Archivi Blog

I negozi di alimentari di New Brunswick avranno il potere di vietare l’entrata ai non vaccinati

I negozi di alimentari a New Brunswick, in Canada, hanno ottenuto il potere di vietare l’ingresso alle persone non vaccinate, il che significa che alle persone non vaccinate potrebbe essere impedito di svolgere l’attività essenziale di acquistare cibo.

Sì davvero.

Il ministro della salute della provincia, Dorothy Shephard, ha affermato che alle aziende verrà data la possibilità di imporre il distanziamento fisico o di verificare la prova di vaccinazione.

Tali attività includono “centri commerciali e negozi di alimentari”.

Shephard ha affermato che la misura, parte del piano d’azione a tre livelli della regione per frenare la diffusione di COVID-19 durante l’inverno, è necessaria per invertire un aumento “molto preoccupante” dei casi.

“Secondo una guida di Public Safety Canada, il cibo è tra i dieci settori delle infrastrutture critiche e la sua consegna e preparazione è considerata un servizio e una funzione essenziali”, scrive Ken Macon.

“Le province sono state autorizzate ad attuare le proprie restrizioni, ma i negozi di alimentari sono rimasti aperti a tutti, indipendentemente dallo stato di vaccinazione”.

Il provvedimento appare come una violazione fondamentale dei diritti umani e ora deve essere sicuramente impugnato in tribunale.

Questo è un altro esempio di come, mentre le autorità affermano che il vaccino non è obbligatorio, ogni funzione di base dell’esistenza e dello stile di vita viene rimossa per coloro che non si vaccinano.

Il governo federale ha già vietato ai canadesi non vaccinati di utilizzare viaggi aerei e ferroviari nazionali o internazionali.

Se questo è permesso, aspettati che la fase successiva sia quella di dotare le persone non vaccinate di cavigliere elettroniche per assicurarsi che non lascino le loro case o, in caso contrario, di buttarle in prigione.

Non c’è davvero nessun fondo alla quale questo abisso non possa sprofondare.

Fonte

061221store1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Indagini spagnole rilevano che il Green Pass non ha alcun impatto sui tassi di infezione

E invia anche un messaggio sbagliato ovvero quello che i vaccinati non possono diffondere il virus

Un’indagine condotta da esperti in Spagna ha concluso che il Green Pass non ha un impatto significativo sulla riduzione dei tassi di infezione da COVID-19.

I dettagli dello studio, condotto dal comitato interregionale Covid-19 della Spagna, sono stati ottenuti da El Pais e riportati dal Telegraph.

Guardando come lo schema è stato implementato in altri paesi europei, gli esperti hanno scoperto che obbligare le persone a mostrare la prova della vaccinazione per entrare in luoghi come bar, ristoranti e cinema “non sta riducendo i livelli di trasmissione”.

“Nei paesi europei in cui viene utilizzato [il sistema], i casi stanno aumentando in modo significativo, anche se è vero che il loro livello di vaccinazione è molto più basso che in Spagna afferma”, il rapporto.

Anche se la Spagna non utilizza il passparto vaccinale come in Italia, otto regioni su 17 utilizzano un sistema simile.

I ricercatori hanno anche concluso che gli schemi del passaporto vaccinale “contribuiscono a una falsa impressione che le persone vaccinate non verranno infettate”, quando in realtà “circa il 40% di coloro che sono vaccinati è suscettibile all’infezione e trasmette l’infezione” , afferma il rapporto.

Gli unici aspetti positivi di un tale schema sono “avvertire le persone che siamo ancora in pandemia e incoraggiare i reticenti a vaccinarsi”.

In altre parole, sebbene i passaporti vaccinali non abbiano un impatto riconoscibile sul loro obiettivo dichiarato – ridurre la diffusione di COVID-19 – hanno successo nel mantenere le persone timorose e conformiste .

E forse questo è l’obiettivo principale.

“I risultati sono simili alle prove trovate dal governo del Regno Unito: i passaporti vaccinali potrebbero aumentare i tassi di Covid nel paese”, scrive Ken Macon.

“Anche il governo del Galles, nel Regno Unito, ha scoperto che, nonostante l’introduzione dei passaporti vaccinali, non è stato possibile trovare qualsiasi prova del loro funzionamento“.

Numerosi paesi europei hanno imposto schemi di passaporto vaccinale che separano i vaccinati dai non vaccinati.

In alcuni casi, l’opzione per fornire un risultato negativo del test è stata eliminata, il che significa che solo coloro che sono completamente vaccinati (e possono ancora diffondere il virus) hanno il diritto di entrare nei locali.

Fonte

031221vaxxpass1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

La polizia di Parigi controlla il Green Pass mentre la gente mangia al ristorante

Un video da Parigi mostra agenti di polizia in uniforme all’interno di un ristorante che controllano i passaporti vaccinalii dei commensali mentre stanno mangiando.

La clip mostra poliziotti davanti alle tavole mentre richiedono ai clienti di esibire il Green Pass sui loro telefoni.

Una donna anziana sembra essere un po’ confusa dai controlli.

“I nazisti sono tornati a Parigi”, ha commentato Benny Johnson.

Come abbiamo evidenziato in precedenza, tali scene erano all’ordine del giorno il primo giorno in cui la Francia ha imposto il suo programma di passaporto vaccinali ad agosto.

La polizia ha pattugliato caffè e bar chiedendo di vedere il Green Pass, anche alle persone sedute fuori.

Tuttavia, solo una settimana dopo sembrava che l’azione fosse solo uno stunt per intimidire le persone e costringerle a conformarsi.

Prove aneddotiche dettagliate dall’ex ingegnere del software di Google Mike Hearn hanno suggerito che la maggior parte dei ristoranti, caffè e altre attività commerciali in Francia non stanno applicando il controverso sistema.

“Durante un soggiorno di quattro giorni mi è stato richiesto di mostrare un pass valido esattamente zero volte; che include gli aeroporti in entrambe le direzioni. La conformità è assolutamente minima e spesso al di sotto dei livelli di norma”, ha scritto Hearn.

Numerosi paesi europei stanno soffrendo di nuovi picchi di COVID record nonostante l’implementazione di schemi di passaporto vaccinale introdotti mesi fa.

Come abbiamo evidenziato in precedenza, un’indagine condotta da esperti in Spagna ha concluso che i passaporti dei vaccini non hanno un impatto significativo sulla riduzione dei tassi di infezione da COVID-19.

Sono comunque molto bravi a far rimanere le persone in uno stato di paura e acquiescenza.

Fonte

031221paris1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il Green Pass del governo scozzese invia i dati privati degli utenti ad Amazon, Microsoft

“I dati sono stati condivisi con terze parti senza che le persone abbiano la possibilità di eliminare l’opzione o essere informate che ciò sta accadendo”

Come se le restrizioni della liberta’ dei passaporti vaccinali non fossero sufficienti da sole, è stato rivelato che il governo scozzese ha consentito la condivisione dei dati del programma con società private tra cui Amazon.

Il Daily Record riporta: “Abbiamo appreso che l’app per telefoni cellulari del NHS che presenta le informazioni mediche personali sotto forma di un codice QR condivide i dati con aziende tra cui Amazon, Microsoft, ServiceNow, Royal Mail e una società di intelligenza artificiale specializzata nel riconoscimento facciale”.

Gli utenti dell’app del Green Pass non sono stati informati che i loro dati sarebbero stati condivisi, secondo il rapporto.

Commentando i risultati, Sam Grant del gruppo di sostenitori della privacy Liberty ha avvertito: “I passaporti vaccinali creano una società a due livelli e già molte persone in Scozia sono state costrette a ottenere un passaporto vaccinale per partecipare a eventi e accedere a determinate parti della società”.

Grant ha aggiunto: “È estremamente preoccupante che, così facendo, i dati siano stati condivisi con terze parti senza che le persone abbiano la possibilità di rinunciare o senza nemmeno essere informate che ciò sta accadendo. Questo non fa che favorire le ampie preoccupazioni che le persone hanno già riguardo ai passaporti dei vaccini”.

Il leader del partito liberaldemocratico scozzese, Alex Cole-Hamilton, ha anche affermato che il suo partito “ha ripetutamente avvertito il governo che la protezione dei dati è praticamente inesistente – è bastato un semplice screenshot per aggirare qualunque ‘misura di sicurezza’ il sistema avesse in luogo.”

“Il lancio è stato un macello e il sistema IT ha faticato a farcela”, ha spiegato Cole-Hamilton, aggiungendo: “Tutti hanno diritto alla privacy medica; nessuno dovrebbe mai fornire parte della propria storia medica a una serie di società private. Questo è semplicemente assurdo”.

Silkie Carlo, il capo di un altro gruppo di sostenitori della privacy, Big Brother Watch, ha spiegato lunedì perché i passaporti vaccinali sono un totale fallimento in Scozia:

Il governo britannico ha costantemente mentito sull’introduzione dei passaporti vaccinali:

I dati del governo e gli studi sottoposti a revisione paritaria mostrano che i vaccinati hanno la stessa probabilità di diffondere il virus quanto i non vaccinati.

Fonte

gettyimages-1232962980-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

L’Austria rende obbligatorio il vaccino contro il COVID, promette “sanzioni” per chi resiste

L’intera popolazione ora è sotto lockdown

Dopo aver annunciato l’ennesimo lockdown, le autorità austriache hanno anche affermato che renderanno obbligatorio il vaccino COVID-19, promettendo “sanzioni” per coloro che continuano a resistere.

A seguito di un lockdown dei non vaccinati, che non è riuscito a fermare l’impennata del numero di casi, l’intero paese sarà ora sottoposto a un blocco completo della durata di almeno 10 giorni.

Dal 1° febbraio, inoltre, tutti dovranno essere vaccinati per legge.

“Non siamo stati in grado di convincere abbastanza persone a vaccinarsi. Per troppo tempo io e altri abbiamo pensato che potessimo convincere le persone a farsi vaccinare”, ha affermato il cancelliere Alexander Schallenberg.

Ha anche promesso di imporre “pene” a coloro che si rifiutano ancora di vaccinarsi, sebbene queste non siano state specificate.

È probabile che l’Austria segua gli Stati Uniti nel tentativo di rendere obbligatoria la vaccinazione per avere un lavoro.

Numerosi altri paesi, tra cui Germania, Italia, Slovacchia e Repubblica Ceca, stanno per attuare nuove restrizioni nel tentativo di combattere una “quarta ondata” del virus.

L’Europa sta attualmente vivendo la più alta ondata di COVID di sempre, con 310.000 casi registrati in tutto il continente nelle ultime 24 ore.

Un paese che sta affrontando notevolmente meglio del resto d’Europa è la Svezia, che non ha mai imposto alcun mandato di maschera rigoroso o blocco legale.

Nel frattempo, anche l’Irlanda è sul “piede di guerra” e potrebbe essere in procinto di introdurre un nuovo lockdown nonostante abbia una popolazione vaccinata al 94%, obbligo di indossare le maschere e uno schema di passaporto vaccinale già in vigore.

Quanti lockdown, seguiti da nuove ondate di contagi, devono imporre i paesi europei prima di considerare l’efficacia dei lockdown?

E’ da oltre 20 mesi che osserviamo questo teatrino.

Continuate ad obbedire, idioti.

Fonte

191121austria1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

I dati ufficiali della sanità pubblica in Inghilterra affermano che i tassi di infezione da COVID sono più alti tra i Vaccinati rispetto che tra i Non Vaccinati

Demolito ogni motivo per adottare il Green Pass.

The Spectator ha pubblicato un articolo citando i dati ufficiali di Public Health England, in cui si afferma che per gli over 30 “i tassi di infezione da Covid per 100.000 persone sono ora più alti tra i vaccinati rispetto ai non vaccinati”.

Bene, questo è imbarazzante.

L’articolo, scritto da Lionel Shriver, è intitolato “Il teatro assurdo dei passaporti vaccinali”.

Sottolinea che, secondo i dati ufficiali, i vaccini offrono solo circa il 17% di protezione per gli ultracinquantenni.

“Come ho osservato allora, ciò significherebbe che i soggetti vaccinati e non vaccinati rappresenterebbero un pericolo l’uno per l’altro”, scrive Shriver. “Tutti gli schemi di apartheid Covid sono quindi inutili”.

Quindi spiega chiaramente come i dati ufficiali minaccino l’intera argomentazione dietro il Green Pass, che vieta ai non vaccinati di entrare in innumerevoli luoghi.

“Informazioni più recenti hanno rafforzato questa conclusione dell’estate. In ogni fascia di età sopra i 30 anni nel Regno Unito, i tassi di infezione da Covid per 100.000 persone sono ora più alti tra i vaccinati rispetto che tra i non vaccinati. Infatti, nei gruppi di età compresa tra 40 e 79 anni, i tassi di infezione tra i vaccinati sono più del doppio rispetto ai non vaccinati. L’ente, chiarisce freneticamente che i dati “non dovrebbero essere usati per stimare l’efficacia del vaccino”, un avvertimento che includo per motivi di accuratezza. Ma le differenze nei tassi di infezione sono abbastanza drastiche da permetterti di trarre le tue conclusioni”.

Shriver riassume quindi come quei dati demoliscano la ragione per l’implementazione del Green Pass.

“Il sistema promuove l’impressione sbagliata – statisticamente, parla attraverso menzogne – ovvero che la marmaglia non vaccinata esiliata rappresenti una minaccia di contagio molto più grave dei commensali nel vicino banchetto che, come te, si sono giustamente fatti il vaccino. In verità, il passeggero dell’aereo seduto sul posto 24A, il quale si e’ fatto la doppia vaccinazione, può essere un compagno di posto altrettanto rischioso quanto quelli banditi poiche’ non hanno il Green Pass.

Nel frattempo, il Times riporta i risultati di un altro studio che “ha scoperto che i vaccinati hanno la stessa probabilità di trasmettere Covid-19 come le persone non vaccinate”.

Dopo che Public Health England ha pubblicato i dati, i burocrati del governo hanno iniziato a farsi prendere dal panico in quanto le persone gli avrebbero usati per suggerire che i vaccini non sono così efficaci.

Il direttore dell’Office for Statistics Regulation Ed Humpherson ha convocato un incontro urgente con l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito durante il quale si è preoccupato che i dati abbiano “il potenziale per fuorviare”.

“Abbiamo notato che questi dati sono stati utilizzati per sostenere che i vaccini sono inefficaci”, ha scritto successivamente Humpherson.

Non è strano come il governo e gli organismi di regolamentazione associati sembrino aver paura dei dati grezzi?

Se i vaccini sono efficaci come ci dicono, perché dovrebbero preoccuparsi?

Fonte

191121vaccine1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Nonostante il Green Pass, i casi di COVID sono in aumento in tutta Europa

La Svezia, senza lockdown o obblighi se la sta cavando bene.

Nonostante il Green Pass e gli alti tassi di vaccinazione in molti paesi, i casi di COVID sono di nuovo in aumento in tutta Europa.

I nuovi casi di coronavirus in Germania hanno superato per la prima volta la soglia dei 50.000, con le autorità che spingono per l’imposizione di ulteriori restrizioni oltre a quelle che non hanno funzionato.

Come scrive Will Jones, “In Europa è in corso un’impennata nel tardo autunno delle infezioni da Covid segnalate, con picchi in Austria, Paesi Bassi, Danimarca, Germania, Svizzera e Norvegia, e il possibile inizio di uno in Francia, Portogallo e Italia. Questo nonostante l’elevata copertura vaccinale e l’uso massiccio di passaporti vaccinali nella maggior parte di questi paesi, tra cui Germania, Paesi Bassi, Austria, Svizzera, Italia e Francia”.

Jones osserva che non esiste una nuova variante del virus che causa il picco e che praticamente tutti questi paesi hanno già registrato un’impennata a causa della variante delta.

Poiché tutti questi paesi hanno tassi di vaccinazione relativamente alti, si può solo supporre che la nuova ondata sia in parte dovuta alla diminuzione dell’efficacia dei vaccini.

Come abbiamo sottolineato ieri, un concerto in Germania che consentiva la partecipazione solo a persone completamente vaccinate o guarite, ha provocato un’epidemia di COVID-19 che ha infettato almeno 24 persone.

Un luogo in cui i casi e i decessi di COVID rimangono bassi rispetto ad altri paesi europei è la Svezia, che non ha mai imposto un rigido lockdown e non ha il Green Pass o obbligo di maschere.

Forse potremo imparare qualcosa da loro.

Ma a quanto pare, l’esistenza stessa dell'”immunità di gregge” è ora una “pericolosa teoria della cospirazione”.

Fonte

111121germany1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il capo della sanità australiana afferma che le persone che non vengono vaccinate saranno “infelici” e “sole” per tutta la vita

“Sono pazzi.”

Il presidente del Queensland dell’Australian Medical Association ha dichiarato durante un’apparizione televisiva che le persone che ancora si rifiutano di ricevere il vaccino saranno “infelici” e “sole” per il resto della loro vita.

Sì davvero.

“Sono pazzi a non farsi vaccinare, la vita sarà miserabile senza vaccino”, ha detto il dottor Chris Perry.

“Non sarai in grado di nasconderti, non sarai in grado di convincere un medico a firmarti una esenzione perché ci sono regole severe su questo e i medici saranno controllati, ogni loro eccezione sarà esaminata molto attentamente”, ha aggiunto, prima di minacciare i medici con multe e licenziamento.

Perry ha anche minacciato le persone che ottengono falsamente un’esenzione dal vaccino dicendo che saranno accusate di frode se “cercheranno di aggirare il sistema”.

https://www.tiktok.com/trending?referer_url=https%3A%2F%2Fsummit.news%2F&referer_video_id=7029082510025837826&refer=embed

“Sarà molto difficile mantenere il tuo impiego se non sei vaccinato e non sarai in grado di andare da nessuna parte per divertirti”, ha detto.

Perry ha concluso dicendo che coloro che non si fanno vaccinare avranno “una vita molto, molto solitaria” e non saranno in grado di mantenere un lavoro.

Dimmi di nuovo che il vaccino non e` obbligatorio

Durante i commenti successivi, Perry ha incolpato i “teorici della cospirazione” per aver reso le persone riluttanti a farsi vaccinare.

“Nell’era dei social media, qualsiasi potenziale leggero mal di testa o piccolo problema con i vaccini viene amplificato”, ha affermato.

Fonte

111121perry1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Deputati protestano contro gli oppressivi passaporti vaccinali, si chiedono perché “le élite politiche spingono questa agenda così tanto”

Nelle ultime edizioni di This Week in the New Normal, abbiamo citato un gruppo di parlamentari europei che hanno tenuto una conferenza stampa in cui si sono opposti alla vaccinazione obbligatoria e al “Green Pass”.

Il 28 ottobre, cinque di quegli stessi eurodeputati hanno tenuto un’altra conferenza stampa, e mentre vale la pena guardare l’intera faccenda (incorporata sopra), il momento clou è sicuramente quando l’eurodeputata tedesca Christine Anderson redpilla tutti per 2 minuti:

In Europa, i governi hanno fatto di tutto per vaccinare la popolazione. Ci è stato promesso che le vaccinazioni saranno un “punto di svolta” e ripristineranno la nostra libertà … purtroppo nulla di cio` si e’ rivelato vero. Non ti rendono immune, puoi ancora contrarre il virus e puoi ancora essere contagioso.

L’unica cosa che questo vaccino ha fatto di sicuro è stata versare miliardi e miliardi di dollari nelle tasche delle aziende farmaceutiche.

Ho votato contro il certificato verde digitale ad aprile, ma purtroppo è stato comunque adottato, e questo dimostra che solo una minoranza di eurodeputati sostiene veramente i valori europei. La maggior parte degli eurodeputati, per ragioni a me sconosciute, ovviamente sostiene l’oppressione del popolo mentre afferma – spudoratamente – di farlo per il bene del popolo.

Ma non è il fine che rende opprimente un sistema, sono sempre i metodi con cui lo scopo viene perseguito. Ogni volta che un governo afferma di avere a cuore l’interesse del popolo, è necessario ricredersi.

In tutta la storia dell’umanità non c’è mai stata un’élite politica sinceramente preoccupata per il benessere delle persone normali. Cosa ci fa pensare che ora sia diverso? Se l’età dei lumi ci ha fatto capire qualcosa, e’ che: non bisogna prendere mai nulla di quello che il governo ti dice al valore nominale

Metti sempre in discussione tutto ciò che qualsiasi governo fa o non fa. Cerca sempre secondi fini. E chiedi sempre cui bono? A chi giova?

Ogni volta che un’élite politica spinge un’agenda così duramente e ricorre all’estorsione e alla manipolazione per ottenere ciò che vuole, puoi quasi sempre essere sicuro che il tuo vantaggio non è sicuramente quello che aveva a cuore.

Per quanto mi riguarda, non sarò vaccinata con nulla che non sia stato adeguatamente controllato e testato e non abbia mostrato solide prove scientifiche sul fatto che i benefici superino gli effetti negativi della malattia stessa.

Non sarò ridotto a una semplice cavia facendomi vaccinare con un farmaco sperimentale, e sicuramente non mi farò vaccinare perché il mio governo me lo dice e promette, in cambio, che mi sarà concessa la libertà.

Chiariamo una cosa: nessuno mi concede la libertà perché sono una persona libera.

Quindi sfido la Commissione Europea e il governo tedesco: mandami in prigione, rinchiudimi e butta via la chiave non mi importa. Ma non sarai mai in grado di costringermi a farmi vaccinare se io, libero cittadino il quale sono, scelgo di non essere vaccinata.

Fonte

christineandersonterhes-min

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Rapporto del governo rileva che il Green Pass potrebbe aumentare la diffusione del COVID

Obbligandoli a visitare luoghi più piccoli e poco ventilati.

Un rapporto trapelato del governo inglese riporta il fatto che il Green Pass potrebbe effettivamente esacerbare la diffusione del COVID perché incoraggere le persone a visitare luoghi più piccoli e meno ventilati.

Secondo il rapporto, redatto dal Department of Digital, Culture, Media and Sport[DCMS], l’introduzione del Green Pass potrebbe effettivamente avere l’effetto opposto di quanto sperato.

“Se la certificazione allontanera` alcuni fan dagli stadi che sono ben ventilati, ciò potrebbe far si che frequentino invece pub scarsamente ventilati, dove avranno accesso a più alcol rispetto a quello disponibile negli stadi”, afferma il rapporto. “Durante gli europei abbiamo notato dei picchi nei casi associati ai pub anche quando l’Inghilterra giocava all’estero”.

“Introdurre il Green Pass ridurrebbe anche il fatturato per gli organizzatori di eventi dove e’ necessario utilizzare i passaporti vaccinali e richiederebbe l’assunzione di migliaia di nuovi steward che potrebbero essere difficili da trovare”, riporta il Telegraph.

Dopo che la Scozia ha cercato di introdurre i passaporti vaccinali, il processo è stato definito un “disastro assoluto”, con il personale dei locali notturni che ha subito abusi e la tecnologia utilizzata in questi sistemi non si e` rivelata all’altezza.

Molti locali hanno deciso di chiudere in anticipo e hanno perso il 40% della loro clientela, dimostrando ancora una volta come lo schema metterà definitivamente fuori gioco innumerevoli locali notturni che operano con un margine di profitto del 15%.

Un altro esempio di come i passaporti vaccinali siano in gran parte inutili è il fatto che fornire un test negativo non viene più offerto come opzione, nonostante il fatto che i vaccinati possano ancora trasmettere il virus.

Fonte

261021pass1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €