di Goodyear ad Akron, Ohio, prima di essere trapelata sui social media.

L’immagine è intitolata “tolleranza zero” e chiarisce quali opinioni sono consentite e quali no.

Sotto accettabili: Black Lives Matter (BLM) e LGBT.

Sono inaccettabili: Blue Lives Matter, All Lives Matter, abbigliamento MAGA, slogan o materiale di affiliazione politica.

Dopo il rilascio dell’immagine, Goodyear ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“Goodyear si impegna a promuovere un ambiente di lavoro inclusivo e rispettoso in cui tutti i nostri dipendenti possano fare del loro meglio in uno spirito di lavoro di squadra. Come parte di questo impegno, permettiamo ai nostri associati di esprimere il loro sostegno all’ingiustizia razziale e ad altre questioni di equità, ma chiediamo loro di astenersi da espressioni sul posto di lavoro, verbali o di altro tipo, a sostegno di campagne politiche per qualsiasi candidato o partito politico, nonché altre forme simili di sostegno che non rientrano nell’ambito delle questioni di equità “.

La dichiarazione di Goodyear è palesemente ridicola. Suggerire che sostenere Black Lives Matter non sia una dichiarazione politica è assurdo.

BLM è un movimento rivoluzionario estremista marxista responsabile di innumerevoli attacchi violenti e numerosi omicidi di agenti di polizia.

È un’organizzazione che ha ripetutamente spinto la sua agenda che prevede la totale distruzione del capitalismo.

Affermare che il sostegno a BLM non è politico è stupido quanto affermare che il sostegno a Weather Underground negli anni ’70 non era politico.

“Se qualcuno vuole indossare una maglietta BLM qui, va vene. Non mi offendo “, ha detto a Cleveland 19News il dipendente che ha fatto trapelare l’immagine.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

Il sindaco di Londra, Khan istituisce la Commissione per rivedere tutti i luoghi di interesse di Londra per assicurarsi che rispettino la “diversità”

Il sindaco di Londra Sadiq Khan e` stato criticato martedì dopo aver annunciato la formazione di una commissione per rivedere tutti i punti di interesse e i nomi delle strade di Londra e ha promesso di rimuovere quelli che non rispettano la “diversità”.

Khan ha promesso di “rivedere e migliorare” la diversità di Londra sulla scia delle “proteste” di BLM che hanno portato al danneggiamento delle statue di Winston Churchill e Abraham Lincoln.

Khan ha dichiarato a Sky News che la “Commissione per la diversità nello spazio pubblico” esaminerà tutti i punti di interesse di Londra, inclusi murales, arte da strada, nomi di strade e altri monumenti pubblici.

“Quando guardi lo spazio pubblico – nomi di strade, piazze, murali – non solo ci sono alcuni monumenti a schiavisti che penso dovrebbero essere abbattuti, e la commissione ci consiglierà su questo, ma in realtà non abbiamo abbastanza rappresentazione di persone di colore, donne, persone della comunità LGBT. ” ha detto Khan.

“Dobbiamo assicurarci di celebrare i successi e la diversità di tutti nella nostra città e di commemorare coloro che hanno fatto di Londra quello che è – ciò include la domanda su quali lasciti vengano celebrati”. ha continuato.

“Le proteste di Black Lives Matter hanno giustamente portato questo all’attenzione del pubblico, ma è importante che prendiamo le misure giuste per lavorare insieme per portare il cambiamento e garantire che tutti possiamo essere orgogliosi del nostro panorama pubblico”. ha proclamato Khan.

Alcuni ovviamente hanno criticato la scelta del sindaco.

Altri si sono chiesti quando anche altre forme di espressione verranno censurate

Altri semplicemente vorrebbero che il sindaco di Londra si occupasse della violenza epidemica e della crisi economica al posto di buttare giu` statue

Forse questa e` l’unica soluzione

Fonte

 

 

 

Immigrati congolesi danno fuoco a decine di veicoli a Parigi

La diversita` continua ad essere una forza…

Una folla composta principalmente da migranti congolesi si è ribellata a Parigi, dando fuoco a dozzine di veicoli mentre i pompieri combattevano le fiamme che circondavano la stazione ferroviaria Gare de Lyon.

La stazione è stata parzialmente evacuata venerdi` scorso mentre la polizia ha invitato il pubblico a evitare la zona.

“Almeno 30 motociclette, scooter e auto a noleggio sono state bruciate. Anche una parte di un edificio è stata data alle fiamme ”, ha twittato il giornalista Oliver Miocic.

Un altro video mostra pennacchi di fumo nero che si alzano da un grande incendio vicino alla stazione.

RT riferisce che la folla “ha tentato di impedire ai vigili del fuoco di estinguere l’incendio” e il filmato sembra confermarlo.

La folla si e` ribellata in risposta al cantante congolese Fally Ipupa che si esibiva in un locale vicino.

“Gli espatriati congolesi parlano regolarmente contro artisti di casa che si esibiscono in Francia o in Belgio, accusandoli di essere vicini all’ex presidente della Repubblica Democratica del Congo Joseph Kabila e al suo successore Felix Tshisekedi”, riferisce il Telegraph.

Prima del concerto, la polizia ha promesso di mobilitare “risorse significative” al fine di “prevenire qualsiasi disturbo dell’ordine pubblico”. Sembra che abbiano fallito miseramente.

Come puoi vedere dai video, la diversità in Francia continua ad essere un punto di forza

Fonte

In una nuova serie della BBC i neri sono gli schiavisti, i bianchi gli schiavi

Una nuova serie della BBC ambientata a Londra raffigura una società “distopica” alternativa in cui i neri sono schiavisti e i bianchi schiavi.

Lo spettacolo, in cui vediamo il rapper “woke” Stormzy, si chiama Noughts & Crosses ed è basato su una serie di romanzi di Malorie Blackman.

La trama mostra “una storia alternativa in cui e` il popolo africano ad aver raggiunto un vantaggio tecnologico e organizzativo rispetto al popolo europeo, piuttosto che il contrario”.

Nella narrazione, la schiavitù è stata abolita legalmente, ma la segregazione rimaneva in vigore, con le croci (persone dalla pelle scura) alla quale era stato proibito di avere relazioni romantiche con i cerchi (persone dalla pelle più chiara).

I personaggi bianchi sono sottomessi e servono i neri, i nomi dei personaggi bianchi sono pronunciati male.

“A questo punto, perché Netflix, la BBC e tutti gli altri media di sinistra non fanno semplicemente un film o una serie intitolata “odiamo i bianchi “. Sarebbe molto più onesto “, ha commentato una persona su YouTube.

 

Il trailer dello mostra delle bande di bianchi che protestano violentemente.

“Le cose che lui [Callum] attraversa in particolare a scuola, mi sono successe, come chiedere ai miei insegnanti dove fossero gli scienziati neri e sentirmi dire che non ce n’erano”, ha detto Blackman. “O la prima volta che ho viaggiato su un treno in prima classe e sono stato accusato di aver rubato il biglietto.”

Mentre lo spettacolo cerca di nascondersi dietro la “diversità”, non farà altro che infiammare ulteriormente il risentimento e la divisione tra bianchi e non bianchi.

“Questo accade in un momento in cui agli attori bianchi vengono negati sempre piu` ruoli. Ruoli classici che vengono consegnati alle minoranze sacrificando così l’autenticità. “La BBC è conosciuta per aver discriminato i candidati bianchi in passato “, riferisce il National File.

La serie è anche un’altra opportunità per la BBC di soddisfare le quote di diversità impiegando un cast prevalentemente nero.

Ciò nonostante il fatto che un nuovo sondaggio dell’industria televisiva britannica da parte di Creative Diversity Network abbia scoperto che la rappresentazione sullo schermo di BAME [Black and Minority Ethnic] si attesta al 23%, significativamente al di sopra della popolazione BAME del 14% nel Regno Unito.

Fonte

Cinema: Un nuovo strumento analizzera` se nei film c’e` abbastanza “diversita`”

I principali studi cinematografici di Hollywood utilizzeranno un nuovo strumento che scansiona sceneggiature di film e TV e segnalando tutti gli esempi in cui la “diversità” non è rappresentata positivamente in un nuovo sviluppo agghiacciante che fa eco al realismo sovietico.

Chiamato “Spellcheck for Bias”, lo strumento è stato sviluppato dal Davis “Institute on Gender in Media e dalla USC Viterbi School of Engineering”. Sarà implementato da Universal Pictures, DreamWorks Animation, Focus Features e NBC Entertainment nel prossimo futuro.

“Lo strumento ricerca la diversità nei script e nelle pubblicita` facendo emergere le menzioni su LGBTQ, razza e disabilità, e quindi identificando se vengono rappresentate positivamente o negativamente”, scrive Zachary Leeman.

Anche l’attrice di “Beetlejuice” Geena Davis ha collaborato con Universal Filmed Entertainment Group per utilizzare il programma “in modo da sorvegliare i ruoli di genere negli script”.

Stiamo entrando in un’era in cui i film non avranno solo la classificazione in base all’età, ma anche un punteggio su quanto siano “politically correct”? I film che non raggiungeranno gli standard richiesti saranno proiettati in meno sale?

“Invece di ampliare i propri orizzonti e aprire le porte a più registi e sceneggiatori, preferiscono utilizzare uno strumento da stato di polizia che sembra provenire da 1984 di George Orwell.” La diversità forzata non è affatto diversità – abbiamo visto come funziona al botteghino (Ghostbusters, Ocean 8, Charlies Angels, Harley Quinn: Birds Of Prey)  – e un’app sviluppata dalle stesse persone che foraggiano questo fallimento sembra piu` un “titolone da giornale”  che un vero cambiamento ”, scrive Leeman.

Analizzare ogni forma di arte prima che possa essere vista. Dove l’abbiamo visto prima?

Durante tutto il corso dell’impero sovietico, i dittatori imponevano che il “realismo socialista” fosse lo stile prescritto dell’arte idealizzata.

Ciò significava che ogni scultura, statua e dipinto dovevano conformarsi a un’estetica consolidata per “educare i cittadini su come essere dei perfetti sovietici”.

Al fine di consolidare la lealtà verso il Partito Comunista e far avanzare un’immagine utopica della società sovietica, “Lo scopo del realismo socialista era limitare la cultura popolare a una fazione specifica e altamente regolata dell’espressione emotiva che promuoveva gli ideali sovietici”.

Mentre i sovietici erano sottoposti a una monocultura progettata per garantire la fedeltà a una dittatura politica, gli occidentali sono sottoposti a codici vocali politicamente corretti e ingegneria sociale per garantire fedeltà al nuovo culto della diversità

Fonte

Stephen King insultato dal gregge “woke” per aver detto che l’arte deve essere giudicata in base alla qualita`, non alla diversita`

L’autore Stephen King sta rischiando di essere cancellato dalla massa “woke” dopo aver detto che l’arte dovrebbe essere giudicata in base alla qualità, non alla “diversità” dei suoi creatori.

King stava rispondendo alla controversia secondo cui le nomination agli Oscar erano troppo “bianche” e a prevalenza “maschile”.

Vogue riporta che le scelte erano “una rappresentazione piuttosto scadente per … beh, chiunque non fosse un bianco etero”, lamentandosi del fatto che nessuna donna era stata nominata come miglior regista e che “zero interpreti di colore sono stati nominati nelle migliori categorie come attori e attrici non protagonisti “.

King ha risposto su Twitter osando suggerire che i potenziali vincitori dovrebbero essere giudicati in base ai loro meriti e non ai genitali o al colore della pelle.

“Come scrittore, mi è permesso di essere nominato in sole 3 categorie: Miglior film, Migliore sceneggiatura adattata e Migliore sceneggiatura originale”, ha twittato King.

Per aver osato suggerire che i film dovrebbero essere giudicati solo in base al fatto che siano ben fatti o no, King ha subito un contraccolpo immediato da parte degli utenti “woke” su Twitter.

“Quando i film creati da persone di colore, indipendentemente dalla qualità, vengono costantemente trascurati da istituzioni che sono prevalentemente costituite da uomini bianchi, possiamo affermare che vi sia un pregiudizio”, ha risposto Morgan Jerkins.

“Signore, con tutto il rispetto, come uomo bianco non hai il diritto di dirlo. Hai avuto più vantaggi e opportunità di una persona di colore. Sono stati ingiustamente bloccati in così tanti modi solo a causa della loro pelle colorata ”, ha twittato David Weissman.

“Con tutto il rispetto, temo che una meritocrazia potrebbe funzionare solo se il gioco non fosse truccato”, ha risposto Laura Lippman

Il contraccolpo inflitto dalla folla “woke” è particolarmente divertente dato che King asseconda loro il 99% delle volte con le sue infinite diatribe anti-Trump.

Ma il 99% non è abbastanza – a meno che non mostri una devozione totale al culto – verrai cancellato.

Fonte

 

 

Regno Unito: Un poliziotto musulmano assunto per promuovere la diversita` faceva parte di una gang che abusava di bambini

Un ufficiale di polizia musulmano nel Regno Unito, assunto per promuovere la diversità, faceva in realta` parte di una banda di gang che abusava e vendeva bambini.

Amjad Ditta, noto anche come Amjad Hussain, è stato accusato di reati sessuali contro bambini di età compresa tra 13 e 16 anni.

Nel 2016 Ditta è stato nominato ufficiale della diversità “per aumentare il numero di persone di etnia nera e minoritaria (BME) che si candidano per unirsi alla forza di polizia” dopo che il primo ministro Theresa May ha dichiarato che il numero di ufficiali neri e asiatici nel Regno Unito non era “abbastanza.”

Al momento della sua nomina, Ditta ha affermato che le forze di polizia dovrebbero riflettere la comunità che servono in termini di diversità.

Tre anni dopo, emerge che Ditta ha abusato della sua posizione nei confronti di ragazze adolescenti.

“Le accuse includono diversi reati di stupro, violenza sessuale, fornitura di droga e traffico … (Ditta) era un ufficiale in servizio quando ha commesso i reati”, riferisce BBC News.

Ora è stato sospeso dal servizio.

Gli altri uomini arrestati come parte del traffico sessuale includono Vaqaas Abbas, Nadeem Adalat, Sajid Adalat, Vaseem Adalat, Amjad Ditta, Christopher Eastwood, Metab Islam, Mohammed Rizwan Iqbal, Ishtiaq Latif, Asad Mahmood, Arfan Mir, Younis Mohammed aka Khan, Nadeem Nassir, Shahzad Nawaz, Shazad Nazir e Sohail Zafar.

Tutti nomi britannici tradizionali!

Il Regno Unito ha avuto numerosi scandali che coinvolgono bande di musulmani in tutto il paese.

In alcuni casi, l’abuso sui minori è stato coperto dalle autorità per timori riguardo al poiltically correct.

Fonte

 

California: Marcia Femminista annulata perche` c’erano troppe donne bianche

Gli organizzatori della annuale Marcia delle donne hanno deciso di non organizzare una manifestazione a Eureka il 19 gennaio, come previsto in precedenza, perché affermano che i partecipanti non rappresentano la diversità dell’area.

“Questa decisione è stata presa dopo molte conversazioni tra organizzatori sociali locali e sostenitori della marcia”, hanno detto gli organizzatori in un comunicato stampa.

Sostengono che gli organizzatori continueranno a incontrarsi e discutere su come ampliare la rappresentanza per creare un evento che rappresenti la contea di Humboldt.

“Fino ad oggi, i partecipanti sono stati per la maggior parte bianchi, e privi di rappresentazioni da diverse prospettive nella nostra comunità”, ha proseguito il comunicato stampa. “Invece di andare avanti, con voci cruciali assenti, il team organizzativo richiederà tempo per un maggiore coinvolgimento, il nostro obiettivo è che la pianificazione continui e che avremo successo nella creazione di un evento che costruirà il potere e l’impegno della comunità attraverso la connessione tra donne che cercano di migliorare la vita di tutti nella nostra comunità “.

Il gruppo ha detto che sta esplorando l’organizzazione di un evento a marzo per celebrare la Giornata internazionale della donna.

Fonte

Quindi ricapitolando le femministe del 2019 si fanno guerra e bloccano manifestazioni (dove potrebbero esporre il proprio pensiero e manifestare cio` in cui credono) per il gradiente di tonalita` della pelle?