Archivi Blog

Una epidemia di test covid positivi

All’inizio della crisi COVID-19, quasi tutti i paesi del mondo hanno chiuso i propri confini, messo sotto lockdown i loro cittadini e costretto a chiudere le attività commerciali. Oggi, la maggior parte dei governi limita ancora i viaggi, l’attività economica e gli incontri sociali.

La giustificazione per queste misure senza precedenti è stata un numero crescente di casi di COVID-19. Ciò ha scatenato un’epidemia di test COVID, con PCR e test rapidi dell’antigene come mezzo per identificare i casi COVID positivi. Il Dr. John Hunt esamina la scienza alla base dei test COVID, se i paradigmi di test sono efficaci e la razionalità alla base della risposta del governo al virus.

A COSA SERVONO E A COSA NON SERVONO I TEST COVID
I test RT-PCR possono essere progettati per essere altamente sensibili alla presenza dell’RNA virale originale in un campione clinico. Ma un test altamente sensibile rischia di essere scarsamente specifico per quanto riguarda una malattia infettiva.

I test rapidi dell’antigene sono diversi. Misurano la proteina virale. Lo fanno facendo reagire un campione clinico con uno o due anticorpi creati in laboratorio che sono etichettati con un marker misurabile. Questi test antigeni sono spesso scarsamente specifici, il che significa che possono risultare positivi in ​​assenza di una qualsiasi proteina virale effettiva o di qualsiasi malattia COVID.

PER UN TEST DI LABORATORIO, COSA SI INTENDE PER SENSIBILITA`? COSA SI INTENDE PER SPECIFICITA`?
Userò il COVID per spiegare questi termini. Per farlo correttamente, dobbiamo evitare di usare il linguaggio dei media e del governo perché quelle istituzioni tendono a fuorviarci attraverso la manipolazione del linguaggio. Ad esempio, ci hanno insegnato erroneamente che un test positivo per COVID è sinonimo di malattia COVID. Non lo è, come vedrai presto.

Quindi, per questo articolo, userò il termine “Malattia COVID infettiva rilevante” per indicare una condizione, causata da COVID-19, in cui un paziente è ammalato dal virus o ha (nelle vie aeree) virus replicante vivente in grado di essere trasmesso agli altri. Questa sembra una definizione corretta di ciò di cui dovremmo preoccuparci in questa malattia. Se il paziente non è malato e non è in grado di trasmettere la malattia, qualsiasi RNA COVID o proteina che può apparire in un test non è rilevante, né contagiosa, e quindi di poca o nessuna importanza.

Puoi pensare alla sensibilità di un test in questo modo: in un gruppo di 100 persone che hanno assolutamente una malattia COVID infettiva rilevante, quante persone il test riporta effettivamente come “positive?” Per un test che è sensibile al 95%, 95 di questi 100 pazienti con la vera malattia saranno segnalati dal test come COVID positivi e 5 non lo saranno.

Specificità: in un gruppo di 100 persone che non sono assolutamente affette da Malattia Infettiva COVID Rilevante, quante saranno segnalate dal test come “negative?” Per un test che è specifico al 95%, 95 di queste persone sane saranno segnalate come COVID-negative e 5 saranno erroneamente segnalate come COVID-positive

La sensibilità e la specificità sono caratteristiche intrinseche di un test, non di un paziente, non di una malattia e non di una popolazione. Questi termini sono molto diversi dal valore predittivo positivo (PPV) e dal valore predittivo negativo (NPV). PPV e NPV sono influenzati non solo dalla sensibilità e specificità del test, ma anche dalle caratteristiche delle persone scelte per essere testate e, in particolare, dalla probabilità sottostante dei pazienti di avere effettivamente una vera malattia COVID infettiva rilevante. Il valore predittivo positivo, ovvero la possibilità che un test positivo indichi effettivamente una vera malattia, è notevolmente migliorato se si sottopongono a test persone che hanno probabilità di avere COVID e, soprattutto, si evita di testare persone che hanno poche probabilità di avere COVID.

Se esegui un test COVID con una sensibilità del 95% e una specificità del 95% in 1.000 pazienti che sono febbrili, tossiscono copiosamente e hanno il fiato corto, allora stai usando quel test come test diagnostico in persone che attualmente hanno una ragionevole possibilità anticipata di avere una Malattia Infettiva COVID rilevante. Supponiamo che 500 di loro abbiano effettivamente una malattia COVID infettiva rilevante e gli altri abbiano un raffreddore comune. Questo test sensibile al 95% identificherà correttamente 475 persone che sono veramente malate di COVID come positive tralasciandone 25. Questo stesso test è anche specifico al 95%, il che significa che etichetterà erroneamente 25 dei 500 pazienti non COVID come COVID positivi. Sebbene il test non sia perfetto, ha un valore predittivo positivo del 95% in questo gruppo di persone ed è un test abbastanza buono nel complesso.

Ma cosa succede se si esegue lo stesso test COVID su tutta la popolazione? Supponiamo che la possibilità iniziale di avere un COVID infettivo rilevante negli Stati Uniti in questo momento sia di circa lo 0,5% (suggerendo che 5 persone su 1000 attualmente hanno la malattia trasmissibile effettiva in questo momento, che è una stima alta). Come funziona questo stesso test sensibile al 95% e speficio al 95% in questa impostazione di screening? La buona notizia è che questo test probabilmente identificherà le 5 persone su 1000 con COVID! La cattiva notizia è che, su ogni 1000 persone, etichetterà falsamente anche 50 persone come positive al COVID. Su 55 persone con test positivi in ​​ogni gruppo di 1000 persone, 5 hanno effettivamente la malattia. 50 dei test sono falsi positivi. Con un valore predittivo positivo di solo il 9%, si potrebbe dire che è un test piuttosto scadente.

Nel primo scenario (con sintomi), il test viene utilizzato correttamente per la diagnosi. Nel secondo scenario (nessun sintomo), il test viene utilizzato in modo errato per lo screening.

Un test diagnostico viene utilizzato per diagnosticare un paziente che il medico ritiene abbia una ragionevole possibilità di avere la malattia (avere sintomi come febbre, tosse, naso che cola e fiato corto durante una stagione virale).

Un test di screening viene utilizzato per verificare la presenza di una malattia in una persona senza sintomi e nessun rischio elevato di contrarre la malattia.

Un test di screening può essere appropriato da utilizzare quando ha una specificità molto elevata (99% o più), quando la prevalenza della malattia nella popolazione è piuttosto alta e quando c’è qualcosa che possiamo fare per la malattia se la identifichiamo. Tuttavia, se la prevalenza di una malattia è bassa (come nel caso del COVID infettivo) e il test non è adeguatamente specifico (come nel caso della PCR e dei test rapidi dell’antigene per il virus COVID), utilizzare tale test come misura di screening nelle persone sane costringe il test a essere scadente. Più viene utilizzato in modo errato, maggiore è la disinformazione.

Le nostre autorità sanitarie raccomandano ulteriori test su persone asintomatiche. In altre parole, stanno incoraggiando l’applicazione sbagliata e distorta di questi test. I nostri funzionari sanitari non sono all’altezza di uno studente di medicina al primo anno di univerista`. È un errore abbastanza preoccupante che lascia due probabili conclusioni:

1) che i nostri principali funzionari sanitari governativi sono veramente incompetenti

e / o

2) che noi, come nazione, veniamo intenzionalmente manipolati. Oppure potrebbe essere entrambe le cose.

(Un’altra conclusione che dovresti considerare è che la mia analisi di questi test non è corretta. Sono aperto a una sfida.)

Quindi cosa succede se, come individuo, ottieni un risultato positivo del test PCR (uno che ha una specificità del 95%) senza avere sintomi di COVID-19 o recente esposizione a un vero paziente con malattia infettiva COVID rilevante? Cosa fai? Bene, con quel test positivo, il rischio di contrarre il COVID è appena aumentato da meno di 5 su 1.000 (il rischio della popolazione generale) a circa 5 su 55 (il rischio di una malattia COVID infettiva rilevante nelle persone asintomatiche con un test COVID- 19 positivo). Si tratta di un aumento di 18 volte del rischio, pari a un rischio del 9% di contrarre una malattia COVID infettiva rilevante (o una probabilità del 91% di essere completamente in salute). Questo potrebbe essere un aumento rilevante del rischio nella tua mente, abbastanza da scegliere di evitare di esporre i tuoi amici e la tua famiglia a un rischio più elevato rispetto alla popolazione generale.

Per le 50 persone asintomatiche a basso rischio che risultano falsamente positive da ogni gruppo di 1.000, cosa le rende positive? Il fatto e` che il test non è mai pensato per essere utilizzato come test di screening in persone sane asintomatiche perché non è abbastanza specifico. Per un test PCR, positività significa con sicurezza che c’era COVID RNA in quel campione, certo, ma il tuo naso o la tua bocca molto probabilmente hanno appena filtrato alcuni pezzi morti di detriti virali dalle particelle di polvere nell’aria mentre stavi andando a fare il test. Il test PCR può essere troppo sensibile.

Alcuni filamenti di RNA sono irrilevanti. Anche poche centinaia di particelle virali completamente intatte non possono infettare o causare malattie. Gli umani non sono così deboli. Ma tieni presente che c’è una minima possibilità che il test sia risultato positivo perché stai per ammalarti realmente di COVID-19.

Oltre a questo uso sbagliato dei test diagnostici come test di screening, il governo ha sovvenzionato gli ospedali per la cura dei pazienti positivi al COVID-19. Supponiamo che un ospedale esegua un test COVID 4 volte durante una degenza ospedaliera come test di screening in un paziente che non presenta sintomi di COVID. Se il test risulta positivo una volta e negativo tre volte, l’ospedale segnalerà che il paziente ha il COVID-19, anche se è molto probabile che l’unico risultato positivo sia stato un falso positivo. Perché gli ospedali eseguono così tanto questo test? In parte, perché riceveranno $ 14.000 in più dal governo per ogni paziente che dichiarano avere COVID-19.

Quando vediamo le segnalazioni di numeri di casi in aumento, dovremmo sapere che definiscono “caso” chiunque abbia un test positivo per COVID-19, che, come potresti ora capire, è davvero un numero insensato e poco credibile.

Sommario:

Abbiamo un’epidemia di test COVID positivi che è sostanzialmente più grande dell’epidemia di malattia COVID stessa. Al contrario, le persone con casi reali e lievi di malattia COVID non vengono, nella maggior parte dei casi, sottoposte al test. Quindi i dati, su cui si basano le misure di lockdown sono scadenti.

I dati sui ricoveri e sui decessi COVID negli Stati Uniti sono esagerati da uno schema di sovvenzioni governative che incentiva l’uso improprio dei test in persone senza particolare rischio di malattia.

Evita di fare il test per COVID a meno che tu stesso non sia sintomatico, abbia avuto esposizione a qualcuno che era sia sintomatico che positivo al test per COVID, o hai qualche altra ragione personale che abbia senso.

Sappi che sottoporsi al test prima di viaggiare all’estero ti mette a un modesto rischio di ottenere un risultato falso positivo, il che sicuramente rovinerà il tuo viaggio.

Sì, la malattia COVID può uccidere le persone. Ma un test positivo non ucciderà nessuno. Purtroppo, ogni test positivo al COVID conferisce potere a quei politici e burocrati che hanno una predisposizione naturale a controllare le persone.

Fonte

covidtest

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

L’Oms finalmente ammette che i test PCR producono falsi positivi

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato un promemoria il 14 dicembre, avvertendo che il numero elevato di cicli nei test PCR portera` inevitabilmente alla produzione di falsi positivi.

Queste informazioni sono accurate e disponibili da mesi, dobbiamo quindi chiederci: perché lo stanno segnalando ora? È per far sembrare che il vaccino funzioni?

I test Sars-Cov-2 si basano sulla reazione a catena della polimerasi (PCR). La PCR funziona prendendo i nucleotidi – minuscoli frammenti di DNA o RNA – replicandoli finché non diventano qualcosa di abbastanza grande da poter essere identificato. La replicazione viene eseguita in cicli, con ogni ciclo che raddoppia la quantità di materiale genetico. Il numero di cicli necessari per produrre qualcosa di identificabile è noto come “soglia del ciclo” o “valore CT”. Più alto è il valore CT, meno è probabile che tu rilevi qualcosa di significativo.

