Archivi Blog

La BBC ha cambiato la dichiarazione di una vittima in modo da non ‘sbagliare il gender’ del suo stupratore trans

Quando la donna ha utilizzato i pronomi “egli” o “lui” (he o him), la BBC la ha corretta utilizzando “essi” o “loro” (they o them)

Il Times di Londra ha riportato che la BBC ha cambiato la formulazione della testimonianza di una vittima di stupro perché i dipendenti woke non volevano “sbaglare il gender” dell’uomo biologico che avrebbe compiuto l’abuso.

L’articolo rileva che la BBC ha modificato la dichiarazione della donna a seguito di “un dibattito sui pronomi del suo aggressore transgender”.

“La donna faceva riferimento al suo presunto stupratore come ‘lui’, ma gli addetti ai lavori hanno affermato che le sue parole sono state modificate per evitare di ‘sbagliare il gender’ dell’aggressore in un articolo sul sito web della società”, aggiunge l’articolo.

Il rapporto chiarisce che ovunque le parole “egli” o “lui” siano state usate dalla donna, la BBC ha cambiato la terminologia in “essi” o “loro”.

“Una fonte ha affermato che la citazione è stata oggetto di un acceso dibattito prima della pubblicazione. Alcuni giornalisti hanno sostenuto che la citazione sarebbe dovuta rimanere intatta, mentre altri hanno affermato che dovrebbe riflettere i pronomi preferiti dalla donna trans”, osserva ulteriormente il rapporto.

Secondo quanto riferito, la donna, che è lesbica, ha descritto l’incidente alla BBC, dicendo: “Ha minacciato di denunciarmi come un terf rischiando il mio lavoro se mi fossi rifiutata di andare a letto con lui. Ero troppo giovane per discutere e avevo subito il lavaggio del cervello dalla teoria queer, perciò lo reputavo una “donna” anche se ogni fibra del mio essere mi diceva il contrario, quindi ho accettato di andare a casa con lui. Ha usato la forza fisica quando ho cambiato idea dopo aver visto il suo pene e mi ha violentata.’”

Dopo che la BBC ha finito di modificare la dichiarazione di cui sopra, si leggeva “[Loro] hanno minacciato di dichiararmi una terf rischiando il mio lavoro se mi fossi rifiutata di dormire con [loro]. Ero troppo giovane per discutere ed ero stata sottoposta al lavaggio del cervello dalla teoria queer, quindi [erano] una “donna” anche se ogni fibra del mio essere urlava il contrario, quindi ho accettato di andare a casa con [loro]. [Hanno] usato la forza fisica quando ho cambiato idea dopo aver visto il [loro] pene e mi hanno violentato. “

IL PENE DI LEI…BIGOTTO

Il pezzo è ancora sul sito web della BBC al momento della scrittura.

Proprio su questo argomento Ricky Gervais ha fatto satira nel suo ultimo speciale comico, cosa che ha portato la comunità woke ad accusarlo di “transfobia”.

Una fonte anonima all’interno della BBC ha detto al Times che “In origine erano tutti riferimenti maschili, ma gli scalmanati woke dal sito web di notizie volevano renderli femminili a causa del genere sbagliato. È abbastanza scioccante. Non riesco a pensare a nessun’altra situazione in cui cambieremmo le parole di una presunta vittima di stupro”.

Rispondendo alla questione, la BBC ha affermato: “È normale avere discussioni editoriali su storie diverse. La nostra unica intenzione al momento è rendere le cose il più chiare possibile per il pubblico”.

Incredibile.

Fonte

gettyimages-1297981841-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €