Archivi Blog

Il ghiaccio marino artico è appena del 3% al di sotto della media degli ultimi 30 anni

Sfatato l’allarmismo sui cambiamenti climatici.

Secondo l’ultimo rapporto del programma di osservazione della Terra dell’UE, il ghiaccio marino artico è appena del 3% al di sotto della media degli ultimi 30 anni.

Ops, narrativa fallita!

Chris Morrison, editore ambientale del Daily Sceptic, spiega i dati.

La linea rossa sul grafico a sinistra traccia il record del 2021 e si può notare che si tratta di un miglioramento rispetto agli ultimi anni. Le deviazioni dalla media di marzo e settembre mostrate a destra sono entrambe diminuite negli ultimi anni. Naturalmente in termini storici e geologici questi cambiamenti sono insignificanti, ma è probabile che smorzino il tono generalmente isterico sul clima polare riscontrato nella maggior parte dei dibattiti sui cambiamenti climatici. Questo tono è stato stabilito nel 2009 quando l’ex vicepresidente degli Stati Uniti Al Gore ha riferito che c’era un’alta probabilità che il Polo Nord sarebbe stato privo dei ghiacci estivi entro il 2013. Discutendo di uno schema pazzesco per “salvare il ghiaccio artico” cospargendolo di vetro, il sito della BBC Future Planet ha notato nel 2020 che l’area era in un “ciclo di feedback autodistruttivo”. Si diceva che gran parte del ghiaccio stesse “svanendo rapidamente”.

Morrison continua a documentare come il ghiaccio marino artico sia cresciuto e si sia ridotto per centinaia di anni e ben prima che l’uomo iniziasse a emettere anidride carbonica in misura significativa.

Come abbiamo evidenziato l’anno scorso, uno degli autori del rapporto IPCC delle Nazioni Unite, che si è concentrato sulle conseguenze “estreme” del riscaldamento globale causato dall’uomo, ha elogiato il fatto che “le persone stanno iniziando ad avere paura” del cambiamento climatico e che questo “influirebbe nella maniera in cui votano”.

Tuttavia, le profezie sul cambiamento climatico del giorno del giudizio si sono dimostrate più e più volte clamorosamente sbagliate.

Secondo un tanto annunciato rapporto del 2004, il cambiamento climatico causato dall’uomo causerebbe “milioni” di morti, l’affondamento delle principali città europee, la guerra nucleare e le rivolte ambientali globali… tutto entro il 2020.

Non è mai successo.

Come abbiamo evidenziato nel gennaio 2020, il Glacier National Park del Montana è stato costretto a rimuovere tutti i cartelli che dicevano “i ghiacciai spariranno tutti entro il 2020”, dopo che lo scenario da giorno del giudizio non si è verificato.

I cosiddetti “esperti del clima” hanno sbagliato più e più volte assolutamente su tutto, dalla previsione di Paul Ehrlich di milioni di morti per carestia negli anni ’80, all’assurda affermazione di Al Gore secondo cui l’Artico avrebbe avuto estati “senza ghiaccio” entro il 2013 .

Alla fine degli anni ’70, gli esperti di clima dissero che stava arrivando una nuova era glaciale. Non è successo.

Non succede mai nulla, eppure agli stessi “esperti” vengono ancora fornite piattaforme e ingenti finanziamenti per insistere sulla riduzione del nostro tenore di vita, mentre le voci di dissenso vengono messe a tacere dai decreti del governo, dalla censura Big Tech e dagli algoritmi dei social media.

Fonte

290422arctic1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

L’ultima “soluzione” di Al Gore per i cambiamenti climatici è la sorveglianza di massa

Nel frattempo, una nuova ricerca rileva che le impronte di carbonio dell’1% più ricco, sono sulla buona strada per essere 30 volte più grandi della dimensione limite per evitare che il riscaldamento globale faccia alzare le temperature di 1,5°C

Parlando dal raduno dei proprietari di jet privati ​​e super yacht, altrimenti noto come il vertice COP 26, Al Gore ha propagandato la sua ultima soluzione per ridurre le emissioni di carbonio, la sorveglianza di massa tramite satelliti, sensori e intelligenza artificiale.