Questo nuovo promemoria dell’OMS afferma che l’utilizzo di un valore CT elevato per testare la presenza di Sars-Cov-2 comporterà risultati falsi positivi.

Per citare le loro stesse parole:

Chi utilizza il test PCR deve leggere attentamente le istruzioni per l’uso per determinare se è necessaria una regolazione manuale della soglia di positività del test per tenere conto di qualsiasi “interferenza” che possa portare a un campione con un risultato del valore di soglia del ciclo alto (Ct) interpretato come positivo.

Continuano a spiegare:

Il principio su cui e` progettato il test PCR significa che per i pazienti con alti livelli di virus circolante (carica virale), saranno necessari relativamente pochi cicli per rilevare il virus e quindi il valore Ct sarà basso. Al contrario, quando i campioni restituiscono un valore Ct elevato, significa che sono stati necessari molti cicli per rilevare il virus. In alcune circostanze, la distinzione tra interferenza e presenza effettiva del virus bersaglio è difficile da accertare.

Naturalmente, niente di tutto ciò è una novità per chi ha prestato attenzione. Il fatto che i test PCR fossero facilmente manipolabili e potenzialmente altamente inaccurati è stata una delle grida di battaglia spesso ripetuta da quelli di noi che si oppongono alla narrativa “pandemica” e alle politiche che vengono utilizzate per vendercela.

Molti articoli sono stati scritti su questo argomento, da molti esperti del settore, giornalisti medici e altri ricercatori. È ormai noto da mesi che qualsiasi test che utilizzi un valore CT superiore a 35 è potenzialmente privo di significato.

Il dottor Kary Mullis, che ha vinto il Premio Nobel per aver inventato il processo PCR, è stata chiara sul fatto che non era inteso come strumento diagnostico, dicendo:

con il test PCR puoi trovare quasi tutto in chiunque. “

E, commentando le soglie del ciclo, una volta ha detto:

Se devi eseguire più di 40 cicli per amplificare un gene a copia singola, c’è qualcosa di seriamente sbagliato nel tuo test PCR “.

Le linee guida MIQE per l’uso del PCR affermano:

Valori di Cq superiori a 40 sono sospetti a causa della bassa efficienza implicita e generalmente non dovrebbero essere segnalati “,

Tutto questo è stato di dominio pubblico dall’inizio dei lockdown. Lo stesso sito web del governo australiano ha ammesso che i test erano imperfetti e un tribunale portoghese ha stabilito che non erano adatti allo scopo.

Anche il dottor Anthony Fauci ha ammesso pubblicamente che una soglia del ciclo superiore a 35 rileverà “nucleotidi morti”, non un virus vivente.

Nonostante tutto, è noto che molti laboratori in tutto il mondo hanno utilizzato test PCR con valori CT superiori a 35, anche fino a 40.

Allora perché l’OMS ha finalmente deciso di dire che è sbagliato? Che motivo avrebbero potuto avere per scegliere finalmente di riconoscere questa semplice realtà?

La risposta a questa domanda è potenzialmente sorprendentemente cinica: ora abbiamo un vaccino. Non abbiamo più bisogno di falsi positivi.

A livello teorico, il sistema ha prodotto la sua cura miracolosa.

Quindi, dopo che tutti sono stati vaccinati, tutti i test PCR verranno eseguiti “secondo le nuove linee guida dell’OMS”, e verranno eseguiti solo 25-30 cicli invece di 35+.

Ed ecco, il numero di “casi positivi” precipiterà e avremo la conferma che il nostro vaccino miracoloso funziona.

Dopo mesi passati a inondare il pool di dati con falsi positivi, a contare le morti “per caso”, aggiungendo “morte correlata a Covid19” a ogni altro certificato di morte … possono smetterla. La macchina utilizzata per creare la pandemia puo` essere spenta.

… fintanto che facciamo tutti quello che ci viene detto. Qualsiasi segno di dissenso – ad esempio masse di persone che rifiutano il vaccino – e il valore CT ricominciera` a salire.

Fonte

dfnbkpyz6d6wowjenbcysn-1-2000x900-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €