Archivi Blog

Membro del consiglio di amministrazione di Pfizer ha fatto pressioni su Twitter per censurare le informazioni sul vaccino COVID

La piattaforma ha inserito il tag “fuorviante” sui post riguardanti l’immunità naturale.

Il membro del consiglio di Pfizer, il dottor Scott Gottlieb, ha fatto pressioni su Twitter per censurare le informazioni che mettevano in dubbio l’efficacia del vaccino COVID rispetto all’immunità naturale.

I file Twitter appena rilasciati mostrano che la piattaforma ha censurato un tweet del Dr. Brett Giroir, un membro del consiglio della società biofarmaceutica Altesa Biosciences, che produce farmaci per combattere COVID, dopo che è stato segnalato da Gottlieb.

Nell’agosto 2021, Gottlieb si è lamentato con Todd O’Boyle, un senior manager del team di politica pubblica di Twitter, dell’affermazione di Giroir secondo cui l’immunità naturale offriva una protezione maggiore rispetto al vaccino.

“Ora è chiaro che l’immunità naturale del #COVID19 è superiore all’immunità del #vaccino, di MOLTO. Non c’è alcuna giustificazione scientifica per la prova di vaccinazione se una persona aveva un’infezione precedente. @CDCDirector @POTUS deve seguire la scienza.” ha twittato Giroir.

Gottlieb ha affermato che: “E’ roba che potrebbe corrodere la fiducia nei vaccini. Si trae una conclusione radicale da un singolo studio retrospettivo in Israele che non è stato sottoposto a revisione paritaria. Ma questo tweet finirà per diventare virale ed essere amplificato dai media mainstream.

O’Boyle ha quindi inoltrato l’e-mail di Gottlieb al team di risposta strategica di Twitter per la revisione, ma non ha detto loro che Gottlieb era nel consiglio di amministrazione di Pfizer, riferendosi invece a lui semplicemente come “l’ex commissario della FDA”.

Nonostante Twitter abbia stabilito che il tweet non ha violato le sue regole, ha comunque inserito un tag “fuorviante” sul post, il che significa che le sue risposte, condivisioni e Mi piace sono state disabilitate, seppellendolo nell’algoritmo.

Una settimana dopo, Gottlieb si è lamentato di un altro tweet dello scettico dei lockdown Justin Hart che affermava: “Bastoni e pietre possono rompermi le ossa, ma un agente patogeno virale con un tasso di mortalità infantile di circa lo 0% è costato ai nostri figli quasi tre anni di scuola”.

La preoccupazione di Gottlieb era che il tweet potesse generare dubbi sulla somministrazione del vaccino COVID ai bambini, dato che “sarebbe stato presto approvato per i bambini dai 5 agli 11 anni”.

Il membro del consiglio di amministrazione di Pfizer ha anche precedentemente segnalato un articolo scritto dal giornalista e scettico sul vaccino COVID Alex Berenson, che è stato successivamente sospeso da Twitter.

Gottlieb non era contento che i suoi tentativi di lobbying per conto di Pfizer fossero stati smascherati, lamentandosi del fatto che il rilascio delle sue comunicazioni con Twitter aveva alimentato “un ambiente minaccioso” e portato a “un dialogo più duro, con conseguenze potenzialmente gravi”.

Giroir ha risposto affermando che Gottlieb era sconvolto dal fatto di essere stato colto “apparentemente (mettendo) gli interessi aziendali al primo posto e non la salute pubblica”.

Come abbiamo evidenziato ieri, le e-mail mostrano anche che la Casa Bianca ha fatto pressioni su Facebook per censurare Tucker Carlson e altri per aver espresso scetticismo sul vaccino COVID-19.

Tutto ciò evidenzia ancora una volta il fatto che le politiche di “moderazione dei contenuti” di Big Tech sono state imposte per volere del governo e delle gigantesche aziende farmaceutiche, rappresentando una chiara violazione del Primo Emendamento.

Fonte

100123pfizer1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

5,00 €