Nell’intervista con Andrea Mitchell di MSNBC, Gore ha dichiarato che la tecnologia creata dalla cosiddetta coalizione Climate TRACE monitorerà le emissioni di gas serra ed eliminerà i colpevoli.

“Otteniamo dati in modo coerente da 300 satelliti esistenti, più di 11.000 sensori terrestri, aerei e marittimi, più flussi di dati Internet e utilizzando l’intelligenza artificiale”, ha spiegato Gore, aggiungendo “Tutte queste informazioni sono combinate e ora possiamo determinare con precisione da dove provengono le emissioni di gas serra”.

Gore, che nel 2008 aveva affermato che non sarebbero rimaste calotte polari entro cinque anni, ha continuato: “E l’anno prossimo potremo vedere le emissioni di ogni singola centrale elettrica, raffineria, ogni grande nave, ogni aereo, ogni discarica e avremo le identità delle persone responsabili di ciascuno di questi flussi di emissioni di gas serra”.

E cosa, accadrà a questi criminali climatici, Al?

“Se investitori o governi o attivisti della società civile vogliono ritenerli responsabili, avranno le informazioni su cui basare la loro azione”, ha proclamato Gore.

Guarda:

Ciò che Gore e i suoi 300 satelliti scopriranno è che è l’élite super ricca a essere la maggior inquinatrice del mondo.

Una nuova ricerca dell’Institute for European Environmental Policy (IEEP) e dello Stockholm Environment Institute (SEI) ha scoperto che entro il 2030, le impronte di carbonio dell’1% più ricco dell’umanità sono sulla buona strada per essere 30 volte più grandi della dimensione compatibile con la limitazione del riscaldamento globale a 1,5°C entro la fine del secolo, l’obiettivo climatico più ambizioso dell’accordo di Parigi.

Il rapporto rileva che se le tendenze attuali dovessero continuare, l’1% più ricco rappresenterà il 16% delle emissioni globali di CO2 nel 2030.

Il documento osserva che “Guidano sempre più l’estensione della disuguaglianza globale e probabilmente hanno un impatto maggiore sull’accettabilità politica e sociale degli sforzi nazionali di riduzione delle emissioni”, aggiungendo “È quindi degno di nota che in tutti i principali paesi emettitori, i più ricchi, a livello nazionale sono destinati ad avere impronte di carbonio sostanzialmente al di sopra del livello globale pro capite di 1,5°C”.

“Le emissioni di un singolo volo spaziale miliardario supererebbero le emissioni totali di qualcuno nel miliardo di persone più povere sulla Terra”, ha affermato Nafkote Dabi, responsabile della politica climatica di Oxfam, in un’ulteriore dichiarazione.

Dabi ha aggiunto che “Una piccola élite sembra avere un pass gratuito per inquinare. Le loro emissioni stanno alimentando condizioni meteorologiche estreme in tutto il mondo e mettendo a repentaglio l’obiettivo internazionale di limitare il riscaldamento globale”.

“Le emissioni del 10% più ricco da sole potrebbero spingerci oltre il limite concordato nei prossimi nove anni”, continua Dabi, esortando che “Questo avrebbe risultati catastrofici per alcune delle persone più vulnerabili sulla Terra che stanno già affrontando tempeste mortali, fame e miseria”.

Come abbiamo notato la scorsa settimana, il vertice sul clima della COP ha attirato dignitari d’élite su oltre 400 jet privati, con stime prudenti che suggeriscono che ciò equivarrà a 13.000 tonnellate di anidride carbonica.

Gente come Jeff Bezos, Bill Gates e il principe Carlo, che vivono la loro vita su jet privati, super yacht e voli spaziali, hanno tenuto conferenze al resto del mondo sulle loro impronte di carbonio.

Sono in giro per il pianeta per incontrarsi, rimpinzarsi di carne di cervo di prima qualità e bistecche di manzo, mentre dicono a tutti gli altri di stare zitti, stare a casa e mangiare insetti

Fonte

al-gore-msnbc-man-bear-pig.png-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Un enorme disconnessione tra la retorica sul clima e il fare qualcosa a riguardo

La COP26 sara` un fallimento epico…

Conferenza delle Parti
La COP26 è la 26a Conferenza annuale delle parti sui cambiamenti climatici. L’obiettivo di questi incontri è concordare metodi per limitare il riscaldamento globale a 1,5ºC rispetto ai livelli preindustriali entro il 2100.

La COP15 di Parigi ha fissato obiettivi ambiziosi, ma gli obiettivi sono una cosa e le azioni un’altra. Il resto delle 25 precedenti conferenze è completamente fallito.

A meno che Cina, India e nazioni in via di sviluppo non siano a bordo, non aspettarti che la COP possa cambiare qualcosa. Ed ecco un suggerimento: Cina, India e i paesi in via di sviluppo non sono d’accordo,

Obiettivi della COP26
Assicurati emissioni zero a livello globale entro la metà del secolo

Adattarsi per proteggere le comunità e gli habitat naturali

Mobilitare la finanza

Collaborare per raggiungere gli obiettivi

Fatta eccezione per il primo punto il resto sono cazzate, ora vi spiego.

Mobilitare la finanza significa pagare i paesi in via di sviluppo per raggiungere i loro obiettivi. I paesi in via di sviluppo vogliono più soldi di quelli concordati.

La Cina non si impegna a ridurre le emissioni a zero entro la metà del secolo. I paesi non stanno lavorando insieme.

Programma della COP26
30-31 ottobre: ​​i leader del G20 si riuniscono a Roma. Momento chiave: cercare impegni climatici da Cina, India e Arabia Saudita. Più soldi per il clima da Francia e Italia. Un comunicato del G20 che riafferma l’obiettivo 1.5C.

1-2 novembre: il vertice dei leader mondiali apre la COP26. Momento chiave: un’apparizione di Xi Jinping segnerà che la Cina fa sul serio.

4 novembre: Energy Day – Momento chiave: cercare nuovi firmatari del patto No New Coal delle Nazioni Unite.

5 novembre: Giornata dei giovani e dell’empowerment pubblico. Momento chiave: aspettatevi proteste rumorose da Greta Thunberg.

10 novembre: Giornata dei trasporti, con particolare attenzione al taglio del carbonio dalle auto. Momento chiave: Boris Johnson spera in nuovi divieti nazionali sulle vendite di auto a benzina e diesel.

12 novembre: le trattative dovrebbero concludersi, quindi aspettatevi tafferugli dell’ultimo minuto per ritardare il procedimento. Momento chiave: rilascio del testo negoziato. Nessun obiettivo climatico stabilito. Il testo potrebbe concordare di presentare obiettivi per la riduzione del carbonio più ambiziosi entro il 2023. Le nazioni dovrebbero anche aver concordato tempistiche comuni per i loro obiettivi climatici e il formato per le relazioni sui progressi rispetto a tali obiettivi.

Cosa aspettarsi
30-31 ottobre: ​​Altro comunicato inutile che ribadisce l’obiettivo 1.5C.

1-2 novembre: molti discorsi tra cui un altro sul fatto che il mondo finira in 15 anni. Xi Jinping non garantira` nulla di concreto.

4 novembre: Ci saranno nuovi firmatari del patto delle Nazioni Unite No New Coal, ma Cina e Stati Uniti non saranno tra questi.

5 novembre: Aspettatevi proteste rumorose da Greta Thunberg. Questo obiettivo sarà certamente raggiunto, ma non realizzerà un accidente.

10 novembre: Giornata dei trasporti, con particolare attenzione al taglio del carbonio dalle auto. Momento chiave: Boris Johnson spera in nuovi divieti nazionali sulle vendite di auto a benzina e diesel. Se c’è qualcosa su cui gioire arriverà in questo settore. Ma non ci saranno divieti significativi sulla benzina a parte forse le auto diesel. La maggior parte del successo verrà comunque dalle case automobilistiche.

12 novembre: i negoziati dovrebbero concludersi, quindi aspettatevi tafferugli dell’ultimo minuto per ritardare i procedimenti. Momento chiave: rilascio del testo negoziato. Nessun obiettivo climatico stipulato, ma è probabile che le nazioni riaffermino il supporto per l’obiettivo di 1,5°C. Il testo deluderà sicuramente gli attivisti del cambiamento climatico.

Summit sul clima verso il nulla
Il Wall Street Journal ci mette nella giusta prospettiva con il suo articolo The Climate Summit to Nowhere.

È incongruo al limite del bizzarro organizzare un vertice come questo mentre l’Europa sta affrontando una crisi energetica, il presidente Biden implora l’OPEC di produrre più petrolio, la Cina sta costruendo sempre piu` centrali elettriche a carbone in mezzo a una carenza di elettricità.

Non importa. Questo vertice si chiama COP26 perché ce ne sono già stati 25. Le nazioni hanno fatto promesso e fatto ben poco nelle precedenti 25. Ma piuttosto che adeguarsi a questa realtà politica, i delegati faranno promesse ancora più irrealistiche.

Gli impegni dei paesi in via di sviluppo sono ancora più fragili e dipendono dalle tangenti dei ricchi. L’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (Asean) questa settimana hanno chiesto più aiuti internazionali per finanziare la riduzione delle emissioni: un “pavimento” di 100 miliardi di dollari all’anno dovrebbe risolvere la situazione, con 367 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni destinati all’Asean. Le Filippine vogliono diminuire del 75% le emissioni di carbonio entro il 2030, ma il 72% è subordinato agli aiuti esteri, ha riferito Nikkei questa settimana.

I paesi ricchi hanno promesso per la prima volta 100 miliardi di dollari nel 2009, ma i soldi non si sono ancora visti. I contribuenti nelle economie ricche saranno ancora meno disposti a sacrificare il proprio denaro per il clima quando si rendono conto di chi non verrà alla COP26: il russo Vladimir Putin e il cinese Xi Jinping.

I leader di altri grandi produttori di CO2, come l’India, la terza al mondo, saranno a Glasgow ma potrebbero anche non esserlo. Il ministro dell’ambiente di Delhi ha suggerito questa settimana che il suo governo non aderirà alla politica delle emissioni zero. Con diverse centinaia di milioni di indiani che vivono ancora in povertà, l’India ha bisogno di più energia dai combustibili fossili, così come tutta l’Africa.

Il signor Xi ha promesso nel 2020 di ridurre le emissioni climatiche, ma solo dopo il 2030. Nel qui e ora, la Cina sta costruendo più centrali a carbone perché far crescere l’economia è una priorità molto più alta. Il budget del Cremlino fluttua sulla produzione di petrolio e gas.

Più soldi per favore
Si prega di considerare la dichiarazione congiunta dell’ASEAN sui cambiamenti climatici COP 26.

“Il Regno di Cambogia, la Repubblica di Indonesia, la Repubblica democratica popolare del Laos, la Malaysia, la Repubblica dell’Unione di Myanmar, la Repubblica delle Filippine, la Repubblica di Singapore, il Regno di Thailandia e la Repubblica socialista del Vietnam, riaffermano i nostri impegni ….”

Basandosi su….”un costo di 100 miliardi di dollari all’anno, che tiene conto delle esigenze e delle priorità dei paesi in via di sviluppo”.

Nikkei Asia riferisce che l’ASEAN esorta il mondo sviluppato a chiedere molto piu` di 100 miliardi di dollari di finanziamento.

Sinossi
La Cina continuerà a costruire centrali a carbone fino al 2030

La Cina ha come obiettivo la neutralita` nel 2060, non nel 2050

La Russia non farà nulla

L’India non accetterà gli obiettivi

I paesi in via di sviluppo chiederanno ma non riceveranno più denaro

Gretta, terrà un discorso entusiasmante sulla fine del mondo come lo conosciamo entro 15 anni.

Quanta anidride carbonica verrà rilasciata da tutti coloro che si accalcano in giro per il mondo per partecipare a questo inutile vertice?

La COP26 sarà il più grande fallimento finora.

Ma ehi, Gretta avrà la sua foto su innumerevoli giornali e riviste. Questo conta qualcosa, no?

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Le élite globali utilizzando jet privati per raggiungere la conferenza sul clima COP26 hanno emesso più CO2 di quanto centinaia di cittadini farebbero in un anno

I pezzi grossi diretti in Scozia per il vertice sul clima COP26 – dove dovrebbero discutere su come salvare il pianeta dai gas serra – genereranno un livello altissimo di emissioni, utilizzando jet privati.
Più di 400 jet privati che trasportano politici e dirigenti d’azienda alla conferenza di questa settimana emetteranno 13.000 tonnellate di anidride carbonica, superando le emissioni di 1.600 scozzesi medi per un anno intero, secondo una stima del Sunday Mail del Regno Unito.

I jet privati ​​sono mezzi di lusso, ed è difficile evitare l’ipocrisia di usarne uno mentre si afferma di combattere il cambiamento climatico”, ha detto al giornale l’attivista ambientale Matt Finch.

Dal Giappone all’India, a Israele, fino allo stesso Regno Unito, capi di stato e altri leader di tutto il mondo viaggeranno con i loro jet privati. Secondo quanto riferito, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden dovrebbe arrivare lunedì sull’Air Force One.

Quel viaggio seguirà il volo del presidente americano da Washington a Roma per il vertice del G20 di questo fine settimana, dove i leader hanno promesso un’azione per il clima “significativa ed efficace“, ma hanno offerto pochi dettagli su come eviteranno l’aumento di temperatura di oltre 1,5 gradi Celsius.

Non è chiaro se Biden schiererà di nuovo un enorme corteo di automobili, come la parata di 85 veicoli ad alto consumo di gas che ha accompagnato la sua visita in Vaticano venerdì per incontrare Papa Francesco.

I critici hanno criticato i partecipanti alla COP26 per aver professato di combattere il cambiamento climatico senza fare nulla per ridurre le loro enormi impronte di carbonio. “Ogni leader o dignitario mondiale che arriva alla COP26 con un jet privato è un eco-ipocrita”, ha detto domenica in un post su Twitter l’ex membro del Parlamento europeo Nigel Farage.

Il principe Carlo e il primo ministro britannico Boris Johnson sono stati criticati, in quanto trasportati via jet privati a Roma e in Scozia. Johnson ha attirato su di se critiche a giugno, quando si è recato in Cornovaglia con un jet privato per il vertice del G7 anziché prendere un treno da Londra.

Secondo il gruppo ONG Transport and Environment di Finch, la produzione di CO2 dei jet privati ​​è in aumento. Volare con un jet privato emette circa 40 volte più CO2 per passeggero rispetto ai viaggi aerei commerciali, secondo uno studio dell’Università di Lund.

L’inviato per il clima di Biden, John Kerry, è stato un altro eco-ipocrita per aver girato il mondo con un jet privato, avvertendo che “non possiamo permetterci ulteriori ritardi” nella risoluzione della crisi climatica. Secondo quanto riferito, il Gulfstream GIV-SP della sua famiglia ha emesso circa 116 tonnellate di CO2 negli 11 mesi precedenti l’inaugurazione di Biden a gennaio, equivalenti alle emissioni annuali di 25 autovetture.

Fonte

617f17362030272758638bb7

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Greta è d’accordo: anche lei sta dicendo solo “Blah Blah Blah” sul clima

La ragazza d’oro dei media, Greta Thunberg, ha concordato sul fatto che sta “solo dicendo bla bla bla” sui cambiamenti climatici in un’intervista alla BBC, sostenendo che “questo è il ruolo di un’attivista”.

L’adolescente autistica, il cui rifiuto altrimenti insignificante di frequentare la scuola il venerdì per protestare contro il cambiamento climatico è stata elevata alla ribalta globale dai leader mondiali che si sono presi la responsabilità di farla parlare alle Nazioni Unite e ai parlamenti nazionali quando aveva solo 15 anni, sta vivendo una rinascita nella sua visibilità pubblica in vista della conferenza sul clima COP26 delle Nazioni Unite a Glasgow, in Scozia.

“Non mi vedo come una celebrità del clima, mi vedo come un attivista per il clima, ma non lo so. Non penso che la mia vita, il mio futuro, sia così interessante “, ha detto l’ormai diciottenne svedese alla BBC in un segmento di video “Greta on Greta”; l’ultima di una lunga serie di uscite mediatiche.

“Cosa diresti ai critici che dicono che è molto più facile predicare al mondo il fatto che non si sta facendo abbastanza per il cambiamento climatico piuttosto che risolvere il problema?” La corrispondente scientifica globale della BBC Rebecca Morelle ha chiesto a Thunberg, nel raro tentativo di porre una domanda un po’ impegnativa a Greta.

“Hai accusato i politici di aver semplicemente detto ‘blah blah blah’; sembra che anche tu in una certa misura stia dicendo “blah blah blah” Ha aggiunto la Morelle.

“Sì”, ha detto la Thunberg, con una sorprendente mancanza di esitazione.

“Ma questo è il ruolo di un attivista: organizzare marce, tenere discorsi, organizzare eventi. Questo è il ruolo di un attivista. Questo è un po’ quello che facciamo. È quello che fanno gli attivisti da sempre”, ha aggiunto, leggermente stizzita.

La svedese ha effettivamente accusato i politici di “aver detto solo bla bla bla” il mese scorso al summit Youth4Climate a Milano, in Italia.

“Costruisci meglio, bla, bla, bla. Economia verde, bla bla bla. Net-zero entro il 2050, bla, bla, bla”.

“Questo è tutto ciò che sentiamo dai nostri cosiddetti leader. Parole che suonano alla grande ma finora non hanno portato all’azione. Le nostre speranze e ambizioni affogano nelle loro vuote promesse”.

Fonte

gettyimages-1344261826-e1635178630894-640x479-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Antartico: Registrato l’inverno PIU` FREDDO da quando abbiamo iniziato a raccogliere i dati sulle temperature

L’Antartide ha registrato il suo inverno più freddo da quando abbiamo raccogliere i dati nel 1957 con temperature medie di -61,1°C. Il record precedente era di -60,6°C nel 1976.

Secondo uno scioccato Washington Post:

Il freddo era eccezionale, anche per il luogo più freddo del pianeta.

La temperatura media alla stazione del Polo Sud di Amundsen-Scott tra aprile e settembre, era di -78F (-61 gradi Celsius), è stata la più fredda mai registrata dal 1957. Era di 4,5 gradi inferiore rispetto alla media negli ultimi 30 anni.

Il motivo per cui WaPo è scioccato, ovviamente, è perché secondo la narrativa allarmistica le calotte polari dovrebbero diventare più calde, non più fredde.

Questo potrebbe essere il motivo per cui gli autori del rapporto hanno cercato di mascherare la cattiva notizia iniziandola così:

Durante un’estate con un caldo record in gran parte dell’emisfero settentrionale, piena di incendi devastanti, inondazioni e uragani, l’Antartide è stata colpita da un gelo profondo. Questo è in genere il caso durante i mesi invernali del continente più meridionale, ma il 2021 è stato diverso.

In seguito l’articolo prosegue dicendo ai lettori che “Il pianeta e l’Antartide si stanno ancora riscaldando”.

Ma questa affermazione è contraddetta da almeno tre studi scientifici che suggeriscono che l’Antartico si sta raffreddando.

  1. https://www.nature.com/

2. https://www.sciencedirect.com/

3. https://www.nature.com/

Fonte

antarctica-640x480-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

“Blah, blah, blah”: Greta Thunberg critica gli slogan “vuoti” come “Build Back Better” nel discorso sul cambiamento climatico a Milano

L’attivista per la consapevolezza climatica Greta Thunberg ha criticato gli slogan “vuoti” dei leader mondiali in un discorso di martedì e ha invitato i politici a intraprendere un’azione ambientale genuina.

Durante un discorso al summit Youth4Climate a Milano, in Italia, la Thunberg ha criticato gli slogan che sono stati spesso usati dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden, dal primo ministro britannico Boris Johnson e da altri leader mondiali.

“Build Back Better, bla bla bla. Economia verde, bla bla bla. Zero netto entro il 2050, bla bla bla… climaticamente neutrale, bla bla bla”, ha dichiarato la Thunberg. “Questo è tutto ciò che sentiamo dai nostri cosiddetti leader. Parole. Parole che suonano bene, ma che finora non hanno portato a nessuna azione”.

“Le nostre speranze e ambizioni affogano nelle loro vuote promesse”, ha continuato, sostenendo che la lotta contro il cambiamento climatico è più di semplici slogan “politicamente corretti” destinati a far sentire meglio le persone mentre non vengono intraprese azioni considerevoli.

Non è la prima volta che la Thunberg critica i leader e i politici mondiali, dopo aver pronunciato un discorso infuocato al Summit delle Nazioni Unite sul clima nel 2019 in cui ha accusato i leader di preoccuparsi solo del denaro e della “crescita economica eterna”.

“Le persone stanno soffrendo. La gente sta morendo. Interi ecosistemi stanno crollando. Siamo all’inizio di un’estinzione di massa e tutto ciò di cui si può parlare sono soldi e favole di crescita economica eterna. Come osate!” ha dichiarato all’epoca, sottolineando che la scienza del cambiamento climatico è chiara da “più di 30 anni”.

La Thunberg si è anche chiesta se i leader mondiali che affermano di “capire l’urgenza” e tuttavia continuano a “non agire” potrebbero essere considerati “malvagi”.

Fonte

6153430c2030273de01c3ff1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

I manifestanti per il cambiamento climatico lasciano per le strade di Londra 120 tonnellate di spazzatura

Si elevano a professori illuminati, parlando di “salvare il pianeta”, ma non riescono nemmeno a ripulire la spazzatura che lasciano per terra.

Mentre la polizia resta a guardare consentendo ai “manifestanti” hipster di “Extinction Rebellion” di bloccare Londra, è stato rivelato che durante le proteste di due anni fa, gli estremisti ossessionati dal cambiamento climatico hanno lasciato 120 TONNELLATE di immondizia per le strade .

Il London Telegraph osserva che Nickie Aiken, deputata conservatrice per le città di Londra e Westminster, ha citato un rapporto che indicava che la pulizia è costata £ 50.000 nel 2019.

Il rapporto sottolinea:

L’ex leader del Consiglio della città di Westminster ha dichiarato: “Il disagio per le persone e le imprese locali è incommensurabile. Mi è stato detto dal consiglio che l’ultima volta che Extinction Rebellion è stata qui per due settimane, hanno ripulito 120 tonnellate di spazzatura lasciata alle spalle. Ciò ha aggiunto £ 50.000 ai loro costi. Questa è la tassa comunale della popolazione locale”.

Non hanno neanche la voglia di ripulire la propria spazzatura, ma ti diranno ripetutamente che stai uccidendo il pianeta se prendi il treno per andare al lavoro.

Inoltre, il rapporto rileva che i manifestanti affermano di prendere di mira i “ricchi” a Londra, ma ripetutamente interrompono la vita delle persone più povere.

“Westminster e la City di Londra sono considerate aree molto ricche, ma voglio ricordare alle persone che in realtà non si tratta solo di ricchezza. Ci sono grandi aree di povertà nel centro di Londra.

“I ricchi che vivono qui sono in vacanza, quindi sono quelli che vivono qui permanentemente e non possono sfuggire che stanno vivendo in una situazione di chaos.”

Aiken ha anche notato che le risorse della polizia locale sono state dirottate per affrontare i manifestanti, lasciando i quartieri locali senza la presenza della polizia.

“Le risorse della polizia impegnate a controllare questa protesta nelle prossime due settimane sono scioccanti. Allo stesso tempo, i nostri quartieri non vedono i loro agenti di polizia locale perché si trovano nel centro di Londra”.

Extinction Rebellion afferma che non c’è stato “nessun costo aggiuntivo” per i contribuenti per quanto riguarda le proteste del 2019 e che le 120 tonnellate di spazzatura cadute per strada non sono anormali perché sono state rilasciate nel corso di 2 settimane.

Come abbiamo notato al culmine delle proteste due anni fa, solo l’8% delle persone sostiene il messaggio e i metodi di protesta utilizzati da Extinction Rebellion, descritta dal professore e sociologo Frank Furedi come “un carnevale per le classi medie che amano travestirsi da attivisti».

Fonte

Greta Thunberg sostiene che l’industria della moda e’ un “enorme contributore” al cambiamento climatico… mentre posa sulla copertina di Vogue

L’attivista per il clima Greta Thunberg ha messo gli occhi sull’industria della moda come contributore al riscaldamento globale e allo sfruttamento dei lavoratori durante un’intervista con Vogue Scandinavia, posando anche sulla copertina della famosa rivista.
Per il suo primo numero in assoluto, Vogue Scandinavia presenta la Thunberg in copertina, la quale chiede grandi cambiamenti nel settore della moda.

“L’industria della moda contribuisce enormemente all’emergenza climatica ed ecologica, per non parlare del suo impatto sugli innumerevoli lavoratori e comunità che vengono sfruttati in tutto il mondo affinché alcuni possano godere della moda che molti considerano usa e getta”, ha twittato. .

Gli sforzi delle aziende di moda per promuoversi come “sostenibili”, “etiche” e “verdi”, sostiene Thunberg, “e’ stato quasi sempre puro greenwash”.

La copertina della Thunberg la mostra seduta sotto un albero, indossa un trench oversize e accarezza un cavallo.

L’industria della moda era stata precedentemente riconosciuta dalle Nazioni Unite come una delle industrie più inquinanti al mondo.

Sebbene la copertina della Thunberg è stata celebrata dalla sua consistente base di fan – vanta cinque milioni di follower su Twitter – alcuni non hanno potuto fare a meno di vedere il contrasto tra una copertina di Vogue e le critiche all’industria della moda.

Alcuni, tuttavia, hanno sostenuto che l’apparente mancanza di interesse della Thunberg per la moda ha reso il suo messaggiopiù incisivo e ha suggerito che avrebbe aiutato Vogue a trasmettere quel messaggio a un pubblico più interessato al settore.

Thunberg ha affermato nella sua intervista con Vogue che non ha comprato vestiti nuovi da anni e l’ultimo capo di abbigliamento che ha acquistato era “di seconda mano” – e questo è stato tre anni fa.

“Prendo solo in prestito cose da persone che conosco”, ha detto, aggiungendo che l’industria della moda non può produrre in serie “in modo sostenibile” oggi e ha bisogno di un “cambiamento sistematico”.

Fonte

61115ebc203027735e1c565f

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

L’ex arcivescovo di Canterbury paragona Greta Thunberg ad un profeta biblico

Paragona l’attivista per il clima al profeta Geremia

L’ex arcivescovo di Canterbury Sir Rowan Williams ha paragonato l’attivista svedese dei cambiamenti climatici Greta Thunberg ai profeti biblici.

Sì davvero.

Durante una discussione sul tema della vita profetica al festival ecumenico Korsvei a Seljord, in Norvegia, Williams ha parlato della Thunberg in termini che non sarebbero fuori luogo quando si descrive Gesù Cristo.

“Dio ha portato tra noi un profeta, Greta Thunberg in un modo che nessuno poteva prevedere. Ha detto cose che nessun altro avrebbe potuto dire. Grazie a Dio per lei!”, ha detto.

Williams ha continuato a confrontare la Thunberg con il profeta Geremia, affermando che era arrivata come una forza per parlare alle nazioni e rappresentava “un ottimo esempio di voce profetica”.

Un altro partecipante all’evento, Simon Korsmoe, ha affermato che il confronto era accurato perché “Geremia non è stato accettato perché ha parlato chiaramente dal Signore contro i poteri forti. Il potere terreno e la purezza spirituale sono spesso in conflitto”.

L’idea che Thunberg stia parlando “contro i poteri forti” è completamente ridicola, dato che la sua retorica di comando e controllo è supportata e amplificata da ogni grande governo, società, media mainstream e istituzione culturale in Occidente.

Questa non è affatto la prima volta che Thunberg è stata deificata.

Nel 2019, la Chiesa di Svezia ha suonato le campane in tutta la città di Malmö a sostegno di Greta Thunberg e del suo sciopero per il clima.

L’anno precedente, la stessa istituzione ha salutato l’attivista come “successore di Gesù”.

In realtà, Thunberg è semplicemente un portavoce vuoto per i suoi genitori attivisti.

Questo è stato sottolineato durante una conferenza stampa l’anno scorso, quando non era in grado di rispondere a una semplice domanda senza leggere un copione.

Fonte

e7tb1hkxeauiik-

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €