Archivi Blog

Altri due ospedali richiedono la vaccinazione prima di consentire trapianti di organi

Niente vaccino, niente rene

Altri due sistemi ospedalieri, la Cleveland Clinic e gli University Hospitals, hanno annunciato che non eseguiranno trapianti di organi a meno che sia il donatore che il paziente non abbiano ricevuto la vaccinazione COVID-19.

La rivelazione segue la notizia che l’UCHealth del Colorado ha negato a una donna con insufficienza renale al quinto stadio un trapianto di rene perché si era rifiutata di farsi vaccinare.

“La Cleveland Clinic ha recentemente sviluppato protocolli di sicurezza per il trapianto di organi solidi che richiedono la vaccinazione COVID-19 per diventare un candidato al trapianto attivo o un donatore vivente”, ha affermato il sistema ospedaliero in una nota.

I pazienti in lista d’attesa per il trapianto di organi hanno tempo fino al 1° novembre per vaccinarsi. Se non lo fanno, l’ospedale presumibilmente li lascerà semplicemente morire.

Ma quanto e’ progressista sta cosa?

L’UH Transplant Institute ha rilasciato una dichiarazione simile, annunciando che “comincerà a richiedere vaccinazioni COVID per i suoi pazienti”.

Nel prossimo futuro distopico collettivo, non solo ti verrà chiesto di essere vaccinato per ricevere assistenza sanitaria, ma controlleranno anche il tuo punteggio del credito sociale.

Hai criticato l’amministrazione di Draghi con un po’ troppo veemenza su Facebook? Ti sei lamentato del lockdown climatico di questa estate? Hai ritwittato un segmento di Montagner riguardo il coronavirus?

Nessuna assistenza sanitaria per te. Nessun trapianto di organi.

Goditi la morte, razzista.

Non è uno scherzo, gli ospedali nel Regno Unito stanno negando attivamente l’assistenza sanitaria ai pazienti ritenuti “sessisti”, “omofobici” o “razzisti”.

Fonte

121021transplant1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Come medico, ecco il mio messaggio a chiunque pensi che sia giusto negare le cure mediche a chi non è stato vaccinato contro il Covid

Alcuni medici discutono apertamente di negare le cure ai pazienti che rifiutano, per qualsiasi motivo, di ricevere il vaccino. Ciò creerebbe un precedente pericoloso e frantumerebbe i principi fondamentali della pratica medica.
Un sentimento insidioso ha iniziato a diffondersi in Occidente, espresso da politici, esperti e, cosa più inquietante, dai medici stessi: che ai non vaccinati che contraggono il Covid-19 dovrebbero essere negate le cure mediche.

Le cose sono peggiori di quello che sembrano. Anche un’ex senatrice degli Stati Uniti del Missouri, Claire McCaskill, vuole che ai non vaccinati venga aumentato il prezzo dell’assicurazione. Piers Morgan, il personaggio televisivo britannico, ha detto ai suoi quasi 8 milioni di follower su Twitter che il servizio sanitario nazionale dovrebbe rifiutarsi di accogliere i malati non vaccinati. Un medico in Arizona ha reagito a un videoclip di persone senza maschera in un negozio di alimentari con un messaggio: “Lasciateli morire”. Un chirurgo del Massachusetts General suggerisce che il rifiuto di un vaccino contro il Covid dovrebbe essere trattato dai medici come un ordine funzionale di non intubare/non rianimare.

Questi non sono pensieri privati ​​né conversazioni tranquille con colleghi oberati di lavoro: questi sono inviti all’azione, condivisi sui social media, destinati al consumo pubblico.

Questo dovrebbe spaventarti.

I medici stanno traducendo queste aggressioni verbali in azioni. I medici in Florida hanno organizzato un finto sciopero, frustrati dal fatto che i loro ospedali si stiano riempiendo. Una task force del nord del Texas è stata obbligata a ritirare una proposta per assegnare posti letto in terapia intensiva in base allo stato di vaccinazione piuttosto che al bisogno. Un medico di famiglia dell’Alabama sta rifiutando tutti i pazienti che hanno scelto di non essere vaccinati, che fossero malati o meno.

La comunità medica in Occidente è in bilico sull’orlo della negligenza filosofica e, per il bene del presente e del futuro dei pazienti, i suoi membri devono fare un passo indietro e ricordare perché e come facciamo il nostro lavoro.

Un principio fondamentale della pratica medica è riassunto il latino con il concetto di primum non nocere – per prima cosa, non fare del male. Nelle osservazioni televisive del 2 giugno di quest’anno, il presidente Joe Biden ha dichiarato dei tre vaccini Covid disponibili: “La linea di fondo è questa – te lo garantiscso: sono sicuri”. Questo messaggio è stato ripreso, senza riserve, da potenti entità che vanno dalle amministrazioni ospedaliere che impongono le vaccinazioni del personale alle organizzazioni professionali: “Il vaccino è sicuro”.

Sia chiaro: credo che la vaccinazione sia una delle più importanti innovazioni terapeutiche nella storia della medicina. I vaccini hanno salvato milioni di vite. Detto questo, credo anche che il modo in cui questi vaccini Covid, con i loro nuovi meccanismi d’azione, siano stati presentati al pubblico – ovvero come la soluzione perfetta – è falso, iperbolico e semplicemente non giustificato dai dati esistenti.

Ci sono alcune indicazioni che i vaccini potrebbero non essere del tutto sicuri per tutti. Il VAERS, il Vaccine Adverse Event Reporting System del governo degli Stati Uniti, suggerisce che, sebbene gli eventi avversi siano estremamente rari, includono paralisi, infiammazione del cuore, coaguli di sangue e morte. Questi sono stati in gran parte respinti sulla base del fatto che il rapporto del VAERS non stabilisce il nesso di causalità e che casi isolati – come la presentatrice della BBC che è morta dopo aver ricevuto il vaccino.

Tuttavia, le terapie farmacologiche, soprattutto quelle nuove, non possono essere trattate come “innocenti fino a prova contraria”; piuttosto, tutti i possibili eventi avversi devono essere esplorati in modo approfondito e formale come conseguenti al farmaco, perché a volte il vero danno è peggiore di quanto si possa immaginare, come ha scoperto Merck con il Vioxx approvato dalla FDA nei primi anni 2000. Una ricerca pubblicata sulla rivista medica Lancet ha stimato che 88.000 americani hanno avuto attacchi di cuore a causa dell’assunzione di Vioxx e 38.000 di loro sono morti.

Non ci sono prove in questa fase che le vaccinazioni contro il Covid siano così pericolose. Ma il rifiuto generale da parte dell’industria medica dei loro potenziali pericoli, al punto da imporre obblighi vaccinali a popolazioni giovani e sane come quelle dell’esercito americano, tradisce il suo impegno verso il non nuocere e costerà vite umane.

Nessuna terapia medica arriva senza rischi, ma il consenso informato – un altro principio fondamentale della medicina – richiede che anche il minimo rischio sia correlato accuratamente al paziente. Una piccola percentuale non significa un numero insignificante; almeno 6.000 (e in aumento) decessi attribuiti alla vaccinazione volontaria contro il Covid per VAERS sono il doppio delle vittime degli attacchi dell’11 settembre. Questo non può essere messo da parte con un commento sul “significato statistico”.

Nel caso forse più irresponsabile di mancata rilevazione del rischio, l’American College of Obstetrics and Gynecology e la Society for Maternal-Fetal Medicine hanno dichiarato inequivocabilmente che “la vaccinazione è sicura prima, durante o dopo la gravidanza“, ben sapendo che nessun prova è mai stata prodotta per testare a fondo tale premessa.

Qualsiasi anestesista includerà il rischio di infarto o ictus nella sua discussione preoperatoria con un paziente, indipendentemente dal numero di migliaia di anestetici senza incidenti che ha somministrato. I medici si sono storicamente preoccupati del rischio infinitesimale e hanno compiuto sforzi concertati per informare e proteggere di conseguenza il paziente. Il nostro fallimento collettivo nel fare lo stesso nel caso dei nuovi vaccini Covid-19 è inconcepibile e sconcertante.

Nella medicina moderna, l’autonomia del paziente è sacrosanta. Non si può fare un intervento medico con la forza; uno dei casi piu’ eclatanti e’ quello dei testimoni di Geova che possono rifiutare il sangue, anche come misura salvavita, e un medico che ignora quel desiderio puo’ rischiare grosso.

Coloro che non vogliono farsi vaccinare contro il Covid-19 sono in gran parte dipinti nei media, sia tradizionali che sociali, come volutamente ignoranti, sottoposti al lavaggio del cervello dai teorici della cospirazione anti-scienza. Questo pero’ non spiega la reticenza di un ex dirigente Pfizer, o di un cardiologo e internista autore di centinaia di articoli pubblicati, o di migliaia di medici e infermieri che da diciotto mesi sono in prima linea nella lotta al Covid. e ho visto da vicino la devastazione che può causare.

Le ragioni reali abbondano: una sfiducia nata dall’aver visto Anthony Fauci e l’allora chirurgo generale Jerome Adams cambiare posizione in televisione; un riconoscimento che le prove per l’efficacia a lungo termine sono deboli e potrebbero diminuire; obiezione morale alla terapia farmacologica sviluppata utilizzando cellule da feti abortiti; una valutazione personale dei rischi e dei benefici del vaccino rispetto al Covid in base all’età e alla salute. Anche così, la validità della ragione non ha importanza. L’autonomia del paziente deve essere rispettata senza eccezioni. Fare diversamente significa cambiare radicalmente il rapporto tra paziente e medico.

Forse dovremmo cambiarlo, però. Se l’industria medica dovessere decidere che alcune scelte sono irresponsabili e pericolose, ciò dovrebbe precludere le cure, liberando risorse – letti, denaro, tempo dei medici – per i pazienti che effettivamente dimostrano preoccupazione per la propria salute.

Immagina il precedente che creerebbe, però. Il carico di malattie del mondo occidentale è in gran parte basato sulle cattive abitudini dei pazienti, principalmente uso di tabacco, abuso di alcol, consumo eccessivo di calorie e stile di vita sedentario che porta a un’obesità diffusa (con un tasso negli Stati Uniti del 42% e in aumento). Questi costano al contribuente centinaia di miliardi di dollari all’anno, assorbendo enormi risorse e, se le abitudini non vengono cambiate, alla fine renderanno le cure inutili, nel migliore dei casi misure temporanee.

Si potrebbe ribattere che questi comportamenti non influenzano gli altri, a differenza della mancata protezione contro una malattia trasmissibile. Ignorando il fatto che i vaccini Covid non danno immunita’ e non sono a prova di trasmissione: applicheremo questo standard agli uomini gay con AIDS? Ai tossicodipendenti per via endovenosa con epatite C? Alle prostitute con malattie sessualmente trasmissibili? Ai conducenti ubriachi che provocano incidenti mortali? Una volta che i medici si dichiarano arbitri di chi merita il trattamento, non esiste alcun principio che limiti tale auto-nomina. È una prospettiva orribile.

Per medici, infermieri e tutti coloro che sono coinvolti nella fornitura di cure mediche, ciò che dobbiamo fare è semplice: curare il paziente. Cura il vasculopatico che si fa il sesto bypass e fuma ancora due pacchetti al giorno. Tratta il paziente con dolore cronico che pesa tre volte quello che il suo scheletro è stato progettato per sostenere. Cura il gangster che si è rotto il polso fuggendo dalla polizia e schiantandosi contro una famiglia di cinque persone, uccidendone quattro. Tratta l’ubriaco con una concentrazione di alcol nel sangue di 0,441, di nuovo al pronto soccorso. Tratta l’uomo che ha spinto una torcia così in alto nel colon che deve essere operato per rimuoverla. Trattali tutti con la stessa eccellente cura che forniresti a chiunque altro.

E tratta i non vaccinati nello stesso modo in cui tratti i vaccinati.

Lo faccio e continuerò a farlo.

Forniamo assistenza in base al bisogno, non alla nostra percezione di chi se lo merita. Scuoti la testa per liberarti dalla nebbia di frustrazione che si è alzata nel corso della pandemia di Covid. Ricorda perché hai scelto questa professione ingrata, difficile e onorevole. Fai il tuo lavoro.

E se non puoi, per favore, vai a fare qualcos’altro.

Fonte

61324e992030271aec402473

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Facebook, Google/Youtube, Twitter, censurano un video virale di una conferenza stampa sul Coronavirus in cui dei dottori espongono le loro opinioni sul virus e la risposta all’emergenza

Facebook ha rimosso un video pubblicato oggi da Breitbart News, che è stato il post su Facebook più performante al mondo lunedì pomeriggio, riguardo una conferenza stampa tenutasi a Washington da parte del gruppo americano Frontline Doctors e organizzata e sponsorizzata dai Tea Party Patriots. La conferenza stampa ha visto la partecipazione di Ralph Norman (R-SC) e medici di prima linea che condividono le loro opinioni e opinioni sul coronavirus e sulla risposta medica alla pandemia. Anche YouTube (proprieta` di Google) e Twitter hanno successivamente rimosso il video della conferenza stampa.

Il video ha accumulato oltre 17 milioni di visualizzazioni durante le otto ore in cui è stato ospitato su Facebook, con oltre 185.000 spettatori simultanei.

In termini di viralita`, il post batteva i contenuti di molti altri account importanti su Facebook, tra cui quello diHillary Clinton, del Rev. Franklin Graham e di Kim Kardashian.

L’evento, ospitato dall’organizzazione America’s Frontline Doctors, un gruppo fondato dal Dr. Simone Gold, un medico certificato e avvocato, composto da medici, si è riunito per affrontare quella che il gruppo chiama una “massiccia campagna di disinformazione” sul coronavirus. Anche Norman ha parlato all’evento.

“Se gli americani continuano a lasciare che i cosiddetti esperti e personalità dei media prendano le loro decisioni, il grande esperimento americano di una Repubblica costituzionale con democrazia rappresentativa, cesserà”, si legge nella pagina di informazioni dell’evento.

L’evento è stato organizzato e sponsorizzato dai Tea Party Patriots.

“Abbiamo rimosso questo video per aver condiviso false informazioni su cure e trattamenti per COVID-19”, ha detto a Breitbart News un portavoce della società di Facebook, Andy Stone. La società non ha specificato quale parte del video ha definito “informazioni false”, chi ha consultato per emettere tale decisione e su quale base è stata realizzata.

Stone ha risposto all’editorialista tecnico del New York Times Kevin Roose su Twitter riguardo al video:

Stone ha poi aggiunto che la piattaforma avrebbe indirizzato gli utenti che avevano interagito con il post verso articoli riguardo i “miti sfatati dall’OMS”

La decisione di Facebook di censurare il live streaming è stata rapidamente seguita da YouTube, la piattaforma di condivisione video di proprietà di Google. Il video aveva oltre 80.000 visualizzazioni su YouTube prima della sua rimozione.

Dopo la rimozione di Facebook e YouTube, Twitter ha seguito l’esempio, rimuovendo il live streaming di Periscope della conferenza stampa di Breitbart News. La piattaforma di Jack Dorsey ha anche limitato l’account ufficiale di Breitbart News, indicando che i tweet contenenti collegamenti a più storie sulla conferenza stampa violano le politiche COVID-19 della piattaforma.

Fonte

Potete trovare il video nella pagina “fonte” linkata qui sopra

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere

€2,00

Youtube censura un video virale dove dei dottori criticano il lockdown

YouTube ha censurato un video virale in cui due medici hanno criticato la logica del lockdown in California.

Il video, che aveva raccolto oltre 5 milioni di visualizzazioni, presentava il dott. Dan Erickson e il dott. Artin Massihi, comproprietari di Accelerated Urgent Care a Bakersfield, in California.

Nella clip, Erickson afferma che esiste solo lo “0,03 possibilità di morire per COVID nello stato della California”, spingendo a chiedersi: “È necessario il lockdown? E` necessaria la chiusura del sistema medico? E` necessario che le persone siano senza lavoro? ”

Erickson si e` anche chiesto perché nel conteggio delle morti da COVID-19 rientrassero anche vittime con disturbi sicuramente piu` responsabili per la loro dipartita.

“Quando qualcuno muore in questo paese in questo periodo, non si citano l’ipertensione, il diabete, l’ictus. Si dice piuttosto “Sono morti per il COVID?”, Ha detto Erickson. “Abbiamo assistito a centinaia di autopsie. Non si parla di una cosa sola, si parla di comorbidità. I dottori del pronto soccorso [affermano]: “È interessante quando scrivo del mio rapporto sulla morte, sono sotto pressione per aggiungere COVID. Perché?”

Il video è stato eliminato a tarda notte per “violazione dei termini di servizio di YouTube”.

All’inizio di questo mese, il CEO di YouTube Susan Wojcicki ha dichiarato alla CNN che la società avrebbe vietato qualsiasi contenuto video che contraddicesse le raccomandazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità.

Tuttavia, Wojcicki ha suggerito che ciò si concentrerebbe principalmente sul divieto di informazioni sulle false cure, non  sui commentari sulle politiche del governo.

La piattaforma video ha anche deciso di vietare qualsiasi contenuto che sostiene che le torri cellulari 5G siano collegate allo scoppio del coronavirus.

Durante un’apparizione su Fox News la scorsa notte, il dott. Erickson ha indicato la Svezia, che non ha imposto misure drastiche di blocco, ma ora ha raggiunto l’immunità del gregge contro il coronavirus.

“E se guardi il loro numero: 200 morti per milione rispetto al nostro, [che è] più o meno lo stesso. L’Italia [è] circa 400 per milione e la Spagna è circa 400 per milione.”Hanno adottato un approccio completamente diverso e i loro risultati sono sostanzialmente gli stessi”, ha affermato Erickson.

Fonte

L’Oms mise a tacere i dottori che proponevano i controlli alle frontiere per rallentare la diffusione del Coronavirus

Si sarebbero potute salvare piu` vite se i controlli ai confini fossero stati imposti prima.

È stato rivelato che l’Organizzazione mondiale della sanità ha bloccato i medici che sollecitavano l’imposizione di controlli alle frontiere per fermare la diffusione del coronavirus.

Mentre l’organizzazione chiedeva ai paesi di imporre controlli alle frontiere pari a zero, stava anche facendo una campagna contro la profilazione dei viaggiatori internazionali al fine di prevenire la “stigmatizzazione” del popolo cinese.

Gia` a gennaio l’OMS ha detto ai paesi di non imporre divieti di viaggio, quando l’organizzazione ha rilasciato una dichiarazione in cui si schierava contro “qualsiasi restrizione di viaggio o di commercio”, mentre chiedeva ai paesi di non “discriminare” nella loro gestione della epidemia di coronavirus.

All’inizio di febbraio, il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus lo ha ribadito in una dichiarazione in cui affermava che le restrizioni ai viaggi “possono avere l’effetto di aumentare la paura e lo stigma”.

Fino alla fine di febbraio, l’OMS ha continuato a “sconsigliare l’applicazione di restrizioni di viaggio o commerciali ai paesi in cui si sono verificati focolai di COVID-19”, nonostante la rapida diffusione della malattia.

È stato ora rivelato che gli esperti medici che stavano sollecitando i paesi a imporre controlli alle frontiere sono stati messi a tacere.

“[L’OMS] ha deciso di non seguire le [raccomandazioni sul divieto di viaggio] e non dichiarare un’emergenza sanitaria globale, ma c’erano alcune voci di dissenso”, ha riferito Sky News Australia.

“I registri ufficiali della riunione affermano che vi era una divergenza di opinioni, senza pero` entrare in dettaglio su chi stava cercando di mettere a tacere i medici. Ma c’erano dei dottori lì che volevano vietare i viaggi e l’Organizzazione mondiale della sanità ha bloccato tutto. ”

Lo sforzo di mettere a tacere i professionisti del settore medico è stato compiuto il 30 gennaio durante una riunione dei burocrati dell’OMS e degli esperti sanitari a Ginevra, Svizzera.

Uno studio del Mount Sinai ha scoperto che il record di casi e morti da coronavirus a New York  erano “prevalentemente” dovuti ai viaggi dall’Europa, il che significa che molte più vite avrebbero potuto essere salvate se i confini fossero stati chiusi in precedenza.

Ma invece, l’OMS ha insistito sul fatto che mantenere il principio globalista del traffico internazionale di persone era più importante che fermare una pandemia globale.

Fonte